Syrian Arab Army Day

Syrian Arab Army Day – Giornata dell’Esercito Arabo Siriano – (Ita/Eng + Video)

Tags
, , , , , , , , , , , ,

*
Giornata dell’Esercito Arabo Siriano
Oggi, 1 Agosto 2012, è la giornata dedicata all’Esercito Arabo Siriano, in cui si festeggia il 67° anniversario della sua costituzione.
Il presidente Bashar al-Assad: “l’Esercito siriano è affidatario dei Valori del Popolo contro le bande terroristiche”.
La battaglia contro i nemici della Siria assume molteplici forme e chiari obiettivi, in quanto determina il destino del nostro popolo e della nostra nazione, ha sottolineato il presidente Bashar al-Assad, comandante in capo dell’Esercito Siriano e di tutte le Forze Armate.
In un discorso scritto e indirizzato alle Forze Armate, nella giornata dedicata all’Esercito Arabo Siriano, in cui si festeggia il 67° anniversario della sua costituzione, il presidente al-Assad ha affermato che il nemico ha sfruttato agenti interni come mezzo per destabilizzare la patria, compromettere la sicurezza dei cittadini e svilire le nostre capacità economiche e scientifiche, con l’obiettivo di indebolirci e di impedirci di costruire il nostro futuro e migliorare la nostra società a livelli più elevati.
Il popolo siriano è compatto, come un sol uomo contro gli schemi di sovversione.
Il presidente al-Assad ha sottolineato che i nemici hanno cercato di ostacolare la nostra gente dal prendere le proprie decisioni a livello nazionale, ma sono stati sorpresi dall’unità dimostrata dal popolo siriano, il quale è rimasto compatto, come un sol uomo, contro i loro regimi, e li ha sconfitti, portandoli a dover cercare una via d’uscita a causa delle loro sconfitte, a dover trovare schemi diversi e ad assegnare il compito di realizzare tali complotti ad agenti locali.
Il Presidente ha aggiunto che il popolo siriano ha sventato tutti questi progetti destabilizzanti, facendo perdere la scommessa a chi credeva di poter influenzare le loro coscienze e consapevolezza, dimostrando che esso non può essere soggiogato.
Il presidente Bashar al-Assad ha salutato l’Esercito Siriano che difende la sovranità della patria e la dignità della nazione, ed ha salutato la lotta che le Forze Armate e l’Esercito Arabo Siriano stanno compiendo da oltre mezzo secolo, con un ruolo preminente nel preservare l’identità della Nazione e delle sue componenti culturali, sociali e intellettuali.
Il presidente al-Assad, indirizzandosi all’Esercito Siriano, ha poi detto: “Havete scritto la più grande epica di eroismo e d’orgoglio nazionale, avete dimostrato, nella guerra condotta contro il nostro paese, di saper affrontare le bande criminali dei terroristi, affidandovi ai valori della nostra gente, a cui fedelmente appartiene, alla loro storia e civiltà “.
La forza dei cittadini proviene dai soldati, i quali dedicano la propria vita a difendere il Paese.
Il presidente al-Assad ha aggiunto: “Voi rappresentate l’aspirazione del nostro popolo a difendere la propria dignità e onore, ripristinando la stabilità e la sicurezza della Patria a causa della vostra determinazione ad attuare il sacro dovere verso la patria”, affermando che ogni cittadino trae la sua forza da quella dei soldati, i quali sono gli uomini che si dedicarono a difendere il paese via terra, mare e aria.
Il Presidente ha invitato le Forze Armate a mantenere sempre maggior prontezza e preparazione, per conservare la struttura e la fortezza della patria, esprimendo la sua grande fiducia nelle nostre Forze Armate, viste dai siriani come la fonte del loro orgoglio e  a difensa della legittima causa.
Il presidente al-Assad ha salutato gli spiriti dei nostri martiri i quali hanno sacrificano le loro anime per difendere la propria Patria, e le loro famiglie, augurando un veloce recupero dalle ferite sofferte.
*
*
Syrian Arab Army Day
President al-Assad : Syrian Army Trustee of People’s Values against Terrorist Gangs
Syria’s battle with the enemy takes multiple forms and clear goals as it determines the destiny of our people and nation, underscored President Bashar al-Assad, Commander -in-Chief of the Syrian Army and Armed Forces.
In a written speech to the Syrian army on the 67 anniversary of the Army Foundation Day, President al-Assad asserted that the enemy exploited internal agents as a bridge to destabilize the homeland, undermine the citizens’ safety and drain our economic and scientific capabilities with the aim of weakening us and preventing us from drawing up our future and improving our society to the level of the developed countries.
Syrian People Stood As One Man Against Schemes
President al-Assad pointed out that the enemies wanted to prevent our people from their national decision but they were surprised by the Syrian people who stood as one man against their schemes and defeated them, leading them to look for a way out of their defeats, plot more schemes and assign the task of carrying out such schemes to local agents.
The President added that the Syrian people have foiled all these schemes and dropped all bets on influencing their awareness and proved that they cannot be subjugated.
President Bashar al-Assad greeted the Syrian army who defends the homeland’s sovereignty and the nation’s dignity and hailed the Syrian army’s struggle for more than half a century which has prominent role in preserving the nation’s identity and its cultural, social and intellectual components.
President al-Assad went on addressing the Syrian army: “You wrote the greatest epic of heroism and pride and proved through facing the war waged against our country and confronting the criminal terrorist gangs that your are the entrusted with the values of our people to whom you belong and faithful to their history and civilization,” asserting that the Syrian army and armed forces personnel would ever remain the title for such authentic belonging.”
Citizens Derive Strength From Soldiers who Devote Themselves to Defend The Country
President al-Assad added “You represent the aspiration of our people in defending their dignity and honor and restoring stability and security of the homeland due to your determination to implement your sacred duty towards the homeland,” asserting that each citizen derives his strength from our soldiers as they are the men who devoted themselves to defend the country by land, sea and air.
The President called on the armed forces for more readiness and continued preparations to remain the armor and fortress of the homeland, voicing his big confidence in our armed forces, seen by the Syrians as the source of their pride and the defender of their legitimate causes.
President al-Assad greeted the spirits of our martyrs who sacrifice their souls for defending their homeland and the families of the martyrs, wishing the wounded quick recovery.
*
Video di MrGeourg  -  http://www.youtube.com/watch?v=x6dej92YqQ8
Traduzione italiana da agenzia araba SANA
a cura di FFP – per  SyrianFreePress.net Network & TG24Siria
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/01/syrian-arab-army-day-giorno-dellesercito-arabo-siriano/

Syria: the propaganda war (text and audio)
Wednesday 01 Aug 2012
Posted by syrianfreepress + in All Articles, Audio, Journalism False, False Press, Propaganda
≈ Leave a Comment
Tags
Aleppo, Bashar al-Assad, Damascus, Kronen Zeitung, Leon Panetta, Propaganda, Syria, Syria, SyrianFreePress, SyrianFreePressNewtwork, United States
*
*
The scenario, already 'made by the West in Libya, is also used against the regime in Damascus. In particular, against Syria and 'being waged a war policy, which also joined the Austrian daily Die Kronen Zeitung. In an article devoted to the war in Syria, the most 'largest newspaper published a picture made up of Austria, created using Photoshop.
The picture shows a family of refugees in the background of the ruins of Aleppo, the economic capital of Syria: a man with a baby, and woman, with her hijab, walking along a road destroyed by war. The caption under the photo says that Assad's army tanks trying to reach Aleppo in rebel hands. To discover the deception we have thought about bloggers in the archive of EPA (European Pressphoto Agency) have found a picture of the same family, Syria resumed amid the usual urban landscape.
Also "Voice of Russia" has evidence showing that the West is artfully fomenting tension in Aleppo. Here is the testimony of Anfuan ash-Shahabi, a resident of the city 'of Aleppo.
The situation in Aleppo is not 'certainly quiet, but not so dramatic. Things are not quite as he wrote to the foreign press. Under pressure from government troops are retreating rebels, including some 'days of the city' will be free. By the way, many rebels surrendered. In some districts clashes with rebels continue in the situation and others 'quiet, much more' that we are in Ramadan.
Although the rebels are at the heart of the propaganda war. To the West the rebels, fighting against the regime of Bashar Assad, expressing the interests of all the Syrians, yet we know that in Syria there are many who are trying to recruit mercenaries of the simple Syrians, offering him money arriving from abroad. Here is the declaration of Yusef Naami, fighter free Syrian Army, which participated in the fighting in Hama, but recently 'passed by the government.
We were a group of young people. We have to know a man who has promised to give each of us 2000 pounds, if we participated in a demonstration. We did not see this money. We promised one thing but doing another. Then they told us: put us with us against the army and the police, you earn a lot. We accepted. They took us to a training camp where we were taught to use weapons. After that 'we have begun to participate in clashes with the army. We also seized people. Some we killed them. For all that 'we have promised from 5000 to 10000 pounds, but in reality' they gave us only a tenth.
And 'especially with the help of young people misled the U.S., Europe and the Gulf monarchies wish to overthrow the Assad regime. The script for the transition of power and 'already' ready. The Minister of Defense, Leon Panetta, said that the fall of Assad should not lead to the disintegration of the state apparatus, because it 's so you can' maintain stability 'in the country.This 'means that the Pentagon has already' taken all the decisions for both Assad and the Syrian people.
*
Text from "The Voice of Russia"
Video adaptation to mp3 by SyrianFreePress.net Network & TG24Siria
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/01/siria-guerra-di-propaganda-testo-e-audio/

Siria: guerra di propaganda (testo e audio)

Tags
, , , , , , , , , ,

*
*
Lo scenario, gia’ realizzato dall’Occidente in Libia, viene usato anche contro il regime di Damasco. In particolare, contro la Siria e’ stata scatenata una guerra informativa, alla quale ha aderito anche il quotidiano austriaco Die Kronen Zeitung. In un articolo dedicato alla guerra in Siria il piu’ grande giornale dell’Austria ha pubblicato una foto truccata, creata con l’ausilio di Photoshop.
Nella foto si vede una famiglia di profughi sullo sfondo delle rovine di Aleppo, la capitale economica della Siria: uomo, con un bambino in braccio, e donna, con il suo hijab, che camminano lungo una strada distrutta dalla guerra. La didascalia sotto la foto spiega che i carri armati dell’esercito di Assad cercano di raggiungere Aleppo in mano ai ribelli. A scoprire l’inganno ci hanno pensato i blogger che nell’archivio dell’EPA (European pressphoto agency) hanno trovato una foto della stessa famiglia siriana ripresa in mezzo al solito paesaggio urbano.
Anche “Voce della Russia” ha delle prove che dimostrano che l’Occidente sta fomentando ad arte la tensione ad Aleppo. Ecco la testimonianza di Anfuan ash-Shahabi, abitante della citta’ di Aleppo.
La situazione ad Aleppo non e’ certamente tranquilla, ma neanche tanto drammatica. Le cose non stanno assolutamente come scrive la stampa estera. Sotto la pressione delle truppe governative i ribelli si stanno ritirando, fra un po’ di giorni la citta’ sara’ libera. A proposito, molti ribelli si arrendono. In alcuni quartieri gli scontri con ribelli continuano, in altri la situazione e’ tranquilla, tanto piu’ che siamo in Ramadan.
Anche i ribelli sono al centro della guerra di propaganda. Per l’Occidente i ribelli, che lottano contro il regime di Bashar Assad, esprimono gli interessi di tutti i siriani, eppure sappiamo che in Siria ci sono moltissimi mercenari che cercano di reclutare dei semplici siriani, offrendogli soldi che arrivano dall’estero. Ecco la dichiarazione di Yusef Naami, combattente dell’Esercito libero siriano, che ha partecipato ai combattimenti ad Hama, ma recentemente e’ passato dalla parte del governo.
Eravamo un gruppo di giovani. Ci hanno fatto conoscere un uomo che ha promesso di dare a ciascuno di noi 2000 lire, se avremmo partecipato a una manifestazione. Non abbiamo visto questi soldi. Ci promettevano una cosa, ma ne facevano un’altra. Poi ci hanno detto: metteteci con noi contro l’esercito e la polizia, guadagnerete parecchio. Abbiamo accettato. Ci hanno portato in un campo di addestramento dove ci hanno insegnato ad usare le armi. Dopo cio’ abbiamo cominciato a partecipare agli scontri con l’esercito. Abbiamo anche sequestrato delle persone. Alcuni li abbiamo uccisi. Per tutto cio’ ci hanno promesso da 5000 a 10000 lire, ma in realta’ ci davano solo un decimo.
E’ soprattutto con l’aiuto dei giovani tratti in inganno che gli USA, l’Europa e le monarchie del Golfo intendono rovesciare il regime di Assad. Il copione di transizione del potere e’ gia’ pronto. Il ministro della difesa americano, Leon Panetta, ha dichiarato che la caduta di Assad non deve portare alla disgregazione dell’apparato statale, perche’ cosi’ si potra’ mantenere la stabilita’ nel paese.
Cio’ significa che il Pentagono ha gia’ preso tutte le decisioni sia per Assad, sia per il popolo siriano.
*
Testo da “La Voce della Russia”
Video adattamento in mp3 a cura di  SyrianFreePress.net Network & TG24Siria
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/01/siria-guerra-di-propaganda-testo-e-audio/