CONCEDERÒ AD Assad ministero della difesa

The Syrian state TV celebrates the arrival at the polls, of President Bashar al-Assad, his wife Asma. At the vote, the amendment of the Constitution he developed, which gives him the opportunity to renew his mandate until 2028. --- ANSWER -> NO! I will give Assad AD, only the Ministry of Defence until 2028! but, Assad: will be removed from the power: immediately! When the country was prepared and will be pacified? only then can vote! in the meantime? There will be my commissioner! if parties agree? you can do!. --- ANSWER-->NO! IO CONCEDERÒ AD Assad, soltanto, il ministero della difesa, fino al 2028! ma, lui lascerà il potere immediatamente! Quando il paese sarà stato preparato e pacificato? soltanto allora: si potrà votare! nel frattempo? ci sarà il mio commissariamento! se le parti accettano? si può fare! by Unius REI the king

i satanisti della CIA erano invidiosi che, io avevo trovato una spiritualmente matura collaboratrice tedesca, sulla pagina di youtube/user/youtube
https://www.youtube.com/user/MarlaMarleen/discussion così la hanno intimidita, questa ragazza, e hanno lei costretto al silenzio, ed io non so, se, lei è viva, o se lei è stata uccisa dai satanisti tedeschi, dove ogni anno fanno 30.000 sacrifici umani sull'altare di Merkel Satana!
  Http://spazioweb.inwind.it/metafisica


Ciao amici della filosofia e della politica!
A tutti un affettuoso benvenuto!
Per tornare indietro digitare[alt]+[Ü]



GANDHI

la Grande Anima:
Se potessimo cancellare l'Io e il Mio dalla religione, dalla politica, dall’economia ecc. Saremmo presto liberi e porteremmo il cielo in terra. Chi cerca la verità non può permettersi di essere un egoista. Le capacità di un individuo sono limitate e il momento in cui si illude di poter intraprendere qualsiasi compito, Dio è pronto ad umiliare il suo orgoglio. Il desiderio sincero e puro del cuore è sempre soddisfatto. La Verità è la prima cosa da cercare, dopo di che la Bellezza e la Bontà si aggiungeranno da sole. Dove c’è paura non c’è religione. L’uomo è l’artefice del proprio destino, nel senso che è libero di scegliersi il modo in cui usare tale libertà, cioè non ha il controllo dei risultati. Non appena si illude di averlo fallisce. Soltanto quando Dio regnerà nel cuore degli uomini essi saranno in grado di abbandonare la loro aggressività. Una mente che non si fissi su Dio è destinata a vagare e a mancare della qualità di tempio di adorazione. La legge di Dio è diversa dalla legge dello Stato. Se dovessimo travalicare i limiti della sua legge (legge naturale), il mondo sarebbe perduto (Harijan, 19 maggio 1946, p. 136). La spiritualità consiste nel coltivare il cuore, sviluppando una forza incommensurabile. L’assenza di paura è il primo requisito della spiritualità. I codardi non possono mai essere morali. La purezza non può venire imposta dall’esterno. Deve procedere da un’evoluzione interiore e, perciò da uno sforzo individuale. E’ mia ferma convinzione che la forza dell’anima cresca di pari passo con la sottomissione della carne. Un conto è l’uomo, un conto sono i suoi atti. Una buona azione suscita consenso e un’azione malvagia disapprovazione, i  loro  autori meritano sempre rispetto o pietà a seconda dei casi. “Odia il peccato, non il peccatore” questo viene praticato raramente, ecco perché il veleno dell’odio dilaga nel mondo. Ci sono principi eterni che non ammettono compromessi e per la cui pratica occorre essere pronti a sacrificare anche la vita. Verità e Amore – ahimsa - sono le sole cose che contino. Dove ahimsa è presente, tutto, alla fine, si aggiusta. Questa è una legge che non contempla eccezioni. Penso che sia sbagliato aspettarsi certezze a questo mondo, dove tutto ciò che non sia Dio, che non sia Verità, è incertezza. All’uomo non è dato conoscere tutta la Verità. Il suo dovere sta nel vivere secondo la verità che riesce a vedere, e così facendo, nel ricorrere ai mezzi più puri, cioè, alla non violenza. Dio solo conosce la Verità Assoluta. Perciò ho spesso detto che la verità è Dio. Ne consegue che un uomo, un essere finito, non può conoscere la Verità Assoluta. La Verità è il principio sovrano, che implica numerosi altri principi. Nulla è, o esiste, nella realtà, tranne al Verità. Quando vorrete trovare la Verità come Dio, il solo inevitabile mezzo sarà l’Amore, cioè la nonviolenza. Dio è pura ed immacolata coscienza, è eterna energia, è l’essenza della vita. Tuttavia, abbastanza stranamente, non tutti sono capaci di trovare beneficio o rifugio nella vivente presenza che tutto pervade. Eppure ci è vicino , più vicino di quanto le unghie non lo siano con le dita. Noi non siamo, Egli solo è. Danziamo, allora, al ritmo del suo Bansi, il liuto, e tutto andrà per il meglio. Dio è l’Alchimista Supremo, in sua presenza tutto il male si trasforma in bene. E’ la più pura essenza. La Verità non danneggia mai una causa giusta. Temiamo Dio e cesseremo di temere l’uomo. L’assenza di paura non significa arroganza o aggressività. Quest’ultima è in se stessa un segno di paura. L’assenza di paura presuppone la calma e la pace dell’anima. Per essa è necessario avere una viva fede in Dio. I razionalisti sono esseri ammirevoli, ma il razionalismo è un momento orribile quando si professa onnipotente. Non propugno la soppressione della ragione, ma il dovuto riconoscimento di ciò che in  noi santifica la ragione stessa.
Un uomo di fede resterà fedele alla verità anche se il mondo intero dovesse apparirgli avvolto nella menzogna. La fede non contraddice la ragione, ma la trascende. La fede è una sorta di sesto senso che opera nei casi in cui la ragione non può competere. La moralità assoluta, valida per ogni tempo, non esiste. Ma c’è una moralità relativa che è abbastanza assoluta per quegli imperfetti mortali che siamo noi. Io non credo in chi parla agli altri della propria fede, specie se a scopo di conversione. La fede non ammette parole. Bisogna viverla e solo allora potrà accadere che si propaghi da sé. Una rosa non ha bisogno di predicare. i limita a diffondere il proprio profumo. La fragranza della vita religiosa e spirituale è molto più raffinata e sottile di quella della rosa. Dite addio all’umiltà nel momento in cui affermate che la vita non è sufficiente e che dovete aggiungervi la parola. Il linguaggio dell’anima non si presta mai all’espressione. Infatti il linguaggio è una limitazione della verità, che può essere testimoniata solo dalla vita. Il pensiero di Gandhi si fonda sulla metafisica: l'universo è  regolato da un principio supremo chiamato satya (verità), partecipato in tutti gli esseri viventi, in special modo nell'uomo, nel quale diviene autocoscienza. Dell'essenza divina partecipano tutti gli uomini, per questo essi sono chiamati a costituire un'unità. L'amore rappresenta l'unica forma opportuna di relazione tra gli uomini. Gandhi relativizzava lo stato come espressione di coercizione e di uniformità. Esso è tuttavia indispensabile finché gli uomini non giungano alla loro evoluzione spirituale che si manifesta con l’essere socialmente responsabili. Per Gandhi possedere il superfluo, quando molti muoiono di fame, è un "peccato contro l'umanità".

GENOCIDIO

Il consorzio delle nazioni deve mobilitarsi senza indugi sul piano militare la dove si realizza un genocidio o la soppressione della identità nazionale o delle libertà fondamentali e di espressione.
In un solo uomo che viene schiacciato tutta l’umanità viene schiacciata.

GERARCHIA

Una delle più grandi rovine, certamente la più grande rovina è non avere una retta gerarchia dei valori.
Ma per questo, adesso, ci siamo noi metafisici.
Inoltre, nella società metafisica non si sono classi sociali, ma tutto è strutturato gerarchicamente.
L’autorità e il potere sono senza ombre e ambiguità, affinchè si abbia sempre un responsabile da punire se sbaglia, sarà certa l’attribuzione delle responsabilità e delle inattitudini.
I posti di comando in una società metafisica sono inequivocabilmente dei migliori.
In primo luogo l’onestà, in secondo luogo la competenza, in terzo le doti di governo.

GERUSALEMME

capitale del mondo!- Città della pace e della fratellanza!
E' giusto che Gerusalemme sia la capitale della Palestina, è giusto che essa sia la capitale di Israele. E' giusto che essa sia la capitale di tutti quelli che amano Dio e la capitale della pace universale, della riconciliazione dell'umanità. Ma Dio da che parte sta’? Dalla parte degli israeliani o dalla parte dei palestinesi? Anche un bambino capirebbe osservando gli oltre 4000 anni di storia come un popolo non è mai riuscito a prevalere su di un altro semplicemente perché Dio è con entrambi, Dio ama entrambi. Per entrambi sono state le benedizioni del padre Abramo ed in loro sono benedette tutte le nazioni, anch'esse abbracciando l'amore unico ed assoluto di Dio che è Giustizia e Verità , entrano a pieno titolo nella Grande Speranza. "Cerca di contare le stelle del cielo e la sabbia del mare - disse Dio ad Abramo - così numerosa io renderò la tua discendenza". Sulla polemica poi su chi sia l'erede di Isacco e chi di Ismaele, io non ho dubbi. E' scritto che Ismaele era invidioso e che si burlava del fratello, così sarà sufficiente mettere insieme una delegazione dei due popoli ed osservare chi delle due burla, critica, invidia o deride l'altra, sarà facile capire allora con precisione scientifica chi è dei due popoli discendente da Ismaele. Giusti di tutto il mondo vi chiamo ad una guerra santa, marciamo su Gerusalemme con i fiori in mano. Si, le sue sante porte si apriranno definitivamente e noi ne prenderemo il possesso. Con l'amore noi opereremo quello che le armi non potranno mai operare, e se vorranno bastonarci, noi ci lasceremo bastonare, se ci cacceranno noi ritorneremo, si stancheranno sicuramente prima i bastonatori dei bastonati. Prendiamo pacificamente possesso della Città Santa per la Gloria di Dio. Gerusalemme non può essere esclusiva di un solo popolo, essa appartiene di diritto a tutti i popoli. Andiamo a Gerusalemme capitale del mondo. Tra i due litiganti goda il mondo intero di Gerusalemme! GERUSALEMME MADRE DI POPOLI: Festeggiamo i tremila anni della città santa culla delle tre grandi religioni monoteistiche. Questa città è viva come ogni città e come ogni città ha una evoluzione ed una vocazione. La vocazione di Gerusalemme è unica al mondo. Certo ci troviamo in una città ebraica, Gesù ebbe un rapporto particolare con questa città che immolandoLo lo avrebbe offerto al mondo, Maometto da qui ascese al cielo. Ma Gerusalemme è preesistente a Davide ed al suo divenire ebraica. Davide la sottrasse ai Gebusei (2Sam 5,6-9) e questo particolare è fondamentale per comprendere la vocazione di questa città. In Salmi 86,1-4 si dice: "Le sue fondamenta sono sui monti santi; il Signore ama le porte di Sion più di tutte le dimore di Giacobbe. Di te si dicono cose stupende, città di Dio. Ricorderò Raab e Babilonia fra quelli che mi conoscono; ecco, Palestina, Tiro ed Etiopia: tutti là sono nati". Altri passi della Bibbia mostrano questa realtà: Gerusalemme è madre dei popoli! Se questo non lo fosse antropologicamente lo rimane certo spiritualmente. Gerusalemme è il cuore del mondo! Questa città per essere autentica e fedele a se stessa deve mostrarsi ed essere unitaria e concorde nella pace, trionfo di pluralismo e civiltà. Il Paradiso è rappresentato come la Gerusalemme del cielo, Gerusalemme è così la capitale dello Spirito, la via per il cielo. "Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà elevato sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti. Verranno molti popoli e diranno: Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i sui sentieri. Poiché da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore. Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli. Forgeranno le loro spade in vomeri le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un'altro popolo, non si eserciteranno più nell'arte della guerra" (Isaia 2,2- 4). Andiamo a Gerusalemme e tutti insieme ricostruiamo il tempio del Signore, -- IL PRIMO TEMPIO UNIVERSALE E MULTICONFESSIONALE -- in esso si levino, canti, salmi e lodi al Dio Onnipotente da tutti gli uomini e da tutte le religioni della terra. Entreremo a Gerusalemme non con arroganza, ma con grande rispetto per i padroni di casa, gli Ebrei, e riceveremo la loro ospitalità e la loro benedizione e il loro grande amore. E benediremo e ringrazieremo Dio per loro e che in loro ci ha molto beneficato rivelandosi ed alleandosi con i loro padri, che sono anche i nostri padri. Il valore di Gerusalemme è proprio la vera Gloria di Dio, ma satana si accanisce contro questa Gloria, ovvero amarsi di cuore in Dio e pregarlo indifferentemente e gioiosamente se al nostro fianco c'è un musulmano, un cristiano, un ebreo o ogni uomo di buona volontà. E' questo l'insegnamento di Gerusalemme, altrimenti tanto vale starsene a casa e continuare ad illudersi che il "nostro" Dio, quello che ci siamo fatti noi a misura della nostra grettezza e del nostro egoismo non è razzista. Ma Dio ci chiama ad una grande gioia, molti a Gerusalemme saranno uccisi dall'amore e da una gioia tanto grande. Moriranno inondati dall’amore molti più uomini di quanti non ne ha potuti uccidere l’odio. A Gerusalemme si morirà grazie a un amore ed una gioia tanto grandi da violentare i limiti umani. A Gerusalemme più nessuno morirà per odio! La vera ricchezza e la vera gioia sarà quella di ricevere l'amore di Dio dal fratello di un'altra confessione religiosa. Tutti assetati di Dio, innamorati di Dio, tutti a Gerusalemme. Poter morire a Gerusalemme rappresenterà un privilegio. Ed ora tutti a GERUSALEMME: "Gerusalemme, Gerusalemme se ti dimentico si paralizzi la mia destra si attacchi la lingua al palato. Esultammo quando ci dissero, andiamo alla città del Signore degli eserciti, ed ora i nostri piedi si fermano alle tue porte Gerusalemme. Gerusalemme è costruita come città salda e compatta, là salgono insieme le tribù del Signore, per lodare il nome del Signore." (Bibbia)

GIOCO

Il gioco d’azzardo con grosse somme è gravemente immorale.
Le somme dei giocatori, se scoperte devono essere subito incamerate nelle casse dello Stato.
Tuttavia, anche qualsiasi gioco con una base pur minima di interesse economico snatura il senso di gratuità e di gioia che il gioco deve suscitare.
Per grande somma si deve intendere quella che è sufficiente a comprare 50 bottiglie d’acqua.
E’ comunque immorale la concezione di ricevere degli utili che non siano il frutto del proprio onesto lavoro all’interno di una società metafisica.
Quindi al gioco del gratta e vinci o della schedina del totocalcio, o di altre forme di gioco, che in realtà non servono che ad incrementare le tasse che si sono già pagate allo Stato.
Lo stato è abile a imporre questa tassazione nascosta quando attraverso la sua televisione da risalto alle vincite, e fa precipitare nell’illusione una serie sempre più grande di polli da spennare.
Il gioco col denaro rappresenta sempre una forma di immaturità psicologica e spirituale.

GIOVANOTTI

“L’albero” di Lorenzo Cherubini, in arte Giovanotti è più di un bel disco. Forse un po difficile. Un pò afro, perché registrato in parte in Sud Africa, patria della rivolta antiraziale e della pace ritrovata; un pò cubano, per le sue percussioni; un pò junky-rap. E’ pieno di mille colori, i colori della speranza, della pace, della bellezza della vita nel dialogo tra un “lui” e una “lei”, nelle sofferte parole contro un sopruso di un capitalismo selvaggio, che produce povertà e guerre. Azzurro, rosso, verde, giallo, arancione: i colori del dialogo tra le religioni e le razze, tra le speranze e i desideri dei giovani di tutto il mondo. Tra quelli che stanno meglio, come noi occidentali, e quelli che stanno malissimo, africani, arabi, indoasiatici. E qui la musica acquista un ruolo speciale. Non più della musica per fare musica con amici, ma una vera danza incessante a colpi di batteria e percussioni, per far festa dentro l’anima. Per continuare a sorridere. Una musica positiva, perché la vita è positiva. Perché la musica la impreziosisce come una gemma che scintilla. “L’albero” è un viaggio verso il mondo, a contatto con tutte le culture e le poesie. Giovanotti si consacra come un nuovo profeta, che con semplici messaggi cerca di incoraggiare la nuova generazione verso il raggiungimento di un mondo migliore. Giovanotti, infatti, porta avanti una evoluzione culturale per tutti i giovani di oggi. Essi sono figli della noia, della frustrazione e della mancanza di un punto di riferimento.  Sono molto fragili e per loro e molto difficile costruirsi un futuro. Giovanotti pone l’uomo come l’ombellico del mondo, cioè lo spazio dove generare la nuova umanità. I giovani infatti devono farsi forza ed essere duri come la roccia e devono essere liberi dalle cose, dai sistemi di potere, perché sono loro che devono scegliere la propria realtà. Il mondo infatti vuole tenerli ignoranti, sommersi dalle incertezze e dalle paure, tanto da renderli pessimisti nella possibilità di un mondo migliore. In sostanza i discorsi di Giovanotti portano tutti ad un obiettivo: spingere i giovani a coltivare le speranze, a farsi forza, a combattere contro un mondo che li vuole sconfitti.(Benedetta Occhiogrosso classe IV°A - 1997/98)

GIUDICARE

Solo l’uomo metafisico può giudicare!
Perché solo lui ha la retta comprensione del bene e del male.
Solo lui, infatti, sa cosa è universalmente e oggettivamente bene e cosa nel contempo è male. Dall’idea assoluta e fondamentale non sarà poi impossibile trovare la soluzione morale a ogni atto particolare.

GIUSTIFICAZIONE

Abbiamo il dovere di insegnare e predicare in tutto il mondo, aiutati da una luce infusa da Dio nel cuore di ogni uomo. La luce pone il pagano dinanzi alla decisione pro/contro. La giustificazione non è meritata dalla fede o dalle buone opere! Tuttavia deve rappresentare il massimo impegno del credente, secondo la collaborazione di ciascuno, l'uomo è davvero giusto, anche se può cadere in peccati veniali. L'AUMENTO DELLA GIUSTIFICAZIONE avviene attraverso la collaborazione alla grazia attraverso la fede e le buone opere. I comandamenti non sono fuori dalla nostra portata: occorre sforzarsi di cooperare. IL DONO DELLA PERSEVERANZA va invocato perché la vita è un combattimento, e non siamo certi che vinceremo, a causa della nostra infedeltà dobbiamo vivere in una condizione di vigilanza continua. La grazia si perde con ogni peccato grave che è volontaria opposizione alla legge di Dio, ma la fede si perde solo per il peccato contro la fede. Ma le nostre opere buone ci dispongono alla vita eterna con la grazia e la nostra attività, con la nostra collaborazione il premio. Dio ama porre il suo tempio nel cuore dell'uomo e ama inabitare nel popolo, l'attività del popolo è l'ascolto della sua delicata e soave presenza. L'inabitazione inizia quando si verifica uno stato mistico di amore. Dio creatore della natura crea l'uomo come immagine dell'unico Dio, per questo l'uomo vive in Dio, Dio vive nell'uomo, occorre pregare perché la grazia susciti la conversione in tutti. La grazia   in sé va creduta e nei suoi effetti può essere sperimentata. Tutti gli uomini sono figli di Dio, i credenti soltanto ne sono consapevoli. Figli di Dio per grazia, cioè per elezione e non secondo la carne. La figliolanza va accolta e testimoniata attraverso le opere, le chiacchiere non servono a nulla. In quanto a noi: gli illuminati  (adoratori di Dio misericordiosissimo in tutti i modi e in tutte le forme delle diversi religioni), doniamo agli altri quello che a nostra volta abbiamo ricevuto.  LA CONCUPISCENZA ci tenta, non Dio, 1Gv 2,16: concupiscenza della carne, degli occhi, superbia della vita. La mentalità del mondo ci insidia continuamente, sicché assistiamo permanentemente ad una lotta tra la "carne" e lo spirito. Purtroppo la lotta contro la concupiscenza non sarà mai vinta definitivamente su questa terra, proprio per la nostra dimensione costitutiva di essere combattenti di satana. La nostra sostanza originaria è ugualmente impastata di bene e di male, con l’ascesi e la penitenza dobbiamo purificare tutto quello che di male la nostra natura ci ha “regalato”. Così c'è divisione nel cuore dell'uomo, non solo nell'individuo, ma anche nell'attività della comunità, tuttavia non ci abbandoniamo né al pessimismo né all'ottimismo esagerati. Qual’è la concupiscenza nell'uomo? Ogni impulso disordinato, l'inclinazione al male. Abbiamo il dovere di essere sensibili e spirituali. Da dove viene la concupiscenza?     1. dal peccato originale;   2. dall'eredità caratteriale; 3. dai peccati personali; 4. dall'ambiente influenzante. La concupiscenza non è subito cancellata all'atto dell'adesione a Dio ma la grazia (atteggiamento di benevolenza di Dio verso di me) può aiutarmi a patto di non dimenticare d'essere nella benevolenza di Dio e di non dimenticare di lasciarci aiutare dagli altri. La collaborazione umana è importante. L'individuo umano per conoscere i suoi difetti ha bisogno dell'altro. Le opere buone non apportano un profitto a Dio, esiste sempre una sproporzione tra le opere dell'uomo e la ricompensa divina, se poi si considera che le opere buone dell'uomo sono sempre un dono di Dio cosa dovremmo dire? Le buone opere sono gradite solo a motivo della fede perché l'uomo non confida in sé ma in Dio. L'uomo nel suo agire sviluppa l’immagine di Dio e lo rappresenta. Dio per il proprio amore è sempre positivo verso il peccatore e cercherà fino all'ultimo momento di vita terrena di rendere amico il peccatore ed elevarlo al piano soprannaturale. Solo i puri di cuore possono vedere Dio, mentre ora possiamo ammirarlo come in uno specchio opaco, poi nella gloria lo vedremo come egli è. Il desiderio di vedere Dio è il primo desiderio naturale, ma attualmente noi non siamo in grado di sostenere l'immensità inesauribile del suo amore, esso ci fulminerebbe con la visione di tanta bellezza e felicità, che ora non siamo in grado di sostenere. Ma se Dio mette tale desiderio, l'uomo deve essere in grado di raggiungerlo. Certo la vita eterna e la grazia non sono dovute all'uomo, ma sono soprannaturali, solo l'amore di Dio sottrae l'uomo all'oblio e al nulla eterno. L'incontro con Dio deve essere libero, ma egli ci ha infuso il desiderio esistenziale di vederlo e di amarlo. Esiste un desiderio naturale di incontrare Dio come persona? Sì! L'uomo essendo persona tende verso l'altro, ha bisogno dell'altro. 1 Tm. 2: Dio salvatore vuole che tutti gli uomini si salvino e giungano a conoscere la verità: quanto abbiamo da predicare e pregare perché questo si realizzi pienamente. Essere cristiani è un dono: chi più ha ricevuto è più responsabile di dover dare.
LA FEDE: un cammino dalla grazia alla gloria, dalla creazione, alla rivelazione, per comunione di vita che tende alla partecipazione affinchè, Dio possa rendersi accessibile senza distruggerci. Grazia, è il disegno di Dio di far partecipare l'uomo alla propria vita, in questo Dio si è esposto e si è compromesso per te.

GIUSTIZIA

La "giustizia distributiva" riguarda la distribuzione dei diritti e dei doveri sociali. La "giustizia retributiva" riguarda l'applicazione pene. La "giustizia commutativa" è per oneste condizioni di scambio. L'idea di dare a ciascuno ciò che giustamente gli è dovuto è un principio universale e incontestabile. Il senso di equità legittima un sistema legislativo. I greci scoprirono che la Giustizia si fonda sia nella natura che nelle convenzioni sociali. I cristiani estesero questo concetto di natura, nel concetto di natura creata, questo aprì il concetto di etica e di giustizia alla dimensione divina da cui l'uomo proviene e a cui l'uomo è ordinato. Gli scettici, ritengono queste affermazioni maschere di egoismo e ipocrisia ma le intenzioni ed i fatti dimostrano proprio il contrario. I moderni sostenitori del relativismo culturale si rifanno alla ingloriosa concezione greca dei sofisti secondo cui la giustizia dipende dalle convenzioni sociali o da quello che è egoisticamente utile. Ma è proprio il percepire l'ingiustizia che prelude ad una evoluzione morale che porta alla riforma sociale. La giustizia come virtù cardinale interpella la coscienza e disciplina i  conflitti nella società,  conflitti che scomparirebbero in un mondo moralmente evoluto. Il concetto di giustizia è connesso al concetto di equità e di misericordia, visto che a certi crimini mostruosi vanno al di la di una qualsiasi soddisfazione. Non si può trattare un criminale come una vittima. A motivo del repentino sviluppo tecnologico il concetto di giustizia si va sempre più universalizzando.

GOVERNO

"Un buon governo implica due cose: primo la fedeltà allo scopo del governare, cioè la felicità della gente; secondo la conoscenza degli strumenti con cui tale fine può essere raggiunto". Lo diceva il politico statunitense James Madison e non solo lui, anche noi riteniamo che la felicità non è solo una utopia, ma un obbiettivo concreto di un uomo realizzato in tanti,tantissimi rapporti d'amore. Si la felicità è NON SOLO il nostro fine ultimo, uno scopo più che sufficiente per dare senso alla vita. Se l'amore o l'amicizia vera sono un'utopia allora, e solo allora anche la felicità è un'utopia. In realtà quello che si attendono i cittadini da uno stato è la serenità, viste le precarietà gravi in cui oggi sono costretti a vivere la gran parte degli uomini. Eppure la pretesa di felicità non è esagerata, ne è convinto il sociologo padovano Sabino Acquaviva che ha scritto: Progettare la felicita, ed. Laterza "La società ottimale - afferma il sociologo - è quella che è così flessibile da adattarsi ai bisogni del singolo, deve trattarsi di una società che stimoli la capacità di amare, di sentirsi a proprio agio fra la gente, di lavorare in maniera creativa, di attribuire significati profondi alla vita.  Il peggio consiste in un mondo che lungi dal proporsi e raggiungere obbiettivi di questo tipo, finisca di creare ostilità, sospetto, sfruttamento, alienazione, solitudine, mancanza d'amore". Non è necessario il benessere per essere felici, infatti il benessere economico ed il consumismo spesso allontano dalla felicità quando non vi è la maturità spirituale per gestirli. Oggi il consumismo ha soppiantato la religione, perché essa è una religione della materia ed è per questo che si è di gran lunga incrementato il numero dei suicidi. Se la morte diventa un limite invalicabile l'uomo non può essere felice, ma è la certezza dello spirito che svincola l'uomo dalle catene della morte e della tristezza. Infatti la felicità è di natura spirituale non psicologica, nasce dal terreno degli ideali assoluti e trascendenti, da una fede vincente che ci faccia relativizzare ogni sconfitta in attesa della certezza di una vittoria finale: la vittoria della vita, dell'amore, del bene. E' importante saper vivere, molti questo non lo sanno fare, saper amare e saper farsi amare, soddisfare il proprio bisogno di amare e di essere amato. Di riempire di gusto e di intensità la propria giornata. Quindi un intervento politico vero non può restringersi solo all'economia o alla giurisprudenza. Abbiamo bisogno di creare modelli diversi dalle ideologie che conosciamo, di sperimentarli su una piccola area e poi di diffondere il modello vincente. Le religioni positive hanno un ruolo importantissimo nell'aiutare la società civile a riscoprire le vie dello spirito che possono dare completezza, equilibrio ed autocontrollo all'uomo. Abbiamo assistito a questo febbrile secolo ventesimo, al fallimento di una scienza o progresso scientifico che ha preteso una emancipazione dai valori spirituali. I valori religiosi sono fondamentali per la costruzione dell'uomo e sono a pieno titolo parte integrante di un vero progetto politico. Così è necessario generare progetti politici che siano in funzione della felicità e non solo in riferimento a strategie per il soddisfacimento di bisogni materiali.

GUAI AI VINTI

PROCESSI DI GUERRA: O TUTTI O NESSUNO
O la legge è uguale per tutti o per nessuno. La targa è presente in ogni aula di ogni tribunale della Repubblica, eppure è come se fosse invisibile. Almeno in certi casi. Non mi riferisco alla discrezionalità di certi magistrati rispetto a reati come l’abuso d’ufficio o la fuga delle notizie dalle Procure, ma a quando rappresenta oggi il “caso Priebke”, indipendentemente dalle sue conclusioni, come evento emblematico. La sorte dell’ex capitano delle SS passa quasi in secondo piano rispetto a quanto di simbolico assume il suo processo. E che si può riassumere nel titolo di un libro recentemente pubblicato da Einaudi: “Processate il nemico”, una analisi dei processi “politici” e “ideologici” nella storia dell’umanità, da Socrate a Galileo, giungendo fino a Norimberga. Il nemico, soprattutto il nemico sconfitto, assurge a simbolo di tutti i mali del mondo e, magari grazie a forzature, a leggi prima inesistenti e create appositamente, a testimoni specialissimi, ad acrobazie interpretative, deve essere condannato grazie alla “sacralità della legge” dopo essere stato vinto dalla “forza delle armi”. Il nodo della questione, al di la di ogni ipocrisia moralistica, di ogni manicheismo ideologico, sta tutta qui: il vinto viene processato. Se la seconda guerra mondiale l’avesse vinta il Patto Tripartito avremmo di sicuro avuto due o tre processi di Norimberga alla rovescia: in Germania Italia e Giappone, nei confronti dei generali alleati sconfitti per le colpe da loro commesse nei confronti delle inermi popolazioni civili tedesche, italiane e giapponesi sottoposte a bombardamenti terroristici. C’è ad esempio, una giustificazione militare per le decine e decine di migliaia di morti causate dagli inglesi a Dresdra? E per le centinaia di Grottaferrata, o le migliaia di Treviso causati dai bombardamenti americani dopo l’8 settembre? Non ci sono. Eppure, avendo vinto gli alleati, al pianificatore dei bombardamenti terroristici sulla Germania, il generale Harris, soprannominato Bombing Harris, è stato fatto un monumento; avesse vinto l’Asse, il generale Harris, dopo regolare processo per i suoi “crimini contro l’umanità”, sarebbe stato consegnato al cappio del boia. In questa prospettiva, dunque, non ci si deve meravigliare se, ad esempio durante la guerra del Vietnam, gli avviatori abbattuti sul Nord e catturati, siano stati dileggiati per le strade di Hanoi e processati e condannati per aver fatto quello che ritenevano loro un dovere, gli altri un atto criminale. Erano in quel momento dei Vinti. E lo stesso vale per la recente guerra del Golfo: con una Norimberga alle spalle gli occidentali non si dovevano meravigliare... Per tornare ad oggi, bisogna chiedersi: questa voglia di intemerata giustizia è da considerarsi una semplice vendetta dopo mezzo secolo?
La risposta potrebbe essere che è ancora qualcosa di giusto, ma: 1)sempre che di veri colpevoli si tratti e non di capri espiatori; 2) se la si pone come una questione di principio; 3) se la si mitiga con l’ottica di quanto è avvenuto in 50 anni; e 4) se essa appare rivolta in tutte le direzioni. Non sembra che questo sia stato il caso di Erich Priebke. Come ha giustamente scritto Mario Cervi (l’unico sulla “grande stampa” italiana ad aver assunto una posizione realistica ed anticonformista, anche più di Montanelli), quella del procuratore militare Intelisano è una vera “crociata”, con tutti i buoni da una parte, e tutti i cattivi dall’altra, che ha lo scopo, sembra indubbio di far condannare l'ex capitano delle SS in quanto nazista, per esaltare l'evento resistenziale e la “Repubblica nata dalla resistenza”. Sembra di essere tornati al 1945-47 e non di essere nel 1996. Perché? Perché, proprio come allora, il nemico continua ad essere uno solo, il nazifascismo (anche se non esiste una "categoria" di questo genere, come hanno dimostrato gli storici). Continua ad esserlo non soltanto per il procuratore militare, ma anche per quasi tutti i mass media italiani. Si dovesse effettuare un florilegio di quanto letto su quotidiani e
riviste o ascoltato alla radio o alla televisione, esso risulterebbe istruttivo di come, una volta individuato il 'nemico', sia possibile parlare a ruota libera senza paura di essere smentiti: a cominciare da quel "Priebke colpevole del massacro delle Fosse Ardeatine"  (ma Kappler, allora?), sino all'avergli addebitato addirittura la morte della principessa Mafalda di Savoia e del sindacalista socialista Bruno Buozzi... Pur di continuare a fare titoli ad effetto tutto è ammissibile. Come si spiega tanto accanimento, non mostrato, come si vedrà, in altre circostanze? Perché, io credo che il "nazi-fascismo" (usiamo per comodità onnicomprensiva questo termine coniato per la lotta ideologica) dopo il 1989 è stato resuscitato come il nemico per eccellenza, contro cui scagliarsi e far fronte in nome dell'Occidente", della "democrazia", dell'"umanità" ecc.. eccetera. Sconfitto sul piano ideologico, sociale, politico e militare il comunismo (indipendentemente dai suoi recenti "ritorni"), era necessario trovare qualcosa d'altro al suo posto, un nemico che fosse comune anche all'ex avversario ora anch'egli sulla via redentrice della liberal-democrazia: il nemico sconfitto (ma a quanto pare non domo) nel 1945. Dopo il crollo del "socialismo reale" e del sovietismo, ecco allora riemergere i fantasmi (ottantenni) dell'antico nemico comune. Priebke è veramente colpevole? Ha veramente sulle spalle alcuni morti delle Ardeatine o altri morti? L'omicidio, la strage, il genocidio non si estinguono: sia condannato. Ma siano condannati anche tutti coloro i quali, siano essi vinti o vincitori, si sono macchiati degli identici delitti, o anche peggiori. Ce lo dice, pur nella sua rozzezza, Oskar Piskulic: "Perché non processate gli americani che hanno buttato la bomba atomica su Hiroshima o non avete messo alle sbarre Pertini per la fucilazione senza processo di Mussolini? Io sono innocente come loro, ho fatto solo il mio dovere da partigiano" (il Giornale, 7 luglio 1996). Chi è costui? L'ora 76enne, era ex capo della polizia segreta di Tito a Fiume, accusato di aver fatto uccidere oltre 500 italiani dopo il 1945. Di lui, il pubblico ministero romano Pititto ha chiesto il rinvio a giudizio per omicidio plurimo pluriaggravato. Il Tribunale per il riesame ha accolto le richieste del PM dopo che un giudice per le indagini preliminari -di cui è meglio ignorare il nome per carità di patria- le aveva respinte sostenendo che quei delitti erano stati commessi in territori non italiani (se era in buona fede, è un ulteriore segnale delle carenze della scuola italiana).  Ma tutto ciò, tutto l'iter dell’inchiesta  è stata praticamente ignorato dai mass-media italiani: nessuna cassa di risonanza rispetto al processo Friebke,     anzi quasi un senso di noia e di fastidio. Ovvio: da un lato un "vinto", dall'altra un "vincitore" (anche se entrambi ex); da un lato una ideologia sconfitta, il "nazi-fascismo"; dall'altro, una ideologia che vinse insieme all’"Occidente" e che comunque ha dalla sua ancora tanti simpatizzanti, fiancheggiatori, compagni di strada e utili idioti, il comunismo. Eppure i delitti di cui è accusato Piskulic non sono quantitativamente e "qualitativamente" più efferati di quelli cui è accusato Priebke? Ma qui non è la giustizia in se che conta, ma l'uso politico della giustizia, l’utilizzazione mediatica del processo. E allora: o tutti processati, o nessun processato. Perché, volendo, ci sarebbe tanto da fare per il procuratore militare Intelisano. Le notizie criminis abbondano: stanno su migliaia di libri, ed esistono ancora centinaia di testimoni. Non dirò di andare a cercare negli archivi statunitensi i nomi dei piloti che bombardarono Grottaferrata e Treviso ed altre inermi città italiane, o i nomi dei comandanti che ordinarono quegli attacchi terroristici e innovativi dal punto di vista strettamente bellico; dirò invece di indagare a casa nostra: lo sa o no, lo sa il procuratore militare che anche gli italiani fecero durante la guerra durissime rappresaglie in Croazia? Si vada a leggere “Santa Messa per i miei fucilati” di padre Piero Brignoli (Longanesi, 1973); era giustificabile, oppure no? Erano meglio o peggio della rappresaglia per l’attentato di Via Rasella? Oppure, potrebbe volgere gli occhi in Italia: ha mai sentito parlare il procuratore militare -fra le centinaia di vendette dell’aprile-maggio 1945- dell'eccidio dell'ospedale psichiatrico di Vercelli compiuto dopo il 25 aprile dai partigiani contro soldati della Rsi feriti o li ricoverati? È una mattanza che fa rabbrividire ancora oggi a leggerne le modalità. I corpi degli uccisi non si sa ancora oggi dove siano sepolti dopo mezzo secolo, mentre le famiglie li cercano sempre, la procura militare potrebbe avviare una importante inchiesta che segnerebbe una svolta storica. Ma ho qualche dubbio in proposito. All’inizio del "caso Priebke" proprio il Pm Intelisano si adontò perché qualcuno voleva approfittarne “per fare il processo alla resistenza”?
C'è da pensarci su...
O tutti o nessuno. Lo richiede l'onestà, il buon senso, la logica, l'onore, non soltanto la giustizia. E’ possibile chiederlo all'Italia dell’Ulivo che ci è stata presentata come "serena", "normale", "seria" durante la campagna elettorale? Sono queste la serenità, la normalità, la serietà? Quelle cui stiamo assistendo?
(Gianfranco de Turris, AREA - Sett.1996)
Ho l’impressione che sono molti i libri di storia e le enciclopedie che dovranno essere bruciate. Interi secoli dovranno essere riscritti quando sorgerà una generazione di intellettuali onesti. Non abbiamo diritto alla verità storica nel secolo dei lumi e in quello delle ideologie! (vedi Foibe)

GUERRA O PACE?

Amore o violenza? Guai se non si passa dalla coscienza dell'io alla coscienza del tu. Se non si comprende che il senso della mia vita non può essere il vivere per me stesso, ma il fare della mia vita un dono d'amore.
E' necessario accettare l'altro e farmi difensore delle sue necessità, come lui si fa difensore delle mie. Se ognuno cerca individualisticamente di perseguire le proprie necessità allora è la guerra.
Ma la pace è la vittoria culturale della fede, nel superamento degli schemi limitanti del mondo e degli egoismi senza compassione.

GUERRA MONDIALE

"Il tratto più notevole di questa mostruosa epopea, un fatto senza precedenti e che in ciascuna delle nazioni scese in guerra, la maggioranza delle persone fosse favorevole alla guerra. E' come un contagio, di furore assassino, che al pari di una grande ondata si propaga e percorre tutto il corpo della terra. Pochi hanno resistito a questa epidemia, non un pensiero libero che sia riuscito a tenersi fuori dalla portata del flagello, sembra che su questa mischia dei popoli, nella quale qualunque ne sarà la fine, l'Europa sarà mutilata, plani una certa ironia demoniaca.
(Ecco il pericolo di ogni ideologia!
Invece la società Metafisica rimane sempre una società personalistica e liberista.)
Non sono soltanto le passioni di razze a lanciare ciecamente milioni di uomini, gli uni contro gli altri, come dei formicai, e dei quali gli stessi paesi neutrali risentono il pericoloso brivido, è la ragione, la fede, la poesia, la scienza, tutte le forze dello spirito che sono irreggimentate e si mettono in ogni stato al seguito degli eserciti. Nelle elite di ogni paese, non uno che non proclami e che non sia convinto che la causa del suo popolo è la causa di Dio, la causa della libertà e del progresso umani" (fonte sconosciuta).



[Syrian Arab League] Meanwhile, it was recently announced by the Arab League postponing "indefinitely" an "emergency meeting" of the Arab foreign ministers that was held today in Jeddah, Saudi Arabia. The heads of Arab diplomacy should have among other things discuss the successor to Kofi Annan as the new envoy of the UN and the Arab League on the Syrian crisis. The name seemed more likely the Algerian Lakhdar Brahimi.
--- ANSWER -> why do not you send me?


YouTube

YouTube

571812iscritti
68624435visualizzazioni video

  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    1 secondo fa
    @ King of Saudi Arabia -> when: thou hast done: to suck the cock of God (and oil is over)? Then, you pass by sucking cock to 4: billion: of Sunni Muslims (ie collect taxes: for your black stone idol: the alien meteorite: of an idolatrous fool, that thou art), as: is why, all Christians and all Muslims Shiites: will have been killed! because, which, is thou ERA ,at the end of oil? you up to now: you thought only: how can think of: a criminal exterminator: to wrap around the world in your Satanism: that: it is worse than Nazism, that: then, is this the word is just that: 666 Rothschild: and 322 Bush, they expected that I should say: that is, what they, they expected to hear from me! but, at the time that big curse? You can see when you are been piece of shit: from the pit of hell, with all your accomplices!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    3 minuti fa
    @Re dell'Arabia Saudita --> quando: tu avrai finito: di succhiare il cazzo di Dio(e il petrolio sarà finito)? poi, tu passerai a succhiare il cazzo di 4: miliardi: di musulmani sunniti(cioè raccogliere le tasse: per il tuo idolo pietra nera: l'alieno meteorite: di un idiota idolatra: che: tu sei), visto che: tutti i cristiani: e tutti i musulmani sciiti: saranno stati uccisi tutti! poiché, tu alla fine dell'ERA del petrolio? tu fino ad ora: tu hai pensato: soltanto: come può pensare: un criminale sterminatore: per avvolgere tutto il mondo: nel tuo satanismo: che: è peggio del nazismo, che: poi, è proprio la parola che: 666 Rothscild: e 322 Bush, loro si aspettavano: che io dicessi: cioè, quello che loro, si aspettavano di sentire da me! ma, al tempo di quella maledizione? tu potrai vedere quando sei stato pezzo di merda: dalla platea dell'inferno, insieme a tutti i tuoi complici!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    15 minuti fa
    @ 666 IMF Hillay Clinton: -> certainly, for the whole world?, you must have:of the guidance of a "good shepherd", who knows, who can be him, this wonderful politician?, who so loves all people?! to close the most dangerous demons in the depths of hell! certo, per il mondo intero?, è necessario avere: la guida di un "buon pastore", chissa, chi può essere lui, questo uomo politico meraviglioso, che, ama così tanto tutti i popoli! per chiudere i demoni più pericolosi, nel fondo dell'inferno!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    19 minuti fa
    @ 666 IMF Hillay Clinton: -> and because you are a Satanist (you do not like to teach: for the best: all the peoples: that are been corrupt: by bad ideologies: that the Jewish bankers: from the French Revolution, to the present: their have invented to destroy Christianity: and all the good in world: for love: of satanism of ther talmud: ie slavery of mankind), but you love it too: to have: all these Muslim fanatics and ignorant, that: kill each other, and then kill: every difference: in the name of a demon god, that can never win your owl god, Baal! because the IMF has no interest in perfecting: these Muslims, all undone: from a bad religion and their prophet murderess!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    19 minuti fa
    @ 666 IMF Hillay Clinton: -> because, if true, that the Illuminati Jews, are few (together with their accomplices: 322, of Freemasonry?) then they are always sufficient: to conquer: all the whole world: if people are divided by religion and nationalism , exasperated: that: by you: Illuminati, they were been all ruined, and all, you brought: down! because this is the agenda and the business of the IMF: that is, achieve their NWO!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    25 minuti fa
    @Hillay Clinton 666 IMF: -> e poiché, tu sei un satanista (a te: non piace educare: per il meglio: tutti i popoli corrotti: da cattive ideologie: che, i banchieri ebrei: dalla Rivoluzione Francese: ad oggi: loro hanno inventato: per distruggere il cristianesimo), ma, a te piace troppo: di avere: tutti questi musulmani: fanatici ed ignoranti, che: si uccidono tra di loro, e poi uccidono: ogni diversità: in nome di un dio demonio, che non potrà mai vincere il tuo dio Gufo, Baal!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    25 minuti fa
    @Hillay Clinton 666 IMF: -> perché il FMI, non ha interesse a perfezionare: questi musulmani, tutti rovinati: da una cattiva religione: e dal loro profeta assassino! perché, se è vero, che, gli ebrei Illuminati, sono pochi(insieme, ai loro complici: 322 della Massoneria?) poi, loro sono sempre sufficienti: a sfruttare: tutto il mondo: se i popoli sono divisi, da religioni e nazionalismi, esasperati: che: sono stati rovinati tutti: e tutti portati: verso il basso! perché è questa l'Agenda ed il businnes del FMI: cioè, realizzare il loro NWO!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    36 minuti fa
    @Hillay Clinton 666 IMF: waitress, actress of: Rothschild, as all politicians Masons: of: god owl Baal; Marduck,is why the Pharisees Illuminati: of the Talmud, have already done: the new Tower of Babel: to drain all the peoples, between seigniorage banking: and all his absolute power: occult power: universal: is their power!! my friends Shia Muslims? they kill only: 50 innocent Christian martyrs, every day! but, your Sunni Muslims? they kill too: 250, innocent Christian martyrs, every day, in this way?, before you look: the filth that is: in my house? You'd do well: to watching: all the filth: that is: in your house!
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    47 minuti fa
    I AM KING ON ALL THE WORLD: IE, UNIUS REI, THEN KING OF ISRAEL MAHDÌ MASSIAH JEWISH, for my kingdom of Palestine! shalom + salam = blessings too! i am universal brotherhood, is why i love too Jesus Christ
  • UniusRei3 
    UniusRei3 ha pubblicato un commento 
    49 minuti fa
    my Holy: Holy, Holy: Allah or JHWH ---> hallelujah my friend ALLELUIA