imperialism saudi arabia, kill all christians martyrs

YouTube

YouTube

590928 iscritti
68994390 visualizzazioni video
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Leader of al-Qaeda in Yemen: "Great movement in the region (Qatar-Saudi Arabia): transfer of militants of Al-Qaeda from Yemen to Syria." One of the most important leaders of Al Qaeda in Yemen, tribal leader Tariq Fadli, revealed a regional agreement that provides for the transfer of militias of Al-Qaeda ("Ansar al-Sharia'a", "supporters of Sharia") in Yemen, from the south of Yemen to Syria. He explains the sudden withdrawal of these troops from Abyan governorate, saying even that will not be hindered by the armed forces of Yemen and Saudi Arabia during their displacement.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    21 secondi fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Although it was not explicitly said what the parties to the agreement are, we can be sure that they are automatically the Government of Yemen and Qatar, Saudi Arabia and the United States. Especially after the Western media has revealed a few days ago that there seemed to be an "air bridge", financed by Saudi Arabia and Qatar, to move the "jihadists", from different regions of the world, in their training camps established by the CIA near "Adana and Gaziantep", two towns in Turkey, in collaboration with the Turkish intelligence and Saudi and Qatari financing. It's the best historical relationship of cooperation that Tareq al-Fadli have ever had with the Saudi intelligence services, as is evident from his "Jihadistic Curriculum Vitae", and we can deduce it from what is happening.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    30 secondi fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Al-Fadli said in an exclusive interview with the newspaper Yemeni "Adan Al-Ghad", from his residence in a mountainous area near the coastal city of Shakra, the sudden withdrawal of armed groups from Zanzibar town and Giaar in Abyan province, following the agreement reached. The militants of al-Qaeda will be transferred to Syria in order to fight alongside the other mercenaries armed groups, including groups linked to al-Qaeda, against the Syrian people". About the financial activity that is taking place Saudi Arabia, left and right, in favor of obscurantist groups Salafi and Wahhabi jihadis, al-Fadili said, "the King of Saudi Arabia is free to do whatever he wants of his dollars and has the right to give money to those who want to,
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    41 secondi fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] whether they are religious leaders, or politicians, or whatever they are. " But al-Fadili went further, claiming that "Saudi Arabia has the right to make air strikes inside Yemeni territory in self-defense", a statement which is defined by the Yemeni newspaper "Adan Al-Ghad" as "a rapprochement with Saudi Arabia. " al-Qaeda Killers -- (Warning: bloody images) And ... would these 4 scalzacani have to worry about the Syrian National Army??
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    21 minuti fa
    yes, i am: in "salento"
  • ExecutionKiller
    ExecutionKiller ha pubblicato un commento
    23 minuti fa
    @ IMF666KillTubeStopME I see 1 of you video you go to a beach ???
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    39 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] NAVIN CHAWLA. AP Wherever she went, it was to her beloved Calcutta that Mother Teresa longed to return. The most succinct summing up of Mother Teresa's life and work remains, in my view, by the Chairman of the Nobel Committee Prof. John Sannes, in his speech at the Nobel Prize ceremony in Oslo in 1979. He said: "The hallmark of her work has been respect for the individual and the individual's worth and dignity. The loneliest and the most wretched, the dying destitute, the abandoned lepers, have all been received by her and her Sisters with warm compassion devoid of condescension, based on her reverence for Christ in man ... In her eyes, the person who, in the accepted sense, is the recipient, is also the giver and the one who gives the most,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    39 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] Giving — giving something of oneself — is what confers real joy, and the person who is allowed to give is the one who receives the most precious gift ... This is the life of Mother Teresa and her Sisters — a life of strict poverty and long days and nights of toil, a life that affords little room for other joys but the most precious." After the Award ceremony, typically, she refused the traditional banquet and instead asked the organisers to give her the money thus saved to feed 'her poor'. People were so moved by this simple gesture that even little children contributed their pocket money. In the process, she collected almost twice the Prize money. Clearly Mother Teresa was by now recognised as the world's foremost conscience keeper.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    40 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] This was a far cry from her early days. For almost 20 years, from 1929 to 1948, she remained an ordinary Loreto nun, teaching geography and catechism. Then on her famous train ride to Darjeeling in 1946, she received a Vision, an order as it were, that she was to leave the security and happiness of the Convent, and step into Calcutta's streets and slums to begin the 'real work'. In those days it was inconceivable for a simple nun, albeit by now the Principal of St. Mary's school to leave her convent, and that too with her vows intact. It seemed absurd to even try to secure permission. Yet, in one of those many miracles that marked her life, her voice reached the Vatican itself. Two years of prayers and persistence paid off when the Vatican gave her the permission to try.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    40 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] The next two years were those of great hardship. Imagine the Kolkata of 1948. The city which had not yet recovered from the Great Bengal Famine of 1941-42, when almost four million died and millions were rendered homeless. This was closely followed by the trauma of Partition which saw a million refugees additionally crowding every inch of space. Into this horror of deprivation stepped a small figure wearing a sari that cost a rupee, similar to those worn by the municipal sweepresses. She had no companion, no helper and no money to speak of. She had so far lived a secure life in the Convent and knew nothing of a large city's dangers. Although a voice in her cajoled her to return to the security of her convent,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    40 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] she instead stepped into the very slum that she used to see from her classroom window. She picked up a stick and started to write the Bengali alphabet on the ground. Soon a few curious children gathered, and a few more the next day. People recognised goodness when they saw it, someone donated a chair, then a blackboard and chalk. A few teachers began to volunteer their services, and soon her first school became a reality. Then, seeing so many sick around her, she began to beg for medicines from chemists, and was able to set up a tiny clinic. She walked miles each day till her body ached. She encountered humiliation. More than once she was to tell me that for us human beings the greatest fear is the fear of humiliation.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    40 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] In those early days of deprivation, she learned the lessons of being rejected, but also the generosity of spirit and goodness. She came to know that the very poor could more easily share their meagre bowls of rice than the rich, who were often reluctant to share at all. Within a few months, some of her Loreto pupils came out to join her Order, the Missionaries of Charity. Soon her little band of Sisters grew to 12. Now they began to be noticed, as they walked in pairs in their trademark white saris with blue borders. One of her earliest supporters was Dr. B.C. Roy, the legendary Chief Minister of West Bengal. In later years, the equally legendary Jyoti Basu lent her his shoulder. In the course of writing my biography of Mother Teresa, I asked him what he, a Communist and atheist,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    40 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] could possibly have in common with Mother Teresa, for whom God was everything. He replied: "We both share a love for the poor." By the time Mother Teresa died in 1997, she had set up arguably the world's largest humanitarian programme outside of a Government. She established a presence in 123 countries, creating hundreds of feeding centres, medical clinics, leprosy stations, AIDS hospices, primary schools, Shishu Bhawans for abandoned infants and shelters for the elderly destitute that benefited millions. Nor were all these in the poorer parts of the world. She opened hundreds of shelters in Europe, America and Australia for drug addicts, alcoholics and the destitute. She called the loneliness of Europe's large cities the "leprosy of the West".
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    41 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] I visited her homes for those dying of AIDS in the United States, and met with elderly cast-offs in her centres in Europe. I walked with her Sisters on a cold and wintry night under London's Waterloo Bridge, providing hot soup to people whose only home was a cardboard box the size of a coffin. I spent time in the soup kitchen in the Vatican, which she had persuaded Pope John Paul II to carve out near his grand Audience Chamber by persuading him that Rome's poor deserved at least one hot meal a day. Later, she would joke that her poor were the only people who could enter St. Peter's without a ticket!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] But wherever she went in the world, visiting her ashrams, and however much she pushed herself in spite of her growing pain, it was to her beloved Kolkata that she would long to return. Ultimately, it was in her little room in Motherhouse that she died, and lies buried in a simple grave in Motherhouse itself, which bears the epitaph. "Love one another as I have loved you." (Navin Chawla is a former Chief Election Commissioner of India and biographer of Mother Teresa. Today he commemorates Mother Teresa's 102nd birth anniversary.) navinbchawla@hotmail.com
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    57 minuti fa
    horror Pakistan [against satanAllah in talmud of IMF 666] for example:. in the case of Asia Bibi? the Muslim women were jealous, because while they were ugly: Asia Bibi: instead, it was very nice! in fact, that poor woman? was raped repeatedly in prison!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [against satanAllah in talmud] the blasphemy law: makes it impossible to scientific research and thus makes impossible any scientific truth: about the story! In fact, everything is crystallized on the partisanship of men of religion! who in wickedness and cruelty? gave ample evidence of itself! but these are not the feelings of God! la legge sulla blasfemia: rende impossibile la ricerca scientifica: e quindi rende impossibile: ogni verità scientifica: circa la storia! infatti, tutto rimane cristallizzato sulla faziosità degli uomini della religione! i quali a malvagità e crudeltà? hanno dato ampia dimostrazione di se! ma, questi non sono i sentimenti di Dio!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi for 'planting' Koran pages. ANITA JOSHUA. The blasphemy case involving an 11-year-old girl with Down Syndrome took a curious turn that could end her ordeal when the police on Saturday evening arrested a cleric for allegedly planting pages of the Koran among burnt papers found in her possession. The cleric, Khalid Judoon Chishti, was produced before a magistrate on Sunday and sent to 14 days judicial remand. He was arrested after a witness in the case, Hafiz Zubair (a muezzin of the mosque where Maulvi Chishti leads the prayers) told a magistrate that he saw the prayer leader putting pages of the Koran in the polythene bag containing burnt papers that the accused, Rimsha Masih, was carrying.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] After Mr. Zubair made the statement before the magistrate, the police obtained a warrant for the Maulvi's arrest and went to the locality with a huge contingent to deal with any protests that may erupt while imprisoning him. He has now been booked under the blasphemy law, which provides for death sentence as he had desecrated the Koran by putting pages from it in a bag that contained ashes. To evict Christians. According to Mr. Zubair, the complainant — who had allegedly seen Ms. Masih burning the pages — had brought the packet to the mosque to show it to the Maulvi. The Maulvi, as per Mr. Zubair's statement, added some pages of the Koran to the packet to strengthen the case against the girl and facilitate the eviction of Christians from the slum cluster on the outskirts of the federal capital.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] Though there had been conflicting reports on the circumstances in which Ms. Masih was found with the burnt pages of the Koran, she was arrested under the blasphemy law over a fortnight ago and sent to the Adiala Jail amid protests from civil society. In fact, till date, versions differ on the contents of the pages found in her possession with some claiming they were from a primer used to teach children the scriptures. In view of the latest development in the case, civil society activists have stepped up their demand for the amendment of the blasphemy laws to avoid their misuse as is apparent in this instance. They recalled that this was exactly what assassinated Governor of Punjab Salman Taseer had been demanding.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    @to all Nations --> who is responsible, to stop the rise of unius REI, to condemn to death the whole human race? maybe you do not know: that, is the system Masonic: of banking seigniorage, which has essential needs, of wars to live? The architect of this system? is satan himself: in his Talmud and Kabbalah, to retain power at all costs: how to make the Holocaust against my Jewish people !
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    UniusRei3 posted a comment 4 hours ago Report spam [Against satanic IMF 666] -> soon, again Fill your mouth and your lips smile of joy. Your enemies saran covered with shame, and the tent of the wicked will be no more. AT Job 8, 21 While they were still near Jerusalem, Appeared as leader before them a knight on horseback, dressed in white and brandishing golden armor. All together they blessed God merciful and felt so Strengthened in heart, they were ready to attack not only men, but Also the most ferocious beasts, and the walls of iron. 2 Maccabees 11.08
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    king  Unius Rei posted a comment 4 hours ago Cain @ 666 IMF CIA -> I am a politician, I know my action is not religious in nature, but as has been amply Demonstrated: I demolish the kingdom of Satan, in a supernatural way! That's why there are too many, of Those Who Hurt Themselves will! I want to remember ... That Yhwh, having freed the people from the land of Egypt, wiped out at a later time, Those who disbelieved, and put in custody, with chains in the darkness of hell, Those angels who were unable to 'maintain Their primeval dignity ... Judah 1, 5
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    and to you, That you are now afflicted, relief along with us When we manifest the Lord Jesus from heaven with his mighty angels , in flaming fire taking vengeance on Those who do not know God and do not obey the gospel of our Lord Jesus Who Shall be punished with eternal destruction, away from the face of the Lord and from the glory of his power, II Thessalonians 1, 7 [of course, the destruction of Jerusalem was a coincidence?] When he drew near and saw the city [ Jerusalem ] and wept over it, saying, "If I understand you, too, on this day, the path of peace! (*) But now they are hidden from your eyes. days will come upon you When Your enemies will encircle the trenches, and will surround you in on every side, they will dash you and your children Within You, and not leave in thee one stone upon another; Because you did not Recognize the time of your visitation. "Luca19, 41
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    if the opposition Agrees: for my good common sense? I can act as a mediator! Why: I am Certain of this: even: Assad would not like to keep: his regime! but, are: murderers international (U.S. and Arab League) That has forced him, and all minorities: in the Sirian country: to a fight for his own life: that is, for survival: why This should not be forgotten: where there were , Americans, ie, in Iraq? 1000.000 of the Christians are gone or are die! if the opposition Accepts: common sense? I can act as a mediator! Because: I am Certain of this: even: Assad want to keep: his regime! are the murderers International (U.S. and Arab League) That forced him, and all minorities in the country siraiano: a fight for his own life: that is, for survival, Because It Should not be forgotten, where there were, Americans, That Is in Iraq? 1000.000 of Christians are gone!


ALLERTA – Leader di al-Qaeda nello Yemen: “Gran movimento nella regione per trasferimento di miliziani di al-Qaeda dal sud-Yemen in Siria” ~ ALERT – Leader of al-Qaeda in Yemen: “Great movement in the region for transfer of al-Qaeda militants from South Yemen in Syria” ~ (ITA-ENG)


Tags
, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

…e sarebbero questi 4 scalzacani a dover preoccupare l’Esercito Nazionale Siriano???
*
ESCLUSIVO IN LINGUA ITALIANA
Leader di al-Qaeda nello Yemen: “Gran movimento nella regione (Qatar-Arabia Saudita): trasferimento di miliziani di Al-Qaeda dallo Yemen in Siria”.
Uno dei più importanti leader di Al Qaeda nello Yemen, il capo tribale Tariq Fadli, ha rivelato di un accordo regionale che prevede il trasferimento di milizie di Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “i sostenitori della Sharia”) nello Yemen, dal sud dello Yemen in Siria.
Lui spiega dell’improvviso ritiro di queste milizie dal Governatorato di Abyan, dicendo  anche che non saranno ostacolati dalle forze armate dello Yemen e dell’Arabia Saudita durante il loro dislocamento.
Anche se non è stato esplicitamente detto quali siano le parti dell’accordo, possiamo essere automaticamente sicuri che esse sono il governo yemenita ed il Qatar, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.
Specialmente dopo che la stampa occidentale ha rivelato nei giorni scorsi che sembrava ci fosse un “ponte aereo”, finanziato dall’Arabia Saudita e Qatar, per spostare i “jihadisti”, da diverse regioni del mondo, nei loro campi d’addestramento stabiliti dalla CIA vicino a “Adana e Gaziantep”, due cittadine turche, in collaborazione con l’intelligence turca e con finanziamento saudita e qatariota.

Tareq al-Fadli
È il miglior rapporto storico di cooperazione che Tareq al-Fadli abbia mai avuto con i servizi di intelligence saudita, come è evidente dal suo “Curriculum Vitae Jihadistico”, e possiamo dedurlo da quello che sta accadendo.
Al-Fadli ha dichiarato, in un’intervista esclusiva con il giornale yemenita “Adan Al-Ghad”, dalla sua residenza in una zona montagnosa vicino alla città costiera di Shakra, del ritiro improvviso dei gruppi armati dalle città di Zanzibar e Giaar, nella provincia di Abyan, in seguito all’accordo raggiunto.
I miliziani di al-Qaeda saranno trasferiti in Siria con l’obiettivo di combattere accanto agli altri gruppi mercenari armati, compresi i gruppi legati ad Al-Qaeda, contro il popolo siriano”.
E sull’attività finanziaria che sta svolgendo l’Arabia Saudita, a destra e a manca, in favore dei gruppi oscurantisti Salafiti e jihadisti  wahabiti, al-Fadili ha risposto: “il Re dell’Arabia Saudita è libero di fare quello che vuole dei suoi dollari ed ha la facoltà di  regalare soldi a chi desidera, siano essi capi religiosi, o leader politici, o qualunque cosa essi siano”.
Ma al-Fadili è andato oltre, sostenendo che “l’Arabia Saudita ha il diritto di compiere bombardamenti aerei all’interno del territorio yemenita in caso di autodifesa”, affermazione che è definita dal giornale yemenita “Adan Al-Ghad” come “un riavvicinamento all’Arabia Saudita”.

Tareq al-Fadli e soci tagliagole
*
ENGLISH   ***   ENGLISH   ***  ENGLISH   ***  ENGLISH   ***  
Leader of al-Qaeda in Yemen: “Great movement in the region (Qatar-Saudi Arabia): transfer of militants of Al-Qaeda from Yemen to Syria.”
One of the most important leaders of Al Qaeda in Yemen, tribal leader Tariq Fadli, revealed a regional agreement that provides for the transfer of militias of Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “supporters of Sharia”) in Yemen, from the south of Yemen to Syria.
He explains the sudden withdrawal of these troops from Abyan governorate, saying even that will not be hindered by the armed forces of Yemen and Saudi Arabia during their displacement.
Although it was not explicitly said what the parties to the agreement are, we can be sure that they are automatically the Government of Yemen and Qatar, Saudi Arabia and the United States.
Especially after the Western media has revealed a few days ago that there seemed to be an “air bridge”, financed by Saudi Arabia and Qatar, to move the “jihadists”, from different regions of the world, in their training camps established by the CIA near “Adana and Gaziantep”, two towns in Turkey, in collaboration with the Turkish intelligence and Saudi and Qatari financing.
It’s the best historical relationship of cooperation that Tareq al-Fadli have ever had with the Saudi intelligence services, as is evident from his “Jihadistic Curriculum Vitae”, and we can deduce it from what is happening.
Al-Fadli said in an exclusive interview with the newspaper Yemeni “Adan Al-Ghad”, from his residence in a mountainous area near the coastal city of Shakra, the sudden withdrawal of armed groups from Zanzibar town and Giaar in Abyan province, following the agreement reached.
The militants of al-Qaeda will be transferred to Syria in order to fight alongside the other mercenaries armed groups, including groups linked to al-Qaeda, against the Syrian people”.
About the financial activity that is taking place Saudi Arabia, left and right, in favor of obscurantist groups Salafi and Wahhabi jihadis, al-Fadili said, “the King of Saudi Arabia is free to do whatever he wants of his dollars and has the right to give money to those who want to, whether they are religious leaders, or politicians, or whatever they are. “
But al-Fadili went further, claiming that “Saudi Arabia has the right to make air strikes inside Yemeni territory in self-defense”, a statement which is defined by the Yemeni newspaper “Adan Al-Ghad” as “a rapprochement with Saudi Arabia. “
*
al-Qaeda Killers – (Warning: bloody images)
*
Traduzione dall’arabo in lingua italiana e inglese a cura di WA & FFP
(ogni riproduzione è permessa se citando questo link e fonte)




WARNING = NATO Plot To Use Ambulances As Cover For Humanitarian Invasion of Syria ~ Complotto NATO per usare ambulanze come copertura per un’invasione umanitaria della Siria ~ (ENG-ITA +Video)


Tags
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*
NATO Plot To Use Ambulances As Cover For Humanitarian Invasion of Syria.
False flag chemical weapons attack to frame Assad finalized
A source claims that NATO powers in coordination with Saudi Arabia are putting the finishing touches to a false flag plot to frame President Bashar Al-Assad’s forces for launching a chemical weapons attack as a pre-cursor to a NATO intervention which will use ambulances as humanitarian cover for a military assault.
The source told Syrian news channel Addounia that a Saudi company had fitted 1400 ambulance vehicles with anti-gas & anti-chemical filtering systems at a cost of $97,000 dollars each, in preparation for a chemical weapons attack carried out by FSA rebels using mortar rounds. A further 400 vehicles have been prepared as troop carriers.
The attack, which will involve the use of white phosphorus, sarin and mustard gas, will be launched on a heavily populated town near the Syria/Jordan border, possibly Daraa, after which the vehicles will pour in under the cover of humanitarian aid.
The ambulances, emblazoned with the slogan “Syrian People’s Relief,” will operate under the guise of an aid mission to help the victims of the chemical weapons attack, but in reality are nothing short of armored personnel carriers.
Traveling from Riyadh to the Jordanian capital Ammam before entering Syria, the vehicles will be used to create a buffer zone that will lead to a NATO military intervention under the pretext of punishing Assad’s regime for the atrocity, the source claims.
The company providing the ambulances is based in Riyadh and is also currently negotiating with the Yemeni government to manufacture military vehicles for the Yemeni Army.
According to the source, a meeting between the head of Saudi news channel Al Arabiya and a U.S. diplomat took place at the U.S. Embassy in the United Arab Emirates. The purpose of the meeting was to agree upon a conditioning program to prepare the public for the likelihood that Bashar Al-Assad’s forces would use chemical weapons. Shortly after the meeting, Al Arabiya began running news segments depicting the inevitability of a chemical weapons attack carried out by Assad’s forces.
The report coincides with public statements in recent days from both President Barack Obama and French President Francois Hollande threatening Syria with military action outside the auspices of the UN Security Council if it uses chemical weapons.
During an annual foreign policy speech to French ambassadors on Monday, Hollande warned Assad that any instance of the Syrian Army using chemical weapons against insurgents “would be a legitimate reason for direct intervention” by NATO powers. He went on to assure FSA rebels that France would not hesitate in recognizing them as the legitimate government of Syria.
On August 20, Obama cautioned that any attempt to deploy or even move Syria’s stockpile of chemical weapons would represent a “red line” and result in direct U.S. military action.
“That would change my calculus; that would change my equation,” said Obama.
Up to 60,000 U.S. ground troops have apparently been prepared as part of a “worst-case scenario” wherein troops would “go into Syria to secure chemical and biological weapons sites following the fall of the Assad government.”
Observers have been warning for months that NATO-backed rebels, with the aid of Qatar, Saudi Arabia and Turkey, were preparing to launch a chemical weapons attack that would be blamed on Assad, noting how rebels had been supplied with gas masks.
In addition, as far back as November it was reported that Libya’s new NATO-backed transitional government had agreed to send chemical weapons to Syrian rebels. In June it was reported that FSA fighters had now acquired those weapons are were training to use them at facilities in Turkey.
The FSA also recently announced that they had taken over a missile site equipped with chemical weapons under the justification that they wanted to prevent the weapons being used by the Syrian government.
It wouldn’t be the first time that a “false flag” attack has been used to demonize the Syrian government in order to grease the skids for military intervention.
As the respected German daily Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) reported, the Houla massacre, which was immediately blamed on Assad’s forces by the establishment media, was in fact carried out by anti-Assad Sunni militants.
*
*
COMPLOTTO DELLA NATO PER USARE DELLE AMBULANZE COME COPERTURA PER UN’NVASIONE UMANITARIA DELLA SIRIA.
False armi chimiche per un attacco finalizzato a incastrare Assad.
Potenze della NATO in coordinamento con l’Arabia Saudita starebbero mettendo a punto gli ultimi ritocchi per un complotto in false-flag contro le forze del presidente Bashar Al-Assad per il lancio di un attacco di armi chimiche come precursore di un intervento della NATO che utilizzerebbe ambulanze umanitarie come copertura per un attacco militare.
Una fonte informata ha detto al canale siriano di notizie Addounia che una società saudita ha montato 1.400 ambulanze con sistemi di filtraggio anti-gas e anti-arma-chimica per un costo di 97 mila dollari ciascuna, in preparazione per un attacco con armi chimiche condotto dai ribelli FSA usando proiettili di mortaio. Ulteriori 400 veicoli sono stati concepiti come trasporto truppe.
L’attacco, che comporterebbe anche l’uso di fosforo bianco, sarin e mostrad-gas, sarà lanciato su una città densamente popolata vicino al confine Siro/Jordano, probabilmente su  Daraa, dopo di che i veicoli verranno infiltrati sotto la copertura di aiuti umanitari.
Le ambulanze, blasonate con lo slogan “Sollievo per popolo siriano”, opereranno sotto l’apparenza di una missione di aiuto per le vittime dell’attentato da armi chimiche, ma in realtà sono a dir poco corazzate da trasporto truppe.
Viaggiando da Riyadh alla capitale giordana Ammam, prima di entrare in Siria i veicoli saranno utilizzati per creare una zona di cuscinetto, che porterà ad un intervento militare della NATO con il pretesto di punire il regime di Assad per l’atrocità, ha rivelato la fonte.
La società che fornisce le ambulanze ha sede a Riyadh e sta attualmente negoziando con il governo yemenita per la produzione di veicoli militari per l’esercito yemenita.
Secondo la fonte, un incontro tra il capo del canale di notizie saudita Al Arabiya e un diplomatico degli Stati Uniti ha avuto luogo presso l’Ambasciata degli Stati Uniti negli Emirati Arabi Uniti. Lo scopo della riunione era quello di concordare un programma di condizionamento per preparare il pubblico per la probabilità che forze armate di Bashar Al-Assad avrebbe usato armi chimiche.
Poco dopo la riunione, Al Arabiya ha iniziato afar circolare notizie frammentate che descriverebbero l’inevitabilità di un attacco di armi chimiche effettuate dalle forze di Assad.
Il rapporto coincide con le dichiarazioni pubbliche dei giorni scorsi sia da parte del presidente Barack Obama che del presidente francese Francois Hollande, i quali minacciavano la Siria di un’azione militare al di fuori l’egida del Consiglio di sicurezza dell’ONU se egli avesse usato armi chimiche.
Lunedì 27 agosto 2012, durante l’annuale discorso di politica estera agli ambasciatori francesi, Hollande ha avvertito Assad che qualsiasi atto da parte dell’esercito siriano per usare armi chimiche contro i ribelli sarebbe un motivo legittimo per un intervento diretto da parte delle potenze della NATO. Egli avrebbe continuato dicendo che la Francia garantisce che non avrebbe esitato a riconoscere i ‘ribelli’ del FSA quali legittimo governo della Siria.
Il 20 agosto, Obama ha avvertito che ogni tentativo di distribuire, o anche solo spostare, in Siria scorte di armi chimiche sarebbe come oltrepassare una “linea rossa”, che risulterebbe in un’azione militare diretta degli Stati Uniti.
“Questo modificherebbe i miei calcoli, cambierebbe gli equilibri”, ha detto Obama.
Fino a 60.000 truppe di terra statunitensi sono state apparentemente preparate nel caso di uno “scenario peggiore”, in cui le truppe entrerebbero in Siria per mettere in sicurezza i siti di stoccaggio di armi chimiche e biologiche in seguito alla caduta del governo di Assad.
Gli osservatori hanno messo in guardia da mesi che i ribelli, appoggiati dalla NATO, con l’aiuto di Qatar, Arabia Saudita e Turchia, si stavano preparando a lanciare un attacco con armi chimiche il quale sarebbe stato attribuito a Bashar al- Assad, notando come i ribelli fossero stati riforniti di maschere antigas.
Inoltre, già a novembre 2011, venne riferito che la Libia, con il nuovo governo di transizione supportato dalla NATO, aveva accettato di inviare armi chimiche ai ribelli siriani. Nel mese di giugno è stato riferito che i combattenti del FSA (Fake Syrian Army) avevano ormai acquisito la conoscenza all’uso con tali armi, attraverso una formazione presso strutture in Turchia.
Il FSA ha recentemente annunciato di aver preso possesso di un sito di missili dotati di armi chimiche, con il pretesto  di volere evitare che tali armi fossero utilizzate da parte del governo siriano.
Non sarebbe la prima volta che un’operazione d’attacco in “false flag” sia usata per demonizzare il governo siriano, al fine di ingrassare gli ingranaggi che possano portare ad un intervento militare.
Come ha riportato l’autorevole quotidiano tedesco ‘Frankfurter Allgemeine Zeitung’ (FAZ),  il massacro di Houla (che i media dell’establishment hanno attribuita come responsabilità alle forze di Assad) , è stato infatti effettuato da militanti sunniti anti-Assad.
*
Paul Joseph WatsonInfowars.com – Wednesday, August 29, 2012
at http://www.infowars.com/nato-plot-to-use-ambulances-as-cover-for-humanitarian-invasion-of-syria/
Traduzione a cura di FFP per  SyrianFreePress.net Network
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/30/nato-plot-to-use-ambulances-as-cover-for-humanitarian-invasion-of-syria-complotto-nato-per-usare-ambulanze-come-copertura-per-uninvasione-umanitaria-della-siria-video/
*********************
Paul Joseph Watson is the editor and writer for Prison Planet.com. He is the author of Order Out Of Chaos. Watson is also a regular fill-in host for The Alex Jones Show and Infowars Nightly News.

Rothschild Spa 322 NWO, AIPAC 666 parassiti usurai - è inutile che strepitate, voi dovete venire con me, nel deserto saudita, tra i rettili come voi!

my JHWH holy - io ti sono debitore del mio lavoro estenuante, per riscattare il sangue innocente di tutti i martiri innocenti, della storia di tutto il Genere Umano, e per dimostrare ai martiri, e a tutti i Popoli, che il loro sangue innocente sulla terra non è caduto inutilmente.
Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino shariah sulla fronte
===================
IL SATANISMO DELLA SHARIAH
io ho donato ad un martire cristiano pakistano 250 euro, DOVE, il Pakistan UNA RAGAZZA CRISTIANA di 14 anni è STATA STUPRATA NELLA CASERMA DELLA POLIZIA, e dove vengono calunniati ed uccisi per blasfemia, e quindi LORO NON SI RIVOLGEREBBERO MAI AGLI INQUIRENTI PAKISTANI.. Il mio amico, in realta, è stato derubato di 2000 euro, da truffatori, che con wester Union hanno preteso inoltro del denaro prima in India e poi, in Sud Africa.. inoltro di denaro, che è stato reso possibile, utilizzando unicamente un amico del Barein ... TUTTO QUESTO è AVVENUTO CON LA MILLANTATA SPERANZA di poter andare a lavorare in Canada.. ma, anche Interpol non mi ha risposto, FORSE RISPONDEREBBERO A VOI.. PER LA VOSTRA BUONA AZIONE DI PASQUA? io non ho nulla da pretendere dal vostro servizio come un atto dovuto...
di tutta questa disavventura io ho la documentazione elettronica
se, la Interpol non volesse ignorare anche il vostro impegno caritativo e oblativo..

se poi noi vogliamo mandare al diavolo il denaro di 2000 dollari circa, che è stato rubato al nosto amico pakistano, e per il quale lui si è indebitato con la sua famiglia...
 in realtà quello che è importante per lui è di venire a lavorare in Italia
per uscire dall'inferno islamico di oppressione angoscia, violazione, deprivazione, sfruttamento che sono uno stato reale di schiavitù
se, voi conoscete un posto di lavoro per lui
per realizzare questa colletta io offro 250 euro

la ideologia si serve di considerazioni storiche distorte, come "Governo Mondiale Ebraico", o come "protocolli anziani di SION" ma, la mia metafisica è così semplice e perfetta, che non ha bisogno del dato religioso o del dato storico, ECCO PERCHé IO SONO LA FRATELLANZA UNIVERSALE, io non ho bisogno di deportare le persone, di contendere sfere di influenza, perché ogni persona del pianeta ha gli stessi diritti e gli stessi doveri, quindi io rimuoverò soltanto gli impedimenti a questo diritto universale alla uguaglianza, ed al pari accesso a beni e servizi! NON SO CHE FARMENE DELLA IDEOLOGIA DELLA STORIA O DI UNA QUALCHE VISIONE RELIGIOSA DELLA VITA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH IE, SAUDI ARABIA AGENDA - tu preferisci i confini del 1967, oppure tu preferisci avere tutta la Palestina? OK! IO TI DO TUTTA LA PALESTINA, E TU MI DAI IL DESERTO DELLA MADIANA ED IL DESERTO EGIZIANO.. perché, quando tu avrai condannato la shariah, poi, vivere con i musulmani sarà una vera felicità di amore!
e se, i Farisei Rothschild Spa, saranno costretti a ritornare.. E LORO CERTAMENTE VERRANNO, SONO COSTRETTI A VENIRE, poi, anche il "signoraggio bancario" che è il potere dei satanisti crollerà! Quindi come crollerà il califfato mondiale, poi, anche il Nuovo Ordine Mondiale crollerà, perché io sono la FRATELLANZA UNIVERSALE

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - non è con la violenza che, l'ISLAM potrà conquistare il mondo! .. tu usi una tecnica medioevale, quando non esistono più i crociati.. perché, i satanisti massoni, FARISEI USURAI VAMPIRI SPA 322 rOTHSCHILD, sono felici del lavoro di satana che tu stai facendo! MA, non è facendo il male a persone innocenti che qualcuno potrebbe sperare di entrare in Paradiso.. ecco perché Il TUO CORANO è "LA MERDA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - se, tu credi che facendo uccidere i martiri cristiani, tu puoi riuscire a fermare i satanisti massoni farisei bildenberg? poi, tu sei uno scemo, che lui cerca di spegnere un fuoco, utilizzando la benzina.. perché durante la guerra mondiale? non potrebbe pù esistere una proporzione quantitaiva circa il numero dei cadaveri.. e quello che tu farai? sarà quello di fare condannare l'ISLAM su tutto il pianeta!

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - e che 666 youtube, lui mi ha cancellato molti video, in ShalomGerusalemme, che difendevano i palestinesi! ma, io ho fiducia che diversi video di difesa dei palestinesi devono esserci ancora

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - io non ho mai condiviso nulla di ogni violenza, che i satanisti americani hanno fatto contro poveri musulmani innocenti! TU INVECE ISTIGHI AD UCCIDERE I CRISTIANI INNOCENTI, PER ESSERE TUTTI GLI ISLAMICI SULLO STESSO LIVELLO DEI FARISEI SATANISTI ENLIGHTENed, 322 BUSH E ROTHSCHILD il vampiro, I TUOI SOSTENITORI E FINANZIATORI! TU CON TUTTI GLI ISLAMICI SHARIAH? TU  SEI LA ABOMINAZIONE! ... non ci potrebbe mai essere per voi una speranza in Paradiso! Io non avrei nessun motivo di contrastare i palestinesi se la shariah fosse condannata.. perché come è documentato: da molti video in ShalomGerusalemme, io in passato, io ho sempre difeso i palestinesi!

Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino sulla fronte )
 



Giornale del Popolo Edizione del 04/04/2002

PERSECUZIONI

- La drammatica testimonianza di un vescovo: "I cristiani vengono crocifissi e poi assassinati"
I silenzi dell'Occidente uccidono il Sudan
Schiavitù, minacce di morte, uccisioni, milioni di profughi. E il silenzio dei mass media che tacciono sulla situazione della popolazione del Sudan, "venduta e tradita dall'Occidente".

L'unica voce che si alza è quella dei vescovi, che restano però inascoltati.

Thomas Koetter, giornalista presso l'opera caritativa internazionale "Aiuto alla Chiesa che soffre" ha incontrato nella sede di Könisgstein, in Germania, monsignor Macram Max Gassis, vescovo di El Obeid, in Sudan, che ha raccontato questa drammatica testimonianza.

Monsignor Gassis, corrispondono a verità le informazioni sulla persecuzione dei cristiani che ci giungono dal suo Paese?

"Purtroppo sì. Le persecuzioni in Sudan avvengono sia per motivi religiosi che etnici. E principalmente sono dirette alla popolazione africana, non solo a quella del sud, ma a quella di tutto il Paese".

Si sente anche parlare di schiavismo. "La schiavitù esiste davvero. I nostri bambini vengono portati via a forza dai soldati islamici che devastano interi villaggi, mettendo a ferro e a fuoco tutto quanto incontrano sul loro cammino e si portano via i bambini con il tacito assenso del governo di Khartum. In questa loro guerra che chiamano "santa" le persone vengono trattate alle stregua di un bottino di guerra, del quale disporre come meglio si crede.

I bambini vengono radunati come bestiame e come bestiame vengono marchiati perché il loro "padroni" possano riconoscerli, nel caso venisse loro in mente di fuggire. Per le ragazze il destino non è migliore.

Spesso vengono strappate alle loro famiglie, violentate e messe in cinta dai loro aguzzini.

Anche l'infibulazione è un modo fisicamente e psicologicamente crudele attraverso cui i fondamentalisti segnano le donne: "appartenete all'Islam, per questo motivo occorre che sottostiate a questa pratica". Perfino il precedente primo ministro sudanese Sadek al-Mahdi ha confermato queste terribili realtà".

Nel 1999 fecero molto rumore anche in Occidente le minacce di crocifissione giunte al sacerdote cattolico Hilary Boma. "Aiuto alla Chiesa che soffre" e altre organizzazioni internazionali si mobilitarono allora con successo per la sua liberazione.

Da allora ha sentito di altre minacce di questo tipo all'indirizzo di sacerdoti cattolici? "Uno dei miei catechisti fu minacciato dai fondamentalisti arabi.

Gli ingiunsero di convertirsi all'Islam e quando egli si rifiutò, dopo averlo torturato, lo hanno crocifisso.

Sopravvisse e continuò a lavorare come giudice di pace nel suo villaggio. Due mesi fa lo hanno assassinato".
Anche lei subisce minacce e persecuzioni?

"Sì. Il solo fatto che io adesso non possa stare nella mia diocesi, nella mia Chiesa, in mezzo alla mia gente, mi fa capire quello che significa essere un rifugiato.

Io non soffro lo stesso tipo di persecuzione di gran parte del mio popolo, ma ho chiara, dentro di me, la percezione di quello che esso sta subendo".

Perché dinnanzi a tanto orrore il mondo tace? Perché nessuno alza la voce in favore di queste vittime innocenti?

"I motivi sono diversi. Da un lato il regime di Khartum è molto abile nel tenere lontani i mass media dalla terribile realtà che il nostro Paese sta vivendo. Inoltre, occorre anche dire che ai mass media interessa prevalentemente il fatto sensazionale: a loro interessa il numero dei morti. Il conflitto in Sudan raramente conosce picchi di sensazionali, si tratta di una violenza continua, che si protrae nel tempo.

Dall'inizio della guerra civile contiamo due milioni di morti e cinque milioni di profughi, e nessuno ne parla.

Quando il regime fece dipendere la fornitura di aiuti alimentari dal fatto che la popolazione abdicasse alla propria religione, facendosi arabizzare e islamizzare, i media hanno taciuto.

E quando noi, vescovi cattolici, abbiamo lanciato un SOS per via della minaccia di una carestia, la comunità internazionale non si è mossa. Quando poi decise di intervenire, la carestia era ormai conclamata e la catastrofe si era già consumata.

Dov'erano i mass media in quella circostanza?

Perché qualcosa si muova, occorre che la situazione in un Paese venga seguita nel tempo.

La tenacia con cui viene seguito il conflitto israelo-palestinese o a suo tempo l'apartheid in Sudafrica, portano e hanno portato molto alle popolazioni coinvolte. Perché una simile attenzione non è possibile anche per il Sudan?"



Sudan

POPOLAZIONE: 32.594.000
RELIGIONE: islam 73%; animisti 16.7%; cristiani 8.2%
Cattolici: 2.958.467
Diocesi: Juba - 418.663; Malakal - 43.500; Rumbek - 49.000; Tomboura-Yambio - 215.316; Torit - 456.000; Wau - 620.000; Yei - 167.360; Khartoum - 876.828; El Obeid - 105.000; Siri: Territorio dipendente dal Patriarca di Antiochia dei Siri, in quanto non costituito in circoscrizione ecclesiastica - 300; Greco-Melkiti - Territorio dipendente dall'Esarcato patrarcale di Le Caire dei Greco-Melkiti (Egitto e Sudan) - 6.500

Pur essendo formalmente una repubblica, il Sudan è a tutti gli effetti un regime militare: dal 1969 fino alla fine degli anni Ottanta nel Paese si sono susseguiti vari colpi di Stato. L'attuale regime è retto dal generale Omar Hassan el-Bechir.

Il Sudan riceve consistenti aiuti e forniture militari (il materiale bellico è di provenienza cinese) dai Paesi arabi, soprattutto dall'Iran. Il Sudan aderisce all'Organizzazione della conferenza islamica ed ha instaurato dal 1993-1994 stretti rapporti politici e commerciali con l'Iran.

Non va trascurato, tuttavia, che nel 1996 il Sudan ha aderito, insieme a Gibuti, Eritrea, Etiopia, Kenya, Uganda e Somalia all'IGAD (Inter Governmental Authority for the Development), una comunità politico-economica che, nonostante divisioni e contrasti che perdurano tra i suoi membri (si veda il recente conflitto tra Eritrea ed Etiopia), si avvia ad assumere un ruolo strategicamente fondamentale in questo delicato settore geo-politico.

 Secondo alcuni commentatori il "nocciolo duro" dell'IGAD sarebbe costituito da leader politici, come Meles Zenawi, presidente dell'Etiopia, e Yoweri Museveni leader dell'Uganda che hanno negli USA il loro referente principale.

Nella sua espansione verso sud, verso "il Paese dei neri" (bilâd as-sûdan), l'islam incontrò sin dall'inizio la tenace resistenza dei regni cristiani di Nubia: Nobatia, Makurria e Alwa, i quali riuscirono ad arginare l'avanzata islamica fino alla fine del XII secolo.

Con la caduta di Dongola nel 1317 cominciò il processo di islamizzazione della valle del Nilo, ma solo nel 1505 cadde l'ultimo dei regni cristiani di Nubia.

Solo l'Etiopia, grazie all'intervento nel 1543 di una spedizione portoghese, riuscì a resistere e a conservare la sua indipendenza politica e religiosa.

Dunque, la presenza cristiana nelle terre che oggi corrispondono allo Stato sudanese è di antica data e costituisce un elemento prezioso dell'identità culturale di una parte consistente di quella popolazione, essendo radicata ancora tra i cristiani, presenti soprattutto nella zona meridionale del Sudan, nonostante le persecuzioni e i tentativi di acculturazione che i cristiani hanno affrontato.

Le radici dell'attuale conflitto religioso in Sudan risalgono quindi a tempi lontani e certamente vi si sovrappone anche la secolare rivalità delle diverse etnie (non va dimenticato in questo senso il ruolo dei mercanti islamici nella tratta degli schiavi) che si trovano oggi a convivere in una nazione che è il frutto di un disegno arbitrario, di un affrettata decolonizzazione e della scarsa lungimiranza delle nuove "classi dirigenti".

Una storia complessa e turbolenta, quindi, fa da sfondo al conflitto attuale, che ha assunto l'aspetto di una vera e propria guerra civile, con il Paese, di fatto, diviso a metà: il nord controllato dal governo e fortemente islamizzato, il sud controllato dalle forze ribelli.

Una tappa importante della tragedia attuale va individuata nell'introduzione, nel 1983, della legge islamica (la shari'a), che ha scatenato l'insurrezione del sud, animista e cristiano, e che ha dato il via a una sanguinosa guerra civile non ancora conclusa. Nel 1994 il regime sudanese attraverso il Missionary Act ha di fatto proibito ogni forma di proselitismo non islamico ed equiparato la Chiesa ad Organizzazione Non Governativa straniera.

In generale la linea di condotta di governo del Fronte Nazionale islamico, tesa a un'assimilazione culturale (islamizzazione) e linguistica (arabizzazione) delle popolazioni del sud, non riesce ad avere ragione dei ribelli e, allo stesso tempo, spinge il Sudan a un isolamento sempre maggiore nel contesto internazionale.

Dopo quindici anni di guerra (che ha già fatto più di due milioni di morti e provocato enormi devastazioni), il fallimento degli ultimi tentativi di accordo dell'ottobre del '97 e la presente carestia, il Paese appare in una situazione di gravissima necessità.

La principale forza di opposizione politica del Paese è costituita dall'Alleanza Nazionale Democratica (NDA), che comprende sia alcuni settori della guerriglia, sia i partiti musulmani moderati, aboliti nel 1989. Diversi sono stati i tentativi di raggiungere un accordo: recentemente a Nairobi, con la mediazione dell'IGAD sono stati avviati colloqui tra il NDA e il governo sudanese, ma allo stato attuale la guerra continua.

 Nell'estate del 1998 lo SPLA (il Esercito di Liberazione del Popolo Sudanese) ha proclamato un cessate il fuoco unilaterale della durata di tre mesi, a causa delle gravissime condizioni dei profughi di guerra e per consentire l'invio di aiuti umanitari.

Il direttore dell'agenzia di stampa "Misna", padre Giulio Albanese, comboniano, in un'intervista al mensile "Inside the Vatican" del novembre 1998, fornisce gli elementi di giudizio per comprendere l'atteggiamento dei musulmani sudanesi nei confronti degli "infedeli": "le 'religioni del Libro', cioè il cristianesimo e l'ebraismo, sono tollerate, se i loro appartenenti acconsentono alla sottomissione alla legge musulmana.

Non è loro concesso fare opera di proselitismo o svolgere attività di culto in pubblico", afferma p. Albanese, che prosegue: "La maggioranza degli abitanti del Sud è animista, vale a dire che segue una religione legata alla natura. Costoro sono considerati 'pagani' o 'infedeli' dai musulmani, cioè senza anima, alla stregua di cani o di altri animali.

In altre parole, i governanti del Nord disprezzano i 'selvaggi' del Sud come indegni di fare appello ai 'diritti umani'. Per fare un esempio, nella versione ufficiale sudanese della 'Carta dei diritti dell'Uomo', la parola 'persona' è tradotta come 'musulmano'.

I musulmani sudanesi affermano 'apertis verbis': 'Riconosciamo la Carta dei diritti dell'Uomo - ma per i musulmani'.

 Questo giustifica i massacri, le torture e altre atrocità inflitte dai musulmani del Nord agli abitanti del Sud e ai profughi del Sud nelle periferie urbane.

Perciò il conflitto non vede opposti il cristianesimo e l'islam, ma la cultura islamica del Nord e quella nera e animista del Sud".
Un articolo di Alison Parker, Background to the conflict in Sudan, in "Servir" dell'8 dicembre 1996, ricorda alcuni dei casi più gravi di persecuzione religiosa verificatisi in Sudan negli anni precedenti il 1995:
- nel dicembre del 1994 un sacerdote cattolico italiano è stato percosso perché in possesso di vino per la comunione;
-          il 5 dicembre 1994 l'Arcivescovo Mazzolari della diocesi di Rumbek ha denunciato il caso di quattro catechisti fustigati e poi crocifissi per aver rifiutato di riconvertirsi all'islam, fede che avevano abbandonato vent'anni prima.
-          Secondo padre Joseph Bragotti dei missionari comboniani la responsabilità di tali uccisioni sarebbe da attribuire alle forze di sicurezza del governo.

Dall'inizio degli anni Novanta il governo sudanese ha adottato la politica di rapire i bambini di etnia Toposa e di internarli in un campo a Quarint-Hanan, con il pretesto di educarli e di averne cura. In realtà questi bambini vengono indottrinati attraverso un programma di islamizzazione. Alcuni sono stati deportati in Libia, in Ciad o in Arabia Saudita, altri sono stati obbligati a lavorare in fattorie, altri ancora dopo aver ricevuto un addestramento militare sono stati inviati al fronte nel Sud.
Dal 1991 Padre Mark Lotede, lui stesso di etnia Toposa, ha cominciato a denunciare tale politica: alcuni giovani, evasi dal campo ove erano internati, sono stati accolti da padre Lotede e iscritti nelle scuole della diocesi di Juba.

Il governo non deve aver apprezzato l'iniziativa del sacerdote che è stato più volte minacciato, sottoposto a vessazioni, interrogatori e arresti ingiustificati. Alla fine del 1995 padre Lotede viene nuovamente arrestato insieme ad altri.

Questo arresto è stato alla base di una montatura organizzata dal regime islamista sudanese per screditare la Chiesa cattolica (cfr. France Catholique 1° marzo 1996).

Vittima principale è il nunzio apostolico Mons. Erwin Ender, il quale viene invitato con l'inganno ad assistere alla liberazione, sollecitata dalla pressione internazionale, di padre Lotede e di altri due religiosi.

In realtà mons. Ender è costretto ad assistere, alla presenza della televisione, alla confessione, evidentemente estorta, di padre Lotede, il quale ha confessato, in quella circostanza, di aver partecipato a un piano sovversivo e di aver progettato il "bombardamento di installazioni strategiche a Juba".

La strategia di diffamazione messa in opera dal regime appare del tutto simile a quella praticata soprattutto dai regimi marxisti (mons. Ender nella sua lettera di protesta al governo sudanese ha ricordato "gli anni più neri del regime comunista nella Germania Est"). Essa costituisce un espediente propagandistico al quale i Paesi totalitari hanno fatto spesso ricorso nella storia recente: si pensi al Vietnam, alla Cina o, più di recente, all'Iraq.
Nel gennaio del 1995 Amnesty International ha accusato il governo sudanese e i ribelli del Sud di violazioni aperte dei diritti umani.

Il Segretario Generale di Amnesty International, Pierre Sane invocando l'apertura di negoziati, ha denunciato tuttavia il pericolo che la comunità mondiale diventi connivente rispetto a una situazione in progressivo peggioramento.

Weltkirche del febbraio 1996 informa che il Vescovo Paride Taban della diocesi di Torit nel sud nel Paese in un messaggio rivolto ai cristiani del Sudan ha ricordato i casi di alcuni fedeli che hanno saputo affrontare dure persecuzioni: nella parrocchia di Kapocta sei o sette catechisti, che sono stati imprigionati o torturati, hanno continuato a insegnare e a pregare anche nelle loro celle.

Due sacerdoti sono stati torturati a Juba e Khartum, mentre il Vescovo di Juba è stato messo in prigione.
L'agenzia "ANB-NIA" del 15 marzo 1996 riporta diverse testimonianze che confermano la pratica dello schiavismo, soprattutto di bambini, attuato in Sudan soprattutto contro le popolazioni cristiane del sud.
James Pareng Alier è uno di questi bambini: aveva solo dodici anni quando fu rapito nel sud del Paese, in seguito a un attacco contro un villaggio vicino tenuto dai ribelli. "L'esercito ci ha portati ad un campo chiamato Khalwa, vicino Khartum.

Poi dopo due mesi fummo trasferiti in un campo a Fao, nel Sudan dell'Est. Questo campo era diretto dalla Dawa islamiyaa (un'organizzazione per la diffusione dell'islam). Io sono stato costretto ad apprendere il Corano e ribattezzato Ahmed.

Loro mi hanno detto che il cristianesimo è una religione cattiva.

Dopo un certo tempo siamo stati addestrati militarmente e ci hanno detto che saremmo andati a combattere".

James non sa più dove sia la sua famiglia; ha potuto scappare perché una delegazione delle Nazioni Unite aveva ottenuto il permesso di visitare il campo dove era detenuto. Dopo una detenzione di più di un anno è stato liberato e ha potuto raggiungere alcuni parenti a Khartum.

La pratica della deportazione, dello schiavismo e della tratta dei minori è confermata da numerosi testimoni, come il giornalista inglese David Orr, o l'ex ufficiale di polizia David Majur Mamur, ora membro attivo dell'associazione Prokid, dedita alla difesa dei bambini rapiti.

Secondo Gaspar Biro, delle Nazioni Unite, da una ricerca effettuata nel 1995 in venti campi delle regioni del Kordofan e dei Monti Nuba risulta che in questi campi 9.034 bambini sono detenuti e subiscono un indottrinamento islamico.

Padre Sesana Kzito, un missionario comboniano che conosce bene la situazione del Sudan, dopo aver visitato la regione Heiban dei Monti Nuba, controllata dalle forze ribelli dell'SPLA, e aver incontrato alcuni membri della Chiesa locale ha confermato la gravissima situazione in cui versano gli abitanti della regione, minacciati dalla politica del governo sudanese "vicina alla pulizia etnica".

In particolare nel rapporto di padre Kzito si fa riferimento ai campi di lavoro istituiti dal governo come a veri e propri "campi di concentramento", di cui dà notizia France Catholique del 1° marzo 1996.

Le truppe governative, in seguito a un combattimento con i ribelli avvenuto nella regione dei Monti Nuba nel quale avevano avuto la peggio, hanno saccheggiato e distrutto per rappresaglia alcuni villaggi vicini.

In seguito i soldati governativi hanno profanato la chiesa cattolica locale.
La questione dei diritti umani in Sudan è stata al centro dei lavori di una tavola rotonda tenutasi il 14 ottobre del 1996 a Parigi presso l'Assemblea Nazionale.

In tale occasione il portavoce della Commissione per i Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite, Gaspar Biro, ha puntualizzato il fatto che le vittime principali delle violazioni dei diritti dell'uomo sono costituite dalle minoranze razziali e religiose, i gruppi e le comunità che vivono nel Sudan meridionale.

"Nel Sudan - ha precisato il funzionario delle Nazioni Unite - tutta la gamma dei diritti dell'uomo universalmente riconosciuti è stata violata: esecuzioni sommarie, arresti arbitrari, detenzioni senza processo, torture sistematiche, schiavismo e traffico di schiavi, violazioni dei diritti dei bambini e delle donne, persecuzioni religiose e conversioni forzate all'islam".

Tra le pratiche più odiose vi è quella delle violenze sui bambini e sulle donne: a Khartum e nelle altre città del Nord la Polizia e le Forze di Sicurezza effettuano periodicamente delle retate per catturare bambini e adolescenti che vivono nei campi profughi (circa il 95 per cento di costoro appartiene alle etnie meridionali). Le donne sono utilizzate come concubine, a volte scelte come spose, spesso costrette a lavorare nelle case degli ufficiali.
La scuola cristiana di Dorusnab, un centro per rifugiati situato alla periferia di Khartum Nord, è stata mezza distrutta su ordine del governo. I fatti si sono svolti il 7 dicembre 1996. Numerosi rappresentanti del Comitato per la pianificazione si sono presentati davanti gli edifici della scuola, accompagnati da bulldozer e uomini armati dell'esercito e della polizia. Senza presentare alcun mandato hanno proceduto alla distruzione del muro di cinta, della sala professori e del magazzino.
Un gruppo di 64 bambini, secondo l'organizzazione per i diritti dell'uomo SOHR, è stato rapito dai villaggi del sud-Sudan dai soldati dell'esercito sudanese. Molti di loro, informa la KNA di gennaio-febbraio 1997, sono stati dati come regalo agli arabi e agli afgani. L'inviato speciale della UNO-Sonder in Sudan, Gaspar Biro, è stato bandito dal Paese dopo un breve soggiorno. I motivi sono sconosciuti. Il generale Ibrahim, che ha incontrato a Khartum, aveva detto di non poter garantire per la sua sicurezza. Secondo le notizie provenienti dalla regione di Kordofa, sono circa 3.000 i civili rapiti e ridotti in schiavitù. "Fides", dell'8 maggio 1998, rende noto che oltre mille bambini sono stati ridotti in schiavitù dalle milizie mujahidin, considerati come bottino di guerra insieme al bestiame razziato nei villaggi del Sud, dove tali milizie sono impiegate nella lotta contro i ribelli. Il destino di questi bambini, in maggioranza sotto i dodici anni, è quello di essere venduti nei mercati arabi o medio-orientali. La notizia proviene da fonti delle regioni centrali del Sudan, che hanno osservato il gruppo di soldati e schiavi bambini proveniente da Abyei.
"Fides" del 21 marzo 1997 informa che in Sudan continuano le discriminazioni contro i cristiani: non vengono infatti concesse autorizzazioni per le riunioni di preghiera e sono sistematicamente negati i permessi per i luoghi di culto.

Le autorità locali hanno ordinato la distruzione di capanne di paglia utilizzate dai cristiani per la preghiera domenicale tra i baraccati di Abu Zabad, Rokab, Abu Ajura e Abu Sallala.

Le autorità continuano a proibire i raduni di preghiera, sia nei luoghi di proprietà della Chiesa, pur approvati per le attività sociali, che nelle case private.

 Nell'ultimo anno i catechisti di Fula, Dallami e Um Dureim sono stati arrestati varie volte per aver organizzato la preghiera domenicale.

Nei cosiddetti "campi della pace" (veri e propri campi di concentramento) per gli sfollati del Sud Dar Fur, ai cristiani è stato proibito di radunarsi in preghiera e i catechisti che organizzavano i raduni sono stati imprigionati.

Davanti alle demolizioni sistematiche delle chiese, dei luoghi di preghiera e delle scuole cattoliche nei sobborghi di Khartum, dove sono ospitati rifugiati cristiani del Sud del Paese, l'Arcivescovo di Khartum Gabriel Zubeir Wako e il suo ausiliare Daniel Adwork nell'aprile del 1997 hanno inviato al governo sudanese una lettera cortese, ma estremamente ferma, per protestare contro tali atti contrari agli accordi stabiliti, soprattutto in occasione della visita di Papa Giovanni Paolo II, e ribaditi dalle autorità in diverse occasioni pubbliche. Nella lettera in questione si denunciavano questi fatti:
Il 31 marzo 1997, giorno in cui cadeva il lunedì di Pasqua, un bulldozer accompagnato da poliziotti armati ha distrutto il Centro Polivalente e di Preghiera di Tereya (Kalakla).

Il giorno successivo, la stessa squadra di demolizione prendeva di mira il Centro cattolico di Kalakla Gubba e Wad'Amara. Solo l'iniziativa delle comunità cristiane dei due centri ne ha impedito la distruzione: i membri delle comunità hanno infatti anticipato la demolizione, provvedendo all'occupazione delle zone e bloccando la via ai bulldozer.

Il 7 aprile, il giornale "AlWan" riferiva ciò che era accaduto a Tereya come la "distruzione di Chiese non pianificate" allo scopo di giustificare la demolizione.

In realtà ciò che era stato distrutto era un Centro Polivalente, dove i cristiani pregavano e svolgevano le loro attività religiose e di istruzione.

Già il 7 e il 29 Dicembre 1996 era accaduto che il Centro cattolico di Dorusha'ab (Khartum Nord) venisse raso al suolo con la forza. Il 19 luglio 1997, non tenendo in alcun conto le richieste provenienti dai cristiani, per ordine del governo si è provveduto a distruggere una scuola cattolica a Jebel Awlia, a 50 km dalla capitale.

La scuola sorgeva in un campo di profughi, su un terreno di proprietà del vescovo di Khartum ed era entrata in funzione con l'approvazione e sotto il controllo del Ministero dell'Educazione del Sudan.

Dal 1994 tra 75 e 100 sono stati i centri polivalenti distrutti nella periferia della città, sotto il pretesto della "pianificazione urbanistica", mentre sono stati negati tutti i permessi per la loro ricostruzione.

Questi centri, costituiti da capanne di rami furono installati a partire dal 1985 per ospitare i rifugiati della guerra civile: erano utilizzati durante il giorno come giardini di infanzia e scuole per giovani dai 5 ai 15 anni, mentre alla sera ospitavano corsi di alfabetizzazione e di apprendistato per gli adulti.

La domenica diventavano centri di preghiera.

"Kathpress" del 9 ottobre 1997 riporta le proteste dell'organizzazione per i diritti dell'uomo "Solidarietà Cristiana" contro la distruzione attuata tramite i bulldozer di un'altra Chiesa cattolica nella regione di Khartum.

La scuola, "Zagalona 2" a Omdurmann era stata sistemata dalla Chiesa cattolica per accogliere i bambini profughi del Sud ed era frequentata da 413 bambini come asilo e scuola.
Fin dall'inizio del secolo i Nuba erano stati considerati musulmani, ma con l'indipendenza del Sudan le cose cambiarono.

Padre Renato Kizito Sesana, ne dà questo resoconto nell'ottobre del 1997 a "CSI", poiché: "la gente era sempre poca perché una tattica del regime di Khartum era quella di prendersi tutte le persone in grado di lavorare, i comboniani decisero di andare a lavorare presso altre parrocchie dove poteva esserci più seguito.

All'inizio degli anni 80 il regime cominciò a soffocare i Nuba sempre di più, e proibì qualsiasi presenza straniera. I missionari andavano raramente nelle montagne dei Nuba, alla fine degli anni 70 c'erano circa 200 cattolici.

Ma fra di loro c'era qualcuno che aveva le qualità del capo e che ha portato avanti il nostro credo, soprattutto negli anni della guerra. Quando tornai nel 95 c'erano centinaia di cristiani, i più battezzati e con nuovi catechisti.

La tolleranza fa parte della cultura e delle tradizioni dei Nuba. Mi sentii commosso quando l'imam del luogo mi venne a salutare e quando gli dissi che stavo andando a celebrare una Messa nel villaggio mi rispose: "conosco il nostro Dio e verrei volentieri a pregare insieme ai miei amici cattolici".
Suor Doreen, religiosa irlandese, lavora da sei anni in Sudan, di cui quattro a servizio dei rifugiati "in un campo situato nella giungla e circondato da montagne che fungono da protezione contro gli attacchi aerei".

Suor Doreen è testimone, in un'intervista ad "Africa St.Patrick's Missions" (luglio-agosto 1997), degli effetti terribili della guerra sui giovanissimi: questi bambini, la maggior parte dei quali ha da tre a sei anni, hanno alle spalle delle storie terribili, delle esperienze spaventose. "Moltissimi - ha sottolineato suor Doreen - hanno assistito al massacro dei loro genitori, dei membri delle loro famiglie o di altri rifugiati".

La situazione è tale che spesso questi bambini vengono forzatamente arruolati da una delle fazioni ribelli, sottratti alla scuola e al recupero di una vita normale.

"Fides" del 9 gennaio e 13 febbraio 1998 rende noto che il governo sudanese ha confiscato il club cattolico di Khartum con un'azione di forza che ha visto impiegati soldati dell'esercito e uomini della sicurezza in assetto antisommossa.

Secondo la "Comboni Press" la confisca del club, che era il punto di riferimento delle famiglie e dei giovani cattolici, è solo l'ultimo atto di una escalation di violenze contro il centro, cominciate già nel 1992.

Agli inizi del mese di febbraio 1998, informa l'agenzia "Fides", in seguito ai violenti scontri avvenuti attorno a Wau, nei quali entrambe le fazioni si sono macchiate di efferatezze, gruppi di Mujahidin e Fertit (milizie musulmane filo-governative) si sono resi responsabili dell'uccisione indiscriminata di numerosi civili, donne e bambini; diverse testimonianze sono giunte a proposito del massacro di circa 600 persone nel villaggio di Marialbay.

La "CNS" riferisce che l'arcivescovo di Khartum Wako, in seguito a una lunga vicenda giudiziaria, viene arrestato il 1° maggio 1998 e tenuto in cella per alcune ore dopo che un tribunale aveva stabilito che la sua arcidiocesi era debitrice nei confronti di un mercante, tal Nasr Ed-Din, di una somma pari a più di 650.000 dollari.

L'arcivescovo è stato arrestato e alcune persone nella sua residenza sono state prese in custodia alle 8.30 del mattino.

Il rilascio di monsignor Wako è avvenuto alle ore 13.00, dopo la visita in prigione dell'arcivescovo Marco Brogi, Nunzio della Santa Sede. Il processo contro monsignor Wako è scaturito dall'accusa del mercante Nasr Ed-Din, presso il quale erano state acquistate dall'Arcidiocesi provviste (per una somma di circa 30.000 dollari) per le attività umanitarie in favore dei rifugiati. Il mercante, senza portare alcuna prova delle sue affermazioni, ha sostenuto di aver fornito merci per una somma molto più grande e di non essere stato pagato. La sentenza emessa dal tribunale civile ha stabilito che monsignor Wako avrebbe dovuto pagare una somma pari a 650mila dollari o andare in prigione.

"Christian Solidarity International-Suisse" informa che dal 1° al 10 giugno 1998 le forze armate del Fronte islamico Nazionale hanno lanciato diversi attacchi contro le popolazioni (in maggioranza cristiane) del distretto di Twic, a nord di Bahr El Ghazal. In tale circostanza, il 3 giugno, nel villaggio di Ayen le milizie islamiste hanno ucciso il diacono della Chiesa episcopale Abraham Yac Deng e ridotto in schiavitù Elizabeth Ading Deng e Abuk Goch, due fedeli della chiesa episcopale; due dei figli di Abuk Goch si trovano fra i 25 membri della comunità che sono stati portati via come schiavi.

I miliziani del Fronte islamico hanno saccheggiato la chiesa episcopale di Ayen: il parroco e un altro diacono sono scampati di poco alla morte. Altri attacchi, con uccisioni sommarie, distruzione di chiese e riduzione in schiavitù di donne e bambini, sono avvenute nei villaggi di Turalei e di Maper.

Padre Lino Sebit (30 anni, parroco di Hilla Mayo), padre Hillary Boma (56 anni Cancelliere arcidiocesano) e padre William Nilo, che è stato rilasciato dopo poche ore, sono stati arrestati dalle forze di sicurezza di Khartum il 28 luglio ed il 1° agosto 1998, con l'accusa di essere implicati negli attentati dinamitardi verificatesi il 30 giugno nella capitale. Secondo fonti della "Misna" l'accusa mossa ai sacerdoti va inserita nella campagna diffamatoria messa in atto da elementi vicini al fondamentalismo islamico del governo sudanese.

Le pessime condizioni fisiche di padre Boma (l'unico a poter essere visitato in carcere), insieme ad altri dati raccolti, farebbero pensare che i sacerdoti arrestati siano stati sottoposti a misure di coercizione molto dure, se non a vere e proprie torture.

Il Vescovo Ausiliario Mons. Adwok che ha visitato padre Boma mercoledì 9 settembre, ha dichiarato che il sacerdote sembra molto sofferente per la pressione alta e ha perso circa 20 chili; padre Boma ha riferito di aver visto l'altro sacerdote imprigionato solo una volta e di averlo trovato in cattivo stato, forse a causa di torture. Nessuna visita o colloquio è stato finora concesso a padre Sebit. L'arcivescovo di Khartum, mons. Wako e mons. Adwok hanno ribadito la loro convinzione sull'innocenza dei due sacerdoti e dunque sulla estraneità ai fatti loro imputati.

Intanto nei confronti dei due accusati e di altre diciotto persone si sta svolgendo un processo.
Notizie dell'agenzia di stampa "Misna" rendono noto dell'evacuazione di una missione cattolica nell'Equatoria occidentale (Sud Sudan).
Tre missionarie comboniane e un comboniano sono, infatti, stati trasferiti il 3 novembre, in aereo, dalla missione di Nzara (diocesi di Tombura-Yambio) alla base delle Nazioni Unite di Lokichogio nel Kenya settentrionale.

Suor Maddalena Vergis (italiana), suor Maria Eugenia Valle (italiana) e suor Ruiz Ana Maria Aguilar (messicana) e padre Alberto Eisman Torres Jesús (spagnolo) sono in buone condizioni.
La loro evacuazione è avvenuta a seguito delle scorribande di gruppi armati lungo la linea di confine che separa il Sudan dalla Repubblica Democratica del Congo; in particolare, risulta essere estremamente insicura la zona limitrofa alla missione.

Verso la metà di novembre 1998, il leader storico dell'Esercito di Liberazione del Popolo Sudanese, è scampato, insieme alla sua famiglia, a un attentato compiuto a Nairobi, in Kenya, a opera di un'altra fazione di ribelli del Sud Sudan che fa capo a Cherubino Quanyen, primo fondatore dell'SPLA.

L'episodio è avvenuto il 14 novembre, ma è stato riportato il giorno 17 dall'agenzia di stampa egiziana "Mena", che dà conto anche di notizie diffuse dalla stampa del Kenya, secondo le quali dodici uomini avevano attaccato l'abitazione di Garang, ma erano stati respinti dal servizio di sicurezza e dalla polizia locale.

Quanyen, fatto arrestare da Garang nel 1987 e disposto, secondo molte fonti, a riallacciare relazioni con il regime sudanese, potrebbe aver partecipato all'attentato e avrebbe successivamente chiesto asilo, insieme a tre dei suoi uomini, nell'ambasciata dello Zambia, dove avrebbe chiesto di abbandonare il Paese raggiungendo l'aeroporto di Kenyatta.

 La richiesta sarebbe però stata respinta e la polizia avrebbe arrestato molte persone. Come responsabili dell'accaduto, gli oppositori del regime sudanese riuniti sotto la sigla dell'Alleanza Nazionale Democratica (NDA) accusano, in un comunicato diffuso al Cairo dal loro portavoce Faruk Abu Issa, gli uomini del Fronte Islamico Nazionale (NIF), che sostiene il governo di Khartum.

Nella dichiarazione del NDA si afferma che Garang è un simbolo che incarna l'unità del Sudan e l'aspirazione dei sudanesi alla pace, alla democrazia e al rispetto dei diritti umani e che l'attentato di cui è stato vittima risponde alla mentalità del regime di Khartum.