not to answer my any questions

  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 minuto fa
    since you insist yourself not to answer to my: any questions? because: 1. you have the symbol of the head of a skeleton? because: 2. call yourself "dark"? because, 3. all this to your allies like Saudi Arabia is very good? --- ANSWER -> I will not speak NEVER WITH YOU: forever! UniusRei3 UniusRei3 ha pubblicato un commento 2 minuti fa so it's only fair for me to hurt you: with all your accomplices and criminals! Today ruin to death: 1 million: of criminal: of course! But, you're a troll: you will not answer, at my questions, because you're paid by the CIA, to make me tired .. But, this is impossible because my energy and power: grows with time! Rothschild would have to kill me: 4 years ago! but now it's too late! because if he killed a man: who is nobody? he will would become: "nobody" more faster!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    6 minuti fa
    But, you're a troll: you will not answer, at my questions, because you're paid by the CIA, to make me tired .. But, this is impossible because my energy and power: grows with time! Rothschild would have to kill me: 4 years ago! but now it's too late! because if he killed a man: who is nobody? he will would become: "nobody" more faster! Rothscild avrebbe dovuto uccidermi 4 anni fa! ma, oggi è troppo tardi! perché se lui uccidesse: un uomo che non è nessuno? anche lui diventerebbe nessuno rapidamente!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    10 minuti fa
    @666 IMF CIA --> you are garbage: and all the world Satanists and Freemasons: is garbage: why, here. everything, will burn, very Quickly: all the poor: will kill all the rich, all over the world! This is what Rothschild has designed! if a politician talks about the seigniorage banking? ends up in the sewer: in a day, Because: Jews have the monopoly of Each resource: media, financial and policy here in youtube? Explained everything is very well! with this system is the Jewish Masonic? is no more possible for an honest man to reach the power (even Hitler HAD His Reasons)! Because everything here. must be burned by fire Atomic: Very soon!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    16 minuti fa
    Everyone knows that! is for things that I said that Kennedy is dead and that was also possible to do: 11-09! but, you know why: 1. you have the symbol of the head of a skeleton? because: 2. call yourself "dark"? because, 3. all this: is good, for your allies like Saudi Arabia? istitutions are REGIME: not people: you are seigniorage banking(as freemasonry, ie occult society) that is all against Costitution . merican is not satanists, why satanists only are criminal: but, they have seized power through the masonry.. Ron Paul is my fried... with this system is the Jewish Masonic? is no more possible for an honest man to reach the power (even Hitler had his reasons)! because everything here. must be burned by fire Atomic: Very soon!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    34 minuti fa
    el satanismo es el poder del FMI para destruir a Israel: es decir, cualquier valor humano. Yo no hago: el sacrificio humano: de los niños: en el altar de su Satanás! Los satanistas son todos de América: las instituciones: el Gobierno de la misma: EE.UU., la CIA, la masonería, los grupos de presión judíos del FMI! Si no se detienen: al spam? Yo te exorcizar, en nombre de Jesu los satanistas: Begone de Rothscild, y: 322 Bush!. IDIOTAS! No es MOHAMMED: El verdadero musulmán: ¿POR QUÉ SE FUE UN CRIMEN MALO! ! Abraham era un verdadero musulmán he aquí la razón: donde vienen: el dinero de Arabia Saudita (sus aliados), el Islam se convierte en malo! Usted es la peor asesina: sólo en Siria: todas las religiones vivieron como hermanos, en primer lugar, que llegó a su mal, es decir, el imperialismo masónico, de la banca señoreaje: el Fondo Monetario Internacional (Gran Satán)! los peores: los satanistas asesina: en Arabia Saudita (pequeño Satán)? son sus aliados!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    satanism is the power of IMF for destroy Israel: ie any human value, no! not me, I do not do: human sacrifice: of children on the altar of your Satan! Satanists are all American: institutions: the same Government of USA, CIA, freemasonry: 322, 666, Jewish lobbies of the IMF! If you do not stop to spam? on my page? I will exorcise you; in Jesu's name! begone satanists of Rothscild and Bush 322... after? you begin to feel bad! IDIOTS! It is NOT MOHAMMED: THE TRUE MUSLIM: WHY HE WAS A BAD CRIME! Abraham was a TRUE MUSLIM! here's why: where: come: Saudi Arabia's money (your allies 666), Islam becomes bad! You are the worst murderess satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    56 minuti fa
    @666 Synnek1 --- > You are the worst murderess satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies! IDIOTS! It is NOT MOHAMMED: THE TRUE MUSLIM: WHY HE WAS A BAD CRIME! Abraham was a TRUE MUSLIM! here's why: where: come: Saudi Arabia's money (your allies 666), Islam becomes bad! If you do not stop to spam? on my page? I will exorcise you; in Jesu's name! begone satanists of Rothscild and Bush 322... after? you begin to feel bad!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Thank you MarlaMarleen: to you, and to all people good! Thank you for your high level of civility and responsibility, but we must say that our leaders as Masons, have wanted to train a generation of monsters and Satanists, all hatred for Jesus Christ! because they are the sons of darkness! but the extent of Wrath of God, is coming to its height: is the end! will end. very early, the bad life, of this vicious of evil 322 666, accomplices of all thieves satanists criminals of the IMF! MarlaMarleen ha pubblicato un commento 1 ora fa Good morning from Germany I'm confused, once again new fakes. you've enjoyed no education. Scatological language disgusts me You want be taken seriously? Without manners? Greeting at UniusRei3 and other reasonable user
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    shalom + salam = blessings to all Religions and to all Peoples! die satana! This is the chice the Word of God, today, God works miracles, very happy when we do not think selfishly to us, but we ask the happiness and welfare of all mankind .. MarlaMarleen ha pubblicato un commento 58 minuti fa Be blessed @ UniusRei3 --ANSWER--> I have already been to church! I go to Mass every Sunday! But, Obama is a murderess, a true Satanist of Mason, in fact, witchcraft is taught in American schools: while every Christian symbol was denied, in fact, he has publicly made ​​it impossible to out-source the Christian religion: he has done everything to damage Christianity is why cannibalism of Satanists: is spreading throughout all society, as a cancer!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [power unius rei : the fait in universal brotherhood ]2 Kings 4:42-44 Feeding of a Hundred 42 A man came from Baal Shalishah, bringing the man of God twenty loaves of barley bread baked from the first ripe grain, along with some heads of new grain. "Give it to the people to eat," Elisha said. 43 "How can I set this before a hundred men?" his servant asked. But Elisha answered, "Give it to the people to eat. For this is what the Lord says: 'They will eat and have some left over. '" 44 Then he set it before them, and they ate and had some left over, according to the word of the Lord. MarlaMarleen ha pubblicato un commento 52 minuti fa I'm sure Obama will get his lesson. Check out the videos of Michelle, before his first candidacy. They unmask this 'lady'. The second Angela Merkel. Now it's late, see ya
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Unius REI: is love that is present: in all religions! my philosophy is that of Buddha and of Gandhi [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] Ephesians 4, Unity and Maturity in the Body of Christ! 4 As a prisoner for the Lord, then, I urge you to live a life worthy of the calling you have received. 2 Be completely humble and gentle; be patient, bearing with one another in love. 3 Make every effort to keep the unity of the Spirit through the bond of peace. 4 There is one body and one Spirit, just as you were called to one hope when you were called ; 5 one Lord, one faith, one baptism; 6 one God and Father of all, who is over all and through all and in all. --ANSWER--> ONE God: YHWH! one Jewish Temple: freedom of religion for all! or die in WW 3 ° nuclear! This is an appeal to Muslims, Hindus, Buddhists and Communists
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    if governments do not hear my voice? nobody's life will be safer around the world!... se i governi non ascolteranno la mia voce? la vita di nessuno: sarà più al sicuro in tutto il pianeta! Obama - your satanists. that: you have infiltrated into google? they have stolen: block, from me, ADSL, this is the respect that you have of the 1: AMENDMENT! [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] evil of satanists Americans (Great Satan) FMI: and Sharia (the little Satan) is very big ! this is evident to all! their goal is the destruction of Israel! to subdue all peoples in one bondage! and this I have already made ​​through the IMF!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ]14 After the people saw the sign Jesus performed, they began to say, "Surely this is the Prophet who is to come into the world." 15 Jesus, knowing that they intended to come and make him king by force, withdrew again to a mountain by himself. @ Jew: because: hate a person like that: good, an your own brother? the feelings of Jesus to the people are wonderful, because: while he was fasting: for himself (his Ramadan): then he sfamava the hungry crowd! @Ebreo: perché: odiare una persona così: buona, un tuo fratello? i sentimenti di Gesù per il popolo: sono meravigliosi, perché: mentre lui faceva il digiuno: per se stesso(il suo ramadan): poi lui sfamava la folla affamata!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Islam's Sharia law, of the Salafis, Islamists, Muslim brothers, etc. .. ? sure, is worse, than, the Nazis! and it is this: the reason: of the IMF, to do the 3 ° WW nuclear, to destroy all religions, and to raise the Satanism, in all the world! but, this is one reason that Rothschild has built, because the Saudis are idiots! but the true Islam, is holy and peaceful, like any other religion! If the Illuminati and the Freemasons, ie, the most evil men the world, they have taken: control of the people, because, we do not think that even more bad Muslims, have seized control of Islam?
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    You are the worst murderess satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies! tu sei lo assassino peggiore: proprio in Siria: tutte le religioni vivevano come fratelli, prima: che arrivava la vostra malvagità, cioè, l'imperialismo massonico del signoraggio bancario: il FMI(grande satana)! daltronde? i peggiori criminali: l'Arabia Saudita(piccolo satana)? sono proprio i vostri alleati!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    2 ore fa
    Thank you MarlaMarleen: to you, and to all people good! Thank you for your high level of civility and responsibility, but we must say that our leaders as Masons, have wanted to train a generation of monsters and Satanists, all hatred for Jesus Christ! because they are the sons of darkness! but the extent of Wrath of God, is coming to its height: is the end! will end. very early, the bad life, of this vicious of evil 322 666, accomplices of all thieves satanists criminals of the IMF! I have already been to church! I go to Mass every Sunday! But, Obama is a murderess, a true Satanist of Mason, in fact, witchcraft is taught in American schools: while every Christian symbol was denied, in fact, he has publicly made ​​it impossible to out-source the Christian religion: he has done everything to damage Christianity is why cannibalism of Satanists: is spreading throughout all society, as a cancer!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    AttackYourTube -- too many children have lost their father, who made ​​suicide, because of the IMF( (.. recession disocuppazione, mortgage, insolvency inevitable)), or that were killed by the wars that the IMF has done: so my children are luckier of all orphans: I have taken the Holy Spirit to My services: as: tutor! if you you understood the humility of God? you would be very surprised .. fools! But if Satan himself is inadequate against me: what you can do: or Rothschild, what he can do? you are going to meet your destruction!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    [Results of Disobedience: for masonic(occult) system of banking seigniorage: is curse for do Shoah! Deuteronomy] 28:15 "But if you ignore, 21, the Lord your God and are not careful to keep all his commandments and statutes I am giving you today, then all these curses will come upon you in full force: 22, 28:16, You will be cursed in the city and cursed in the field. 28:17 Your basket and your mixing bowl will be cursed. 28:18, Your children, 23, will be cursed, as well as the produce of your soil, the calves of your herds, and the lambs of your flocks. 28:19, You will be cursed when you come, in and cursed when you go out. 24, Curses by Disease and Drought
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    stopyouporntubesatan ha pubblicato un commento 14 ore fa [Results of Disobedience: for masonic(occult) system of banking seigniorage: is curse for do Shoah! Deuteronomy] 28:20 "The Lord will send on you a curse, confusing you and opposing you, 25, in everything you undertake, 26, until you are destroyed, and quickly perish because, of the evil of your deeds, in that, you have forsaken me. 27, 28:21, The Lord will plague you, with deadly diseases, 28, until he has completely removed, you, from the land you are about to possess. 28:22, He 29, will afflict you with weakness, 30, fever, inflammation, infection, 31, sword, 32 blight, and mildew; these will attack you until you perish.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    @synnek1 666 CIA IMF --> James Holmes is only a satanist: like you! and we all know the CIA (Satanism institutional, for system of Masonic: of banking seigniorage) can prepare well its criminal: and his crime! James Holmes è soltanto un satanista! e si sa: la CIA(il satanismo istituzionale: del sistema massonico del signoraggio bancario): sa preparare bene i suoi criminali! fools! But if Satan himself is inadequate against me: what you can do: or Rothschild, what he can do? you are going to meet your destruction! sciocchi! ma, se satana stesso è inadeguato contro di me: cosa potete fare voi o Rothscild? voi state andando incontro alla vostra rovina

YouTube

YouTube

557967 iscritti
68363661 visualizzazioni video

Satanismus ist die Macht des IWF für die Vernichtung Israels: dh jede menschliche Wert. Ich tue es nicht: Menschenopfer: der Kinder: auf dem Altar des Satans! Satanisten sind alle Amerikaner: Institutionen: die gleiche Regierung: USA, CIA, Freimaurerei, jüdischen Lobbys des IWF! Wenn Sie nicht zu stoppen: zu Spam? Ich werde Ihnen auszutreiben, in Jesu Namen begone Satanisten: von Rothschild, und: Bush 322!. Idioten! Es ist nicht Mohammed: Die wahre Muslim:! WARUM er ein schlechter Verbrechen war ! Abraham war ein wahrer Muslim hier ist warum: wo kommen: Saudi-Arabien das Geld (Ihre Verbündeten), wird der Islam schlecht! Sie sind das Schlimmste Mörderin: nur in Syrien: alle Religionen lebten als Brüder, erstens, das kam euren bösen, dh dem Imperialismus Freimaurer, des Bankwesens Seigniorage: Der IWF (Großer Satan)! das Schlimmste: Mörderin Satanisten: in Saudi-Arabien (kleine Satan)? sind nur Ihre Verbündeten!

American is not satanists, why satanists only are criminals: but, they have seized power through the masonry.. Ron Paul is my fried

el satanismo es el poder del FMI para destruir a Israel: es decir, cualquier valor humano. Yo no hago: el sacrificio humano: de los niños: en el altar de su Satanás! Los satanistas son todos de América: las instituciones: el Gobierno de la misma: EE.UU., la CIA, la masonería, los grupos de presión judíos del FMI! Si no se detienen: al spam? Yo te exorcizar, en nombre de Jesu los satanistas: Begone de Rothscild, y: 322 Bush!. IDIOTAS! No es MOHAMMED: El verdadero musulmán: ¿POR QUÉ SE FUE UN CRIMEN MALO! ! Abraham era un verdadero musulmán he aquí la razón: donde vienen: el dinero de Arabia Saudita (sus aliados), el Islam se convierte en malo! Usted es la peor asesina: sólo en Siria: todas las religiones vivieron como hermanos, en primer lugar, que llegó a su mal, es decir, el imperialismo masónico, de la banca señoreaje: el Fondo Monetario Internacional (Gran Satán)! los peores: los satanistas asesina: en Arabia Saudita (pequeño Satán)? son sus aliados!

satanisme est le pouvoir du FMI pour détruire Israël: c'est à dire toute valeur humaine. Je ne fais pas: le sacrifice humain: des enfants: sur l'autel de votre Satan! Satanistes sont tous américains: les institutions: le gouvernement même des Etats-Unis, la CIA, la franc-maçonnerie, les lobbies juifs du FMI! Si vous ne vous arrêtez pas au spam? sur ma page? Je vais vous exorciser; au nom de Jesu satanistes Sus de Rothscild, et Bush 322!

après? vous commencez à sentir mauvais! IDIOTS! Il n'est pas MOHAMMED: Le vrai musulman: pourquoi il était un CRIME BAD! Abraham était un vrai musulman voici pourquoi: où viennent: l'argent de l'Arabie saoudite (vos alliés), l'islam devient mauvais! Vous êtes les pires satanistes meurtrière: il suffit de en Syrie: toutes les religions vivaient comme des frères, d'abord, qui est venu ton mal, c'est à dire, l'impérialisme maçonnique, de la banque seigneuriage: le FMI (Grand Satan)! d'ailleurs? le pire: les satanistes meurtrière en Arabie Saoudite (petit Satan)? ne sont que vos alliés!

Satanism is the power of the IMF for destroy Israel: ie any human value, no! not me, I do not do: human sacrifice: of your children on the altar of Satan! Satanists are all American: institutions: the examination of the U.S. Government, CIA, freemasonry: 322, 666, Jewish lobbies of the IMF! If you do not stop to spam? on my page? I will exorcise you, in Jesu's name! Begone Bush Satanists of Rothschild and 322 ... after? you begin to feel bad! IDIOTS! It is NOT MOHAMMED: THE TRUE MUSLIM: WHY HE WAS A BAD CRIME! Abraham was a TRUE MUSLIM! Here's why: where: how: Saudi Arabia's money (your Allies 666), Islam Becomes bad! You are the worst murderess Satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, That CAME your evil, ie, Masonic imperialism, of seigniorage banking: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess Satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your Allies!
no! not me, I do not do: human sacrifice: of children on the altar of your Satan! no! You are the worst murderess satanists: just in Syria: all religions lived as brothers, first, that came your evil, ie, imperialism Masonic, of banking seigniorage: the IMF (Great Satan)! incidentally? the worst offenders: murderess satanists in Saudi Arabia (little Satan)? are just your allies!
  • Islam's Sharia law, of the Salafis, Islamists, Muslim brothers, etc. .. ? sure, is worse, than, the Nazis! and it is this: the reason: of the IMF, to do the 3 ° WW nuclear, to destroy all religions, and to raise the Satanism, in all the world! but, this is one reason that Rothschild has built, because the Saudis are idiots! but the true Islam, is holy and peaceful, like any other religion! If the Illuminati and the Freemasons, ie, the most evil men the world, they have taken: control of the people, because, we do not think that even more bad Muslims, have seized control of Islam?
  • NightDarothic
    NightDarothic ha pubblicato un commento
    9 minuti fa
    Allah is Satan, Islam is Worst Than Nazism.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ] 6, Some time after this, Jesus crossed to the far shore of the Sea of Galilee (that is, the Sea of Tiberias), 2, and a great crowd of people followed him because they saw the signs he had performed by healing the sick. 3, Then Jesus went up on a mountainside and sat down with his disciples. 4, The Jewish Passover Festival was near. 5 When Jesus looked up and saw a great crowd coming toward him, he said to Philip, "Where shall we buy bread for these people to eat?" 6 He asked this only to test him, for he already had in mind what he was going to do. 7, Philip answered him, "It would take more than half a year's wages[a] to buy enough bread for each one to have a bite!"
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    12 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ] 8, Another of his disciples, Andrew, Simon Peter's brother, spoke up, 9, "Here is a boy with five small barley loaves and two small fish, but how far will they go among so many?" 10, Jesus said, "Have the people sit down." There was plenty of grass in that place, and they sat down (about five thousand men were there). 11, Jesus then took the loaves, gave thanks, and distributed to those who were seated as much as they wanted. He did the same with the fish. 12, When they had all had enough to eat, he said to his disciples, "Gather the pieces that are left over. Let nothing be wasted." 13 So they gathered them and filled twelve baskets with the pieces of the five barley loaves left over by those who had eaten.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    13 minuti fa
    [ John 6; John 1-15 : Jesus Feeds the Five Thousand ]14 After the people saw the sign Jesus performed, they began to say, "Surely this is the Prophet who is to come into the world." 15 Jesus, knowing that they intended to come and make him king by force, withdrew again to a mountain by himself. @ Jew: because: hate a person like that: good, an your own brother? the feelings of Jesus to the people are wonderful, because: while he was fasting: for himself (his Ramadan): then he sfamava the hungry crowd!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    20 minuti fa
    if governments do not hear my voice? nobody's life will be safer around the world!... se i governi non ascolteranno la mia voce? la vita di nessuno: sarà più al sicuro in tutto il pianeta! Obama - your satanists. that: you have infiltrated into google? they have stolen: block, from me, ADSL, this is the respect that you have of the 1: AMENDMENT! Obama -- i tuoi satanisti. che: tu hai infiltrato in google? loro hanno sottratto a me la ADSL; questo è il rispetto che, tu hai del 1°: EMENDAMENTO! [(hanno bloccato nuovamente la mia ADSL)]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    31 minuti fa
    [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] evil of satanists Americans (Great Satan) FMI: and Sharia (the little Satan) is very big ! this is evident to all! their goal is the destruction of Israel! to subdue all peoples in one bondage! and this I have already made ​​through the IMF!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    34 minuti fa
    Unius REI: is love that is present: in all religions! my philosophy is that of Buddha and of Gandhi [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    36 minuti fa
    [Power unius rei: is the faith in universal brotherhood] Ephesians 4, Unity and Maturity in the Body of Christ! 4 As a prisoner for the Lord, then, I urge you to live a life worthy of the calling you have received. 2 Be completely humble and gentle; be patient, bearing with one another in love. 3 Make every effort to keep the unity of the Spirit through the bond of peace. 4 There is one body and one Spirit, just as you were called to one hope when you were called ; 5 one Lord, one faith, one baptism; 6 one God and Father of all, who is over all and through all and in all. --ANSWER--> ONE God: YHWH! one Jewish Temple: freedom of religion for all! or die in WW 3 ° nuclear! This is an appeal to Muslims, Hindus, Buddhists and Communists
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    MarlaMarleen -- God bless you Maria: too blessings
  • [power unius rei : the fait in universal brotherhood ]2 Kings 4:42-44 Feeding of a Hundred 42 A man came from Baal Shalishah, bringing the man of God twenty loaves of barley bread baked from the first ripe grain, along with some heads of new grain. "Give it to the people to eat," Elisha said. 43 "How can I set this before a hundred men?" his servant asked. But Elisha answered, "Give it to the people to eat. For this is what the Lord says: 'They will eat and have some left over. '" 44 Then he set it before them, and they ate and had some left over, according to the word of the Lord.
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    45 minuti fa
    I'm sure Obama will get his lesson. Check out the videos of Michelle, before his first candidacy. They unmask this 'lady'. The second Angela Merkel. Now it's late, see ya
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    46 minuti fa
    shalom + salam = blessings to all Religions and to all Peoples! die satana! This is the chice the Word of God, today, God works miracles, very happy when we do not think selfishly to us, but we ask the happiness and welfare of all mankind questo chice la PArola di Dio oggi, Dio fa i miracoli, molto volentieri quando non pensiamo egoisticamente a noi, ma, chiediamo la felicità, e il benessere di tutto il genere umano
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    50 minuti fa
    Be blessed @ UniusRei3
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    52 minuti fa
    I have already been to church! I go to Mass every Sunday! But, Obama is a murderess, a true Satanist of Mason, in fact, witchcraft is taught in American schools: while every Christian symbol was denied, in fact, he has publicly made ​​it impossible to out-source the Christian religion: he has done everything to damage Christianity is why cannibalism of Satanists: is spreading throughout all society, as a cancer!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    Thank you MarlaMarleen: to you, and to all people good! Thank you for your high level of civility and responsibility, but we must say that our leaders as Masons, have wanted to train a generation of monsters and Satanists, all hatred for Jesus Christ! because they are the sons of darkness! but the extent of Wrath of God, is coming to its height: is the end! will end. very early, the bad life, of this vicious of evil 322 666, accomplices of all thieves satanists criminals of the IMF!
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    9 minuti fa
    Good morning from Germany I'm confused, once again new fakes. you've enjoyed no education. Scatological language disgusts me You want be taken seriously? Without manners? Greeting at UniusRei3 and other reasonable user
  • MarlaMarleen
    MarlaMarleen ha pubblicato un commento
    11 minuti fa
    Thank you youtube / google :-( Since days now I'm reading things on my home that I'm not interested. Before I get real exciting information about some selected channels, I've to read every amount of (for me) uninteresting statements. The result is that I announcing some subscriptions. It sucks.
  • NoahTheNephilim
    NoahTheNephilim ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    hallelujah --> [unius rei] My anger burns in the mouth of hell all the sons of darkness! alleluia la mia ira brucia sulla bocca degli inferi tutti i figli della oscurità! alleluia
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    AttackYourTube - your father is a piece of shit! I will tear down everything that Satan is here because the IMF will no longer exist! - tuo padre è un pezzo di merda! io demolirò tutto quello che è di satana: ecco perché il FMI non potrà più sussistere!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Matthew 16,23 Qui conversus dixit Petro: "Vade retro me Satana Tu autem impedit animum ne humana divinis. " Matthew 16.23 But he turned and said to Peter, "Get behind Me, Satan! You are my downfall, because you did not mind the things of God, but the things of men. "
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Crux sancta sit mihi lux / Non draco sit mihi dux Vade retro satana / Numquam suade mihi vana Sunt mala quae libas / Ipse venena bibas (Italiano) Croce santa sia la mia luce, non sia il drago la mia guida, retrocedi, Satana, non tentare mai di persuadermi, sono cose vane, sono cose male quelle che offri, bevi tu stesso i veleni. La locuzione latina Vade retro Satana, tradotta letteralmente, significa "Arretra Satana", oppure "Vai indietro, torna indietro Satana".
  • AttackYourTube
    AttackYourTube ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Satan is my father
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Vade retro satana ("Go back, Satan" or "Step back, Satan") is a Medieval Catholic formula for exorcism, recorded in a 1415 manuscript found in the Benedictine Metten Abbey in Bavaria[1][2] and its origin is traditionally associated with the Benedictines. In current Catholic tradition, the formula (sometimes reduced to the vade retro verse) is used to repel any possible evil thing or happening, as a "spoken amulet". The initials of this formula (VRSNSMV SMQLIVB or VRS:NSMV:SMQL:IVB) have often been engraved around crucifixes or Catholic Saint Benedict Medals at least since 1780
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [unius rei king of israel] The phrase vade retro satana (often spelled vade retro satanas, or sathanas) is also used as a witty or scholarly prose device, dissociated from its religious implications, to express strong rejection of an unacceptable (but possibly tempting) proposal, or dread of some looming menace. Namely, in the sense of "do not tempt me!", "I will have nothing to do with that", "will someone deliver us from that", and so on
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    Crux sancta sit mihi lux / Non draco sit mihi dux Vade retro satana / Numquam suade mihi vana Sunt mala quae libas / Ipse venena bibas In approximate translation: "Let the Holy Cross be my light / Let not the dragon be my guide Step back Satan / Never tempt me with vain things What you offer me is evil / You drink the poison yourself."
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Portae inferni non praevalebunt] verba Jesus ad apostolus Petrus: tu es Petrus, et eximius hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae praevalebunt inferno non. Verba Jesus ad apostolus Petrus (eius Divinum Benedictus XVI): tu es Petrus, et eximius hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferni non praevalebunt -----> portae inferi non praevalebunt ] Parole di Gesù all'apostolo Pietro: tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferi non praevalebunt . Parole di Gesù all'apostolo Pietro (Sua Santità Benedetto XVI): tu es Petrus, et super hanc petram aedificabo ecclesiam meam, et portae inferi non praevalebunt
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    @hallelujah GOD JHWH my Allah --> [unius rei] Jesus knows that Peter's answer: do not come directly from him ... and the gates of hell shall not prevail against it "(Mt 16, 18) Gesù sa che questa risposta di Pietro: proviene non direttamente da lui ... e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa" (Mt 16, 18)

  1. 78 Saudi Arabian Muslim Accepts Jesus Islam Christians martyr ...

    www.youtube.com/watch?v=rvfagmxBrTg - Traduci questa pagina
    1 Jul 2011 – Islam: the end []] These video: indicate clearly that death threat, has always represented Islam: for democracy, for civilization, human rights: that ...
  2. shame on Hindu India Attacks Christians martyr this not said Gandhi ...

    www.youtube.com/watch?v=4pi0U_ToQhY - Traduci questa pagina
    8 Jan 2012 – shame on Hindu India Attacks Christians martyr this not said Gandhi ... by revealing a secret deal between Saudi Arabia brothers Muslims etc.
  3. Saudi Ex-Muslim Martyr - Fatima Al-Mutairi - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=oA-bBI5W9qY - Traduci questa pagina
    18 Nov 2009 – In August 2008, a Muslim cleric and member of Saudi Arabias ... Prior to her martyrdom Fatima wrote a poem that shows her love for Christ and ...
  4. So-Called Muslim "Martyrs" and Christians in Saudi Arabia - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=LVy_S6UnOCk27 ago 2009 - 4 min - Caricato da 1001Phoenix
    Lebanese Cleric, Father Samir Khalil Al-Yasou'i: Hizbullah Casualties Are Not Martyrs. Saudi Arabia ...
  5. Saudi christian killed - Fatima Al-Mutairi - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=lCH9jdaME0o13 ott 2008 - 5 min - Caricato da KrusaderT
    The Voice of the Martyrs contacts report Fatimas fellowship with other ... How could we, when for death - for ...
  6. horror sharia SAUDI ARABIA Muslims BLOOD MARTYRS CHRISTIAN

    www.youtube.com/watch?v=xc-Q_TqIcnA18 dic 2011 - 2 min - Caricato da MyJHWH
    MyJHWH's webcam video 18 maggio 2011 14:14 (PDT) SAUDI ARABIA SAUDI ARABIA There is ...
  7. Turkish Christians Martyred x Christ freedom of religion - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=I_eleBwedZw20 mar 2011 - 7 min - Caricato da dominusUniusRei
    Turkish Christians Martyred x Christ freedom of religion ... Effectively, for the destruction of Christian ...
  8. SAUDI ARABIA My JHWH's BLOOD MARTYRS CHRISTIAN ...

    www.youtube.com/watch?v=5HC9ItzbV2s18 mag 2011 - 2 min - Caricato da MyJHWH
    MyJHWH's webcam video 18 maggio 2011 14:14 (PDT) SAUDI ARABIA SAUDI ARABIA There is ...
  9. Sudan Eritrea Somalia Muslims massacre Christians martyr - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=B96NNc5Qu9g8 nov 2011 - 1 min - Caricato da mrUniversalMetaphysc
    Sudan Eritrea Somalia Muslims massacre Christians martyr ... minister of Saudi Arabia) to make this ...
  10. Amazing sharia Muslim in Saudi Arabia becoming a Christian martyr ...

    www.youtube.com/watch?v=NhxNnXnsyDo19 dic 2011 - 3 min - Caricato da lorenzojhwh
    Loading comment... Loading... Islamic Sharia- Peace and Justice 7:52. Watch Later Error Islamic Sharia ...
  1. Amazing sharia Muslim in Saudi Arabia becoming a Christian martyr ...

    www.youtube.com/watch?v=-BYlRjgRiuk1 gen 2012 - 3 min - Caricato da UniusRei1
    @ebrei Benjamin Netanyahu- and anyone: he not will came: more: to say to me: " where was God in Auswitz ...
  2. ISLAM sharia jihad horror christian martyr sudal arabia saudi ...

    www.youtube.com/watch?v=YLSvFYWLt3Y27 dic 2011 - 10 min - Caricato da JewsxMessiahUniusRei
    Uploaded by JewsxMessiahUniusRei on Dec 27, 2011. on Channel of " IsraelNationalTV ...
  3. 78 Saudi Arabian Muslim Accepts Jesus Islam Christians martyr ...

    www.youtube.com/watch?v=rvfagmxBrTg1 lug 2011 - 7 min - Caricato da BrotherhoodUniversal
    Islam: the end []] These video: indicate clearly that death threat, has always represented Islam: for democracy ...
  4. Christian Martyrs presented by beraten24-webdesign.de

    www.squidoo.com › ... › ReligionChristianity - Traduci questa pagina
    Saudi Arabia - an example for untold "legal killings" of Christians; Laos ... There have never been more Christians been martyred for their faith in history then in ...
  5. Persecution BLOOD CHRISTIAN Martyrs in Saudi Arabia - Yes

    humanumgenus.blogspot.com/.../persecution-b... - Traduci questa pagina
    Persecution BLOOD CHRISTIAN Martyrs in Saudi Arabia ..... Commento al tuo video: Persecution BLOOD CHRISTIAN Martyrs in Saudi Arabia rudyavelino1982 ...
  6. The martyrdom of Fatima Al-Mutairi at Agabus (mark adams)

    agabus.com/?p=745 - Traduci questa pagina
    18 Sep 2008 – Voice of the Martyrs has published her story, but otherwise, she is ... According to VOM, the 26-year-old Christian from Saudi Arabia was ...
  7. Persecution Blood Christian Martyrs In Saudi Arabia

    wn.com/Persecution_BLOOD_CHRISTIAN_M... - Traduci questa pagina
    Persecution Blood Christian Martyrs In Saudi Arabia on WN Network delivers the latest Videos and Editable pages for News & Events, including Entertainment, ...
  8. Another Christian Martyr. « Coren's Comment

    blogs.canoe.ca/.../another-christian-m... - Traduci questa pagina

    Michael Coren
    20 Mar 2011 – Another Christian Martyr. ... Egypt and Pakistan treat their Christian minorities horribly, with North Korea, Cuba, Saudi Arabia, Iran, Sudan and ...
  9. [PDF] 

    I. Vital Stats and Facts about Persecution of Christians 1. 163000 ...

    markmoore.org/resources/.../persecution.pdf - Traduci questa pagina
    Formato file: PDF/Adobe Acrobat - Visualizzazione rapida
    North Korea, Pakistan, Saudi Arabia, Sudan (2 million since 1985), Vietnam. 4. After fierce lobbying ... Worst eras for Christian martyrs: a. Roman persecution of ...
  10. Valentine's Day - Wikipedia, the free encyclopedia

    en.wikipedia.org/wiki/Valentine's_Day - Traduci questa pagina
    5.1 Saudi Arabia; 5.2 Pakistan; 5.3 Iran; 5.4 Malaysia. 6 See also; 7 ... [edit] Historical facts. Numerous early Christian martyrs were named Valentine.
  11. Immagini relative a Christian martyr in Saudi Arabia

     - Segnala immagini non appropriate
  1. Christian Girl Martyred in Saudi Arabia

    au.christiantoday.com/.../christian...martyred-in... - Traduci questa pagina
    8 Sep 2008 – Reports are coming in of increasing persecution of Christian believers in the Saudi Arabia. A Saudi man recently cut the tongue of his daughter ...
  2. Persecution of Christians - Wikipedia, the free encyclopedia

    en.wikipedia.org/wiki/Persecution_of_Christians - Traduci questa pagina
    A Christian woman is martyred under Nero in this re-enactment of the myth of Dirce ... particularly in Muslim dominated countries like, Iran and Saudi Arabia.
  3. Persecution BLOOD CHRISTIAN Martyrs in Saudi Arabia - YouTube

    www.youtube.com/watch?v=ZW_lD0tuocQ19 mag 2011 - 3 min - Caricato da MyJHWH
    MyJHWH's webcam video 19 maggio 2011 03:39 (PDT) @Abdullah bin Abdul Aziz Al Saud, king of ...
  4. Saudi Arabia Salvation christian martyr massacre sharia islam ...

    www.youtube.com/watch?v=YNbdoLgYfKY25 nov 2011 - 2 min - Caricato da stardefinibusterrae
    come non mettere in relazione: l'orrore della Shoah o Olocausto con: QUESTO ORRORE DI: 1 ...
  5. SILENT HOLOCAUST OF CHRISTIAN MARTYRS - A WARNING OF ...

    www.inatoday.com/christianmartyrs1132010.h... - Traduci questa pagina
    A silent holocaust of Christian martyrs is taking place around the world. ... In Saudi Arabia, a nation where no Christian church is allowed, the country's religious ...
  6. Silent holocaust of Christian Martyrs—A warning of things to come?

    www.canadafreepress.com/index.php/.../18932 - Traduci questa pagina
    13 Jan 2010 – A silent holocaust of Christian martyrs is taking place around the world. ... In Saudi Arabia, a nation where no Christian church is allowed, the ...
  7. The Voice of the Martyrs Canada :: Saudi Arabia :: Providing ...

    www.persecution.net/saudiarabia.htm - Traduci questa pagina
    Pray that nations of the world will pressure Saudi Arabia to act on their agreements and recognize the rights of their citizens. Pray that Christians from Muslim ...
  8. Somalia and Christian Martyrs Killed by Muslims | FaithFreedom.org

    www.faithfreedom.org/.../somalia-and-christian... - Traduci questa pagina
    15 Aug 2009 – Sometimes Christians are killed by radical Muslims or sometimes by the ... Yet when we focus on Afghanistan, Iran, Saudi Arabia, Somalia, and ...
  9. The Voice of the Martyrs Canada: Saudi Arabian Christian attacked ...

    vomcblog.blogspot.com/.../saudi-arabian-christ... - Traduci questa pagina
    11 Apr 2012 – Muslim social network users are calling for the arrest and even for the death of a Saudi Arabian Christian convert they say has insulted the ...
  10. Modern Martrys Index

    www.myhomepage.net/.../modernmartyrsindex... - Traduci questa pagina
    15 Year Old Christian Martyred, Teacher Fired for Prayer, 18 Arrests in Saudi Arabia. Christians Persecuted by Muslims AND Government in Egypt, Nuns Gang ...
Monday, August 18, 2008First "Christian martyr" in Saudi ArabiaPosted by Christopher Bibb Muhend Monday, August 18, 2008 / 19:36 :: 10820 Views :: Article Rating :: Information, Persecution ...

 
The original article site Aafaq.org, transmitted and reflected by the site MediaArabe.info, reported by our sister Nicole M. (thank you to her for her vigilance).
The young woman called Fatima bint Mohammed bin Othman Al-Matiri (26 years) who had a discussion with her mother and brother, she defended Jesus Christ. His brother discovered on his computer texts she had written about his new religion, and praise to Christ.
"The young Fatima participated, under several pseudonyms, in forums of Christians and neo-converts, including the Copts. She defended" freedom of religion and faith, "criticizing Islam and its hegemony.
So she compared Christ to the Prophet Mohammed, praising the peaceful preaching of Jesus and denouncing the controversial life of Muhammad ... His brother, a member of the Islamic militia, could not stand the behavior of his sister. It is then hard on his victim, leaving him no chance of survival.
Shortly before his murder, and learning that his case had just been unveiled, the young Fatima wrote his last message to the forum "Arab Christians", referring to his fear. But she reassured her readers that "Jesus was his light and be his companion," and she feared nothing. Therefore, Fatima has been the "first Christian martyr of Saudi Arabia."
If the date of this murder is not specified, the fact remains that the murderer is in custody, and authorities are trying to cover it up for fear of the reaction of international opinion. Indeed, such revelations are damaging and the image of Saudi Arabia could suffer if the international community took possession of the murder. Relatives of the victim on their side trying to present the murder as a sex scandal. But the fact that many websites will be captured in risk of prejudicing the Saudi government and religious institution. The Wahhabis, who finance the conversions to Islam around the world, including Europe (religion of forgiveness and mercy, they say), and who defend the right of Muslims in non-Islamic countries, have a Another vision of forgiveness and mercy and applies it with the sword in their own country and within their families. A fine example of piety.


Amnesty International - Pubblicazioni
RAPPORTO 2003

Prefazione

Gli appelli di Amnesty International

Messaggio Segretaria Generale

Panoramica sul 2002

AI in azione

La Sezione Italiana di AI

I Paesi
Africa
America
Asia e Pacifico
Europa
Medio Oriente




Rapporto Annuale 2003



PANORAMICA SUL 2002
Introduzione
Durante tutto l’anno l’agenda politica internazionale e i titoli degli organi di informazione sono stati incalzati dalla "guerra contro il terrorismo" e dalla minaccia della guerra all’Iraq. Sull’onda degli attentati dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti d’America e in nome della lotta al "terrorismo", i governi hanno intensificato la repressione degli oppositori politici, hanno compiuto arresti arbitrari e hanno introdotto leggi ad ampio raggio e spesso discriminatorie che hanno minato le vere fondamenta del diritto internazionale sui diritti umani e del diritto umanitario.
Nel frattempo, alla ricerca di sicurezza, politica e profitto, in tutto il mondo i diritti umani fondamentali sono stati calpestati – e le sofferenze di milioni di persone che ne sono derivate sono rimaste largamente ignorate.
In Africa, innumerevoli vite e mezzi di sussistenza sono stati distrutti in conflitti spesso incoraggiati ed armati da potenze esterne, durante i quali sono stati commessi abusi nella più totale impunità. In Colombia così come in Israele e Territori Occupati, Amnesty International (AI) ha risposto alla situazione dei diritti umani che andava rapidamente deteriorandosi mobilitando i propri soci e le proprie risorse per condurre campagne contro l’escalation negli abusi dei diritti umani. L’organizzazione ha anche lanciato una campagna mondiale sui diritti umani nella Federazione Russa che, tra gli altri argomenti, ha evidenziato i gravi abusi compiuti nel lungo conflitto in corso in Cecenia.
Molti degli abusi dei diritti umani registrati durante l’anno da AI sono stati commessi nel contesto di conflitti tra Stati e gruppi politici armati. Le forze governative hanno compiuto esecuzioni extragiudiziali, "sparizioni", torture e altre gravi violazioni, mentre i gruppi armati hanno ucciso civili e hanno commesso altri gravi abusi, tra cui rapimenti e torture, nel tentativo di raggiungere i propri obiettivi politici.
Mentre i governi, in particolare quelli dei Paesi industrializzati, stigmatizzavano i richiedenti asilo e approvavano leggi sempre più restrittive per limitare l’asilo, milioni di persone fuggite dal terrore si sono ritrovate confinate in campi profughi e centri detentivi, sono state respinte ai confini o sono divenute bersaglio di aggressioni razziste.
Mentre i governi e gli organi di informazione dibattevano sul reale o presunto pericolo di armi di distruzione di massa, milioni di persone hanno affrontato la morte o sono state ferite in conflitti alimentati dalla vendita e dal trasferimento di armi a ben noti responsabili di violazioni dei diritti umani.
Mentre l’attenzione del mondo si spostava dall’Afghanistan all’Iraq, milioni di afghani – sia rifugiati, sia quanti erano rimasti nel Paese – hanno dovuto affrontare un futuro incerto nell’insicurezza.
Mentre i governi si preparavano a spendere miliardi di dollari per la guerra, milioni di persone hanno sofferto le offese della povertà e si sono viste negare le cure per l’Hiv/Aids ed altre malattie.
Per tutto l’anno AI ha lavorato incessantemente per far sì che il rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani non fosse eroso dalla "guerra contro il terrorismo". Ha continuato ad esporsi e a fare campagne contro la vasta gamma di abusi che venivano commessi da forze governative e da gruppi politici armati in tutte le regioni del mondo.
L’organizzazione ha iniziato a lavorare in nuove aree di ricerca ed azione nel campo dei diritti economici, sociali e culturali, in seguito all’ampliamento del proprio mandato avvenuto nel 2001. Ha mantenuto accesi i riflettori sull’Afghanistan nel cruciale periodo post-bellico e ha avviato un ufficio sul campo a Kabul, per operare con organizzazioni non governative locali (Ong) per la riforma del sistema giudiziario penale, per affrontare la violenza etnica e per migliorare la condizione femminile. Ha proseguito la sua azione a livello mondiale contro la pena di morte, per i diritti dei rifugiati e sui trasferimenti di armi e attrezzature militari, di sicurezza e di polizia.
AI ha anche potuto vedere il risultato della passata attività di lobby. La costituzione della Corte penale internazionale, avvenuta a luglio, è stato un fondamentale passo avanti della comunità internazionale nella battaglia contro l’impunità. Sebbene la Corte abbia subito attacchi da parte degli Stati Uniti, la sua creazione fa sperare che i responsabili dei peggiori crimini conosciuti dall’umanità possano finalmente essere condotti dinanzi alla giustizia.
La comunità internazionale ha anche assunto un nuovo impegno nella continua lotta per sradicare la tortura. Le Nazioni Unite hanno adottato un Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura che consentirà regolari ispezioni ai luoghi di detenzione da parte di esperti internazionali. A ciò va aggiunto che è entrato in vigore il Protocollo opzionale alla Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia sul coinvolgimento dei minori nei conflitti armati.
"Lotta al terrorismo" e diritti umani
Approfittando dell’atmosfera di paura seguita all’11 settembre molti governi hanno ignorato, indebolito o apertamente violato i principi fondamentali del diritto internazionale sui diritti umani e il diritto umanitario.
I diritti delle persone arrestate perché sospettate di appartenere a al-Qa’ida o di essere "terroristi" sono stati diffusamente violati. Più di 600 persone, catturate durante la guerra in Afghanistan, hanno continuato ad essere trattenute nella base statunitense di Guantánamo Bay, a Cuba, senza essere incriminate o poter ottenere assistenza legale. Se fossero stati prigionieri di guerra, questi detenuti avrebbero dovuto essere rilasciati al termine della guerra in Afghanistan. Al contrario, se non fossero stati prigionieri di guerra, avrebbero dovuto essere accusati di un reato riscontrabile oppure rilasciati. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti ha trattato i presunti membri di al-Qa’ida e alle sue affiliazioni come "combattenti nemici" – un concetto applicato ai detenuti indipendentemente dalle circostanze in cui erano stati catturati o trattenuti in custodia (compresi coloro che non erano stati fatti prigionieri in corso di conflitto armato). Sostenendo di essere "in guerra" con al-Qa’ida gli Stati Uniti hanno affermato di avere il diritto di trattenere i "combattenti nemici" fino alla fine della "guerra" – in altre parole, per un periodo di tempo potenzialmente indeterminato e senza i diritti che spettano ai prigionieri di guerra o ai sospetti criminali.
Le forze statunitensi hanno detenuto centinaia di persone anche in Afghanistan. Alcuni di questi prigionieri, a quanto sembra, sono stati ceduti alle milizie del Fronte Unito afghano nonostante fosse noto che queste maltrattavano i detenuti; altri sono stati inviati in Paesi in cui la tortura e i maltrattamenti sono correntemente praticati. In Pakistan, le autorità hanno consegnato più di 400 persone agli Stati Uniti senza richiedere adeguate garanzie per i loro diritti umani, contravvenendo alle norme giuridiche interne sull’estradizione e al principio internazionale del non respingimento (non-refoulement).
Nello Yemen, gli ufficiali americani hanno collaborato con le autorità del luogo per localizzare, colpire con missili ed uccidere sei uomini, uno dei quali era un presunto esponente di spicco di al-Qa’ida. Le informazioni disponibili indicavano che in quell’occasione non si è neppure tentato di arrestare, incriminare o processare il sospetto appartenente di al-Qa’ida.
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non hanno fatto granché per contrastare il sacrificio dei diritti umani in nome della "lotta al terrorismo". Il Consiglio di Sicurezza – che nel 2001 aveva approvato la Risoluzione 1373 che impegnava tutti i governi ad adottare misure contro il "terrorismo" e il suo Comitato per la lotta al terrorismo hanno costantemente rifiutato di permettere ai meccanismi delle Nazioni Unite sui diritti umani di esprimersi o di relazionare in merito a tali iniziative. Nel mese di novembre, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiedeva all’Alto Commissario per i diritti umani di analizzare gli effetti delle misure intraprese nella "lotta al terrorismo". La mancanza di sostegno in seno alla Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani aveva fatto fallire in precedenza un’iniziativa analoga proposta dal Messico.
In tutto il mondo i governi sembrano aver accolto il messaggio che, in tempi di emergenza, ci si può disfare delle norme sui diritti umani. Alcuni hanno cercato di utilizzare la "guerra contro il terrorismo" per dare legittimità alla repressione del dissenso politico e alla propria incapacità nel risolvere vertenze e conflitti interni. Nelle Filippine, gruppi legalmente riconosciuti, incluse alcune organizzazioni per la difesa dei diritti umani, che avevano criticato l’operato delle autorità, sono stati bollati dal governo quale "copertura" di un gruppo armato di opposizione, aumentando la vulnerabilità dei difensori dei diritti umani agli abusi. In Liberia, il giornalista ed attivista per i diritti umani Hassan Bility è stato accusato di appartenere a un gruppo armato di opposizione, gravemente torturato e detenuto in incommunicado senza accusa né processo per sei mesi. Il suo non è stato un caso isolato.
L’introduzione di provvedimenti "anti-terrorismo" che erodono le libertà fondamentali, adottati in molti Paesi nei mesi immediatamente successivi agli attentati dell’11 settembre, è proseguita anche nel 2002. Per fare un esempio, in marzo in India il parlamento ha approvato una legge per la prevenzione del terrorismo che considera ammissibili le confessioni ottenute sotto custodia di polizia nei processi per reati "terroristici". In India tali confessioni sono spesso estorte sotto tortura e il diritto indiano ne impedisce l’utilizzo in tribunale per reati diversi da quelli legati al "terrorismo".
Molti governi hanno giustificato l’adozione di provvedimenti "anti-terrorismo" con la volontà di proteggere i civili da attacchi violenti. AI ha energicamente condannato tali attacchi – tra cui la presa di ostaggi da parte di ribelli ceceni in un teatro di Mosca, gli attentati suicidi di palestinesi in Israele, gli omicidi compiuti da gruppi maoisti in Nepal e i rapimenti effettuati da gruppi politici armati in Colombia – e ha chiesto che i responsabili di tali atti fossero individuati e processati in maniera equa. Tuttavia, nel mondo post-11 settembre, molti governi non hanno parlato di ordine pubblico e giustizia, ma di autodifesa e guerra, una guerra che sembra sempre più essere condotta al di fuori delle norme sui diritti umani e del diritto umanitario internazionale.
Conflitti e impunità in Africa
Lontani dai riflettori della "guerra contro il terrorismo", in Africa i conflitti, la mancanza di sicurezza e la violenza hanno continuato a pesare sulla vita di milioni di persone. Base della violenza sono state lotte mirate principalmente al controllo politico ed economico delle risorse naturali e a farne le spese sono state soprattutto vittime civili.
Se in Madagascar la risoluzione del conflitto ha segnato alcuni progressi, i colloqui di pace per la Somalia e il Sudan non sono riusciti a porre termine alle diffuse violazioni dei diritti umani. In Angola, il conflitto armato in atto da decenni si è concluso con l’annientamento del maggior gruppo armato di opposizione, ma i gravi abusi dei diritti umani sono proseguiti. La Repubblica Centrafricana, la Repubblica del Congo e la Liberia sono stati teatro di nuovi conflitti o di recrudescenza di guerre già in corso.
In Costa d’Avorio, intorno alla metà di settembre è emersa un’opposizione armata che a fine anno è giunta a controllare più della metà del territorio. La Francia ha rafforzato la propria presenza militare nel Paese, inizialmente per proteggere i cittadini stranieri e in seguito per controllare un accordo per il cessate-il-fuoco. Tuttavia, le truppe governative e i movimenti di opposizione situati a nord e ad ovest hanno continuato a combattere, perpetrando gravi violazioni dei diritti umani contro i civili e i combattenti, senza timore di essere chiamati a rendere conto di tali crimini. In varie località sono state rinvenute prove di esecuzioni extragiudiziali ed uccisioni sommarie, ma non sono state seguite da indagini. In un’atmosfera di violenta xenofobia, molti cittadini stranieri, soprattutto originari di Burkina Faso, Liberia e Mali, si sono visti distruggere le case o sono stati uccisi durante raid compiuti dalle forze governative in quartieri poveri. Gli ivoriani provenienti dal nord del Paese hanno subito violenze e vessazioni. Centinaia di migliaia di persone abitanti nelle zone in conflitto e nel sud sono fuggite verso l’ovest e il nord.
Nella Repubblica Democratica del Congo (Rdc), malgrado i negoziati di pace e l’annuncio del ritiro delle truppe straniere, la situazione dei diritti umani è rimasta scoraggiante, con continui combattimenti e attacchi a civili, soprattutto ad est del Paese. Durante i sei anni del conflitto, che ha visto coinvolti almeno sei governi e molti gruppi politici armati, secondo una stima sono morti non meno di tre milioni di persone. Il governo della Rdc ha protestato contro gli abusi commessi dalle forze straniere e, al tempo stesso, ha perseguitato i propri oppositori pacifici. Le affermazioni del governo del Ruanda con cui giustificava in parte il proprio intervento nella Rdc con la protezione della popolazione di etnia tutsi, si sono rivelate false quando i tutsi congolesi, all’inizio dell’anno, hanno attaccato i ruandesi. Le forze ugandesi si sono rese responsabili dell’uccisione di civili non armati nelle zone orientali della Rdc controllate dall’Uganda. Lo Zimbabwe ha ribadito che il suo intervento aveva lo scopo di proteggere la Rdc da aggressioni esterne mentre, al tempo stesso, al proprio interno le forze armate aggredivano i suoi stessi cittadini. Un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha concluso che molte delle parti coinvolte nel conflitto armato non avevano alcuna intenzione di porre termine a una guerra grazie alla quale stavano accumulando ingenti ricchezze personali nel più totale disinteresse per le devastanti conseguenze sulla popolazione.
Anche nella regione dei Grandi Laghi, i responsabili dei persistenti abusi dei diritti umani hanno continuato a godere dell’impunità. In Burundi, tutte le parti coinvolte nel conflitto hanno continuato a commettere crimini di guerra e diffuse violazioni dei diritti umani sulla popolazione civile senza la benché minima prospettiva di essere chiamati a rispondere per le loro azioni. Nel corso dell’anno centinaia di civili inermi sono stati uccisi dalle forze governative in rappresaglia per le attività dei gruppi politici armati. Soltanto in un episodio – l’uccisione, avvenuta in settembre, di un numero di civili inermi compreso tra 174 e 267 – il governo ha riconosciuto la propria responsabilità. Nessuno dei gruppi politici armati ha fatto altrettanto per gli abusi dei diritti umani commessi dalle proprie milizie.
Sebbene durante l’anno nella Repubblica del Congo si siano tenute le elezioni generali e un referendum costituzionale, l’instabilità e le violazioni dei diritti umani sono proseguite nel contesto di un rinnovato conflitto armato. Decine di persone sono state uccise, centinaia di donne sono state stuprate e migliaia di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case nella più totale impunità dei responsabili provenienti dalla Repubblica Centrafricana e dai Paesi vicini. Ancora più a nord, in Ciad, la pace ha continuato ad essere illusoria, nonostante i negoziati apparentemente infiniti tra il governo e i suoi oppositori armati.
L’anno ha fatto tuttavia registrare alcuni progressi nella lotta all’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani compiute durante il conflitto in Sierra Leone. Tra questi, l’istituzione del Tribunale speciale per la Sierra Leone, decisa nel 2000 dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite allo scopo di processare i maggior responsabili di crimini contro l’umanità, crimini di guerra ed altre gravi violazioni del diritto umanitario internazionale e la Commissione per la Verità e la Riconciliazione, decisa con l’Accordo di Lomé del 1999.
Mentre la mancanza di partecipazione popolare e di individuazione delle responsabilità sono stati i fattori principali che hanno impedito la soluzione dei conflitti e lo sviluppo, e mentre la lotta per il controllo delle risorse economiche ha fornito il contesto per gran parte dei conflitti africani, il filo rosso che lega tutte queste crisi ha continuato ad essere l’impunità. Fino a quando i leader politici e militari otterranno benefici dal caos che essi stessi creano, i diritti umani dei cittadini africani resteranno senza tutela. Una pace sostenibile non può essere raggiunta attraverso accordi per proteggere chi si è reso responsabile di sistematiche violazioni dei diritti umani e del saccheggio delle risorse naturali. È perciò necessario che sia data maggiore priorità a una più larga partecipazione popolare ai processi di pace e a misure efficaci per porre fine all’impunità, compreso l’impiego dei meccanismi giudiziari regionali ed internazionali.
Spirale di violenza politica in Colombia
Il conflitto in corso in Colombia, pur raccogliendo scarsa attenzione internazionale, rappresenta un’altra situazione tragica per i diritti umani che si è ulteriormente aggravata a febbraio, dopo la rottura dei colloqui di pace fra il governo e il principale gruppo armato d’opposizione, le Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (Farc), Forze armate rivoluzionarie della Colombia.
Dal 1985 le persone uccise sono state più di 60.000, di cui l’80 per cento civili, mentre altre centinaia di migliaia sono state torturate, rapite, costrette a lasciare le loro terre o sono "scomparse". Tutte le parti in causa condividono la responsabilità del perdurare di questo ciclo di violenza. I governi che si sono succeduti non sono riusciti a spezzare i legami tra le forze armate e i paramilitari, o a porre termine all’impunità riguardo alle violazioni dei diritti umani. I paramilitari, appoggiati dall’esercito, hanno continuato a torturare, uccidere o far "sparire" persone ritenute simpatizzanti dell’opposizione senza timore alcuno di essere chiamati a rispondere delle loro azioni. I gruppi armati politici hanno continuato ad effettuare rapimenti, a prendere ostaggi, ad eseguire uccisioni arbitrarie e deliberate ed attacchi indiscriminati e sproporzionati contro obiettivi militari, spesso provocando vittime tra i civili.
In seguito all’elezione a maggio del presidente Álvaro Uribe Vélez, nel mese di agosto il governo ha decretato lo stato d’emergenza. Le amministrazioni che si sono succedute al governo della Colombia negli ultimi 50 anni avevano più volte dichiarato lo stato d’emergenza. Solitamente questo prevedeva la sospensione delle garanzie costituzionali, l’esercizio del potere del governo tramite decreti esecutivi, e ampi poteri alle forze armate in questioni di ordine pubblico. Tutto ciò ha inevitabilmente condotto a gravi e diffuse violazioni dei diritti umani.
Tuttavia, a differenza dei precedenti stati di emergenza, i decreti emessi dal presidente Uribe erano rivolti anche a persone di nazionalità non colombiana, e tesi a limitare l’attività delle organizzazioni internazionali per i diritti umani e delle agenzie umanitarie che operavano nelle zone del conflitto. Nel corso dell’anno, alcune persone di nazionalità straniera che lavoravano per Ong internazionali sono state espulse. Ciò ha contribuito a consolidare il velo di segretezza sulle violazioni dei diritti umani. Il governo Uribe ha inoltre ripetutamente messo in discussione il lavoro di molte organizzazioni per i diritti umani, specialmente quelle costituite da difensori dei diritti umani colombiani, spesso definiti senza mezzi termini "collaboratori della guerriglia".
Il governo ha inoltre adottato misure che hanno ulteriormente trascinato la popolazione civile nel conflitto. Una nuova "rete di un milione di informatori civili", ha chiesto alla gente di collaborare con le forze di sicurezza in attività di controspionaggio, esponendo in tal modo i civili a gravi rischi di ritorsione da parte delle forze di opposizione. La rete, che ha iniziato ad operare in molte parti del Paese, potrebbe inoltre servire a dar man forte ai paramilitari e rendere più labile la distinzione tra gruppi legali e illegali di vigilantes.
Il governo non risolverà la crisi dei diritti umani e umanitaria adottando la linea dura in nome della sicurezza, atteggiamento che tiene in scarsa considerazione i diritti dei cittadini colombiani. L’attuale governo ha ancora a sua disposizione, come del resto le precedenti amministrazioni, una serie di raccomandazioni elaborate dalle Nazioni Unite e da altre organizzazioni internazionali che, se applicate, potrebbero contribuire a risolvere la crisi. A meno che il governo non accetti questa sfida, e i gruppi di opposizione armata non decidano di rispettare il diritto umanitario internazionale, la crisi si inasprirà e sarà ancora una volta la popolazione civile a pagarne il prezzo.
La comunità internazionale può avere un ruolo chiave per far sì che il governo rispetti ed applichi le raccomandazioni espresse più volte dalle Nazioni Unite e da altri organismi internazionali. Tuttavia, alcuni governi stranieri, specialmente quello statunitense, stanno aumentando gli aiuti militari alle forze armate colombiane, nonostante queste continuino a macchiarsi di gravi violazioni dei diritti umani congiuntamente con i paramilitari loro alleati. AI ha usato ogni mezzo possibile per mantenere viva l’attenzione sulla Colombia, e per contestare al presidente Uribe la mancata protezione dei diritti umani da parte del suo governo, esercitando pressioni sulle autorità, sostenendo i difensori dei diritti umani ed effettuando attività di lobby a livello internazionale. AI ha inviato in Colombia sei delegazioni, compresa una missione ad alto livello condotta dalla Segretaria Generale del movimento e ha pubblicato diversi importanti documenti, fra cui rapporti sulla situazione nella zona contesa di San Vicente del Caguán, su diritti umani ed aiuti militari statunitensi alla Colombia, e sugli effetti della politica del presidente Uribe sulla sicurezza.
Russia: Giustizia per tutti
Il 30 ottobre, Irene Khan, Segretaria Generale di AI, si è unita a molti altri attivisti per i diritti umani per celebrare la Giornata del prigioniero politico davanti al quartier generale dei Servizi di sicurezza federale a Mosca. Nel momento in cui Irene Khan accendeva una candela, altre persone in tutto il mondo accendevano candele e firmavano petizioni indirizzate a Vladimir Putin, Presidente della Federazione Russa, per sollecitare un maggior rispetto per i diritti umani. L’evento, assieme ad altre iniziative in tutto il mondo, ha segnato il lancio da parte di AI della principale campagna mondiale dell’anno, Giustizia per tutti, dedicata ai diritti umani nella Federazione Russa.
La campagna si è rivelata tempestiva. Nel quadro del conflitto in Cecenia, per anni AI ha documentato stupri ed altre torture, maltrattamenti, uccisioni extragiudiziali, "sparizioni", e saccheggi da parte dell’esercito russo, così come i gravi abusi commessi dai ribelli. Tuttavia, sullo sfondo dei fatti dell’11 settembre e in seguito alla presa di ostaggi da parte dei ribelli ceceni in un teatro di Mosca, le critiche internazionali su questa spaventosa sequenza di violazioni si sono affievolite nel momento in cui le autorità russe hanno giustificato le azioni intraprese contro i ribelli ceceni nell’ambito della loro "guerra al terrorismo". Inoltre, una risoluzione sulla Cecenia durante la sessione 2002 della Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani è stata respinta. Il monitoraggio sulla situazione in Cecenia è diventato più difficile dopo che le autorità russe hanno rifiutato di prorogare oltre il mese di dicembre la missione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce).
AI ha fatto pressione sulla comunità internazionale, in particolare sull’Unione Europea (UE), affinché chiedesse alla Russia di garantire ai giornalisti indipendenti e agli osservatori per i diritti umani, compresi quelli appartenenti ad organizzazioni internazionali, di poter accedere in Cecenia liberamente e senza condizioni.
La campagna sulla Federazione Russa ha inoltre cercato di documentare le diffuse violazioni dei diritti delle persone al di fuori della zona del conflitto ceceno. Tortura e maltrattamenti sono di fatto la norma nelle stazioni di polizia, e le condizioni nei centri di detenzione pre-processuale, sovraffollati ed esposti a malattie, sono generalmente talmente spaventose da costituire trattamento crudele, inumano e degradante. I metodi di tortura abitualmente documentati comprendono pestaggi, scosse elettriche, stupri, uso di maschere antigas fino a provocare il semi-soffocamento delle vittime, e l’immobilizzazione dei detenuti in posizioni dolorose.
Le vittime provengono da ogni strato sociale, ma i più a rischio sono i poveri e gli appartenenti a minoranze etniche. Persino i bambini non vengono risparmiati. I membri di minoranze etniche o di nazionalità diverse sono fermati dalla polizia con frequenza sproporzionata allo scopo di controllarne i documenti di identità, controlli che spesso conducono ad arresti arbitrari o maltrattamenti. Rifugiati e richiedenti asilo incontrano difficoltà anche maggiori in quanto la polizia non riconosce i loro documenti. In alcune regioni, intere comunità sono private di gran parte dei loro diritti economici, politici e civili.
Una delle ragioni per cui le violazioni sono così persistenti risiede nell’impunità di cui godono i responsabili. In tutta la Federazione Russa le vittime si vedono negare il diritto alla giustizia da autorità che ignorano o condonano gli abusi. Le autorità non indagano dovutamente sulle denunce di violazioni dei diritti umani e non chiamano i responsabili a risponderne. Non prendono misure per combattere la violenza a sfondo razziale o i comportamenti discriminatori della polizia. Non si impegnano per proteggere le donne che subiscono abusi sessuali e violenze in famiglia o da parte di agenti dello Stato. E non riescono ad assicurare che la detenzione minorile sia prevista solo quale ultima soluzione.
AI ha riassunto tutte queste preoccupazioni in diversi rapporti e a fine anno ha aperto un centro di documentazione a Mosca. Nuove iniziative sono previste per il 2003.
In tutto il mondo i soci di AI continueranno a premere sul governo russo perché adempia ai suoi obblighi e si faccia garante della tutela e promozione dei diritti umani, affinché nella Federazione Russa vi sia giustizia per tutti.
Israele e Territori Occupati
Si è aggravata la crisi che ha investito i diritti umani, iniziata nel 2000 nel contesto della sollevazione palestinese (nota come al-Aqsa intifada) contro l’occupazione israeliana. La gente è rimasta uccisa o ferita pressoché quotidianamente, case e proprietà sono andate distrutte, e sono state imposte severe restrizioni alla libertà di movimento. I difensori dei diritti umani, tra cui attivisti di AI in Israele e nelle aree sotto il controllo dell’Autorità Palestinese, sono stati esposti a enormi rischi a causa dell’aumento vertiginoso della violenza, con atrocità commesse sia dall’esercito israeliano contro i palestinesi, sia dagli attentati suicidi da parte di gruppi armati palestinesi contro civili israeliani. Il numero di vittime, sia palestinesi che israeliane, è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente e comprende più di 100 bambini palestinesi, in maggioranza vittime di uccisioni illegali da parte dell’esercito israeliano, e 45 bambini israeliani uccisi in attentati compiuti da palestinesi armati. Altre migliaia di palestinesi e israeliani sono rimasti feriti, alcuni rimarranno mutilati per tutta la vita.
Le uccisioni di palestinesi da parte dell’esercito israeliano hanno avuto l’effetto di contribuire all’aumento della violenza all’interno della società palestinese e decine di palestinesi sono stati uccisi illegalmente da altri palestinesi perché sospettati di aver aiutato i servizi segreti israeliani ad eseguire tali uccisioni. Migliaia di palestinesi, tra cui molti minorenni, sono stati arrestati dalle forze israeliane. La maggioranza degli arrestati è stata rilasciata dopo breve tempo, ma centinaia di persone sono state trattenute in detenzione amministrativa senza accusa né processo, sulla base di "prove segrete" senza vi fosse la possibilità né per loro né i loro avvocati di esaminarle o impugnarle in tribunale. Molti detenuti hanno riferito di aver subito maltrattamenti.
Dopo aver ripreso il controllo di gran parte delle zone dell’Autorità Palestinese, l’esercito israeliano ha imposto in tutti i Territori Occupati chiusure e coprifuochi senza precedenti per estensione e durata. Molte città e villaggi palestinesi sono rimasti quasi incessantemente isolati dalle aree circostanti. Queste drastiche misure di punizione collettiva hanno colpito milioni di palestinesi, il cui accesso al posto di lavoro, alla scuola e all’assistenza medica è stato pesantemente limitato se non completamente negato. In diverse occasioni, delegazioni di AI si sono viste negare l’accesso alle città del West Bank e di Gaza dai soldati israeliani e la stessa cosa è successa ad operatori umanitari internazionali, a personale medico e giornalisti.
Due delegazioni delle Nazioni Unite non hanno potuto visitare Israele e i Territori Occupati a causa del rifiuto delle autorità israeliane di concedere loro l’accesso.
Le chiusure, i coprifuochi e la distruzione di proprietà palestinesi hanno avuto come conseguenza la perdita di un grandissimo numero di posti di lavoro e il collasso dell’economia palestinese. La disoccupazione è salita al di sopra del 50 per cento e più della metà della popolazione si è trovata a vivere al di sotto della soglia di povertà, dipendendo per la sopravvivenza quasi esclusivamente da aiuti esterni.
Per tutto l’anno AI ha inviato quasi incessantemente delegazioni in Israele e nei Territori Occupati, molte delle quali hanno dovuto lavorare in situazioni di grave rischio personale, per scoprire e documentare ciò che stava accadendo. Più volte l’organizzazione ha condannato le uccisioni illegali, la distruzione indiscriminata delle proprietà dei civili, la deliberata ostruzione degli aiuti umanitari, l’uccisione di volontari che prestavano assistenza medica e gli attentati suicidi nei confronti di civili. Ha inoltre inviato un messaggio inequivocabile ad entrambe le parti in conflitto: nulla giustifica le azioni deliberate che causano morte e distruzione tra la popolazione civile.
La crisi dei diritti umani in Israele e nei Territori Occupati resta tra le questioni più discusse dalla comunità internazionale, ma anche tra quelle per cui si fa meno. Preoccupazioni per la situazione sempre più critica vengono espresse regolarmente, tra gli altri, da leader mondiali, dalle Nazioni Unite, dall’Unione Europea e dalla Lega Araba. "Pace e sicurezza" sono parole ricorrenti nelle varie iniziative politiche proposte dai principali attori della comunità internazionale, ma i diritti umani non vengono quasi mai menzionati. Ad oggi non sono ancora state prese a livello internazionale misure concrete per far sì che le parti in causa rispettino gli obblighi e gli impegni assunti in materia di diritti umani. Sotto questo aspetto la comunità internazionale ha "tradito" le vittime palestinesi e israeliane.
AI, assieme a molte altre Ong internazionali, israeliane e palestinesi, ha più volte richiesto l’invio in Israele e Territori Occupati di osservatori internazionali che si occupano di diritti umani. Sebbene questa proposta abbia riscosso ampi riscontri a livello internazionale, compresa l’Unione Europea e le Nazioni Unite, la comunità internazionale è stata incapace di intraprendere azioni concrete di fronte al rifiuto di Israele. AI non pretende che in una situazione così complessa l’invio di osservatori per i diritti umani possa risolvere ogni problema. Tuttavia, è dell’opinione che, se fin dall’inizio della crisi attuale fossero stati inviati degli osservatori, la loro presenza avrebbe potuto contribuire a salvare molte vite israeliane e palestinesi. Non è ancora troppo tardi per fare ammenda per gli errori commessi in passato.
Monta la pressione in Iraq
Durante l’anno è cresciuta la minaccia di un intervento militare in Iraq da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati. Nel mese di gennaio il presidente degli Stati Uniti ha definito l’Iraq parte dell’"asse del male", chiedendo in seguito un "cambiamento di regime" nel Paese. Il governo statunitense ha accusato l’Iraq di possedere armi di distruzione di massa, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, armi ritenute una "minaccia alla sicurezza degli Stati Uniti". A novembre il Consiglio di Sicurezza ha adottato la Risoluzione 1441, che chiedeva all’Iraq l’eliminazione delle sue armi di distruzione di massa. La risoluzione conferiva ampi poteri agli ispettori delle Nazioni Unite, compreso l’"accesso immediato e incondizionato" a qualsiasi sito iracheno, minacciando "serie conseguenze" se l’Iraq non avesse colto "l’opportunità finale" per la cooperazione e il disarmo.
I molti dibattiti sui pro e contro dell’eventualità di una guerra hanno rivelato un’evidente assenza d’interesse per la vita, l’incolumità e la sicurezza della popolazione irachena. Completamente assente dalle discussioni anche qualsiasi considerazione sulla sorte degli iracheni dopo il conflitto o il potenziale "effetto domino" sui diritti umani delle persone che vivono nei Paesi vicini.
Per decenni AI ha documentato e posto al centro delle sue campagne le vaste violazioni dei diritti umani in Iraq. Nel corso dell’anno AI ha lavorato molto per far sì che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite considerasse non solo le possibili conseguenze di un’azione dal punto di vista politico e della sicurezza, ma anche le inevitabili conseguenze che una guerra avrebbe comportato dal punto di vista umanitario e dei diritti umani.
In tutto il mondo i soci di AI hanno inviato petizioni ai propri governi e ai membri del Consiglio di Sicurezza per chiedere la protezione dei diritti della popolazione irachena. Hanno anche evidenziato il possibile prezzo in termini umanitari e dei diritti umani di una guerra in Iraq: civili uccisi dalle bombe o nei combattimenti interni, un massiccio flusso di profughi e la morte di bambini, anziani ed altre persone appartenenti a gruppi vulnerabili a causa della fame e delle malattie in seguito all’effetto dei 12 anni di sanzioni economiche imposte dalle Nazioni Unite. La Segretaria Generale di AI ha chiesto al Consiglio di Sicurezza che l’uso della forza fosse considerato solamente quale ultima risorsa.
AI ha inviato proprie delegazioni nei Paesi vicini all’Iraq, tra cui Giordania, Libano e Turchia, per stimare il possibile impatto di un afflusso di massa di profughi in caso di conflitto. L’organizzazione ha poi ammonito i governi sugli effetti della pericolosità dell’uso di determinate armi e tattiche militari che non tengono conto dei civili. A fine anno, in tutto il mondo i soci di AI rimanevano in stato d’allerta, pronti a rispondere alla crisi umanitaria e dei diritti umani che avrebbe inevitabilmente fatto seguito allo scoppio della guerra.
Afghanistan: un anno di transizione
Mentre la comunità internazionale si concentrava sull’Iraq, iniziava a diminuire l’attenzione sull’Afghanistan – il luogo dell’intervento militare guidato dagli stati Uniti nel contesto della "guerra al terrorismo".
In seguito all’accordo firmato a Bonn con la mediazione delle Nazioni Unite nel dicembre 2001, che aveva il compito di ristabilire la pace dopo la caduta del governo talebano, era stata formata una amministrazione ad interim col compito di governare il Paese fino alla convocazione di una loya jirga (un’assemblea tradizionale con compiti legislativi) d’emergenza nel mese di giugno.
Sebbene per molti aspetti la situazione dei diritti umani sia migliorata, sono state comunque registrate gravi violazioni, specialmente nei confronti delle donne. Queste violazioni sono state facilitate ed esacerbate dalla debolezza delle istituzioni e dalla scarsa sicurezza. Ad esempio, nelle settimane precedenti la loya jirga si è avuto un incremento degli abusi, con intimidazioni verso possibili delegati di sesso femminile.
La loya jirga ha concordato la composizione di un governo di transizione con il compito di guidare il Paese nei 18 mesi successivi. Questo fatto non ha tuttavia fermato le lotte fra fazioni in diverse aree del Paese. Sono continuati anche i bombardamenti degli Stati Uniti e dei loro alleati su presunte postazioni talebane e di al-Qa’ida, che hanno portato a un numero crescente di perdite tra i civili. Nel corso dell’anno più di un milione e settecentomila rifugiati sono ritornati in Afghanistan, con la prospettiva di un futuro incerto. L’impunità è rimasta un grave problema: l’unico caso di passate violazioni perseguito penalmente non fa altro che evidenziare l’incapacità delle attuali istituzioni nell’amministrare la giustizia.
In questa critica fase post-bellica l’approccio di AI si basa sulla convinzione che la garanzia del rispetto dei diritti umani deve essere il fondamento di qualsiasi processo di ricostruzione. A questo scopo, a partire da giugno, AI ha stabilito per un anno la propria presenza sul campo a Kabul. Obiettivo della missione è mantenere i contatti con il governo e le Ong nazionali ed internazionali presenti in Afghanistan, esaminare le questioni chiave relative al sistema giudiziario e stilare raccomandazioni cui possano attingere il governo di transizione, le Nazioni Unite e i governi dei Paesi donatori.
La presenza di AI è stata accolta con favore, giungendo in un momento in cui molti avevano la sensazione che l’attenzione della comunità internazionale stesse abbandonando l’Afghanistan poiché nuove crisi nel mondo stavano acquistando la precedenza. AI ha potuto visitare stazioni di polizia e strutture di detenzione in molte località, offrire solidarietà e sostegno ad attivisti locali per i diritti umani e considerare da vicino la situazione delle donne.
Alla fine dell’anno, l’Afghanistan, nel suo difficile cammino di transizione dopo decenni di guerre ed endemiche violazioni dei diritti umani, aveva ancora molte sfide da affrontare, soprattutto ristabilire la sicurezza, affrontare il problema dell’impunità, costruire le istituzioni e promuovere la protezione delle minoranze.
Rifugiati
In molti Paesi, i governi e i comuni mezzi d’informazione hanno descritto rifugiati e richiedenti asilo quali portatori di guai e persino come "potenziali terroristi", piuttosto che vittime del terrore; come conseguenza, nella maggior parte del mondo essi hanno incontrato notevoli difficoltà nelle loro istanze di protezione. Spesso gli Stati, attraverso politiche e prassi amministrative che di fatto negano l’accesso al loro territorio e rendono difficile le procedure relative alla richiesta d’asilo, hanno diminuito la qualità della protezione ed eroso i diritti fondamentali dei rifugiati, compreso il diritto di chiedere ed ottenere asilo, a non essere detenuti arbitrariamente, nonché di essere tutelati dal rimpatrio forzato nel Paese in cui siano a rischio di persecuzione. Tali diritti non sono rinunciabili, essi sono il minimo necessario per salvaguardare la sicurezza, la dignità e l’integrità dei rifugiati.
L’opinione secondo cui la Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati non sia più adeguata rispetto alla vastità odierna dei flussi di rifugiati è ampiamente diffusa. Questo nonostante l’aggiornamento apportato, nel dicembre 2001, dagli Stati parte alla Convenzione stessa ed al suo protocollo, in una dichiarazione che ha riconosciuto "l’importanza duratura" della Convenzione. Il fatto che molti Stati possano trovare meno conveniente o politicamente scomodo applicarla, non riduce l’importanza della Convenzione quale strumento di tutela dei diritti umani.
In molti Paesi sviluppati, i governi hanno dedicato particolare attenzione al controllo dell’immigrazione per ridurre il numero dei richiedenti asilo, siglando anche accordi bilaterali con i Paesi di provenienza o attraverso azioni unilaterali, dimostrando scarso riguardo nei confronti dei diritti umani o degli obblighi assunti di fronte alla comunità internazionale. Tali risposte sono in netto contrasto con le istanze di protezione dei rifugiati stessi e con le responsabilità assunta da molti Paesi in via di sviluppo che ospitano un gran numero di rifugiati. Questo sbilanciamento mette in luce l’urgente necessità di sviluppare un sistema credibile di solidarietà e responsabilità internazionale, basato sui diritti umani ed orientato alla protezione. Tutti gli Stati dovrebbero adottare provvedimenti, da soli o con l’assistenza e la cooperazione internazionale, per rispettare e tutelare diritti dei rifugiati e trovare soluzioni durature nel tempo.
I governi hanno esercitato crescenti pressioni sui rifugiati affinché scegliessero un rimpatrio "volontario", talvolta in situazioni incerte ed instabili, prima che fosse loro garantito un rientro dignitoso ed in tutta sicurezza. Ad esempio, in molti Paesi industrializzati è emerso un senso di emergenza, molto sfruttato dal punto di vista politico, quale pretesto per rimpatriare molti rifugiati afghani. Ciò è avvenuto proprio nel momento in cui l’Afghanistan aveva un disperato bisogno di risorse per poter rendere sostenibile il rientro e possibile la ricostruzione e mentre gli afghani rifugiati nei vicini Pakistan ed Iran affrontavano gravi problemi di protezione. Trascurando queste problematiche, diversi Paesi europei, principalmente Danimarca, Francia e Regno Unito, ma anche l’Australia, premono per il rimpatrio del loro, pur esiguo, numero di rifugiati afghani. Alcune ambigue dichiarazioni dell’Alto Commissariato per i rifugiati (Acnur) hanno fatto ben poco per richiamare l’attenzione ove questa era maggiormente richiesta, vale a dire sulle persistenti preoccupazioni relative alla protezione delle persone all’interno e ai confini dell’Afghanistan.
Un rimpatrio che sia davvero volontario è uno dei capisaldi di una società post-bellica sostenibile. Tuttavia, una pressione prematura allo scopo di anticipare il rientro toglie il carattere di volontarietà al "rimpatrio volontario" stesso e indebolisce la protezione espressa nella Convenzione delle Nazioni Unite sui rifugiati.
In questo scenario, il crescente numero di denunce di abusi e sfruttamento sessuale nei confronti di donne o ragazze rifugiate da parte di operatori umanitari ed altri ha rappresentato un risvolto particolarmente inquietante. I rapporti sull’Africa Occidentale e il Nepal, pubblicati nel corso dell’anno, hanno dimostrato che gli abusi e lo sfruttamento sessuale sono il risultato del protrarsi dell’incertezza che investe milioni di rifugiati. In alcuni casi responsabili delle violazioni erano le stesse persone incaricate della sicurezza dei rifugiati. Mentre il nucleo del problema rimane la risoluzione della situazione precaria affrontata quotidianamente dai rifugiati, emerge la necessità netta ed urgente di un monitoraggio indipendente e di un meccanismo di denuncia applicabile in ogni situazione relativa ai rifugiati, non solo nei campi ma anche nelle aree urbane dove le denunce di abusi sessuali e di altri tipi di sfruttamento sono all’ordine del giorno.
Corte penale internazionale
L’entrata in vigore dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, il 1° luglio, rappresenta il risultato più importante mai raggiunto per assicurare alla giustizia coloro che si sono macchiati dei crimini più tremendi, quali genocidio, crimini contro l’umanità e crimini di guerra.
Questa conquista rappresenta una pietra miliare, recepita con anni di anticipo rispetto a quanto ci si attendeva, mostra la volontà di gran parte della comunità internazionale di porre fine all’impunità per i crimini più tremendi. L’impunità è da sempre uno dei motivi principali del ripetersi degli abusi e dei conflitti in molte parti del mondo.
L’effettiva ed immediata operatività della Corte dipenderà dall’urgente approvazione di una serie di norme. Ad esempio tutti gli Stati che hanno ratificato lo Statuto di Roma dovranno adeguare la propria legislazione affinché i tribunali nazionali possano indagare e perseguire le persone accusate dei crimini più tremendi, oltre che cooperare pienamente con la Corte stessa. A fine anno, erano pochissimi gli Stati ad aver approvato tali norme. Tutti gli Stati dovranno inoltre firmare, ratificare ed applicare l’Accordo sui privilegi e le immunità della Corte penale internazionale, affinché la stessa possa operare sul territorio dei singoli Stati senza alcun impedimento. Alla fine dell’anno 24 Stati avevano firmato l’Accordo sui privilegi e le immunità, mentre soltanto uno lo aveva ratificato.
La sfida più inquietante nei confronti della Corte è stata data dall’azione svolta dagli Stati Uniti per indebolire la stessa. Esprimendo infatti il timore che le indagini della Corte potessero condurre ad istruttorie e procedimenti di natura politica contro propri cittadini, a maggio gli Stati Uniti hanno sconfessato la loro firma dello Statuto di Roma.
Questa preoccupazione è di fatto infondata poiché le solide garanzie di equità processuale contenute nello Statuto preverranno tali evenienze. Ciononostante, a giugno gli Stati Uniti hanno chiesto al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che si apprestava a rinnovare il mandato della missione di peace-keeping in Bosnia-Erzegovina, di includere una clausola che esentasse dalla giurisdizione della Corte i cittadini statunitensi della missione. Quando gli altri 14 membri del Consiglio di Sicurezza avevano dapprima rifiutato la proposta, gli Stati Uniti hanno posto il veto alla prosecuzione della missione nei Balcani. Nonostante la richiesta di più di 100 Paesi a non dar seguito alla richiesta statunitense, il 12 luglio il Consiglio di Sicurezza ha adottato la Risoluzione 1422. Questa prevede un’avocazione automatica al Consiglio di Sicurezza (a meno che lo stesso non disponga diversamente) di tutte le indagini della Corte per 12 mesi (a partire da luglio) di qualsiasi caso veda coinvolti funzionari o personale in servizio o in congedo di nazionalità di Stati che non abbiano ratificato lo Statuto di Roma, per azioni od omissioni connesse ad operazioni decise o autorizzate dalle Nazioni Unite.
Ad agosto il presidente George W. Bush ha firmato la Legge di protezione del personale delle amministrazioni americane. Ai sensi di tale Legge gli Stati Uniti non coopereranno a indagini della Corte che vedano coinvolti propri cittadini, negheranno aiuti militari agli Stati che hanno ratificato il trattato (con alcune eccezioni), e potranno usare "tutte le misure necessarie" per far rientrare negli Stati Uniti chiunque sia detenuto per decisione della Corte.
Gli Stati Uniti hanno inoltre chiesto ai governi del mondo di firmare accordi bilaterali che prevedano di non consegnare o deferire cittadini statunitensi alla giurisdizione della Corte. Essi hanno esercitando forti pressioni sugli Stati affinché aderissero a questa richiesta, in molti casi minacciando di negare aiuti militari. A fine anno erano 17 gli Stati che avevano siglato con gli Stati Uniti accordi bilaterali d’impunità, sebbene nessuno di questi sia stato finora ratificato.
AI ha sollecitato gli Stati Uniti a rinunciare agli attacchi nei confronti della Corte e di unirsi alla comunità internazionale nei suoi sforzi per porre fine all’impunità.
Diritti economici, sociali e culturali
In un mondo globalizzato, dove alcuni dispongono di grandi ricchezze ed opportunità mentre per molti vi è solo miseria e disperazione e dove le parole sono di guerra alle nazioni e non di guerra alla povertà, AI intraprende nuove strade concentrando il suo lavoro non solo sulla giustizia legale ma anche su quella sociale. Attraverso le attività sui diritti economici, sociali e culturali AI intende dimostrare l’interdipendenza dei diritti umani. Tutti i diritti umani hanno un valore intrinseco ma, il rispetto di ciascuno di essi è fondamentale perché siano rispettati tutti nel loro inscindibile complesso. La "sicurezza della persona" sta al cuore dei diritti civili e politici, ma ha scarso significato se le persone muoiono di fame. La strategia di AI sui diritti economici, sociali e culturali è dedicata agli emarginati, coloro che, vivendo la miseria, patiscono gravi e sistematiche privazioni di gran parte dei loro diritti. Assistenza sanitaria, acqua potabile, adeguata alimentazione sono spesso al di fuori della loro portata. Essi sono esclusi dall’istruzione e dal lavoro; molti sono sfollati dalle loro terre; spesso la polizia si rifiuta di entrare nei loro quartieri per difendere le donne dalla violenza o per contrastare attacchi razzisti o per proteggerli dal crimine.
I tentativi di queste persone di ottenere giustizia attraverso i tribunali, la polizia o gli organismi di controllo dello Stato rimangono inascoltati a causa degli svantaggi derivanti da analfabetismo, discriminazione, povertà, oltre che dagli abusi di potere di chi esercita l’autorità. L’accesso degli emarginati ai meccanismi di giustizia è spesso loro negato per motivi etnici, religiosi o linguistici o semplicemente perché la loro povertà detiene scarsa se non nulla influenza sulle decisioni di chi li governa. In un simile contesto donne e le ragazze subiscono un’esclusione ancora maggiore.
AI sostiene che le comunità che patiscono sistematiche o pesanti privazioni dei loro diritti economici, sociali e culturali sono la concreta dimostrazione dell’interdipendenza di tutti i diritti umani.
Nell’intento di migliorare la propria incisività nell’ambito dei diritti economici, sociali e culturali, AI sta cercando di rafforzare le proprie competenze e di costruire legami con altri soggetti da tempo attivi su queste tematiche. Durante l’anno sono stati inaugurati alcuni progetti pilota, comprendenti tematiche quali la condizione dei disabili mentali in Bulgaria, il diritto al lavoro dei palestinesi nei Territori Occupati, la discriminazione socio-economica degli sfollati e dei rifugiati bosniaci e il diritto alla salute dei malati di Hiv/Aids nell’Africa Meridionale ed Orientale.
Il lavoro di AI sui diritti economici, sociali e culturali cerca di portare l’attenzione sugli obblighi che i diversi attori della scena internazionale hanno di rispettate e proteggere tali diritti. Quanto ai diritti civili e politici, l’obbligo primario ricade sui governi nazionali. Tuttavia, anche i governi stranieri, le organizzazioni internazionali e le imprese private possono essere responsabili di violazioni dei diritti economici, sociali e culturali o al contrario adoperarsi affinché questi siano rispettati. Questi soggetti sono legalmente vincolati in relazione ai suddetti diritti, ma esistono anche forti motivazioni etiche che rappresentano un richiamo ad agire affinché obiettivi quali un’istruzione di base universale e lo sradicamento di drammi come la fame e le malattie prevenibili siano raggiunti.
Trasferimenti militari, di sicurezza e polizia
Per tutto l’anno AI ha continuato a chiedere severi controlli sul commercio e il traffico di armi attraverso le disposizioni previste dal diritto umanitario internazionale e della legislazione sui diritti umani. AI ha inoltre incrementato il proprio impegno per impedire il commercio di quelle attrezzature di sicurezza notoriamente usate per la tortura, nonché per persuadere i governi della necessità di basare l’addestramento dei militari e delle forze di polizia sul rispetto dei principi su cui si fondano il diritto umanitario internazionale e la legislazione sui diritti umani.
A metà dell’anno, durante il vertice degli otto Paesi più industrializzati (G8) tenutosi a Calgary, in Canada, AI ha premuto per un maggior controllo sul commercio delle armi. I leader dei G8 hanno accettato di "sostenere lo sforzo dei Paesi africani e dell’Onu nella regolamentazione delle attività di commercio ed intermediazione sul mercato delle armi e nell’eliminazione del flusso di armi illegali verso i Paesi africani e all’interno del continente stesso", nonché di "sostenere la riforma del settore della sicurezza attraverso la creazione di strutture di polizia democraticamente controllate".
A luglio AI ha ospitato un incontro internazionale cui hanno partecipato diverse Ong ed avvocati per mettere a punto il testo di un trattato sul commercio delle armi fondato sul lavoro di un gruppo di Premi Nobel per la Pace. Il trattato proposto codifica gli obblighi degli Stati ai sensi del diritto internazionale, impedendo l’esportazione di armi verso quei Paesi che contribuiscono alla violazione dei diritti umani o che comunque contravvengono alle norme del diritto umanitario.
Mentre il mondo si concentrava sulle armi di distruzione di massa, AI ha chiesto ai governi di evitare l’uso di armi con effetti indiscriminati e ha continuato a raccogliere denunce di violazioni dei diritti umani favorite dalle forniture di armamenti ed armi leggere, specialmente nelle aree di conflitto. Ad agosto, la Sottocommissione delle Nazioni Unite per la promozione e la protezione dei diritti umani ha proposto la nomina di un Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulle armi leggere. AI aveva chiesto l’istituzione di questa figura nel novembre 2001, in occasione di una conferenza internazionale di organizzazioni umanitarie tenutasi a Nairobi, in Kenya, e aveva contribuito alla discussione in seno alla Sottocommissione stessa. A ottobre AI ha presentato una lettera aperta al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite poco prima dell’apertura del dibattito sugli armamenti e le armi leggere. Ha chiesto maggiori controlli sull’esportazione di armi, sul loro trasporto e sulle relative transazioni internazionali. A novembre il Consiglio di Sicurezza ha preso in esame l’ultimo rapporto del Gruppo di esperti che aveva indagato sulla violazione dell’embargo sulle armi e le altre sanzioni imposte alla Liberia. Per tentare di ridurre le violazioni dei diritti umani AI ha auspicato che le raccomandazioni espresse dal Gruppo di esperti sul bando di armi, munizioni ed altre attrezzature militari, rivolte ad entrambe le parti in conflitto in Liberia, restassero in vigore.
AI ha inoltre svolto attività nell’ambito dell’addestramento militare e di polizia. Ha prodotto materiale relativo alle procedure di polizia nei Paesi della Comunità per lo sviluppo dell’Africa del Sud, che è stato ampiamente distribuito nella regione. Allo stesso tempo, ha organizzato attività di formazione, lobby e relazioni esterne, in particolare con la collaborazione di Gruppi AI dell’Africa del Sud. In almeno tre Paesi le autorità hanno iniziato una revisione della propria legislazione in materia.
L’organizzazione ha inoltre pubblicato un rapporto che esamina la mancata promozione e tutela dei diritti umani da parte dell’amministrazione statunitense nell’ambito dell’addestramento del personale militare e di polizia fornito dagli Stati Uniti a oltre 150 Paesi. A seguito della propria attività di lobby, a settembre AI ha ottenuto negli Stati Uniti un vincolo legale che impegna il Segretario di Stato a riferire annualmente al Congresso su "qualsiasi coinvolgimento di militari stranieri o di membri delle forze dell’ordine", addestrati dagli Stati Uniti, in azioni che costituiscano "violazioni dei diritti umani internazionalmente riconosciuti […]". Sia il dipartimento della Difesa sia quello degli Esteri inizieranno a controllare e riferire su violazioni dei diritti umani commesse da personale addestrato dal governo degli Stati Uniti. Gli attivisti di AI negli Stati Uniti hanno sono inoltre riusciti ad avere la meglio sui tentativi del governo di rimuovere il condizionamento sui diritti umani posto dai programmi di assistenza a Paesi stranieri da parte degli Stati Uniti.
Pena di morte
Nonostante durante l’anno il mondo si sia avviato verso una generale tendenza abolizionista, molti Paesi continuano a "giustiziare" i loro detenuti. Nel mese di aprile Cipro ha abolito la pena di morte per tutti i reati, eliminandola dal proprio codice penale militare anche per reati militari quali tradimento e sabotaggio. A giugno, nella Repubblica federale di Jugoslavia, la pena capitale è stata abolita nel Montenegro, l’unica parte del Paese dove questa resisteva. Ad agosto è stato il turno della Turchia che l’ha abolita per reati commessi in tempo di pace.
A fine anno, i Paesi abolizionisti per tutti i reati erano 76. Altri 15 avevano abolito la pena di morte tranne nel caso di reati eccezionali in tempo di guerra. Almeno 20 Paesi sono abolizionisti de facto, ovvero non la applicano da almeno 10 anni e si ritiene che abbiano adottato la prassi di non eseguire condanne o che si siano assunti quest’impegno a livello internazionale. Altri 84 Paesi e territori mantengono la pena capitale, sebbene non tutti abbiano comminato o effettuato esecuzioni durante l’anno.
Il 25 aprile, per il sesto anno consecutivo, la Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani ha adottato una risoluzione che chiede la moratoria sulle esecuzioni. La risoluzione chiede inoltre agli Stati mantenitori di non applicarla per "reati non violenti come […] relazioni sessuali tra adulti consenzienti".
Il 21 febbraio, il Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa ha adottato il Protocollo n.13 alla Convenzione europea per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali (Convezione europea sui diritti umani). Si tratta del primo trattato internazionale che prevede l’abolizione della pena di morte in ogni circostanza, senza eccezione alcuna. All’apertura delle firme avvenuta il 3 maggio a Vilnius, in Lituania, il Protocollo è stato firmato da 36 dei 44 Stati membri del Consiglio d’Europa, dichiarando la propria intenzione di diventarne Parti. Il Protocollo entrerà in vigore tre mesi dopo la ratifica di almeno 10 Stati. A fine anno erano cinque i Paesi ad averlo ratificato.
A maggio, a Roma, è stata fondata la Coalizione mondiale contro la pena di morte. Nata come derivazione del primo Congresso mondiale contro la pena di morte, tenutosi a Strasburgo, in Francia, nel giugno 2001, questa coalizione riunisce organizzazioni nazionali ed internazionali per i diritti umani, tra cui AI, ordini degli avvocati, sindacalisti ed autorità locali e regionali. In una dichiarazione resa il 13 maggio, l’Alta Commissaria per i diritti umani, Mary Robinson, ha descritto il suo lancio come "una importante pietra miliare verso una campagna internazionale permanente per la limitazione e, in prospettiva, verso l’eliminazione dell’uso della pena di morte ovunque nel mondo".
Nel frattempo le esecuzioni continuano e nel corso dell’anno sono state "giustiziate" almeno 1.526 persone in 31 Paesi ed almeno 3.248 sono state condannate a morte in 67 Paesi. Queste cifre comprendono solo i casi noti ad AI, le cifre reali sono certamente più elevate.
Gran parte delle esecuzioni effettuate nel mondo hanno avuto luogo in una manciata di Paesi. Nel corso dell’anno il 90 per cento del totale delle condanne sono state eseguite in Cina, Iran e Stati Uniti.
  • In Cina le prime stime indicano l’esecuzione di almeno 1.060 persone, molte delle quali non hanno ricevuto un equo processo. Si ritiene tuttavia che il numero reale sia molto più alto.
  • In Iran sono state eseguite almeno 113 condanne.
  • Negli Stati Uniti sono state eseguite 71 sentenze, comprese quelle di tre persone che al momento del reato di cui sono state ritenute colpevoli avevano meno di 18 anni.


© Amnesty International - Sezione Italiana - http://www.amnesty.it/
per maggiori informazioni: info@amnesty.it

 
Amnesty International - Pubblicazioni

Rapporto Annuale 2003
Map of Korea (the Democratic People's Republic of)

Korea (the Democratic People's Republic of)

Repubblica democratica popolare di Corea
Capo di stato: Kim Jong Il
Capo del governo: Hong Song Nam
Pena di morte: mantenitore
Statuto di Roma della Corte penale internazionale: non firmato

Il governo della Repubblica democratica popolare di Corea (Corea del Nord) ha continuato a rifiutare laccesso degli osservatori indipendenti per i diritti umani. Continuano a essere segnalati episodi di repressione delle libertà fondamentali, maltrattamenti nei campi di prigionia, esecuzioni pubbliche e repressione religiosa. Permane la carenza di generi alimentari e sussistono timori che le riforme economiche potrebbero influire negativamente sulle condizioni di vita dei ceti più poveri e vulnerabili.

Contesto
Nel corso dell'anno, i rapporti tra Corea del Nord e Corea del Sud (Repubblica di Corea) sono stati instabili. A giugno ha avuto luogo un grave duello navale nel Mare Occidentale in cui sono rimasti uccisi cinque marinai sudcoreani e un numero imprecisato di nordcoreani. Una presentazione di scuse senza precedenti da parte del governo nordcoreano ha portato a colloqui interministeriali a Seul, Corea del Sud, a luglio e a Pyongyang, la capitale nordcoreana, ad ottobre. A maggio e a settembre, famiglie separate hanno potuto riunirsi e si è giunti a un accordo per un collegamento ferroviario e stradale tra i due Paesi. La Corea del Nord ha partecipato come Stato a sé ai Giochi asiatici tenutisi a Busan, Corea del Sud, a settembre.

Durante una visita del primo ministro giapponese Koizumi Junichiro a settembre, la delegazione giapponese ha presentato le proprie scuse per i danni e le sofferenze inflitte in passato alla Corea dal dominio coloniale e ha offerto una collaborazione economica comprendente aiuti umanitari. La Corea del Nord ha ammesso il rapimento di 13 cittadini giapponesi negli anni Settanta e Ottanta, otto dei quali erano morti. Ai cinque superstiti è stato in seguito concesso di visitare il Giappone. I colloqui sulla normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi hanno avuto inizio ad ottobre, ma sono stati sospesi quando il governo giapponese ha insistito affinché i cinque giapponesi rapiti in visita in Giappone potessero rimanervi per essere raggiunti dai propri familiari ancora in Corea del Nord.

A settembre, il vice segretario di Stato americano per loriente asiatico e l'area del Pacifico è stato il più alto funzionario statunitense dellamministrazione Bush in visita a Pyongyang. Durante i colloqui, il governo nordcoreano ha ammesso di avere un programma di arricchimento del plutonio, il che ha successivamente inasprito i rapporti sia con i Paesi vicini sia con gli Stati Uniti.

A luglio sono state avviate riforme economiche. Si è temuto che alcune delle riforme potessero portare ad un ulteriore impoverimento dei settori più vulnerabili della società, tra cui donne e bambini. La valuta nordcoreana ha subito una svalutazione e i prezzi dei generi alimentari sono aumentati in modo smisurato. È stata annunciata la graduale abolizione dei sistemi di razionamento alimentare e dei sussidi per gli alloggi. Per la prima volta dal 1953, anno in cui il governo impose lagricoltura collettiva, è stato introdotto, in prova, un sistema agricolo a gestione familiare.

Tra le altre misure, a settembre il governo ha costituito unarea amministrativa speciale a Sinuiju, una cittadina accanto al confine con la Cina. Alle autorità locali è stata concessa una semiautonomia, in particolare per le questioni economiche.

Rifiuto di accesso
Permangono limitazioni nella circol’azione delle informazioni e nellaccesso al Paese. Il rifiuto di accesso ad AI e ad altri osservatori per i diritti umani ha ostacolato le indagini sulla situazione dei diritti umani, sebbene siano state comunque segnalate gravi violazioni, tra cui esecuzioni, tortura, detenzione di prigionieri politici e condizioni di prigionia disumane.

Esecuzioni
Sono continuate le segnalazioni di esecuzioni pubbliche compiute negli ultimi anni. Queste segnalazioni contraddicono le dichiarazioni rese a luglio 2001 da funzionari nordcoreani alla Commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani, secondo le quali lultima esecuzione pubblica ha avuto luogo nel 1992.

Secondo quanto riferito, le esecuzioni pubbliche sono state compiute in luoghi di raduno di vaste folle, con preavviso a scuole, imprese ed aziende agricole. È stato riferito che alcuni prigionieri sono stati “giustiziati” di fronte ai propri familiari. Le esecuzioni sono state portate a termine per impiccagione o fucil’azione.

Libertà di espressione
Non è stata tollerata alcun tipo di opposizione politica. Secondo le dichiarazioni ricevute, chiunque esprima unopinione contraria alla posizione del partito di governo nordcoreano, il Korean Workers Party, è sottoposto a gravi punizioni, spesso condivise dai familiari.

I mezzi di comunicazione nazionali continuano ad essere pesantemente censurati e laccesso ai mezzi di comunicazione internazionale resta limitato.

Qualsiasi assemblea o associazione non autorizzata viene considerata disordine pubblico e, come tale, passibile di punizione. La libertà di religione, sebbene garantita dalla Costituzione, è in pratica nettamente limitata. Sono stati segnalati gravi episodi di repressione, tra cui incarcerazione, tortura ed esecuzione, di individui impegnati in attività religiose pubbliche e private. È stato segnalato da più fonti che molti cristiani sono stati tenuti prigionieri in campi di lavoro, dove, secondo quanto riferito, erano sottoposti a torture e soffrivano la fame.

Tortura e maltrattamenti
Secondo segnalazioni non confermate, tortura e maltrattamenti sono diffusi nelle carceri e nei campi di lavoro. Sempre secondo quanto riferito, le condizioni sono estremamente dure.

Rifugiati
Molti nordcoreani hanno continuato ad attraversare il confine con la Cina. Ad almeno 100 nordcoreani è stato concesso di lasciare la Cina dopo aver cercato asilo in strutture diplomatiche e scuole straniere fino a giungere in Corea del Sud attraverso Paesi terzi.

Secondo quanto riferito, centinaia di altri sono stati arrestati in Cina e costretti a tornare in Corea del Nord. Non è noto con precisione cosa sia accaduto loro dopo il rientro in Corea del Nord, ma diverse fonti hanno riferito che sono stati spesso sottoposti a lunghi interrogatori e torturati. Secondo quanto riferito, alcuni sono stati incarcerati o mandati in campi di lavoro.

Carenza di generi alimentari
La Corea del Nord continua ad affidarsi agli aiuti internazionali per nutrire la propria popolazione. Secondo uno studio realizzato dalla Fao (Food and Agricultural Organization), oltre 13 milioni di persone soffrono di malnutrizione. Ad ottobre e novembre, una drastica riduzione delle donazioni per le operazioni di emergenza in Corea del Nord ha causato la cessazione da parte del Wfp (World Food Programme) della distribuzione di cereali a tre milioni di donne, bambini e anziani nelle province occidentali e meridionali, già relativamente più ricche. Si è temuto che un altro milione e mezzo di nordcoreani nella zona orientale più povera sarebbe stato privato delle razioni invernali in caso di un protrarsi della situazione.

Le statistiche governative indicano che il 45 per cento dei bambini nordcoreani al di sotto dei cinque anni soffre di malnutrizione cronica, mentre altri quattro milioni di bambini in età scolare sono gravemente sottoalimentati, con conseguente danno per lo sviluppo fisico e mentale.

Coloro che erano rimasti privi dell'assistenza del Wfp sono dipesi totalmente dal sistema di distribuzione pubblico gestito dal governo, per tradizione il canale principale di fornitura di generi alimentari per la maggior parte dei 23 milioni di persone del Paese. Il sistema di distribuzione pubblica forniva ai destinatari già meno della metà dellapporto nutrizionale minimo consigliato a livello internazionale, ma in base alle riforme economiche annunciate a luglio, questo sistema è destinato ad essere gradualmente eliminato.




© Amnesty International - Sezione Italiana
per maggiori informazioni: info@amnesty.it



         I martiri cristiani nel Terzo millennio
    
Si stima che 250 milioni di cristiani (cattolici, protestanti, ortodossi e di altre confessioni) vivano quotidianamente rischiando la propria vita.

La World Christian Encyclopedia informa che ogni anno muoiono per la fede in Gesù circa 160.000 persone: quest'ultima cifra è probabilmente eccessiva, ma non manca chi la ritiene sottostimata.

Michael Horowitz, ebreo, denuncia: "Oggi, le comunità cristiane minoritarie sono diventate il bersaglio prediletto del radicalismo islamico e dei rimanenti regimi comunisti.

     Il silenzio e l'indifferenza delle élites occidentali di fronte alle aggressioni violente, ai saccheggi, alle torture, agli arresti, alle riduzioni in schiavitù, alle uccisioni e alle crocifissioni delle sempre più vulnerabili comunità cristiane, ancor più fa fremere le mie ossa e il mio istinto di ebreo".

     Questi cristiani, sono persone il cui attuale destino può facilmente diventare il nostro se noi restiamo indifferenti alla loro sorte".

     Queste citazioni sono riportate da Antonio Socci nel volume "I nuovi perseguitati" (ed. Piemme), al fine di renderci consapevoli delle persecuzioni attualmente subite in diverse zone del mondo dai credenti in Cristo, nell'indifferenza pressoché generalizzata da parte dell'Occidente.

     Non mancano tuttavia opinionisti sensibili alla gravità del fenomeno: per la stampa laica troviamo:
      Ernesto Galli della Loggia, autore della prefazione del libro in questione,    Paolo Mieli del "Corriere della Sera",
     Sandro Magister, vaticanista de "L'Espresso".

     Socci parla dei massacri di cristiani compiuti durante il secolo scorso dai totalitarismi, insieme ai genocidi pressoché dimenticati dell'Armenia a inizio `900, del Messico negli anni '20 e della Spagna negli anni '30.

L'autore si serve in proposito degli studi di:
      Andrea Riccardi ("Il secolo del martirio", ed. Mondadori) e Robert Royal.

     Si passa quindi a un dettagliato reportage sulle vessazioni compiute ai nostri giorni contro i cristiani negli Stati a maggioranza musulmana (Arabia Saudita, Pakistan, Indonesia, Nigeria, Sudan), compresi quelli ritenuti moderati e la cui legislazione è ispirata sulla carta al rispetto dei diritti umani (Egitto, Turchia).

     Si giunge poi ad esaminare le repressioni compiute nelle Nazioni dove siedono al potere regimi comunisti: tra essi spicca la Cina.

Quali sono i motivi di tutto questo?
Conosciamo, da parte occidentale, l'esistenza di interessi economici e commerciali gravitanti attorno al vasto mercato cinese e ai giacimenti petroliferi presenti in diversi Paesi islamici.

     Tali interessi conducono a mettere in secondo piano le violenze perpetrate da tali regimi.


     Un altro fattore è il secolarismo anticristiano, che da molto tempo caratterizza la nostra civiltà.

     Il musulmano iraniano Amir Taheri, in esilio dopo l'ascesa di Khomeini, è sconcertato nel vedere come l'Occidente critichi spesso il cristianesimo, senza adottare un uguale metro di giudizio per l'islamismo.

     Taheri ammonisce: "Questo fa molto male all'Islam.

     Ci trattate con condiscendenza come bambini e poi vi lamentate se questi bambini viziati diventano irresponsabili e violenti".
     E non può mancare il conformismo "politically correct", che non risparmia nemmeno diverse comunità religiose occidentali.

     Tuttavia, le responsabilità non stanno solo da un lato non vanno affatto assolte.
     Le teocrazie regnanti in Africa e in Asia, che disconoscono la libertà di culto, la dignità della donna e dell'individuo, e presentano strutture pre-medievali prive di un'assemblea parlamentare.

     In questi Paesi, le oligarchie al potere si appropriano dei proventi petroliferi, relegando gran parte dei sudditi nella povertà, addebitandone la causa esclusivamente al Nord del mondo, suscitando così diffuse simpatie per il terrorismo a base religiosa.

     Nel Sudan, dove è in atto da decenni una feroce persecuzione contro la minoranza cristiana e animista da parte del governo islamico di Khartoum, il petrolio è stato scoperto solo tre anni fa.

     E ancora: come potrà l'ONU mettere fine alle ingiustizie quando nella sua Commissione per i diritti umani siedono Cina, Vietnam, Cuba, Libia e Sudan?

Nonostante tutto, Antonio Socci scorge una speranza nel grande incontro di Assisi del 24 gennaio 2002, in occasione del quale Giovanni Paolo II ha auspicato l'immediata cessazione di ogni tipo di violenza, specie se praticata in nome della fede, sollecitando i leader religiosi a "sconfessare e isolare quanti strumentalizzano il nome di Dio per scopi o con metodi che in realtà lo offendono".

     Il Papa ha inoltre più volte invitato, nei propri discorsi, i capi di Stato a rispettare la libertà religiosa e la dignità umana.

"I nuovi perseguitati" è un'opera chiara e obiettiva, in quanto riporta un esame scevro da sommarie generalizzazioni degli aspetti politici, economici e culturali che stanno all'origine dell'attuale martirio di molti cristiani.      Marco Cingolati