Lublino, Polonia state's control

  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    2 secondi fa
    [you prepare your soul for God's judgment: in fact, the 3rd WW nuclear is very close: in fact, Rothschild must prevent: the revolution(fraud and crime Masonic of "high: Treason" to the banking seigniorage) ie, he has to regenerate a new IMF] ----> [Jesus said] ... woe to him through whom they come (scandals). It is better for him to be put around his neck to a stone mill and thrown into the sea ... Luca17, 2 [Jesus said] ... For Moses said, Honour thy father and thy mother, and who curses his father or mother must be put to death. Marco7, 10
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    8 ore fa
    [[against ideologies and religious fanaticism]] The seal of God: is Unius REI! For behold, the Lord cometh out of his place: for the punishment of offenses committed against him(sharia talmud 666 322 IMF freemasonry, ecc.. ) by the inhabitants of the earth, and the earth ributterà out the blood (of the Lambs) absorbed: and shall no more cover her slain. Isaia26, 21. Is consumed from the wrath of fire: who seeks refuge; opponents of thy people go into perdition. Crush the heads of the enemy leaders ... Siracide36, 8.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    8 ore fa
    [a new kind of war: terrorism for imperialism salafis] Syrian envoy to Mauritania rejects Qatar's offer to defect. Syrian Ambassador to Nouakchott Hamad Seed Albni has rejected an offer by Qatar's Embassy in Mauritania to defect from the government of Syrian President Bashar al-Assad: in return for certain incentives. Qatar's ambassador to Mauritania proposed his Syrian counterpart in Nouakchott a million dollars in cash, a monthly salary of 20,000 dollars for 20 years: and permanent residence in Qatari capital of Doha, the Lebanese-based Al-Manar TV reported.[but, the media "masonic:of 666 the IMF? they do not report this news!]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    8 ore fa
    [a new kind of war: terrorism for imperialism salafis] The Syrian ambassador refused the offer for his defection and said it was a "blatant interference": in Syria's affairs. Albni warned his Qatari counterpart against the repetition of such a move. In an exclusive interview with Press TV in July, Syria's Parliament Speaker Mohammed Jihad al-Laham criticized Turkey, Saudi Arabia and Qatar for fueling the unrest in his country by supporting the insurgents fighting against the government. Syria has been experiencing unrest since March 2011. Many people, including large numbers of security forces, have been killed in the unrest.[but, the media "masonic:of 666 the IMF? they do not report this news!]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    8 ore fa
    30/08/2012 - The summit of non-aligned countries Chaos Syria, Egypt, on the side of the rebels - ANSWER ->, inFACT, THE EGYPTIANS ARE become experts on how to slaughter the Copts! Syria rebels, we will protect the Christians!(ANSA) - Aleppo (Syria), 31 AUG - The rebels Syrian anti-regime army free (ESL) of Aleppo ensure that seek to protect the Christians of the city, reaffirm their determination to keep the Syrian mosaic of religions and ethnicities and call - answer -> really? and why not have them protected in Iraq and Saudi Arabia, etc. Sudan, Libya, Kosovo, Turkey, etc. .. you are the monsters terrorist criminals of Sharia only, for your imperialism saudi: ie, SatanAllah!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [AMEN] but, this is your truth! you have betrayed the kingdom of God! you're not ready to die! you could never face the judgment of God! yet, you will have to die in every way! because the IMF is desperate to hide his crime of predation and Satanism behind the liability of a nuclear war: immediately, or at most in two years! what bliss! finally you can see if hell is real! [ALLELUIJAH] @IMF 666 youtube 322 -->objectively? without my background image? lol. Internet has become much faster!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Open letter to the little Satan, ie, Saudi Arabia, and Israel] IMF is 666! the big fish (great Satan 666 322 IMF)? he eats, the fish little(the little Satan just like you!) In fact, Satanists have a covenant: alone, with death, while you are still alive, but not for long! is why: I am UNIUS REI! your only hope! why, bankers Pharisees of the Talmud: took control! and they have no respect for human dignity! the Constitution of the Peoples, their: religions, monetary sovereignty: and then: political sovereignty: history, and science have been betrayed everything has been betrayed! this is all a conspiracy Masonic, of group Bildenberg, etc. .. etc. ..
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia]According to experts, one third of the extremist groups are composed of jihadists who have come from the Arab Maghreb, Libya, the Gulf, Afghanistan, Pakistan and Chechnya. At this level, European Union Intelligence Chief French national Patrice Bergamini recognized in an interview with the Lebanese daily Al-Akhbar on Friday 17 August the important role played by the jihadists at the level of the Syrian conflict, stressing that the Western public was now aware of the threat they represented. It is clear that the Syrian army's cleansing of the city of Aleppo and its countryside is now a mere question of time. [syrianfreepress . wordpress]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia]The crushing defeat suffered by the armed gangs throughout Syria reveals that the Syrian Arab army which was built on solid ideological bases quickly drew the lessons of the war and developed strategies of urban and rural counter-guerilla, which allowed it to strike the extremists despite the massive military, material, financial and media means that were generously offered to them by the coalition of dozens of countries, not to forget the sanctions adopted against the Syrian people and state outside the context of the United Nations. In order to understand the developments of the situation, it is also important to analyze the Syrian people's state of mind. [syrianfreepress . wordpress]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] Without real popular backup --which is naturally disregarded by Western media outlets -- President Bashar al-Assad and his army would not have been able to resist and deter this attack. This popular support is due to three factors. Firstly, the majority of the Syrians are aware of the fact that their country is targeted by a plot aiming at subjugating Syria to include it in the Western imperialistic camp and consequently remove it from all the regional equations, knowing that during these last four decades, Syria has been at the heart of the balances of power and that nothing could be done in the Middle East without its knowledge and participation. These wide popular factions are attached to their country's political autonomy and are willing to fight to defend it, which would explain why thousands of young people are volunteering to join the army's ranks.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] On the other hand, the experts believe that twenty percent of the public -- which at some point sympathized with the opposition -- discovered the real face of the extremists who are multiplying their savageries in the regions under their control (rape, executions, massacres, pillaging...). In light of this transformation affecting the popular mood, especially in the rural areas where the people have become sick and tired, the Syrian state has put in place discreet communication means allowing the population to inform the army about the presence of terrorists, which would explain how and why during these last few weeks, the special units and the air force were able to successfully carry out well designed strikes against the bases of the armed gangs. [syrianfreepress . wordpress]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] In parallel to all the developments on the ground, Damascus' regional and international allies are showing stringency and developing political and diplomatic initiatives to avoid leaving the arena open before the Westerners. At this level, the success of the meeting in Tehran between thirty countries, including China, India, Russia, nine Arab countries and Latin American and South African states, conveys this new balance of power. The formation of this group constituted a strong message to the Westerners and seriously jeopardized their project to establish -- outside the context of the United Nations -- a no-fly zone in the northern part of Syria. The last few months of 2012 will be decisive at the level of the emergence of new regional and international balances and the drawing up of a new image starting from Damascus, thanks to the victory of the Syrian national state in the global war led against it.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] Fast-moving developments. Until the American presidential elections which will be held at the beginning of November, the Syrian internal, regional and international developments will grow faster than ever before. Obviously, foreign military intervention whether from inside or outside the Security Council is off the table, while the sanctions have reached their highest levels as long as Chapter VII is being deterred by the veto right. Following the American presidential elections, we will see the materialization of American political headlines and especially NATO, Turkish and Gulf ones, in parallel to the repercussions that will affect the military machine used across the border and from inside the Syrian territories.
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] Hence, there should either be a recognition of the impossibility to introduce change at the level of Syria's geography and role which should prompt preparations for serious negotiations and for political solutions -- that are rejected by the Americans who are refusing to respond to the invitation addressed by Russia to meet -- or sustain the war alliance and the mobilization of the state of hostility from all directions, i.e. from the Mecca conference to the visit of the French foreign minister to Syria's neighboring states to assemble as many pressure cards as possible. [syrianfreepress . wordpress]
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    [Al Quaeda is salafis imperialism of Saudi Arabia] There will be no buffer zones and no air embargoes, rather efforts to completely isolate certain border regions from the state's control in order to test the chances of establishing mini-states, similar to the ones established by Saad Haddad and Antoine Lahd under Israeli tutelage in South Lebanon. At this level, the wager is on Aleppo's countryside to which all those who sold their honor among the dissidents will be introduced following preparations in Doha, Riyadh and Amman to grant legitimacy in form to the division project. [syrianfreepress . wordpress]




Tags
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*
The recent developments in Syria revealed a series of important signs which will have decisive repercussions over the course of the global war led by the United States to destroy this country. Unlike the information and impressions of American strategists and their European and Arab accomplices – as conveyed by hundreds of media outlets engaged in the battle – the death squads, mercenaries and Takfiri groups introduced from all parts of the world suffered a crushing defeat at the level of the battles. Nonetheless, the Turkish officials and their Qatari and Saudi allies had promised – as they have already done last year and during the same period – that the month of Ramadan will witness the fall of the resisting regime in Syria. These illusions have once again collapsed on the battlefield where the armed gangs suffered the fall of thousands of dead, wounded and detainees.
Indeed, the comprehensive attack launched by the extremists against Damascus ended – even with the recognition of Western media outlets – with massive losses. Hence, the force which included local mercenaries and jihadists from around the world was completely annihilated by the Syrian army that is pursuing the remnants on the outskirts of the capital. As a result, tons of weapons were confiscated and the heavy infrastructure of the armed groups was dismantled and destroyed, which will require months to reconstruct if the armed groups are ever able to do so.
The outcome of the Aleppo battle on the other hand is known in advance, as the extremists are falling by the thousands in the face of the methodic progress of the army which was able to fully sever the supply lines of the mercenaries who came from the training camps led by the CIA in Turkey. Consequently, the armed gangs can no longer deliver reinforcements without having to pay a hefty price. As to their 4×4 convoys which are equipped with heavy artillery and were offered by their regional sponsors, they are moving under the fire of the army’s helicopters and aircrafts and are falling in the ambushes set up by the elite forces that have infiltrated enemy lines.
According to experts, one third of the extremist groups are composed of jihadists who have come from the Arab Maghreb, Libya, the Gulf, Afghanistan, Pakistan and Chechnya. At this level, European Union Intelligence Chief French national Patrice Bergamini recognized in an interview with the Lebanese daily Al-Akhbar on Friday 17 August the important role played by the jihadists at the level of the Syrian conflict, stressing that the Western public was now aware of the threat they represented. It is clear that the Syrian army’s cleansing of the city of Aleppo and its countryside is now a mere question of time.
The crushing defeat suffered by the armed gangs throughout Syria reveals that the Syrian Arab army which was built on solid ideological bases quickly drew the lessons of the war and developed strategies of urban and rural counter-guerilla, which allowed it to strike the extremists despite the massive military, material, financial and media means that were generously offered to them by the coalition of dozens of countries, not to forget the sanctions adopted against the Syrian people and state outside the context of the United Nations.
In order to understand the developments of the situation, it is also important to analyze the Syrian people’s state of mind. Without real popular backup –which is naturally disregarded by Western media outlets – President Bashar al-Assad and his army would not have been able to resist and deter this attack. This popular support is due to three factors. Firstly, the majority of the Syrians are aware of the fact that their country is targeted by a plot aiming at subjugating Syria to include it in the Western imperialistic camp and consequently remove it from all the regional equations, knowing that during these last four decades, Syria has been at the heart of the balances of power and that nothing could be done in the Middle East without its knowledge and participation. These wide popular factions are attached to their country’s political autonomy and are willing to fight to defend it, which would explain why thousands of young people are volunteering to join the army’s ranks.
On the other hand, the experts believe that twenty percent of the public – which at some point sympathized with the opposition – discovered the real face of the extremists who are multiplying their savageries in the regions under their control (rape, executions, massacres, pillaging…). In light of this transformation affecting the popular mood, especially in the rural areas where the people have become sick and tired, the Syrian state has put in place discreet communication means allowing the population to inform the army about the presence of terrorists, which would explain how and why during these last few weeks, the special units and the air force were able to successfully carry out well designed strikes against the bases of the armed gangs.
In parallel to all the developments on the ground, Damascus’ regional and international allies are showing stringency and developing political and diplomatic initiatives to avoid leaving the arena open before the Westerners. At this level, the success of the meeting in Tehran between thirty countries, including China, India, Russia, nine Arab countries and Latin American and South African states, conveys this new balance of power. The formation of this group constituted a strong message to the Westerners and seriously jeopardized their project to establish – outside the context of the United Nations – a no-fly zone in the northern part of Syria. The last few months of 2012 will be decisive at the level of the emergence of new regional and international balances and the drawing up of a new image starting from Damascus, thanks to the victory of the Syrian national state in the global war led against it.
Fast-moving developments
Until the American presidential elections which will be held at the beginning of November, the Syrian internal, regional and international developments will grow faster than ever before. Obviously, foreign military intervention whether from inside or outside the Security Council is off the table, while the sanctions have reached their highest levels as long as Chapter VII is being deterred by the veto right. Following the American presidential elections, we will see the materialization of American political headlines and especially NATO, Turkish and Gulf ones, in parallel to the repercussions that will affect the military machine used across the border and from inside the Syrian territories.
Hence, there should either be a recognition of the impossibility to introduce change at the level of Syria’s geography and role which should prompt preparations for serious negotiations and for political solutions – that are rejected by the Americans who are refusing to respond to the invitation addressed by Russia to meet – or sustain the war alliance and the mobilization of the state of hostility from all directions, i.e. from the Mecca conference to the visit of the French foreign minister to Syria’s neighboring states to assemble as many pressure cards as possible.
There will be no buffer zones and no air embargoes, rather efforts to completely isolate certain border regions from the state’s control in order to test the chances of establishing mini-states, similar to the ones established by Saad Haddad and Antoine Lahd under Israeli tutelage in South Lebanon. At this level, the wager is on Aleppo’s countryside to which all those who sold their honor among the dissidents will be introduced following preparations in Doha, Riyadh and Amman to grant legitimacy in form to the division project.
On the other hand, Lakhdar Brahimi was appointed as envoy and mediator for the political solution and the observers mission was ended to prepare the arena for all possibilities. Brahimi will thus spend time touring before a decision is adopted, while Syria is standing fast with its army and people and drawing up – starting from Aleppo and its countryside – the course of the upcoming change.
 *
Translated from Arabic by Vijayvaani.com  -  Font – Globalresearch
http://globalresearch.ca/PrintArticle.php?articleId=32490
Reloaded by SyrianFreePress.net Network
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/31/why-syria-will-not-fall-crushing-defeat-of-fsa/

Tags
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

*
I recenti sviluppi in Siria hanno rivelato una serie di segni importanti che avranno ripercussioni decisive sulla guerra globale degli Stati Uniti per distruggere questo paese. A differenza delle informazioni e delle impressioni degli strateghi statunitensi e dei loro complici europei e arabi, trasmessi da centinaia di media impegnate nella battaglia, gli squadroni della morte, i mercenari e i gruppi takfiristi provenienti da tutto il mondo, hanno subito una pesante sconfitta in battaglia.
Tuttavia, gli ufficiali turchi e i loro alleati del Qatar e dell’Arabia Saudita avevano promesso, come hanno già fatto l’anno scorso e durante lo stesso periodo, che il mese di Ramadan vedrà la caduta del regime che resiste in Siria. Queste illusioni sono ancora una volta crollate sul campo di battaglia, in cui le bande armate hanno subito la perdita di migliaia di morti, feriti e prigionieri.
In effetti, l’attacco globale lanciato dagli estremisti contro Damasco si è concluso, anche con il riconoscimento dei media occidentali, con perdite enormi. Di conseguenza, la forza che comprendeva mercenari locali e jihadisti di tutto il mondo, è stata completamente annientata dall’esercito siriano, che sta rastrellando i resti, alla periferia della capitale. Di conseguenza, tonnellate di armi sono state confiscate e le infrastrutture pesanti dei gruppi armati sono state smantellate e distrutte, ciò richiederà mesi per ricostruire i gruppi armati, se saranno sempre in grado di farlo.
L’esito della battaglia di Aleppo d’altro canto era già noto, mentre gli estremisti cadono a migliaia di fronte ai progressi metodici dell’esercito, che è stato in grado di tagliare completamente le linee di rifornimento dei mercenari, che venivano addestrati campi della CIA in Turchia. Di conseguenza, le bande armate non possono più inviare rinforzi, senza dover pagare un prezzo pesante. Per quanto riguarda i convogli di 4×4 dotati di armi pesanti, e che sono stati offerti dai loro sponsor regionali, si muovono sotto il fuoco degli elicotteri dell’esercito e degli aerei, cadendo nelle imboscate tese dalle forze d’elite che si sono infiltrate nelle linee nemiche.
Secondo gli esperti, un terzo dei gruppi estremisti era composto da jihadisti del Maghreb arabo, della Libia, del Golfo, dell’Afghanistan, del Pakistan e della Cecenia. A questo punto, il capo dell’intelligence dell’Unione Europea, il francese Patrice Bergamini, ha riconosciuto in un’intervista con il quotidiano libanese al-Akhbar del 17 agosto, l’importante ruolo svolto dai jihadisti nel conflitto siriano, sottolineando che l’opinione pubblica occidentale era ormai consapevole della minaccia che rappresentavano. E’ chiaro che la pulizia dell’esercito siriano della città di Aleppo e nella sua periferia, sia ora una semplice questione di tempo.
La schiacciante sconfitta subita dalle bande armate in tutta la Siria rivela che l’esercito arabo siriano è stato costruito su solide basi ideologiche, traendo rapidamente le lezioni della guerra e sviluppando strategie di contro-guerriglia urbana e rurale, che gli ha consentito di colpire gli estremisti, nonostante l’aiuto militare massiccio, il materiale, i mezzi finanziari e mediatici che gli sono stati generosamente offerti dalla coalizione di decine di paesi, per non dimenticare le sanzioni adottate contro il popolo siriano e il suo stato, al di fuori del quadro delle Nazioni Unite.
Al fine di comprendere gli sviluppi della situazione, è anche importante analizzare lo stato mentale del popolo siriano. Senza un reale sostegno popolare, naturalmente ignorato dai media occidentali, il presidente Bashar al-Assad e il suo esercito non sarebbero stati in grado di resistere e di scoraggiare questo tipo di attacco. Il sostegno popolare è dovuto a tre fattori. In primo luogo, la maggior parte dei siriani è consapevole del fatto che il loro paese è bersaglio di un complotto che mira a soggiogare la Siria, a includerlo nel campo occidentale imperialista, e di conseguenza rimuoverlo da tutte le equazioni regionali, sapendo che nel corso di questi ultimi quattro decenni la Siria è stata al centro degli equilibri di potere, e che nulla poteva essere fatto in Medio Oriente senza la sua presenza e partecipazione. Queste ampie fazioni popolari sono collegate all’autonomia politica del loro paese e sono disposte a lottare per difenderla, il che spiegherebbe perché migliaia di giovani si sono volontariamente uniti ai ranghi dell’esercito.
D’altra parte, gli esperti ritengono che il venti per cento dell’opinione pubblica, che a un certo punto ha simpatizzato con l’opposizione, ha scoperto il vero volto degli estremisti, che moltiplicavano i loro atti di ferocia nelle zone sotto il loro controllo (stupri, esecuzioni, massacri, saccheggi …). Alla luce di questa trasformazione che interessa lo stato d’animo popolare, soprattutto nelle zone rurali, dove le persone si sono spaventate e stancate, lo Stato siriano ha avviato una sistema di comunicazione discreto permettendo alla popolazione di informare l’esercito sulla presenza di terroristi, il che spiegherebbe come e perché, in queste ultime settimane, le unità speciali e la forza aerea sono state in grado di portare a termine attacchi ben progettati, contro le basi delle bande armate.
In parallelo a tutti gli sviluppi sul terreno, gli alleati regionali e internazionali di Damasco hanno dimostrato rigore, sviluppando iniziative politiche e diplomatiche per evitare di lasciare campo libero agli occidentali. A questo livello, il successo della riunione a Teheran tra trenta paesi, tra cui Cina, India, Russia, nove paesi arabi e latino-americani e dell’Africa australe, ha creato questo nuovo equilibrio di potere. La formazione di questo gruppo costituisce un messaggio forte per gli occidentali, mettendo seriamente in pericolo il loro progetto di istituire, al di fuori del quadro delle Nazioni Unite, una no-fly zone nel nord della Siria. Gli ultimi mesi del 2012 saranno decisivi, con l’emergere di nuovi equilibri regionali e internazionali, e l’elaborazione di una nuova immagine, partendo da Damasco, grazie alla vittoria dello stato nazionale siriano nella guerra globale condotta contro di esso.
Sviluppi in rapido movimento
Fino alle elezioni presidenziali statunitensi, che si terranno all’inizio di novembre, gli sviluppi interni siriani, regionali e internazionali saranno sempre più veloci. Ovviamente, l’intervento militare straniero, siano esso interno o esterno al Consiglio di sicurezza, è fuori questione, mentre le sanzioni hanno raggiunto i livelli più alti, mentre il capitolo VII è scoraggiato dal diritto di veto. Dopo le elezioni presidenziali statunitensi, vedremo la materializzazione degli obiettivi politici statunitensi, e in particolare della NATO, della Turchia e del Golfo, in parallelo alle ripercussioni che interesseranno la macchina militare che operava attraverso il confine e nei territori siriani.
Quindi, ci dovrebbe essere un riconoscimento dell’impossibilità di indurre cambiamenti nella geografia e nel ruolo della Siria, cosa che dovrebbe indurre i preparativi a negoziati seri e a soluzioni politiche, che sono stati respinti dagli statunitensi, che si rifiutano anche di rispondere all’invito rivolto dalla Russia a un incontro; o a sostenere l’alleanza bellica e la mobilitazione delle ostilità da tutte le direzioni, vale a dire dalla conferenza della Mecca alla visita del ministro degli esteri francese negli stati confinanti con la Siria, per assemblare la carta della maggiore pressione possibile.
Non ci saranno zone di sicurezza, e senza embarghi aerei o sforzi per isolare completamente alcune regioni di confine dal controllo dello Stato, al fine di verificare le possibilità di stabilire mini-stati, simili a quelli stabiliti da Saad Haddad e Antoine Lahd sotto la tutela israeliana, nel sud del Libano. A questo punto, la scommessa è sulla campagna di Aleppo, al quale tutti coloro che hanno venduto il loro onore tra i dissidenti, saranno introdotti a seguito dei preparativi a Doha, Riyadh e Amman per concedere una forma di legittimità al progetto di frammentazione.
D’altra parte, Lakhdar Brahimi è stato nominato inviato e mediatore per la soluzione politica e la missione di osservatori era volta a preparare il campo a tutte le possibilità.
Brahimi passerà del tempo da turista, prima che una decisione venga adottata, mentre la Siria resiste con il suo esercito e il suo popolo tracciando, a partire da Aleppo e dalla sua periferia, il corso del cambiamento imminente.
*
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora
Fonte originale – Globalresearch
http://globalresearch.ca/PrintArticle.php?articleId=32490
Reloaded by SyrianFreePress.net Network
at http://syrianfreepress.wordpress.com/2012/08/31/perche-la-siria-non-cadra-la-schiacciante-sconfitta-del-fsa/



Turkmenistan

POPOLAZIONE: 4.695.000
RELIGIONE: islam 87%; cristianesimo russo-ortodosso 6.4%

 
La Costituzione afferma in via di principio la libertà religiosa.

Le organizzazioni devono essere registrate dal governo, così come ogni incontro di massa. Non sono sottoposti a controlli solo i luoghi di culto islamici e greco-ortodossi.

Il Turkmenistan è retto in modo autocratico dal presidente Niyazov che, già in carica ai tempi di Gorbaciov, con la dissoluzione dell'URSS nel 1991, cambiò semplicemente nome al suo partito, facendosi rieleggere fino al 2002.

A suo sostegno si è mossa tutta la gerarchia musulmana. Un servizio di "Menschenrechte", del novembre-dicembre 1997 ricordava come il Turkmenistan fosse l'unico Paese dell'ex URSS in cui si riusciva ancora a internare le persone per questioni d'ordine pubblico.

Con il potere saldamente nelle mani del presidente Niyazov dal 27 luglio 1996, tutti i mass-media e tutte le notizie sono sotto censura.

La nuova obbligatorietà di registrazione per le comunità religiose ha salvato solo le parrocchie islamiche e greco-ortodosse.

Sui credenti delle comunità religiose non registrate è stata esercitata pressione psicologica. Alla fine di giugno 1997, la polizia, durante una perquisizione in una casa di preghiera nella città di Kransnowdsk, ha trovato e confiscato 1700 bibbie.

All'inizio di settembre la polizia ha sequestrato circa 100 bibbie ai venditori di strada. Ma anche le Chiese ortodosse sono preoccupate per la nuova legge religiosa, perché sono a conoscenza della pressione compiuta, nei paesi del centro Asia di maggioranza islamica, nei confronti dei cristiani.

I missionari OMI, Oblati di Maria Immacolata, sono giunti a riportare la Chiesa nel deserto Karakum.
Dal 1996 la Santa Sede aveva allacciato relazioni diplomatiche col Paese; nel settembre 1997 ha eretto la "Missio sui iuris" e Padre Andrzej Madei con il suo confratello Zmitrowicz hanno iniziato la loro avventura.

La presenza cristiana risale al II secolo e si è sviluppata gradualmente fino al XIII quando, sotto il governo di Tamerlano, i cristiani furono costretti a convertirsi all'islam sotto la minaccia della morte.

Con la Russia zarista torna una presenza cattolica, ma le autorità comuniste e alcune catastrofi naturali diedero un forte contributo per eliminarne la presenza. Ora i missionari stanno stringendo contatti con la gente, con i gruppi ortodossi e musulmani.

In una dichiarazione, padre Madej afferma che: "Sei anni fa il Paese divenne indipendente, ma per una Chiesa acquistare personalità giuridica significa raccogliere 500 firme in una sola città.

 Celebriamo la Messa per gli stranieri che sono qui per lavoro, abbiamo cercato di identificare le famiglie con origini cattoliche, qualcuno si è avvicinato a noi, stiamo allacciando contatti con gli ortodossi e i protestanti.

Incontriamo i musulmani in varie occasioni, molta gente prega per noi. Una donna ha detto che siamo un seme dal quale nascerà un albero.

Noi ci auguriamo che un giorno quelle parole si avverino".

Le cinque chiese cattoliche del Turkmenistan sono state distrutte dal regime sovietico, Padre Madej ed altri due preti lavorano per migliorare la situazione, tuttavia la Chiesa cattolica non potrà svolgere lavoro missionario a Aschabad, dove è in corso la costruzione della più grande moschea del mondo, ma saranno i pastori di piccoli gruppi.



Rothschild Spa 322 NWO, AIPAC 666 parassiti usurai - è inutile che strepitate, voi dovete venire con me, nel deserto saudita, tra i rettili come voi!

my JHWH holy - io ti sono debitore del mio lavoro estenuante, per riscattare il sangue innocente di tutti i martiri innocenti, della storia di tutto il Genere Umano, e per dimostrare ai martiri, e a tutti i Popoli, che il loro sangue innocente sulla terra non è caduto inutilmente.
Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino shariah sulla fronte
===================
IL SATANISMO DELLA SHARIAH
io ho donato ad un martire cristiano pakistano 250 euro, DOVE, il Pakistan UNA RAGAZZA CRISTIANA di 14 anni è STATA STUPRATA NELLA CASERMA DELLA POLIZIA, e dove vengono calunniati ed uccisi per blasfemia, e quindi LORO NON SI RIVOLGEREBBERO MAI AGLI INQUIRENTI PAKISTANI.. Il mio amico, in realta, è stato derubato di 2000 euro, da truffatori, che con wester Union hanno preteso inoltro del denaro prima in India e poi, in Sud Africa.. inoltro di denaro, che è stato reso possibile, utilizzando unicamente un amico del Barein ... TUTTO QUESTO è AVVENUTO CON LA MILLANTATA SPERANZA di poter andare a lavorare in Canada.. ma, anche Interpol non mi ha risposto, FORSE RISPONDEREBBERO A VOI.. PER LA VOSTRA BUONA AZIONE DI PASQUA? io non ho nulla da pretendere dal vostro servizio come un atto dovuto...
di tutta questa disavventura io ho la documentazione elettronica
se, la Interpol non volesse ignorare anche il vostro impegno caritativo e oblativo..

se poi noi vogliamo mandare al diavolo il denaro di 2000 dollari circa, che è stato rubato al nosto amico pakistano, e per il quale lui si è indebitato con la sua famiglia...
 in realtà quello che è importante per lui è di venire a lavorare in Italia
per uscire dall'inferno islamico di oppressione angoscia, violazione, deprivazione, sfruttamento che sono uno stato reale di schiavitù
se, voi conoscete un posto di lavoro per lui
per realizzare questa colletta io offro 250 euro

la ideologia si serve di considerazioni storiche distorte, come "Governo Mondiale Ebraico", o come "protocolli anziani di SION" ma, la mia metafisica è così semplice e perfetta, che non ha bisogno del dato religioso o del dato storico, ECCO PERCHé IO SONO LA FRATELLANZA UNIVERSALE, io non ho bisogno di deportare le persone, di contendere sfere di influenza, perché ogni persona del pianeta ha gli stessi diritti e gli stessi doveri, quindi io rimuoverò soltanto gli impedimenti a questo diritto universale alla uguaglianza, ed al pari accesso a beni e servizi! NON SO CHE FARMENE DELLA IDEOLOGIA DELLA STORIA O DI UNA QUALCHE VISIONE RELIGIOSA DELLA VITA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH IE, SAUDI ARABIA AGENDA - tu preferisci i confini del 1967, oppure tu preferisci avere tutta la Palestina? OK! IO TI DO TUTTA LA PALESTINA, E TU MI DAI IL DESERTO DELLA MADIANA ED IL DESERTO EGIZIANO.. perché, quando tu avrai condannato la shariah, poi, vivere con i musulmani sarà una vera felicità di amore!
e se, i Farisei Rothschild Spa, saranno costretti a ritornare.. E LORO CERTAMENTE VERRANNO, SONO COSTRETTI A VENIRE, poi, anche il "signoraggio bancario" che è il potere dei satanisti crollerà! Quindi come crollerà il califfato mondiale, poi, anche il Nuovo Ordine Mondiale crollerà, perché io sono la FRATELLANZA UNIVERSALE

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - non è con la violenza che, l'ISLAM potrà conquistare il mondo! .. tu usi una tecnica medioevale, quando non esistono più i crociati.. perché, i satanisti massoni, FARISEI USURAI VAMPIRI SPA 322 rOTHSCHILD, sono felici del lavoro di satana che tu stai facendo! MA, non è facendo il male a persone innocenti che qualcuno potrebbe sperare di entrare in Paradiso.. ecco perché Il TUO CORANO è "LA MERDA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - se, tu credi che facendo uccidere i martiri cristiani, tu puoi riuscire a fermare i satanisti massoni farisei bildenberg? poi, tu sei uno scemo, che lui cerca di spegnere un fuoco, utilizzando la benzina.. perché durante la guerra mondiale? non potrebbe pù esistere una proporzione quantitaiva circa il numero dei cadaveri.. e quello che tu farai? sarà quello di fare condannare l'ISLAM su tutto il pianeta!

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - e che 666 youtube, lui mi ha cancellato molti video, in ShalomGerusalemme, che difendevano i palestinesi! ma, io ho fiducia che diversi video di difesa dei palestinesi devono esserci ancora

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - io non ho mai condiviso nulla di ogni violenza, che i satanisti americani hanno fatto contro poveri musulmani innocenti! TU INVECE ISTIGHI AD UCCIDERE I CRISTIANI INNOCENTI, PER ESSERE TUTTI GLI ISLAMICI SULLO STESSO LIVELLO DEI FARISEI SATANISTI ENLIGHTENed, 322 BUSH E ROTHSCHILD il vampiro, I TUOI SOSTENITORI E FINANZIATORI! TU CON TUTTI GLI ISLAMICI SHARIAH? TU  SEI LA ABOMINAZIONE! ... non ci potrebbe mai essere per voi una speranza in Paradiso! Io non avrei nessun motivo di contrastare i palestinesi se la shariah fosse condannata.. perché come è documentato: da molti video in ShalomGerusalemme, io in passato, io ho sempre difeso i palestinesi!

Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino sulla fronte )



 Vidimus Dominus


Ucraina: si rafforza ipotesi di monastero cimitero di perseguitati dal comunismo
Dopo la scoperta di una fossa comune risalente al tempo della persecuzione il cardinale Husar chiede riabilitazione vittime
Kiev (Ucraina), 6 settembre (VID) –
Il monastero basiliano di Zhovka, in Ucraina, a 30 km dal confine polacco, nei primi anni del comunismo è diventato un luogo di persecuzione e quindi un cimitero.

Lo hanno rivelato i religiosi, rendendo nota la scoperta di una fossa comune che contiene i resti di 226 persone, tra cui 83 bambini, uccisi a colpi di arma da fuoco. Secondo le prime indagini svolte dagli stessi religiosi, i resti risalgono non al periodo della Seconda Guerra Mondiale, come si pensava in un primo momento, ma agli anni successivi, caratterizzati dalla persecuzione anticattolica.

Nel 1946 infatti, dopo lo scioglimento forzato della Chiesa cattolica, il monastero venne confiscato, diventando una delle basi della polizia segreta. I 35 religiosi che risiedevano nel convento vennero mandati in Siberia.

La macabra scoperta riapre il dibattito sulla memoria storica. Nei mesi scorsi, infatti, il cardinale Husar, dei Monaci Studiti Ucraini, è tornato a chiedere al governo, con insistenza, la riabilitazione delle vittime cattoliche della persecuzione sovietica.




Editoriale - Martiri ucraini, martiri dell'Europa

Il 26 e il 27 giugno Giovanni Paolo II beatifica 29 ucraini e un russo. Fra di essi vi sono 10 vescovi, 15 sacerdoti (uno sposato, secondo la tradizione bizantina), 4 suore, un laico sposato e padre di 4 figli. Un vescovo e un prete sono della chiesa latina, e vengono beatificati come confessori della fede; gli altri appartengono alla chiesa greco-cattolica e sono tutti martiri meno una, suor Josaphata Hordashevska, fondatrice di un ordine caritativo.

La cerimonia di beatificazione, fatta in due tempi (il 26 per i latini; il 27 per i greco-cattolici) è senz'altro il culmine del viaggio del Papa in Ucraina.
Il Giubileo è stato un ringraziamento per i 2 mila anni di storia del cristianesimo.

A questa celebrazione mancava l'espressione di gratitudine verso il ceppo orientale del cristianesimo in Europa che, dal seme di Cirillo e Metodio, si è sviluppato nella Rus', fino ai nostri giorni. Ormai, come i raduni a Kiev e a Lvov hanno dimostrato la chiesa ucraina è viva e presente.

La beatificazione dei confessori e martiri ucraini dice che questa chiesa è matura da tempo.

Non è una comunità nata solo sulle ceneri del comunismo. La sua santità ha radici molto più antiche e più solide.

A leggere la biografia dei beati preparata dalla Congregazione per la Causa dei Santi per la beatificazione, si resta colpiti per la loro modernità e grandezza; il loro eroismo non ha nulla da invidiare a quello dei "colleghi" occidentali.

Il vescovo latino di Leopoli Giuseppe Bilczewiski, agli inizi del '900 lanciò un programma di evangelizzazione che comprendeva non solo la formazione del clero e la catechesi, ma anche le attività sociali e i mass media.

Suor Josaphata, greco-cattolica, fondatrice dell'ordine delle Ancelle di Maria Immacolata, si è impegnata nell'assistenza ai bambini, ai poveri, lottando contro analfabetismo ed emarginazione.

Essi possono essere tranquillamente paragonati a un card. Schuster o a un san Giovanni Bosco.

Il nucleo più infuocato di questa santità orientale è certo quello dei martiri. Il Papa ne beatifica ben 27.

Fra essi spicca il martirio dei due monaci basiliani Severijan Barankyk e Jakym Senkivskyi. Catturati nel '41 dai servizi segreti sovietici, furono rinchiusi nel carcere di Drohobych e uccisi momenti prima che arrivassero le truppe tedesche.

Testimonianze affermano che entrambi vennero messi a bollire e p. Severijan fu addirittura servito come minestra ai suoi compagni di carcere. A sua volta, Zynovij Kovalyk, fu ucciso crocifisso alle pareti della prigione di Lvov.

Vi è pure un martire sotto i nazisti: p. Omelian Kovc. Arrestato dai comunisti, viene liberato dai tedeschi.
In seguito fu arrestato dai tedeschi perché aiutava gli ebrei a fuggire dalla deportazione.

Rinchiuso nel campo di Majdanek (vicino a Lublino, Polonia), morì nel 1944.
La vita e la morte di questi martiri e confessori è un commento plastico a quanto il Papa ha affermato nell'incontro coi rappresentanti religiosi a Kiev: "Un monito per tutti!

Di quali atrocità è capace l'uomo quando si illude di poter fare a meno di Dio!". Questi martiri servono per un esame di coscienza, soprattutto all'Europa.

I nuovi beati hanno infatti un chiaro carattere europeo. Molti di loro hanno studiato e lavorato a Roma, Parigi, Vienna, Cracovia. In vita hanno accolto e protetto ebrei, ucraini, russi, polacchi; la causa della loro morte porta il sigillo del dramma dell'Europa dell'800 e del '900: nazionalismi, totalitarismi, l'Olocausto. Eppure l'Europa li ha dimenticati e la stessa Comunità Europea fa fatica ad accettare che i suoi confini vadano oltre il Muro di Berlino, fino alle rive del Dniepr e oltre.


E in casa cattolica noi cristiani d'occidente, resi miopi dall'ideologia o dalla cautela, ci siamo per troppo tempo vergognati di un card. Slipyij e di tanti martiri ucraini. Pensavamo fossero soltanto degli "anti-comunisti" e invece essi sono fra il meglio del cristianesimo d'Europa. Questa beatificazione, dopo così tanti anni, rende loro giustizia e ci apre un po' di più alla verità. Bernardo Cervellera  (Fides 26/06/2001)