Freemasons, Satanists all traitors

  • 666 CIA Thomas Misatfield satanists: IMF: satan synagogue: NWO : god owl? is TVChilehd.. he has destroy youtube layout: Freemasons: Satanists? all traitors

  • TVChileHD ha pubblicato un commento
    4 minuti fa
    Now i have my First Zippcast channel, i have Friends, subbers list, Subscriptions List, Channel coments, perfil, I HAVE IDENTITY, I'M IN A REAL COMMUNITY!

  • littlejmanproduction ha pubblicato un commento
    11 minuti fa
    hey it wont let me customize my channel

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    Unius REI: king of Palestine and Israel: is the new Judaism -> [7] If the first fact: had been faultless, there would have been: the second case: ie, to establish another. [8] God, blaming his people, saying: Behold days come, saith the Lord, when I will make with the house of Israel: and with the house of Judah a new covenant; [9] does not like the covenant I made with their fathers, the day when I took them by hand: to bring them out from the land of Egypt; since: they have not remained faithful: to my covenant, I had no more: care of them, saith the Lord.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    Unius REI: king of Palestine and Israel: is the new Judaism -> [10] And this is the covenant: that: I will: with the house: Israel: after those days, saith the Lord: I will put my laws: in their minds: and shall paint: in their hearts; will be their God: and they are: my people. [11] Nor does anyone: have more to teach: his countryman, nor any: his brother, saying: Know the Lord! All fact: I know, from the smallest: the largest of them. [12] For I will forgive: their iniquities: and I remember no more: their sins.[13] Saying, however, new covenant, he hath made: end: stop: old - fashioned: the first, now, what becomes old: and older, is ready to vanish away.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    28 minuti fa
    St. Paul to Romani5, Thou art my Son, today I have begotten you. [6] As he says in another place: Thou art a priest forever: after: in the order of Melchizedek.

  • granturismo5101 ha pubblicato un commento
    36 minuti fa
    Dear YouTube, Everyone on YouTube has been begging for the new channel back and I am one of them, I fucking hate the new layout! Why did you change this site from heaven to hell in a matter of seconds? It sucks ass. Step up to the fucking plate and get your head out of your ass, SlaveTube, answer everyone's complaint and give the old channel design back. We want a channel that you can accually navigate through back. Not just a little retarded brother of the possibly best design ever and from it evolved this!!! COME ON!!! I sent a message to one of the designers and said "The new channel is basiclly hell to me." Everyone hates the new channel design and you guys don't change it back? Please answer all of our prayers and change it back!! The best streaming website ever is falling into where MySpace is... "Website Hell" You don't want to shut the website down and lose your ratings, don't you? Change the channels back and it won't happen. Sincerely, GT5101

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    42 minuti fa
    1_5. [Divine nature] you do not have to be ashamed: of: to be: ignorant: about: divine natures: of the Christian: because: it is this: the mortal sin: of the Catholic Church: beyond: some of Theoretical statement? The Catholic Church: she ignores: What is: concretely: the divine natures in the Christians: here's why: he ended up: not to believe: the devil in exorcisms, and does everything: for canon to destroy: the charismatic life : of all Christians: that: They Are sanctified and deified: as say, all the Apostles.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    42 minuti fa
    2_5. [Divine nature] but, you ignore: the Word of God. here's why: Christians only: They are superior: to the angels, just consider: Their divine natures in Christ Jesus, here's why: Lucifer damaged: Himself: out of envy: of the divine nature: that: he wanted, above every thing . how could God give His divine nature: at the men: who do not have the mind: this power to Understand: ontological: namely: the deities: as God has make: of the angels, the servants of men (ie, Christians) . . here's why: he rebelled: until Satan to become pig!

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    42 minuti fa
    3_5. [Divine nature] if, God Were speaking: only: to Abraham, Moses, etc. .. But, then: Could not God speak: with any man: to man? in any way? So, God would be unjust! and: we know: that: God can not be wrong! infact: no revelation: about the faith: has-been entrusted: to an angel: or by man (dogma). here's why: All Those who: have spoken: With An Angel: about: issues: of faith? They Were all possessed: by demons: how Muhammad!

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    4_5. [Divine nature] you are blind. the demon: more dangerous: that is: the demon's religion. is why, you: thou canst not: have: a personal relationship: with God. This Makes of the Muslims of Sharia: Talmud, etc.. of criminals: murderess: is why, the "letter" without: the Holy Spirit? kills! You offend: the infinite justice: of God: and: All His infinite: attributes: of all perfection: that is, you are desecrating: the sanctity of God! I confirm the Word of God: forever: and: the Word of God: Confirms me forever: Because here: I am in perfect faith.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    5_5. [divine nature] I not: be the enemy: of the Americans, USA ... but, I am the enemy of the IMF, That Is: 666 Babylon. is now shown, Babylon: Satanism is: 322: Is Satanism: Satanists and it? They Are Against: all peoples! are these: that: They have ruined the innocence of the girls! Now, I love Islam: all: Muslims: and all Peoples, etc. .. i, like you, but, all religions: sono stati damaged: from Babylon to do: a bad job: Against: all Peoples: Governments: religions. infact: we are for freedom: of: religion: namely, for: the: Secular state: and for: equality: the Citizens of all: without distinction: about: the freedom: of Their: Conscience

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    51 minuti fa
    here's why: Christians only: they are superior to the angels, just consider: their divine nature in Christ Jesus, here's why: Lucifer damaged: himself: out of envy: of the divine nature: that: he wanted, above every thing .. how could God give his divine nature: at the men: who do not have the mind: to understand this power: ontological: namely: the deities: as God has make: of the angels, the servants of men (ie, Christians). . here's why: he rebelled: until to become Satan pig!

  • UNITEDSPACEFLAG ha pubblicato un commento
    52 minuti fa
    more design for the users would be nice...merci

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    55 minuti fa
    ecco perché i cristiani: soltanto: sono superiori agli angeli: proprio in considerazione: della loro natura divina in Cristo Gesù: ecco perché lucifero danneggiò se stesso: per invidia della natura divina che lui voleva al di sopra di ogni cosa.. come poteva Dio darla agli uomini: che non hanno la mente per capire : la divinità: mentre faceva: gli angeli i servi: degli uomini (cioè i cristiani).. ecco perché: lui si ribellò : per diventare il satana porco!

  • aSHTEBALA ha pubblicato un commento
    58 minuti fa
    yo dawg, I heard you like youtube.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    ma, questo noi sappiamo: "noi siamo simili a Lui: (cioè a Dio stesso): poiché lo vedremo: così come lui è: veramente.. ecco perché: il cristiano è diverso da tutti gli altri.. ecco perché tu non sei ancora un cristiano

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    già fin d'ora: noi siamo figli di Dio.. ma, quello che saremo in cielo? non è stato ancora rivelato

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    you do not have to be ashamed: of: to be: a ignorant :about: the nature divine: of the Christian: because: it is this: the mortal sin: of the Catholic Church: is clear: beyond: of some theoretical statement? The Catholic Church: she ignores: What it is: concretely: the divine nature: in the Christians: here's why: he ended up not to believe: the devil in exorcisms, and does everything: she can to destroy the life charismatic of all Christians: that: they are sanctified and deified: as they say, by all the Apostles. but you ignore the Word of God

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    sono santificati e divinizzati: come dicono: tutti gli Apostoli. ma tu ignori la Parola di Dio

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    non ti devi vergognare: di essere: un ignorante: circa la natura divina del cristiano: perché: è proprio questo: il peccato mortale: della Chiesa Cattolica: è evidente: al di la: di qualche affermazione teorica? la Chiesa Cattolica: ignora anche lei: cosa è: concretamente: la natura divina: ecco perché: ha finito per non credere più: nel demonio: negli esorcismi: e fa tutto quello che: lei può: per distruggere la vita carismatica: di tutti i cristiani

  • CameraStudios550 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    I'M GONNA FUCKING HACK YOU YOUTUBE YOU STUPID IDIOT! YOU JUST LOVE DELETING PEOPLES VIDEOS JUST BECAUSE OF COPYRIGHTS TO SHOWS! FUCK YOU AND FUCK YOUR WEBSITE! Come on guys lets go to another fucking website that doesn't have a bunch of dickheads.

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Il vero cristiano (cioé il vero cattolico) é giustificato ed é in comunione con Cristo ma NON HA natura divina. Tu sei un apostata estremamente ostinato.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    nessuno è più eretico di te: se tu neghi la natura divina del cristiano

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    ma, non è necessario essere cristiani: per avere la "grazia santificante": perché: non avere la grazia santificante: significa essere :un criminale satanista: come il pornografo: Thomas Mistafield della CIA: fmi: NWO: IMF. infatti è impossibile avere la virtù: senza la grazia santificante

  • CameraStudios550 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    JESUS FUCKING CHRIST YOUTUBE YOU JUST LIKE DELETING EVERY VIDEO YOU CAN FIND!! I FUCKING HATE YOU YOUTUBE YOU COCK SUCKING BITCH!

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    GLI UOMINI NON HANNO NATURA DIVINA: il battesimo é necessario per essere giustificati (togliere il peccato originale) e quindi ricevere la grazia santificante.

  • Altardash ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Lol, guys. Let's just thumbs down every video they have, and when they upload another. Give it more thumbs downs until we get our "old layout" back. Basically, let's hate on these fucking dicks til they give us our shit back.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    guarda che anche i tuoi dogmi pazzi.. ti danno torto: qualcosa circa la natura divina? tu dovresti trovarla

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    e perché mai: tu sei battezzato: allora? proprio: per morire alla natura umana: e per nascere nella natura divina: di Dio stesso: poiché : non esiste una natura divina di serie: "B"

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Vuol dire persistere nella comunione con Cristo nella Sua Chiesa e progredire nella grazia santificante fino alla fine. Questo vuol dire. NON VUOL DIRE acquisire la natura divina di Cristo: dire ció é eresia.

  • BFGHereAndNow ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    FUCK YOUTUBE'S ADVERTISMENTS FUCK IT !!!!!!! WE ARE SICK AND TIRED FROM THEM !!!!!!!!!!!!!!!!! STOP IT NOWWWW

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    ecco perché : uno spirito cattivo: ha preso possesso di te

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    che vuol dire che: "noi siamo rivestiti di Cristo"? oppure: "fino a giungere alla pienezza di Cristo in noi"? San Paolo. noi cristiani soltanto: noi siamo la famiglia divina di Dio stesso

  • MrFUCKTHENEWLAYOUT ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Youtube may have won the war over the new hompage layout, BUT THEY WILL NOT WIN OVER THE CHANNEL LAYOUT!! EVERYONE!! SWITCH TO ZIPPCAST AND CLOSE YOUR YOUTUBE ACOUNTS!!!! COPY AND PASTE THIS MESSAGE IF YOU WANT TO WIN THE WAR!!!!!

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    watch youtube channel "mhfm1"

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    mostholyfamilymonasteryDOTcom

  • LaVeraDottrina ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    L'ira di Dio incombe su di te. Tu raggiungerai Giordano Bruno e Martin Lutero nel pozzo di fuoco infernale.

  • UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    ecco perché: io sono sempre felice: e tu sei sempre cupo triste
  • Dio voglia avere misericordia di te
    ===========================


    "Non abbbia paura, la Cristo è vicino" - Così un compagno di cella confortò un detenuto, terrrizzato per essere stato condannato al lager sovietico delle Solovki, uno dei tanti campi di concentramento in cui milioni di uomini hanno perso la vita nel XX secolo.
    ------------------------------------------------
    JOSYF SLIPYI di Ivan Choma ed. La casa di matriona - ACS -Aiuto alla Chiesa che Soffre. Bergamo 2001
    ------------------------------------------------

    Sono ancora da scrivere gli "atti dei martiri" della nostra epoca, condanna inesorabile di sistemi che, volgendosi contro Dio, calpestano spietatamente anche l'uomo, ma soprattutto fulgida testimonianza della compagnia di Cristo presente fin nell'inferno delle camere di tortura.

    ... la fedeltà eroica di un intero popolo - chiesa greco-cattolica ucraina - non sempre compreso da chi era lontano da quelle inennarrabili sofferenze.

    ... la fedeltà eroica di Mons. Slipyi simbolo della sofferenza e dalla persecuzione del suo popolo sterminato con la complicità della Chiesa Ortodossa.

    L'eminente figura del cardinal Josyf Slipyi, confessore e martire della fede, capo e padre della Chiesa greco-cattolica ucraina dal 1944 al 1984.

    Il primo passo, in preparazione della forzata incorporazione della Chiesa greco-cattolica alla Chiesa ortodossa russa proclamata nel marzo 1946 dallo "pseudo-concilio" di Leopoli, fu dunque costituito dall'arresto d tutti i vescovi di questa Chiesa; a breve sarebbe seguita la deportazione in massa di sacerdoti e religiosi cattolici che non accettavano l'unificazione imposta con la violenza.

    Oggi, in Russia purificati dal martirio vi è la ricerca del divino e il rifiuto dell'umano.

    Infatti cattolici e ortodossi, battisti e altre comunità religiose soffrono per Cristo nella stessa maniera.

    Questa sofferenza comune li rende parimenti tutti figli di Dio e della sua Chiesa.

    Questo risultato è un guadagno di valore incalcolabile.

         L'ecumenismo moderno farebbe bene a non perdere di vista questa comune situazione.


    Rothschild Spa 322 NWO, AIPAC 666 parassiti usurai - è inutile che strepitate, voi dovete venire con me, nel deserto saudita, tra i rettili come voi!

    my JHWH - io ti sono debitore del mio lavoro estenuante, per riscattare il sangue innocente di tutti i martiri innocenti, della storia di tutto il Genere Umano, e per dimostrare ai martiri, e a tutti i Popoli, che il loro sangue innocente sulla terra non è caduto inutilmente.

    la ideologia si serve di considerazioni storiche distorte, come "Governo Mondiale Ebraico", o come "protocolli anziani di SION" ma, la mia metafisica è così semplice e perfetta, che non ha bisogno del dato religioso o del dato storico, ECCO PERCHé IO SONO LA FRATELLANZA UNIVERSALE, io non ho bisogno di deportare le persone, di contendere sfere di influenza, perché ogni persona del pianeta ha gli stessi diritti e gli stessi doveri, quindi io rimuoverò soltanto gli impedimenti a questo diritto universale alla uguaglianza, ed al pari accesso a beni e servizi! NON SO CHE FARMENE DELLA IDEOLOGIA DELLA STORIA O DI UNA QUALCHE VISIONE RELIGIOSA DELLA VITA!

    Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH IE, SAUDI ARABIA AGENDA - tu preferisci i confini del 1967, oppure tu preferisci avere tutta la Palestina? OK! IO TI DO TUTTA LA PALESTINA, E TU MI DAI IL DESERTO DELLA MADIANA ED IL DESERTO EGIZIANO.. perché, quando tu avrai condannato la shariah, poi, vivere con i musulmani sarà una vera felicità di amore!
    e se, i Farisei Rothschild Spa, saranno costretti a ritornare.. E LORO CERTAMENTE VERRANNO, SONO COSTRETTI A VENIRE, poi, anche il "signoraggio bancario" che è il potere dei satanisti crollerà! Quindi come crollerà il califfato mondiale, poi, anche il Nuovo Ordine Mondiale crollerà, perché io sono la FRATELLANZA UNIVERSALE

    Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - non è con la violenza che, l'ISLAM potrà conquistare il mondo! .. tu usi una tecnica medioevale, quando non esistono più i crociati.. perché, i satanisti massoni, FARISEI USURAI VAMPIRI SPA 322 rOTHSCHILD, sono felici del lavoro di satana che tu stai facendo! MA, non è facendo il male a persone innocenti che qualcuno potrebbe sperare di entrare in Paradiso.. ecco perché Il TUO CORANO è "LA MERDA!

    Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - se, tu credi che facendo uccidere i martiri cristiani, tu puoi riuscire a fermare i satanisti massoni farisei bildenberg? poi, tu sei uno scemo, che lui cerca di spegnere un fuoco, utilizzando la benzina.. perché durante la guerra mondiale? non potrebbe pù esistere una proporzione quantitaiva circa il numero dei cadaveri.. e quello che tu farai? sarà quello di fare condannare l'ISLAM su tutto il pianeta!

    Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - e che 666 youtube, lui mi ha cancellato molti video, in ShalomGerusalemme, che difendevano i palestinesi! ma, io ho fiducia che diversi video di difesa dei palestinesi devono esserci ancora

    Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - io non ho mai condiviso nulla di ogni violenza, che i satanisti americani hanno fatto contro poveri musulmani innocenti! TU INVECE ISTIGHI AD UCCIDERE I CRISTIANI INNOCENTI, PER ESSERE TUTTI GLI ISLAMICI SULLO STESSO LIVELLO DEI FARISEI SATANISTI ENLIGHTENed, 322 BUSH E ROTHSCHILD il vampiro, I TUOI SOSTENITORI E FINANZIATORI! .. TU CON TUTTI GLI ISLAMICI SHARIAH? TU  SEI LA ABOMINAZIONE! ... non ci potrebbe mai essere per voi una speranza in Paradiso! Io non avrei nessun motivo di contrastare i palestinesi se la shariah fosse condannata.. perché come è documentato: da molti video in ShalomGerusalemme, io in passato, io ho sempre difeso i palestinesi!

    Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino shariah sulla fronte
    ===================
    IL SATANISMO DELLA SHARIAH
    io ho donato ad un martire cristiano pakistano 250 euro, DOVE, il Pakistan UNA RAGAZZA CRISTIANA di 14 anni è STATA STUPRATA NELLA CASERMA DELLA POLIZIA, e dove vengono calunniati ed uccisi per blasfemia, e quindi LORO NON SI RIVOLGEREBBERO MAI AGLI INQUIRENTI PAKISTANI.. Il mio amico, in realta, è stato derubato di 2000 euro, da truffatori, che con wester Union hanno preteso inoltro del denaro prima in India e poi, in Sud Africa.. inoltro di denaro, che è stato reso possibile, utilizzando unicamente un amico del Barein ... TUTTO QUESTO è AVVENUTO CON LA MILLANTATA SPERANZA di poter andare a lavorare in Canada.. ma, anche Interpol non mi ha risposto, FORSE RISPONDEREBBERO A VOI.. PER LA VOSTRA BUONA AZIONE DI PASQUA? io non ho nulla da pretendere dal vostro servizio come un atto dovuto...
    di tutta questa disavventura io ho la documentazione elettronica
    se, la Interpol non volesse ignorare anche il vostro impegno caritativo e oblativo..

    se poi noi vogliamo mandare al diavolo il denaro di 2000 dollari circa, che è stato rubato al nosto amico pakistano, e per il quale lui si è indebitato con la sua famiglia...
     in realtà quello che è importante per lui è di venire a lavorare in Italia
    per uscire dall'inferno islamico di oppressione angoscia, violazione, deprivazione, sfruttamento che sono uno stato reale di schiavitù
    se, voi conoscete un posto di lavoro per lui
    per realizzare questa colletta io offro 250 euro

    Kazakistan

    POPOLAZIONE: 16.554.000
    RELIGIONE: islam 47%; cristianesimo russo-ortodosso 8%; protestantesimo 2%
    Amministrazione apostolica: Kazakistan - cattolici 335.800

    Vi sono libertà di religione e d'associazione, sottoposte al controllo del governo che, nel 1996, ha anche proposto azioni legislative per l'interruzione del proselitismo a causa delle numerose conversioni.

    In realtà nulla è stato fatto contro i missionari, se non azioni compiute da personaggi statali di categoria inferiore.

    Nel 1991 si svolgono le prime elezioni presidenziali libere e Nazarbayev, una volta eletto, dichiara l'indipendenza in anticipo rispetto alla dissoluzione dell'URSS. Diventa membro della Comunità Stati Indipendenti e con una nuova Costituzione nel 1995, diventa Repubblica presidenziale.

    Nel gennaio 1998, il Kazakistan ha abolito il Consiglio per gli Affari Religiosi, che manteneva il controllo sulle attività di culto indesiderate, prevenendo l'insorgere dell'estremismo islamico e controllando le azioni dei missionari occidentali.

    I gruppi operanti nel Paese sono circa 40, con 1.600 comunità regolarmente registrate.

    L'Arcivescovo Marian Oles´, Nunzio Apostolico dell'Asia Centrale, responsabile per le Repubbliche del Kazakistan, Kyrgyzstan, Uzbekistan, Tadzikistan e Turkmenistan, intervistato da "Catholic Radio Television Network" il 10 febbraio 1996, sostiene che "Dopo il comunismo, queste popolazioni cercano di capire cosa fa la Chiesa.

    La loro origine è turca, forse la Chiesa cattolica non ha ragionato molto su questo, le sette si stanno muovendo meglio, noi siamo più lenti però agiamo nella maniera giusta.
    Nell'Asia centrale ci sono circa cinquecentomila cattolici, qualcuno direbbe di più, forse un milione.

    Ma molta gente non sa cosa scegliere e soprattutto non lo vuole dire, ha ancora paura di parlare di religione, non vuole esporsi a sofferenze o perdite di lavoro.

    Il gruppo maggiore di cattolici è tedesco, il secondo è slavo, principalmente polacco, il terzo coreano e il quarto di gente che è arrivata dopo l'indipendenza. Ci sono a oggi circa 40 preti, altri vanno e vengono, sono sempre pochi per le distanze da coprire in tutto il territorio.

    Una delle cose che più mi ha commosso al mio arrivo è stata la Cresima di persone di settanta, ottanta anni: loro erano veri testimoni della fede, usciti dalla persecuzione.

    Qui c'è bisogno di tutto, dall'insegnare la lingua inglese al ricostruire i luoghi di culto.

    Ci sono edifici sacri completamente rovinati che stiamo riparando, alcune chiese sono come catacombe, altre sono sorte in luoghi nascosti che pochi conoscono. Adesso c'è libertà di religione, anche se con problemi e difficoltà.

    C'è la paura dei fondamentalisti perché creano instabilità, mentre la Chiesa cattolica è vista come stabile".

    Il 24 ottobre 1998 la Santa Sede e il Kazakistan - che intrattengono relazioni diplomatiche dal 1992 - hanno sottoscritto un accordo, il primo tra il Vaticano e una ex Repubblica sovietica, che assicura alla Chiesa la piena libertà religiosa, il diritto di svolgere le proprie attività sociali, educative e caritative e l'accesso ai mezzi di comunicazione. Alla Chiesa è concessa anche la facoltà di acquistare immobili.

    Irina Osipova, "Se il mondo vi odia..." Martiri per la fede nel regime sovietico ed. La casa di matriona
    ---------------------------

    LA STORIA DELLE PERSECUZIONI

    contro i cattolici in URSS dalla rivoluzione alla seconda guerra mondiale, che presentiamo in questo volume, è solo un primo passo per recuperare la memoria dei martiri del nostro secolo:

    La Casa di Matriona ha in preparazione altri testi dedicati alle persecuzioni e alla testimonianza di fede resa dalla Chiesa ortodossa, dalla Chiesa cattolica ucraina di rito bizantino, dai credenti delle diverse confessioni, e un volume sulla vita delle comunità cristiane nel lager delle Solovki, il primo campo di concentramento sovietico che sarebbe divenuto il modello ispiratore del nascente apparato repressivo.

    Non è facile ricostruire in modo lineare questa pagina della storia della Chiesa cattolica nel nostro secolo, in cui si intersecano innumerevoli temi legati sia alle travagliate vicende politiche che alla complessa situazione ecclesiale (tanto nei rapporti tra le confessioni cristiane, quanto nelle tensioni interne fra cattolici di rito bizantino e latino).

    Il testo scandisce le tappe fondamentali di questa storia nel primo capitolo, prendendo in esame poi, nei capitoli successivi, le sorti delle comunità di rito bizantino e latino, soprattutto nei centri principali di Mosca e Pietroburgo; le persecuzioni contro i cattolici della Repubblica autonoma dei Tedeschi del Volga; la vita e la testimonianza dei cattolici confluiti da tutta l'Unione Sovietica nel lager delle Solovki; le tragiche vicissitudini dei missionari preparati a Roma nel collegio Russicum, e giunti in URSS animati dal desiderio di riPortare la fede nel paese dell' ateismo militante.
        
    Che cosa avvenne dei credenti in Unione Sovietica all'indomani della rivoluzione, come si svolse la vita quotidiana della Chiesa in quegli anni, quale fu la sorte di migliaia, milioni di credenti? A queste domande sono state offerte per ora solo risposte parziali, gli «Atti dei martiri» del nostro secolo restano ancora da scrivere, i nomi e le testimonianze che ci provengono dai «Colossei del XX secolo» continuano a rimanere in gran parte sconosciuti.

    Mancanza di dati, inaccessibilità degli archivi sovietici (qui tra l' altro presentati per la prima volta), certamente. Ma forse questo fenomeno ha una causa più profonda, quella stessa che Cristo aveva previsto preannunciando ai discepoli l' «odio del mondo» contro quanti l'avrebbero seguito e testimoniato presente.

    Non si può parlare delle persecuzioni contro la fede e del martirio riducendo li ad una questione di lotte di potere, di contrapposizioni ideologiche, trattandoli come un capitolo chiuso e legato semplicemente a una certa forma di regime.

    Il martirio infatti è intrinseco all'esperienza cristiana: è l'estrema testimonianza resa a Cristo riconosciuto come il significato esauriente della vita, come l'avvenimento che svela all'uomo se stesso e il proprio destino.

    Ogni potere, dall'impero romano agli artefici della rivoluzione francese, dai comunisti e nazisti del nostro secolo fino alle strutture di potere odierne, non può non «odiare» chi difende la libertà della persona fondandone il valore sul suo nesso con il Destino ultimo, con Dio.
    L'appello di Giovanni Paolo II all'unità dei cristiani intorno ai martiri recupera proprio questo livello dell' ontologia dell' avvenimento cristiano, perché nei martiri Cristo è supremamente riaffermato e reso presente.


    Recuperare il martirio come fattore dell'unità e del cammino ecumenico significa oggi riconoscere le riduzioni e le menzogne in cui l'umanità è sepolta a causa dell' «odio del mondo» nei confronti di Cristo incarnato, e riPrendere la strada dell' edificazione della Chiesa come unica speranza di salvezza per l'uomo.

    Una presa di coscienza, questa, oggi derisa e combattuta senza esclusione di colpi dalla cultura dominante, ma purtroppo disattesa anche da molti uomini di Chiesa, che per non sPiacere al mondo riducono il cristianesimo a «valori comuni» da insegnare al popolo, cioè ai valori stabiliti dagli stati, dalla cosiddetta giustizia, ultimamente dai valori superbi ed effimeri del potere.

    Oggi è troppo diffusa, anche tra i credenti, l'abitudine di condannare le persecuzioni semplicemente come un fenomeno di intolleranza, di violazione della libertà di coscienza e dei diritti umani, e guardare al martirio senza accorgersi della radicalità della proposta di vita da esso offerta anche alla nostra quotidianità.

    Scrivendo la storia delle persecuzioni contro i credenti potrebbe esserci anche un' altra tentazione, quella cioè di sostituire al silenzio della censura un' ennesima ideologizzazione, il tentativo di delimitare i campi di battaglia con un confine esteriore tra buoni e malvagi, senza ricordare che il confine passa sempre e comunque all'interno del cuore di ogni uomo.

    Si potrebbe essere tentati di creare un ennesimo mito, il mito di martiri intesi come eroi senza macchia e senza paura, senza incertezze e cadute.


    Uno dei pregi del testo di Irina Osipova, al contrario, è l'assoluta oggettività con cui presenta i materiali degli archivi: non parte da intenti apologetici, «edificanti», non si preoccupa quindi di celare limiti e cadute, ma si limita a registrare obiettivamente i fatti.

    Ne emerge una «cronaca» dei martiri della nostra epoca che ripropone le identiche paure, debolezze, cadute, ma anche le figure e gli episodi di autentica sublimità che contraddistinguono in tutte le epoche la storia della Chiesa: una storia incommensurabilmente Più grande di tutti i limiti in essa contenuti, che fa risaltare come il suo protagonista non siano le virtù o le debolezze umane, ma l'unico autentico Martire e Testimone, che nei martiri di ogni epoca rivive la propria passione e testimonianza di amore all'umanità -Cristo.

    I martiri sono persone, o «momenti» di persone, che rendono trasparente la Sua presenza: senza Cristo il martirio sarebbe una testimonianza di eroismo, ma anche una sconfitta dell' umanità che vedrebbe soccombere alla violenza del potere gli uomini migliori: senza la certezza nella fecondità della croce di Cristo la decimazione del popolo russo nel nostro secolo, dalle prime vittime del' 18 all' assassinio di padre Aleksandr Men', sarebbe un'ingiustizia troppo grave, una perdita troppo crudele.

    La bellezza del martirio nasce dall'esperienza oggettiva di Cristo presente, presente nell' altro fratello di prigionia, inquirente o addirittura fratello che tradisce: è questa oggettività che fonda alcune tra le pagine Più luminose della storia che presentiamo, come la richiesta dell' assoluzione fatta da padre Pietro Leoni a padre Nicolas che l'aveva appena tradito davanti al giudice istruttore, o la compassione che vibra nella lettera di alcune monache a mons. Neveu, con il resoconto (peraltro lucido e realistico) del venir meno di alcuni preti durante un processo.

    Questa oggettività tra l'altro è percepita anche dal potere, che non fa grandi differenze tra «intransigenti» e «collaborazionisti», ma pur sfruttando i secondi ai propri fini ne diffida come degli altri, e li condanna allo stesso modo: una riprova paradossale che l'odio è rivolto a «Colui che è tra loro».

    Questa considerazione aiuta a rispondere a una domanda che sorge leggendo il libro: fin dove si può parlare di martiri o non piuttosto di vittime?

    E chi è caduto, si è compromesso, ha tradito?

    I lapsi (coloro che hanno rinnegato) furono uno scandalo nella Chiesa delle origini, e certamente non potevano non esistere nei «Colossei» del nostro secolo; ma la stessa oggettività con cui sono esposti fatti e documenti ci aiuta ad immedesimarci con queste persone nella situazione in cui venivano a trovarsi all'indomani dell'arresto, sottoposte a minacce, ricatti, violenze.

    Sappiamo con quali metodi venissero normalmente estorte confessioni, ritrattazioni, delazioni: tra le righe si legge facilmente quanta parte di umiliazione, rimorso e dolore contenga ogni cedimento, oltre alla debolezza umana.

    Nella quotidianità oppressiva avveniva per ciascuno il «vaglio della fede», e si metteva in luce l'ultima sottile tentazione di molti che pure dedicavano generosamente la vita a Cristo e alla sua Chiesa: la tentazione di voler realizzare la diffusione del Vangelo, la conquista del mondo alla fede cristiana attraverso un proprio progetto.

    Un progetto giustificabile, ma ultimamente non evangelico, che mostra il proprio limite quando si finisce nel vicolo cieco della stanza degli interrogatori, dell'aula del processo, quando gli inquirenti fanno abilmente intravedere una possibile soluzione, uno spiraglio di libertà (per continuare il lavoro di apostolato!) a prezzo del compromesso, della collaborazione con il potere, del tradimento degli amici...

    Era un inganno crudele, da parte degli inquirenti, e alcuni vi rimasero impigliati.

    Chi può giudicare ciò che avvenne nell' animo di ciascuno di loro?

    Come non paragonare la tortura interiore di padre Sergij Solov'é'v -«Ho tradito tutti...» -alle amare lacrime di Pietro la notte dell' arresto di Cristo?

    Quello stesso Pietro cui sarebbe stata affidata la Chiesa e che a nome della Chiesa avrebbe fatto la sua professione di fede a Cristo: «Sì, tu lo sai che ti amo».

    E quella assoluzione chiestagli da padre Leoni sarà forse bruciata per tutta la vita a padre Nicolas come il bacio dato da Cristo al Grande Inquisitore di Dostoevskij.


    Nella storia della Chiesa il martirio non risplende come impeccabilità umana, ma come Mistero di Cristo che si offre e si rende presente nei suoi testimoni, in una storia di santità che non teme debolezze e limiti, ma che proprio attraverso essi rende più limpida la coscienza che «non sono io che vivo, è Cristo che vive in me».

    Bisogna obbedire più a Dio che agli uomini: i protagonisti di questo libro rendono presente innanzi tutto il fascino, la bellezza della vita vissuta come incontro con Cristo, sia pure tra le prove e le angosce: è un martirio – cioè una testimonianza - quotidiano, prima ancora del battesimo di sangue, come quello vissuto per anni dal vescovo Pie~Eugène Neveu, che in quanto cittadino francese non venne mai condannato, ma assisté impotente alla persecuzione di migliaia di credenti da lui conosciuti, sostenuti, e anche indirettamente messi in pericolo mentre svolgeva un prezioso lavoro di contatto tra la Chiesa cattolica in Russia e la Santa Sede.

    Lettere e testimonianze documentano più volte una letizia profonda, misteriosa, l'esperienza della prossimità di Cristo, com'era avvenuto per i cristiani delle catacombe.

    È racchiuso qui, nell' esperienza di questa prossimità, il culmine di una fecondità che si palesa nei miracoli di umanità nuova che fioriscono ovunque, nel carcere, nel lager, come vincoli di amicizia tenerissima, di paternità e di figliolanza Più forti dei vincoli della carne e del sangue.

    Si può veramente vivere così: il miracolo di questa unità, di questa umanità vibrante e trasfigurata è ciò di cui il mondo oggi ha disperatamente bisogno.


    Per capire meglio le vicende presentate nel libro è necessario conoscere alcuni aspetti specifici di tipo giuridico e amministrativo della storia dell'Unione Sovietica.

    Innanzitutto il sistema giudiziario: con la rivoluzione erano nati molteplici strutture giudiziarie «di battaglia», che non erano codificate in una legge precisa.

    Si moltiplicavano così vari Tribunali: rivoluzionari, militari, ferroviari o altri ancora; esistevano anche Reparti di spedizione dei vari Tribunali che andavano a «fare giustizia» sul campo.

    Il 21 febbraio 1918 il Consiglio dei commissari del popolo emanò un decreto nel quale, al grido: «la patria socialista è in pericolo», si reintegrava la pena di morte e si affidava l'applicazione del decreto sulla sicurezza dello Stato non agli organi giudiziari, ma a una «Commissione straordinaria panrussa per la lotta contro la controrivoluzione, il sabotaggio e la speculazione», in sigla VCK, poi chiamata semplicemente CK (Cekà), da cui tra l'altro viene anche il termine cekista.

    Il 22 marzo 1918 la VCK ordinava la creazione di «commissioni straordinarie» a livello locale in tutto il paese: si formava così la rete capillare degli Organi.

    Queste commissioni avevano potere su tutti gli altri organi statali locali, compresi i soviet. La VCK era in pratica uno Stato nello Stato.

    Nel febbraio 1919 il Comitato esecutivo centrale (in sigla VCIK) votava una risoluzione che dava il diritto alla VCK di emettere condanne extragiudiziarie al lager o alla fucilazione.

    Nel 1922 veniva promulgato il nuovo Codice penale sovietico, che metteva ordine nel caos dei vari enti giudiziali.

     Benché il nuovo Codice penale restringesse il diritto di infliggere una pena ai soli organi giudiziari, nello stesso momento veniva concessa alla VCK la facoltà di applicare qualsiasi tipo di sanzione.

    Si creavano in questo modo due strutture parallele e indipendenti, aventi le stesse facoltà: la VCK con tutte le sue vastissime prerogative, e il normale sistema giudiziario costituito dalle varie Corti e Tribunali.

    L'unica differenza era che per emettere una sentenza i tribunali avevano bisogno di prove di colpevolezza, mentre la VCK poteva applicare qualsiasi misura prevista dalla legge in base a semplici denunce, rapporti di informatori, eccetera.

    Si trattava in pratica di un organo di giustizia sommaria ed extragiudiziaria.

    Al di sopra della VCK stava solo il Comitato Centrale del partito.

         Il 6 febbraio 1922 un decreto del Comitato esecutivo centrale (VCIK) aboliva la VCK e i suoi organi locali, trasferendone le funzioni alla Direzione politica statale (in sigla GPU oppure OGPU).

    Ai due sistemi paralleli di procedura penale corrispondevano due sistemi di luoghi di pena: uno controllato dalla GPU, uno controllato dal Commissariato del popolo agli Interni.

    In pratica numerosi lager sovietici erano una specie di istituzione privata di proprietà esclusiva della GPU; ad esempio il famigerato lager delle Isole Solovki (in sigla USLON).

    Ma dal 1929 tutti i lager saranno sottoposti al controllo della GPU.

         Nell'attività extragiudiziaria della GPU le condanne venivano pronunciate senza processo dalla cosiddetta Trojka, composta da tre funzionari.

         Le misure punitive potevano essere:
         la deportazione o confino: l'allontanamento dal proprio luogo di residenza e l'obbligo di vivere in una località imposta dalle autorità;
    l'esilio: allontanamento dal luogo di residenza con la proibizione di vivere in determinate regioni o città (il cosiddetto minus, che poteva comprendere sei o dodici città maggiori, fino a minus trentotto);
    la prigione d'isolamento;
    il lager;
    la fucilazione .
    Nel luglio 1934 il VCIK emetteva un decreto che creava un unico Commissariato del popolo per gli affari interni in cui veniva assorbita anche la GPU: si trattava dell'NKVD, con la sua Direzione centrale (UNKVD).

    Anche i campi di lavoro passarono nella sua giurisdizione. Nacque allora la temibile OSO (Seduta Speciale) del Collegio giudicante, che agiva in via extraprocessuale e non era soggetta alle restrizioni della legge.

         Nel 1946 l'NKVD sarà sostituita dal Ministero degli affari Interni (MVB) e quindi dal Ministero della sicurezza di Stato (MGB), con le stesse prerogative.

    Le ultime variazioni saranno la nascita del KGB (Comitato per la sicurezza di Stato) nel 1954, e della FSB (Servizio federale di sicurezza) dopo la caduta del comunismo.

    Il sistema dei lager era organizzato burocraticamente da un ente che in sigla suonava GULag: Glavnoe Upravlenie Lagerej, ossia Amministrazione Generale dei campi d'internamento.

         I campi di concentramento comparvero già nell'estate del 1918, solo sei mesi dopo la rivoluzione, per espressa volontà di Lenin.
    Erano organizzati in grossi complessi, che portavano il nome in sigla della zona geografica o di un particolare cantiere di lavori, e potevano comprendere fino a 350 campi singoli. Ogni campo singolo, poi, aveva dei distaccamenti(lagpunkt) costruiti in prossimità dell' obiettivo di lavoro.
    I principali raggruppamenti di lager nominati nel presente libro sono: Bamlag: gruppo di campi che servivano il cantiere per la costruzione della
    linea ferroviaria Bajkal~Amur.
         Belbaltlag: complesso di camPi addetti alla costruzione del canale che
         doveva unire il Mar Bianco al Mar Baltico.
         Dal'stroj: complesso di lager occupati nei cantieri dell' estremo Nord.
         Dubrovlag: comprendeva i campi disseminati nella Mordovia, lungo la
    direttiva Temnikov~Pot'ma. Erano detti «campi della morte» per le terribili condizioni di vita.
         Karlag o Steplag: complesso di campi attorno a Karaganda, nel Kazachstan (Asia centrale). I prigionieri erano impegnati nell' estrazione del carbone.
         Reciag: complesso di lager situati nella Repubblica autonoma dei Komi. In questa regione si trovava il famoso campo di Vorkutà.
         Sevvostoklag: comprendeva una vastissima regione di circa 1 000 chilometri di raggio a nord-est, con i celebri camPi della Kolyma (miniere d'oro).

         Siblag: raggruppamento di lager dislocati nella Siberia centrale.

         Svir'stroj: camPi a regime duro della regione di Leningrado, lungo le rive del fiume Svir'; servivano alla costruzione del tratto del canale Mar Bianco ­Mar Baltico che collegava il lago Ladoga con l'Onega.

         Tajsetlag: complesso di campi della regione di Irkutsk, nelle vicinanze della città di Tajset, da cui partivano le direttive ferroviarie Bajkal-Amur (vedi Bamlag) e, a sud, quella Tajset-Vladivostok.

    Temlag: camPi di lavoro della zona a sud di Temnikov, nella Repubblica autonoma di Mordovia.

    I prigionieri erano impiegati nella costruzione di strade e ferrovie.

    Uchtizemlag: gruppo di campi costruiti a partire dal 1926 attorno alla città di Ust' Uchta, al centro della Repubblica dei Komi.

     I detenuti erano impiegati nell'industria petrolifera.

         Uchtpeciag: serie di campi nella Repubblica dei Komi tra Uchta e il fiume Pecora. Era uno dei complessi col maggior numero di camPi.