Bashar al-Assad

Paolo Sensini e Oudai Ramadan

parlano della Siria per “Lo Sai” & “Radio MPA”


Ospiti della puntata:
- Ouday Ramadan “Soso”: cittadino italo-siriano, di fresco ritorno dalla Siria
- Paolo Sensini autore del libro Libia 2011 e membro della recente delegazione italiana in Siria
Conduce Marco Cuoco di “Radio MPA” con il supporto di Maurizio Spezia di “Lo Sai Milano”.
Published on 31 May 2012 by
URL at this page:
Evidence of the conspiracy against Syria أدلة وبراهين المؤامرة على سوريا Le prove del complotto contro la Siria




News

Evidence of the conspiracy against Syria أدلة وبراهين المؤامرة على سوريا Le prove del complotto contro la Siria

ALLERTA – Leader di al-Qaeda nello Yemen: “Gran movimento nella regione per trasferimento di miliziani di al-Qaeda dal sud-Yemen in Siria” ~ ALERT – Leader of al-Qaeda in Yemen: “Great movement in the region for transfer of al-Qaeda militants from South Yemen in Syria” ~ (ITA-ENG)

Tags
, , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
…e sarebbero questi 4 scalzacani a dover preoccupare l’Esercito Nazionale Siriano???
*
ESCLUSIVO IN LINGUA ITALIANA
Leader di al-Qaeda nello Yemen: “Gran movimento nella regione (Qatar-Arabia Saudita): trasferimento di miliziani di Al-Qaeda dallo Yemen in Siria”.
Uno dei più importanti leader di Al Qaeda nello Yemen, il capo tribale Tariq Fadli, ha rivelato di un accordo regionale che prevede il trasferimento di milizie di Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “i sostenitori della Sharia”) nello Yemen, dal sud dello Yemen in Siria.
Lui spiega dell’improvviso ritiro di queste milizie dal Governatorato di Abyan, dicendo  anche che non saranno ostacolati dalle forze armate dello Yemen e dell’Arabia Saudita durante il loro dislocamento.
Anche se non è stato esplicitamente detto quali siano le parti dell’accordo, possiamo essere automaticamente sicuri che esse sono il governo yemenita ed il Qatar, l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti.
Specialmente dopo che la stampa occidentale ha rivelato nei giorni scorsi che sembrava ci fosse un “ponte aereo”, finanziato dall’Arabia Saudita e Qatar, per spostare i “jihadisti”, da diverse regioni del mondo, nei loro campi d’addestramento stabiliti dalla CIA vicino a “Adana e Gaziantep”, due cittadine turche, in collaborazione con l’intelligence turca e con finanziamento saudita e qatariota.
Tareq al-Fadli
È il miglior rapporto storico di cooperazione che Tareq al-Fadli abbia mai avuto con i servizi di intelligence saudita, come è evidente dal suo “Curriculum Vitae Jihadistico”, e possiamo dedurlo da quello che sta accadendo.
Al-Fadli ha dichiarato, in un’intervista esclusiva con il giornale yemenita “Adan Al-Ghad”, dalla sua residenza in una zona montagnosa vicino alla città costiera di Shakra, del ritiro improvviso dei gruppi armati dalle città di Zanzibar e Giaar, nella provincia di Abyan, in seguito all’accordo raggiunto.
I miliziani di al-Qaeda saranno trasferiti in Siria con l’obiettivo di combattere accanto agli altri gruppi mercenari armati, compresi i gruppi legati ad Al-Qaeda, contro il popolo siriano”.
E sull’attività finanziaria che sta svolgendo l’Arabia Saudita, a destra e a manca, in favore dei gruppi oscurantisti Salafiti e jihadisti  wahabiti, al-Fadili ha risposto: “il Re dell’Arabia Saudita è libero di fare quello che vuole dei suoi dollari ed ha la facoltà di  regalare soldi a chi desidera, siano essi capi religiosi, o leader politici, o qualunque cosa essi siano”.
Ma al-Fadili è andato oltre, sostenendo che “l’Arabia Saudita ha il diritto di compiere bombardamenti aerei all’interno del territorio yemenita in caso di autodifesa”, affermazione che è definita dal giornale yemenita “Adan Al-Ghad” come “un riavvicinamento all’Arabia Saudita”.
Tareq al-Fadli e soci tagliagole
*
ENGLISH   ***   ENGLISH   ***  ENGLISH   ***  ENGLISH   ***  
Leader of al-Qaeda in Yemen: “Great movement in the region (Qatar-Saudi Arabia): transfer of militants of Al-Qaeda from Yemen to Syria.”
One of the most important leaders of Al Qaeda in Yemen, tribal leader Tariq Fadli, revealed a regional agreement that provides for the transfer of militias of Al-Qaeda (“Ansar al-Sharia’a”, “supporters of Sharia”) in Yemen, from the south of Yemen to Syria.
He explains the sudden withdrawal of these troops from Abyan governorate, saying even that will not be hindered by the armed forces of Yemen and Saudi Arabia during their displacement.
Although it was not explicitly said what the parties to the agreement are, we can be sure that they are automatically the Government of Yemen and Qatar, Saudi Arabia and the United States.
Especially after the Western media has revealed a few days ago that there seemed to be an “air bridge”, financed by Saudi Arabia and Qatar, to move the “jihadists”, from different regions of the world, in their training camps established by the CIA near “Adana and Gaziantep”, two towns in Turkey, in collaboration with the Turkish intelligence and Saudi and Qatari financing.
It’s the best historical relationship of cooperation that Tareq al-Fadli have ever had with the Saudi intelligence services, as is evident from his “Jihadistic Curriculum Vitae”, and we can deduce it from what is happening.
Al-Fadli said in an exclusive interview with the newspaper Yemeni “Adan Al-Ghad”, from his residence in a mountainous area near the coastal city of Shakra, the sudden withdrawal of armed groups from Zanzibar town and Giaar in Abyan province, following the agreement reached.
The militants of al-Qaeda will be transferred to Syria in order to fight alongside the other mercenaries armed groups, including groups linked to al-Qaeda, against the Syrian people”.
About the financial activity that is taking place Saudi Arabia, left and right, in favor of obscurantist groups Salafi and Wahhabi jihadis, al-Fadili said, “the King of Saudi Arabia is free to do whatever he wants of his dollars and has the right to give money to those who want to, whether they are religious leaders, or politicians, or whatever they are. “
But al-Fadili went further, claiming that “Saudi Arabia has the right to make air strikes inside Yemeni territory in self-defense”, a statement which is defined by the Yemeni newspaper “Adan Al-Ghad” as “a rapprochement with Saudi Arabia. “
*
al-Qaeda Killers – (Warning: bloody images)
*
Traduzione dall’arabo in lingua italiana e inglese a cura di WA & FFP
(ogni riproduzione è permessa se citando questo link e fonte)
YouTube

YouTube

590939 iscritti
68994390 visualizzazioni video

  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    1 secondo fa
    when Syria will come out of this ugly history of terrorism and Al Qaeda: will not need: to declare war: against: the Arab League? and this is only one of the 100 reasons that the IMF he has prepared: for destroying Israel! because the Illuminati Pharisees: they are terrified of having to return to Israel! So, you want to die? What are you waiting to raise the office of the King unius REI? quando la Siria uscirà da questa brutta storia di terrorismo: e di Al Quaeda: non avrà bisogno: di dichiarare: guerra contro: la Lega Araba? è questo è soltanto uno solo dei: 100 motivi: che il FMI: ha preparato: per fare distruggere Israele! perché, gli Illuminati farisei: loro sono terrorizzati all'idea di dover ritornare in Israele! Allora, voi volete morire? cosa aspettate a sollevare l'ufficio del Re Unius REI?
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    23 minuti fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Leader of al-Qaeda in Yemen: "Great movement in the region (Qatar-Saudi Arabia): transfer of militants of Al-Qaeda from Yemen to Syria." One of the most important leaders of Al Qaeda in Yemen, tribal leader Tariq Fadli, revealed a regional agreement that provides for the transfer of militias of Al-Qaeda ("Ansar al-Sharia'a", "supporters of Sharia") in Yemen, from the south of Yemen to Syria. He explains the sudden withdrawal of these troops from Abyan governorate, saying even that will not be hindered by the armed forces of Yemen and Saudi Arabia during their displacement.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    24 minuti fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Although it was not explicitly said what the parties to the agreement are, we can be sure that they are automatically the Government of Yemen and Qatar, Saudi Arabia and the United States. Especially after the Western media has revealed a few days ago that there seemed to be an "air bridge", financed by Saudi Arabia and Qatar, to move the "jihadists", from different regions of the world, in their training camps established by the CIA near "Adana and Gaziantep", two towns in Turkey, in collaboration with the Turkish intelligence and Saudi and Qatari financing. It's the best historical relationship of cooperation that Tareq al-Fadli have ever had with the Saudi intelligence services, as is evident from his "Jihadistic Curriculum Vitae", and we can deduce it from what is happening.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    24 minuti fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] Al-Fadli said in an exclusive interview with the newspaper Yemeni "Adan Al-Ghad", from his residence in a mountainous area near the coastal city of Shakra, the sudden withdrawal of armed groups from Zanzibar town and Giaar in Abyan province, following the agreement reached. The militants of al-Qaeda will be transferred to Syria in order to fight alongside the other mercenaries armed groups, including groups linked to al-Qaeda, against the Syrian people". About the financial activity that is taking place Saudi Arabia, left and right, in favor of obscurantist groups Salafi and Wahhabi jihadis, al-Fadili said, "the King of Saudi Arabia is free to do whatever he wants of his dollars and has the right to give money to those who want to,
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    24 minuti fa
    [all for imperialism saudi arabia: ie, kill all christians martyrs] whether they are religious leaders, or politicians, or whatever they are. " But al-Fadili went further, claiming that "Saudi Arabia has the right to make air strikes inside Yemeni territory in self-defense", a statement which is defined by the Yemeni newspaper "Adan Al-Ghad" as "a rapprochement with Saudi Arabia. " al-Qaeda Killers -- (Warning: bloody images) And ... would these 4 scalzacani have to worry about the Syrian National Army??
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    45 minuti fa
    yes, i am: in "salento"
  • ExecutionKiller
    ExecutionKiller ha pubblicato un commento
    47 minuti fa
    @ IMF666KillTubeStopME I see 1 of you video you go to a beach ???
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] NAVIN CHAWLA. AP Wherever she went, it was to her beloved Calcutta that Mother Teresa longed to return. The most succinct summing up of Mother Teresa's life and work remains, in my view, by the Chairman of the Nobel Committee Prof. John Sannes, in his speech at the Nobel Prize ceremony in Oslo in 1979. He said: "The hallmark of her work has been respect for the individual and the individual's worth and dignity. The loneliest and the most wretched, the dying destitute, the abandoned lepers, have all been received by her and her Sisters with warm compassion devoid of condescension, based on her reverence for Christ in man ... In her eyes, the person who, in the accepted sense, is the recipient, is also the giver and the one who gives the most,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] Giving — giving something of oneself — is what confers real joy, and the person who is allowed to give is the one who receives the most precious gift ... This is the life of Mother Teresa and her Sisters — a life of strict poverty and long days and nights of toil, a life that affords little room for other joys but the most precious." After the Award ceremony, typically, she refused the traditional banquet and instead asked the organisers to give her the money thus saved to feed 'her poor'. People were so moved by this simple gesture that even little children contributed their pocket money. In the process, she collected almost twice the Prize money. Clearly Mother Teresa was by now recognised as the world's foremost conscience keeper.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] This was a far cry from her early days. For almost 20 years, from 1929 to 1948, she remained an ordinary Loreto nun, teaching geography and catechism. Then on her famous train ride to Darjeeling in 1946, she received a Vision, an order as it were, that she was to leave the security and happiness of the Convent, and step into Calcutta's streets and slums to begin the 'real work'. In those days it was inconceivable for a simple nun, albeit by now the Principal of St. Mary's school to leave her convent, and that too with her vows intact. It seemed absurd to even try to secure permission. Yet, in one of those many miracles that marked her life, her voice reached the Vatican itself. Two years of prayers and persistence paid off when the Vatican gave her the permission to try.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] The next two years were those of great hardship. Imagine the Kolkata of 1948. The city which had not yet recovered from the Great Bengal Famine of 1941-42, when almost four million died and millions were rendered homeless. This was closely followed by the trauma of Partition which saw a million refugees additionally crowding every inch of space. Into this horror of deprivation stepped a small figure wearing a sari that cost a rupee, similar to those worn by the municipal sweepresses. She had no companion, no helper and no money to speak of. She had so far lived a secure life in the Convent and knew nothing of a large city's dangers. Although a voice in her cajoled her to return to the security of her convent,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] she instead stepped into the very slum that she used to see from her classroom window. She picked up a stick and started to write the Bengali alphabet on the ground. Soon a few curious children gathered, and a few more the next day. People recognised goodness when they saw it, someone donated a chair, then a blackboard and chalk. A few teachers began to volunteer their services, and soon her first school became a reality. Then, seeing so many sick around her, she began to beg for medicines from chemists, and was able to set up a tiny clinic. She walked miles each day till her body ached. She encountered humiliation. More than once she was to tell me that for us human beings the greatest fear is the fear of humiliation.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] In those early days of deprivation, she learned the lessons of being rejected, but also the generosity of spirit and goodness. She came to know that the very poor could more easily share their meagre bowls of rice than the rich, who were often reluctant to share at all. Within a few months, some of her Loreto pupils came out to join her Order, the Missionaries of Charity. Soon her little band of Sisters grew to 12. Now they began to be noticed, as they walked in pairs in their trademark white saris with blue borders. One of her earliest supporters was Dr. B.C. Roy, the legendary Chief Minister of West Bengal. In later years, the equally legendary Jyoti Basu lent her his shoulder. In the course of writing my biography of Mother Teresa, I asked him what he, a Communist and atheist,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] could possibly have in common with Mother Teresa, for whom God was everything. He replied: "We both share a love for the poor." By the time Mother Teresa died in 1997, she had set up arguably the world's largest humanitarian programme outside of a Government. She established a presence in 123 countries, creating hundreds of feeding centres, medical clinics, leprosy stations, AIDS hospices, primary schools, Shishu Bhawans for abandoned infants and shelters for the elderly destitute that benefited millions. Nor were all these in the poorer parts of the world. She opened hundreds of shelters in Europe, America and Australia for drug addicts, alcoholics and the destitute. She called the loneliness of Europe's large cities the "leprosy of the West".
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] I visited her homes for those dying of AIDS in the United States, and met with elderly cast-offs in her centres in Europe. I walked with her Sisters on a cold and wintry night under London's Waterloo Bridge, providing hot soup to people whose only home was a cardboard box the size of a coffin. I spent time in the soup kitchen in the Vatican, which she had persuaded Pope John Paul II to carve out near his grand Audience Chamber by persuading him that Rome's poor deserved at least one hot meal a day. Later, she would joke that her poor were the only people who could enter St. Peter's without a ticket!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] But wherever she went in the world, visiting her ashrams, and however much she pushed herself in spite of her growing pain, it was to her beloved Kolkata that she would long to return. Ultimately, it was in her little room in Motherhouse that she died, and lies buried in a simple grave in Motherhouse itself, which bears the epitaph. "Love one another as I have loved you." (Navin Chawla is a former Chief Election Commissioner of India and biographer of Mother Teresa. Today he commemorates Mother Teresa's 102nd birth anniversary.) navinbchawla@hotmail.com
  • GunsOfArmor
    GunsOfArmor ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    hey hey hey
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    horror Pakistan [against satanAllah in talmud of IMF 666] for example:. in the case of Asia Bibi? the Muslim women were jealous, because while they were ugly: Asia Bibi: instead, it was very nice! in fact, that poor woman? was raped repeatedly in prison!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [against satanAllah in talmud] the blasphemy law: makes it impossible to scientific research and thus makes impossible any scientific truth: about the story! In fact, everything is crystallized on the partisanship of men of religion! who in wickedness and cruelty? gave ample evidence of itself! but these are not the feelings of God! la legge sulla blasfemia: rende impossibile la ricerca scientifica: e quindi rende impossibile: ogni verità scientifica: circa la storia! infatti, tutto rimane cristallizzato sulla faziosità degli uomini della religione! i quali a malvagità e crudeltà? hanno dato ampia dimostrazione di se! ma, questi non sono i sentimenti di Dio!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi for 'planting' Koran pages. ANITA JOSHUA. The blasphemy case involving an 11-year-old girl with Down Syndrome took a curious turn that could end her ordeal when the police on Saturday evening arrested a cleric for allegedly planting pages of the Koran among burnt papers found in her possession. The cleric, Khalid Judoon Chishti, was produced before a magistrate on Sunday and sent to 14 days judicial remand. He was arrested after a witness in the case, Hafiz Zubair (a muezzin of the mosque where Maulvi Chishti leads the prayers) told a magistrate that he saw the prayer leader putting pages of the Koran in the polythene bag containing burnt papers that the accused, Rimsha Masih, was carrying.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] After Mr. Zubair made the statement before the magistrate, the police obtained a warrant for the Maulvi's arrest and went to the locality with a huge contingent to deal with any protests that may erupt while imprisoning him. He has now been booked under the blasphemy law, which provides for death sentence as he had desecrated the Koran by putting pages from it in a bag that contained ashes. To evict Christians. According to Mr. Zubair, the complainant — who had allegedly seen Ms. Masih burning the pages — had brought the packet to the mosque to show it to the Maulvi. The Maulvi, as per Mr. Zubair's statement, added some pages of the Koran to the packet to strengthen the case against the girl and facilitate the eviction of Christians from the slum cluster on the outskirts of the federal capital.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] Though there had been conflicting reports on the circumstances in which Ms. Masih was found with the burnt pages of the Koran, she was arrested under the blasphemy law over a fortnight ago and sent to the Adiala Jail amid protests from civil society. In fact, till date, versions differ on the contents of the pages found in her possession with some claiming they were from a primer used to teach children the scriptures. In view of the latest development in the case, civil society activists have stepped up their demand for the amendment of the blasphemy laws to avoid their misuse as is apparent in this instance. They recalled that this was exactly what assassinated Governor of Punjab Salman Taseer had been demanding.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    @to all Nations --> who is responsible, to stop the rise of unius REI, to condemn to death the whole human race? maybe you do not know: that, is the system Masonic: of banking seigniorage, which has essential needs, of wars to live? The architect of this system? is satan himself: in his Talmud and Kabbalah, to retain power at all costs: how to make the Holocaust against my Jewish people !
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    UniusRei3 posted a comment 4 hours ago Report spam [Against satanic IMF 666] -> soon, again Fill your mouth and your lips smile of joy. Your enemies saran covered with shame, and the tent of the wicked will be no more. AT Job 8, 21 While they were still near Jerusalem, Appeared as leader before them a knight on horseback, dressed in white and brandishing golden armor. All together they blessed God merciful and felt so Strengthened in heart, they were ready to attack not only men, but Also the most ferocious beasts, and the walls of iron. 2 Maccabees 11.08
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    king  Unius Rei posted a comment 4 hours ago Cain @ 666 IMF CIA -> I am a politician, I know my action is not religious in nature, but as has been amply Demonstrated: I demolish the kingdom of Satan, in a supernatural way! That's why there are too many, of Those Who Hurt Themselves will! I want to remember ... That Yhwh, having freed the people from the land of Egypt, wiped out at a later time, Those who disbelieved, and put in custody, with chains in the darkness of hell, Those angels who were unable to 'maintain Their primeval dignity ... Judah 1, 5
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    and to you, That you are now afflicted, relief along with us When we manifest the Lord Jesus from heaven with his mighty angels , in flaming fire taking vengeance on Those who do not know God and do not obey the gospel of our Lord Jesus Who Shall be punished with eternal destruction, away from the face of the Lord and from the glory of his power, II Thessalonians 1, 7 [of course, the destruction of Jerusalem was a coincidence?] When he drew near and saw the city [ Jerusalem ] and wept over it, saying, "If I understand you, too, on this day, the path of peace! (*) But now they are hidden from your eyes. days will come upon you When Your enemies will encircle the trenches, and will surround you in on every side, they will dash you and your children Within You, and not leave in thee one stone upon another; Because you did not Recognize the time of your visitation. "Luca19, 41
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    if the opposition Agrees: for my good common sense? I can act as a mediator! Why: I am Certain of this: even: Assad would not like to keep: his regime! but, are: murderers international (U.S. and Arab League) That has forced him, and all minorities: in the Sirian country: to a fight for his own life: that is, for survival: why This should not be forgotten: where there were , Americans, ie, in Iraq? 1000.000 of the Christians are gone or are die! if the opposition Accepts: common sense? I can act as a mediator! Because: I am Certain of this: even: Assad want to keep: his regime! are the murderers International (U.S. and Arab League) That forced him, and all minorities in the country siraiano: a fight for his own life: that is, for survival, Because It Should not be forgotten, where there were, Americans, That Is in Iraq? 1000.000 of Christians are gone!


Recent Posts

“Le Sabbie Mobili di Bashar al-Assad” – Storia e Prospettive (+3Video)

Tags
, , , , , , , , , , , , ,

*
Il presidente Hafez Al-Assad non era come gli altri presidenti, governatori e re arabi, che praticavano la politica solo durante il tempo libero, ma amava la sua professione profondamente, a tal punto che i suoi collaboratori invidiavano gli equivalenti arabi per i loro continui viaggi di lavoro che si traducevano in viaggi rilassanti e divertenti in tutti i paradisi della terra: da Las Vegas al Marocco passando per l’Europa. Una delle poche volte che il presidente Assad ha visitato Ginevra per incontrare il presidente americano in territorio neutro (non avendo mai visitato l’America in tutta la sua vita) passava il suo tempo libero, in attesa dell’incontro, nella sua camera d’albergo e successivamente lasciò subito la Svizzera evitando di visitare l’affascinante città di cui era ospite, per far subito ritorno in Siria.
*
*
Era abituato a indugiare fino a tarda serata nel suo ufficio, a volte fino alle prime luci dell’alba, nonostante i continui avvertimenti dei suoi medici. Essere presidente per lui significava farsi carico di tutte le responsabilità derivanti da un paese così complesso e strategico come la Siria, e questo modo di comportarsi ha influenzato il rapporto con i figli, i quali erano soliti osservarlo da lontano: tra questi, Bashar Al-Assad, il secondogenito, osservava il padre con calma e attenzione per cercare di carpire la sua limpidezza ed i suoi ideali rivoluzionari, vedendo nel padre un uomo leggendario dalla personalità magica. Fin da piccolo Bashar Al-Assad odiava il colore grigio preferendo avere una scelta più netta tra il nero o il bianco, cosa che ha portato, qualche anno dopo, a rendere consapevoli i collaboratori del presidente Hafez Al-Assad che chiunque avesse voluto far parte di un’area “grigia” avrebbero pagato un prezzo considerevole.
La scelta di Bashar Al-Assad di studiare medicina non fu una bella notizia per una famiglia con una storia militare d’eccellenza come gli Al-Assad. Non spiegò a nessuno la ragione della sua scelta; egli era una persona di poche parole, ma ben ponderate; le sue idee riguardanti la Siria erano indiscutibili ed espresse con parole raffinate come la sua personalità, calma e pensatrice, concludendo il discorso con un sorriso in modo da non ferire i sentimenti della persona oggetto delle sue critiche, seppur educate.
Il destino ha voluto farlo tornare in fretta da Londra, a causa della morte prematura del fratello maggiore, che fu un vero shock per il presidente Hafez Al-Assad, gravando sul resto della sua vita. Nell’aria qualcosa stava accadendo, tutti gli occhi erano rivolti su Bashar Al-Assad, tutti ne erano consapevoli e molti aspettavano la scomparsa del presidente Assad per salire al potere; alcuni di loro avevano persino pianificato di nascosto azioni pericolose contro la Siria, aspettando l’ora zero.
L’occidente aveva osservato bene Bashar Al-Assad, tentando di capire l’influenza che avrebbe potuto esercitare questo giovane nei confronti dei piani precedentemente delineati per ribaltare le condizioni della Siria, esattamente come fu fatto con l’Egitto all’epoca di Anwar Alsadat. Per il presidente Hafez Al-Assad il caso Sadat era la preoccupazione più grande, in quanto era consapevole che tutto ciò fin’ora costruito facesse della Siria un paese nel mirino. Aveva paura che il suo futuro successore distruggesse quello che aveva costruito, cioè la trasformazione della Siria in un paese indipendente e decisivo nella realtà del Medio Oriente, che è riuscito a conservare il minimo livello di un equilibrio complicato dalla complessità delle condizioni risultanti dopo la disgregazione dell’Unione Sovietica e dei suoi stati, uno dopo l’altro.
*
*
Per Assad padre, era ben chiaro che per l’occidente far cadere la Siria era una priorità assoluta, come dimostrato dai messaggi arrivati, dall’interno della Siria per l’occidente, che promettevano di ribaltare completamente la situazione in Siria appena ci sarebbero state le dimissioni di Assad; i messaggi garantivano anche che il successore avrebbe fatto suo il motto secondo il quale l’America ha il 99% delle soluzioni in Medio Oriente: motto in cui credeva Sadat, giustificando la sua alleanza con l’America.
I consulenti più vicini di Assad erano consapevoli del vuoto che avrebbero creato le sue dimissioni, tanto da consigliargli di emettere un decreto presidenziale per nominare vice presidente della Repubblica Araba Siriana Bashar Al-Assad, ma lui rifiutava, malgrado le sue gravi condizioni di salute, spiegando che per tanti anni aveva guidato la Siria contando solo sulle sue decisioni, prendendosi tutte le responsabilità delle sue azioni tanto che anche le persone vicine a lui erano convinte che il loro ruolo era soltanto quello di accettare tutte le sue decisioni: alcuni di loro per la cieca fiducia che avevano in lui, mentre altri solo in attesa delle sue dimissioni.
L’altra ragione del suo rifiuto era proprio Bashar Al-Assad stesso, quel giovane che, nonostante il suo appoggio e supporto per le idee del padre, aveva una visione particolare ed innovativa, in contraddizione con la metodologia utilizzata dal padre per amministrare il paese. Il suo entusiasmo nel superare gli impedimenti posti dai vecchi guardiani colonizzatori e nemici della patria era il segno distintivo della sua politica, ma la cosa più coraggiosa era la sua convinzione che la vecchia politica difensiva non era più soddisfacente e non c’era altra via tranne quella di adottare una politica offensiva diretta, in grado di rompere l’assedio e cambiare le regole di gioco nell’area.
Assad padre si accorse della serietà della politica innovativa del figlio e non poteva nascondere la fierezza nei suoi confronti, vedendo il suo ascetismo nei confronti della posizione presidenziale, il suo spirito patriottico, la sua sincerità ed il gran desiderio di essere diverso, ma in base alla sua esperienza, e conoscendo la capacita limitata della Siria, circondata da sfide, le considerò idee di un giovane entusiasta. Ma, in fine, i ruoli si sono scambiati: ora è Hafez Al-Assad che osserva da lontano, nei suoi ultimi anni di vita, il suo cucciolo che mescola tutte le carte della regione.
*

*
Rompere le linee rosse
Mentre Udai Hussein era entusiasta di riallacciare i rapporti con la Siria, Qusai Saddam Hussein non era d’accordo con l’atteggiamento di suo fratello; era persino convinto che il regime del padre sarebbe esistito finché non ci fosse stato nessun rapporto di fratellanza tra i due paesi, in quanto l’avvicinamento tra i due, per sionisti e americani,  è una linea rossa, cosi descritta letteralmente da Menachem Begin: “Noi non possiamo permettere a nessun costo che i due paesi si uniscano: il resto della storia è ben nota a tutti”, questa dichiarazione si basa su un rapporto presentato dal capo dei servizi segreti israeliani sulla forza devastante derivante dall’unione dei due eserciti.
Nonostante il disaccordo storico tra i due regimi, la decisione di Bashar Al-Assad di aprire completamente le porte alle relazioni con l’Iraq ha dato inizio ad un progetto che aveva pianificato con tutta calma: un progetto che mise fine all’Accordo Sykes-Picot, un’altra linea rossa secondo l’occidente, che nessun leader arabo avrebbe avuto il coraggio di superare.
Per i Siriani, sia popolo sia governo, la relazione con la Turchia era peggiore di un incubo, tanto da non riuscire a dimenticare la buia epoca dell’occupazione Ottomana, che pesava sia nella mente sia nel corpo; ma il presidente Bashar aveva un’altra visione. La politica bipolare di America e Russia era caduta e il mondo si stava raggruppando in forme territoriali più grandi. Il mantenimento della posizione di ostilità da parte dei paesi arabi con l’ambiente circostante moltiplicò i fattori di vulnerabilità. In questo clima la Turchia, per i siriani, rappresentava un paese limitrofo con il quale poter costruire dei rapporti sinceri di commercio e d’interesse bilaterale, inserendolo nell’asse territoriale composta dagli stati membri del Nuovo Medio Oriente ovvero: Siria, Iran, Iraq, Giordania, Libano, Palestina, che avrebbe costituito una federazione comune economicamente indipendente, in grado di garantire prosperità per la popolazione dei paesi membri, con la possibilità di aggregare tutti quei paesi bisognosi del nuovo gigante orientale.
Anche in questo caso nessuno, europeo o americano, poteva immaginare che un giorno ci sarebbe stato un leader arabo con quest’ampia visione geo-strategica in grado di dominare una delle aree più importanti per i paesi occidentali, spezzando un’altra linea rossa che nessuno mai aveva avuto il coraggio di violare.
La decisione di Bashar Al-Assad di ritirarsi dal libano non fu una bella notizia, per i Sionisti e gli Americani, giacché tutti i loro studi analitici e i rapporti investigativi dell’intelligent affermavano che nessun presidente Siriano, incluso Assad, avrebbe avuto il coraggio di prendere tal decisione, malgrado le pressioni ricevute. Credendo che i leader arabi si assomiglino tutti, gli americani pensavano che sarebbe bastato un ordine di Bush Jr (così come aveva fatto il padre con Saddam Hussein) non eseguito da Assad, di ritirare subito dal Libano l’esercito siriano, con l’aiuto da parte del movimento libanese del 14 marzo schierato contro Assad, per fargli commettere lo stesso errore commesso da Saddam invadendo il Kuwait. Solo in questo modo l’occidente avrebbe avuto l’opportunità di distruggere la Siria e il Libano facendoli arretrare anni di luce.
In attesa del discorso di Assad all’Università di Damasco, l’occidente era già preparato a criticarlo, ma Assad aveva già preso la decisione di ritirarsi dal Libano. Inoltre aveva già avvertito i suoi alleati, affermando con parole chiare: “all’orizzonte vedo un nuovo 17 maggio, tenetevi pronti a respingerlo”. Cosi sono crollate tutte le loro linee rosse e gli analisti politici e strategici hanno ammesso di essere di fronte ad un nuovo tipo di leader, uno che non si fa trascinare dall’istinto né si fa piegare dalla pressione o dalla provocazione, usa il cervello, è freddo e strategico, confronta i casi valutandoli minuziosamente, è una mentalità completamente diversa da quella conosciuta come ‘irresponsabile mentalità araba orientale’.
Le parole del segretario generale del movimento di resistenza “Hezbollah”, Mr. Hasan Nasrallah, in un’intervista televisiva, dopo la vittoria di luglio, furono molto chiare: “Assad mi ha confermato la preparazione e la disponibilità immediata dell’esercito Siriano appena sarà necessario; non permetteremo a niente e a nessuno di sconfiggere la resistenza”. Ovviamente queste parole non hanno prodotto altro che la furia dei sionisti. Questo leader arabo aveva aperto i suoi depositi di armi a favore della resistenza, ma la loro rabbia aumentava ogni volta che leggevano, sui missili precipitati nelle loro colonie, il marchio di fabbrica della difesa Siriana. Non potevano credere che un leader arabo decidesse di donare le armi più avanzate in suo possesso, che da sempre sono ritenute uno dei segreti militari nazionali che non devono essere rivelati, se non in un confronto diretto con il nemico, per sorprenderlo, esattamente come è successo nella battaglia di Tishreen (ottobre 73), dove i sionisti si sono trovati di fronte ad un leader di un tipo diverso, che tra le sue mani aveva un progetto pronto per distruggere l’entità sionista. E’ stata in questa battaglia che per la prima volta i sionisti si sono resi conto di aver perso il potenziale militare. Ecco un’altra linea rossa che non doveva essere superata.
La decisione è presa, è giunto il momento di rovesciare quello che ha spezzato tutte le linee rosse, ma prima si deve preparare il terreno e l’ambiente necessario. Arrivò all’aeroporto di Damasco Iyad Allawi il vecchio amico della Siria, chiedendo l’appoggio alla sua battaglia con il suo avversario Nuri Al-Maliki l’alleato dell’Iran, la visita fu benedetta dall’Arabia Saudita, mentre tutti attendevano che Assad cadesse nella trappola, specialmente dopo la visita che aveva già compiuto da Saad Al-Hariri in precedenza, a Damasco, esprimendo la sua amicizia con Assad in cambio della distruzione degli Hezbollah. Contro ogni aspettativa arrivò la mossa di Assad, che fece amicizia con il Maliki e successivamente rovesciò il governo di Saad Al-Hariri; l’occidente capì che il loro piano era stato scoperto, così si chiesero se quello che era successo fosse una pura coincidenza, se Assad avesse avuto delle visioni internazionaliste o se si fosse trattato di problematiche create da parte di un leader, reputato polemico, viste le opposizioni messe in atto per contrastare tutti i loro piani di dominare la zona.
*

*
 Il ritorno del drago
Qualcuno ha detto: la quarta guerra mondiale non scoppierà, perché se la terza dovesse avvenire sterminerebbe la razza umana. Cosicché un arretrato e povero stato come la Corea del nord è in grado di distruggere mezzo mondo con i suoi armamenti nucleari, e di fare in modo che l’altra metà non sia in grado di vivere in esso a causa delle radiazioni.
Per questo è stata fatta cadere quella che si chiamava Unione Sovietica in una maniera teatrale e assurda, usando come scusa i diritti umani e la democrazia, attraverso un giornalismo molto avanzato e pericoloso che ha preparato le fondamenta necessarie per la caduta dei Sovietici, definendola una conseguenza di azioni “superficiali” che hanno avuto come protagonisti un ubriacone di nome Eltsin e un cretino che si chiama Gorbaciov.
In quella che si chiamava Germania dell’est, c’era un ufficiale Russo del KGB di nome Vladimir Putin che osservava con tanta tristezza la serie di eventi che portarono alla caduta di una grande potenza, l’Unione Sovietica, non con un’azione militare e nemmeno con un attacco nucleare, ma con un’alleanza assurda tra il giornalismo dei “Western Media”, il denaro di Paesi del Golfo e mujaheddin islamici, che un semi-stato come l’Arabia Saudita ha preso in carico con il compito di trovare un parere consultivo religioso (fatwa) adatto per mandare i suoi rifiuti umani a distruggere uno stato, appunto la Russia, che da sempre e con tanta fermezza è stata a favore delle cause arabe: il tutto a giovamento di un altro stato, alleato con altrettanta fermezza con il nostro nemico, Israele.
A Pecchino, Hsiao-ting Lin era molto attento a quello che era successo a Mosca, per cui mandò i carri armati in piazza Tienanmen per distruggere quelli che manifestavano contro il regime comunista. Laddove tutte le idee di cambiamento avanzavano, i manifestanti si riunivano innalzando le insegne di Mc Donald, della Pepsi cola e le foto di Michael Jackson.
Sono passati venti anni in cui l’America fu l’unico polo: la signora del mondo libero ha distrutto stati,  ne ha spezzati altri, ha ucciso milioni di persone, con un silenzio Cinese e Russo assoluto, e un lavoro continuo dietro le quinte per bilanciare la situazione e prepararsi alla prossima battaglia. Senz’altro una battaglia per riprendere il dominio mondiale e tagliare le unghie affilate all’aquila Americana, che si sentiva molto orgogliosa della sua forza distruttiva. Mentre sono caduti tanti alleati di Mosca nel mondo, altri, invece, hanno resistito essendo molto duri a cadere.
I Russi ad un certo punto rinunciarono ad alcuni posti strategici, per tenersene altri che non volevano assolutamente perdere. Questi posti, erano stati capaci di resistere, con un po’ di aiuto Russo, senza farli implicare in una guerra che non erano pronti a sopportare.
*
*
Assad sceglie il Comando del Consiglio della sua Rivoluzione.
In una sua dichiarazione Assad ha detto: “Non c’e’ una soluzione militare per la crisi in Siria, ma una soluzione politica, visto che gli stati che complottano contro la Siria sono in grado di inondarla di decine di migliaia di insorti, e fornire loro le più moderne armi”.
Nella stessa maniera in cui è stato spossato l’esercito Russo in Afganistan, con gli stessi mezzi è stato dichiarato il territorio Siriano simile ad un’arena per il Jihad; infatti è cominciato un flusso continuo di elementi sovversivi, attraverso i lunghi e intersecati confini, in particolare in quelle zone adiacenti il LIWAA ESKANDARON (occupato) dove ci sono fitti boschi e montagne tortuose, oppure attraverso i confini con il Libano.
La classe dirigente (il Comando siriano) aveva capito sin dall’inizio la dimensione del volume degli insorti e la loro presenza in tutto il territorio Siriano; tutto questo accompagnato ad una tensione religiosa, voluta e programmata, e da una pressione economica e tangenti molto appetitose, per fare pressione su alcuni signori del regime e per far loro dichiarare la propria dissidenza. Ci si aspettava un Assad simile a Gheddafi, che era apparso agitato e nervoso nel suo famoso discorso, mentre quello visto più tardi era completamente diverso.
L’esercito ha distribuito le sue brigate in una disposizione di battaglia che gli permette il controllo di ogni zona di confine in cui sorgeva il fenomeno degli insorti, per evitare il ripetersi di uno scenario simile a quello di Ben Ghasi. La direzione politica scopriva, giorno dopo giorno, una pericolosa violazione della sicurezza nazionale e la presenza di terroristi in tutto il territorio Siriano, per arrivare alla conclusione che per far fronte a tutto ciò sarebbe stato più opportuno il taglio della testa del serpente, e non combattere con la sua coda.
Questo è stato il lavoro dell’intelligence: la giusta decisione di non spingere l’esercito in infinite battaglie che l’avrebbero affaticato e disperso le sue forze, salvo che nel caso di pericolo diretto. Tutto questo è stato accompagnato ad un fortissimo lavoro diplomatico per far ritirare le giustificazioni  e far fronte alle campagne di disinformazione mediatica e di incitazione religiosa.
Il regime ha messo in atto un piano molto complesso per far fallire il ripetersi dello scenario Afghano in Siria, per prima cosa attraverso lo smantellamento dell’ambiente fanatico che fa da culla ai rivoltosi nelle zone più povere delle campagne. Ma la cosa più importante, è lo stato di rilassamento e calma nell’attesa di scoprire tutti i punti deboli all’interno di un regime flaccido e pieno di migliaia di opportunisti, fondamentalisti, corrotti, creando un’opportunità irripetibile per scoprire chi è veramente innamorato della Siria e della propria terra.
Noi, in Siria, ammettiamo di essere entrati in una fase nuova, completamente diversa da tutte quelle precedenti. E’ la nuova Siria, sia nella forma, sia nel contenuto, e la cosa più bella di questo cambiamento, e’ che il popolo Siriano, di tutte le sue classi sociali, è uscito dal guscio dello stato ideologico, che dettava ai suoi cittadini la sua agenda culturale e politica. Anzi, questo cambiamento lascerà ad ogni individuo la libertà di scelta delle sue priorità patriottiche, lontano dalle raccomandazioni del padre spirituale, o del partito del leader governativo, cosi la classe dirigente che comandava vedrà con i suoi stessi occhi il risultato di una ricca esperienza nella storia della Siria.
Il presidente ascolta i battiti dei cuori della gioventù Siriana, esplosa con rabbia a sostegno per la nuova Siria, che grida contro i corrotti e la corruzione, ma che vede anche coloro i quali non si sono mai approfittati del regime offrire il proprio sangue per la Siria, per la sua gloria e per l’unione del suo territorio nazionale.
Ha visto anche chi sosteneva di essere il padre della rivoluzione (intesa come cambiamento costruttivo), e padre del partito Baath, silenzioso, cospiratore e traditore. Ha ascoltato le voci delle vedove e dei figli dei martiri, che si elevavano sopra tutti i dolori e le sofferenze per dichiarare il proprio appoggio e sostegno alla Siria e al suo Presidente. L’esame più difficile, per tutto il popolo Siriano, è la fase di distinzione, tra patriota e traditore, tra acculturato ed insignificante, è la Siria che cambia, come dice Ghalion, Kilo, Jaara, Kurabi, Maleh e Arour, ma che cambia come Assad vorrebbe che essa cambiasse.
Per noi Baathyoun (intesa del partito Baath), tra pochi giorni ci sarà il convegno regionale, e non sarà come nelle precedenti conferenze.
Guarderemo e vedremo come il gigante del partito Baath dichiarerà la sua rabbia contro chiunque non abbia alzato la sua voce forte, e domani saremo contadini e operai e giovani che non mollano, saremo dei veri soldati, la voce dei veri lavoratori che provengono dalle radici della terra.
Domani elimineremo chiunque fu titubante nello scendere nella fossa unica dei veri rivoltosi, affermeremo che l’ingiustizia è scomparsa e non ci ha resistito: il Baath tornerà nella piazza della battaglia.
Il Baath andrà avanti con molta forza, per un domani libero e fruttuoso, senza Salafiti e fratelli musulmani e senza religiosi né fanatici e radicali ignoranti, e senza insorti e imam che predicano pregiudizi.
Domani giureremo di nuovo, per portare il messaggio eterno e assicurare un’altra volta il nostro amore alla nazione unita.
*
Dati tratti da testi vari in lingua araba.
Traduzione e adattamento in lingua italiana a cura W.A. & F.F.P.
per SyrianFreePressNerwork
at http://wp.me/p1P9ia-VZ




[i am kingdom of Palestine] However, someone has to set an example of love: at the above any consideration! free of charge: and impartial! well, this is a prophetic sign of love: unius REI! Now if you want to survive, to all your evil? you should follow her example! tuttavia, qualcuno deve dare l'esempio di amare: al di sopra di ogni considerazione! in modo gratuito: ed imparziale! bene, questo segno profetico dell'amore è unius rei! adesso se volete sopravvivere alla vostra malvagità? voi dovete seguire il suo esempio!

Secondo AsiaNews la guerra in Siria “conflitto privato tra alawiti e sunniti”.

Mi dispiace segnalare un fatto negativo, quando ogni giorno dovrei ringraziare AsiaNews per il suo lavoro insostituibile, spero che si recepisca questo mio gesto nell’ottica dell’unità cristiana che guarda a Chi fa tutta la realtà e ci fa in ogni momento, mostrandoci con Suo figlio Gesù la sua  predilezione: mi riferisco all’articolo pubblicato su AsiaNews,  Siria, non è guerra contro i cristiani, ma fra alawiti e sunniti : non sembra che le cose stiano ‘esattamente’ così:
The Guardian: “Uomini armati dell’ opposizione hanno distrutto tutte le 12 chiese del quartiere di Hamidiyeh” (ad Homs), ha detto Ahmet, un sarto . Ha aggiunto che molte case erano state gravemente danneggiate, mentre altri sono stati lasciati liberi entro le persone in fuga dal conflitto violento in città. (Armed men of the opposition have destroyed all 12 churches in the neighbourhood of Hamidiyeh,” said Ahmet, a master tailor. He added that many houses had been severely damaged, while others had been vacated by people fleeing from the violent conflict in the city. )
fonte: http://www.guardian.co.uk/world/2012/apr/25/tough-times-turks-border-syria
e l’Agenzia Fides riferisce dei cristiani cacciati da Hama:
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=39072&lan=ita
ed ancora: imperversano bande senza controllo , cristiani sotto tiro:

http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=39072&lan=ita
al confine con il Libano le minoranze etniche e religiose come alawiti, cristiani, sciiti sono state oggetto di violenze e atrocità perpetrate da gruppi armati sunniti che hanno compiuto la loro vendette:
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=38821&lan=ita
e sulle chiese distrutte dall’opposizione:
http://www.vietatoparlare.it/?p=16348
http://ncronline.org/news/global/christians-syria-struggle-amid-violent-clashes
e ricordiamo il sacerdote padre Basilious Nassar ucciso mentre prestava soccorso ad un ferito.
Mi fermo qui. A chi diserta l’esercito viene dato un premio in denaro e uno stipendio sicuro. Questa è l’opposizione armata pagata da Qatar e Arabia Saudita che con appoggio USA ha dichiarato guerra alla SIRIA. Questa aggressione la si vuol far passare per ‘conflitto interetnico’. Qual’è la ragione di questo conflitto interetnico? Cosa anima la brigata Farouq libica? E’ il potere e l’ideologia.
fonte Reuters:
http://www.reuters.com/article/2012/04/30/us-syria-bombs-idUSBRE83T04U20120430
Vi ricordo che Il Papa ha espresso, con tutta la comunità cattolica, “una ferma condanna e la commossa vicinanza alle famiglie delle vittime dei tragici attentati che giovedì hanno insanguinato le strade di Damasco”. La nota è stata diffusa da Radio Vaticana, che attraverso il portavoce Padre Lombardi ricorda anche l’appello che il Santo Padre aveva lanciato il giorno di Pasqua: ”Occorre intraprendere senza indugio la via del rispetto, del dialogo e della riconciliazione”. Il portavoce vaticano considera che gli ultimi tragici avvenimenti dovrebbero “spingere tutti ad operare una svolta per un rafforzato impegno nel dare attuazione al Piano Annan”.
Cosa che il rappresentante del CNS (che non è ne il rappresentante del popolo siriano , ne la formazione più numerosa dell’opposizione siriana) in visita ufficiale a Roma ha reputato inutile dopo aver in tutto i modi agito per farlo fallire.
La Chiesa siro-ortodossa, che rappresenta oltre la metà dei cristiani siriani, ha recentemente denunciato l’espulsione di circa 50.000 cristiani da Homs, parlando di una ’pulizia etnica’ rivolta contro i cristiani da parte di militanti islamici legati ad al Qaeda.
Alcune fonti, parlano di bande armate islamiste, che ‘inquinano’ l’Esercito di Liberazione Siriano, malgrado le assicurazioni del Consiglio Rivoluzionario di Homs e del Consiglio Nazionale Siriano sul fatto che “non sia in corso una guerra confessionale verso i cristiani”, giungono testimonianze che mostrano come i gruppi islamisti, salafiti e wahabiti, cerchino di impadronirsi o di strumentalizzare l’opposizione siriana.
Alcune famiglie cristiane confermano a ‘Fides’ di essere state cacciate da Homs perché “considerate vicine al regime”. Oltre 10mila cristiani sono fuggiti dalla cittadina di Kusayr, al confine con il Libano, in seguito alle pressioni di gruppi islamisti sunniti, dice all’agenzia un sacerdote locale. Secondo queste fonti, dopo i primi mesi di combattimenti, all’esercito dell’opposizione “si sono unite bande armate di islamisti, mercenari, militanti sunniti libanesi”.
I cristiani che non vogliono unirsi alla sollevazione popolare sono sempre più emarginati e poi “considerati nemici” della rivoluzione. Non solo: le bande islamiste hanno scacciato dal quartiere Hamidiya di Homs dei cristiani dichiaratisi favorevoli all’opposizione, perfino presenti dentro il coordinamento locale dei gruppi di opposizione.
Attualmente USA UE ARABIA SAUDITA stanno violando il diritto di territorialità cercando in tutti i modi di entrare con la forza ( ricordo veto onu ), delegittimare il potere del popolo, cercando di instaurare un governo (CNS) non votato da nessuno e facente parte di un organizzazione radicata in tutto il mondo, che fino a poco tempo fa era considerata da tutti un gruppo estremista.
Io non conosco la ragione che ha spinto a scrivere l’articolo , questa posizione non è usuale per Asia News. Perchè questa precisazione quando ci sono un’infinità di segnali contrari? Se nell’opposizione ci sono wahabiti, salafiti, Al Qaeda e infiltrazioni tollerate e incentivate dell’estremismo islamico come si possono fare affermazioni del genere? E’ un’ambiente che ideologicamente è contro i cristiani, ma lo sapete che in Siria si uccide anche solo per essere un funzionario governativo? Il fatto è che i  cristiani sono considerati vicini al governo Assad.
Dispiace di essere rimasti in pochi a cercare di fare un’informazione corretta sugli avvenimenti in Siria.
vedi anche:
http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/05/19/radio-vaticana-e-dintorni-quando-il-fumo-di-satana-e-penetrato-nel-tempio/