Syrian National Anthem


YouTube

YouTube

590924 iscritti
68994390 visualizzazioni video
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    8 minuti fa
    yes, i am: in "salento"
  • ExecutionKiller
    ExecutionKiller ha pubblicato un commento
    10 minuti fa
    @ IMF666KillTubeStopME  I see 1 of you video you go to a beach ???
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    26 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] NAVIN CHAWLA. AP Wherever she went, it was to her beloved Calcutta that Mother Teresa longed to return. The most succinct summing up of Mother Teresa's life and work remains, in my view, by the Chairman of the Nobel Committee Prof. John Sannes, in his speech at the Nobel Prize ceremony in Oslo in 1979. He said: "The hallmark of her work has been respect for the individual and the individual's worth and dignity. The loneliest and the most wretched, the dying destitute, the abandoned lepers, have all been received by her and her Sisters with warm compassion devoid of condescension, based on her reverence for Christ in man ... In her eyes, the person who, in the accepted sense, is the recipient, is also the giver and the one who gives the most,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    26 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] Giving — giving something of oneself — is what confers real joy, and the person who is allowed to give is the one who receives the most precious gift ... This is the life of Mother Teresa and her Sisters — a life of strict poverty and long days and nights of toil, a life that affords little room for other joys but the most precious." After the Award ceremony, typically, she refused the traditional banquet and instead asked the organisers to give her the money thus saved to feed 'her poor'. People were so moved by this simple gesture that even little children contributed their pocket money. In the process, she collected almost twice the Prize money. Clearly Mother Teresa was by now recognised as the world's foremost conscience keeper.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    26 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] This was a far cry from her early days. For almost 20 years, from 1929 to 1948, she remained an ordinary Loreto nun, teaching geography and catechism. Then on her famous train ride to Darjeeling in 1946, she received a Vision, an order as it were, that she was to leave the security and happiness of the Convent, and step into Calcutta's streets and slums to begin the 'real work'. In those days it was inconceivable for a simple nun, albeit by now the Principal of St. Mary's school to leave her convent, and that too with her vows intact. It seemed absurd to even try to secure permission. Yet, in one of those many miracles that marked her life, her voice reached the Vatican itself. Two years of prayers and persistence paid off when the Vatican gave her the permission to try.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    27 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] The next two years were those of great hardship. Imagine the Kolkata of 1948. The city which had not yet recovered from the Great Bengal Famine of 1941-42, when almost four million died and millions were rendered homeless. This was closely followed by the trauma of Partition which saw a million refugees additionally crowding every inch of space. Into this horror of deprivation stepped a small figure wearing a sari that cost a rupee, similar to those worn by the municipal sweepresses. She had no companion, no helper and no money to speak of. She had so far lived a secure life in the Convent and knew nothing of a large city's dangers. Although a voice in her cajoled her to return to the security of her convent,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    27 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] she instead stepped into the very slum that she used to see from her classroom window. She picked up a stick and started to write the Bengali alphabet on the ground. Soon a few curious children gathered, and a few more the next day. People recognised goodness when they saw it, someone donated a chair, then a blackboard and chalk. A few teachers began to volunteer their services, and soon her first school became a reality. Then, seeing so many sick around her, she began to beg for medicines from chemists, and was able to set up a tiny clinic. She walked miles each day till her body ached. She encountered humiliation. More than once she was to tell me that for us human beings the greatest fear is the fear of humiliation.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    27 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] In those early days of deprivation, she learned the lessons of being rejected, but also the generosity of spirit and goodness. She came to know that the very poor could more easily share their meagre bowls of rice than the rich, who were often reluctant to share at all. Within a few months, some of her Loreto pupils came out to join her Order, the Missionaries of Charity. Soon her little band of Sisters grew to 12. Now they began to be noticed, as they walked in pairs in their trademark white saris with blue borders. One of her earliest supporters was Dr. B.C. Roy, the legendary Chief Minister of West Bengal. In later years, the equally legendary Jyoti Basu lent her his shoulder. In the course of writing my biography of Mother Teresa, I asked him what he, a Communist and atheist,
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    27 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] could possibly have in common with Mother Teresa, for whom God was everything. He replied: "We both share a love for the poor." By the time Mother Teresa died in 1997, she had set up arguably the world's largest humanitarian programme outside of a Government. She established a presence in 123 countries, creating hundreds of feeding centres, medical clinics, leprosy stations, AIDS hospices, primary schools, Shishu Bhawans for abandoned infants and shelters for the elderly destitute that benefited millions. Nor were all these in the poorer parts of the world. She opened hundreds of shelters in Europe, America and Australia for drug addicts, alcoholics and the destitute. She called the loneliness of Europe's large cities the "leprosy of the West".
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    27 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] I visited her homes for those dying of AIDS in the United States, and met with elderly cast-offs in her centres in Europe. I walked with her Sisters on a cold and wintry night under London's Waterloo Bridge, providing hot soup to people whose only home was a cardboard box the size of a coffin. I spent time in the soup kitchen in the Vatican, which she had persuaded Pope John Paul II to carve out near his grand Audience Chamber by persuading him that Rome's poor deserved at least one hot meal a day. Later, she would joke that her poor were the only people who could enter St. Peter's without a ticket!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    29 minuti fa
    [Mother Teresa, Motherhouse, social service: The refuge of the wretched and the abandoned ] But wherever she went in the world, visiting her ashrams, and however much she pushed herself in spite of her growing pain, it was to her beloved Kolkata that she would long to return. Ultimately, it was in her little room in Motherhouse that she died, and lies buried in a simple grave in Motherhouse itself, which bears the epitaph. "Love one another as I have loved you." (Navin Chawla is a former Chief Election Commissioner of India and biographer of Mother Teresa. Today he commemorates Mother Teresa's 102nd birth anniversary.) navinbchawla@hotmail.com
  • GunsOfArmor
    GunsOfArmor ha pubblicato un commento
    36 minuti fa
    hey hey hey
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    43 minuti fa
    horror Pakistan [against satanAllah in talmud of IMF 666] for example:. in the case of Asia Bibi? the Muslim women were jealous, because while they were ugly: Asia Bibi: instead, it was very nice! in fact, that poor woman? was raped repeatedly in prison!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    48 minuti fa
    [against satanAllah in talmud] the blasphemy law: makes it impossible to scientific research and thus makes impossible any scientific truth: about the story! In fact, everything is crystallized on the partisanship of men of religion! who in wickedness and cruelty? gave ample evidence of itself! but these are not the feelings of God! la legge sulla blasfemia: rende impossibile la ricerca scientifica: e quindi rende impossibile: ogni verità scientifica: circa la storia! infatti, tutto rimane cristallizzato sulla faziosità degli uomini della religione! i quali a malvagità e crudeltà? hanno dato ampia dimostrazione di se! ma, questi non sono i sentimenti di Dio!
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    52 minuti fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi for 'planting' Koran pages. ANITA JOSHUA. The blasphemy case involving an 11-year-old girl with Down Syndrome took a curious turn that could end her ordeal when the police on Saturday evening arrested a cleric for allegedly planting pages of the Koran among burnt papers found in her possession. The cleric, Khalid Judoon Chishti, was produced before a magistrate on Sunday and sent to 14 days judicial remand. He was arrested after a witness in the case, Hafiz Zubair (a muezzin of the mosque where Maulvi Chishti leads the prayers) told a magistrate that he saw the prayer leader putting pages of the Koran in the polythene bag containing burnt papers that the accused, Rimsha Masih, was carrying.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    52 minuti fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] After Mr. Zubair made the statement before the magistrate, the police obtained a warrant for the Maulvi's arrest and went to the locality with a huge contingent to deal with any protests that may erupt while imprisoning him. He has now been booked under the blasphemy law, which provides for death sentence as he had desecrated the Koran by putting pages from it in a bag that contained ashes. To evict Christians. According to Mr. Zubair, the complainant — who had allegedly seen Ms. Masih burning the pages — had brought the packet to the mosque to show it to the Maulvi. The Maulvi, as per Mr. Zubair's statement, added some pages of the Koran to the packet to strengthen the case against the girl and facilitate the eviction of Christians from the slum cluster on the outskirts of the federal capital.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    53 minuti fa
    [slander of Blasphemy to do personal vendettas] Blasphemy case against Maulvi.]] Though there had been conflicting reports on the circumstances in which Ms. Masih was found with the burnt pages of the Koran, she was arrested under the blasphemy law over a fortnight ago and sent to the Adiala Jail amid protests from civil society. In fact, till date, versions differ on the contents of the pages found in her possession with some claiming they were from a primer used to teach children the scriptures. In view of the latest development in the case, civil society activists have stepped up their demand for the amendment of the blasphemy laws to avoid their misuse as is apparent in this instance. They recalled that this was exactly what assassinated Governor of Punjab Salman Taseer had been demanding.
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    @to all Nations --> who is responsible, to stop the rise of unius REI, to condemn to death the whole human race? maybe you do not know: that, is the system Masonic: of banking seigniorage, which has essential needs, of wars to live? The architect of this system? is satan himself: in his Talmud and Kabbalah, to retain power at all costs: how to make the Holocaust against my Jewish people !
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    UniusRei3 posted a comment 4 hours ago Report spam [Against satanic IMF 666] -> soon, again Fill your mouth and your lips smile of joy. Your enemies saran covered with shame, and the tent of the wicked will be no more. AT Job 8, 21 While they were still near Jerusalem, Appeared as leader before them a knight on horseback, dressed in white and brandishing golden armor. All together they blessed God merciful and felt so Strengthened in heart, they were ready to attack not only men, but Also the most ferocious beasts, and the walls of iron. 2 Maccabees 11.08
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    king  Unius Rei posted a comment 4 hours ago Cain @ 666 IMF CIA -> I am a politician, I know my action is not religious in nature, but as has been amply Demonstrated: I demolish the kingdom of Satan, in a supernatural way! That's why there are too many, of Those Who Hurt Themselves will! I want to remember ... That Yhwh, having freed the people from the land of Egypt, wiped out at a later time, Those who disbelieved, and put in custody, with chains in the darkness of hell, Those angels who were unable to 'maintain Their primeval dignity ... Judah 1, 5
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    and to you, That you are now afflicted, relief along with us When we manifest the Lord Jesus from heaven with his mighty angels , in flaming fire taking vengeance on Those who do not know God and do not obey the gospel of our Lord Jesus Who Shall be punished with eternal destruction, away from the face of the Lord and from the glory of his power, II Thessalonians 1, 7 [of course, the destruction of Jerusalem was a coincidence?] When he drew near and saw the city [ Jerusalem ] and wept over it, saying, "If I understand you, too, on this day, the path of peace! (*) But now they are hidden from your eyes. days will come upon you When Your enemies will encircle the trenches, and will surround you in on every side, they will dash you and your children Within You, and not leave in thee one stone upon another; Because you did not Recognize the time of your visitation. "Luca19, 41
  • IMF666KillTubeStopME
    IMF666KillTubeStopME ha pubblicato un commento
    1 ora fa
    if the opposition Agrees: for my good common sense? I can act as a mediator! Why: I am Certain of this: even: Assad would not like to keep: his regime! but, are: murderers international (U.S. and Arab League) That has forced him, and all minorities: in the Sirian country: to a fight for his own life: that is, for survival: why This should not be forgotten: where there were , Americans, ie, in Iraq? 1000.000 of the Christians are gone or are die! if the opposition Accepts: common sense? I can act as a mediator! Because: I am Certain of this: even: Assad want to keep: his regime! are the murderers International (U.S. and Arab League) That forced him, and all minorities in the country siraiano: a fight for his own life: that is, for survival, Because It Should not be forgotten, where there were, Americans, That Is in Iraq? 1000.000 of Christians are gone!

Syrian National Anthem


783 visualizzazioni
Caricato da in data 28/dic/2011
Syrian National Anthem
  • mi piace, 0 non mi piace

Tutti i commenti

I commenti sono disabilitati per questo video.
 Rothschild Spa 322 NWO, AIPAC 666 parassiti usurai - è inutile che strepitate, voi dovete venire con me, nel deserto saudita, tra i rettili come voi!

my JHWH holy - io ti sono debitore del mio lavoro estenuante, per riscattare il sangue innocente di tutti i martiri innocenti, della storia di tutto il Genere Umano, e per dimostrare ai martiri, e a tutti i Popoli, che il loro sangue innocente sulla terra non è caduto inutilmente.
Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino shariah sulla fronte
===================
IL SATANISMO DELLA SHARIAH
io ho donato ad un martire cristiano pakistano 250 euro, DOVE, il Pakistan UNA RAGAZZA CRISTIANA di 14 anni è STATA STUPRATA NELLA CASERMA DELLA POLIZIA, e dove vengono calunniati ed uccisi per blasfemia, e quindi LORO NON SI RIVOLGEREBBERO MAI AGLI INQUIRENTI PAKISTANI.. Il mio amico, in realta, è stato derubato di 2000 euro, da truffatori, che con wester Union hanno preteso inoltro del denaro prima in India e poi, in Sud Africa.. inoltro di denaro, che è stato reso possibile, utilizzando unicamente un amico del Barein ... TUTTO QUESTO è AVVENUTO CON LA MILLANTATA SPERANZA di poter andare a lavorare in Canada.. ma, anche Interpol non mi ha risposto, FORSE RISPONDEREBBERO A VOI.. PER LA VOSTRA BUONA AZIONE DI PASQUA? io non ho nulla da pretendere dal vostro servizio come un atto dovuto...
di tutta questa disavventura io ho la documentazione elettronica
se, la Interpol non volesse ignorare anche il vostro impegno caritativo e oblativo..

se poi noi vogliamo mandare al diavolo il denaro di 2000 dollari circa, che è stato rubato al nosto amico pakistano, e per il quale lui si è indebitato con la sua famiglia...
 in realtà quello che è importante per lui è di venire a lavorare in Italia
per uscire dall'inferno islamico di oppressione angoscia, violazione, deprivazione, sfruttamento che sono uno stato reale di schiavitù
se, voi conoscete un posto di lavoro per lui
per realizzare questa colletta io offro 250 euro

la ideologia si serve di considerazioni storiche distorte, come "Governo Mondiale Ebraico", o come "protocolli anziani di SION" ma, la mia metafisica è così semplice e perfetta, che non ha bisogno del dato religioso o del dato storico, ECCO PERCHé IO SONO LA FRATELLANZA UNIVERSALE, io non ho bisogno di deportare le persone, di contendere sfere di influenza, perché ogni persona del pianeta ha gli stessi diritti e gli stessi doveri, quindi io rimuoverò soltanto gli impedimenti a questo diritto universale alla uguaglianza, ed al pari accesso a beni e servizi! NON SO CHE FARMENE DELLA IDEOLOGIA DELLA STORIA O DI UNA QUALCHE VISIONE RELIGIOSA DELLA VITA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH IE, SAUDI ARABIA AGENDA - tu preferisci i confini del 1967, oppure tu preferisci avere tutta la Palestina? OK! IO TI DO TUTTA LA PALESTINA, E TU MI DAI IL DESERTO DELLA MADIANA ED IL DESERTO EGIZIANO.. perché, quando tu avrai condannato la shariah, poi, vivere con i musulmani sarà una vera felicità di amore!
e se, i Farisei Rothschild Spa, saranno costretti a ritornare.. E LORO CERTAMENTE VERRANNO, SONO COSTRETTI A VENIRE, poi, anche il "signoraggio bancario" che è il potere dei satanisti crollerà! Quindi come crollerà il califfato mondiale, poi, anche il Nuovo Ordine Mondiale crollerà, perché io sono la FRATELLANZA UNIVERSALE

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - non è con la violenza che, l'ISLAM potrà conquistare il mondo! .. tu usi una tecnica medioevale, quando non esistono più i crociati.. perché, i satanisti massoni, FARISEI USURAI VAMPIRI SPA 322 rOTHSCHILD, sono felici del lavoro di satana che tu stai facendo! MA, non è facendo il male a persone innocenti che qualcuno potrebbe sperare di entrare in Paradiso.. ecco perché Il TUO CORANO è "LA MERDA!

Mr. Ayman Al Zawahri SHARIAH - se, tu credi che facendo uccidere i martiri cristiani, tu puoi riuscire a fermare i satanisti massoni farisei bildenberg? poi, tu sei uno scemo, che lui cerca di spegnere un fuoco, utilizzando la benzina.. perché durante la guerra mondiale? non potrebbe pù esistere una proporzione quantitaiva circa il numero dei cadaveri.. e quello che tu farai? sarà quello di fare condannare l'ISLAM su tutto il pianeta!

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - e che 666 youtube, lui mi ha cancellato molti video, in ShalomGerusalemme, che difendevano i palestinesi! ma, io ho fiducia che diversi video di difesa dei palestinesi devono esserci ancora

Mr Ayman Al Zawahri SHARIAH - io non ho mai condiviso nulla di ogni violenza, che i satanisti americani hanno fatto contro poveri musulmani innocenti! TU INVECE ISTIGHI AD UCCIDERE I CRISTIANI INNOCENTI, PER ESSERE TUTTI GLI ISLAMICI SULLO STESSO LIVELLO DEI FARISEI SATANISTI ENLIGHTENed, 322 BUSH E ROTHSCHILD il vampiro, I TUOI SOSTENITORI E FINANZIATORI! TU CON TUTTI GLI ISLAMICI SHARIAH? TU  SEI LA ABOMINAZIONE! ... non ci potrebbe mai essere per voi una speranza in Paradiso! Io non avrei nessun motivo di contrastare i palestinesi se la shariah fosse condannata.. perché come è documentato: da molti video in ShalomGerusalemme, io in passato, io ho sempre difeso i palestinesi!

Ayman Al Zawahri ( che lui ha il segno di Caino sulla fronte )




Il martirio e il suo significato spirituale
a cura di dott. don Pierpaolo Caspani
     
     Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai loro tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani… E sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi persevererà sino alla fine sarà salvato (Mt 10, 17-22).

     È questa la pagina del vangelo di Matteo che leggiamo nella Messa della solennità di S. Stefano (26 dicembre): Gesù predice ai suoi discepoli la persecuzione "a causa sua"; e Matteo, che riporta queste parole, vive in una comunità che ha già sperimentato la persecuzione. Il tema del martirio, dunque, affonda le sue radici già nel Nuovo Testamento.

     Partendo da qui vogliamo raccogliere il messaggio che viene dall'esperienza dei martiri, ripercorrendo sia pur velocemente qualche tappa significativa della storia della fede cristiana.

     Prima di cominciare la nostra rapida corsa nella storia, è opportuna una precisazione sul termine "martire", dato che esso conosce un mutamento se non proprio di significato, perlomeno di accento. Un mutamento che possiamo riassumere in uno slogan: inizialmente si è uccisi perché martiri; poi si è martiri perché uccisi. Uccisi perché martiri.

     Nel Nuovo Testamento, il termine "martire" (martuV o martur) riprende il significato che questa parola ha nella lingua greca, dove indica il testimone: colui che ha visto un fatto e può darne testimonianza, ma anche colui che afferma la verità delle proprie convinzioni. I cristiani, dunque, sono martiri, perché testimoni di Cristo: professano la loro fede in Lui e, per questo motivo, vengono perseguitati ed uccisi. In questo primo momento, l'accento è posto sulla testimonianza. A partire dalla metà del II secolo, invece, leggendo i racconti dei martiri, ci accorgiamo che l'accento viene sempre più messo sulla morte violenta di coloro che testimoniano la propria fede.

Martire è colui che muore per la fede. Ciò che rende tale il martire è la sua morte a causa della fede, non più solamente la testimonianza della fede. Martiri perché uccisi, dunque.

I martiri dei primi secoli
La svolta del IV secolo
Martiri di tutti i tempi
Un messaggio per noi
I. I martiri dei primi secoli

1. Le persecuzioni da parte dei Giudei

I primi martiri sono vittime delle persecuzioni da parte dei Giudei. Stando al racconto degli Atti degli Apostoli, dopo la Pentecoste, si ripropone la situazione che ha preceduto la morte di Gesù: mentre le conversioni si moltiplicano e la prima comunità cristiana si organizza, si organizza anche la reazione degli Anziani e degli scribi.

Ritroviamo così sulla scena tutti gli artefici della condanna di Gesù: Caifa, Anna e i capi delle grandi famiglie di Gerusalemme.

I discepoli di Gesù vengono a trovarsi in una situazione simile a quella del loro Maestro: il martire è colui che dà testimonianza, vivendo questa situazione come l'ha vissuta il Maestro.

Non a caso, il primo martirio - quello di Stefano - è presentato come la perfetta imitazione della passione e morte di Gesù: per Stefano, come per Gesù, bisogna ricorrere a falsi testimoni per formulare l'accusa che, in ambedue i casi, riguarda parole dette contro il tempio di Gerusalemme; sia Stefano che Gesù evocano la figura del Figlio dell'Uomo, in piedi alla destra di Dio; entrambi vengono messi a morte fuori da Gerusalemme.
Soprattutto, però, è identico l'atteggiamento dei due di fronte alla morte: Stefano affida il proprio spirito a Gesù, come Gesù l'aveva affidato al Padre; come Gesù, Stefano chiede perdono per chi lo mette a morte; sia Gesù che Stefano muoiono con un alto grido. Stefano, primo martire, è dunque il perfetto imitatore di Gesù.

Più profondamente, nel martire è Cristo stesso che agisce di nuovo e di nuovo vince le forze del male. La Chiesa, quindi, ne accoglie la testimonianza come se venisse da Cristo stesso: è Lui che parla attraverso i martiri.

2. Le persecuzioni da parte dell'Impero romano

Prima della persecuzione di Nerone (64 d.C.), cristianesimo ed Impero convivono in maniera sostanzialmente pacifica. La Chiesa ha uno scarso peso sociale e non viene avvertita come un pericolo per l'Impero.

In effetti, i primi cristiani pensavano che il ritorno glorioso del Signore fosse imminente: presto il Signore sarebbe tornato e avrebbe instaurato il suo Regno. Di conseguenza l'ordine politico e sociale esistente era un fatto temporaneo: si poteva benissimo tollerarlo, a patto di non essere obbligati ad abbracciare la religione pagana.

Man mano che la Chiesa si diffonde e si organizza, però, i pagani cominciano ad essere presi dal timore: "E se questi folli che parlano di un Regno che non è di questo mondo venissero a toglierci il nostro regno, le nostre tradizioni, la nostra cultura e le nostre usanze?".

È proprio da questo timore che nascono le persecuzioni.
L'atteggiamento dei cristiani nei confronti dell'Impero che li perseguita è documentato in maniera esemplare dagli Atti dei martiri scillitani. Si tratta di sette uomini e cinque donne, arrestati a Scillium (Africa del nord) e portati a Cartagine, davanti al tribunale del proconsole Saturnino. Il loro processo si svolge il 17 luglio 180.

Da questi Atti - che riprendono fondamentalmente il verbale del processo e sono dunque molto scarni e privi di orpelli retorici - ricaviamo tre indicazioni interessanti.

In primo luogo i cristiani dichiarano la loro lealtà nei confronti dell'Impero e delle sue leggi: "Non abbiamo mai fatto nulla di male; non abbiamo mai insultato nessuno…: perché noi obbediamo al nostro imperatore": afferma Sperato. Poco dopo aggiunge: "Io non ho rubato nulla e pago una tassa ogni volta che acquisto qualcosa".

I cristiani, però, rifiutano lo stato, quando questi si pone come valore assoluto.

 In questa linea evidentemente non accettano di considerare l'imperatore alla stregua di un dio: "Onore a Cesare in quanto Cesare, ma timore solo verso Dio". In queste parole di Donata sentiamo risuonare il celebre detto di Gesù: "Date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio". " Narzalo, infine, che, dopo che il proconsole ha emesso la sentenza di morte, esprime il proprio rendimento di grazie a Dio: "Oggi stesso siamo martiri in cielo: grazie a Dio".
Le reazioni dei pagani di fronte al martirio dei cristiani oscillano tra disprezzo ed ammirazione. "I cristiani sono pieni di odio per il genere umano": scrive lo storico Tacito.

Plinio il Giovane parla di "testardaggine" e di "ostinazione inflessibile" dei martiri cristiani. L'imperatore Marco Aurelio è disgustato dall' "audacia volgare" con la quale i cristiani si precipitano verso la morte.

Un disprezzo che certo nasce dall'incomprensione, ma che, in qualche caso, pare giustificato da alcuni atteggiamenti dei martiri stessi. Accanto al disprezzo troviamo però anche l'ammirazione nei confronti della fermezza dei martiri.

Ammirazione che, in diversi casi, porta alla conversione alcuni pagani, testimoni della morte dei cristiani.

Come scrive Tertulliano, "il sangue dei martiri è seme di nuovi cristiani". Dalla sofferenza dei martiri la Chiesa esce rinvigorita e rafforzata.


II La svolta del IV secolo

1. La pace di Costantino e il culto dei martiri
Il IV secolo era cominciato male per il cristianesimo: tra il 303 ed il 304, l'imperatore Diocleziano si era accanito contro il cristianesimo con una violenza senza precedenti.
Con Costantino si realizza l'impensabile: una religione fino ad allora maledetta e vietata diventa religione non solo lecita, ma addirittura privilegiata.

A partire dal 15 giugno 313, con l'editto di Milano, ai cristiani viene riconosciuta piena libertà di culto, mentre l'imperatore non nasconde le sue simpatie per il cristianesimo.

La pace raggiunta non fa dimenticare ai cristiani quei fratelli che hanno sparso il loro sangue per la fede.

Al contrario, i cristiani sopravvissuti ripensano ai martiri con riconoscenza, fierezza e devozione.

Così, a partire dal IV secolo, si sviluppa il culto dei martiri, che già in precedenza venivano venerati in maniera molto sobria.

Due sono le fondamentali espressioni di questo culto, introdotte a partire dal IV secolo: la cura delle tombe dei martiri, sulle quali vengono edificate grandi basiliche; la celebrazione della festa del martire nel giorno anniversario della sua morte, cioè della sua "nascita al Cielo".

Alcuni storici moderni affermano che il culto dei martiri ha sostituito il culto delle divinità pagane, venerate nelle diverse località.

In questa tesi, c'è una parte di verità. Tuttavia vanno onestamente riconosciute le differenze che esistono tra la venerazione nei confronti di un martire ed il culto di una divinità pagana.
Differenze che i pastori della Chiesa non hanno mancato di richiamare con forza,
come documenta questo testo di S. Agostino:

Per noi, i martiri non sono degli dei, perché noi sappiamo che lo stesso unico Dio è insieme nostro Dio e loro Dio… Ai nostri martiri noi non costruiamo dei templi, come fossero dei, ma delle tombe, in quanto sono dei mortali, il cui spirito ora vive con Dio. Noi non erigiamo degli altari per sacrificare ai martiri, ma al Dio unico dei martiri e nostro… " È a Dio, e non a loro, che viene offerto il sacrificio.

I martiri, quindi, non sono dei o semi-dei; sono semplici mortali, credenti che hanno ricevuto la grazia di morire per Cristo.

Li veneriamo come nostri fratelli, coi quali siamo in comunione: la comunione che unisce i santi del Paradiso ed i fedeli ancora in cammino sulla terra.

2. I "successori" dei martiri
Con la fine delle persecuzioni, alcuni cristiani si pongono una domanda: "Come vivere il martirio dove non ci sono più persecuzioni? Come accogliere l'invito di Gesù a seguirlo portando la propria croce, adesso che non c'è più l'occasione di spargere il proprio sangue per Lui?".

 La nascita (o lo sviluppo) del monachesimo sono proprio il tentativo di dare risposta a questa domanda. La pazienza, la costanza e l'energia con cui i monaci perseverano nella loro scelta di vita fanno di loro dei "martiri viventi".

Il martire, quindi, è e resterà nella Chiesa il santo per eccellenza.

Il monachesimo e le altre forme di santità sono, in fondo, modi per vivere il martirio, dove non c'è più la persecuzione.

In questa linea, ricordiamo l'idea, diffusa soprattutto in ambito irlandese, secondo cui si può parlare di tre forme di martirio: il martirio rosso, quello in senso proprio, caratterizzato dallo spargimento del sangue; il martirio bianco, quello di chi dedica la propria vita a Dio nell'ascesi e nella verginità; il martirio verde, vissuto mettendo in atto le opere penitenziali o il viaggio missionario per portare il vangelo in altri paesi.

III. Martiri di tutti i tempi

Con la pace del IV secolo, le persecuzioni diventano molto più rare, ma non scompaiono
del tutto. Esse si ripropongono ogniqualvolta i cristiani vengono a trovarsi in minoranza.

Questo accade soprattutto nei paesi conquistati dall'Islam o, in epoca più vicina a noi, negli stati governati da regimi dichiaratamente atei, che vogliono sradicare la fede ed imporre l'ateismo.

Tuttavia, la maggior parte dei martiri venerati nella Chiesa dalla fine del Medioevo ad oggi appartengono alla storia delle missioni.

Dalla Cina al Giappone, dal Vietnam all'India, dall'Oceania all'America del Nord, all'Africa, la lista dei missionari e dei cristiani indigeni massacrati per la fede cristiana è impressionante.

     In particolare, il Giappone nel XVII secolo ed il Vietnam nel XIX hanno dato più martiri di quanti non ne abbia dati la Chiesa dei primi tre secoli. Certamente in questi paesi le persecuzioni si scatenarono anche per una serie di motivi politici, economici e culturali.

Questa considerazione impone molta cautela nel formulare giudizi di carattere storico. Non si può comunque evitare di riconoscere come martiri migliaia di uomini e donne che accettarono di morire piuttosto che rinnegare la fede.

IV. Un messaggio per noi

Il messaggio per noi lo ricaviamo, ritornando al Nuovo Testamento, da cui ha preso le mosse la nostra corsa nella storia. Ci riferiamo ad un passo della prima lettera di Pietro, che probabilmente porta in sè gli echi della persecuzione di Nerone:

E chi vi potrà fare del male, se sarete ferventi nel bene? E se anche dovreste soffrire per la giustizia, beati voi!

 Non vi sgomentate per paura di loro, nè vi turbate, ma adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.

Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perchè nel momento stesso in cui si parla male di voi rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo. È meglio infatti, se così vuole Dio, soffrire operando il bene che facendo il male
(1Pt 3,13-17).

Questo testo vuole rispondere alla domanda: "Come si comporta un cristiano nella persecuzione?". Certo oggi da noi non si può parlare di persecuzione contro chi crede.

Però capita spesso che un credente si trovi in mezzo a persone che non condividono la sua fede e non lo capiscono.

Raramente oggi da noi la fede è attaccata con violenza.
Più spesso è considerata inutile, irrilevante, qualcosa di cui si può benissimo fare a meno. Così un credente, anche oggi da noi, può trovarsi a disagio. C'è anche oggi una sofferenza per la fede. Per questo le parole di Pietro sono rivolte anche a noi.

Ne sottolineiamo tre.

"Se sarete ferventi nel bene, chi potrà farvi del male?". Se uno è fervente nel bene, niente potrà fargli veramente male.

Anche la sofferenza che uno affronta nel fare il bene non porta sconforto, ma beatitudine: "Se anche dovreste soffrire per la giustizia, beati voi!". Parole assurde al di fuori di una logica di fede.

"Siate sempre pronti a rendere ragione della speranza che è in voi".

Il credente è sempre pronto a mostrare agli altri le ragioni, i motivi, i "perché" che sostengono la sua fede. E le ragioni che sostengono la fede dei credenti di oggi sono in fondo identiche a quelle che hanno sostenuto i martiri di ogni tempo nella professione della loro fede: Non possiamo vivere senza Cristo. A tutto possiamo rinunciare, ma non a Cristo.

La fede in Lui vale più della vita stessa, perché una vita senza Cristo è vuota e senza senso.
"Questo sia fatto con dolcezza e rispetto". La professione della propria fede, anche di fronte a chi l'avversa, va fatta con dolcezza e rispetto.

Chi si sente a disagio, chi si sente non capito, chi si vede attaccato facilmente è portato a reagire con violenza.

"Dolcezza e rispetto", raccomanda invece Pietro. Dolcezza e rispetto, che sono segni di forza vera. Non a caso, da S. Stefano in poi, il perdono dato ai persecutori è uno degli aspetti più caratteristici che accompagnano la morte dei martiri.

Don Pierpaolo Caspani  
 
 
 
 

 
   

Il XXI secolo ha scoperto i martiri tecnologici
---------------------------------------------------------------

Gad Lerner
Avvenire, 4 Dicembre 2001
 Caro Franco, smettila con le tue illusioni, ormai viviamo nell'epoca degli uomini bomba. Determinati a usare il proprio corpo come detonatore - la più oscena delle armi improprie, la più inquietante delle manipolazioni genetiche -, con i martiri tecnologici dell'Islam ci stanno trascinando dentro a un nuovo Medioevo contemporaneo.

Altro che Uomo Nuovo, sono mutanti.

I martiri islamici provano indifferenza nei confronti del nemico da eliminare (ebrei/cristiani; militari/civili; maschi/femmine; adulti/bambini) perché provano indifferenza nei confronti di se medesimi.

Qui si misura il divario fra noi e loro, decisivo, anche se altre circostanze mi impediscono di sentirli del tutto estranei.

Il loro corpo già probabilmente addestrato a respingere le tentazioni del sesso e dell'alcol viene plasmato come arma temibile, istruito alla guida di congegni sofisticati, ma non per garantirne la salvaguardia nella difesa e nell'offesa, bensì per propiziarne la disintegrazione.

 Attraverso questo passaggio il terrorismo religioso consolida e oltrepassa il terrorismo politico. Fornisce visione globale e logica di potenza a un odio generato dalla frustrazione, da un atavico sentimento di inferiorità, ben prima che dalla disperazione sociale.

È evidente ormai che alle spalle degli uomini bomba non si trova solo una piccola setta isolata nel mare magnum dell'Islam, ma un movimento vasto e diffuso. Un nemico vero, caro Franco.

Un nemico che però - come ti accennavo - non riesco a sentire estraneo fino in fondo, e ciò naturalmente aumenta il mio disagio.

Guardo sui giornali le foto segnaletiche e avverto intensamente una familiarità con questi corpi trasformati in ordigni.

     Gli stessi occhi scuri, lo stesso colorito olivastro, la stessa terra d'origine, le stesse h aspirate o gutturali delle lingue semitiche, lo stesso gusto per i cibi speziati e la sensualità orientale.

Gli piaccia o meno, faccio parte del loro paesaggio e del loro immaginario fin da prima della nascita del Profeta.

Con alcuni dei terroristi probabilmente, ho in comune anche la città natale, sebbene ormai la Beirut che ho lasciato bambino quarantacinque anni fa sia diventata l'ultimo posto in cui consiglierei a un ebreo di vivere.

 Al cambio di millennio ci ritroviamo in una moltitudine con l'anima ormai divisa in due fra la sponda nord e la sponda sud del Mediterraneo.

Ma proprio la contiguità, l'essere destinato a convivere, esaspera la distanza.
     Il ventunesimo secolo è stato inaugurato dai martiri assassini. Per questo ti propongo di avviare il nostro dialogo dalla nozione di martirio, che già aveva assunto una terribile ambiguità nel ventesimo secolo.

Martiri gli ebrei sterminati ad Auschwitz? I preti spagnoli e i monaci russi perseguitati dall'ateismo? Gli sciiti iraniani che si battevano a mano nude contro l'esercito dello shah?

Ti ricorderai forse di quando, nel settembre del 2000, il rabbino integralista Ovadia Yossef, capo spirituale del partito Shas che rappresenta in Israele gli ultraortodossi orientali, interpretò lo sterminio nazista come punizione divina per gli ebrei europei inclini alla laicità.

Una follia non dissimile da quella dei telepredicatori americani Jerry Falwell e Pat Robertson che dopo la strage delle Twin Towers e del Pentagono hanno arringato via etere un popolo in lutto: «Ce lo siamo meritato, è il frutto dei nostri peccati!»

     Le interpretazioni provvidenziali del martirio come olocausto, sacrificio al Signore, rischiano sempre più di bestemmiare il loro Destinatario, alimentando inammissibili teorie speculari e attribuendo al Male una funzione salvifica proprio come nel caso dei martiri assassini sospinti al suicidio da al Qaeda, Hamas, Jihad, Hezbollah.



SONO RITORNATI I MARTIRI
   Giovanni Paolo II nella Tertio Millennio Adveniente (TMA) ha la parresia di dire che la fioritura del cristianesimo nel primo millennio si verifica non grazie a Costantino, bensì grazie alla seminagione dei martiri.

Nei secoli della cristianità i martiri sono ancora presenti agli estremi confini (i fines christianorum, nuove colonne d'Ercole) del mondo cristiano, e comunque rari nella chiesa occidentale, perché la morte in odium fidei è diventata quasi impossibile: chi odia la fede cristiana tra i potenti di un mondo cristiano?

   Dopo i martiri delle persecuzioni romane e quelli dell'evangelizzazione dei germani (non a caso ai "confini" della cristianità), dopo che il capetingio Roberto il Pio (+ 1031) avrà condannato per eresia e fatto bruciare vivi dodici canonici della cattedrale di Orléans, iniziando la storia dei roghi nella cristianità del secondo millennio, il martirio tornerà realtà concreta con Thomas Becket (+1170), ma proprio la rarità dell'evento procurerà un'enorme impressione e una perenne memoria nella cristianità.
  
Così la straordinarietà del martirio, la forma sanctitatis, passa al monachesimo, poi ai dottori, quindi a re e principi e infine a fondatori di iniziative filantropiche e assistenziali.

   Ma ecco che in questo nostro secolo, con la fine della cristianità, sono ritornati i martiri: abbiamo assistito e assistiamo a una nuova ondata di martiri quale non si era registrata a partire dal 4° secolo, che avviene, occorre confessarlo, in una grande trasparenza, senza ambiguità del segno. Il martirio ha di nuovo oggi la sua epifania tramite testimoni eloquenti, conosciuti, ma anche tramite "militi ignoti della grande causa di Dio".

Sì, "al termine del secondo millennio la chiesa è diventata nuovamente chiesa di martiri, e la testimonianza resa a Cristo sino allo spargimento di sangue è diventata patrimonio comune di cattolici, ortodossi, anglicani e protestanti…

L'ecumenismo dei santi, dei martiri è forse il più convincente. La communio sanctorum parla con voce più alta dei fattori di divisione" (TMA 37).
   Eccoci dunque a riflettere sul martirio oggi, epiphania crucis, in rapporto al martirio antico, e quindi a riflettere sulla portata ecumenica di questo dono rinnovato da Dio alle sue chiese.

MARTIRIO ANTICO E NUOVO: DINAMICA TEOLOGICA

   Nella storia della chiesa ci sono stati molti martiri e, di conseguenza, molti paradigmi di martirio, anche se di fatto è stato elaborato un "canone" per il discernimento del martirio e di chi lo ha vissuto.

La forma originaria del martirio, quale l'abbiamo conosciuta attraverso gli Acta martyrum, forma ispirata da Stefano nel N.T. e poi da Policarpo di Smirne, Ignazio di Antiochia e i martiri vittime dell'impero romano, ci ha reso epifanico il cristiano che, come miles Christi, soldato di Cristo, muore per il suo Signore, condividendone la passione di fronte al potere politico e alla polis pagana, fornendo una professione di fede pubblica, restando saldo e paziente durante l'esecuzione capitale.

Potremmo dire che il martirio antico trova il suo prototipo addirittura nella morte di Gesù come narrata da Luca, morte in croce che è spettacolo (theoria) per le folle che ritornano percuotendosi il petto (Lc 23,48).
  
Tommaso d'Aquino, che forzatamente legge il martirio soprattutto attraverso l'eredità della chiesa dei primi tre secoli, ha potuto così descriverlo fissandone la "forma": "Il martirio è un atto di virtù, comandato dalla carità, accompagnato dalla patientia, a causa, a motivo di Cristo, non solo quando si soffre per la fede in lui, ma anche quando si soffre per amore di Cristo e per un'opera di giustizia". Tommaso allarga e declina la formula di Agostino: "Martyres non facit poena sed causa", mettendo sempre in risalto la causa, connessa non solo alla fede evangelica, ma anche alla prassi evangelica.
   Ma indubbiamente quella forma martirii, che possiamo definire antica, anche se estesa da Tommaso ai secoli successivi, oggi non è più sufficiente per aiutarci nel discernimento. In un confronto tra l'esperienza del martiri del nostro secolo e quella forma antica noi registriamo alcune differenze.
  
1. Innanzitutto non sempre oggi la morte dei cristiani a causa della loro fede (in odium fidei) è stata decretata dai tribunali civili: vere e proprie persecuzioni "legali" contro la fede cristiana non sono state sancite, anche se in realtà sono avvenute, almeno durante le "cattività babilonesi" del nazismo e del bolscevismo.
 Non è stato richiesto di adorare altri dei, non è stata richiesta la proskynesis, il prostrarsi davanti agli idoli in modo chiaro e diretto.

   Insomma, il martirio del 20° secolo non ha avuto un carattere direttamente religioso, ma si è collocato sul medesimo piano su cui si colloca la fede cristiana: nella storia, nella prassi evangelica.
Per certi aspetti i martiri dei nostri giorni si avvicinano maggiormente ai testimoni che a partire dall'11° secolo la chiesa russa ha chiamato strastoterpcy ("coloro che hanno subito la passione" a causa di Cristo e del suo Evangelo): vittime di una morte violenta per non aver voluto rinunciare alla prassi dettata loro dall'Evangelo.
   
2. Inoltre, oggi il martirio è diventato sovente anonimo, evento che tocca non solo personaggi cristiani, testimoni eloquenti, ma sovente poveri cristiani quotidiani, "oscuri testimoni della speranza", come fr. Christian, il priore dei sette monaci trappisti uccisi in Algeria, aveva definito quanti li avevano preceduti nel dare la vita fino alla morte per quel popolo.
A costoro è negato il "tribunale" della pubblicitas, l'epifania della loro testimonianza coram populo et urbi; per loro solo raramente c'è la possibilità di redigere degli Acta martyrum.    
Eppure, a volte, la "notorietà" anche postuma di una vittima è occasione per fare memoria di tutti questi "martiri anonimi": "Vorrei che la mia chiesa… sapesse associare questa mia morte a tante altre ugualmente violente, lasciate nell'indifferenza dell'anonimato" (dal Testamento di fr. Christian).


TESTIMONE DI CRISTO IN MEZZO AI SUOI FRATELLI
  
3. Quanto poi alla causa che fa il martire, il concetto di Tommaso ha trovato inveramenti impensabili per il teologo medievale. Un tempo infatti era la condotta religiosa in recto che poteva avere effetti politici giudicati nocivi dall'impero e dal potere tirannico, mentre oggi è la prassi in recto, politica - originata però dalla fede e dall'Evangelo - che è causa della condanna e della persecuzione.
   Non è d'altronde proprio questa novità che permette al martirio cristiano di avvenire nella compagnia degli uomini, in piena solidarietà con loro? Ad Auschwitz, a Buchenwald, nei gulag sovietici, nelle prigioni cinesi, il martirio cristiano è solo raramente passibile di narrazione dettagliata singola, ma noi oggi forse non siamo capaci di misurare cosa questo significhi a livello di solidarietà: i cristiani oggi sono nuovamente perseguitati e lo sono assieme ad altri uomini che fino a pochi secoli fa erano perseguitati proprio dai cristiani!

   Non è questo il luogo per ricordare la ricomprensione del martirio nella teologia occidentale, rilettura operata soprattutto da Karl Rahner alla fine degli anni '50, da Hans Urs von Balthasar alla fine degli anni '60 (quando nel suo ormai celebre "Cordula, ovvero il caso serio", definiva appunto il martirio come Ernstfall, "il caso serio" della fede cristiana), da Jürgen Moltmann e da Leonardo Boff alla fine degli anni '70: appare così il martire come uomo per gli altri, come semplice testimone di Cristo in mezzo ai suoi fratelli (come sta scritto sulla lapide della tomba di Dietrich Bonhoeffer).

   Mi preme comunque menzionare almeno Paul Ricoeur che ricorda come il martirio rappresenti la realizzazione più perfetta della testimonianza e inviti dunque a tener presente la causa nello spazio della caritas, della fides e della spes, delle virtù teologali, e quindi a collegare martirio a testimonianza di Dio e di Cristo!

   Il martirio è dunque, ieri come oggi, eloquentia fidei, ma anche eloquentia caritatis, eloquentia spei, capace di interpellare l'uomo di oggi: forse appare meno come "perfezione individuale" e più come espressione di una martyria ecclesiale, ma questo ne protenzia la qualità.
 
 4. Infine mi sembra di poter cogliere nel martirio di oggi non solo l'aspetto cristologico ed eucaristico, ma anche un aspetto escatologico ed apocalittico, perché il martire partecipa con tutto il suo essere ai dolori della fine del tempi predetti da Gesù: il martire anticipa questa fine per il suo tempo ed è capace con il suo sacrificio di essere giudizio non solo per il mondo ma anche per i cristiani e la chiesa pellegrinante. Sì, il martirio di ieri era per la chiesa dono, oggi più che mai è anche giudizio: proprio per questo non a caso la chiesa a volte fatica ad accogliere il dono.

Chi può negare che Bonhoeffer sia stato un giudizio per la chiesa luterana tedesca? E Romero per la chiesa cattolica in El Salvador?

Giudizio che Cristo ha indicato anche per la sua comunità di fede, quando ha denunciato la celebrazione postuma dei martiri e del loro sangue con sepolcri e tombe, un "onore" che cancella il carattere giudiziale della loro testimonianza per questo mondo.

LA PORTATA ECUMENICA DEL MARTIRIO OGGI

   È stato il Vaticano II, per i cattolici, ad aprire una strada per un'interpretazione del martire anche extra ecclesia romana, facendo emergere il valore universale della testimonianza di quei cristiani, anche non cattolici, che hanno effuso il sangue per Cristo: riconoscere il loro dono alla chiesa "è cosa giusta e salutare" (cf. LG 15; UR 4).

Tuttavia, dopo un rapido cenno di Paolo VI nell'omelia per la canonizzazione dei martiri ugandesi nel 1964, è stato Giovanni Paolo II a indicare "nell'ecumenismo dei santi e dei martiri l'ecumenismo più convincente… perché la communio sanctorum parla con voce più alta dei fattori di divisione" (TMA 37). Ed è in questa direzione che Giovanni Paolo II - in modo chiaro nella nota ai cardinali, in modo più attenuato nella TMA - ha chiesto di pensare a un martirologio ecumenico.

   Sì, come dimenticare i martiri cattolici del Giappone, quelli anglicani del Madagascar, quelli cattolici e anglicani dell'Uganda, l'arcivescovo ortodosso Vladimir e la monaca ortodossa mat' Marija, i protestanti Dietrich Bonhoeffer e Paul Schneider, la carmelitana Edith Stein, il vescovo cattolico Romero, quello anglicano Janani Luwum, i sette monaci trappisti in Algeria e le migliaia di martiri ortodossi e uniati dei regimi comunisti?

   Ecco allora un giudizio che il martirio opera sull'attuale prassi ecumenica tra chiese cristiane.

La sofferenza, la passione, la morte di testimoni ortodossi, cattolici ed evangelici sono un'epiclesi di unità affinché il mondo creda.
   Oggi i non credenti sono alla ricerca di una ragione di vita, cercano il senso del senso e attendono una risposta dai cristiani. È finita ormai, e non dobbiamo certo rammaricarcene, la stagione delle ragioni di morte dovuti agli idoli falsi della patria (bonum est pro patria mori), alle ideologie nazionaliste o totalitarie.

Ma se l'uomo non ha una ragione per cui vale la pena di morire, non ha neppure una ragione per cui vale la pena vivere. Ecco una risposta che i cristiani possono dare al mondo come vera evangelizzazione: il card. Etchegaray ha potuto dire che i sette trappisti e il vescovo Claverie di Orano con la loro morte "in pochi giorni hanno evangelizzato la Francia intera".

L'AUTENTICA EVANGELIZZAZIONE

   In quest'ora in cui viene enfatizzata una evangelizzazione o addirittura una "nuova" evangelizzazione, è giunto il momento di contemplare la theoria della croce, il martirio. Ecco l'autentica ed efficace evangelizzazione, fatta da uomini e donne di tutte le chiese, che mostrano che vale la pena di vivere e di morire per Cristo, il Signore e Salvatore, risorto e vincitore della morte per sempre.
   Un teologo ortodosso, Basilio Pseftongas indica il martirio come "teofania trinitaria".

Sì, se vogliamo narrare al mondo Dio, se vogliamo un'esegesi del Padre per i non cristiani, occorre il martirio, cioè la passione del Testimone fedele, avvenuta nella forza dello Spirito Santo, e quindi la passione dei testimoni somigliantissimi all'Amen eterno, il Testimone fedele e verace.

   Da molte testimonianze di martiri nelle carceri in Unione Sovietica e in Cina sappiamo che nella passione e nella morte il confessionalismo cede il passo alla confessione di fede: Gesù è Signore in una comunione profonda e a caro prezzo, quello del sangue.

Oscuri testimoni di una speranza che innalza a te le loro mani legate, i prigionieri della sofferenza nell'ombra hanno fame di libertà.
Da più lontano della genesi,i nostri corpi se ne vanno verso la tomba; ma al crogiuolo della promessa, la morte si trasforma in fuoco nuovo.
Lo Spirito d'amore riempie la terra in uno slancio misterioso; grida in noi: "Vieni al Padre! oltrepassa la morte, vedrai Dio".
ENZO BIANCHI
©MISSIONE OGGI

NEL REGIME DI CRISTIANITÀ SCOMPARVE IL MARTIRIO

   Quando con Costantino il cristianesimo diventò cristianità e si ritrovò a essere cultura cristiana, civiltà cristiana, il martirio scomparve come quotidiana, contemporanea, reale memoria crucis nella storia cristiana.

   Ilario di Poitiers (+ 367), che vede ormai la chiesa non più contraddetta né osteggiata, ma omaggiata e apparentemente ascoltata, ritiene di dover così mettere in guardia i cristiani:

"Ora combattiamo contro un nemico insidioso, un nemico che lusinga… non ci flagella la schiena, ma ci accarezza il ventre; non ci confisca i beni (dandoci così la vita), ma ci arricchisce (dandoci così la morte); non ci spinge verso la libertà mettendoci in carcere, ma verso la schiavitù invitandoci e onorandoci nel palazzo; non ci percuote ai fianchi, ma prende possesso del cuore; non ci taglia la testa con la spada, ma ci uccide l'anima con il denaro, l'onore, il potere".

   Da allora, siamo nel 4° secolo, è stata la chiesa a usare la violenza e il potere, anziché subirli, contro i giudeocristiani prima, gli ebrei dopo e più tardi contro gli eretici e gli scismatici.