against Israel, China , India, Russia

YouTube

YouTube

558064 iscritti
68366250 visualizzazioni video
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 minuto fa
    Syria is Attacked by hosts of foreign terrorists: this is a threat against Israel, China , India, Russia , etc.. ..! [ Of the 20.028: Killed, 1) . 13.978 are Civilians, 2) . 5.082: members of the military , and security services, 3) . 968 deserters ] These figures: spread by enemies of Syria ? are the demonstration : of all the evil: and of all Western Lies ! Because the soldiers prefer to die : but, to do less collateral deaths: of a population that: it is used: such as human shields! and Those who refuse to be conscripted by the rebels ?: is killed / Executed Immediately Because The rebels, do not : prisoners ! salafis Al Qaeda rebels , terrorists, violating all human rights and making Freely: every war crime! the West is the real criminal Masonic International!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    6 minuti fa
    Syrie: il est attaqué par les hôtes de terroristes étrangers: il s'agit d'une menace contre Israël, la Chine, l'Inde, la Russie, etc ..! [Sur les 20 028: qui a tué, 1). 13978 sont des civils, 2). 5082: les membres de l'armée et les services de sécurité, 3). 968 déserteurs] Ces chiffres: propagé par les ennemis de la Syrie? sont la manifestation: de tout le mal: et de tous les mensonges de l'Ouest! parce que les soldats préfèrent mourir: mais pour ce faire décès collatéraux moins: d'une population qui: il est utilisé: comme boucliers humains! et ceux qui refusent d'être enrôlés par les rebelles:? est tué / exécuté immédiatement parce que les rebelles, ne pas faire: les prisonniers! rebelles salafistes Al-Qaïda, des terroristes, violant tous les droits de l'homme et de faire librement: chaque crime de guerre! l'Occident est le vrai criminel maçonnique international!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 minuti fa
    Syria: it is attacked by hosts of foreign terrorists: this is a threat against Israel, China, India, Russia, etc. ..! [Of the 20,028: killed, 1). 13,978 are civilians, 2). 5,082: members of the military, and security services, 3). 968 deserters] these figures: spread by enemies of Syria? are the demonstration: of all the evil: and of all lies Western! because the soldiers prefer to die: but, to do less collateral deaths: a population that: it is used: such as human shields! and those who refuse to be conscripted by the rebels?: is killed / executed immediately because the rebels, not do: prisoners, rebels terrorists, violating all human rights and making freely: every war crime! the West is the real criminal Masonic International!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    11 minuti fa
    la Siria: è aggredita da eserciti: di terroristi stranieri: questa è una minaccia: contro la: Israele, Cina, India, Russia, ecc..! [ Delle 20.028: persone uccise, 1). 13.978 sono civili; 2). 5.082: membri dell'esercito; e dei servizi di sicurezza; 3). 3. 968 disertori] questi cifre: diffuse dai nemici della Siria? sono la dimostrazione: di tutta la cattiveria: e di tutte le menzogne occidentali! perché, i soldati preferiscono morire: pur, di fare meno morti collaterali: di una popolazione: che: è utilizzata: come: scudi umani! e chi si rifiuta di essere arruolato dai ribelli?: viene ucciso/ giustiziato immediatamente: anche perché i ribelli: non fanno prigionieri: violando tutti i diritti umani: e facendo liberamente: ogni crimine di guerra! l'Occidente Massonico è il vero criminale internazionale!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    18 minuti fa
    anything that is in the world is not evil! But, you are the murderers Satanists, Freemasons: you used the symbols of nature to spread your evil! You will be corrupted now! nulla di quello che è nel mondo è cattivo! ma, siete voi gli assassini i satanisti, i massoni: che avete usato i simboli della natura per diffondere la vostra malvagità! tu sarai danneggiato: ora!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    20 minuti fa
    herhangi bir insan değeri yani: satanizm İsrail'i yok için IMF gücüdür. Ben yapmıyorum: insan kurban: çocuk: senin şeytanın sunağı üzerinde! Satanistler bütün Amerikan şunlardır: kurumlar: Aynı Hükümet: ABD, CIA, masonluk, IMF Yahudi lobileri! Spam: durdurmak yoksa? Seni kovmak olacak; Jesu adına begone satanist: Rothscild of, ve: Bush 322!. Salaklar! Bu MOHAMMED DEĞİLDİR: GERÇEK MÜSLÜMAN: HE KÖTÜ SUÇ WAS NEDEN! ! İbrahim GERÇEK MÜSLÜMAN oldu buraya yüzden: come: Suudi Arabistan'ın para (müttefikleri), İslam'ın kötü olur! Sadece Suriye'de: En kötü katil olan IMF (Büyük Şeytan): kardeşler, ilk, bu sizin kötü geldi gibi tüm dinlerin bankacılık senyoraj yani, emperyalizm mason, yaşadı!kötü: katil satanist: Suudi Arabistan (küçük şeytan) da? sadece müttefik!


YouTube

YouTube

557967 iscritti
68363661 visualizzazioni video

Satanismus ist die Macht des IWF für die Vernichtung Israels: dh jede menschliche Wert. Ich tue es nicht: Menschenopfer: der Kinder: auf dem Altar des Satans! Satanisten sind alle Amerikaner: Institutionen: die gleiche Regierung: USA, CIA, Freimaurerei, jüdischen Lobbys des IWF! Wenn Sie nicht zu stoppen: zu Spam? Ich werde Ihnen auszutreiben, in Jesu Namen begone Satanisten: von Rothschild, und: Bush 322!. Idioten! Es ist nicht Mohammed: Die wahre Muslim:! WARUM er ein schlechter Verbrechen war ! Abraham war ein wahrer Muslim hier ist warum: wo kommen: Saudi-Arabien das Geld (Ihre Verbündeten), wird der Islam schlecht! Sie sind das Schlimmste Mörderin: nur in Syrien: alle Religionen lebten als Brüder, erstens, das kam euren bösen, dh dem Imperialismus Freimaurer, des Bankwesens Seigniorage: Der IWF (Großer Satan)! das Schlimmste: Mörderin Satanisten: in Saudi-Arabien (kleine Satan)? sind nur Ihre Verbündeten!

American is not satanists, why satanists only are criminals: but, they have seized power through the masonry.. Ron Paul is my fried

el satanismo es el poder del FMI para destruir a Israel: es decir, cualquier valor humano. Yo no hago: el sacrificio humano: de los niños: en el altar de su Satanás! Los satanistas son todos de América: las instituciones: el Gobierno de la misma: EE.UU., la CIA, la masonería, los grupos de presión judíos del FMI! Si no se detienen: al spam? Yo te exorcizar, en nombre de Jesu los satanistas: Begone de Rothscild, y: 322 Bush!. IDIOTAS! No es MOHAMMED: El verdadero musulmán: ¿POR QUÉ SE FUE UN CRIMEN MALO! ! Abraham era un verdadero musulmán he aquí la razón: donde vienen: el dinero de Arabia Saudita (sus aliados), el Islam se convierte en malo! Usted es la peor asesina: sólo en Siria: todas las religiones vivieron como hermanos, en primer lugar, que llegó a su mal, es decir, el imperialismo masónico, de la banca señoreaje: el Fondo Monetario Internacional (Gran Satán)! los peores: los satanistas asesina: en Arabia Saudita (pequeño Satán)? son sus aliados!

satanisme est le pouvoir du FMI pour détruire Israël: c'est à dire toute valeur humaine. Je ne fais pas: le sacrifice humain: des enfants: sur l'autel de votre Satan! Satanistes sont tous américains: les institutions: le gouvernement même des Etats-Unis, la CIA, la franc-maçonnerie, les lobbies juifs du FMI! Si vous ne vous arrêtez pas au spam? sur ma page? Je vais vous exorciser; au nom de Jesu satanistes Sus de Rothscild, et Bush 322!

après? vous commencez à sentir mauvais! IDIOTS! Il n'est pas MOHAMMED: Le vrai musulman: pourquoi il était un CRIME BAD! Abraham était un vrai musulman voici pourquoi: où viennent: l'argent de l'Arabie saoudite (vos alliés), l'islam devient mauvais! Vous êtes les pires satanistes meurtrière: il suffit de en Syrie: toutes les religions vivaient comme des frères, d'abord, qui est venu ton mal, c'est à dire, l'impérialisme maçonnique, de la banque seigneuriage: le FMI (Grand Satan)! d'ailleurs? le pire: les satanistes meurtrière en Arabie Saoudite (petit Satan)? ne sont que vos alliés!

Satanism is the power of the IMF for destroy Israel: ie any human value, no! not me, I do not do: human sacrifice: of your children on the altar of Satan! Satanists are all American: institutions: the examination of the U.S. Government, CIA, freemasonry: 322, 666, Jewish lobbies of the IMF! If you do not stop to spam? on my page? I will exorcise you, in Jesu's name! Begone Bush Satanists of Rothschild and 322 ... after? you begin to feel bad! IDIOTS! It is NOT MOHAMMED: THE TRUE MUSLIM: WHY HE WAS A BAD CRIME! Abraham was a TRUE MUSLIM! Here's why: where: how: Saudi Arabia's money (your Allies 666), Islam Becomes bad! You are the worst murderess Satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, That CAME your evil, ie, Masonic imperialism, of seigniorage banking: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess Satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your Allies!
no! not me, I do not do: human sacrifice: of children on the altar of your Satan! no! You are the worst murderess satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies!
  • Islam's Sharia law, of the Salafis, Islamists, Muslim brothers, etc. .. ? sure, is worse, than, the Nazis! and it is this: the reason: of the IMF, to do the 3 ° WW nuclear, to destroy all religions, and to raise the Satanism, in all the world! but, this is one reason that Rothschild has built, because the Saudis are idiots! but the true Islam, is holy and peaceful, like any other religion! If the Illuminati and the Freemasons, ie, the most evil men the world, they have taken: control of the people, because, we do not think that even more bad Muslims, have seized control of Islam?
  • NightDarothic
    NightDarothic ha pubblicato un commento
    9 minuti fa
    Allah is Satan, Islam is Worst Than Nazism.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ] 6, Some time after this, Jesus crossed to the far shore of the Sea of Galilee (that is, the Sea of Tiberias), 2, and a great crowd of people followed him because they saw the signs he had performed by healing the sick. 3, Then Jesus went up on a mountainside and sat down with his disciples. 4, The Jewish Passover Festival was near. 5 When Jesus looked up and saw a great crowd coming toward him, he said to Philip, "Where shall we buy bread for these people to eat?" 6 He asked this only to test him, for he already had in mind what he was going to do. 7, Philip answered him, "It would take more than half a year's wages[a] to buy enough bread for each one to have a bite!"
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ] 8, Another of his disciples, Andrew, Simon Peter's brother, spoke up, 9, "Here is a boy with five small barley loaves and two small fish, but how far will they go among so many?" 10, Jesus said, "Have the people sit down." There was plenty of grass in that place, and they sat down (about five thousand men were there). 11, Jesus then took the loaves, gave thanks, and distributed to those who were seated as much as they wanted. He did the same with the fish. 12, When they had all had enough to eat, he said to his disciples, "Gather the pieces that are left over. Let nothing be wasted." 13 So they gathered them and filled twelve baskets with the pieces of the five barley loaves left over by those who had eaten.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    13 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ]14 After the people saw the sign Jesus performed, they began to say, "Surely this is the Prophet who is to come into the world." 15 Jesus, knowing that they intended to come and make him king by force, withdrew again to a mountain by himself. @ Jew: because: hate a person like that: good, an your own brother? the feelings of Jesus to the people are wonderful, because: while he was fasting: for himself (his Ramadan): then he sfamava the hungry crowd!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    20 minuti fa
    if governments do not hear my voice? nobody's life will be safer around the world!... se i governi non ascolteranno la mia voce? la vita di nessuno: sarà più al sicuro in tutto il pianeta! Obama - your satanists. that: you have infiltrated into google? they have stolen: block, from me, ADSL, this is the respect that you have of the 1: AMENDMENT! Obama -- i tuoi satanisti. che: tu hai infiltrato in google? loro hanno sottratto a me la ADSL; questo è il rispetto che, tu hai del 1°: EMENDAMENTO! [(hanno bloccato nuovamente la mia ADSL)]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    31 minuti fa
    [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] evil of satanists Americans (Great Satan) FMI: and Sharia (the little Satan) is very big ! this is evident to all! their goal is the destruction of Israel! to subdue all peoples in one bondage! and this I have already made ​​through the IMF!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    34 minuti fa
    Unius REI: is love that is present: in all religions! my philosophy is that of Buddha and of Gandhi [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    36 minuti fa
    [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] Ephesians 4, Unity and Maturity in the Body of Christ! 4 As a prisoner for the Lord, then, I urge you to live a life worthy of the calling you have received. 2 Be completely humble and gentle; be patient, bearing with one another in love. 3 Make every effort to keep the unity of the Spirit through the bond of peace. 4 There is one body and one Spirit, just as you were called to one hope when you were called ; 5 one Lord, one faith, one baptism; 6 one God and Father of all, who is over all and through all and in all. --ANSWER--> ONE God: YHWH! one Jewish Temple: freedom of religion for all! or die in WW 3 ° nuclear! This is an appeal to Muslims, Hindus, Buddhists and Communists
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    MarlaMarleen -- God bless you Maria: too blessings
  • [power unius rei : the fait in universal brotherhood ]2 Kings 4:42-44 Feeding of a Hundred 42 A man came from Baal Shalishah, bringing the man of God twenty loaves of barley bread baked from the first ripe grain, along with some heads of new grain. "Give it to the people to eat," Elisha said. 43 "How can I set this before a hundred men?" his servant asked. But Elisha answered, "Give it to the people to eat. For this is what the Lord says: 'They will eat and have some left over. '" 44 Then he set it before them, and they ate and had some left over, according to the word of the Lord.
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    45 minuti fa
    I'm sure Obama will get his lesson. Check out the videos of Michelle, before his first candidacy. They unmask this 'lady'. The second Angela Merkel. Now it's late, see ya
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    46 minuti fa
    shalom + salam = blessings to all Religions and to all Peoples! die satana! This is the chice the Word of God, today, God works miracles, very happy when we do not think selfishly to us, but we ask the happiness and welfare of all mankind questo chice la PArola di Dio oggi, Dio fa i miracoli, molto volentieri quando non pensiamo egoisticamente a noi, ma, chiediamo la felicità, e il benessere di tutto il genere umano
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    50 minuti fa
    Be blessed @ UniusRei3
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    52 minuti fa
    I have already been to church! I go to Mass every Sunday! But, Obama is a murderess, a true Satanist of Mason, in fact, witchcraft is taught in American schools: while every Christian symbol was denied, in fact, he has publicly made ​​it impossible to out-source the Christian religion: he has done everything to damage Christianity is why cannibalism of Satanists: is spreading throughout all society, as a cancer!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    Thank you MarlaMarleen: to you, and to all people good! Thank you for your high level of civility and responsibility, but we must say that our leaders as Masons, have wanted to train a generation of monsters and Satanists, all hatred for Jesus Christ! because they are the sons of darkness! but the extent of Wrath of God, is coming to its height: is the end! will end. very early, the bad life, of this vicious of evil 322 666, accomplices of all thieves satanists criminals of the IMF!
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    9 minuti fa
    Good morning from Germany I'm confused, once again new fakes. you've enjoyed no education. Scatological language disgusts me You want be taken seriously? Without manners? Greeting at UniusRei3 and other reasonable user
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    11 minuti fa
    Thank you youtube / google :-( Since days now I'm reading things on my home that I'm not interested. Before I get real exciting information about some selected channels, I've to read every amount of (for me) uninteresting statements. The result is that I announcing some subscriptions. It sucks.
  • NoahTheNephilim
    NoahTheNephilim ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    hallelujah --> [unius rei] My anger burns in the mouth of hell all the sons of darkness! alleluia la mia ira brucia sulla bocca degli inferi tutti i figli della oscurità! alleluia
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    AttackYourTube - your father is a piece of shit! I will tear down everything that Satan is here because the IMF will no longer exist! - tuo padre è un pezzo di merda! io demolirò tutto quello che è di satana: ecco perché il FMI non potrà più sussistere!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Matthew 16,23 Qui conversus dixit Petro: "Vade retro me Satana Tu autem impedit animum ne humana divinis. " Matthew 16.23 But he turned and said to Peter, "Get behind Me, Satan! You are my downfall, because you did not mind the things of God, but the things of men. "
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Crux sancta sit mihi lux / Non draco sit mihi dux Vade retro satana / Numquam suade mihi vana Sunt mala quae libas / Ipse venena bibas (Italiano) Croce santa sia la mia luce, non sia il drago la mia guida, retrocedi, Satana, non tentare mai di persuadermi, sono cose vane, sono cose male quelle che offri, bevi tu stesso i veleni. La locuzione latina Vade retro Satana, tradotta letteralmente, significa "Arretra Satana", oppure "Vai indietro, torna indietro Satana".
  • AttackYourTube
    AttackYourTube ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Satan is my father
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Vade retro satana ("Go back, Satan" or "Step back, Satan") is a Medieval Catholic formula for exorcism, recorded in a 1415 manuscript found in the Benedictine Metten Abbey in Bavaria[1][2] and its origin is traditionally associated with the Benedictines. In current Catholic tradition, the formula (sometimes reduced to the vade retro verse) is used to repel any possible evil thing or happening, as a "spoken amulet". The initials of this formula (VRSNSMV SMQLIVB or VRS:NSMV:SMQL:IVB) have often been engraved around crucifixes or Catholic Saint Benedict Medals at least since 1780
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [unius rei king of israel] The phrase vade retro satana (often spelled vade retro satanas, or sathanas) is also used as a witty or scholarly prose device, dissociated from its religious implications, to express strong rejection of an unacceptable (but possibly tempting) proposal, or dread of some looming menace. Namely, in the sense of "do not tempt me!", "I will have nothing to do with that", "will someone deliver us from that", and so on
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Crux sancta sit mihi lux / Non draco sit mihi dux Vade retro satana / Numquam suade mihi vana Sunt mala quae libas / Ipse venena bibas In approximate translation: "Let the Holy Cross be my light / Let not the dragon be my guide Step back Satan / Never tempt me with vain things What you offer me is evil / You drink the poison yourself."
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Portae inferni non praevalebunt] verba Jesus ad apostolus Petrus: tu es Petrus, et eximius hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae praevalebunt inferno non. Verba Jesus ad apostolus Petrus (eius Divinum Benedictus XVI): tu es Petrus, et eximius hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferni non praevalebunt -----> portae inferi non praevalebunt ] Parole di Gesù all'apostolo Pietro: tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferi non praevalebunt . Parole di Gesù all'apostolo Pietro (Sua Santità Benedetto XVI): tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferi non praevalebunt
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    @hallelujah GOD JHWH my Allah --> [unius rei] Jesus knows that Peter's answer: do not come directly from him ... and the gates of hell shall not prevail against it "(Mt 16, 18) Gesù sa che questa risposta di Pietro: proviene non direttamente da lui ... e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa" (Mt 16, 18)

Syria: it is attacked by hosts of foreign terrorists: this is a threat against Israel, China, India, Russia, etc. ..! [Of the 20,028: killed, 1). 13,978 are civilians, 2). 5,082: members of the military, and security services, 3).  968 deserters] these figures: spread by enemies of Syria? are the demonstration: of all the evil: and of all lies Western! because the soldiers prefer to die: but, to do less collateral deaths: of a population that: it is used: such as human shields! and those who refuse to be conscripted by the rebels?: is killed / executed immediately because the rebels, not do: prisoners!!! rebels salafis Al Quaeda, terrorists, violating all human rights and making freely: every war crime! the West is the real criminal Masonic International!

satanism is the power:of IMF: for destroy Israel: ie any human value. I do not: human sacrifice: of children: on the altar of your Satan! Satanists are all American institutions: the same Government of: USA, CIA, freemasonry, Jewish lobbies of the IMF! If you do not stop: to spam? in Jesu's name!: begone satanists: of Rothscild,&: Bush 322. IDIOTS! It is NOT MOHAMMED: THE TRUE MUSLIM: WHY HE WAS A BAD CRIME! Abraham was a TRUE MUSLIM! here's why: where come: Saudi Arabia's money (your allies), Islam becomes bad! You are the worst murderess: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! as worst: murderess satanists: are also: in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies!

Editoriale. Noi occidentali abbiamo dato in pasto democrazia e diritti dell’uomo al colonialismo economico cinese e all’invasione islamica. (Il Giornale) - Proprio mentre l’Ucraina precipita nella guerra civile con assalti e occupazioni di edifici pubblici da parte dei manifestanti pro-Unione Europea e contro la Russia di Putin è arrivata puntuale la preghiera di Papa Francesco invitando a evitare “ogni ricorso a azioni violente” e auspicando “un dialogo costruttivo tra le istituzioni e la società civile”. Ebbene com’è possibile che da un lato l’Eurocrazia trasforma stati ricchi in popolazioni povere e crescono con progressione impressionante la denuncia dell’euro e la disaffezione nei confronti dell’Unione Europea da parte di chi è stato ridotto in povertà dall’altro il Papa sostiene implicitamente i promotori di questa vera e propria terza guerra mondiale di natura finanziaria? Possibile che il Papa dei poveri si schiera con i poteri forti?
Il caso dell’Ucraina è emblematico perché non bisogna essere dei fini politologi per nutrire dubbi sulla spontaneità della rivolta in un momento in cui aderire all’Unione Europea è un volersi del male. Così come l’esplosione della guerra civile in Ucraina consolida un quadro terrificante realizzato nel nome della democrazia e dei diritti dell’uomo. Nel nome della democrazia l’Occidente ha scatenato guerre militari in Afghanistan Iraq Yemen Libia e Siria distruggendoli come stati nazionali. Nel nome della democrazia l’Occidente ha scatenato guerre intestine in Tunisia Bahrain Territori palestinesi e Egitto destabilizzando i Governi nazionali e mettendo a repentaglio l’ordine pubblico con un pesante bilancio di vittime e danni a beneficio degli estremisti islamici. Un giorno un Tribunale della Storia condannerà l’Occidente per questi crimini contro l’umanità. A nessuno di noi piacevano Saddam Gheddafi Ben Ali e Mubarak ma non possiamo non prendere atto che le guerre scatenate nel nome della democrazia e dei diritti dell’uomo hanno distrutto degli Stati che comunque garantivano un livello accettabile di sussistenza riducendo in povertà le popolazioni e consegnandole alla follia sanguinaria dei terroristi islamici. I morti che in queste ore si contano in Egitto nella ricorrenza del terzo anniversario della deposizione di Mubarak non ci sarebbero stati se l’Occidente non avesse voluto e sostenuto la menzogna mediatica della “Primavera araba”. La verità è che l’Occidente impartisce a suon di guerre la democrazia ai più deboli mentre con i più forti fa prevalere l’interesse economico e la ragion di Stato come è il caso della Cina. La resa al regime capital-comunista cinese ad un passo dall’affermarsi come prima potenza economica mondiale si è tradotto di fatto nella morte della democrazia e dei diritti dell’uomo a livello globale. Ormai non ci facciamo caso allo svilimento della democrazia e al tradimento dei diritti dell’uomo. Il nostro Governo si è battuto per far rientrare in Italia Alma Salabaeva e la figlia Alua moglie di Muxtar Ablyazov imprenditore e politico kazako condannato e arrestato per aver truffato miliardi di dollari alla BTA Bank. Ma abbiamo rispedito in India i nostri due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone per non compromettere la vendita di 12 elicotteri Agusta della Finmeccanica (comunque non andata a buon fine) nonostante le nostre leggi vietino di consegnare indagati o condannati a uno Stato in cui vige la pena di morte. L’Occidente si comporta come le organizzazioni mondiali per i diritti dell’uomo ideologicamente di sinistra globaliste multiculturaliste e relativiste pregiudizialmente contro gli Stati e a favore di chi lo contesta a prescindere dai contenuti e dalle prospettive. La prova che possiamo toccare con mano sono la Boldrini e la Kyenge che prediligono gli immigrati agli italiani. La democrazia e i diritti dell’uomo hanno fatto la fine della colomba liberata ieri dal Papa all’Angelus dalla finestra di San Pietro aggredita da un corvo e divorata da un gabbiano. Siamo noi occidentali ad aver dato in pasto la democrazia e i diritti dell’uomo al colonialismo economico cinese e all’invasione islamica al punto da concepire positivamente la dittatura finanziaria ed europeista.
di Magdi Cristiano Allam 27/01/2014
=======================
Sì o no agli incarichi doppi o multipli ecc.. nella Pubblica amministrazione?
Il caso del presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua che complessivamente detiene 25 incarichi dirigenziali in società pubbliche e private con un flagrante conflitto d’interessi arrivando a denunciare un reddito di 12 milioni di euro attualmente indagato per evasione fiscale di 85 milioni di euro da parte di un ente privato da lui presieduto ha fatto emergere sia la realtà dei dirigenti pubblici che ricoprono incarichi doppi o multipli sia la realtà degli stipendi milionari elargiti loro dallo Stato in un contesto in cui lo Stato è super-indebitato e in Italia ci sono 4 milioni e 100 mila italiani che fanno letteralmente la fame.
==================
Andrea Tedesco • un giorno fa
Grazie Magdi per le tua intelligente e coraggiosa riflessione che condivido al 100% ad eccezione di due punti cioè quando tiri in ballo il Papa alludendo al fatto che possa implicitamente sostenere i poteri forti i promotori della Terza Guerra Mondiale di natura finanziaria e quando affermi che nel nome della democrazia l’Occidente avrebbe scatenato guerre militari in Afghanistan Iraq Yemen Libia e Siria distruggendoli come stati nazionali accomunando tutti questi paesi senza distinzioni ed equiparando completamente le politiche di Bush ed Obama. [ si le politiche del NWO sono da equiparare completamente perché i popoliti nel sistema massonico sono senza reale autonomia]
II Papa sta facendo ciò che gli riesce meglio cioè la guida della Chiesa Cattolica.
Il Papa non può sostituirsi ai politici e ai laici (noi) nella battaglia per la libertà contro i poteri forti e l'islam nè può condannare apertamente l'Islam ed invocare una crociata contro di esso. Non siamo nel 1095 il nostro Papa non è Urbano II l'Europa non è più cristiana come lo era a quel tempo la Chiesa non esercita un'influenza anche di natura temporale lontanamente paragonabile a quella di quegli anni. Tutto quello che il Papa può fare è cercare di restituire all'Europa e all'Occidente la fede cristiana perduta ma necessaria a combattere e a vincere la battaglia contro i poteri forti e i loro alleati islamici. E da questo punto di vista mi pare che Papa Francesco stia facendo un ottimo lavoro. Forse Benedetto XVI si era spinto oltre e aveva in qualche modo denunciato la violenza insita nell'Islam con il discorso di Ratisbona ma con risultati controproducenti non tanto per la reazione prevedibile del mondo islamico ma per quella di buona parte del mondo cattolico e in particolare delle gerarchie ecclesiastiche. Egli fu infatti costretto da questa reazione interna alla Chiesa a recarsi alla Moschea blu di Istanbul a pregare insieme al Gran Muftì rivolto verso la Mecca vanificando con questo messaggio di sottomissione qualunque vantaggio derivante dalla denuncia velata della violenza islamica a Ratisbona. Gli USA di Bush invasero l'Afghanistan in risposta all'attacco dell'11 settembre 2001 per smantellare il regime dei Talebani e di Al Queda e rendere più sicuri gli USA tenendo impegnati militarmente i terroristi islamici lontano dal territorio americano non anzitutto per "esportare la democrazia" e migliorare le condizioni di vita degli Afghani. In Iraq invece commisero l'errore di voler "esportare la democrazia" e la libertà ritenendo in buona fede ( non c'è buona fede nella agenda dei farisei anglo-americani che sono i detentori del NWO ed il loro obiettivo era sterminare 1000000 di cristiani cosa che è riuscita bene! ed ora la piccola monoranza di cristini altri 100.000 pensano tutti i giorni di dover fuggire ) che l'origine del terrorismo islamico fossero i regimi dittatoriali filo-occidentali sostenuti dagli USA e dall'Occidente e le condizioni di oppressione in cui versavano le popolazioni di quel paese. Forse avrebbero dovuto invadere l'Arabia Saudita invece che certamente aveva giocato un ruolo molto più importante nella sponsorizzazione e nella creazione e diffusione dell'ideologia alla base degli attacchi contro l'Occidente. Ma chissà che non ci pensi Putin a rimediare e ad infliggere ai Sauditi la lezione e punizione che meritano ormai da molto tempo... Gli USA di Obama invece sono imperdonabili perchè non hanno imparato nulla dall'errore commesso in Iraq ed anzi hanno ripetuto il medesimo errore più volte senza mai dubitare delle proprie scelte geopolitiche prima in Libia poi in Egitto quindi in Siria spingendosi fino al punto di allearsi apertamente coi terroristi islamici come risultato dell'ideologia di sinistra terzomondista e globalista del presidente Obama.
=====================
TERRORISMO ISLAMICO - Dobbiamo salvare i cristiani difendere Israele dare una via di fuga agli uomini e alle donne da una teocrazia terrificante verità e rivoluzione 16 gennaio 2013 un commando jihadista attaccava il complesso di gas di In Amenas nel sud dell’Algeria uccidendo e sequestrando decine di lavoratori quasi tutti stranieri (…). Nessuno sospettava che su una tragedia del genere il governo di Algeri potesse stendere una coltre di silenzio rendendo difficile la ricostruzione dei fatti e persino l’accertamento del numero esatto delle persone tra vittime e assalitori rimaste uccise. Ancora oggi si è fermi al bilancio reso noto due giorni dopo la conclusione del sequestro secondo cui 37 cittadini stranieri di otto diverse nazionalità una guardia di sicurezza algerina e 29 terroristi rimasero uccisi all’interno del sito di gas. Dati che da subito suscitarono perplessità giacché risultava che il commando fosse composto da almeno 40 elementi. Una versione vicina alla realtà la fornì il quotidiano arabo El Watan rivelando l’uccisione di oltre 30 jihadisti mentre altri sette sarebbero stati catturati dalle forze algerine. La presenza di jihadisti da tempo infiltrati tra le maestranze che avevano offerto al commando terrorista sostegno informativo e logistico. Nonostante la repressione delle autorità algerine i membri del nuovo gruppo terrorista guidato da Belmokhtar al Mourabitoun hanno fondato diverse scuole per l’addestramento di giovani kamikaze alcuni dei quali si sono già immolati in Mali Libia e Siria. L’ accidentale uccisione di ostaggi da parte delle truppe speciali algerine è un incidente che può capitare anche nelle migliori famiglie ma che dimostra che l’interesse per la sopravvivenza degli infedeli non fosse prioritaria. Durante quell'attacco come durante gli episodi in Kenya chi dimostrava di essere islamico con la capacità di recitare il Corano era salvato gli altri scannati come cani. La teoria teologica di riferimento è il versetto del Corano che recita "Uccidi gli infedeli ovunque si trovino". Negli ultimi due giorni i cristiani uccisi sono solo una settantina. Il massacro è avvenuto in Nigeria. Tutti i commentatori ci stanno spiegando le motivazioni del massacro. Il massacro è stato organizzato dalle organizzazione islamiche estremiste che è un gran bel termine perché è sufficiente che qualcuno sia più estremista che qualsiasi folle fa le figura del moderato. Rispetto a Hitler Mussolini era un dittatore moderato e rispetto a Stalin era moderato Krusciov e così via. Se paragonati ai salafiti che vietano di tagliare il pomodoro in senso sagittale perché può formarsi il disegno della croce certo i Fratelli Musulmani sono moderati. E quelli che ai cristiani vogliono togliere qualsiasi proprietà e qualsiasi diritto civile ma sono disposti a lasciarli vivi sono moderati rispetto a chi li sta ammazzando come si ammazzano i cani rabbiosi come si sterminano i topi di fogna nell’indifferenza generale di un Occidente folle di buonismo islamicamente corretto e di delirante amore per il terrorismo islamico quello palestinese in primis.
La domanda numero uno chi è stato? Trova una facile risposta gli integralisti anzi i salafiti che in arabo vuol dire integralista ma così cominciamo a imparare la lingua il primo passo di chi si avvia alla sottomissione. I salafiti sono un gruppo a parte l’islam è tanto buono. Non dobbiamo criminalizzare tutti per una minoranza. Gli integralisti esisteranno sicuramente anche nel buddismo però in questa fase storica non massacrano gli stranieri a decine quindi una religione che se interpretata in maniera integrale è omicida già si presenta male.
Vorrei ricordare che il numero di tedeschi che era favorevole allo sterminio degli ebrei inclusi i bambini era una minoranza questo non ha salvato gli ebrei. La maggioranza dei turchi non era favorevole allo sterminio degli armeni e in particolare delle donne e dei bambini questo non ha salvato nessuno. E' sufficiente che il 20 % di una popolazione sia favorevole alla violenza indiscriminata sui civili perché quella popolazione sia mortalmente pericolosa estremamente pericolosa potenzialmente genocidaria. E così la domanda numero uno è a posto.
Si passa alla domanda numero due perché? Le spiegazioni sono numerose. Scelgo a caso tra le varie ipotesi. L’attentato è stato fatto come reazione a un qualche atto non gradito del governo come reazione alla cattiveria dell’Occidente cattivo a prescindere per destabilizzare il governo centrale e/o locale per scatenare una guerra interreligiosa. L’ipotesi che il massacro è stato fatto per massacrare i cristiani che per l’islam sono infedeli è un concetto troppo cattivo per il commentatore medio. L’islam è una religione fondata da un generale che l’ha imposta con la spada e che ordina di uccidere gli infedeli ovunque si trovino.
I cristiani in Nigeria come quelli del Senegal come quelli del Kenya come l’intera popolazione di Israele ma anche come l’intera popolazione dell’Europa sono infedeli. Non tutte le persone di convinta e reale fede islamica desiderano ucciderci. La maggioranza desidera solo dominarci in una posizione di sottomessi che si dice dhimmi. Non è possibile il Corano lo vieta che un musulmano possa convivere con non musulmani rispettandoli e a diritti pari.
Ciò che il Corano comanda a proposito di noi infedeli Sgozza gli infedeli ovunque li trovi (2191); Fai la guerra agli infedeli che vivono vicino a te (9123); Quando si presenta l’occasione uccidete gli infedeli ovunque li si catturi (95); Gli ebrei ed i cristiani sono pervertiti; combattili (930); Uccidete gli ebrei ei cristiani se non si convertono all¹islam o se rifiutano di pagare la jizya [tassa dell'umiliazione] (929); Mutilate e crocifiggete gli infedeli se criticano l’islam (0533); Punite i miscredenti con indumenti (gabbie) di fuoco aste di ferro con ganci acqua bollente si fondano la loro pelle e il ventre (2219-21); Ogni religione diversa dall’islam non è accettabile (385); Non cercare la pace con gli infedeli; decapitateli quando li prendete prigionieri (474); Terrorizzare e decapitare quelli che credono in altre scritture diverse dal Corano (812); I miscredenti sono stupidi; esortate i musulmani a combatterli (865); I musulmani non devono prendere gli infedeli come amici (328); I musulmani devono radunare tutte le armi possibili per terrorizzare gli infedeli (860); Gli infedeli sono impuri e non vanno lasciati entrare in moschea (928). Ogni islamico che sbarca in Europa porta con sé la sua fede e la sua fede afferma uccidi gli infedeli ovunque si trovino. Noi siamo infedeli. Chi afferma che l’islam è o può essere una religione di pace è una persona che vuole credere in un’illusione una persona molto poco informata o semplicemente qualcuno che sta mentendo. L’ unica pace possibile per l’islam è la sottomissione del mondo ai suoi precetti. Islam vuol dire sottomissione. Per la sottomissione grazie ma non contate su di me. Dobbiamo salvare i cristiani fare tutto quello che possiamo per Israele che è sotto minaccia nucleare e creare per gli uomini e le donne nati dell’islam una via di fuga da una teocrazia terrificante. Dobbiamo far uscire il mondo occidentale da questo strano incantesimo che ha annientato la sua critica e la sua potenza cognitiva nell’osceno impasto di buonismo e politicamente corretto. Il primo passo quello fondamentale è che non venga più giustificato il terrorismo. Non è esistito un terrorismo armeno non è esistito un terrorismo ebraico gli armeni sopravvissuti non hanno fatto saltare le scuole a Istanbul gli ebrei usciti dai lager non hanno distrutto gli autobus di Berlino. Il terrorismo nasce da una cultura di morte. Ora la moda imperante è che il terrorismo sia una reazione alla sofferenza quindi il terrorista diventa un individuo che ha ragione a prescindere il solo fatto che sia diventato terrorista dimostra che gli hanno pestato i piedi. Non esiste un terrorismo tibetano e per quanto riguarda Osama Bin Laden deve essere stato un trauma terribile essere ricco sfondato.
Il secondo passo è sospendere il delirio che tutte le religioni siano uguali e meritino rispetto. Nulla meno che mai una religione deve essere rispettata a prescindere. Nulla e meno che mai le religioni devono essere al di sopra delle critiche. Una religione che sbarca al terzo millennio con la lapidazione delle adultere e il taglio della mano destra ai ladri è una religione che va combattuta in nome dell’umanità. E della dignità. E della possibilità di vivere in pace. E in letizia. Vale la pena di combattere per questo. di Silvana De Mari 30/01/2014

http//www.ioamolitalia.it/
Editorial. We the West we have given meal democracy and rights of the man in the Chinese economy and colonialism the Islamic invasion. ( The Journal ) - Just as the Ukraine falls into the civil war with assaults and occupations of buildings public by the protesters and pro -European Union against the Russia of Putin is arrived on time of prayer Father Francis inviting to avoid " any action to action violent " and calling for " a constructive dialogue between the institutions and civil society." Well how is it possible That on the one hand the Eurocracy been transformed rich in populations and poor they grow with the impressive progression of the complaint and euro the disaffection comparisons of the European Union part of who is Been reduced poverty on the other hand the Pope argues implicitly promoters of this true and third world war of its own a financial nature? That can the Pope of the poor yes terraced with i powers stronger?
The case of the Ukraine is emblematic why not you need to be purposes political scientists for doubts on the spontaneity of uprising a time which for European Union membership is a wanting of bad. As well as the blast of civil war Ukraine consolidates a terrifying picture made ​​in the name of and democracy the rights of the man. In the name of democracy the West has unleashed military wars in Afghanistan Iraq Yemen Libya and Syria destroying them as were national. In the name of democracy the West has unleashed wars in Tunisia Bahrain Territories Palestinians and Egypt destabilizing Governments national and endangering public order with a heavy toll of victims and Damage to the benefit of extremists Islamists. One day of a Court History will condemn the West for these crimes against the humanity. No one of us liked Saddam Gaddafi Ben Ali and Mubarak but not can not take note That wars unleashed in the name of and democracy the rights of the man who destroyed the United That however ensured an acceptable level of subsistence reducing poverty populations and handing it to the bloodthirsty madness terrorists Islamic. the dead That in these hours count on in Egypt the occurrence of the third anniversary of deposition of Mubarak not there would have been if not the West and he wanted supported the media lie of " Arab Spring." The truth is that the West gives to the sound of wars for democracy the weakest while with i stronger points to the public and economic interest the reason of the State as is the case of China. The yield on the capital- communist regime to a step by the emergence of China as a world economic power before you is of translated in fact the death of and democracy the rights of the man at the global level. By now not there do the devaluation of the case and democracy the betrayal of the rights of the man. Our government is is wrought for to return to and Italy Alma Salabaeva Alua daughter wife of Muxtar Ablyazov entrepreneur and Kazakh politician convicted and arrested for defrauding billions of dollars the BTA Bank. but we sent back to India our two marines Massimiliano Latorre and Salvatore Girone for not affect the sale of 12 helicopters Agusta of Finmeccanica (though not successful ) despite our laws prohibiting of deliver investigated or convicted in a State which in force of the penalty death. The West acts as organizations world for the right of the man of ideology left globalist multiculturalist and relativist prejudiced against the United and in favor of who the dispute regardless of the contents and the prospects. That the evidence we can touch with hand are Boldrini and the Kyenge That keen on immigrants garlic Italian. And democracy the rights of the man who made ​​the order of dove released yesterday by the Pope at the Angelus of the window of St. Peter attacked by a crow and eaten by a seagull. It is we the West to have given in the meal and democracy the rights of the man and the Chinese economic colonialism Islamic invasion to the point where conceiving a positive financial dictatorship and pro-European.
of Magdi Cristiano Allam 01/27/2014
=======================
Yes or no to assignments double or multiple etc... in the public administration?
The case of President of the INPS Antonio Mastrapasqua That holds a total of 25 positions management positions in companies and public private with a flagrant conflict of interest coming to denounce an income of EUR 1.2 million of euro currently under investigation for tax evasion of 85 million of € by of a private entity which he chaired has revealed the reality of officers servants that hold jobs double or multiple both the reality of wages millionaires dished out in their state a context where the State is super- indebted and in Italy there are 4 million and 100 thousand Italians that are literally hungry.
==================
 Andrea German • a day ago
Thanks Magdi for your the intelligent and That courageous reflection I agree 100% with the exception of two points that is when you take in dancing to the Pope alluding to the fact That may implicitly support powers forts promoters of WWIII of financial and when you say That in the name of democracy the West has unleashed military wars in Afghanistan Iraq Yemen Libya and Syria destroying them as states national uniting all these countries without distinction and completely equating the policies of Bush and Obama. [ Yes the policies of NWO are to equate completely because popoliti in the Masonic system are no real autonomy ]
Ii That the Pope is doing what the do best which is the guide of the Catholic Church.
The Pope not can replace public politicians and to lay people ( us) in the battle for the freedom against the power strong and Islam nor can openly condemn Islam and call a crusade against of it. not we are in 1095 not our Pope is Urban II not Europe is more Christian as it was at that time not the Church exercising influence also of temporal nature remotely comparable to that of he years. Everything That the Pope can do is trying of return to the europe and to the West the Christian faith lost but needed to fight and to win the battle against the power strong and i their allies the Islamists. and from this point of sight to me it seems That Francis Pope is doing a great job. Perhaps Benedict XVi yes was pushed over and had somehow denounced the violence inherent in Islam with the speech of Regensburg but with results counterproductive not so much for the reaction of predictable the Islamic world but for one of a good part of the Catholic world and in especially the ecclesiastical hierarchy. He was in fact forced by this reaction within the Church to go the Blue Mosque of Istanbul to pray together to the Grand Mufti facing Mecca thwarting with of this message submission any advantage of the complaint of veiled Muslim violence in Regensburg. The Kingdom of Bush invaded Afghanistan response to the attack of September 11 2001 for dismantle the regime the Taliban and of Al Queda and Safer the USA having engaged militarily i terrorists Muslims far from American soil not first of all for " export democracy " and improving conditions of life Afghani. in Iraq however made ​​the mistake of wanting to " export democracy " and the belief in liberty good faith (not there is good faith in the agenda Pharisees Anglo-American That are i holders of NWO and their objective was 1000000 extermination of Christians That thing is good success! and now the little monoranza of cristini some 100000 they think all days of having to flee ) that the origin of Islamic terrorism were the regimes dictatorial pro-Western incurred by and the U.S. the West and the conditions of oppression which poured populations of that country. Maybe they should invade Saudi Arabia however That certainly had played a much more important role in the and sponsorship in the establishment and diffusion of ideology behind the attacks against the West. but who knows That not there think Putin and remedy to inflict on Saudis and the lesson That punishment they deserve now for a long time... The Kingdom of Obama by contrast are unforgivable why not they have learned nothing from the error committed Iraq and indeed they repeated the same mistake over again without ever doubting their geopolitical choices first Libya then in Egypt and in Syria pushing to the point of ally themselves openly with terrorists Muslims as a result of ideology of left and Third World globalist of President Obama.
=====================
ISLAMIC TERRORISM - We have to save the Christians to defend Israel a way of giving Escape to the men and women from a theocracy terrifying truth and revolution January 16 2013 a commando attacked the jihadi complex of gas of in Amenas in the south of the Algeria killing and seizing dozens of workers almost all foreigners (...). That no one suspected a tragedy of generally the government of Algiers could spread a blanket of silence making it difficult to rebuild facts and even the determination of the exact number of people including victims and assailants were killed. Even today it is is stop budget announced two days after the conclusion of kidnapping according to which 37 citizens foreigners of eight different nationalities a guard of Algerian security and 29 terrorists were killed inside of site of gas. Data That now aroused concern since resulted That the commandos were composed of at least 40 elements. A version closer to reality gave the Arabic daily El Watan revealing the killing of over 30 jihadists while other seven were captured by Algerian forces. The presence of jihadists long infiltrated among the workmen That had offered information and support to terrorist commando logistics. Despite the repression of the Algerian authorities the members of new terrorist group led by Belmokhtar the Mourabitoun they founded several schools for the training of young some suicide bombers of which yes are already sacrificed in Mali Libya and Syria. The ' accidental killing of hostage by special troops Algeria is That an accident it can happen also in the best families but That That shows the interest for the survival infidels not was a priority. During the attack as during the episodes in Kenya who proved of being Muslim with the capability of recite the Quran was save the other slaughtered like dogs. The theory of theological the reference is the verse of the Quran That says " Kill the infidels wherever they are." In the U.S. the last two days the Christians who were killed are only seventy. The massacre is the case in Nigeria. All commentators there are explaining the reasons of the massacre. The massacre is Been organized by the Islamic extremist organization That is a great term because it is That enough someone is more radical That any does the figure of crowds moderate. Compared to Hitler Mussolini was a dictator moderated and compared to Stalin was moderate Khrushchev and so on. if compared to Salafis That of prohibiting Cut the tomato because it can form the sagittal direction the design of cross certainly Brotherhood Muslims are moderate. and those That to Christians want to take away any properties and any law civil law but are willing to let live are moderate compared to those who are there as is killing you kill the dogs angry as exterminate mice of sewer general indifference of a West of insane doing good and Islamically correct of delirious love for Islamic terrorism the Palestinian first and foremost.
The number one question who is was it? Find an easy answer the fundamentalists on the contrary i Salafis That in arabic means fundamentalist but as we begin to learn the language the first step of who is it starts to submission. i Salafis are a group apart Islam is so good. not we must criminalize all for a minority. The fundamentalists there will surely also in Buddhism however not this historical phase massacred foreigners dozens of them then a religion That if interpreted so the integral is a murderer already looks bad.
I would like to recall That the number of Germans That was favorable to the extermination of Jews including the kids was a minority not this he saved the Jews. The majority of the Turks not was favorable for the extermination of the Armenians and in particularly women and of children not this he saved anyone. And ' That enough 20% of the population is in favor of indiscriminate violence on civil because that population is mortally dangerous extremely dangerous potentially genocidal. and as the number one question is in place.
Yes go to question number two why? The explanations are numerous. I choose randomly between the various hypotheses. The attack is Been made in response to some act not of pleasing the government in response to the wickedness of the West bad regardless for destabilize the central government and / or for local inter- start a war. The hypothesis That is the massacre Been made for massacring Christians That for Islam are Infidels is a concept too bad for the average commentator. Islam is a religion founded by a general That he sets with and the sword that sort of killing infidels wherever they are.
the Christians in Nigeria such as those of Senegal such as those of Kenya as the entire population of Israel but also as the whole of the population Europe are the infidels. not all of the people and convinced real Islamic faith want to kill us. The majority just want to dominate us in a position of submissive That it says dhimmi. not is can the Quran forbids it That a Muslim can live with not Muslims respecting and Rights par.
That what the Quran commands of the way we the infidels The Ripper him infidels wherever you find them you can find ( 2191 ) ; Make war infidels That live near you ( 9123 ) ; when you the opportunity arises kill him infidels wherever you find them yes capture (9.5 ) the Jews and Christians are perverts fight them ( 930 ) ; Kill him Jews and Christians if not will convert to Islam or if ¹ of refuse pay the jizya [ tax of humiliation ] ( 929) and Mutilate crucify him infidels if criticizing Islam ( 533 ) Punish the the unbelievers with clothing (drums) of fire of auctions with iron hooks boiling water yes and base their skin the womb ( 2219-21 ) ; every religion other than Islam not is acceptable ( 385 ) not seek peace with the unfaithful ; decapitateli when they take prisoners ( 474 ) and Terrify behead those That believe in other scriptures other than the Qur'an ( 812) i disbelievers are stupid urged the Muslims to fight them ( 865 ) the Muslims not should take infidels as friends ( 328 ) the Muslims must muster all weapons possible for terrorize infidels ( 860 ) the infidels are unclean and not go left go into mosque ( 928). Each islamic That landed in Europe leads with himself and his faith his faith he says kill the infidels wherever they are. We are infidels. Who says That Islam is or can be of a religion peace is That a person wants to believe in an illusion a person very ill informed or just someone That is lying. L ' only possible for peace Islam is submission of the world its precepts. Islam means submission. for the submission thank you but not count on of me. We have to save the Christians That do everything we can for Israel That is under nuclear threat and create for the men and women born of the islam a way of Escape from a theocracy terrifying. We have to get out of the Western world to this strange spell That and he annihilated his criticism its cognitive power obscene mixture of gooders and politically correct. The first step the fundamental one is that not be more justified terrorism. not is Armenian terrorism existed not is existed a Jewish terrorism the Armenians survivors not blew up schools in Istanbul the Jews come out come on not lager have destroyed bus of Berlin. Terrorism springs from a culture of death. Now the prevailing fashion is that terrorism is a reaction to suffering then the terrorist becomes an individual That whatever is right the mere fact That That show has become a terrorist the have stepped on the feet. not there is a Tibetan terrorism and for regarding Osama Bin Laden must have been a terrible shock to be filthy rich.
The second step is suspend the delusion That all religions are equal and they deserve respect. Nothing less That ever a religion must be respected regardless. Nothing and That less ever religions must be of the above criticism. That a religion landed the third millennium with the stoning of adulteresses and the cutting of the right hand thieves is That a religion it must be fought in the name of the man. and of dignity. and of the possibility of to live in peace. and in joy. Worth of to fight for this. of Silvana De Mari 01/30/2014

http//www.ioamolitalia.it/
Editorial. Nosotros Occidente hemos dado la democracia y los derechos de la comida del hombre en la economía china y el colonialismo la invasión islámica. ( El Diario ) - Al igual que Ucrania cae en la guerra civil con Asaltos y las ocupaciones de edificios públicos por los manifestantes y pro -Unión Europea en contra la Rusia de Putin es llegó el Tiempo de oración Padre Francis invitando a evitar " cualquier acción a la acción violenta " y llamando a " un diálogo constructivo entre las instituciones así como la sociedad civil. " Bueno ¿cómo es posible que por un lado la Eurocracia ha transformado en las poblaciones ricas rurales y pobres crecen con el impresionante avance de la queja y el euro el desamor las comparaciones de las partes de la Unión Europea de ¿Quien ha estado reducción de la pobreza por el otro lado el Papa Sostiene implícitamente los promotores de y esta verdad la tercera guerra mundial propia naturaleza financiera? Eso puede el Papa de los pobres sí adosada con i poderes más fuertes?
El caso de Ucrania es emblemática por qué no tiene que ser propósitos politólogos para dudas en la espontaneidad de levantamiento con el tiempo el cual para ser miembro de la Unión Europea es querer de malo. Además de la explosión de guerra civil Ucrania consolida un cuadro aterrador hecho en el nombre de y la democracia los derechos del hombre. En nombre de la democracia Occidente ha desatado guerras militares en Afganistán Irak Yemen Libia y Siria destruirlos al igual que nacional. En nombre de la democracia Occidente ha desatado guerras en Túnez Bahrein los territorios palestinos y Egipto la desestabilización de los gobiernos nacional y el orden público con las adiciones que pongan en peligro una pesada carga de víctimas y Daños en beneficio de los extremistas los islamistas. Un día de un Tribunal Historia condenará a Occidente por estos crímenes contra la humanidad. Nadie de nosotros le gustaba Saddam Gadafi Ben Ali y Mubarak pero no no puede tome en cuenta que las guerras desatadas en nombre de y la democracia los derechos del hombre que destruyó el United Eso Sin embargo asegura un nivel aceptable de subsistencia la reducción la población rural de la pobreza y entregárselo a la locura sanguinaria terroristas islámicos. los muertos que en estas horas contar en Egipto la presencia de el tercer aniversario de deposición de Mubarak no no habría sido si no el Oeste y que quería los medios de comunicación apoyaron la mentira de la "Primavera árabe". La verdad es que Occidente da al sonido de las guerras por la democracia el más débil mientras que con i más fuertes puntos para el interés público y social la razón el Estado como es el caso de China. El rendimiento sobre el régimen de capital de comunista a un paso a la emergencia de China como potencia económica mundial antes de que usted es de traducción de hecho la muerte de y la democracia los derechos del hombre en el plano mundial. Por ahora no existe hacer la devaluación del caso y la democracia la traición de los derechos del hombre. Nuestro gobierno es es forjado para al regresar e Italia Alma Salabaeva Alua hija esposa de Muxtar Ablyazov y empresario kazajo político arrestados y condenados por estafar miles de millones de dólares el Banco BTA. pero nos envió a la India nuestro dos infantes de marina Massimiliano Latorre y Salvatore Girone para no afectar la sal de 12 helicópteros Agusta de Finmeccanica ( aunque no con éxito) a pesar de nuestras leyes para prohibir Entregar investigado o condenado en un Estado el cual en la fuerza de la pena la muerte. El Occidente actúa como organizaciones mundo por la derecha del hombre de la ideología a la izquierda globalista y multiculturalista relativista prejuiciado en contra el United y a favor que los conflictos independientemente de los contenidos y las perspectivas. Que las pruebas que se puede tocar con a mano son Boldrini y la Kyenge Que interesados ​​en los inmigrantes el ajo el italiano. Y la democracia los derechos del hombre que hizo el fin de donde a conocer ayer por el Papa en el Angelus de la ventana de San Pedro atacado por un cuervo y comido por una gaviota. Somos nosotros Occidente que ha cedido la comida y la democracia los derechos del hombre y del colonialismo económico chino invasión islámica hasta el punto en concebir una dictadura financiera positiva y pro-europeo.
de Magdi Cristiano Allam 27/01/2014
=======================
Sí o no para asignaciones dobles o múltiples etc... en el la administración pública?
El caso de Presidente del INPS Antonio Mastrapasqua eso tiene un total de 25 posiciones puestos de dirección en las empresas y el público privado con un flagrante conflicto de intereses que viene a denunciar un ingreso de 12 millones de euros de euro actualmente bajo investigación por evasión de impuestos de 85 millones de dólares de € por de una entidad privada que preside ha puesto de manifiesto la realidad de oficiales funcionarios eso tienen trabajos doble o múltiple Tanto la realidad salarios millonarios repartió en su eran en su contexto donde el Estado es super- endeudados y en Reino Unido hay son 4 millones de dólares y 100 mil italianos eso sea literalmente de hambre.
==================
 Andrea Alemán • hace un día
Gracias Magdi para su la inteligente y Esa reflexión valiente estoy de acuerdo 100 % con la excepción de dos puntos es decir cuando termine de tomar bailar al Papa aludiendo al hecho de que pueden proporcionar apoyo implícito poderes fuertes promotores de la Tercera Guerra Mundial en financiera y cuando dices eso en nombre de la democracia Occidente ha desatado guerras militares en Afganistán Irak Yemen Libia y Siria destruirlos como estados nacional uniendo todos estos países sin distinción e igualando por completo las políticas de Bush y Obama. [Sí las políticas de NWO son a equiparar completamente Porque popoliti en el sistema masónico son no autonomía real ]
Ii que el Papa está haciendo lo que el mejor hacer que es la guía de la Iglesia Católica.
El Papa no puede reemplazar pública los políticos y a los laicos (nosotros) en el la batalla por la libertad en contra el poder fuerte y el Islam ni puede condenar abiertamente el Islam y la llamada a la cruzada en contra de it. No estamos en 1095 no es nuestro Papa es Urbano II no en Europa es más cristiana como era en ese momento no la Iglesia ejerce influencia también de temporal remotamente comparable a la de la naturaleza él años. Todo lo que el Papa puede hacer es tratar de retorno a la Europa y al oeste la fe cristiana ha perdido pero tenía que luchar y para ganar la batalla contra el poder fuerte y la Sus aliados los islamistas. y desde este punto de vista a mí me parece eso Francis Papa está haciendo un gran trabajo. Tal vez Benedicto XVI sí fue empujó y había de alguna manera denunciado la violencia inherente en el Islam con el discurso de Ratisbona pero con resultados contraproducentes y no por lo tanto para la reacción previsible de el mundo islámico pero por uno de una buena parte de el mundo católico y en sobre todo la jerarquía eclesiástica. Fue de hecho obligado por esta reacción dentro de la iglesia para ir la Mezquita Azul de Estambul a orar juntos para el Gran Mufti mirando hacia la Meca frustrando con de este mensaje presentación cualquier ventaja de la queja velada la violencia musulmana en Regensburg. El Reino de Bush invadió Afganistán la respuesta al ataque del 11 de septiembre de 2001 por desmantelar el régimen de los talibanes y de Al Queda y Más seguro el USA Tener el que participan militarmente terroristas musulmanes lejos de Americana del suelo no es así en primer lugar para " exportar la democracia " y la mejora de las condiciones de vida Afghani. en Irak sin embargo cometió el error de querer " exportar la democracia " y la creencia en la libertad la buena fe (no no es de buena fe en el programa fariseos angloamericano Que son i los titulares de NWO y su objetivo era 1000000 exterminio de los cristianos esa cosa es un buen éxito y ahora el pequeño monoranza de cristini unos 100.000 todos piensan día de tener que huir ) Que el origen de terrorismo islámico fueron los regímenes dictatoriales y pro-occidental que hagan y los EE.UU. el Oeste y las condiciones de la opresión la cual se vierte la población rural de ese país. Tal vez ¿Deberían invadir Arabia Saudita sin embargo que sin duda había desempeñado un papel mucho más importante en el y el patrocinio en el establecimiento y Difusión la ideología detrás de los ataques en contra de Occidente. pero ¿quién sabe eso no no creo Putin y el remedio infligir a los saudíes y la lección Que pena que se merecen ahora desde hace mucho tiempo... El Reino de Obama por el contrario son los siguientes imperdonable por qué no no han aprendido nada del error cometido Irak y de hecho se repite el mismo error otra vez sin dudar de sus decisiones geopolíticas en primer lugar Libia a continuación en Egipto y en Siria empujando hasta el punto de aliado abiertamente con ellos mismos los terroristas los musulmanes como resultado de de la ideología la izquierda y el Tercer Mundo globalista Presidente Obama.
=====================
TERRORISMO ISLÁMICO - Tenemos que salvar a los cristianos para defender a Israel una forma de dar Escape a los hombres y las mujeres de una teocracia y terrible verdad la revolución 16 de enero 2013 comando atacó el complejo yihadista de Gas de en Amenas en el sur de la Argelia matanza y Aprovechar las docenas de trabajadores casi todos los extranjeros (... ). Sospecha que nadie de una tragedia Generalmente el gobierno de Argel podría extenderse un manto de el silencio por lo que es difícil de reconstruir hechos e incluso la determinación de el número exacto de personas entre las víctimas y los agresores fueron asesinados. Incluso hoy en día lo que sea es la siguiente detener presupuesto valores anunció dos días después de la conclusión de secuestro según Funcional 37 ¿Qué ciudadanos extranjeros de ocho nacionalidades diferentes un guardia de la seguridad de Argelia y 29 terroristas murieron en el interior del sitio de gas. Fecha Eso ahora despertó preocupación ya que como resultado de esto los comandos se componen de al menos 40 elementos. Una versión más cercana a la realidad dio el diario árabe El Watan que revela la muerte de más de 30 yihadistas mientras que otros siete fueron capturados por las fuerzas argelinas. La presencia de los yihadistas a largo infiltrados entre los obreros Eso había ofrecido información y apoyo a comando terrorista la logística. A pesar de la represión de las autoridades argelinas la los miembros de nuevo grupo terrorista liderado por Belmokhtar el Mourabitoun fundaron varias escuelas para la formación de los jóvenes algunos atacantes suicidas de que sí son ¿Ya sacrificado en Malí Libia y Siria. La " muerte accidental de rehén por tropas especiales Argelia es Que un accidente puede suceder también en las mejores familias pero Eso Eso demuestra el interés por la supervivencia los infieles no era una prioridad. Durante el ataque tan Durante los episodios Kenya quien resultó de ser musulmán con la capacidad de recitar el Corán se ahorre el otro sacrificados como perros. La teoría de la teología la referencia es el verso de el Corán que dice " Matar a los infieles dondequiera que son. " En los EE.UU. los dos últimos días los cristianos los que fueron asesinados son sólo setenta. La masacre es las casas en Nigeria. Todos comentaristas allí están explicando las razones de la masacre. La masacre se Been organizado por la organización extremista islámica eso es Debido a que es un gran término Eso lo suficiente alguien es más radical eso alguno tiene la figura de multitudes moderado. En comparación con Hitler Mussolini era un dictador moderado y En comparación con Stalin era Khrushchev moderado y así sucesivamente. si en comparación a los salafistas Eso para Prohibir Corte el tomate Debido a que puede formar la dirección sagital el diseño de la cruz sin duda de la Hermandad los musulmanes son moderado. y Los Que para los cristianos quieren quitarle ningún las propiedades y las leyes el derecho civil pero son voluntad para dejar en vivo son moderado comparado a los que están allí ya que está matando usted matar a los perros enojados como exterminar ratones de alcantarillado la indiferencia general de Al oeste de locura hacer el bien y de forma islámica correcta de amor delirante el terrorismo islámico el palestino en primer lugar.
El número uno pregunta ¿quién es ¿era? Encontrar una respuesta fácil los fundamentalistas por el contrario i salafistas Que en árabe significa fundamentalista pero a medida que empezamos a aprender el idioma la primera etapa de quién es decir que empieza a la sumisión. i salafistas son un grupo aparte el Islam es tan bueno. No debemos criminalizar a todo para una minoría. El los fundamentalistas habrá seguramente también en el budismo sin embargo no esta fase histórica masacrados los extranjeros decenas de ellos entonces una religión que si interpretada por lo que la integral es un asesino ¿Ya es se ve mal.
Me gustaría recordar que el número de alemanes eso fue favorable al exterminio de los Judios incluyendo los niños era una minoría no es esto que salvó los Judios. La mayoría de los turcos no fue favorable para el exterminio de los armenios y en sobre todo las mujeres y los niños de No esto él salvó a nadie. Y ' Eso lo suficiente el 20% de la población está a favor de la violencia indiscriminada de civiles porque esa población es mortalmente peligroso muy peligroso potencialmente genocida. y que la pregunta número uno es en su lugar.
Sí pase a la pregunta número dos ¿por qué? Las explicaciones son Numerous. Elijo al azar entre las diversas hipótesis. El ataque se Been hizo en respuesta a algunos no acto de placer el gobierno en respuesta a la maldad del oeste malo sin tener en cuenta para desestabilizar al gobierno central y / o local por inter - iniciar una guerra. La hipótesis eso es la masacre de estado hecho para masacrando a los cristianos eso para el Islam son Infieles es decir un concepto muy malo para el comentarista promedio. El Islam es una religión fundada por un general Eso establece con y la espada que más o menos el homicidio los infieles dondequiera que son.
los cristianos en Nigeria como los que de Senegal como los que de Kenia como toda la población de Israel pero también como el conjunto de la población Europa son los infieles. no todos los pueblos Convencida la fe islámica verdadera quieren matarnos. La Mayoría sólo quieren dominarnos en condiciones de sumiso Eso dice dhimmi. No es ¿puede el Corán lo prohíbe eso un musulmán puede vivir con No musulmanes Respetar y Derechos par.
Que lo que los comandos de Corán de la manera nosotros los infieles The Ripper él infieles dondequiera que los encuentres puedes encontrar ( 2191 ); Hacer guerra infieles Que viven cerca de usted ( 9123 ) cuando termine se presenta la oportunidad mátalo infieles dondequiera que los encuentres sí la captura ( 95 ) los Judios y cristianos son pervertidos luchar contra ellos ( 0930 ); Mátalo Judios y Cristianos si no se convertirse al Islam o si ¹ de la basura pagar los impuestos jizya [ de humillación ] ( 929 ) y Mutilar él infieles crucificar si criticar el Islam ( 0533 ) sancionar la los no creyentes con ropa (batería) de fuego de las subastas con ganchos de hierro agua hirviendo sí y básica la piel la matriz ( 2219-21 ) no toda religión diferente al Islam es aceptable ( 385 ) no buscar la paz con el infiel ; decapitateli Cuando toman prisioneros ( 474 ) y Terrify los behead que creen en otras escrituras distintas del Corán ( 0812 ) Yo incrédulos son estúpido instó a los musulmanes para luchar contra ellos ( 865 ) los musulmanes no es así deben tomar los infieles como amigos ( 328 ) los musulmanes deben reunir todas las armas es posible para aterrorizar infieles ( 860 ) el té los infieles son suciedad y no ir a la izquierda entrar en la mezquita (928 ). Cada islámico Eso aterrizó en Europa lidera con Él mismo y su fe La fe dice mata los infieles dondequiera que son. Somos infieles. ¿Quién dice eso el Islam es o puede ser de una religión la paz es Que una persona quiere creer en una ilusión una persona muy mal informados o simplemente alguien Eso está mintiendo. L ' sólo es posible por la paz el Islam es presentación de el mundo de sus preceptos. Islam significa sumisión. para la presentación gracias pero no contar de yo. Tenemos que salvar a los cristianos que hacen todo lo posible para Israel Que es bajo la amenaza nuclear y creado para y los hombres las mujeres nacidas del Islam en la forma de Escapar de una aterradora teocracia. Tenemos que salir del mundo occidental a este extraño hechizo Eso y aniquiló Su crítica su poder cognitivo mezcla obscena de bienhechores y la corrección política. El primer paso el fundamental es que no que no sea más el terrorismo justificado. No es la siguiente el terrorismo armenio existido no es así es ¿Existió terrorismo judío los armenios los sobrevivientes no volaron las escuelas en Estambul los Judios salir vamos no lager han destruido los autobuses de Berlín. El terrorismo nace de una cultura de la muerte. Ahora la moda imperante es que el terrorismo es una reacción al sufrimiento entonces el terrorista que se convierte en un individuo todo lo justo el mero hecho de que que se ha convertido en la feria a un terrorista la han pisado los pies. No hay un terrorismo tibetano y porque En cuanto a Osama Bin Laden no debe haber sido un golpe terrible para ser asquerosamente rico.
El segundo paso es suspender la ilusión de que todas las religiones son iguales y que merecen respeto. Que nada menos alguna vez en la religión debe ser respetada independientemente. Nada y Que menos nunca religiones deben ser del por encima de la crítica. Que una religión aterrizó con el tercer milenio la lapidación de las adúlteras y el corte de la mano derecha los ladrones es que una religión debe ser luchada para el nombre del hombre. y de la dignidad. y de La posibilidad de a vivir en paz. y en alegría. Digno de luchar por esto. de Silvana De Mari 01/30/2014
http//www.ioamolitalia.it/
Editorial. Nous les Occidentaux nous avons tenu la démocratie et les droits de repas de l'homme dans l'économie chinoise et le colonialisme l'invasion islamique. ( Le Journal ) - Tout comme l' Ukraine tombe dans la guerre civile les agressions et professions de bâtiments public par les manifestants et pro -Union européenne contre la Russie de Poutine est est arrivé sur temps de prière Père Francis invitant à éviter «toute action à l'action violent " et appelant à " un dialogue constructif entre les institutions et la société civile. " Eh bien comment est-il possible que d'une part l' eurocratie été transformée dans les populations rurales riches et pauvres ils grandissent avec la progression impressionnante de la plainte et l'euro la désaffection des comparaisons des parties de l'Union européenne de qui a été réduction de la pauvreté d'autre part le pape Soutient implicitement promoteurs de et ce vrai troisième guerre mondiale de ses propres nature financière? Qui peut le pape des pauvres oui mitoyenne avec i pouvoirs plus fortes?
Le cas de l' Ukraine est emblématique pourquoi pas vous devez être des fins des politologues pour doutes sur la spontanéité de soulèvement dans le temps qui à l'Union européenne est vouloir de mauvais. Ainsi que l'explosion de guerre civile Ukraine consolide une image terrifiante faite au nom de et de la démocratie les droits de l'homme. Au nom de la démocratie l'Occident a déclenché des guerres militaires en Afghanistan en Irak au Yémen en Libye et en Syrie les détruire de même que national. Au nom de la démocratie l'Occident a guerres déclenché en Tunisie Bahreïn les territoires les Palestiniens et l'Egypte déstabiliser les gouvernements national et l'ordre public avec des ajouts qui mettent en danger un lourd tribut de victimes et Dommages au profit de extrémistes islamistes. Un jour d'un tribunal Histoire condamnera l'Ouest pour ces crimes contre l' humanité. Aucun de nous a ajouté Saddam Kadhafi Ben Ali et Moubarak mais pas ne peut pas prenez note que les guerres déclenchées au nom de et de la démocratie les droits de l'homme qui a détruit l' Unies qui Cependant a assuré un niveau acceptable de subsistance la réduction de la pauvreté des populations rurales et remettre à la folie sanguinaire des terroristes islamique. la mort que dans ces heures compter en Egypte l' apparition le troisième anniversaire de dépôt de Moubarak pas il n'y aurait pas eu si pas l'Occident et qu'il voulait les médias pris en charge le mensonge de « printemps arabe ». La vérité est que l'Occident donne au son des guerres pour la démocratie les plus faibles tandis que de i fort points à l'intérêt public et économique la raison l'État comme c'est le cas de la Chine. Le rendement du régime de capital - communiste à une étape par l'émergence de la Chine comme puissance économique mondiale devant vous est de traduction en effet la mort de et de la démocratie les droits de l'homme à l'échelle mondiale. Maintenant pas là faire de la dévaluation de l'affaire et démocratie la trahison des droits de l'homme. Notre gouvernement est est forgé pour pour revenir à et l'Italie Alma Salabaeva Alua fille épouse de Muxtar Abliazov et entrepreneur Kazakh politicien arrêtés et condamnés pour avoir fraudé des milliards de dollars la Banque BTA. mais nous avons envoyé vers l'Inde notre deux marins Massimiliano Latorre et Salvatore Girone pour pas affecter le sel de 12 hélicoptères Agusta de Finmeccanica (mais pas succès ) en dépit de nos lois pour interdire livrer étudié ou condamnées dans un État qui en vigueur de la peine la mort. L'Occident agit comme organisations monde pour la droite de l'homme de l'idéologie à gauche mondialiste multiculturaliste et relativiste prévenu contre la United et en faveur de qui les litiges quelle que soit les le contenu et les perspectives. C'est la preuve nous pouvons toucher avec main sont Boldrini et la Kyenge Que vif des immigrants l'ail l'italien. Et de la démocratie les droits de l'homme qui a rendu l'ordonnance de où publiée hier par le Pape à l'Angélus de la fenêtre de Saint-Pierre attaqué par un corbeau et ​​mangé par une mouette. C'est nous l'Occident d'avoir cédé le repas et la démocratie les droits de l'homme et le colonialisme économique chinois invasion islamique au point où la conception d'une dictature financière positive et pro - européenne.
Magdi Cristiano Allam de 27/01/2014
=======================
Oui ou non à les affectations doubles ou multiples etc... dans la l'administration publique?
Le cas de Président de l'INPS Antonio Mastrapasqua Que détient un total de 25 postes des postes de direction dans les entreprises et le public privé un conflit d'intérêts flagrant venant de dénoncer un revenu de 12 millions d'euros de euro actuellement sous enquête pour fraude fiscale de 85 millions de € par d' une entité privée qu'il a présidée a révélé la réalité de cadres fonctionnaires qui occupent des emplois double ou multiple à la fois la réalité de salaires des millionnaires prodiguées dans leur étaient dans un contexte où l'Etat est super- endettés et ​​dans Royaume-Uni il sont 4 millions et 100 mille Italiens qui sont littéralement affamés.
==================
 Andrea allemand • il ya un jour
Merci Magdi pour votre intelligent et Cette réflexion courageuse je suis d'accord à 100% à l'exception de deux points c'est quand vous avez fini de prendre en dansant au pape faisant allusion au fait que peut implicitement soutenir pouvoirs forts promoteurs de la Troisième Guerre Mondiale de financière et quand vous dites qui au nom de la démocratie l'Occident a déclenché des guerres militaires en Afghanistan en Irak au Yémen en Libye et en Syrie les détruire comme les Etats national réunissant tous ces pays sans distinction et complètement assimiler les politiques de Bush et Obama. [ Oui les politiques de NWO sont d'assimiler complètement raison popoliti dans le système maçonnique sont pas d' autonomie réelle ]
Ii que le pape est en train de faire ce que le meilleur faire qui est le guide de l'Eglise catholique.
Le pape ne peut remplacer public les politiciens et aux laïcs (notre) la la bataille pour la liberté contre la puissance fort et l'islam ni ne peut condamner ouvertement l'Islam et l'appel à la croisade contre de it. non nous sommes en 1095 pas notre Pape est Urbain II pas l'Europe est plus chrétienne comme elle y était à ce moment pas l'Église exerçant une influence aussi de temporelle distance comparable à celle de la nature il des années. Tout ce que le pape peut faire c'est essayer de retour à l' europe et à l' ouest Ouest la foi chrétienne a perdu mais nécessaire pour combattre et pour gagner la bataille contre la puissance fort et l' leurs alliés les islamistes. et de ce point de vue pour moi il semble que Francis pape fait un excellent travail. Peut-être Benoît XVI oui a été poussé sur et a en quelque sorte dénoncé la violence inhérente à l'islam avec le discours de Ratisbonne mais avec des résultats contre pas tellement pour la réaction prévisible de le monde islamique mais pour l'un des une bonne partie de le monde catholique et en en particulier la hiérarchie ecclésiastique. Il a été en effet contraint par cette réaction sein de l'Église d'aller la Mosquée bleue d'Istanbul à prier ensemble pour le Grand Mufti face à La Mecque contrecarrer avec de ce message présentation aucun avantage de l' plainte de voilée la violence musulmane à Ratisbonne. Le Royaume de Bush a envahi l' Afghanistan la réponse à l'attaque de 11 Septembre 2001 pour démanteler le régime les talibans et de Al -Qaida et Safer les Etats-Unis ayant les engagés militairement les terroristes les musulmans loin de l'Amérique sol pas tout d'abord pour la «démocratie à l'exportation" et l'amélioration des conditions de la vie Afghani. en Irak cependant a fait l'erreur de vouloir « démocratie à l'exportation" et la croyance dans la liberté la bonne foi ( non il est de bonne foi en la ordre du jour des pharisiens anglo-américaine qui sont i porteurs de NWO et leur objectif était 1000000 extermination des chrétiens That Thing est un bon succès et maintenant le petit monoranza de cristiani environ 100.000 ils pensons tous jours de avoir à fuir ) qui à l'origine de terrorisme islamique sont les régimes dictatoriaux pro-occidental engagés par et aux États-Unis l'Occident et les conditions de oppression qui versé populations rurales de ce pays. Peut-être devraient- ils envahir l'Arabie saoudite toutefois que certes avait joué un rôle beaucoup plus important dans l' et le parrainage dans la mise en place et Diffusion de idéologie derrière les attaques contre l'Occident. mais qui sait que non là pense Poutine et recours à infliger les Saoudiens et la leçon Cette punition ils méritent maintenant pour longtemps... Le Royaume d'Obama en revanche sont impardonnable pourquoi pas ils n'ont rien appris de l'erreur commise en Irak et en effet ils ont répété la même erreur à nouveau sans jamais douter de leur choix géopolitiques d'abord la Libye puis en Egypte et en Syrie en poussant au point de allié ouvertement avec eux-mêmes les terroristes les musulmans à la suite de de l'idéologie la gauche et le Tiers Monde mondialiste de Président Obama.
=====================
TERRORISME ISLAMIQUE - Nous devons sauver les chrétiens à défendre Israël une façon de donner échapper aux hommes et les femmes d'une théocratie et la vérité terrifiante révolution 16 Janvier 2013 commando attaqué le complexe de djihadiste gaz de dans Amenas dans le sud de l' l'Algérie le meurtre et des dizaines de Saisir travailleurs presque tous des étrangers (... ). Soupçonne que personne d'une tragédie En général le gouvernement d'Alger pourrait étendre une couverture de silence ce qui rend difficile à reconstruire les faits et même la détermination le nombre exact de personnes y compris les victimes et les agresseurs ont été tués. Même aujourd'hui il est est arrêtez le budget les titres annoncés deux jours après la conclusion de enlèvement selon fonctionnelle 37 Quels citoyens des étrangers de huit nationalités différentes une garde d' la sécurité algérienne et 29 terroristes ont été tués à l'intérieur du site d' gaz. Date qui maintenant suscité l'inquiétude depuis entraîné Que les commandos étaient composées d'au moins 40 éléments. Une version proche de la réalité a donné le le quotidien arabe El Watan révélant le meurtre de plus de 30 djihadistes tandis que sept autres ont été capturés par les forces algériennes. La présence de djihadistes infiltrés à long Parmi les ouvriers qui avait offert des informations et un soutien aux commando terroriste la logistique. Malgré la répression des autorités algériennes la les membres de nouveau groupe terroriste dirigé par Belmokhtar l' Mourabitoun ils ont fondé plusieurs écoles pour la formation de jeunes certains kamikazes de qui oui sont Déjà sacrifié au Mali la Libye et la Syrie. La «mise à mort accidentelle d' en otage par les forces spéciales l'Algérie est C'est un accident il se peut aussi dans les meilleures familles mais ça ça montre l'intérêt pour la survie les infidèles pas était une priorité. Au cours de l'attaque cours des épisodes le Kenya qui se sont révélés de être musulman avec la capacité de réciter le Coran a été économisez l' autre abattus comme des chiens. La théorie théologique la référence est le verset le Coran qui dit ". Tuez les infidèles partout où ils sont " Aux États-Unis les deux derniers jours les chrétiens qui ont été tués sont seulement soixante-dix. Le massacre est les maisons au Nigeria. Tous les commentateurs là expliquent les raisons de le massacre. Le massacre est Been organisé par l'organisation islamique extrémiste qui est Parce qu'il est un grand terme C'est assez quelqu'un est plus radical que tout fait la figure de la foule modéré. Comparé à Hitler Mussolini était un dictateur modéré et Par rapport à Staline était modéré et Khrouchtchev ainsi de suite. si par rapport à les salafistes qui d'interdire Couper la tomate Parce qu'il peut former le sens sagittal la conception de croix certes Fraternité les musulmans sont modéré. et Ceux qui pour les chrétiens veulent emporter tout les propriétés et toute loi le droit civil mais sont les suivants prêts de laisser vivre sont modérée comparativement à ceux qui sont là comme est en train de tuer vous tuez les chiens colère comme exterminer souris de égout dans l'indifférence générale de Ouest de fou faire le bien et islamiquement correcte de l'amour délirant pour le terrorisme islamique l'Autorité palestinienne d'abord et avant tout.
La question numéro un qui est était-ce? Trouver une réponse facile les fondamentalistes au contraire i salafistes qui en arabe signifie fondamentaliste mais comme nous commençons à apprendre la langue la première étape de qui est il commence à la soumission. i les salafistes sont un groupe à part l'Islam est si bon. non nous devons criminaliser tout pour une minorité. L' les fondamentalistes il y aura sûrement aussi dans le bouddhisme cependant pas cette phase historique massacrés les étrangers des dizaines d'entre eux alors une religion qui si interprété donc l'intégrale est un meurtrier déjà semble mauvais.
Je tiens à rappeler que le nombre d'Allemands qui était favorable à l'extermination des Juifs y compris les enfants était une minorité pas cela il a sauvé les Juifs. La majorité des Turcs et non pas était favorable à l'extermination des Arméniens et en particulier les femmes et les enfants de pas il a sauvé personne. Et « C'est assez 20 % de la population est en faveur d'une violence aveugle en matière civile parce que cette population est mortellement dangereux extrêmement dangereux potentiellement génocidaire. et que la question numéro un est à la place.
Oui passer à la question numéro deux pourquoi? Les explications sont nombreuses. Je choisis de façon aléatoire entre les différentes hypothèses. L'attaque est Been faite en réponse à un acte pas de plaire le gouvernement en réponse à la méchanceté de l' Ouest mauvais peu importe pour déstabiliser le gouvernement central et / ou de local inter- commencer une guerre. L'hypothèse qui est le massacre connaissez fait pour massacrant les chrétiens qui pour l'Islam sont infidèles c'est un concept trop mauvais pour le commentateur moyenne. L'Islam est une religion fondée par un général qui il définit avec et l'épée qui en quelque sorte l'homicide les infidèles partout où ils sont.
les chrétiens au Nigeria tels que ceux du Sénégal tels que ceux du Kenya comme toute la population d'Israël mais aussi comme l'ensemble de la population l'Europe sont les infidèles. pas tous les gens Convaincus la vraie foi islamique veulent nous tuer. La majorité veulent juste nous dominer dans un poste de docile qui dit-il dhimmi. pas est pouvez le Coran l'interdit qui un musulman peut vivre avec non musulmans respect et l'homme par.
C'est ce que les commandes du Coran de la manière nous les infidèles The Ripper lui les infidèles partout où vous les trouvez vous pouvez trouver ( 2191 ) ; Faire la guerre les infidèles qui vivent près de chez vous ( 9123 ) lorsque vous avez terminé l'occasion se présente le tuer les infidèles partout où vous les trouverez oui capture ( 9.5) les juifs et les chrétiens sont pervers se battent entre eux ( 930) ; Tuez-le les juifs et les chrétiens si non va convertir à l'islam ou si ¹ des déchets payer la jizya [ impôt de humiliation ] ( 0929 ) et Estropier crucifie-le infidèles si Critiquer l'islam ( 0533 ) punir le les non-croyants avec vêtements (batterie) de feu de ventes aux enchères avec des crochets de fer de l'eau bouillante oui et de base Leur peau l'utérus ( 2219-21 ) pas toute religion autre que l'Islam est acceptable ( 385 ) pas rechercher la paix avec l' infidèle ; decapitateli Quand ils prennent des prisonniers ( 474 ) et Terrify Ceux décapiter qui croient en d'autres écritures autres que le Coran ( 0812 ) i mécréants sont stupide a exhorté les musulmans les ( 865 battre ) les musulmans pas devrait prendre infidèles comme des amis ( 03h28 ) les musulmans doivent rassembler toutes les armes possible pour terroriser infidèles ( 860 ) le thé les infidèles sont impur et non aller à gauche aller en mosquée ( 09h28 ). Chaque islamique a atterri en Europe conduit à Lui-même et sa foi La foi dit-il de tuer les infidèles partout où ils sont. Nous sommes infidèles. Qui a dit que l'Islam est ou peut -être d'une religion la paix est C'est une personne veut croire à une illusion une personne très mal informés ou juste quelqu'un qui est couché. L ' n'est possible que pour la paix l'islam est communication le monde ses préceptes. Islam signifie soumission. pour la présentation je vous remercie mais non compter sur de moi. Nous devons sauver les chrétiens que tout ce que nous pouvons faire pour Israël qui est sous la menace nucléaire et créé pour et les hommes les femmes nées de l'islam dans la manière de évacuation d'une terrifiante de la théocratie. Nous devons sortir du monde occidental à cette étrange sort et il anéantit Sa critique sa puissance cognitive mélange obscène de pensants et la rectitude politique. La première étape la fondamentale est la suivante que non n'est pas le terrorisme plus justifiée. pas est le terrorisme arménien existé pas est le terrorisme juif existé les Arméniens les survivants pas fait exploser les écoles à Istanbul les Juifs sortez allez pas lager ont détruit bus de Berlin. Le terrorisme naît d'une culture de la mort. Maintenant le mode dominant est que le terrorisme est une réaction à la souffrance alors le terroriste qui devient un individu ce qui est juste le simple fait que qui a le spectacle devenu un terroriste l' ont intensifié sur les pieds. non il ya un terrorisme tibétain et pour ce qui est Oussama Ben Laden ne doit pas être un choc terrible d'être extrêmement riche.
La deuxième étape est suspendre l'illusion que toutes les religions sont égales et ils méritent le respect. C'est rien de moins jamais dans la religion doit être respecté indépendamment. Rien et C'est moins jamais religions doivent être de l' la critique ci-dessus. C'est une religion a atterri avec le troisième millénaire la lapidation des femmes adultères et la coupe de la main droite les voleurs est C'est une religion il doit être combattu pour le nom de l'homme. et de la dignité. et de la possibilité de vivre en paix. et dans la joie. La valeur de se battre pour cela. de Silvana De Mari 30/01/2014

Amnesty International - Pubblicazioni
RAPPORTO 2003

Prefazione

Gli appelli di Amnesty International

Messaggio Segretaria Generale

Panoramica sul 2002

AI in azione

La Sezione Italiana di AI

I Paesi
Africa
America
Asia e Pacifico
Europa
Medio Oriente




Rapporto Annuale 2003



PANORAMICA SUL 2002
Introduzione
Durante tutto l’anno l’agenda politica internazionale e i titoli degli organi di informazione sono stati incalzati dalla "guerra contro il terrorismo" e dalla minaccia della guerra all’Iraq. Sull’onda degli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti d’America e in nome della lotta al "terrorismo", i governi hanno intensificato la repressione degli oppositori politici, hanno compiuto arresti arbitrari e hanno introdotto leggi ad ampio raggio e spesso discriminatorie che hanno minato le vere fondamenta del diritto internazionale sui diritti umani e del diritto umanitario.
Nel frattempo, alla ricerca di sicurezza, politica e profitto, in tutto il mondo i diritti umani fondamentali sono stati calpestati – e le sofferenze di milioni di persone che ne sono derivate sono rimaste largamente ignorate.
In Africa, innumerevoli vite e mezzi di sussistenza sono stati distrutti in conflitti spesso incoraggiati ed armati da potenze esterne, durante i quali sono stati commessi abusi nella più totale impunità. In Colombia così come in Israele e Territori Occupati, Amnesty International (AI) ha risposto alla situazione dei diritti umani che andava rapidamente deteriorandosi mobilitando i propri soci e le proprie risorse per condurre campagne contro l’escalation negli abusi dei diritti umani. L’organizzazione ha anche lanciato una campagna mondiale sui diritti umani nella Federazione Russa che, tra gli altri argomenti, ha evidenziato i gravi abusi compiuti nel lungo conflitto in corso in Cecenia.
Molti degli abusi dei diritti umani registrati durante l’anno da AI sono stati commessi nel contesto di conflitti tra Stati e gruppi politici armati. Le forze governative hanno compiuto esecuzioni extragiudiziali, "sparizioni", torture e altre gravi violazioni, mentre i gruppi armati hanno ucciso civili e hanno commesso altri gravi abusi, tra cui rapimenti e torture, nel tentativo di raggiungere i propri obiettivi politici.
Mentre i governi, in particolare quelli dei Paesi industrializzati, stigmatizzavano i richiedenti asilo e approvavano leggi sempre più restrittive per limitare l’asilo, milioni di persone fuggite dal terrore si sono ritrovate confinate in campi profughi e centri detentivi, sono state respinte ai confini o sono divenute bersaglio di aggressioni razziste.
Mentre i governi e gli organi di informazione dibattevano sul reale o presunto pericolo di armi di distruzione di massa, milioni di persone hanno affrontato la morte o sono state ferite in conflitti alimentati dalla vendita e dal trasferimento di armi a ben noti responsabili di violazioni dei diritti umani.
Mentre l’attenzione del mondo si spostava dall’Afghanistan all’Iraq, milioni di afghani – sia rifugiati, sia quanti erano rimasti nel Paese – hanno dovuto affrontare un futuro incerto nell’insicurezza.
Mentre i governi si preparavano a spendere miliardi di dollari per la guerra, milioni di persone hanno sofferto le offese della povertà e si sono viste negare le cure per l’Hiv/Aids ed altre malattie.
Per tutto l’anno AI ha lavorato incessantemente per far sì che il rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani non fosse eroso dalla "guerra contro il terrorismo". Ha continuato ad esporsi e a fare campagne contro la vasta gamma di abusi che venivano commessi da forze governative e da gruppi politici armati in tutte le regioni del mondo.
L’organizzazione ha iniziato a lavorare in nuove aree di ricerca ed azione nel campo dei diritti economici, sociali e culturali, in seguito all’ampliamento del proprio mandato avvenuto nel 2001. Ha mantenuto accesi i riflettori sull’Afghanistan nel cruciale periodo post-bellico e ha avviato un ufficio sul campo a Kabul, per operare con organizzazioni non governative locali (Ong) per la riforma del sistema giudiziario penale, per affrontare la violenza etnica e per migliorare la condizione femminile. Ha proseguito la sua azione a livello mondiale contro la pena di morte, per i diritti dei rifugiati e sui trasferimenti di armi e attrezzature militari, di sicurezza e di polizia.
AI ha anche potuto vedere il risultato della passata attività di lobby. La costituzione della Corte penale internazionale, avvenuta a luglio, è stato un fondamentale passo avanti della comunità internazionale nella battaglia contro l’impunità. Sebbene la Corte abbia subito attacchi da parte degli Stati Uniti, la sua creazione fa sperare che i responsabili dei peggiori crimini conosciuti dall’umanità possano finalmente essere condotti dinanzi alla giustizia.
La comunità internazionale ha anche assunto un nuovo impegno nella continua lotta per sradicare la tortura. Le Nazioni Unite hanno adottato un Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura che consentirà regolari ispezioni ai luoghi di detenzione da parte di esperti internazionali. A ciò va aggiunto che è entrato in vigore il Protocollo opzionale alla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati.
"Lotta al terrorismo" e diritti umani
Approfittando dell’atmosfera di paura seguita all’11 settembre molti governi hanno ignorato, indebolito o apertamente violato i principi fondamentali del diritto internazionale sui diritti umani e il diritto umanitario.
I diritti delle persone arrestate perché sospettate di appartenere a al-Qa’ida o di essere "terroristi" sono stati diffusamente violati. Più di 600 persone, catturate durante la guerra in Afghanistan, hanno continuato ad essere trattenute nella base statunitense di Guantánamo Bay, a Cuba, senza essere incriminate o poter ottenere assistenza legale. Se fossero stati prigionieri di guerra, questi detenuti avrebbero dovuto essere rilasciati al termine della guerra in Afghanistan. Al contrario, se non fossero stati prigionieri di guerra, avrebbero dovuto essere accusati di un reato riscontrabile oppure rilasciati. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti ha trattato i presunti membri di al-Qa’ida e alle sue affiliazioni come "combattenti nemici" – un concetto applicato ai detenuti indipendentemente dalle circostanze in cui erano stati catturati o trattenuti in custodia (compresi coloro che non erano stati fatti prigionieri in corso di conflitto armato). Sostenendo di essere "in guerra" con al-Qa’ida gli Stati Uniti hanno affermato di avere il diritto di trattenere i "combattenti nemici" fino alla fine della "guerra" – in altre parole, per un periodo di tempo potenzialmente indeterminato e senza i diritti che spettano ai prigionieri di guerra o ai sospetti criminali.
Le forze statunitensi hanno detenuto centinaia di persone anche in Afghanistan. Alcuni di questi prigionieri, a quanto sembra, sono stati ceduti alle milizie del Fronte Unito afghano nonostante fosse noto che queste maltrattavano i detenuti; altri sono stati inviati in Paesi in cui la tortura e i maltrattamenti sono correntemente praticati. In Pakistan, le autorità hanno consegnato più di 400 persone agli Stati Uniti senza richiedere adeguate garanzie per i loro diritti umani, contravvenendo alle norme giuridiche interne sull’estradizione e al principio internazionale del non respingimento (non-refoulement).
Nello Yemen, gli ufficiali americani hanno collaborato con le autorità del luogo per localizzare, colpire con missili ed uccidere sei uomini, uno dei quali era un presunto esponente di spicco di al-Qa’ida. Le informazioni disponibili indicavano che in quell’occasione non si è neppure tentato di arrestare, incriminare o processare il sospetto appartenente di al-Qa’ida.
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non hanno fatto granché per contrastare il sacrificio dei diritti umani in nome della "lotta al terrorismo". Il Consiglio di Sicurezza – che nel 2001 aveva approvato la Risoluzione 1373 che impegnava tutti i governi ad adottare misure contro il "terrorismo" e il suo Comitato per la lotta al terrorismo hanno costantemente rifiutato di permettere ai meccanismi delle Nazioni Unite sui diritti umani di esprimersi o di relazionare in merito a tali iniziative. Nel mese di novembre, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiedeva all’Alto Commissario per i diritti umani di analizzare gli effetti delle misure intraprese nella "lotta al terrorismo". La mancanza di sostegno in seno alla Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani aveva fatto fallire in precedenza un’iniziativa analoga proposta dal Messico.
In tutto il mondo i governi sembrano aver accolto il messaggio che, in tempi di emergenza, ci si può disfare delle norme sui diritti umani. Alcuni hanno cercato di utilizzare la "guerra contro il terrorismo" per dare legittimità alla repressione del dissenso politico e alla propria incapacità nel risolvere vertenze e conflitti interni. Nelle Filippine, gruppi legalmente riconosciuti, incluse alcune organizzazioni per la difesa dei diritti umani, che avevano criticato l’operato delle autorità, sono stati bollati dal governo quale "copertura" di un gruppo armato di opposizione, aumentando la vulnerabilità dei difensori dei diritti umani agli abusi. In Liberia, il giornalista ed attivista per i diritti umani Hassan Bility è stato accusato di appartenere a un gruppo armato di opposizione, gravemente torturato e detenuto in incommunicado senza accusa né processo per sei mesi. Il suo non è stato un caso isolato.
L’introduzione di provvedimenti "anti-terrorismo" che erodono le libertà fondamentali, adottati in molti Paesi nei mesi immediatamente successivi agli attentati dell’11 settembre, è proseguita anche nel 2002. Per fare un esempio, in marzo in India il parlamento ha approvato una legge per la prevenzione del terrorismo che considera ammissibili le confessioni ottenute sotto custodia di polizia nei processi per reati "terroristici". In India tali confessioni sono spesso estorte sotto tortura e il diritto indiano ne impedisce l’utilizzo in tribunale per reati diversi da quelli legati al "terrorismo".
Molti governi hanno giustificato l’adozione di provvedimenti "anti-terrorismo" con la volontà di proteggere i civili da attacchi violenti. AI ha energicamente condannato tali attacchi – tra cui la presa di ostaggi da parte di ribelli ceceni in un teatro di Mosca, gli attentati suicidi di palestinesi in Israele, gli omicidi compiuti da gruppi maoisti in Nepal e i rapimenti effettuati da gruppi politici armati in Colombia – e ha chiesto che i responsabili di tali atti fossero individuati e processati in maniera equa. Tuttavia, nel mondo post-11 settembre, molti governi non hanno parlato di ordine pubblico e giustizia, ma di autodifesa e guerra, una guerra che sembra sempre più essere condotta al di fuori delle norme sui diritti umani e del diritto umanitario internazionale.
Conflitti e impunità in Africa
Lontani dai riflettori della "guerra contro il terrorismo", in Africa i conflitti, la mancanza di sicurezza e la violenza hanno continuato a pesare sulla vita di milioni di persone. Base della violenza sono state lotte mirate principalmente al controllo politico ed economico delle risorse naturali e a farne le spese sono state soprattutto vittime civili.
Se in Madagascar la risoluzione del conflitto ha segnato alcuni progressi, i colloqui di pace per la Somalia e il Sudan non sono riusciti a porre termine alle diffuse violazioni dei diritti umani. In Angola, il conflitto armato in atto da decenni si è concluso con l’annientamento del maggior gruppo armato di opposizione, ma i gravi abusi dei diritti umani sono proseguiti. La Repubblica Centrafricana, la Repubblica del Congo e la Liberia sono stati teatro di nuovi conflitti o di recrudescenza di guerre già in corso.
In Costa d’Avorio, intorno alla metà di settembre è emersa un’opposizione armata che a fine anno è giunta a controllare più della metà del territorio. La Francia ha rafforzato la propria presenza militare nel Paese, inizialmente per proteggere i cittadini stranieri e in seguito per controllare un accordo per il cessate-il-fuoco. Tuttavia, le truppe governative e i movimenti di opposizione situati a nord e ad ovest hanno continuato a combattere, perpetrando gravi violazioni dei diritti umani contro i civili e i combattenti, senza timore di essere chiamati a rendere conto di tali crimini. In varie località sono state rinvenute prove di esecuzioni extragiudiziali ed uccisioni sommarie, ma non sono state seguite da indagini. In un’atmosfera di violenta xenofobia, molti cittadini stranieri, soprattutto originari di Burkina Faso, Liberia e Mali, si sono visti distruggere le case o sono stati uccisi durante raid compiuti dalle forze governative in quartieri poveri. Gli ivoriani provenienti dal nord del Paese hanno subito violenze e vessazioni. Centinaia di migliaia di persone abitanti nelle zone in conflitto e nel sud sono fuggite verso l’ovest e il nord.
Nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), malgrado i negoziati di pace e l’annuncio del ritiro delle truppe straniere, la situazione dei diritti umani è rimasta scoraggiante, con continui combattimenti e attacchi a civili, soprattutto ad est del Paese. Durante i sei anni del conflitto, che ha visto coinvolti almeno sei governi e molti gruppi politici armati, secondo una stima sono morti non meno di tre milioni di persone. Il governo della Rdc ha protestato contro gli abusi commessi dalle forze straniere e, al tempo stesso, ha perseguitato i propri oppositori pacifici. Le affermazioni del governo del Ruanda con cui giustificava in parte il proprio intervento nella Rdc con la protezione della popolazione di etnia tutsi, si sono rivelate false quando i tutsi congolesi, all’inizio dell’anno, hanno attaccato i ruandesi. Le forze ugandesi si sono rese responsabili dell’uccisione di civili non armati nelle zone orientali della Rdc controllate dall’Uganda. Lo Zimbabwe ha ribadito che il suo intervento aveva lo scopo di proteggere la Rdc da aggressioni esterne mentre, al tempo stesso, al proprio interno le forze armate aggredivano i suoi stessi cittadini. Un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha concluso che molte delle parti coinvolte nel conflitto armato non avevano alcuna intenzione di porre termine a una guerra grazie alla quale stavano accumulando ingenti ricchezze personali nel più totale disinteresse per le devastanti conseguenze sulla popolazione.
Anche nella regione dei Grandi Laghi, i responsabili dei persistenti abusi dei diritti umani hanno continuato a godere dell’impunità. In Burundi, tutte le parti coinvolte nel conflitto hanno continuato a commettere crimini di guerra e diffuse violazioni dei diritti umani sulla popolazione civile senza la benché minima prospettiva di essere chiamati a rispondere per le loro azioni. Nel corso dell’anno centinaia di civili inermi sono stati uccisi dalle forze governative in rappresaglia per le attività dei gruppi politici armati. Soltanto in un episodio – l’uccisione, avvenuta in settembre, di un numero di civili inermi compreso tra 174 e 267 – il governo ha riconosciuto la propria responsabilità. Nessuno dei gruppi politici armati ha fatto altrettanto per gli abusi dei diritti umani commessi dalle proprie milizie.
Sebbene durante l’anno nella Repubblica del Congo si siano tenute le elezioni generali e un referendum costituzionale, l’instabilità e le violazioni dei diritti umani sono proseguite nel contesto di un rinnovato conflitto armato. Decine di persone sono state uccise, centinaia di donne sono state stuprate e migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case nella più totale impunità dei responsabili provenienti dalla Repubblica Centrafricana e dai Paesi vicini. Ancora più a nord, in Ciad, la pace ha continuato ad essere illusoria, nonostante i negoziati apparentemente infiniti tra il governo e i suoi oppositori armati.
L’anno ha fatto tuttavia registrare alcuni progressi nella lotta all’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani compiute durante il conflitto in Sierra Leone. Tra questi, l’istituzione del Tribunale speciale per la Sierra Leone, decisa nel 2000 dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite allo scopo di processare i maggior responsabili di crimini contro l’umanità, crimini di guerra ed altre gravi violazioni del diritto umanitario internazionale e la Commissione per la Verità e la Riconciliazione, decisa con l’Accordo di Lomé del 1999.
Mentre la mancanza di partecipazione popolare e di individuazione delle responsabilità sono stati i fattori principali che hanno impedito la soluzione dei conflitti e lo sviluppo, e mentre la lotta per il controllo delle risorse economiche ha fornito il contesto per gran parte dei conflitti africani, il filo rosso che lega tutte queste crisi ha continuato ad essere l’impunità. Fino a quando i leader politici e militari otterranno benefici dal caos che essi stessi creano, i diritti umani dei cittadini africani resteranno senza tutela. Una pace sostenibile non può essere raggiunta attraverso accordi per proteggere chi si è reso responsabile di sistematiche violazioni dei diritti umani e del saccheggio delle risorse naturali. È perciò necessario che sia data maggiore priorità a una più larga partecipazione popolare ai processi di pace e a misure efficaci per porre fine all’impunità, compreso l’impiego dei meccanismi giudiziari regionali ed internazionali.
Spirale di violenza politica in Colombia
Il conflitto in corso in Colombia, pur raccogliendo scarsa attenzione internazionale, rappresenta un’altra situazione tragica per i diritti umani che si è ulteriormente aggravata a febbraio, dopo la rottura dei colloqui di pace fra il governo e il principale gruppo armato d’opposizione, le Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (Farc), Forze armate rivoluzionarie della Colombia.
Dal 1985 le persone uccise sono state più di 60.000, di cui l’80 per cento civili, mentre altre centinaia di migliaia sono state torturate, rapite, costrette a lasciare le loro terre o sono "scomparse". Tutte le parti in causa condividono la responsabilità del perdurare di questo ciclo di violenza. I governi che si sono succeduti non sono riusciti a spezzare i legami tra le forze armate e i paramilitari, o a porre termine all’impunità riguardo alle violazioni dei diritti umani. I paramilitari, appoggiati dall’esercito, hanno continuato a torturare, uccidere o far "sparire" persone ritenute simpatizzanti dell’opposizione senza timore alcuno di essere chiamati a rispondere delle loro azioni. I gruppi armati politici hanno continuato ad effettuare rapimenti, a prendere ostaggi, ad eseguire uccisioni arbitrarie e deliberate ed attacchi indiscriminati e sproporzionati contro obiettivi militari, spesso provocando vittime tra i civili.
In seguito all’elezione a maggio del presidente Álvaro Uribe Vélez, nel mese di agosto il governo ha decretato lo stato d’emergenza. Le amministrazioni che si sono succedute al governo della Colombia negli ultimi 50 anni avevano più volte dichiarato lo stato d’emergenza. Solitamente questo prevedeva la sospensione delle garanzie costituzionali, l’esercizio del potere del governo tramite decreti esecutivi, e ampi poteri alle forze armate in questioni di ordine pubblico. Tutto ciò ha inevitabilmente condotto a gravi e diffuse violazioni dei diritti umani.
Tuttavia, a differenza dei precedenti stati di emergenza, i decreti emessi dal presidente Uribe erano rivolti anche a persone di nazionalità non colombiana, e tesi a limitare l’attività delle organizzazioni internazionali per i diritti umani e delle agenzie umanitarie che operavano nelle zone del conflitto. Nel corso dell’anno, alcune persone di nazionalità straniera che lavoravano per Ong internazionali sono state espulse. Ciò ha contribuito a consolidare il velo di segretezza sulle violazioni dei diritti umani. Il governo Uribe ha inoltre ripetutamente messo in discussione il lavoro di molte organizzazioni per i diritti umani, specialmente quelle costituite da difensori dei diritti umani colombiani, spesso definiti senza mezzi termini "collaboratori della guerriglia".
Il governo ha inoltre adottato misure che hanno ulteriormente trascinato la popolazione civile nel conflitto. Una nuova "rete di un milione di informatori civili", ha chiesto alla gente di collaborare con le forze di sicurezza in attività di controspionaggio, esponendo in tal modo i civili a gravi rischi di ritorsione da parte delle forze di opposizione. La rete, che ha iniziato ad operare in molte parti del Paese, potrebbe inoltre servire a dar man forte ai paramilitari e rendere più labile la distinzione tra gruppi legali e illegali di vigilantes.
Il governo non risolverà la crisi dei diritti umani e umanitaria adottando la linea dura in nome della sicurezza, atteggiamento che tiene in scarsa considerazione i diritti dei cittadini colombiani. L’attuale governo ha ancora a sua disposizione, come del resto le precedenti amministrazioni, una serie di raccomandazioni elaborate dalle Nazioni Unite e da altre organizzazioni internazionali che, se applicate, potrebbero contribuire a risolvere la crisi. A meno che il governo non accetti questa sfida, e i gruppi di opposizione armata non decidano di rispettare il diritto umanitario internazionale, la crisi si inasprirà e sarà ancora una volta la popolazione civile a pagarne il prezzo.
La comunità internazionale può avere un ruolo chiave per far sì che il governo rispetti ed applichi le raccomandazioni espresse più volte dalle Nazioni Unite e da altri organismi internazionali. Tuttavia, alcuni governi stranieri, specialmente quello statunitense, stanno aumentando gli aiuti militari alle forze armate colombiane, nonostante queste continuino a macchiarsi di gravi violazioni dei diritti umani congiuntamente con i paramilitari loro alleati. AI ha usato ogni mezzo possibile per mantenere viva l’attenzione sulla Colombia, e per contestare al presidente Uribe la mancata protezione dei diritti umani da parte del suo governo, esercitando pressioni sulle autorità, sostenendo i difensori dei diritti umani ed effettuando attività di lobby a livello internazionale. AI ha inviato in Colombia sei delegazioni, compresa una missione ad alto livello condotta dalla Segretaria Generale del movimento e ha pubblicato diversi importanti documenti, fra cui rapporti sulla situazione nella zona contesa di San Vicente del Caguán, su diritti umani ed aiuti militari statunitensi alla Colombia, e sugli effetti della politica del presidente Uribe sulla sicurezza.
Russia: Giustizia per tutti
Il 30 ottobre, Irene Khan, Segretaria Generale di AI, si è unita a molti altri attivisti per i diritti umani per celebrare la Giornata del prigioniero politico davanti al quartier generale dei Servizi di sicurezza federale a Mosca. Nel momento in cui Irene Khan accendeva una candela, altre persone in tutto il mondo accendevano candele e firmavano petizioni indirizzate a Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa, per sollecitare un maggior rispetto per i diritti umani. L’evento, assieme ad altre iniziative in tutto il mondo, ha segnato il lancio da parte di AI della principale campagna mondiale dell’anno, Giustizia per tutti, dedicata ai diritti umani nella Federazione Russa.
La campagna si è rivelata tempestiva. Nel quadro del conflitto in Cecenia, per anni AI ha documentato stupri ed altre torture, maltrattamenti, uccisioni extragiudiziali, "sparizioni", e saccheggi da parte dell’esercito russo, così come i gravi abusi commessi dai ribelli. Tuttavia, sullo sfondo dei fatti dell’11 settembre e in seguito alla presa di ostaggi da parte dei ribelli ceceni in un teatro di Mosca, le critiche internazionali su questa spaventosa sequenza di violazioni si sono affievolite nel momento in cui le autorità russe hanno giustificato le azioni intraprese contro i ribelli ceceni nell’ambito della loro "guerra al terrorismo". Inoltre, una risoluzione sulla Cecenia durante la sessione 2002 della Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani è stata respinta. Il monitoraggio sulla situazione in Cecenia è diventato più difficile dopo che le autorità russe hanno rifiutato di prorogare oltre il mese di dicembre la missione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).
AI ha fatto pressione sulla comunità internazionale, in particolare sull’Unione Europea (UE), affinché chiedesse alla Russia di garantire ai giornalisti indipendenti e agli osservatori per i diritti umani, compresi quelli appartenenti ad organizzazioni internazionali, di poter accedere in Cecenia liberamente e senza condizioni.
La campagna sulla Federazione Russa ha inoltre cercato di documentare le diffuse violazioni dei diritti delle persone al di fuori della zona del conflitto ceceno. Tortura e maltrattamenti sono di fatto la norma nelle stazioni di polizia, e le condizioni nei centri di detenzione pre-processuale, sovraffollati ed esposti a malattie, sono generalmente talmente spaventose da costituire trattamento crudele, inumano e degradante. I metodi di tortura abitualmente documentati comprendono pestaggi, scosse elettriche, stupri, uso di maschere antigas fino a provocare il semi-soffocamento delle vittime, e l’immobilizzazione dei detenuti in posizioni dolorose.
Le vittime provengono da ogni strato sociale, ma i più a rischio sono i poveri e gli appartenenti a minoranze etniche. Persino i bambini non vengono risparmiati. I membri di minoranze etniche o di nazionalità diverse sono fermati dalla polizia con frequenza sproporzionata allo scopo di controllarne i documenti di identità, controlli che spesso conducono ad arresti arbitrari o maltrattamenti. Rifugiati e richiedenti asilo incontrano difficoltà anche maggiori in quanto la polizia non riconosce i loro documenti. In alcune regioni, intere comunità sono private di gran parte dei loro diritti economici, politici e civili.
Una delle ragioni per cui le violazioni sono così persistenti risiede nell’impunità di cui godono i responsabili. In tutta la Federazione Russa le vittime si vedono negare il diritto alla giustizia da autorità che ignorano o condonano gli abusi. Le autorità non indagano dovutamente sulle denunce di violazioni dei diritti umani e non chiamano i responsabili a risponderne. Non prendono misure per combattere la violenza a sfondo razziale o i comportamenti discriminatori della polizia. Non si impegnano per proteggere le donne che subiscono abusi sessuali e violenze in famiglia o da parte di agenti dello Stato. E non riescono ad assicurare che la detenzione minorile sia prevista solo quale ultima soluzione.
AI ha riassunto tutte queste preoccupazioni in diversi rapporti e a fine anno ha aperto un centro di documentazione a Mosca. Nuove iniziative sono previste per il 2003.
In tutto il mondo i soci di AI continueranno a premere sul governo russo perché adempia ai suoi obblighi e si faccia garante della tutela e promozione dei diritti umani, affinché nella Federazione Russa vi sia giustizia per tutti.
Israele e Territori Occupati
Si è aggravata la crisi che ha investito i diritti umani, iniziata nel 2000 nel contesto della sollevazione palestinese (nota come al-Aqsa intifada) contro l’occupazione israeliana. La gente è rimasta uccisa o ferita pressoché quotidianamente, case e proprietà sono andate distrutte, e sono state imposte severe restrizioni alla libertà di movimento. I difensori dei diritti umani, tra cui attivisti di AI in Israele e nelle aree sotto il controllo dell’Autorità Palestinese, sono stati esposti a enormi rischi a causa dell’aumento vertiginoso della violenza, con atrocità commesse sia dall’esercito israeliano contro i palestinesi, sia dagli attentati suicidi da parte di gruppi armati palestinesi contro civili israeliani. Il numero di vittime, sia palestinesi che israeliane, è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente e comprende più di 100 bambini palestinesi, in maggioranza vittime di uccisioni illegali da parte dell’esercito israeliano, e 45 bambini israeliani uccisi in attentati compiuti da palestinesi armati. Altre migliaia di palestinesi e israeliani sono rimasti feriti, alcuni rimarranno mutilati per tutta la vita.
Le uccisioni di palestinesi da parte dell’esercito israeliano hanno avuto l’effetto di contribuire all’aumento della violenza all’interno della società palestinese e decine di palestinesi sono stati uccisi illegalmente da altri palestinesi perché sospettati di aver aiutato i servizi segreti israeliani ad eseguire tali uccisioni. Migliaia di palestinesi, tra cui molti minorenni, sono stati arrestati dalle forze israeliane. La maggioranza degli arrestati è stata rilasciata dopo breve tempo, ma centinaia di persone sono state trattenute in detenzione amministrativa senza accusa né processo, sulla base di "prove segrete" senza vi fosse la possibilità né per loro né i loro avvocati di esaminarle o impugnarle in tribunale. Molti detenuti hanno riferito di aver subito maltrattamenti.
Dopo aver ripreso il controllo di gran parte delle zone dell’Autorità Palestinese, l’esercito israeliano ha imposto in tutti i Territori Occupati chiusure e coprifuochi senza precedenti per estensione e durata. Molte città e villaggi palestinesi sono rimasti quasi incessantemente isolati dalle aree circostanti. Queste drastiche misure di punizione collettiva hanno colpito milioni di palestinesi, il cui accesso al posto di lavoro, alla scuola e all’assistenza medica è stato pesantemente limitato se non completamente negato. In diverse occasioni, delegazioni di AI si sono viste negare l’accesso alle città del West Bank e di Gaza dai soldati israeliani e la stessa cosa è successa ad operatori umanitari internazionali, a personale medico e giornalisti.
Due delegazioni delle Nazioni Unite non hanno potuto visitare Israele e i Territori Occupati a causa del rifiuto delle autorità israeliane di concedere loro l’accesso.
Le chiusure, i coprifuochi e la distruzione di proprietà palestinesi hanno avuto come conseguenza la perdita di un grandissimo numero di posti di lavoro e il collasso dell’economia palestinese. La disoccupazione è salita al di sopra del 50 per cento e più della metà della popolazione si è trovata a vivere al di sotto della soglia di povertà, dipendendo per la sopravvivenza quasi esclusivamente da aiuti esterni.
Per tutto l’anno AI ha inviato quasi incessantemente delegazioni in Israele e nei Territori Occupati, molte delle quali hanno dovuto lavorare in situazioni di grave rischio personale, per scoprire e documentare ciò che stava accadendo. Più volte l’organizzazione ha condannato le uccisioni illegali, la distruzione indiscriminata delle proprietà dei civili, la deliberata ostruzione degli aiuti umanitari, l’uccisione di volontari che prestavano assistenza medica e gli attentati suicidi nei confronti di civili. Ha inoltre inviato un messaggio inequivocabile ad entrambe le parti in conflitto: nulla giustifica le azioni deliberate che causano morte e distruzione tra la popolazione civile.
La crisi dei diritti umani in Israele e nei Territori Occupati resta tra le questioni più discusse dalla comunità internazionale, ma anche tra quelle per cui si fa meno. Preoccupazioni per la situazione sempre più critica vengono espresse regolarmente, tra gli altri, da leader mondiali, dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea e dalla Lega Araba. "Pace e sicurezza" sono parole ricorrenti nelle varie iniziative politiche proposte dai principali attori della comunità internazionale, ma i diritti umani non vengono quasi mai menzionati. Ad oggi non sono ancora state prese a livello internazionale misure concrete per far sì che le parti in causa rispettino gli obblighi e gli impegni assunti in materia di diritti umani. Sotto questo aspetto la comunità internazionale ha "tradito" le vittime palestinesi e israeliane.
AI, assieme a molte altre Ong internazionali, israeliane e palestinesi, ha più volte richiesto l’invio in Israele e Territori Occupati di osservatori internazionali che si occupano di diritti umani. Sebbene questa proposta abbia riscosso ampi riscontri a livello internazionale, compresa l’Unione Europea e le Nazioni Unite, la comunità internazionale è stata incapace di intraprendere azioni concrete di fronte al rifiuto di Israele. AI non pretende che in una situazione così complessa l’invio di osservatori per i diritti umani possa risolvere ogni problema. Tuttavia, è dell’opinione che, se fin dall’inizio della crisi attuale fossero stati inviati degli osservatori, la loro presenza avrebbe potuto contribuire a salvare molte vite israeliane e palestinesi. Non è ancora troppo tardi per fare ammenda per gli errori commessi in passato.
Monta la pressione in Iraq
Durante l’anno è cresciuta la minaccia di un intervento militare in Iraq da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati. Nel mese di gennaio il presidente degli Stati Uniti ha definito l’Iraq parte dell’"asse del male", chiedendo in seguito un "cambiamento di regime" nel Paese. Il governo statunitense ha accusato l’Iraq di possedere armi di distruzione di massa, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, armi ritenute una "minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti". A novembre il Consiglio di Sicurezza ha adottato la Risoluzione 1441, che chiedeva all’Iraq l’eliminazione delle sue armi di distruzione di massa. La risoluzione conferiva ampi poteri agli ispettori delle Nazioni Unite, compreso l’"accesso immediato e incondizionato" a qualsiasi sito iracheno, minacciando "serie conseguenze" se l’Iraq non avesse colto "l’opportunità finale" per la cooperazione e il disarmo.
I molti dibattiti sui pro e contro dell’eventualità di una guerra hanno rivelato un’evidente assenza d’interesse per la vita, l’incolumità e la sicurezza della popolazione irachena. Completamente assente dalle discussioni anche qualsiasi considerazione sulla sorte degli iracheni dopo il conflitto o il potenziale "effetto domino" sui diritti umani delle persone che vivono nei Paesi vicini.
Per decenni AI ha documentato e posto al centro delle sue campagne le vaste violazioni dei diritti umani in Iraq. Nel corso dell’anno AI ha lavorato molto per far sì che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite considerasse non solo le possibili conseguenze di un’azione dal punto di vista politico e della sicurezza, ma anche le inevitabili conseguenze che una guerra avrebbe comportato dal punto di vista umanitario e dei diritti umani.
In tutto il mondo i soci di AI hanno inviato petizioni ai propri governi e ai membri del Consiglio di Sicurezza per chiedere la protezione dei diritti della popolazione irachena. Hanno anche evidenziato il possibile prezzo in termini umanitari e dei diritti umani di una guerra in Iraq: civili uccisi dalle bombe o nei combattimenti interni, un massiccio flusso di profughi e la morte di bambini, anziani ed altre persone appartenenti a gruppi vulnerabili a causa della fame e delle malattie in seguito all’effetto dei 12 anni di sanzioni economiche imposte dalle Nazioni Unite. La Segretaria Generale di AI ha chiesto al Consiglio di Sicurezza che l’uso della forza fosse considerato solamente quale ultima risorsa.
AI ha inviato proprie delegazioni nei Paesi vicini all’Iraq, tra cui Giordania, Libano e Turchia, per stimare il possibile impatto di un afflusso di massa di profughi in caso di conflitto. L’organizzazione ha poi ammonito i governi sugli effetti della pericolosità dell’uso di determinate armi e tattiche militari che non tengono conto dei civili. A fine anno, in tutto il mondo i soci di AI rimanevano in stato d’allerta, pronti a rispondere alla crisi umanitaria e dei diritti umani che avrebbe inevitabilmente fatto seguito allo scoppio della guerra.
Afghanistan: un anno di transizione
Mentre la comunità internazionale si concentrava sull’Iraq, iniziava a diminuire l’attenzione sull’Afghanistan – il luogo dell’intervento militare guidato dagli stati Uniti nel contesto della "guerra al terrorismo".
In seguito all’accordo firmato a Bonn con la mediazione delle Nazioni Unite nel dicembre 2001, che aveva il compito di ristabilire la pace dopo la caduta del governo talebano, era stata formata una amministrazione ad interim col compito di governare il Paese fino alla convocazione di una loya jirga (un’assemblea tradizionale con compiti legislativi) d’emergenza nel mese di giugno.
Sebbene per molti aspetti la situazione dei diritti umani sia migliorata, sono state comunque registrate gravi violazioni, specialmente nei confronti delle donne. Queste violazioni sono state facilitate ed esacerbate dalla debolezza delle istituzioni e dalla scarsa sicurezza. Ad esempio, nelle settimane precedenti la loya jirga si è avuto un incremento degli abusi, con intimidazioni verso possibili delegati di sesso femminile.
La loya jirga ha concordato la composizione di un governo di transizione con il compito di guidare il Paese nei 18 mesi successivi. Questo fatto non ha tuttavia fermato le lotte fra fazioni in diverse aree del Paese. Sono continuati anche i bombardamenti degli Stati Uniti e dei loro alleati su presunte postazioni talebane e di al-Qa’ida, che hanno portato a un numero crescente di perdite tra i civili. Nel corso dell’anno più di un milione e settecentomila rifugiati sono ritornati in Afghanistan, con la prospettiva di un futuro incerto. L’impunità è rimasta un grave problema: l’unico caso di passate violazioni perseguito penalmente non fa altro che evidenziare l’incapacità delle attuali istituzioni nell’amministrare la giustizia.
In questa critica fase post-bellica l’approccio di AI si basa sulla convinzione che la garanzia del rispetto dei diritti umani deve essere il fondamento di qualsiasi processo di ricostruzione. A questo scopo, a partire da giugno, AI ha stabilito per un anno la propria presenza sul campo a Kabul. Obiettivo della missione è mantenere i contatti con il governo e le Ong nazionali ed internazionali presenti in Afghanistan, esaminare le questioni chiave relative al sistema giudiziario e stilare raccomandazioni cui possano attingere il governo di transizione, le Nazioni Unite e i governi dei Paesi donatori.
La presenza di AI è stata accolta con favore, giungendo in un momento in cui molti avevano la sensazione che l’attenzione della comunità internazionale stesse abbandonando l’Afghanistan poiché nuove crisi nel mondo stavano acquistando la precedenza. AI ha potuto visitare stazioni di polizia e strutture di detenzione in molte località, offrire solidarietà e sostegno ad attivisti locali per i diritti umani e considerare da vicino la situazione delle donne.
Alla fine dell’anno, l’Afghanistan, nel suo difficile cammino di transizione dopo decenni di guerre ed endemiche violazioni dei diritti umani, aveva ancora molte sfide da affrontare, soprattutto ristabilire la sicurezza, affrontare il problema dell’impunità, costruire le istituzioni e promuovere la protezione delle minoranze.
Rifugiati
In molti Paesi, i governi e i comuni mezzi d’informazione hanno descritto rifugiati e richiedenti asilo quali portatori di guai e persino come "potenziali terroristi", piuttosto che vittime del terrore; come conseguenza, nella maggior parte del mondo essi hanno incontrato notevoli difficoltà nelle loro istanze di protezione. Spesso gli Stati, attraverso politiche e prassi amministrative che di fatto negano l’accesso al loro territorio e rendono difficile le procedure relative alla richiesta d’asilo, hanno diminuito la qualità della protezione ed eroso i diritti fondamentali dei rifugiati, compreso il diritto di chiedere ed ottenere asilo, a non essere detenuti arbitrariamente, nonché di essere tutelati dal rimpatrio forzato nel Paese in cui siano a rischio di persecuzione. Tali diritti non sono rinunciabili, essi sono il minimo necessario per salvaguardare la sicurezza, la dignità e l’integrità dei rifugiati.
L’opinione secondo cui la Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati non sia più adeguata rispetto alla vastità odierna dei flussi di rifugiati è ampiamente diffusa. Questo nonostante l’aggiornamento apportato, nel dicembre 2001, dagli Stati parte alla Convenzione stessa ed al suo protocollo, in una dichiarazione che ha riconosciuto "l’importanza duratura" della Convenzione. Il fatto che molti Stati possano trovare meno conveniente o politicamente scomodo applicarla, non riduce l’importanza della Convenzione quale strumento di tutela dei diritti umani.
In molti Paesi sviluppati, i governi hanno dedicato particolare attenzione al controllo dell’immigrazione per ridurre il numero dei richiedenti asilo, siglando anche accordi bilaterali con i Paesi di provenienza o attraverso azioni unilaterali, dimostrando scarso riguardo nei confronti dei diritti umani o degli obblighi assunti di fronte alla comunità internazionale. Tali risposte sono in netto contrasto con le istanze di protezione dei rifugiati stessi e con le responsabilità assunta da molti Paesi in via di sviluppo che ospitano un gran numero di rifugiati. Questo sbilanciamento mette in luce l’urgente necessità di sviluppare un sistema credibile di solidarietà e responsabilità internazionale, basato sui diritti umani ed orientato alla protezione. Tutti gli Stati dovrebbero adottare provvedimenti, da soli o con l’assistenza e la cooperazione internazionale, per rispettare e tutelare diritti dei rifugiati e trovare soluzioni durature nel tempo.
I governi hanno esercitato crescenti pressioni sui rifugiati affinché scegliessero un rimpatrio "volontario", talvolta in situazioni incerte ed instabili, prima che fosse loro garantito un rientro dignitoso ed in tutta sicurezza. Ad esempio, in molti Paesi industrializzati è emerso un senso di emergenza, molto sfruttato dal punto di vista politico, quale pretesto per rimpatriare molti rifugiati afghani. Ciò è avvenuto proprio nel momento in cui l’Afghanistan aveva un disperato bisogno di risorse per poter rendere sostenibile il rientro e possibile la ricostruzione e mentre gli afghani rifugiati nei vicini Pakistan ed Iran affrontavano gravi problemi di protezione. Trascurando queste problematiche, diversi Paesi europei, principalmente Danimarca, Francia e Regno Unito, ma anche l’Australia, premono per il rimpatrio del loro, pur esiguo, numero di rifugiati afghani. Alcune ambigue dichiarazioni dell’Alto Commissariato per i rifugiati (Acnur) hanno fatto ben poco per richiamare l’attenzione ove questa era maggiormente richiesta, vale a dire sulle persistenti preoccupazioni relative alla protezione delle persone all’interno e ai confini dell’Afghanistan.
Un rimpatrio che sia davvero volontario è uno dei capisaldi di una società post-bellica sostenibile. Tuttavia, una pressione prematura allo scopo di anticipare il rientro toglie il carattere di volontarietà al "rimpatrio volontario" stesso e indebolisce la protezione espressa nella Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati.
In questo scenario, il crescente numero di denunce di abusi e sfruttamento sessuale nei confronti di donne o ragazze rifugiate da parte di operatori umanitari ed altri ha rappresentato un risvolto particolarmente inquietante. I rapporti sull’Africa Occidentale e il Nepal, pubblicati nel corso dell’anno, hanno dimostrato che gli abusi e lo sfruttamento sessuale sono il risultato del protrarsi dell’incertezza che investe milioni di rifugiati. In alcuni casi responsabili delle violazioni erano le stesse persone incaricate della sicurezza dei rifugiati. Mentre il nucleo del problema rimane la risoluzione della situazione precaria affrontata quotidianamente dai rifugiati, emerge la necessità netta ed urgente di un monitoraggio indipendente e di un meccanismo di denuncia applicabile in ogni situazione relativa ai rifugiati, non solo nei campi ma anche nelle aree urbane dove le denunce di abusi sessuali e di altri tipi di sfruttamento sono all’ordine del giorno.
Corte penale internazionale
L’entrata in vigore dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, il 1° luglio, rappresenta il risultato più importante mai raggiunto per assicurare alla giustizia coloro che si sono macchiati dei crimini più tremendi, quali genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra.
Questa conquista rappresenta una pietra miliare, recepita con anni di anticipo rispetto a quanto ci si attendeva, mostra la volontà di gran parte della comunità internazionale di porre fine all’impunità per i crimini più tremendi. L’impunità è da sempre uno dei motivi principali del ripetersi degli abusi e dei conflitti in molte parti del mondo.
L’effettiva ed immediata operatività della Corte dipenderà dall’urgente approvazione di una serie di norme. Ad esempio tutti gli Stati che hanno ratificato lo Statuto di Roma dovranno adeguare la propria legislazione affinché i tribunali nazionali possano indagare e perseguire le persone accusate dei crimini più tremendi, oltre che cooperare pienamente con la Corte stessa. A fine anno, erano pochissimi gli Stati ad aver approvato tali norme. Tutti gli Stati dovranno inoltre firmare, ratificare ed applicare l’Accordo sui privilegi e le immunità della Corte penale internazionale, affinché la stessa possa operare sul territorio dei singoli Stati senza alcun impedimento. Alla fine dell’anno 24 Stati avevano firmato l’Accordo sui privilegi e le immunità, mentre soltanto uno lo aveva ratificato.
La sfida più inquietante nei confronti della Corte è stata data dall’azione svolta dagli Stati Uniti per indebolire la stessa. Esprimendo infatti il timore che le indagini della Corte potessero condurre ad istruttorie e procedimenti di natura politica contro propri cittadini, a maggio gli Stati Uniti hanno sconfessato la loro firma dello Statuto di Roma.
Questa preoccupazione è di fatto infondata poiché le solide garanzie di equità processuale contenute nello Statuto preverranno tali evenienze. Ciononostante, a giugno gli Stati Uniti hanno chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che si apprestava a rinnovare il mandato della missione di peace-keeping in Bosnia-Erzegovina, di includere una clausola che esentasse dalla giurisdizione della Corte i cittadini statunitensi della missione. Quando gli altri 14 membri del Consiglio di Sicurezza avevano dapprima rifiutato la proposta, gli Stati Uniti hanno posto il veto alla prosecuzione della missione nei Balcani. Nonostante la richiesta di più di 100 Paesi a non dar seguito alla richiesta statunitense, il 12 luglio il Consiglio di Sicurezza ha adottato la Risoluzione 1422. Questa prevede un’avocazione automatica al Consiglio di Sicurezza (a meno che lo stesso non disponga diversamente) di tutte le indagini della Corte per 12 mesi (a partire da luglio) di qualsiasi caso veda coinvolti funzionari o personale in servizio o in congedo di nazionalità di Stati che non abbiano ratificato lo Statuto di Roma, per azioni od omissioni connesse ad operazioni decise o autorizzate dalle Nazioni Unite.
Ad agosto il presidente George W. Bush ha firmato la Legge di protezione del personale delle amministrazioni americane. Ai sensi di tale Legge gli Stati Uniti non coopereranno a indagini della Corte che vedano coinvolti propri cittadini, negheranno aiuti militari agli Stati che hanno ratificato il trattato (con alcune eccezioni), e potranno usare "tutte le misure necessarie" per far rientrare negli Stati Uniti chiunque sia detenuto per decisione della Corte.
Gli Stati Uniti hanno inoltre chiesto ai governi del mondo di firmare accordi bilaterali che prevedano di non consegnare o deferire cittadini statunitensi alla giurisdizione della Corte. Essi hanno esercitando forti pressioni sugli Stati affinché aderissero a questa richiesta, in molti casi minacciando di negare aiuti militari. A fine anno erano 17 gli Stati che avevano siglato con gli Stati Uniti accordi bilaterali d’impunità, sebbene nessuno di questi sia stato finora ratificato.
AI ha sollecitato gli Stati Uniti a rinunciare agli attacchi nei confronti della Corte e di unirsi alla comunità internazionale nei suoi sforzi per porre fine all’impunità.
Diritti economici, sociali e culturali
In un mondo globalizzato, dove alcuni dispongono di grandi ricchezze ed opportunità mentre per molti vi è solo miseria e disperazione e dove le parole sono di guerra alle nazioni e non di guerra alla povertà, AI intraprende nuove strade concentrando il suo lavoro non solo sulla giustizia legale ma anche su quella sociale. Attraverso le attività sui diritti economici, sociali e culturali AI intende dimostrare l’interdipendenza dei diritti umani. Tutti i diritti umani hanno un valore intrinseco ma, il rispetto di ciascuno di essi è fondamentale perché siano rispettati tutti nel loro inscindibile complesso. La "sicurezza della persona" sta al cuore dei diritti civili e politici, ma ha scarso significato se le persone muoiono di fame. La strategia di AI sui diritti economici, sociali e culturali è dedicata agli emarginati, coloro che, vivendo la miseria, patiscono gravi e sistematiche privazioni di gran parte dei loro diritti. Assistenza sanitaria, acqua potabile, adeguata alimentazione sono spesso al di fuori della loro portata. Essi sono esclusi dall’istruzione e dal lavoro; molti sono sfollati dalle loro terre; spesso la polizia si rifiuta di entrare nei loro quartieri per difendere le donne dalla violenza o per contrastare attacchi razzisti o per proteggerli dal crimine.
I tentativi di queste persone di ottenere giustizia attraverso i tribunali, la polizia o gli organismi di controllo dello Stato rimangono inascoltati a causa degli svantaggi derivanti da analfabetismo, discriminazione, povertà, oltre che dagli abusi di potere di chi esercita l’autorità. L’accesso degli emarginati ai meccanismi di giustizia è spesso loro negato per motivi etnici, religiosi o linguistici o semplicemente perché la loro povertà detiene scarsa se non nulla influenza sulle decisioni di chi li governa. In un simile contesto donne e le ragazze subiscono un’esclusione ancora maggiore.
AI sostiene che le comunità che patiscono sistematiche o pesanti privazioni dei loro diritti economici, sociali e culturali sono la concreta dimostrazione dell’interdipendenza di tutti i diritti umani.
Nell’intento di migliorare la propria incisività nell’ambito dei diritti economici, sociali e culturali, AI sta cercando di rafforzare le proprie competenze e di costruire legami con altri soggetti da tempo attivi su queste tematiche. Durante l’anno sono stati inaugurati alcuni progetti pilota, comprendenti tematiche quali la condizione dei disabili mentali in Bulgaria, il diritto al lavoro dei palestinesi nei Territori Occupati, la discriminazione socio-economica degli sfollati e dei rifugiati bosniaci e il diritto alla salute dei malati di Hiv/Aids nell’Africa Meridionale ed Orientale.
Il lavoro di AI sui diritti economici, sociali e culturali cerca di portare l’attenzione sugli obblighi che i diversi attori della scena internazionale hanno di rispettate e proteggere tali diritti. Quanto ai diritti civili e politici, l’obbligo primario ricade sui governi nazionali. Tuttavia, anche i governi stranieri, le organizzazioni internazionali e le imprese private possono essere responsabili di violazioni dei diritti economici, sociali e culturali o al contrario adoperarsi affinché questi siano rispettati. Questi soggetti sono legalmente vincolati in relazione ai suddetti diritti, ma esistono anche forti motivazioni etiche che rappresentano un richiamo ad agire affinché obiettivi quali un’istruzione di base universale e lo sradicamento di drammi come la fame e le malattie prevenibili siano raggiunti.
Trasferimenti militari, di sicurezza e polizia
Per tutto l’anno AI ha continuato a chiedere severi controlli sul commercio e il traffico di armi attraverso le disposizioni previste dal diritto umanitario internazionale e della legislazione sui diritti umani. AI ha inoltre incrementato il proprio impegno per impedire il commercio di quelle attrezzature di sicurezza notoriamente usate per la tortura, nonché per persuadere i governi della necessità di basare l’addestramento dei militari e delle forze di polizia sul rispetto dei principi su cui si fondano il diritto umanitario internazionale e la legislazione sui diritti umani.
A metà dell’anno, durante il vertice degli otto Paesi più industrializzati (G8) tenutosi a Calgary, in Canada, AI ha premuto per un maggior controllo sul commercio delle armi. I leader dei G8 hanno accettato di "sostenere lo sforzo dei Paesi africani e dell’Onu nella regolamentazione delle attività di commercio ed intermediazione sul mercato delle armi e nell’eliminazione del flusso di armi illegali verso i Paesi africani e all’interno del continente stesso", nonché di "sostenere la riforma del settore della sicurezza attraverso la creazione di strutture di polizia democraticamente controllate".
A luglio AI ha ospitato un incontro internazionale cui hanno partecipato diverse Ong ed avvocati per mettere a punto il testo di un trattato sul commercio delle armi fondato sul lavoro di un gruppo di Premi Nobel per la Pace. Il trattato proposto codifica gli obblighi degli Stati ai sensi del diritto internazionale, impedendo l’esportazione di armi verso quei Paesi che contribuiscono alla violazione dei diritti umani o che comunque contravvengono alle norme del diritto umanitario.
Mentre il mondo si concentrava sulle armi di distruzione di massa, AI ha chiesto ai governi di evitare l’uso di armi con effetti indiscriminati e ha continuato a raccogliere denunce di violazioni dei diritti umani favorite dalle forniture di armamenti ed armi leggere, specialmente nelle aree di conflitto. Ad agosto, la Sottocommissione delle Nazioni Unite per la promozione e la protezione dei diritti umani ha proposto la nomina di un Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulle armi leggere. AI aveva chiesto l’istituzione di questa figura nel novembre 2001, in occasione di una conferenza internazionale di organizzazioni umanitarie tenutasi a Nairobi, in Kenya, e aveva contribuito alla discussione in seno alla Sottocommissione stessa. A ottobre AI ha presentato una lettera aperta al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite poco prima dell’apertura del dibattito sugli armamenti e le armi leggere. Ha chiesto maggiori controlli sull’esportazione di armi, sul loro trasporto e sulle relative transazioni internazionali. A novembre il Consiglio di Sicurezza ha preso in esame l’ultimo rapporto del Gruppo di esperti che aveva indagato sulla violazione dell’embargo sulle armi e le altre sanzioni imposte alla Liberia. Per tentare di ridurre le violazioni dei diritti umani AI ha auspicato che le raccomandazioni espresse dal Gruppo di esperti sul bando di armi, munizioni ed altre attrezzature militari, rivolte ad entrambe le parti in conflitto in Liberia, restassero in vigore.
AI ha inoltre svolto attività nell’ambito dell’addestramento militare e di polizia. Ha prodotto materiale relativo alle procedure di polizia nei Paesi della Comunità per lo sviluppo dell’Africa del Sud, che è stato ampiamente distribuito nella regione. Allo stesso tempo, ha organizzato attività di formazione, lobby e relazioni esterne, in particolare con la collaborazione di Gruppi AI dell’Africa del Sud. In almeno tre Paesi le autorità hanno iniziato una revisione della propria legislazione in materia.
L’organizzazione ha inoltre pubblicato un rapporto che esamina la mancata promozione e tutela dei diritti umani da parte dell’amministrazione statunitense nell’ambito dell’addestramento del personale militare e di polizia fornito dagli Stati Uniti a oltre 150 Paesi. A seguito della propria attività di lobby, a settembre AI ha ottenuto negli Stati Uniti un vincolo legale che impegna il Segretario di Stato a riferire annualmente al Congresso su "qualsiasi coinvolgimento di militari stranieri o di membri delle forze dell’ordine", addestrati dagli Stati Uniti, in azioni che costituiscano "violazioni dei diritti umani internazionalmente riconosciuti […]". Sia il dipartimento della Difesa sia quello degli Esteri inizieranno a controllare e riferire su violazioni dei diritti umani commesse da personale addestrato dal governo degli Stati Uniti. Gli attivisti di AI negli Stati Uniti hanno sono inoltre riusciti ad avere la meglio sui tentativi del governo di rimuovere il condizionamento sui diritti umani posto dai programmi di assistenza a Paesi stranieri da parte degli Stati Uniti.
Pena di morte
Nonostante durante l’anno il mondo si sia avviato verso una generale tendenza abolizionista, molti Paesi continuano a "giustiziare" i loro detenuti. Nel mese di aprile Cipro ha abolito la pena di morte per tutti i reati, eliminandola dal proprio codice penale militare anche per reati militari quali tradimento e sabotaggio. A giugno, nella Repubblica federale di Jugoslavia, la pena capitale è stata abolita nel Montenegro, l’unica parte del Paese dove questa resisteva. Ad agosto è stato il turno della Turchia che l’ha abolita per reati commessi in tempo di pace.
A fine anno, i Paesi abolizionisti per tutti i reati erano 76. Altri 15 avevano abolito la pena di morte tranne nel caso di reati eccezionali in tempo di guerra. Almeno 20 Paesi sono abolizionisti de facto, ovvero non la applicano da almeno 10 anni e si ritiene che abbiano adottato la prassi di non eseguire condanne o che si siano assunti quest’impegno a livello internazionale. Altri 84 Paesi e territori mantengono la pena capitale, sebbene non tutti abbiano comminato o effettuato esecuzioni durante l’anno.
Il 25 aprile, per il sesto anno consecutivo, la Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani ha adottato una risoluzione che chiede la moratoria sulle esecuzioni. La risoluzione chiede inoltre agli Stati mantenitori di non applicarla per "reati non violenti come […] relazioni sessuali tra adulti consenzienti".
Il 21 febbraio, il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha adottato il Protocollo n.13 alla Convenzione europea per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali (Convezione europea sui diritti umani). Si tratta del primo trattato internazionale che prevede l’abolizione della pena di morte in ogni circostanza, senza eccezione alcuna. All’apertura delle firme avvenuta il 3 maggio a Vilnius, in Lituania, il Protocollo è stato firmato da 36 dei 44 Stati membri del Consiglio d’Europa, dichiarando la propria intenzione di diventarne Parti. Il Protocollo entrerà in vigore tre mesi dopo la ratifica di almeno 10 Stati. A fine anno erano cinque i Paesi ad averlo ratificato.
A maggio, a Roma, è stata fondata la Coalizione mondiale contro la pena di morte. Nata come derivazione del primo Congresso mondiale contro la pena di morte, tenutosi a Strasburgo, in Francia, nel giugno 2001, questa coalizione riunisce organizzazioni nazionali ed internazionali per i diritti umani, tra cui AI, ordini degli avvocati, sindacalisti ed autorità locali e regionali. In una dichiarazione resa il 13 maggio, l’Alta Commissaria per i diritti umani, Mary Robinson, ha descritto il suo lancio come "una importante pietra miliare verso una campagna internazionale permanente per la limitazione e, in prospettiva, verso l’eliminazione dell’uso della pena di morte ovunque nel mondo".
Nel frattempo le esecuzioni continuano e nel corso dell’anno sono state "giustiziate" almeno 1.526 persone in 31 Paesi ed almeno 3.248 sono state condannate a morte in 67 Paesi. Queste cifre comprendono solo i casi noti ad AI, le cifre reali sono certamente più elevate.
Gran parte delle esecuzioni effettuate nel mondo hanno avuto luogo in una manciata di Paesi. Nel corso dell’anno il 90 per cento del totale delle condanne sono state eseguite in Cina, Iran e Stati Uniti.
  • In Cina le prime stime indicano l’esecuzione di almeno 1.060 persone, molte delle quali non hanno ricevuto un equo processo. Si ritiene tuttavia che il numero reale sia molto più alto.
  • In Iran sono state eseguite almeno 113 condanne.
  • Negli Stati Uniti sono state eseguite 71 sentenze, comprese quelle di tre persone che al momento del reato di cui sono state ritenute colpevoli avevano meno di 18 anni.


© Amnesty International - Sezione Italiana - http://www.amnesty.it/
per maggiori informazioni: info@amnesty.it