Livyatan Hebrew, Tiberian Hebrew Liwyāṯān

YouTube
YouTube

575308iscritti

68691195visualizzazioni video


 drinkYpoisonJHWHwins posted a comment 1 hour ago Leviathan is 666 IMF but I am much stronger than him! I am unius REI! From the point of view allegorical Leviathan is Often the primordial chaos the power of control is biblically Although most Often an expression of the divine will and "a symbol of the power of the Creator." Leviathan (לִוְיָתָן "twisted coiled" Livyatan Hebrew Tiberian Hebrew Liwyāṯān) is the name of a biblical creatures. It is a terrible sea monster from the legendary strength presented in the Old Testament. This is Considered to be born by the will of God Although it is Often Associated with the Devil.

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 4 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins posted a comment 1 hour ago who has the authority to rip my prey from my power? I am the most powerful creatures made by God! At least this is what God told me! who has the authority to rip my prey from my power? I am the most powerful creature made by God! At least this is what God told me! CIA IMF @ 666 322 @ outlaw7671 -> [hell] [hell] I swore in front of the throne of God YHWH certainly I hit and wounded to death Satanists Freemasons Talmud and Sharia law and all the enemies of Christ Jesus that he is seated at the right hand of the Father! amen! alleluia

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 22 alleluia

 HellxDesPairTruction posted a comment 3 hours ago [Hell] [hell] @ at my people the Jews -> Decided on this was in the heavenly places and this is a decision Irrevocable! no jew That he die after 12 years? he can enter into the heaven (in the Kingdom of God) but definitely he going to in to the hell (HALLELUJAH) without hope if HE will not have moved his family in Israel (as required by law)! For the Lord YHWH? He calls his people but the traitors but unfortunately to them do not respond! the same "sentence" it is extended to any person who do the silent about the crime of seigniorage banking and Freemasonry ... unius by REI

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 21 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago @ 666 IMF NWO - >> who is more religious than you own you have the god skeleton in the cemetery? You're all crazy! Satan Rothschild Enlightened Pharaoh "tui Let my people Israel that our God wants to sacrifice in the desert!" ---> Remove all schit from all the world drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago @ My Jews -> Holy Spirit will be poured of every man "the knowledge will be increased At! No one will say you know the Lord God? Because everyone will be prophets!" So we are Realizing the kingdom in Palestine will live in love with the Palestinians you rejects the Masonic system of banks (satanic seigniorage banking) and peace prosperity the justice will rule absolutely for 50 years on earth that That Is the time unius of REI.

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 21 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago @ My Jews -> in this World! in this way You will gain from the plague of hell (drugs satanism Freemasonry prostitution immorality stubbornness lust theological error and moral) to your children. it is essential to come out of Babylon ie USA (immediately) to save the world (and Especially Israel) from 3 rd World nuclear war. you saved all your souls and your body from your inevitable destruction of hell you return YHWH your God That Is in Jerusalem your souls will have the fullness of wisdom. said unius REI king of Israel! to restore the true Judaism finally! and reject the Pharisees satanic!

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 21 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago @ My JEWS -> because the Holy Spirit will be poured out of every man "knowledge shall be increased! Nobody will say you know the Lord God? Because all are prophets" is what we accomplished the kingdom in Palestine will live in love with the Palestinians he denies the Masonic system of bank seigniorage and peace prosperity the justice will dominate in any way for 50 years on earth that this is time unius REI. in this way you will save from the plague of hell (drugs Satanism Freemasonry prostitution immorality stubbornness lust theological error and moral) all your children. it is essential to come out of Babylon (immediately) to save the world (and especially Israel) from the 3rd World nuclear war. you saved all your souls by your inevitable destruction of hell and you are returned from YHWH your God and in Jerusalem your souls will have the fullness of wisdom .. by unius REI!

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 22 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago Because The men will love me more than Jesus Christ? Because I am a sinner a great sinner like them! But loving me? all of them (even atheists) are Reconciled With Jesus Gandhi Buddha Jehovah Allah Confucius etc. .. .. Because They all have one love in me! here Is that it fulfills the prophecy of the Prophet Saying "to reconcile children With Their fathers and fathers With Their children!" Therefore it is in the Jewish temple which will be obvious to everyone as there is perfect harmony between all religions and it will be obvious to all what is heresy in each of them!

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 22 alleluia

 drinkYpoisonJHWHwins has posted a comment 8 hours ago [USA is Babylon the great whore full of satanism and Freemasonry!] Oh come on out my Jewish people from destruction! perdition! ---> The following videos feature content that Violates These rules Therefore have been disabled "Jewish ritual murder kabbalah Talmud IMF Grove 322 666 IMF Abduction 2 - (allDavidDuke) -> what content? video was in english and I do not know the English spoken! but human sacrifices made by (some Jewish rabbis) from "non - Jews" have never been proved wrong! then they still exist! Verily Verily In say unto you for God? every man is like Abraham! Therefore the man who will not speak to God Personally? will be destroyed in hell! now where you can find God if not in the Jewish Temple.

 UniusRei3

 UniusRei3 alleluia
 26 alleluia

 hallelujah









08/02/2012 1705

ISRAEL - IRAN

Iran attack and the US elections

by Joshua Lapide

A former Mossad chief says Iranian should be afraid of the next 12 weeks i.e. until the next US Presidential election. Panetta tries to convince Netanyahu that sanctions are working. The latter however says that Israel will act on its own. As Romney plays the more reliable ally Obama is faced with dilemmas. An attack has pros and cons.

Jerusalem (AsiaNews) - Reports of an attack against Iran's nuclear facilities have become more insistent in the past few days. The cut-off time would be November when the United States holds its elections.

For years Israel has accused the international community of doing nothing to stop Iran from acquiring a nuclear capability. Iran insists that it has the right to develop a peaceful nuclear programme but has failed to submit to the stringent checks of the UN's International Atomic Energy Agency (IAEA).

Today in a statement quoted in the New York Times former Mossad chief and national security adviser Ephraim Halevy said that if he were Iranian he "would be very fearful of the next 12 weeks" i.e. the period leading up to the US presidential election in November.

It is no coincidence that US Defence Secretary Leon Panetta and Republican presidential candidate Mitt Romney were in Jerusalem in recent days.

Both reassured Israel that the United States shared its concerns over Iran's nuclear programme. However Panetta was more open to a diplomatic solution without excluding military action.

Coinciding with the Defence secretary's visit to Israel US President Barack Obama ordered new sanctions on Iran's oil exports and financial transactions.

This has not satisfied Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu (pictured) who reminded Panetta that "a few months ago that when all else fails America will act." For the Israeli leader nothing has "yet convinced the Iranians to stop their program".

For the prime minister Israel could destroy Iran's nuclear facilities on its own. "With our very existence we do not put our faith in the hands of others even our best of friends" he said.

In fact Netanyahu's bluster is but political blackmail. Intelligence sources do not believe Israel has the capability to do much damage to Iranian nuclear facilities which are buried 100 metres below ground far from the reach of any existing bunker busting bomb.

The blackmail lies in pitting Obama (and Panetta) against Mitt Romney. The Republic hopeful skewered the Obama administration for not being supportive enough of Israel insisting that "any and all measures" must be used to stop Tehran.

This amounts to an appeal to the staunchly pro-Israel Jewish and evangelical voters in America to cast their ballot for Romney if Obama does not act.

Survey data show that US Jews and Evangelical Christians constitute some 20 million votes. Obama won 78 per cent of the Jewish vote in the 2008 election but a nationwide Gallup poll in June showed him down to 64 per cent.

Viewed as a liberal Obama is backed by young pacifist voters who are now starting to see him as just another Bush for delaying troop withdrawal from Iraq and Afghanistan or failing to shut down Guantanamo.

From Obama's perspective the best time to attack would be after the election. In Israel the debate over a possible attack against Iran has been openly debated for months.

Top military and intelligence officials have expressed their opposition to an attack because it would threaten Israel's survival since Iran already has missiles that can reach Israel.

Civilian leaders appear more willing to attack as they present themselves as saviours of the nation perhaps to hide the fact that they are unable to bring political solutions to the country's serious economic and social problems.


09/23/2009 IRAN – ISRAEL – UNITED STATES

Ahmadinejad urges US to see Iran as a potential friend not a threat

06/02/2009 ISRAEL – UNITED STATES

As Obama travels to the Middle East Israel gets ready for war with Iran

by Joshua Lapide

04/16/2009 IRAN – UNITED STATES

US open to dialogue but still wants Tehran to stop nuclear programme

06/22/2010 UNITED STATES – IRAN

US military pressure increasing in the Persian Gulf

by Maurizio d'Orlando

03/01/2012 IRAN - US - ISRAEL

US and Hizbollah call for restraint no attack on Iran

02/08/2012 1535

ISRAELE - IRAN

L'attacco aereo all'Iran e le elezioni americane

di Joshua Lapide

Ex capo del Mossad gli iraniani devono aver paura nelle prossime 12 settimane (ossia prima delle elezioni presidenziali negli Usa). Panetta cerca di convincere Netanyahu dell'efficacia delle sanzioni. Ma il premier minaccia Israele agirà da solo. Romney si offre come partner più affidabile. I dilemmi di Obama. I pro e i contro dell'attacco.

Gerusalemme (AsiaNews) - In questi ultimi giorni sono divenute sempre più insistenti le voci di un possibile attacco aereo all'Iran per distruggere il programma nucleare di Teheran. La data che dovrebbe fare da spartiacque sarebbe quella delle elezioni americane che si terranno in novembre.

Da anni Israele accusa la comunità internazionale di rimanere immobile mentre l'Iran accresce la sua potenza nucleare militare. Teheran continua a difendersi rivendicando un uso pacifico dei suoi reattori ma sfugge a controlli stringenti dell'Aiea l'agenzia atomica dell'Onu.

Quest'oggi in una dichiarazione pubblicata dal New York Times Ephraim Halevy ex capo del Mossad e consigliere della sicurezza nazionale ha detto che se lui fosse iraniano "sarei molto pauroso per le prossime 12 settimane". Le 12 settimane sono quelle che mancano alle elezioni presidenziali americane che dovrebbero tenersi agli inizi di novembre.

Non è un caso che nei giorni scorsi uno dietro l'altro si sono ritrovati a Gerusalemme Leon Panetta segretario Usa per la difesa e Mitt Romney candidato alla presidenza per i repubblicani.

Entrambi hanno cercato di assicurare lo stato d'Israele che gli Stati Uniti sono vicini alle preoccupazioni anti-nucleari di Israele. Ma Panetta è sembrato più possibilista sebbene non escluda un attacco militare egli vuole che la diplomazia e le sanzioni facciano il suo corso. Proprio in corrispondenza con l'arrivo di Panetta a Gerusalemme il presidente Barack Obama ha rincarato la dose delle sanzioni economiche sul commercio di petrolio con l'Iran e sulle transazioni finanziarie.

Tutto ciò non è riuscito a placare il premier Benjamin Netanyahu (v. foto) che ha ricordato che lo stesso Panetta mesi fa aveva promesso di "agire" per fermare l'escalation iraniana se "tutto il resto fallisce". Ma l'Iran - ha sottolineato Netanyahu - non si è fermato.

Il premier israeliano ha suggerito che Israele potrebbe agire da solo nel distruggere le centrali nucleari iraniane "Per la nostra esistenza noi non mettiamo la nostra fiducia nelle mani di altri perfino i nostri migliori amici".

La minaccia di Netanyahu è in realtà soprattutto un ricatto politico. Al momento secondo fonti dell'intelligence Israele non avrebbe la possibilità di portare danni profondi al programma nucleare iraniano perché i laboratori di arricchimento dell'uranio sono a oltre 100 metri nel sottosuolo impossibili da raggiungere con qualunque tipo di bomba di profondità.

Il ricatto politico consiste nel mettere uno contro l'altro Obama (e Panetta) contro Mitt Romney il quale ha promesso l'uso di "tutte le misure" per fermare Teheran accusando l'amministrazione Obama di non essere di sostegno a Israele.

Il che è come dire se Obama non si decide l'elettorato ebreo ed evangelico in America sostenitori di Israele voterà per Romney.

Secondo alcune statistiche ebrei ed evangelici negli Usa comandano circa 20 milioni di voti. Alcune ricerche Gallup mostrano che nel 2008 Obama è stato votato dal 78% degli ebrei; a oggi il sostegno è sceso al 64%.

Il punto è che Obama liberale è anche appoggiato da una frangia giovanile pacifista che già lo accusa di "essere come Bush" per la sua lentezza a ritirare truppe Usa da Iraq Afghanistan e chiudere il carcere di Guantanamo. Secondo analisti la cosa migliore per Obama è programmare l'attacco dopo le elezioni.

In Israele si discute da tempo i pro e i contro di un attacco aereo contro l'Iran. Capi militari e dei servizi segreti sono contrari all'attacco perché temono che la posta in gioco sia la sopravvivenza di Israele Teheran ha già missili che possono raggiungere ogni parte dello Stato israeliano. I politici invece sono sempre più disposti forse per mostrarsi "salvatori" di Israele; forse per nascondere dietro l'emergenza lo stallo delle lor proposte politiche e i problemi sociali della popolazione sempre più strangolata da un'economia in crisi.


02/04/2010 CINA – IRAN – STATI UNITI

Iran e yuan allentano la tensione fra Cina e Usa

27/07/2009 ISRAELE – IRAN – USA

Gli Usa spingono per la pace in Medio oriente ma con l’occhio all’Iran

di Joshua Lapide

31/08/2006 iran - Onu

Teheran continua il suo programma nucleare mentre scade l'ultimatum dell' Onu

09/07/2008 IRAN

Teheran prova missili capaci di colpire Israele e basi Usa

05/08/2008 IRAN

L’Iran chiede “serietà” nei colloqui sul nucleare e intanto mostra nuove armi

08/02/2012

GREAT BRITAIN - ASIA

London 2012 No apologies as disqualified Chinese Badminton player announces withdrawal

Beijing has asked its players to "publicly apologies" for disqualification from the Olympic tournament. The Asian Federation has expelled eight players for unsportsmanlike conduct. Yu Yang and Wang Xiaoli speak of "shattered dreams" and erroneous rules. China's internet users defend their darlings and find an ally in the British Guardian newspaper.

London (AsiaNews) - China calls for a public apology for their behavior on the court but one of the champions disqualified by the Badminton World Federation (BWD) refuses to follow the directions and announces her intention to abandon the sport. The episode of the eight Asian players - two Chinese and four South Korean and two Indonesian - investigated and then evicted from the Olympics because they have "done their best to win a game" (see AsiaNews 01 / 08/2012 London 2012 eight Asian Badminton players under investigation for "lack of commitment") is still generating controversy. The leadership of the federation has rejected the appeal lodged by the Seoul team against their expulsion from the competition and soon after Indonesia also withdrew its appeal and accepted the disqualification of their athletes.

Under the judges' investigation the match between the Chinese Yu Yang and Wang Xiaoli and South Korean Jung Kyung-eun and Kim Ha-na and a second match between the duo Ha Jung-Eun and Kim Min- Jung (South Korea) and the Indonesian couple Meiliana Juahari and Greysia Polii. The players tried to lose the qualifying rounds in order to meet lower-level opponents during the final rounds of the tournament.

The official Chinese agency Xinhua has raised the demand for a public apology from the players requested by Chinese sporting officials at London 2012 where Beijing continues to reap success. However Yu Yang one of the four athletes involved has used her Weibo profile - a sort of Chinese Twitter ed - to express her frustration and intention to abandon the competition.

"This is my last tournament" Yu wrote. "Farewell to the World Badminton Federation farewell my beloved badminton." Accused of deliberately wanting to lose the match the Chinese athlete adds that her dreams were "heartlessly shattered" because the players - concludes the now former athlete - were simply "taking advantage of new rules" to ensure a better position later in the tournament.

Meanwhile jokes and controversy on the disqualification of eight players rage among international newspapers and on the Chinese web. With complete peace of mind and referencing the de Coubertine philosophy at the basis of the Olympic Games - "what is important is taking part" - bloggers claim the girls were committed to reaching the goal of victory and must be defended without hesitation. " It's the rule that are not right" wrote a surfer from Henan province in response to a "tweet" by Wang Xiaoli complaining that what has been cancelled "is not just a game but my dream". Another post from Anhui shows the patriotic spirit of a nation and their unconditional support for their athletes " As a fellow Chinese I will always support you."

The affair has also attracted the attention of the British newspaper The Guardian which in an article on the Asian Badminton "affair" speaks of an "unfair" ban because the athletes "did their best" to achieve the final result victory in the tournament rather than a single round. Every day adds the writer we read "hyperbole" dedicated to the importance of success for "national pride" so much so that the BBC has stopped broadcasting the medals table because it would be "humiliating" for Great Britain. "This is the pastiche chauvinism - states the journalist- of a banana republic." He concludes the Olympic motto "ended long ago" because "modern Olympics are parodies of Hitler's nationalist games of 1936".

e-mail this to a friend
   

printable version
   

See also

08/30/2004 asia - olympic games

China leads Asia into a new Olympic era

07/27/2012 GREAT BRITAIN - ASIA

The 2012 London Games begin in a time of crisis amid oddities and gaffes

02/12/2010 ASIA – CANADA

Vancouver Asia’s hopes in the 21st Winter Olympic games

08/01/2008 CHINA

Eric Liddell first "Chinese" Olympic champion

03/12/2008 CHINA

Olympic projects built with "the blood" of migrant workers

02/08/2012 0917

GRAN BRETAGNA – ASIA

Londra 2012 non si scusa ma annuncia il ritiro l’atleta cinese squalificata nel Badminton

Pechino ha chiesto alle proprie giocatrici “scuse pubbliche” per la squalifica dal torneo olimpico. La Federazione ha cacciato otto giocatrici asiatiche per comportamento antisportivo. Yu Yang e Wang Xiaoli parlano di sogni “mandati in frantumi” e regole sbagliate. Gli internauti cinesi difendono le loro beniamine che trovano alleati anche al britannico Guardian.

Londra (AsiaNews) - La Cina chiede pubbliche scuse per il comportamento mantenuto in campo ma una delle campionesse squalificate dalla Federazione mondiale di Badminton (Bwd) rifiuta di seguire le direttive e annuncia il proposito di abbandonare lo sport. È destinata a lasciare strascichi e polemiche la vicenda delle otto giocatrici asiatiche - due cinesi quattro sud-coreane e due indonesiane - indagate e poi cacciate dalle Olimpiadi perché non hanno "dato il massimo per vincere una partita" (cfr. AsiaNews 01/08/2012 Londra 2012 otto asiatiche del Badminton sotto accusa per "scarso impegno"). I vertici della federazione hanno respinto il ricorso presentato dalla compagine di Seoul contro la cacciata dalla competizione; poco dopo anche l'Indonesia ha ritirato la propria istanza e ha accettato la squalifica delle proprie atlete.

Sotto la lente dei giudici sono finite le sfide delle cinesi Yu Yang e Wang Xiaoli e delle sud-coreane Jung Kyung-eun e Kim Ha-na per il primo match; nel secondo oggetto di inchiesta il duo Ha Jung-Eun e Kim Min-Jung (Corea del Sud) assieme alle indonesiane Meiliana Juahari e Greysia Polii. Le giocatrici avrebbero cercato di perdere le sfide di qualificazione nelle quali erano impegnate per incontrare avversari di livello inferiore durante la fase finale del torneo.

L'agenzia ufficiale cinese Xinhua ha rilanciato la richiesta di pubbliche scuse delle giocatrici richiesta dai vertici dello sport cinesi presenti a Londra 2012 dove la corrazzata di Pechino continua a mietere successi. Tuttavia Yu Yang una delle quattro sportive coinvolte ha usato il proprio profilo Weibo - una sorta di Twitter cinese ndr - per esprimere la propria frustrazione e manifestare il proposito di abbandonare le competizioni.

"Questa è la mia ultima gara" ha scritto la Yu. "Addio Federazione mondiale di Badminton; addio mio amato badminton". Accusata di aver voluto perdere deliberatamente la partita l'atleta cinese aggiunge che i suoi sogni sono stati "mandati in frantumi senza pietà" perché le giocatrici in campo - conclude l'ormai ex sportiva - stavano solo "sfruttando le nuove regole" per garantirsi una posizione migliore nel prosieguo del torneo.

Intanto sui giornali internazionali e fra gli internauti cinesi divampano polemiche e battute infuocate sulla squalifica delle otto giocatrici. Con buona pace dello spirito decoubertiano alla base dei Giochi olimpici secondo cui "l'importante è partecipare" per i blogger le ragazze erano impegnate a centrare l'obiettivo della vittoria e vanno difese senza esitazioni. "Sono le regole a essere sbagliate" scrive un internauta della provincia dell'Henan in risposta al "tweet" di Wang Xiaoli che lamenta "la cancellazione del mio sogno". In un altro post di un cittadino dell'Anhui emerge lo spirito patriottico di una nazione che sostiene in tutto e per tutto i propri atleti "Da cittadino cinese vi sosterrò sempre".

Sulla vicenda è intervenuto anche il quotidiano inglese The Guardian che in un articolo dedicato al "biscotto" delle sportive asiatiche nel Badminton parla di squalifica "ingiusta" perché "facevano del loro meglio" per raggiungere il risultato finale la vittoria non del singolo match ma del torneo finale. Ogni giorno aggiunge l'articolista si leggono "iperboli" dedicate all'importanza del successo per "l'orgoglio nazionale" tanto che la Bbc non manda in onda il medagliere perché "umiliante" per la Gran Bretagna. "Un pasticcio sciovinista - viene definito - di una Repubblica delle banane". E conclude il motto olimpico "è morto decenni fa" perché "le olimpiadi dell'era moderna sono una parodia dei Giochi improntati al nazionalismo da Hitler nel 1936".

01/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA

Londra 2012 otto asiatiche del Badminton sotto accusa per “scarso impegno”

30/07/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA

Londra 2012 la Cina è già in vetta al medagliere olimpico

27/07/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA

Londra 2012 tra gaffe e curiosità al via le Olimpiadi della crisi

26/07/2012 COREA – GRAN BRETAGNA

Londra 2012 gaffe olimpica gioca Pyongyang ma la bandiera è sud-coreana

27/07/2012 G. BRETAGNA – COREA DEL SUD

Seoul in festa record mondiale per l’arciere cieco
===================

http://web.tiscali.it/martiri

 

ATTENTI  AI  MANEGGIONI  DELLA  POLITICA

INTRIGHI, SOTTERFUGI, MENZOGNE E NON BEN CELATE GUERRE DEI NERVI, SONO LO SCENARIO DEGLI ACCAPARRATORI  DI  POLTRONE, QUESTO E’ QUELLO CHE SIAMO STATI  ABITUATI A VEDERE IN QUESTI DECENNI  DI OPINABILE GOVERNO COMUNALE . IL SISTEMA, QUELLO DI SEMPRE, CON  I SUOI  METODI  E  CON I SUOI UOMINI CERCA DI PERPETUARE SE STESSO, APPROFITTANDO DELLA SFIDUCIA DEI CITTADINI. L’ASSOCIAZIONE  GIUSTIZIA  E  VERITA’ A  NOME DI TUTTI I CITTADINI CHE RAPPRESENTA, CHIEDE CHE NESSUNO, DI QUELLI GIA’ IMPLICATI NELLE PASSATE AMMINISTRAZIONI O GIA’ ADDETTO AL PALAZZO, SI CANDIDI ALLE  PROSSIME  ELEZIONI COMUNALI.  INFATTI SE QUELLO CHE ABBIAMO  FIN  QUI’  VISTO E‘ IL  FRUTTO  DEGLI “SPECIALISTI, CHIEDIAMO  DI  VEDERE  “INESPERTI”, VOLTI NUOVI,  UOMINI E DONNE CREDIBILI. IL POPOLO  HA DIRITTO DI CONOSCERE UN’AUTENTICA ALTERNATIVA.  AMMINISTRATORI DI SEMPRE, PARENTI ED AFFINI  LASCIATE PURE IL POSTO A CHI  PUO’ DIMOSTRARE CHE  E’ POSSIBILE  UN DIVERSO MODO DI  FARE  POLITICA, CHE  E’ POSSIBILE  UNA  DIVERSA  E  PIU’ SAGGIA GESTIONE DELLA REALTA’ COMUNALE. COME E’ POSSIBILE UN’ALTERNATIVA SE I CITTADINI ALLA “ZUPPA” POSSONO SOSTITUIRE IL “PAN BAGNATO”? GRUMO APPULA QUESTA VOLTA DEVE ANDARE OLTRE,  BEN  OLTRE, LA SPIETATA CRITICA  SUGLI UOMINI. GRUMO  APPULA  QUESTA VOLTA NON DEVE PIEGARSI ALLA LOGICA DELLE  “PARENTELE”. IL POPOLO DI GRUMO APPULA  SAPRA’ E POTRA’  PREMIARE  FINALMENTE  UNA  LISTA  CHE  NON  RAPPRESENTI  INTERESSI OCCULTI, MA SOLO IL BENE  DI TUTTI? E’ POSSIBILE, NEL NOSTRO PAESE, OTTENERE DELLE LISTE INTEGRALMENTE RINNOVATE, DI UOMINI E DONNE IMPEGNATI  PER  IL  BENE  COMUNE?  L’ASSOCIAZIONE GIUSTIZIA E VERITA’, RITIENE DI SI,  PER QUESTO INVITA  I  GIOVANI E TUTTI  COLORO  CHE  SONO RIMASTI  LONTANI  DALLA  POLITICA A  FARSI  AVANTI, A  PROPORSI ALLA GESTIONE DELLA VITA COMUNALE. LA REALTA’ POLITICA  NAZIONALE E  LOCALE  E’  MUTATA E LA  POSSIBILITA’  DI  RESPIRARE   UN’ARIA  DIVERSA  E’ OGGI MOLTO  PIU’  CHE  UNA PROBABILITA’.  L’ASSOCIAZIONE, RICORDA AI CITTADINI. CHE L’IMPEGNO POLITICO RAPPRESENTA UN PRECISO OBBLIGO MORALE E NON SI POSSONO ATTENDERE FATALISTICAMENTE GLI EVENTI.                
                                                                            Il presidente Lorenzo Scarola

A TUTTI I CITTADINI

  L'Ass.Giustizia e Verità ringrazia soltanto quei cittadini (e sono tanti) che accettando la candidatura in una lista a queste elezioni lo hanno fatto soltanto per offrire un servizio al nostro paese. Grazie, onesti e ben intenzionati cittadini, perché avrete non poco a soffrire nel rappresentare tutti noi e perché dovrete accettare l'umiliazione di percorrere un solco che altri hanno in precedenza già tracciato per voi. CORAGGIO! CORAGGIO!    Lo stesso non si può dire per gli "imprenditori di partito" che hanno mostrato la loro prepotenza ed i loro giochetti a profusione. Neri, bianchi o rossi, appartengono alla stessa cucciolata, hanno avuto tanti anni per affinare le loro intese al punto che i loro interessi si intrecciano e si confondono. Eccoli, adulti pelosi con il grembiulino in mezzo ad una classe di bambini.
Abbiamo purtroppo il dovere di ufficializzare che la collaborazione politica tra la nostra Associazione ed Alleanza Nazionale nella persona di Giuseppe Peragine è fallita miseramente.
Ringraziamo e salutiamo affettuosamente il concittadino SAVINO PANEBIANCO che in servizio nella gloriosa arma dei Carabinieri, con già facente funzione di Capitano, rappresenta la vera speranza del nostro paese. Senza esitazioni al suo fianco si schiera l'Ass. Giustizia e Verità nella persona del suo Segretario Sig. Scarabaggio Nicola, uomo dall'inequivocabile passato e dall'incontestabile maturità politica. Esultiamo di gioia nell'apprendere come il TAR abbia reintegrato in questa competizione elettorale i CATTOLICI POPOLARI INDIPENDENTI, facendo loro giustizia di una grave discriminazione da essi subita. Cari ed onesti, cari CATTOLICI POPOLARI INDIPENDENTI, la violenza e l'illegalità che avete subito, come le sofferenze e le derisioni dei cattivi sono il vostro più grande onore. Grazie, a nome di tutti i cittadini onesti che noi rappresentiamo per le vostre battaglie di opposizione. Sono certo che tanti cittadini sapranno gratificare con il loro consenso le battaglie civiche che vi hanno visto e vi vedranno protagonisti. CITTADINI! CARI CITTADINI, dal mio cuore elevo fervido un appello al vostro cuore, per il vostro bene come per quello dei nostri figli, non vi lasciate condizionare anche questa volta dalle clientele e dalle parentele. Quello che stiamo vivendo è un grave momento, se falliamo Grumo dovrà andare ancora incontro a decenni di oscurantismo. Grumo è il paese più depresso ed arretrato della provincia, Grumo il paese con non so quanti miliardi di debiti, Grumo il paese dove i giovani emigrano, si disperano o si suicidano. Un cittadino mi ha detto: "la P di politica sta per puttana!". Pur condividendo questo pensiero, riteniamo che quella "P" potrebbe stare bene anche al posto di "progresso" o "promozione umana". E' indispensabile che gli uomini migliori del nostro paese escano allo scoperto e facciano opinione, se così non sarà, allora andremo incontro a grandi ed inimmaginabili dolori. Non facciamo più il gioco dei soliti ignoti disonesti e degli arricchiti sul sangue del popolo. Tuttavia non intendiamo perseguire nessuno per le sue responsabilità del passato, ne a questo vorremmo essere costretti. Per quanto ci riguarda, lasciamo a Dio il giudizio e lasciamo nella coscienza dei corrotti il peso del disonore e dell'infamia che hanno meritato.
Il presidente Lorenzo Scarola



 NOTE DI BIOETICA 
14 FEBBRAIO 1999

GIUSEPPE ANZANI

DALLA PAROLA DONAZIONE LUCE SULLA LEGGE


La nuova legge sul trapianto di organi è a metà strada: approvata dalla Camera dei deputati, attende ora il voto del Senato. L'intervallo ci sembra un momento propizio - placate le polemiche insorte subito dopo l'approvazione - per qualche riflessione più serena sull'argomento.

Lo spessore umano del problema coinvolge tutti, e non solo gli addetti ai lavori; come sempre accade, quando le regole del diritto da scrivere incrociano la civiltà stessa del diritto.

Per prima cosa, empiricamente, saldamente ancorati alla concretezza, proviamo a vedere le cose con gli occhi dei malati.

Pensiamo ai casi in cui il trapianto è l'ultima speranza per ridare a un cardiopatico il battito della vita, per affrancare un dializzato dal laccio doloroso della macchina, per dare a un cieco la luce, e via dicendo.

Sappiamo che fra noi ci sono persone che soffrono e muoiono, perché qualche loro organo vitale è malato, e che potrebbero vivere se ricevessero da un morto il dono di un organo ancora buono, prima che se lo prenda la terra del cimitero.

Che cosa giova, a chi è morto, rendere il corpo alla putrefazione quando un espianto d'organo potrebbe salvare una vita con il trapianto?

In Italia, secondo alcune stime, la lista d'attesa (soprattutto per cuore e fegato) per poter vivere ancora, è lunga 12 mila nomi. Ma forse molti moriranno, per molti sarà troppo tardi.