convertito dal giudaismo che fu crudelmente assassinato

 UniusRei3 : SYNNEK1 CIA KKK NAZI: imf 666 322: NWO: ARTIFICIAL INTELLIGENCE: OF GOOGLE: IE: IiiIiliil posted a comment: 15 minutes ago Report spam: "they(CIA) scan your comments no joke - ANSWER --- but, that value can have my useless life in the face of Israel's survival? ma, che valore può avere la mia inutile vita: di fronte alla sopravvivenza di Israele?

YouTube
YouTube Spotlight
1032166 iscritti
170807219 visualizzazioni video


    Synnek1 posted a comment 18 hours ago: we do not forgive We do not forget ... [U.S. 666 are many legions of demons] - ANSWER - because, you cannibals, drink human blood: On the altar of Satan? because you want to have in yourself, the same feelings of Satan, and then destroy: with human nature, also: all the effects of Christian baptism (compassion, justice, fairness). That's why, when you say: "Satanists are monsters" who are happy to be recognized: in this way .. because, well, they think they have achieved: a superiority on the: human race: that is destined to be exterminated, and enslaved, this ambition has been given to them by the Pharisees of the Masonic system of bank seigniorage: IMF FED ECB. ie, project, alien abductions, reverse engineering, microchip technology secret U.S. military, which is: NWO ... but, do you really think you can win against me: I'm not that asshole, of Saudi Arabia, King horror sharia fagot nazi islamist
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    16 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    01/29/2013 EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] The Muslim Brotherhood in a blind alley, Egyptian journalist says. In Port Said, Ismailia and Suez, the curfew imposed by Mohamed Morsi is being ignored. As a sign of their contempt, young people are organising night-time soccer matches. Police no longer acknowledge the authority of the Interior Ministry. The grand imam of al-Azhar has gone in volunteer exile in protest against Islamists. Opposition parties and Christian Churches have given up on "useless" talks with the government. Even the poor and illiterate, the Brotherhood's main electoral base, are tired of being used as pawns. Cairo (AsiaNews) - "No one in Port Said, Ismailia or Suez is respecting the curfew ordered by President Mohamed Morsi. In Ismailia some young men have organised an overnight soccer match in one of the city's stadiums.
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    17 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] In Cairo, where there is no state of emergency, Tahrir Square and the district of Heliopolis are guarded by thousands of people, a sort of mass sit-in that should last until the government meets the demands of the people, namely change the constitution, dismiss the government and force the resignation of the attorney general appointed by the president," this according to André Azzam, an Egyptian journalist who spoke to AsiaNews about the country's current chaotic situation, caught between demonstrations marking the second anniversary of the Jasmine Revolution and protests by soccer fans that left 30 people dead and 500 injured. "The Muslim Brotherhood is far removed from the needs of ordinary Egyptians," Azzam explained. "They are losing authority and popularity every day. No one wants to talk to them because they have nothing to say and only want to defend the power they have seized."
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    17 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] Christian Churches (Orthodox, Catholic, Protestant and Evangelical) and opposition parties have started boycotting them. For the latter, talks proposed by the president are "useless and meaningless". In a press release, the spokesman for the Egyptian Catholic Church, Fr Rafic Greiche, said that "the meetings are unproductive and lead nowhere." For Azzam, the Christian minority and opposition parties are not the only groups keeping at arm's length from the Islamist establishment. Police and al-Azhar University are openly boycotting the government. "After what happened in Port Said, police officers no longer recognise the authority of the Islamist-dominated Interior Ministry. Recently, they have prevented ministry officials from taking part in the funerals of agents killed during the attack by al-Masri soccer fans on police stations in the city located on the mouth of the Suez Canal."
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    17 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] "Last Thursday, Ahmed al-Tayeb, grand imam at al-Azhar, refused to take part in celebrations marking the birth of Muhammad. Since then, he has been in voluntary exile in his native village near Luxor. He is concerned that Islamists want to take over the ancient Islamic university." Rural residents, a group that traditionally backs the Muslim Brotherhood, are turning away as well. Last Friday, Islamists kept away from celebrations marking the Arab spring, going instead into the villages to volunteer and hand out food at half price. "They are trying this way to earn the support of the illiterate who, however, are starting to see that they are being used by unscrupulous people," Azzam explained. "A Cairo taxi driver who lives in a suburb told me he bought two kilos of meat for his family from one of these places," he said. "It was so old that even after five hours of cooking you could not eat it."
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    17 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] "According to him, the poor are tired of being hoodwinked and are no longer willing to sell themselves for a bag of rice or a piece of inedible meat. They too want to participate in building Egypt." (S.C.). 01/28/2013. EGYPT. Egypt in chaos, Morsi declares state of emergency. The curfew will begin this evening at 21.00 in Suez, Port Said and Ismalia and will last 30 days. Arab Spring protests mixed with football hooliganism. The death toll is 50 dead and nearly 500 injured. Cairo (AsiaNews / Agencies) - Egyptian President Mohamed Morsi has proclaimed a curfew in the districts of Port Said, Suez and Ismalia, after four days of violence that has killed 50 people. The measure will begin this evening at 21.00 (local time) and will last approximately 30 days. "Prior to my election
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    18 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda]- said the president - I said I was opposed to resort to extraordinary measures, but the security of the nation is in danger and it is time to act." "The violence of recent days - he continued - has nothing to do with the revolution. Instead, it is the 'ugly face' of a counter-revolution." Since last January 25, the second anniversary of the Jasmine Revolution, Egypt has been in the grip of severe tensions. For three days, hundreds of thousands of people protested in major Egyptian cities - Cairo, Alexandria, Assuit, Port Said, Suez, Sharqiya, Kafr al-Sheikh - calling for the end of the Islamist establishment and a true democracy. The most serious clashes took place in Suez, where eight people were killed. The protests of the young democratic movements overlapped with the violence of football hooligans
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    18 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: III WW, NWO: talmud agenda] linked to the death sentence handed down to 21 people over the Port Said massacre took place on 2 February 2012. On 26 January, the family of the condemned and supporters of Al-Masri - the local team whose fans are responsible for the deaths of 73 supporters of the opponent al-Ahly (Cairo team) - tried to storm the police stations. 32 people died in clashes. Yesterday, at the funeral of the victims, hooligans and police again clashed on the streets of Port Said, adding seven more dead and 450 wounded to the toll. 11/25/2011. EGYPT. Al Azhar backs Tahrir Square protesters, calls for the defence of Christians. Sheikh Shaheen urges the military to heed demonstrators' demands. More than a million people are in the streets of Alexandria and Cairo. Appointed as the new prime minister, Kamal Ganzuori is tasked with forming a national unity government. He was also prime minister under Mubarak.
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    18 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] Cairo (AsiaNews) -- Al Azhar is backing Tahrir Square protesters, calling on everybody to defend Christians. In his Friday sermon, Sheikh Shaheen, from al Azhar, the most important Sunni university, slammed the Supreme Council of the Armed Forces (SCAF) for listening to politicians rather than the young protesters. Dubbed the 'imam of the revolution', he called on state TV to give the revolutionaries their own channel to express and spread their views. Today, more than a million people are in the streets of Cairo and Alexandria to demand the dissolution of the SCAF and the postponement of the elections. For its part, the SCAF has asked Kamal Ganzuori, 78, to form a new government of national unity. Mr Ganzouri is a former prime minister under Mubarak. The new cabinet is expected to include for the first time members of the Muslim Brotherhood.
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    19 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    EGYPT [Nazi Islamists for the happiness of the IMF: IIIWW, NWO: talmud agenda] For Nagui Diamiam, a young Coptic Catholic demonstration, the support of al Azhar is great news. "Until now, the Islamic university had not officially taken side in favour of the demonstrators. For young people, Muslims and Christians, the [sheikh's] message is sign of respect and an invitation to persevere. It goes against the position taken by the Muslim Brotherhood, which has moved away from the protests. Now the Islamist party opposes putting off the election and does not want to make enemies of the army. For the Brotherhood, this is an important opportunity to gain power." However, the appointment of a new prime minister and the formation of a new government are no longer enough, Diamiam said. "The military must go as they promised and postpone the election. It is impossible to vote in a situation of constant clashes and repression." (S.C.)

    01/30/2013 PAKISTAN Punjab: Christian sentenced to death for blasphemy acquitted on appeal by Jibran Khan After Rimsha Masih, the community celebrates the release of Barkat Masih, after 18 months in prison. He had been indicted on false charges, for having fulfilled his job. The joy of human rights activists and associations: another "important precedent". Pakistani priest: it is time to review the laws and prevent abuse. Islamabad (AsiaNews) - After the young girl Rimsha Masih, the Pakistani Christian community can celebrate the acquittal on appeal of a man sentenced to death - without evidence and on the basis of trumped-up charges - for blasphemy. The verdict may give new vigor and hope the other victims of the "black law", including the 46-year old mother of five, Asia Bibi, still waiting.
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    33 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    01/28/2013 [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] ITALY - ASIA. Card. Bagnasco: Shock at the persecution of Christians in Asia. The president of the CEI opens the work of the Permanent Council denouncing the "intolerant rage" against Christians in Asia and North Africa, where the faithful "are not allowed any sign of religious affiliation." A blow to the West "which proclaims human rights but then seems to want to apply them and demand them with in different measures" and an invitation to the parishes, "cultivating the memory of our persecuted brothers and sisters, also revitalizes our faith.". Rome (AsiaNews) - The persecution of Christians in Asia and around the world "creates dismay throughout the Church. In too many countries,
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    33 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] Christians are not allowed any sign of religious affiliation, except by camouflage or in hiding. Experts speak a total of over one hundred thousand Christians of various denominations killed in 2012. A frightening figure, which can not leave people indifferent - individuals and institutions - even less so in the name of economic and political interests", stated Cardinal Angelo Bagnasco during the opening address to the Permanent Council of the Italian bishops' conference, of which he is president. Besides the usual reminders about the Italian political, economic and social scene - reminders present in his book "narrow gate" (published by Cantagalli), presented on January 24 in Rome with the Vatican Secretary of State Cardinal Bertone -
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    33 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] the Archbishop of Genoa devoted a long passage to the persecution of Christians in Asia: "The crisis which shock us most at the beginning of this year, which once again the Pope wanted to usher in, in the sign of peace, are situations of persecution which target Christians, situations which largely coincide with the unresolved conflicts in several countries, but partly also develop where apparently there should be no sources of tension". In addition to the well known places, says the archbishop, "racial nationalism is emerging in Asia that periodically arouses intolerant fury under the distracted eyes of the West, that proclaims human rights but then seems to want to apply and demand these same rights with different measures. We regrettably also have to add the frontiers of Africa: Nigeria, Kenya, the Democratic Republic of Congo, Mali,
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    33 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] where the reasons for the attacks are mixed and the public reasons for the violence seem to want to identify Christianity with the West. Yet the Gospel, wherever it is inculturated, is constantly accompanied by experiences of aid to people, often the only aid to be found on the spot". Then, continued the Archbishop of Genoa, "there is ethnic migration of a religious factor, so people who profess Christianity - a religion that is perhaps the most historically rooted in a specific geographic area - must flee, leaving their entire existence and all their worldly possessions, in order not to renounce their faith. Behind the upheavals that took place recently in North Africa, disturbing attempts at further discrimination are emerging, and in too many countries Christians are not allowed any sign of religious affiliation, except by camouflage, in hiding, through dislocation".
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    33 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] Experts speak of a total "of over one hundred thousand Christians of various denominations killed in 2012. A frightening figure, which can not leave anyone indifferent - individuals or institutions - even less so in the name of economic and political interests. Those who suffer and die for Christ, do so for us, and they are our brothers regardless of the distance that divides us. In the mysterious economy through which the kingdom of God on earth is concretely woven, communion with these situations of martyrdom gives truth and vigor to our pastoral work, today focused on re-evangelizing the lands that have long known the Gospel".
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    34 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [but, if the Catholic Church, in its hypocrisy dare not: even: appoint Saudi Arabia? nothing can change!] In conclusion, Cardinal Bagnasco launches an invitation especially to the West: "If our parishes can keep alive, even nourish, a systematic memory of our brothers and sisters who are persecuted in the world, then even the local faith would be re- vitalised. Who else, if not they, can give us authentic momentum and reasons to believe? ".
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    42 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [Cina - Diaoyu/Senkaku, Giappone ...] 2013/01/29. 日本. 日本首次将基督教遗址纳入申遗名单提交联合国教科文组织. 日本长崎县和熊本县政府联合向文部科学相提交十三处"人类文化遗产"名单。其中包括了著名的、被教宗比约九世誉为"东方奇迹"的大浦主教座堂以及多处基督徒殉道纪念遗址。历史上,日本的福传事业遭遇了最为严酷的迫害. 长崎(亚洲新闻/通讯社)-日本政府历史上首次考虑将国内基督教遗址纳入名单,向联合国教科文组织申报世界文化遗产。长崎县和熊本县政府向文部科学相下村博文递交了一份十三处申请"人类文化遗产"名单。下个月,东京将正式向联合国教科文组织提出申遗,预计将于九月获悉结果 上述十三处地址几乎全部是基督教在日本发展历史的遗址。其中首推巴黎外方传教会两位传教士于一八六四年创建的、
    JewsxMessiahUniusRei
    Jews x Messiah Unius REI . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].
    42 . CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB].

    [Cina - Diaoyu/Senkaku, Giappone ...]专门纪念二十六名殉道基督徒的著名大浦天主教主教座堂。 五九七年,这九名欧洲人和十六名日本人被当时的日本皇帝丰臣秀吉下令钉死在十字架上。这座圣堂也是日本的第一座西方式建筑、一九三三年被指定为"国宝" 圣堂建成后,部分村民找到参与建造的传教士询问是否可以进入"敬礼玛丽亚"。由此,传教士发现了这些遗留下来的首批日本基督徒的后裔。因为丰臣秀吉发起的教难,令他们被迫隐姓埋名。随后,几万地下教友来到圣堂、恢复了信仰生活。教宗比约九世闻讯后,盛赞这是"东方的奇迹". 除大浦主教座堂外,长崎和熊本县政府还要求将其它基督徒殉道处、十六世纪日本基督徒逃难的地下墓穴申遗。事实上,长崎是日本福传的发源地。但因德川幕府的迫害,遭禁二百五十年。

    7 amen ♰ ☠ pax ☠ pax ☠ Alleluia AMEN. Sharia NAZI. CSPBCSS MLNDSMDVRSN SMVS MQLIVB. MANE THECEL PHARES. drink your poison, made ​​by yourself, alleluia. amen. Rei unius King of Israel - you are buying from a jew 666 IMF: your own money to a value of around 300%: 100%: for debt: public. 100%: for debt: Private. For 100% seigniorage banking. you are the slave of Rothschild: his sheep, Because that's what the Talmud says! I know for the recession (monetary)? you have no more milk or wool to give to him: ie, Rothschild! then, Rothschild, your master now: will take your flesh: also! you will be dead in 2015. with the "products: derivatives", "financial bubbles". public debt: bank seigniorage: etc. banking system: can not return the money to the people. I know the only way to cover up this crime of the IMF? is to kill only 5.5 billion: people. But, this is to perfect the NWO. ​​everyone can judge: the Satanist, who you are! by Rei unius king of Israel

Christianus in Talmude Iudaeorum sive Rabbinicae
doctrinae de Christianis secreta
IL TALMUD
SMASCHERATO
Gli insegnamenti segreti
dei rabbini sui Cristiani
del Rev. Iustinus Bonaventura Pranaitis
Prete Cattolico; Maestro di Teologia e Professore di Lingua Ebraica
presso l'Accademia Ecclesiastica Imperiale della Chiesa Cattolica Romana
in San Pietroburgo Vecchio. (Traduzione dal testo latino)
San Pietroburgo Ufficio stampa dell'Accademia Imperiale delle Scienze
1892
IMPRIMATUR San Pietroburgo,13
Aprile 1892KozlowskyArcivescovo
Metropolita di MoghileffL.S. No.794 C.
Propolanis, S.Th.C.Segretario
Stampato presso l'Accademia Imperiale delle
Scienze.(Vas.Ostr.,9 Line, No.12)
1. Abhodah Zarah - Culto strano, idolatria. Il Trattatello talmudico sull'idolatria è
intitolato come segue: Obhde Abhodah Zarah -Adoratori di idoli. Che Abhodah Zarah
veramente significhi culto degli idoli appare chiaro dal Talmud stesso: 'Venga Nimrod a
testimoniare che Abramo non era un servo di Abhidah Zarah.' Ma nei giorni di Abramo
non esisteva nessun culto strano, nè dei turchi nè dei nazzareni, ma solo il culto del vero
Dio e l'idolatria. Nello Schabbath (ibid. 82a), si legge:
"Il rabbino Akibah dice: Come sappiamo che Abhodah Zarah, come una donna immonda,
contamina coloro che l'accettano? Perchè Isaia dice:
Tu dovrai eliminarli come un panno da mestruazioni; e dirai ad esso, Vattene via," Nella
prima parte di questo versetto si fa menzione degli idoli d'oro e d'argento.
Anche il dotto Maimonide dimostra chiaramente che gli ebrei considerano i cristiani
Abhodah Zarah. Nel Perusch (78c) si legge:
"E si sappia che i cristiani che seguono Gesù, sebbene i loro insegnamenti siano diversi,
sono tutti adoratori di idoli (Abhodah Zarah)."
2. Akhum -Questa parola è costituita dalle lettere iniziali delle parole Obhde Kokhabkim
U Mazzaloth -adoratori di stelle e pianeti. Fu così che gli ebrei da principio descrissero i
gentili che erano privi della conoscenza del vero Dio. Ora, comunque, la parola Akum nei
libri degli ebrei, specialmente nello Schulkhan Arukh, si applica ai cristiani. Ciò è evidente
in numerosi passi:
Nell'Orach Chaiim (113,8) coloro che usano una croce sono chiamati Akum. Nello Iore
Dea (148,5,12) coloro che celebrano le feste di Natale e del Nuovo Anno, otto giorni dopo,
sono chiamati adoratori delle stelle e dei pianeti:
"Così che se, anche in questi tempi, un regalo è inviato all'Akum l'ottavo giorno dopo
Natale, che essi chiamano il Nuovo Anno," ecc.
3. Obhde Elilim - Servi di idoli. Questo nome ha lo stesso significato di Akum. I non ebrei
vengono spesso indicati con questo nome. Nell'Orach Chaiim, per esempio (212,,5), si
legge:
"Non si dovrà pronunciare benedizione su incenso che appartenga ai servi di idoli."
Ma in quel tempo, quando lo Schulkhan Arukh fu scritto, non c'erano 'servi di idoli' fra
coloro che vivevano con gli ebrei. Così per esempio, l'autore del Commentario sullo
Schulkhan Arukh (intitolato Magen Abraham), il rabbino Calissensis, che morì in Polonia
nel 1775, dice alla nota 8, sul No. 244 dell'Orach Chaiim (dove si permette di finire un
lavoro di sabato con l'aiuto di un Akum): "Qui nella nostra città sorge la questione sul
prezzo da pagarsi a coloro che adorano le stelle e i pianeti per spazzare la pubblica via
quando lavorano di sabato."
4. Minim -Eretici. Nel Talmud, coloro che possiedono libri chiamati Vangeli sono eretici.
Così in Schabbath(116a) si legge:
"Il rabbino Meir chiama i libri dei Minim Aven Gilaion (volumi iniqui) perchè li chiamano
Vangeli."
5. Edom -Edomiti. Il rabbino Aben Ezra, quando parla dell'Imperatore Costantino che
cambiò religione e mise sul suo stendardo l'immagine di colui che fu appeso, aggiunge:
"Roma perciò si chiama il Regno degli Edomiti."
E il rabbino Bechai, nel suo Kad Hakkemach (fol. 20a, su Isaiah, cap. LXVI,17) scrive:
"Sono chiamati Edomiti coloro che muovono le loro dita 'qui e qui'" (coloro che fanno il
segno della croce).
Nello stesso modo il rabbino Bechai, commentando le parole di Isaia (loc. cit.), "coloro
che mangiano la carne di maiale" aggiunge: "Questi sono gli edomiti." Il rabbino Kimchi,
comunque, li chiama "cristiani." E il rabbino Abarbinel, nel suo lavoro Maschima Ieschua
(36d) dice: "I nazzareni sono romani, i figli di Edom."
6. Goi - Razza o popolo. Per indicare un uomo, gli ebrei dicono anche Goi - un gentile; per
indicare una donna gentile, Goiah. A volte, ma molto raramente, gli israeliti vengono
chiamati con questo nome. Per lo più, esso è applicato ai non ebrei,
o idolatri. Nei libri ebraichi che trattano dell'idolatria, gli adoratori degli idoli sono spesso
chiamati con questo solo nome Goi. Per questo motivo, in edizioni più recenti del Talmud,
l'uso della parola Goi viene evitato di propostio e altre parole vengono usate al suo posto
per i non ebrei.
È un fatto noto che nella lingua ebraica, gli ebrei chiamano i cristiani fra cui abitano,
Goim. E gli ebrei stessi non lo nevano. A volte, nelle loro riviste popolati, essi dicono che
questa parola non significa niente di male o di nocivo. Ma il contrario può essere verificato
nei loro libri scritti in ebraico. Per esempio, nel Choshen Hammischpat (34,22), il nome
Goi si usa in senso diffamatorio:
"I traditori gli epicurei e gli apostati sono peggiori dei Goim."
7. Nokhrim - Stranieri, forestieri. Questo nome viene usato per tutti coloro che non sono
ebrei, e perciò anche per i cristiani.
8. Amme Haarets -Gente della terra, idioti. Alcuni dicono che, con questo nome, non si
indicano persone di altre razze, ma solo persone incolte e rozze. Esistono comunque dei
passi che non lasciano nessun dubbio sulla questione. Nella Sacra Scrittura, Libro di Esra,
cap. X, 2, si legge:
Noi abbimo peccato contro il nostro Dio, ed abbiamo preso mogli straniere (nokhrioth)
del popolo della terra. Che le parole popolo della terra denotino gli idolatri risulta chiaro
in Zohar,I,25a: "Il popolo della terra - Obhde Abhodah Zarah, idolatri."
9. Basar Vedam - Carne e sangue; uomini carnali destinati alla perdizione e che non
possono entrare in comunione con Dio. Che i cristiani siano carne e sangue, lo dimostra il
libro di preghiere:
"Chiunque incontri un saggio e colto cristiano può dire: Sia tu benedetto o Signore, Re
dell'Universo, che hai dispensato un po' della tua saggezza alla Carne e Sangue," ecc.
Nello stesso modo, in un'altra preghiera, nella quale gli ebrei chiedono a Dio di
ripristinare il regno di Davide e di inviare Elia e il Messia, ecc., essi gli chiedono di
togliere da loro la povertà in maniera di non aver bisogno di accettare dei regali dalla
"carne e sangue," nè di commerciare con loro, e nemmeno di cercare di ottenere uno
stipendio da loro.
10. Apikorosim - Epicuirei. Sono chiamati con questo nome tutti coloro che non
osservano i precetti di Dio, come pure tutti coloro che, anche se ebrei, esprimono giudizi
privati in materia di fede. Quanto più tratterano in questa maniera un cristiano!
11. Kuthim - Samaritani. Ma dato che non ci sono più dei samaritani, e dato che, nei libri
ebraici recenti, si parla molto spesso di samaritani, può esserci alcun dubbio sul fatto che
con questa parola si intendano i cristiani?
Inoltre, in questa faccenda di attribuire un nome a coloro che non sono ebrei, si
deve notare in particolare che negli scritti ebraici questi nomi vengono usati
indiscriminatamente e indifferentemente con lo stesso significato. Per esempio, nel
trattatello Abhodah Zarah (25b) viene usata la parola Goi, ma nello Schulchan Arukh
(Iore Dea 153,2) viene usato il termine Akum. Kerithuth (6b) usa Goim; Jebhammoth
(61a) usa Akum,
Abhodah Zarah (2a) usa Obhde Elilim: Toseph usa Goim e Obhde Ab, Choshen
Hammischpat (edizione veneziana) usa Kuthi; (Slav, ed.) Akum . E si potrebbero citare
molti altri esempi.
Nel suo libro sull'Idolatria, Maimonide chiama indiscriminatamente idolatri tutti costoro:
i Goim, gli Akum, gli Obhde Kokhabhim, gli Obhde
Elilim, ecc.
Articolo II - Ciò che il Talmud Insegna Sui Cristiani
Nel capitolo precedente abbiamo visto che cosa gli ebrei pensino del Fondatore della
religione cristiana, e quanto essi abborriscano il suo nome.
Stando così le cose, non ci si può aspettare che possano nutrire un'opinione migliore su
coloro che seguono Gesù Nazzareno. Infatti, non si può immaginare nulla di più
abominevole di ciò che hanno da dire sui cristiani. Dicono che sono idolatri, il peggior tipo
di persone, molto peggiori dei turchi, assassini, fornicatori, animali impuri, simili a
immondizia, indegni di essere chiamati uomini, bestie in forma umana, degni del nome di
bestie, mucche, asini, maiali, cani, peggio dei cani; che si propagano nella maniera delle
bestie, che sono di origine diabolica, che le lor anime vengono dal diavolo e che dopo la
morte ritornano al diavolo nell'inferno; e che perfino il corpo di un cristiano morto non è
meglio di quello di un animale.
1. IDOLATRI
Dato che i cristiani seguono gli insegnamenti di quell'uomo, che gli ebrei considerano
Seduttore e Idolatra, e dato che essi lo adorano come Dio, ne consegue chiaramente che
essi meritano il nome di idolatri, non diversamente di coloro fra i quali gli ebrei erano
vissuti prima della nascita di Cristo, e che, secondo il loro insegnamento, dovevano essere
sterminati in tutte le maniere possibili.
Ciò è meglio dimostrato dai nomi usati per i cristiani e dalle inequivocabili parole di
Maimonide che dimostrano che tutti coloro che portano il nome di cristiani sono idolatri.
E chiunque esamini i libri ebraici che trattano degli "Adoratori delle Stelle e dei Pianeti"
degli "Epicurei," dei "Samaritani," ecc., non può che concludere che questi idolatri altro
non sono che i cristiani. I turchi sono sempre chiamati "Ismaeliti," mai idolatri.
2. I CRISTIANI SONO PEGGIO DEI TURCHI
Maimonide nel suo Hilkhoth Maakhaloth (cap. IX) dice:
"Non è permesso bere il vino di uno straniero che si converte, cioè di una persona che
accetti i sette precetti di Noè, ma è permesso trarne qualche beneficio. È permesso
lasciarlo solo con del vino, ma non metterglielo di fronte. Lo stesso è
permesso nel caso di tutti i gentili che non sono idolatri, come i turchi ((Ismaeliti)).
All'ebreo, comunque, non è permesso bere il loro vino (((degli idolatri - ndt))), anche se
ciò può essere usato a suo vantaggio. Tutti i rabbini più conosciuti sono d'accordo su
questo punto. Ma dato che i cristiani sono idolatri, non è permesso nemmeno usare il loro
vino a proprio vantaggio."
3. ASSASSINI
Nell' Abhodah Zarah (22a) si dice:
L'ebreo non deve associarsi con i gentili in quanto questi indulgono nello spargimento di
sangue."
In modo simile, nello Iore Dea:
"L'Israelita non si deve associate con gli Akum ((cristiani)) perchè indulgono nello
spargimento di sangue."
Nell' Abhodah Zarah (25b) si dice:
"I rabbini hanno insegnato: Se un Goi si affianca ad un israelita lungo la strada, egli
((l'ebreo)) deve camminare alla sua destra. Il rabbino Ismaele, il figlio del rabbino
Jochanan, il nipote di Beruka, dice: Se il Goi porta una spada, l'ebreo deve camminare alla
sua destra. Se il Goi porta un bastone, l'ebreo dovrà camminare alla sua sinistra. (((la
traduzione è letterale, ma si può avere un significato logico solo se al posto delle parole
'alla sua destra' e 'alla sua sinistra' si usano rispettivamente 'alla sua sinistra' e 'alla sua
destra' - ndt))) Se sta salendo un pendio o scendendo in ripida discesa, l'ebreo non deve
camminare davanti con il Goi dietro, ma l'ebreo deve camminare dietro e il Goi davanti,
nè si deve abbassare di fronte a lui per tema che il Goi gli possa spaccare il cranio. E se il
gentile dovesse chiedere all'ebreo fino a dove deve andare, egli dovrà far finta di andare
molto lontano, come disse Giacobbe, nostro padre, all'empio Esaù: Fino a che non arrivo
dal mio Signore a Seir (Gen. XXXIII, 14-17), ma (((qui ci sarebbe da precisare il soggetto
del verbo che segue e che dovrebbe essere la sacra scrittura - ndt))) aggiunge: Giacobbe è
partito (meglio, and ò) per Sukoth."
Nell' Orach Chaiim (20,2) si dice:
"Non vendere il tuo soprabito (Talith) con le frange ad un Akum, affinchè egli non si
unisca ad un ebreo per la via e lo uccida.
È anche proibito fare a cambio del soprabito con un gentile, o venderglielo, eccetto che
per breve tempo quando non ci sia niente da temere da lui."
4. FORNICATORI
Nell' Abhodah Zarah (15b) si dice:
"Gli animali di sesso maschile non dovranno essere lasciati nelle stalle dei gentili con i
loro uomini, nè gli animali di sesso femminile con le loro donne; tanto meno dovranno gli
animali di sesso femminile essere lasciati con i loro uomini, e di sesso maschile con le loro
donne. Nemmeno le pecore dovranno essere lasciate in custodia ai loro pastori; nè si
dovrà avere con loro (((con i gentili -ndt))) alcun rapporto sessuale; nè i bambini
dovranno essere loro affidati per imparare un mestiere o a leggere."
Un po' più avanti, nello stesso trattatello (22a), si spiega il motivo per cui gli
animali non devono essere lasciati nelle stalle dei gentili, e perchè agli ebrei non è
permesso di avere rapporti sessuali con loro (((i gentili -ndt))): "Non si deve permettere
che gli animali si avvicinino ai Goim, perchè si sospetta che (((questi ultimi -ndt)))
abbiano rapporti sessuali con loro. Nè le donne dovranno coabitare con i Goim in quanto
sono esageratamente sessuali."
A pag. 22b dello stesso libro si spiega il motivo per cui gli animali, specialmetne se di
sesso femminile, devono essere tenuti lontani dalle loro donne (((dalle donne ebraiche -
ndt))).
"...perchè quando gli uomini gentili vengono alle case dei loro vicini per commettere
adulterio con le loro mogli e non le trovano a casa, essi fornicano con le pecore nelle
stalle. E a volte, anche quando le mogli dei loro vicini sono a casa, essi preferiscono
fornicare con gli animali; essi infatti amano le pecore degli israeleiti più delle loro proprie
donne."
È per lo stesso motivo che non si devono affidare degli animali alle cure dei pastori dei
Goim, nè i bambini ai loro maestri.
5. IMMONDI
Il Talmud fornisce due motivi per cui i Goim sono immondi: perchè essi mangiano cose
immonde, e perchè non sono stati purificati (dal peccato originale) sul Monte Sinai. Nello
Schabbath (145b), si dice:
"Perchè i Goim sono immondi? Perchè essi mangiano cose abominevoli e animali che
strisciano sul ventre."
In maniera simile, in Abhodah Zarah 22b:
"Perchè sono immondi i Goim? Perchè essi non erano presenti sul monte Sinai. Infatti,
quando il serpente entrò in Eva, egli le infuse l'immondizia. Ma gli ebrei furono purificati
da ciò sul Monte Sinai; i Goim, comunque, che non erano sul Monte Sinai, non furono
purificati."
6. PARAGONATI AD ESCREMENTI
"Quando dieci persone pregano insieme in un posto e dicono Kaddisch, oppure
Kedoschah, tuutti, anche se non sono del luogo, possono rispondere Amen. Ci sono
alcuni, comunque, che dicono che non deve essere presente nessun escremento o Akum."
Nello Iore Dea, (198 48) Hagah, si dice:
Quando le donne ebree escono dal bagno, devono cercare di incontrare un amico per
primo, e non una persona immonda o un cristiano. Se per caso lo incontrano, infatti, se
vogliono mantenersi pulite, dovranno tornare a fare il bagno."
Vale la pena di notare che il seguente elenco di cose immonde viene presentato nel Biur
Hetib, un commentario sullo Schulchan Arukh: "Le donne dovranno lavarsi di nuovo se
vedono unca cosa immonda, come un cane, un asino, o Gente della Terra; un cristiano
(Akum) un cammello, un maiale, un cavallo ed un lebbroso."
7. NON SIMILI AGLI UOMINI, MA ALLE BESTIE
Nel Kerithuth (6b p. 78) si dice:
"L'insegnamento dei rabbini è il seguente: Colui che versa olio su di un Goi, e su corpi
morti viene liberato dalla punizione.
Questo è vero per un animale perchè non è un uomo. Ma come si può dire che versando
olio su di un Goi si sia liberati dalla punizione, dato che un Goi è anche un uomo? Ma
questo non è vero: sta infatti scritto: Tu sei il mio gregge, il gregge del mio pascolo sono
gli uomini (Ezechiele, XXXIV, 31). Voi perciò siete chiamati uomini. ma i Goim non sono
chiamati uomini."
Nel trattatello Makkoth (7b) si dice che una persona sia colpevole di assassinio "eccetto
quando, intendendo uccidere un animale, egli uccide per sbaglio un uomo, o, intendendo
uccidere un Goi, egli uccide un israelita."
Nell' Orach Chaiim (225,10) si dice:
"Colui che vede delle belle creature, anche se si tratta di un Akum o di un animale, egli
dovrà dire 'Benedetto sia tu Signore Nostro Dio, Re dell'Universo, che han messo tali cose
sulla terra!'"
8. SONO DIVERSI DAGLI ANIMALI SOLO PER LA FORMA
Nel Midrasch Talpioth (fol. 225d) si dice:
"Dio li creò in forma d'uomini per la gloria di Israele. Ma gli Akum furono creati per il solo
scopo di servirli ((gli ebrei)) giorno e notte. Nè essi potranno mai essere sollevati da tale
servizio. È conveniente che il figlio di un re ((un israelita)) sia servito da animali nella loro
forma naturale e da animali sotto forma di esseri umani."
Possiamo citare a questo punto anche quanto è detto nell' Orach Chaiim, 57,6a:
"Se si deve avere compassione dei maiali quando soffrono a causa di una malattia, in
quanto i loro intestini sono simili ai nostri, quanto più si dovrà avere compassione per gli
Akum afflitti nello stesso modo."
9. ANIMALI
Nello Zohar, II, (64b) si dice:
"... la gente che adora gli idoli e che viene chiamata mucca e asino, dato che sta scritto: Io
ho una mucca e un asino...."
Il rabbino Bechai, nel suo libro Kad Hakkemach, cap. I, che inizia con la parola Geulah -
redenzione - riferendosi al Salmo 80, v. 13: Il cinghiale che si trova fuori dal bosco, lo
sciupa davvero, dice:
"La lettera ain cade ((è sospesa/appesa)) nello stesso modo in cui questi adoratori sono
seguaci di colui che fu appeso/sospeso." (((a proposito della lettera ain, vedere più avanti,
al punto 12 - ndt)))
Buxtorf Lex.) dice:
"Per maiale selvatico l'autore intende qui i cristiani che mangiano maiale e che, come i
maiali, hanno distrutto la vigna d'Israele, la Città di Gerusalemme, e che credono nel
Cristo 'appeso'. La lettera ain viene fatta cadere in questa parola perchè anche essi, come
adoratori di Cristo che fu appeso, vengono fatti cadere."
Il rabbino Edels, commentando il Kethuboth (110b) dice:
"Il salmista paragona gli Akum alle bestie immonde dei boschi."
10. PEGGIO DEGLI ANIMALI
Il rabbino Schelomo Iarchi (Raschi), famoso commentatore giudeo, spiegando la legge di
Mosè (Deuter. XIV, 21) che proibisce di mangiar la carne di animali feriti, che deve invece
essere data agli 'stranieri entro le tue porte,' o che, secondo Exodus (XXII,30), deve
essere gettata ai cani, ha quanto segue da dire:
"... infatti egli è simile a un cane. Dobbiamo prendere la parola 'canÈ che appare qui
letteralmente? Certamente no. Infatti il testo, parlando di corpi morti, dice, 'Oppure tu
potrai venderlo ad uno straniero. A maggior ragione, ciò si applica alla carne di animali
feriti, per cui è permesso accettare il pagamento. Perchè allora la Scrittura dice che può
essere gettata ai 'cani'? Per insegnare che il cane deve essere rispettato più del Nokri."
11. SI PROPAGANO COME BESTIE
Nel Sanhedrin (74b) Tosephoth, si dice:
"Il rapporto sessuale di un Goi è come quello di una bestia."
E nel Kethuboth (3b) si dice:
"Il seme di un Goi vale quanto quello di una bestia."
Da cui si deve desumere che il matrimonio cristiano non è un vero matrimonio.
Nel Kidduschim (68a), si dice:
"...Come lo sappiamo? Il rabbino Huna dice: "Si può leggere: Rimani qui con l'asino, cioè
con gente simile all'asino. Da cui si vede che essi sono incapaci di contrarre matrimonio."
Ed in Eben Haezer (44,8):
"Se un ebreo/a contrae matrimonio con un Akum (un cristiano/a), o con il suo servo/a, il
matrimonio è nullo. Infatti essi sono incapaci di contrarre matrimonio. Similmente, se un
Akum od un servo/a contrae matrimonio con un ebreo/a, il matrimonio è nullo."
Nello Zohar (II,64b) si dice:
"Il rabbino Abba dice: Se avessero rapporti sessuali solo gli idolatri, il mondo non
continuerebbe ad esistere. Perciò ci si insegna che un ebreo non deve cedere a quegli
infami ladri. Infatti, se si propagassero in numero maggiore, sarebbe impossibile per noi
continuare ad esistere a causa loro. Infatti essi danno vita a cuccioli nello stesso modo dei
cani."
12. FIGLI DEL DIAVOLO
Nello Zohar (I,28b) leggiamo:
"Ora il serpente era più astuto di qualsiasi bestia del campo, ecc. (Genes. III,1) 'Più
astuto' cioè per quanto riguarda il male; 'che tutte le bestiÈ cioè gli idolatri della terra.
Infatti essi sono figli dell'antico serpente che sedusse Eva."
Il migliore argomento usato dagli ebrei per dimostrare che i cristiani appartengono alla
razza del diavolo è il fatto che non sono circoncisi. Il prepuzio dei non ebrei impedisce
loro di essere chiamati figli dell'Altissimo Iddio. Infatti con la circoncisione, il nome di Dio
-Schaddai – si completa nella carne dell'ebreo circonciso. La forma della lettera Isch è
nelle sue narici, la lettera Dalethnel suo
braccio (flesso), e ain appare nell'organo sessuale attraverso la circoncisione. Nei gentili
non circoncisi, e perciò nei cristiani, ci sono solo le due lettere, Isch e Daleth, che formano
la parola Sched che significa diavolo. Essi perciò sono figli dello Sched, che significa
diavolo.
13. L'ANIMA DEI CRISTIANI È MALIGNA E IMMONDA
L'insegnamento degli ebrei è che Dio ha creato due nature, una buona e l'altra malvagia,
oppure una natura con due lati, uno puro e uno immondo. Si dice che l'anima dei cristiani
sia venuta dal lato immondo, chiamato Keliphah - scorza o crosta rognosa.
In Zohar (I, 131a) si dice:
"Gli idolatri, comunque, insozzano il mondo da quando esistono in quanto la loro anima è
uscita dal lato immondo."
Ed in Emek Hammelech(23d) si dice:
"L'anima degl empi viene da Keliphah, che è morte e ombra di morte."
Zohar (I,46b,47a) procede a dimostrare che questo lato immondo è il lato sinistro, da cui
è venuta l'anima dei cristiani:
"Ed egli cre ò tutte le cose viventi cioè gli israeliti, in quanto sono figli dell'Altissimo, e la
loro anima viene da Lui. Ma da dove viene l'anima dei gentili idolatri? Il rabbino Eliezer
dice: dal lato sinistro, che rende le loro anime immonde. Essi sono perciò immondi e
contaminano tutti coloro che entrano in contatto con loro."
14. DOPO LA MORTE VANNO ALL'INFERNO
Gli anziani insegnano che Abramo siede all'ingresso della Gehenna e impedisce a tutte le
persone non circoncise di entrarvi; ma che tutti gli incirconcisi vanno all'inferno.
Nel Rosch Haschanach (17a) si dice:
"Gli eretici e gli Epicurei e i Traditori vanno all'inferno."
15. IL DESTINO DEI CRISTIANI MORTI
Dopo la morte, i corpi dei cristiani vengono chiamati con l'odioso nome di Pegarim, che è
la parola usata nella Sacra Scrittura per i corpi morti dei dannati e degli animali, ma mai
per il corpo degli uomini pii che viene chiamato Metim. Perciò, lo Schulchan Arukh
ordina di parlare dei cristiani morti nella stessa maniera degli animali morti.
Nello Iore Dea (377,1) si dice:
"Non si devono fare le condoglianze a nessuno a causa della morte dei suoi servi
o serve. Tutto quello che si può dire è 'Possa Dio ridarti quello che hai perso, come si dice
a qualcuno che ha perso una mucca o un asino."
Nè serve evitare i cristiani per sette giorni dopo che hanno sotterrato qualcuno, come
stabilisce la legge di Mosè, dato che essi non sono uomini; infatti, il sotterrare gli animali
non è causa di contaminazione.
Nello Iebhammoth (61a) si dice:
"I Nokrin non si contaminano con i funerali. Infatti sta scritto: Voi siete le mie pecore, le
pecore del mio pascolo; voi siete uomini. Voi siete perciò chiamati uomini, non i
Nokrim."
Articolo III - Sul Culto e i Riti Cristiani
Dato che i cristiani sono considerati idolatri dagli ebrei, tutte le loro forme di culto
appartengano all'idolatria. I preti sono chiamati preti di Baal; i loro templi sono chiamati
chiese di falsità e idolatria, e tutto ciò che contengono, come i calici, le statue e i libri, sono
considerati oggetti fabbricati per il culto degli idoli; le loro preghiere, sia pubbliche che
private, sono paccaminose e recano offesa a Dio; e le loro feste sono chiamate giorni della
perversità.
1. PRETI
Il Talmud parla dei preti, i ministri del culto cristiano, come di idolatri appartenenti al dio
Baal. Essi sono anche chiamati Komarim -indovini; eanche Galachim, i rasati, in quanto
si rasano il capo, particolarmente i monaci.
Nell' Abhodah Zarah (14b) Toseph, si dice:
"È proibito vendere i libri dei profeti agli indovini, dato che essi possono usarli per il loro
culto del male nei loro templi dove si pratica l'idolatria. Coloro che lo fanno peccano
contro la legge che ci proibisce di porre un ostacolo sul percorso di un cieco. È anche
proibito venderli ai cristiani che non sono rasati, in quanto essi sicuramente lo daranno o
venderanno a uno di coloro che sono rasati."
2. LE CHIESE CRISTIANE
Un luogo di culto cristiano è detto (1) Beth Tiflah, casa di vanità e stoltezza, al posto di
Beth Tefilah, casa di preghiera; (2) Beth Abhodah Zarah, Casa dell'Idolatria;
(3) Beth Hatturaph Schel Letsim, Casa del Ridere Maligno. Nell' Abhodah Zarah, (78), il
Perusch di Maimonide, si legge: "Si sappia che è cosa indubbiamente proibita dalla legge
attraversare una città
cristiana in cui ci sia una casa di vanità, cioè una casa dell'idolatria; a maggior ragione
abitarci. Ma noi oggi, come punizione per i nostri peccati, siamo soggetti a loro, e siamo
costretti ad abitare nei loro paesi, come predetto dal Deuteronomio (IV, 28): E là voi
servirete gli dei, lavoro delle mani dell'uomo, di legno e pietra.... Così, se è permesso
come predetto di passare attorno ad una città cristiana, a maggior ragione si dovrà
passare attorno ad un tempio dove si pratica l'idolatria; nè ci è permesso guardar dentro e
specialmente entrarvi."
All'ebreo è proibito non solo entrare in una chiesa cristiana, ma perfino avvicinarsi ad
essa, eccetto in particolari circostanze.
Nello Iore Dea, (142,10) si dice:
È proibito sostare all'ombra di una casa dell'idolatria, sia all'interno che
all'esterno, per una distanza di quattro cubiti dalla porta principale. Non è proibito,
comunque, sostare sotto l'ombra del retro di una chiesa. Nè l'ombra ci è proibita se la
chiesa sorge in un luogo dove prima c'era una strada pubblica, presa alla comunità, dove
poi è stata costruita la casa dell'idolatria.
Infatti la strada è sempre lì. Ma se la casa dell'idolatria esisteva prima della strada, non è
permesso passare di lì in nessun caso."
Nè un giudeo può ascoltare o ammirare la bella musica delle chiese. Nello Iore Dea
(142,15) si dice:
"È proibito ascoltare la musica del culto degli idolatri, ed esaminare le statue dei loro
idoli; infatti, anche solo guardandoli, si può rimanere influenzati dal male dell'idolatria.
Ma si può guardare se si intende di non restarne influenzati."
Nello stesso modo i giudei non possono avere la casa vicino ad una chiesa: e nemmeno è
loro permesso ricostruire una casa che è stata distrutta in tale luogo. Nello Iore Dea
(143,1) si dice:
"Se cade una casa vicino ad un tempio dell'idolatria appartenente agli Akum, non deve
essere ricostruita. L'ebreo deve spostarla ad una certa distanza se desidera ricostruirla.
Ma dovrà riempire di cespugli e immondizie lo spazio rimasto vuoto fra la sua casa e la
chiesa in maniera che non possa essere usato per allargare il tempio dell'idolatria."
A questo punto possiamo aggiungere ciò che un certo rabbino Kelomimis disse circa una
chiesa cristiana (nel libro Nizzachon) all'imperatore Enrico III, che gli diede il permesso
di dire la sua opinione liberamente sulla Basilica che aveva recentemente costruito a
Spires:
"Dopo che l'Imperatore Enrico III, un uomo molto malvagio, ebbe finito la costruzione di
quell'"Abisso," egli mandò a chiamare il rabbino Kelominus e gli disse: 'Voglio chiederti
come ti sembra questa Basilica che ho costruito a paragone del Tempio di Salomone sul
quale sono stati scritti tanti volumi.' Egli rispose: 'Mio Signore, se mi permettete di
parlare liberamente, e se mi giurate di lasciarmi andare illeso, vi dirò la verità.'
L'imperatore rispose: 'Hai la mia parola di amante della verità e di imperatore che non ti
sarà fatto alcun male.' Allora l'ebreo disse: 'Se voi raccoglieste tutto quello che avete speso
fino ad ora e lo
aggiungeste a tutto l'oro e l'argento del vostro tesoro, tutuo ciò non sarebbe sufficiente
nemmeno a pagare gli operai e gli artigiani che impiegò Salomone; infatti sta scritto
(Cron. II. Ch. 2): E Salomone ordin ò che uscissero tre dozzine e diecimila uomini per
portare i pesi, e quattro dozzine mille per tagliare nelle montagne, e tre mila e icento per
sorvergliarli. Otto anni furono impiegati per la costruzione del Tempio, molti di più di
quelli che sono serviti a voi per la costruzione di questo Tehom (abisso). E quando
Salomone ebbe finito il suo tempio, vedete quello che la Scrittura dice a proposito di esso:
I preti non potevano rimanere eretti per rendere servizio a causa della nube; infatti la
gloria di Dio aveva riempito la Casa del Signore (Chron. II, Cap. 5,14). Ma se qualcuno
caricasse un asino di putrida immondizia e lo conducesse all'interno di questo vostro
abisso, nessuno si accorgerebbe della differenza!' L'imperatore Enrico allora rispose: 'Se
non ti avessi giurato di lasciarti andare illeso, darei ordine che ti fosse tagliata la testa.'"
3. CALICI
I calici usati per il Sacrificio della messa vengono chiamati con il nome del vasellame che
si usa per offrire sporcizia agli idoli. Mosè Kozzensis, nello Hilkoth Abhodah Zarah (10b)
dice:
"L'ebreo che acquista dei calici del Goi, che siano stati rotti e gettati via, non può
rivenderli a loro, perchè il prete di Baal li userebbe per il culto dell'idolo."
4. LIBRI
Il Talmud chiama i libri dei cristiani Minim -libri eretici -Siphre Debeth Abidan -Libri
della Casa di Perdizione. Il Talmud in particolare parla dei libri dei Vangeli. Così in
Schabbath (116a) Toseph:
"Il rabbino Meir chiama i libri eretici Aaven Gilaion (volumi di iniquità) perchè essi li
chiamano Vangeli."
E il rabbino Jochanan chiama questi libri Aavon Gilaion, libri del male. Lo Schulchan
Arukh, edizione di Cracovia, rende questo nome come Aven Niktabh al Haggilaion -
iniquità scritta in un libro.
Buxtorf dice: "Nell' Arukh c'è una nota Scheker Niktabh al Gilaion, che significa,
menzogna scritta in un libro."
Tutti gli studiosi del Talmud sono d'accordo sul fatto che i libri dei cristiani dovrebbero
essere distrutti. Essi non sono d'accordo solamente per quanto riguarda ciò che si
dovrebbe fare del nome di Dio che appare in essi. Nello Schabbath (116a) si dice:
"I glossari dei nostri stessi libri e i libri degli eretici non dovranno essere salvati dalle
fiamme se dovessero prendere fuoco in giorno di sabato. Il rabbino Jose, comunque, dice:
'Nei giorni di festa i nomi della divinità dovranno essere strappati dai libri dei cristiani e
nascosti; ciò che rimane dovrà essere dato alle fiamme.' Ma il rabbino Tarphon dice: 'Per
potere ricordato dai miei figli, se quei libri dovessero mai cadere nelle mie mani, io li
brucerei assieme con i nomi della divinità che contengono. Infatti, se uno è inseguito da
un assassino o da un serpente, è meglio rifugiarsi in un tempio pagano che in uno dei loro;
infatti i cristiani resistono scientemente alla verità, mentre i pagani lo fanno
inconsapevolmente.'"
5. PREGHIERE
Le prechiere dei cristiani sono chiamate, non Tefillah, ma Tiflah. Lo spostamento del
punto e l'inserimento di Iod, cambia il significato della parola che diventa peccato,
stoltezza e trasgressione.
6. FESTE CRISTIANE
Le feste cristiane, specialmente la domenica, sono chiamateIom ED - giorno di
distruzione, perdizione, sfortuna o calamità. Sono anche semplicemente chiamate Iom
Notsri, giorni cristiani. La parola Ed, interpretata correttamente, significa sfortuna o
calamità, come appare dalla Gemarah e dai glossari di Maimonide nell' Abhodah Zarah
(2a):
"La parola Edehem significa le feste dei cristiani, dato che sta scritto (in
Deuter.XXXII,35): i giorni della loro calamità."
Anche Maimonide, nell' Abhodah Zarah, dice:
"La parola Edehem sta a significare la stoltezza delle loro feste. È il nome delle loro feste.
È il nome dei loro spregevoli giorni di festa che non meritano il nome di Moedim, in qanto
sono veramente vani e perversi."
Anche Bartenora scrive:
"La parola Edehem è il nome delle loro ingnominevoli feste e solennità."
Anche le note a margine del Tosephoth danno questo nome alle feste cristiane. Così nell'
Abhodah Zarah (6a):
"Il Giorno del Male, cioè il Giorno Cristiano, ci è proibito così come tutti i loro altri giorni
di festa."
Alcune feste cristiane sono indicate per nome, come la festa di Natale e Pasqua. Mosè
Mikkozzi, facendo riferiemnto al testo summenzionato dell' Abhodah Zarah, dice:
"Il rabbino Sammuel dichiara, nel nome di Salomone Iarchi, che particolarmente le feste
di Natale e Pasqua, che sono i loro più importanti giorni del male e il fondamento della
loro religione, ci sono proibite."
Maimonide, nello Hilkhoth Akum (cap.IX) dice la stessa cosa:
"Sammuel ripete le parole del rabbino Sal. Iarchi che ci proibiscono in particolare di
celebrare le feste di Natale e Pasqua, che sono celebrate a causa di colui che fu appeso."
Inoltre, indicazioni dell'empietà degli ebrei si trovano nei nomi che essi danno a queste
feste cristiane. Infatti, in luogo di usare Tav per la parola Nithal, essi spesso scrivono Tet e
lo chiamano Nital al posto della parola latina Natalis, la festa della Natività. Essi fanno in
modo che sembri che questa parola derivi dalla radice Natal che denota sterminio o
distruzione. Similmente essi si rifiutano di usare la parola Paschal (Pesach )per la festa
cristiana di Pasqua. Essi sostituiscono Koph a Phe e inseriscono la lettera iod e la
chiamano Ketsach o Kesach. Entrambe le pronunce hanno un significato perverso.
Ketsach viene dalla radice Katsah, che significa amputare o tagliar via, e Kesach viene
dalla radice Jesa, che significa legno o forca. Fanno questo perchè la festa di Pasqua è
celebrata dai cristiani in memoria di Cristo colui che fu appeso – che fu messo a morte e
risorse dai morti.
PARTE II
I PRECETTI DEL TALMUD CHE RIGUARDANO I
CRISTIANI
Da quanto è stato dimostrato fin'ora, appare chiaro che, secondo l'insegmanento del
Talmud, i cristiani sono idolatri e tenuti in odio agli ebrei. Di conseguenza, ogni ebreo che
deisera piacere a Dio ha il dovere di osservare i precetti che furono trasmessi ai Padri
della loro razza quando vivevano in Terra Santa e che riguardano i gentili idolatri, sia
quelli che abitavano fra di loro che quelli che abitavano in paesi vicini. L'ebreo perciò deve
(1) Evitare i cristiani; (2) Fare tutto ciò che può per sterminarli.
CAPITOLO I
I CRISTIANI DEVONO ESSERE EVITATI
Gli ebrei devono evitare tutti i contatti con i cristiani per quattro motivi: (1) Perchè non
sono degni di partecipare alla vita ebraica; (2) Perchè
sono immondi; (3) Perchè sono idolatri; (4) Perchè sono assassini.
Articolo I. - I Cristiani Devono Essere Evitati -Perchè
Sono Indegni di Partecipare ai Costumi Ebraici
L'ebreo, per il fatto di appartenere alla razza eletta e di essere circonciso, possiede una
tale dignità che nessuno, nemmeno un angelo, può essergli uguale. Infatti, egli viene
considerato quasi uguale a Dio. "Colui che colpisce un israelita" dice il rabbino Chanina
"agisce come se schaffeggiasse la faccia della Divina Maestà di Dio."
L'ebreo è sempre considerato buono, nonostante certi peccati che possa commettere; nè
possono i suoi peccati contaminarlo, più di quanto la sporcizia possa contaminare il
gheriglio della noce, ma sporca solo il suo guscio. Solo l'ebreo è considerato un uomo;
l'intero mondo gli appartiene e tutte le cose lo devono servire, specialmente "gli animali
che hanno forma di uomini."
È perciò chiaro che essi considerano contaminanti tutti i contatti con i cristiani, in quanto
detraggono dalla loro dignità. Perciò essi devono secondo la loro legge tenersi il più
lontano possibile da tutti coloro che vivono e agiscono come fanno i cristiani.
1. L'EBREO NON DEVE SALUTARE IL CRISTIANO
Nel Gittin, (62a), si dice:
"L'ebreo non deve mai entrare nella casa di un Nokhri di giorno di festa per salutarlo.
Comunque, se lo incontra per la strada, potrà salutarlo, ma brevemente e a testa china."
2. L'EBREO NON DEVE RICAMBIARE IL SALUTO DEL CRISTIANO
Nello Iore Dea (148,10) si dice:
"L'ebreo non deve ricambiare il saluto del cristiano inchinandosi davanti a lui. È bene
perciò salutarlo per primo evitando così di risponderein caso che l'Akum lo
saluti per primo."
Il rabbino Kohana dice che quando un ebreo saluta un cristiano egli deve prima dire
""Pace al mio Signore," intendendo con ciò il suo rabbino. Infatti il Tosephoth dice:
"Perchè il suo cuore si rivolgeva al suo rabbino."
3. L'EBREO NON DEVE PRESENTARSI DAVANTI AD UN GIUDICE CRISTIANO
Nel Choshen Hammischpat (26,1) si dice:
All'ebreo non è permesso portare il suo caso davanti ai giudici Akum, anche se la
questione venisse giudicata secondo le decisioni della legge ebraica, e anche se entrambe
le parti fossero d'accordo di attenersi a tali decisioni. Colui che lo fa è empio e simile ad
uno che calunnia e bestemmia e che alza la mano contro la Legge trasmessa a noi da
Mosè, il nostro grande legislatore. La Hagah dice "Il Bethin ha il potere di scomunicare
questa persona fino a che egli non liberi il suo fratello ebreo dalle mani dei gentili.'"
4. NON È PERMESSO USARE I CRISTIANI COME TESTIMONI
Nel Choshen Hammischpat (26.1) si dice:
"Il Goi o il suo servo è incapace ad agire come testimone."
5. ALL'EBREO NON È PERMESSO DI CIBARSI DI CIBO CRISTIANO
Nello Iore Dea (112,1) si dice:
"Gli anziani proibirono di mangiare il cibo degli Akum, per non sembrare di essere in
rapporti di amicizia con loro."
E nell' Abhodah Zarah (35b) si dice:
"Le cose seguenti che appartengono ai Goim sono proibite: Latte che un Goi prende da
una mucca, se non è presente un ebreo; anche il loro pane, ecc."
6. L'EBREO NON DEVE MAI AGIRE NEL MODO DEI CRISTIANI
Nello Iore Dea (178,1) si dice:
"Non è permesso imitare le usanze degli Akum e agire come loro. Non è permesso
indossare abiti come gli Akum, e nemmeno pettinarsi come fanno loro .... nè devono gli
ebrei costruire case che assomiglino ai templi degli Akum."
Comunque, dato che non è possible osservare tutte queste regole in tutti i luoghi, la
Hagah dice che, fino ad un certo punto, si possono fare eccezioni come nel caso in cui ciò
tornasse a vantaggio di un ebreo - se, per esempio, un ebreo potesse trarre profitto da un
commercio che richiede un certo tipo di abbigliamento.
Articolo II - I Cristiani Devono Essere Evitati -
Perchè Sono Immondi
Non si sa quanto spesso l'ebreo debba lavarsi e purificarsi, e nemmeno quanto debba
studiare per evitare tutto ciò che può contaminarlo. Il Talmud insegna, comunque, che i
cristiani sono persone il cui semplice contatto tattile rende le cose immonde. Nell'
Abhodah Zarah (72b) si legge:
"Un certo uomo stava versando del vino da un contenitore ad un altro per mezzo di un
tubo, quando un Goi venne e toccò il tubo con la mano. Il risultato fu che tutto il vino (di
entrambi i contenitori) dovette essere gettato via."
Tutti i recipienti, perciò, devono essere lavati se l'ebreo l'ha acquisito da un cristiano,
anche se non è mai stato usato. Nello Iore Dea (120,1) si dice:
"Se un ebreo compra da un Akum un recipiente per usarlo a tavola, sia che sia fatto di
metallo, di vetro o di piombo, anche se è nuovo, lo dovrà lavare in un Mikvah (grande
catino), o in una cisterna che tenga quaranta quarti d'acqua."
Articolo III. I Cristiani Devono Essere Evitati -
PerchÈ Sono Idolatri
1. AFFINCHÈ l'ebreo non diventi occasione di peccato per il cristiano idolatro, secondo il
precetto di Levit. XIX,14: Non porre una pietra d'inciampo davanti al cieco- egli dovrà
evitare tutti i contatti con essi nei loro giorni di culto ai loro dei. Nell' Abhodah Zarah
(2a) si dice:
"Non è permesso comperare o vendere loro alcunchè nei tre giorni che precedono le loro
feste idolatriche. È anche proibito concedere o accettare aiuto da loro, scambiare denaro
con loro, rimborsare loro un prestito o permettere loro di rimborsare i loro prestiti."
Nell' Abhodah Zarah, 78c (il Perusch di Maimonide, fol.8), si dice:
"Tutte le feste dei seguaci di Gesù sono proibite, e noi dobbiamo comportarci nei loro
confronti come faremmo con gli idolatri. Il primo giorno della settimana è la loro festa
principale, ed è perciò proibito intrattenere, nel loro giorno di sabato, qualsiasi contatto
d'affari con coloro che credono in Gesù. Riguardo il loro sabato, noi dobbiamo osservare
le stesse regole che osserviamo per le festività degli idolatri, come insegna il Talmud."
2. L'EBREO NON DEVE USARE ALCUNA COSA CHE RIGUARDI IL CULTO DEI
CRISTIANI.
Nello Iore Dea (139,1) si dice:
"È proibito avere a che fare con gli idoli e con qualsiasi cosa venga usata per il loro tipo di
culto, sia che sia fatta dagli Akum o dagli ebrei."
3. È PROIBITO VENDERE AI CRISTIANI QUALSIASI COSA CHE SERVA PER IL LORO
CULTO IDOLATRICO.
Nell' Abhodah Zarah (14b, Toseph) si dice:
"È sempre proibito vendere incenso ad un prete idolatra, infatti è evidente che quando
egli lo chiede, lo vuole per il solo scopo di offrirlo al suo idolo. Perciò, chiunque glielo
venda, pecca contro il precetto che ci proibishe di porre una pietra d'inciampo davanti al
cieco. È anche proibito vendere candele ai gentili per la loro Festa delle Candele. Le
candele comunque possono essere loro vendute negli altri giorni. Nè è permesso vendere
un calice ad un gentile che l'ebreo abbia comprato dopo che è stato rotto e gettato via da
un Goi. È permesso rivenderlo ad un gentile dopo che sia stato completamente rifatto.
Infatti, dopo che è stato rotto una sola volta, esso può essere ancora usato per contenere il
vino che offrono in onore del loro idolo." Segue poi la proibizione circa la vendita di libri
ai preti cristiani, come abbiamo visto sopra. Anche il lavoro di rilegare tali libri è proibito
per gli ebrei. Nello Iore Dea (139,15) si dice:
"È proibito rilegare i libri degli Akum, con l'eccezione dei libri di legge. È permesso,
comunque, se il rifiuto do farlo dovesse causare ostilità, ma solo dopo che ogni sforzo sia
stato fatto per rifiutare tale lavoro."
Similmente, nello Iore Dea (151,1, Hagah):
"Non è permesso vendere acqua ad un Akum se si sa che verrà usata come acqua
battesimale."
Si fa menzione anche di molte altre cose che è proibito vendere ai cristiani, come: stoffa
che possa essere usata per confezionare vestimenti sacerdotali e bandiere; carta e
inchiostro che possa essere usata per scrivere libri riguardanti il loro culto. È proibito
vendere, o anche dare in affitto, ai cristiani case che verranno usate come luoghi di culto.
Oggigiorno, comunque, gli ebrei commerciano con i cristiani specialmente nei giorni delle
feste cristiane e vendono loro delle case ben sapendo che certi sacramenti verranno
amministrati in esse, come il Battesimo, la Santa Comunione e l'Estrema Unzione. Il
Talmud non può dare nessuna spiegazione di ciò, e nell'Abhodah Zarah (2a, Toseph) si
dice:
"È difficile dire con quale diritto gli ebrei oggigiorno commercino con i Goim nei loro
giorni (malvagi) di festa. Infatti, sebbene molti di essi commettano tutti i tipi di
perversione e atti licenziosi nei loro giorni di festa in onore di santi che non considerano
dei, eppure ogni settimana essi celebrano il Giorno del Nazzareno ((Domenica)) che ci è
sempre stato proibito."
Bartenora, comunque, nel suo commentario sull' Abhodah Zarah (I,2,fol.7b) dice:
"Dato che, mentre siamo in cattività, non possiamo vivere senza commerciare con loro e
dipendiamo da loro per il nostro nutrimento, e dobbiamo temerli, è proibito commerciare
con loro solo nei loro giorni di festa. Inoltre, è ora permesso commerciare ocn loro anche
nei giorni stessi delle loro feste, perchè i rabbini sono convinti che non pratichino il culto
dei loro idoli solo perchè commerciano con noi. E ciò che è proibito in questo libro deve
essere considerato come riferentesi direttamente all'idolatria."
Il rabbino Tam comunque, sostiene che la Mischnah proibisce solamente di vendere agli
idolatri cose che essi useranno per il culto degli idoli, dato che essi si rallegrano e adorano
i loro idoli in quanto ottengono le cose necessarie per tale culto. Egli lo spiega così
(nell'Abhodah Zarah, 2a, Toseph):
"Nessuno dovrebbe meravigliarsi di questa nostra usanza. Infatti, sebbene noi li
consideramo idolatri, essi possono solo offrire quello che comperano con il denaro. Per
cui, il nostro guadagno e la loro gioia non è il motivo di questa proibizione, in quanto essi
avrebbero abbastanza denaro per queste cose, anche se noi non commerciassimo con
loro."
4. QUESTA PROIBIZIONE NON SI APPLICA NEL CASO DEGLI ATEI
Nello Iore Dea (148,5) si dice:
"È permesso inviare un regalo ad un Akum in uno dei loro giorni di festa se si sa che egli
non crede negli idoli e che non rende loro nessun culto."
Maimonide dice la stessa cosa nello Hilkhoth Akum (IX,2):
"È sbagliato anche inviare un regalo ad un Goi nei loro giorni di festa a meno che non si
sia certi che egli non crede nel culto degli idoli cristiani, e non li serva."
Articolo IV - I Cristiani Devono Essere evitati -
Perchè Sono Perversi
NON C'È nulla di cui gli ebrei siano più convinti del male che i cristiani possano fare ai
figli di Israele. A causa di ciò, i capi del popolo eletto hanno sempre insegnato agli ebrei di
non accettare aiuto dai cristiani in quanto essi faranno sempre ricorso all'omicidio e ad
altri crimini tutte le volte che non riusciranno a conseguire i loro scopi perversi. Così,
l'ebreo non deve assumere dei cristiani per prestare opera di balia o insegnante dei suoi
bambini, o di barbiere, medico od ostetrico.
1. NON COME BALIA
Nello Iore Dea (81,7, Hagah) si dice:
"Se è possibile assumere un israelita, non bisogna assumere un Nokhri come balia per i
bambini; infatti, il latte di una Nokhrith indurisce il cuore del bambino e gli infonde una
natura perversa."
2. NON COME INSEGNANTE Nello Iore Dea (155,1, Hagah) si dice: "Il bambino
non deve essere affidato agli Akum per imparare l'educazione, la
letteratura e le arti, infatti essi lo condurranno all'eresia."
3. NON COME MEDICO Nello Iore Dea (155,1) si dice: "Quando un ebreo è in
qualche modo ferito, anche così gravemente da dovere
infrangere il sabato facendo chiamare un medico, egli non deve affidarsi ad un medico
cristiano (Akum ) che non sia conosciuto a tutti nel vicinato; infatti, noi dobbiamo
premunirci contro il versamento di sangue. Anche se non si sa se il paziente vivrà o morrà,
non si dovrà permettere a tale medico di curarlo. Se, comunque, si è sicuri che morrà,
allora tale medico può curarlo, dato che un'ora di
meno da vivere non è una gran perdita. Se l' Akum insiste che una certa medicina è
buona, è permesso credergli, ma non acquistatela da lui.
Alcuni dicono che ciò si applica solo quando l'Akum offre i suoi servizi gratuitamente e
che si può accettare ogni volta che viene pagato. Ma si può essere sicuri che essi non
farebbero del male ad un ebreo solo per amor di denaro."
Nel Pesachim (25a) si dice:
"Il rabbino Jochanan dice: l'assistenza medica di chiunque può essere accettata eccetto
quella degli idolatri, dai fornicatori, e dagli assassini.
4. NON COME BARBIERE
Nello Iore Dea (156,1) si dice:
Non è lecito farsi radere da un Akum a meno che non si sia accompagnati da amici ebrei.
Alcuni dicono che non è permesso farsi radere da un Akum anche se altri sono presenti, a
meno che non ci si possa vedere in uno specchio."
5. NON COME OSTETRICA
Nell' Abhodah Zarah (26a) si dice:
"I nostri rabbini ci hanno trasmesso l'insegnamento che non si può permettere alla donna
straniera di agire da ostetrica alla nascita di un figlio di Israele, perchè gli stranieri
indulgono nello spargimento di sangue. Gli anziani, comunque, dicono che una donna
straniera può prestare questo tipo di assistenza purchè siano presenti altre donne ebree e
non sia mai lasciata sola.
Il rabbino Meir, comunque, dice che ciò non è permesso nemmeno quando altre donne
sono presenti. Infatti, spesso avviene che schiaccino con la mano la morbida testa del
bambino e lo uccidano; e questo può essere fatto senza che nessuno delle presenti lo noti.
CAPITOLO II
I CRISTIANI DEVONO ESSERE STERMINATI
I seguaci di "quell'uomo," il cui nome per gli ebrei significa "Possano il suo nome e la sua
memoria essere cancellati," non devono essere considerati diversi da gente di cui è bene
liberarsi. Coloro che tengono i figli di Israele in cattività sono chiamati romani e tiranni, e
con la loro distruzione gli ebrei saranno stati liberati da questa quarta cattività. Ogni
ebreo è perciò tenuto a fare tutto quello che può per distruggere l'empio regno degli
edomiti (Roma) che governa il mondo intero. Siccome, però, non è sempre e dovunque
possibile effettuare questo sterminio di cristiani, il Talmud ordina che essi siano attaccati
almeno indirettamente, e cioè: di causare loro del male in tutti i modi possibili, e di
ridurre con questo mezzo il loro potere al fine di aiutare la loro distruzione finale. Quando
possibile, l'ebreo deve uccidere i cristiani, e farlo senza pietà.
Articolo I. - SI DEVE FARE DEL MALE AI CRISTIANI
L'ebreo ha l'obbligo di fare del male ai cristiani per quanto egli possa, sia indirettamente -
non aiutandolo in nessuna maniera -che direttamente distruggendo i loro piani e progetti;
nè deve salvare il cristiano in pericolo di morte.
I. NON SI DEVE FARE DEL BENE AI CRISTIANI
Nello Zohar (1,25b) si legge:
"Coloro che fanno del bene all'Akum ... non sorgeranno dai morti."
A volte è permesso fare del bene ai cristiani, ma solo per aiutare Israele, cioè, per amore
di pace e per nascondere l'odio nutrito verso di essi.
Maimonide nello Hilkhoth Akum (X,6) dice:
"È permesso aiutare i gentili bisognosi così come gli ebrei bisognosi, per amore di pace..."
Nello Iore Dea (148,12 Hagah) si legge:
"Perciò, se tu entrerai in una città e troverai che vi si celebra una festa, tu potrai fingere di
rallegrartene assieme a loro per nascondere il tuo odio. Coloro che tengono alla salvezza
della loro anima, comunque, dovranno tenersi lontani da tali celebrazioni. Si dovrebbe far
sapere che è cosa odiosa rallegrarsi con loro, se ciò può essere fatto senza incorrere nella
loro inimicizia."
1. NON È PERMESSO LODARE UN CRISTIANO Nell'Abhodah Zarah (20,a,
Toseph) si legge: "Non dite niente a loro lode, affinchè non si dica: Com'è buono
quel goi." In questa maniera, essi spiegano le parole del Deuteronomio (VII,2) ... e
tu non
mostrerai loro (goim) nessuna misericordia, come citato nella Gemarah. Il rabbino
S. Iarchi spiega questo passo della Bibbia come segue: "Non fate loro nessun
complimento; è infatti proibito dire: com'è buono quel
goi!"
Nello Iore Dea (151,14) si legge:
"A nessuno è permesso lodarli o dire quanto sia buono un Akum. Tanto meno lodare
quello che fanno o raccontare di loro cose che tornino a loro gloria. Se, comunque,
lodandoli si intende rendere gloria a Dio, e cioè, in quanto egli ha creato delle belle
creature, allora è permesso farlo."
2. ALL'EBREO NON È PERMESSO MENZIONARE LE COSE CHE I CRISTIANI USANO
PER IL LORO CULTO IDOLATRICO.
Nello Hilkhoth Akum (V,12) si legge:
"È inoltre proibito menzionare l'Akum; è infatti scritto (Exodus XXIII,13): ... non
menzionare gli altri dei."
3. SI DEVE PARLARE DEI LORO IDOLI CON SPREGIO
Nello Iore dea (146,15) si legge: "I loro idoli devono essere distrutti, o chiamati con
nomi spregevoli." Ibidem, (147,5): "È permesso deridere gli idoli, ed è proibito dire
ad un goi: Dio ti aiuti, oppure
ti auguro di riuscire."
Il rabbino Bechai, spiegando il testo del Deuteronomio sull'odio verso l'idolatria, dice:
"Le Scritture insegnano di odiare gli idoli e di chiamarli con nomi ignominiosi. Perciò, se
il nome di una chiesa è Bethgalia--"casa di magnificenza," essa dovrebbe essere chiamata
Bethkaria - casa insignificante, porcile, latrina. Questa parola karia infatti, denota un
luogo basso, un tugurio."
In diversi punti gli ebrei danno nomi ignominiosi alle cose cristiane. Non è fuori luogo
elencarne qui di seguito alcuni che essi danno a cose e persone considerate care e sante
dai cristiani:
GESU' viene ignominiosamene chiamato Jeschu- che significa Possano il suo nome e la
sua memeoria essere cancellati. In ebraico, il suo vero nome è Jeschua che significa
Redenzione (Salvamento).
MARIA LA MADRE DI GESÙ', viene chiamata Charia -sterco, escrementi (tedesco
Dreck). In ebraico il suo vero nome è Miriam.
I SANTI CRISTIANI, per cui la parola in ebraico è Kedoshim, sono chiamati Kededchim,
(cinaedos)- uomini effemminati (Fate). Le sante sono chiamate
Kedeschoth, Puttane.
LA DOMENICA viene chiamata il giorno della calamità.
LA FESTA DI NATALE viene chiamata Nital, che indica sterminio.
PASQUA non viene chiamata con il suo nome corretto Pesach (Pasqua ebraica), ma
Ketsach, che significa abbattere; oppure Kesach, impiccagione.
UNA CHIESA CRISTIANA non viene chiamata Beth Hattefillah, Casa di Preghiera, ma
Beth Hattiflah, Casa di Vanità, Casa del Male.
I LIBRI DEL VANGELO sono chiamati Aavon Gilaion, Libri di Iniquità.
I SACRIFICI CRISTINAI sono chiamati Offerte di Sterco. Nel Talmud di Jerusalemme
(fol.13b) si trova quanto segue:
"Colui che li vede mezabbelim (defecare -offrire il sacrificio) di fronte al loro idolo, deve
dire (Esodo XXII, 20): Colui che sacrifica ad un idolo, sia completamente distrutto."
Il rabbino Iarchi (riferendosi a Num. XXV,3), insegna che i gentili onorano il loro Dio
defecando davanti a lui.
UNA RAGAZZA CRISTIANA che lavora per gli ebrei nel loro giorno di Sabato viene
chiamata Schaw-wesschicksel, Immondizia del Sabato.
4. GLI EBREI NON POSSONO FARE REGALI AI CRISTIANI
Nello Hilkhoth Akum (X5) si legge:
"È proibito fare regali ai goim. Ma è permesso farli ad un convertito che vive fra gli ebrei;
è detto, infatti: 'Datelo da mangiare al viaggiatore che si ferma nelle vostre città, oppure
vendetelo ad un gentile, cioè, vendetelo, non datelo'."
Nello Iore Dea (151,11) si legge:
"È proibito fare dei regali all'Akum con il quale l'ebreo non deve intrattenersi
amichevolmente."
Il Talmud, comunque, permette agli ebrei di fare doni a gentili che egli conosce e dai quali
egli spera di avere qualcosa in cambio.
5. È PROIBITO ALL' EBREO VENDERE LA PROPRIA FATTORIA AD UN CRISTIANO
Nello Iore Dea (334,43) si legge:
"L'ebreo dovrà essere ripudiato in 24 casi, cioè... 8° caso: Chiunque venda la sua fattoria
agli Akum deve essere mandato in esilio - a meno che egli non si impegni a risarcire tutto
il danno causato agli ebrei che devono subire un Akum come vicino."
6. È PROIBITO INSEGNARE UN'ATTIVITA' COMMERCIALE AI CRISTIANI
Nello Iore Dea (154,2) si legge: "Non è permesso insegnare alcuna
attività commerciale agli Akum"
II. SI DEVE DANNEGGIARE IL LAVORO DEI CRISTIANI
Dato che i goim servono gli ebrei come bestie da soma, essi appartengono agli ebrei con
tutte le loro facoltà e la loro vita:
"La vita di un goi e tutte le sue capacità fisiche appartengono all'ebreo." (A. Rohl. Die
Polem. p.20)
È un assioma dei rabbini che l'ebreo possa prendere qualsiasi cosa appartenga ai cristiani
per qualsiasi motivo, anche con la frode; e ciò non può essere definito rubare dato che è
semplicemente prendere ciò che gli appartiene.
Nel Babha Bathra (54b) si legge:
"Tutte le cose che appartengono ai goim sono come un deserto; il primo che passa e le
prende può rivendicarne la proprietà."
1. NON SI DEVE FAR SAPERE AI CRISTIANI SE PAGANO UN PREZZO TROPPO ALTO
AD UN EBREO
Nel Choshen Hammischpat (183,7) si legge:
"Se mandi un messaggero a ritirare del denaro da un Akum e l' Akum paga più di quanto
deve, il messaggero può tenersi la differenza. Ma se il messaggero non lo sa, la puoi tenere
tu stesso."
2. GLI OGGETTI SMARRITI DEI CRISTIANI NON DEVONO MAI ESSERE LORO
RESTITUITI
Nel Choshen Hammischpat (226,1) si legge:
"L'ebreo potrà tenere tutte le cose che trova, se sono di proprietà di un Akum, in quanto
sta scritto: Restituisci a tuo fratello ci ò che è stato perduto (Deuter. XXII,3). Infatti, colui
che restituisce (ai cristiani) un oggetto smarrito pecca contro la Legge in quanto aumenta
il potere dei trasgressori della Legge. È lodevole, comunque, restituire gli oggetti smarriti,
se ciò viene fatto in onore del nome di Dio, cioè, se a causa di ciò gli ebrei saranno lodati e
considerate dai cristiani persone d'onore."
3. È PERMESSO FRODARE I CRISTIANI
Nel Babha Kama (113b) si legge:
"È permesso ingannare un goy."
E nel Choshen Hammischpat (156,5. Hagah) si legge:
"Se un ebreo fa buoni affari con un Akum, in certi posti non è permesso agli altri ebrei di
venire e fare affari con lo stesso Akum. In altri luoghi, comunque, è diverso ed è permesso
a un altro ebreo di andare dallo stesso Akum, circuirlo, fare affari con lui e prendere il suo
denaro. Infatti la ricchezza dell' Akum deve essere considerata proprietà comune e
appartiene al primo che può appropriarsene. C'è, comunque, chi dice che ciò non va
fatto."
Nel Choshen Hammischpat (183,7 Hagah) si legge:
"Se un ebreo fa affari con un Akum e un fratello israelita sopravviene e froda l'Akum per
mezzo di falsi pesi o misure o numeri, egli deve dividere il suo profitto con il suo fratello
israelita, dato che entrambi hanno partecipato all'affare, e anche per
aiutarlo."
4. UN EBREO PU0' FINGERE DI ESSER UN CRISTIANO PER INGANNARE I
CRISTIANI
Nello Iore Dea (157,2. Hagah) si legge:
"Se un ebreo può ingannarli (gli idolatri) fingendo di essere un adoratore di stelle, gli è
permesso farlo."
5. AGLI EBREI È PERMESSO ESERCITARE L'USURA NEI CONFRONTI DEI
CRISTIANI
Nell'Abhodah Zarah (54a) si legge:
"È permesso esercitare l'usura nei confronti degli apostati caduti in idolatria."
E nello Iore Dea (159,1) si legge:
"È permesso, secondo la Torah, prestare denaro ad usura ad un Akum. Alcuni anziani
comunque negano ciò eccetto nel caso di vita o di morte. Al giorno d'oggi è permesso per
qualsiasi motivo."
III. I CRISTIANI DEVONO ESSERE DANNEGGIATI NELLE QUESTIONI LEGALI
1. ALL'EBREO È PERMESSO MENTIRE E GIURARE IL FALSO PER FAR
CONDANNARE UN CRISTIANO
Nel Babha Kama (113a) si legge:
"Il nostro insegnamento è il seguente: Quando un ebreo e un goi appaiono in tribunale,
assolvi l'ebreo, se puoi, secondo le leggi d'Israele. Se il goi vince, digli che ciò è quanto la
nostra legge richiede. Se, comunque, l'ebreo può essere assolto secondo la legge dei
gentili, assolvilo e digli che ciò è fatto secondo le nostre leggi. Se ciò non può essere fatto,
procedi con durezza contro il goi, come consiglia il rabbino Ischmael. Il rabbino Akibha,
comunque, sostiene che non si può agire con frode per non profanare il Nome di Dio, e
per non avere un ebreo rinviato a giudizio per spergiuro."
Una nota a margine, comunque, spiega questa precisazione del rabbino Akibha come
segue:
"Il nome di Dio non viene profanato se il goi non sa che l'ebreo ha mentito."
E più avanti, il Babha Kama (113b) dice:
"Il nome di Dio non è profanato quando, per esempio, un ebreo mente ad un goi dicendo:
'Io ho dato qualcosa a tuo padre, ma egli è morto; tu me lo devi restituire,' purchè il goi
non sappia che tu stai mentendo."
2. È PERMESSO AD UN EBREO GIURARE IL FALSO CON COSCIENZA PULITA
Nel Kallah (1b, p.18) si legge:
"Essa (la madre del mazmer) gli disse, 'Giura davanti a me.' E il rabbino Akibha giurò con
le labbra, ma nel suo cuore invalidò il giuramento.'
Un concetto simile si trova nello Schabbuoth Hagahoth del rabbino Ascher (6d):
"Se il magistrato di una città costringe gli ebrei a giurare che non fuggiranno da quella
città e che non ne asporteranno cosa alcuna, essi potranno giurare il falso dicendo a se
stessi che non fuggiranno quel giorno, e che non asporteranno cosa alcuna dalla città solo
in quel giorno."
IV. I CRISTIANI DEVONO ESSERE DANNEGGIATI NELLE COSE NECESSARIE
ALLA SOPRAVVIVENZA Gli ebrei non dovranno risparmiare nessun mezzo per
combattere i tiranni che li
tengono in questa Quarta Cattività al fine di liberarsene. Essi devono combattere i
cristiani con l'astuzia e non fare nulla per evitare che il male li colga: i loro malati non
devono essere curati, le donne cristiane non devono essere aiutate durante il parto, e i
cristiani non devono essere salvati se in pericolo di morte.
1. UN EBREO DEVE SEMPRE CERCARE DI INGANNARE I CRISTIANI
Nello Zohar (I,160a) si legge:
"Il rabbino Jehuda gli ha detto (al rabbino Chezkia): 'È degno di lode colui che è capace di
liberarsi dai nemici di Israele, e sono molto degni di lode i giusti che si liberano da essi e li
combattono.' Il rabbino Chezkia chiese, 'Come dobbiamo combatterli?' Il rabbino Jehuda
disse, 'Con saggi consiglifarai guerra contro di loro. (Proverbi, cap.24,6). Con che tipo di
guerra? Il tipo di guerra che ogni figlio d'uomo deve combattere contro i suoi nemici, e
che Giacobbe usò contro Esaù – quando possibile, con l'inganno e la frode. Essi devono
essere combattuti senza posa, fino a che il giusto ordine non sia ristabilito. È perciò con
soddisfazione che dico che noi ci dobbiamo liberare da loro e regnare su di loro."
2. NON SI DEVE AIUTARE UN CRISTIANO AMMALATO
Nello Iore Dea (158,1) si legge:
"Gli Akum non devono essere curati, nemmeno per denaro, a meno che ciò non provochi
la loro inimicizia."
3. NON SI DOVRA' AIUTARE LA DONNA CRISTIANA DURANTE IL PARTO
Nell' Orach Chaiim (330,2) si legge:
"Nessun aiuto, benchè minimo, dovrà essere prestato ad una donna Akum durante il parto
in giorno di sabato, in quanto il sabato non deve essere violato."
4. NON SI DOVRA' AIUTARE UN CRISTIANO IN PERICOLO DI MORTE
Nel Choshen Hammischpat (425,5) si legge:
"Se vedete un eretico che non crede nalla Torah cadere in un pozzo con una scala,
affrettatevi immediatamente e portatela via dicendogli 'Devo andare a prendere mio figlio
giù da un tetto. Ti riporterò la scala immediatamentÈ o qualcosa del genere. I Kuthaei,
comunque, che non sono nostri nemici e che si prendono cura delle pecore degli israeliti,
non devono essere uccisi direttamente, ma non devono essere salvati dalla morte."
E nello Iore Dea (158,1) si legge:
"Gli Akum che non sono nostri nemici non devono essere uccisi direttamente, ciò non
ostante essi non dovranno essere salvati dal pericolo di morte. Per esempio, se vedete uno
di essi cadere in mare, non tiratelo su a meno che egli non vi prometta del denaro."
Maimonide nello Hilkhoth Akum X,1.
Non licet misereri eorum; quia dicitur: "Ne misereberis eorum"1). Idcirco, si
quis viderit Adum pereuntem, vel aquis demersum, ne opem ferat. Si eum
morti proximum viderit, ne eripiat morti. Attamen manu sua eum perdere,
praecipitem in puteum dare, vel siquid huic simile, nefas est, quia nobiscum
bellum non gerit.
Maimonide, nello Hilkhoth Akum (X,1) dice:
"Non abbiate pietà di loro: infatti, è detto (Deuter. VII,2): Non mostrate loro pietà.
Perciò, se vedete un Akum in difficoltà o annegare, non andate in suo aiuto. E se egli fosse
in pericolo di morte, non salvatelo. Ma non è giusto ucciderlo con la vostra mano
spingendolo nel pozzo o in altro modo, dato che essi non sono in guerra contro di noi."
Articolo II - I CRISTIANI DEVONO ESSERE UCCISI
INFINE, il Talmud comanda che i cristiani siano uccisi senza pietà. Nell' Abhodah Zarah
(26b) si legge:
"Eretici, traditori e apostati devono essere gettati in un pozzo e non devono essere
soccorsi."
E nel Choshen Hammischpat (388,10) si legge:
"Le spia dovrà essere uccisa, anche ai nostri giorni, dovunque si trovi. Essa può essere
uccisa anche prima che confessi. E anche se ammette di aver voluto solo far del male a
qualcuno, e se il male che voleva fare non era molto grande, è sufficiente per condannarla
a morte. Essa comunque deve essere avvertita di non confessare in questa maniera. Ma se
impudentemente essa dice "No, lo confesserò!" allora dovrà essere uccisa, il prima
possibile. Se non c'è tempo per avvertirla, non è necessario farlo. Alcuni dicono che un
traditore deve essere messo a morte solo quando è impossibile liberarsene mutilandolo,
cioè, tagliandogli la lingua o strappandogli gli occhi, ma se ciò è possibile non dovrà essere
ucciso, dato che egli non è peggiore di altri che ci perseguitano."
E nello Choshen Hamm.di nuovo (388,15) si legge:
"Se si può dimostrare che qualcuno ha tradito Israele tre volte, o che ha dato il
denaro di israeliti agli Akum, si dovrà trovare il modo, dopo prudente considerazione, di
eliminarlo dalla faccia della terra."
Quinimo, ipsum studium Legis Iudaeorum mortis poenam meretur.
Sanhedrin 59 a:
R. Iochanan dicit: Goi scrutans legem, reus est mortis. Il cristiano che viene scoperto a
studiare la Legge d'Israele merita la morte. Nel Sanhedrin (59a) si legge:
"Il rabbino Jochanan dice: Un goi che ficca il naso nella Legge è colpevole di morte."
II. Occidendi sunt Baptisma suscipientes Iudaei. Hilkhoth Akum X,2: Haec dicta
sunt 1) de idolatris. Sed Israelitarum illos, qui a religione desciverint,
vel Epikurei evaserint, trucidare, atque ad inferos usque persequi iubemur. Quippe
affligunt Israelem, populumque a Deo avertunt.
II. GLI EBREI BATTEZZATI DEVONO ESSERE MESSI A MORTE Nello Hilkhoth
Akum (X,2) si legge: "Queste cose (supra) si intendono per gli idolatri. Ma anche gli
israeliti che
lasciano la loro religione e diventano epicurei devono essere uccisi e noi dobbiamo
perseguitarli fino alla fine. Infatti essi affliggono Israele e distolgono il popolo da Dio."
E nello Iore Dea (158,2 Hagah) si legge:
"I rinnegati che si rivolgono ai piaceri degli Akum, e che ne rimangono contaminati
adorando le stelle e i pianeti come essi fanno, devono essere uccisi."
In modo simile, si dice nello Choshen Hammischpat (425,5):
"Gli ebrei che diventano epicurei, che si danno all'adorazione delle stelle e dei pianeti e
peccano maliziosamente; anche coloro che mangiano la carne di animali feriti, o che
vestono abiti vani, meritano il nome di epicurei; in simil modo, coloro che negano la
Torah e i Profeti d'Israele - la legge è che tutti questi debbano essere uccisi; e coloro che
hanno il potere di vita e di morte devono farli uccidere; e se ciò non potesse essere fatto,
essi dovranno essere portati alla morte con l'inganno."
Qui sint isti abnegantes Legem, clare demonstrat R. Maimon in Hilkhoth Teschubhah III,
2).
Tres sunt classes negantium Torah:
1. Qui dicunt non a Deo datam esse Torah, aut (non a Deo) saltem unum eius versum,
saltem verbum unum, sed (tenent) Moysen a seipso hoc dixisse, omnis (qui ita dicit)
abnegat Legem.
2. Qui abiiciunt eius explicationem, quae dicitur Torah oralis (Mischnah), neque
agnoscunt eius doctores, quemadmodum (fecerunt) Tsadok 3) et Baithos 4)
3.
Il rabbino Maimonide, nello Hilkhoth Teschubhah (III,8), fornisce l'elenco di coloro che
vengono considerati negatori della Legge:
"Ci sono tre categorie di persone che negano la Legge della Torah:
1) Coloro che dicono che la Torah non è stata data da Dio, almeno un verso o una parola
di essa (sic), e che dicono che è stato tutto lavoro di Mosè;
2) Coloro che rifiutano la spiegazione della Torah, cioè, la Legge Orale della Mischnah, e
coloro che non riconoscono l'autorità dei Dottori della Legge, come i seguaci di Tsadok
(Sadducei) e di Baithos;
3) Coloro che dicono che Dio ha cambiato la Legge per un'altra Nuova Legge, e che la
Torah non ha più nessun valore, anche se essi non negano che fu data da Dio come
credono i cristiani e i turchi. Tutti costoro negano la Legge dalla Torah."
III. I CRISTIANI DEVONO ESSERE UCCISI PERCHÈ SONO TIRANNI
Nello Zohar (I,25a) si legge:
"I Popoli della Terra sono idolatri, e su di loro è stato scritto: Che siano spazzati via dalla
faccia della terra: Distruggete la memoria degli Amalechiti. Essi sono ancora con noi in
questa Quarta Cattività, cioè, i Principi (di Roma) .... che, in realtà, sono amalechiti."
1. QUESTI PRINCIPI DEVONO ESSERE UCCISI PER PRIMI
Perchè se viene loro permesso di vivere, la speranza della liberazione degli ebrei è vana, e
le loro preghiere di libe razione da questa Quarta Cattività saranno inefficaci. Nello Zohar
(I,219b) si legge:
"È certo che la nostra cattività durerà fino a quando i principi dei gentili che adorano gli
idoli non saranno distrutti."
E ancora nello Zohar (II,19a) si legge:
"Il rabbino Jehuda ha detto: Venite a vedere come stanno le cose; come i principi hanno
assunto potere sopra Israele e gli israeliti non protestano. Ma, quando cade il principe, la
loro contentezza si fa sentire. Sta scritto che: il Re degli Egiziani morì e subito i figli
d'Israele furono liberati dalla cattività; essi lanciarono grida e la loro voce salì a Dio."
2. IL PRINCIPATO CHE HA PER CAPITALE ROMA È QUELLO CHE GLI EBREI
DEVONO ODIARE PIU' DI TUTTI
Lo chiamano il Regno di Esaù e degli Edomiti, il Regno dell'Orgoglio, il Regno del Male,
Empia Roma. L'impero Turco viene chiamato il Regno degli Ismaeliti, che essi non
desiderano distruggere. Il Regno di Roma, comunque, deve essere sterminato, perchè
quando la corrotta Roma sarà distrutta, la salvezza e la libertà verranno al Popolo Eletto
di Dio."
R. David Kimchi scribit diserte in Obadiam29:
Quidquid dixerunt Prophetae de vastatione Edom in ultims diebus, id de Roma
intellexerunt, ut explicavi in Iesaia in versu "Accedite gentes ad audiendum"3).
Etenim, quando vastabitur Roma, erit redemptio Israelitarum.
Il rabbino David Kimchi scrive come segue nell'Obadiam:
"Ciò che i Profeti predissero sulla distruzione di Edom negli ultimi giorni lo riferivano a
Roma, come spiega Isaia (ch.34,1):
Avvicinatevi, o nazioni, ed ascoltate... Quando Roma sarà distrutta, Israele sarà redenta."
Anche il rabbino Abraham dice la stessa cosa nel suo libro Tseror Hammor, sezione
Schoftim:
"Non appena Roma sarà stata distrutta, noi saremo redenti."
IV. INFINE, TUTTI I CRISTIANI, INCLUSI I MIGLIORI FRA DI LORO, DEVONO
ESSERE UCCISI.
Abhodah Zarah 26b. Tosephoth:
Optimus inter Goim occidi meretur.
Multoties haec phrasis repetita occurrit in diversis libris Iudaeorum, licet non iisdem
verbis. V.g.: R. Sal. Iarch in Exodi cap.XIV, v. 7 editionis Amstelodamiensis1) dicit:
Nell' Abhodah Zarah (26b, Tosephoth) si legge:
"Anche il migliore dei Goim dovrebbe essere ucciso"
Lo Shulchan Arukh, dopo le parole dello Iore Dea (158,1) che dicono che coloro fra gli
Akum che non fanno del male agli ebrei non devono esser uccisi, cioè coloro che non
fanno guerra ad Israele, così spiega la parola Milchamah - guerra:
"Ma in tempo di guerra gli Akum devono essere uccisi in quanto sta scritto: 'I buoni fra gli
Akum meritano di essere uccisi, ecc."
V. L'EBREO CHE UCCIDE UN CRISTIANO NON COMMETTE PECCATO, MA OFFRE
UN SACRIFICIO ACCETTO A DIO
V. Iudaeus occidens Christianum non peccat, sed offerre dicitur Deo acceptabile
sacrificium.
Sepher Or Israel 177b3):
Dele vitam Kiphoth et occide ea;
gratus enim eris Divinae Maiestati sicut ille, qui offert oblatum incensi.
Nello Sepher Or Israel (177b) si legge:
"Togli la vita ai Kliphoth e uccidili, e piacerai a Dio come uno che Gli offre incenso."
E nello Ialkut Simoni (245c. n.772) si legge:
"Colui che sparge il sangue degli empi è tanto accetto a Dio quanto colui che
offre un sacrificio a Dio."
VI. DOPO LA DISTRUZIONE DEL TEMPIO A GERUSALEMME, L'UNICO SACRIFICIO
NECESSARIO È LO STERMINIO DEI CRISTIANI
Nello Zohar (III,227b) Il Buon Pastore dice:
"Il solo sacrificio necessario è che togliamo l'immondo di mezzo a noi."
Lo Zohar (II,43a), spiegando il precetto di Mosè sulla redenzione del
primogenito di un asino che si ottiene con l'offerta di un agnello, dice:
"L'asino sta per il non ebreo, che deve essere redento con l'offerta di un agnello, che è il
gregge disperso di Israele. Ma se egli rifiuta di essere redento, allora gli si rompa il
cranio... Essi dovrebbero essere cancellati dal libro dei viventi, in quanto su di loro è
detto: Colui che pecca contro di me, io lo toglierò dal libro della vita."
VII. COLORO CHE UCCIDONO I CRISTIANI AVRANNO UN POSTO
ELEVATO IN CIELO
Nello Zohar (1,38b, e 39a) si legge:
"Nei palazzi del quarto cielo si trovano coloro che emisero lamenti su Sion e
Gerusalemme, e tutti coloro che distrussero le nazioni idolatre... e coloro che uccisero
gente che adorava gli idoli sono vestiti con vesti di porpora in maniera che possano essere
riconosciuti e onorati."
VIII. GLI EBREI NON DEVONO MAI CESSARE DI STERMINARE I GOIM; NON
DEVONO MAI LASCIARLI IN PACE E NON DEVONO MAI SOTTOMETTERSI A LORO.
Nello Hilkhoth Akum (X,1) si legge:
"Non mangiate con gli idolatri, non permettete loro di adorare i loro idoli; è infatti scritto:
Non stabilite contratti con loro, non mostrate loro misericordia (Deuter. cap. 7, 2). O li
distogliete dai loro idoli o li uccidete."
Ibidem (X,7):
"Non si dovrà permettere a nessun idolatro di rimanere nei luoghi dove gli ebrei sono
forti..."
IX. TUTTI GLI EBREI SONO OBBLIGATI AD UNIRSI INSIEME PER DISTRUGGERE I
TRADITORI CHE SONO IN MEZZO A LORO
Nel Choshen Hammischpat (338,16) si legge:
"Tutti gli abitanti della città sono obbligati a contribuire alla spesa dell'uccisione di un
traditore, anche coloro che devono pagare altre tasse."
X. NESSUNA FESTA, NON IMPORTA QUANTO SOLENNE, PUO' IMPEDIRE LA
DECAPITAZIONE DI UN CRISTIANO
Nel Pesachim (49b) si legge:
"Il rabbino Eliezer disse: È permesso tagliare la testa di un 'idiota' (uno degli abitanti della
terra) nella festa della Riconciliazione quando cade in giorno di Sabato.
I suoi discepoli gli dissero: rabbino, dovresti piuttosto dire sacrificare. Ma egli rispose:
Niente affatto, è infatti necessario pregare mentre si sacrifica, e non c'è bisogno di pregare
quando si decapita qualcuno."
XI. IL SOLO SCOPO DI TUTTE LE AZIONI E PREGHIERE DEGLI EBREI DEVE
ESSERE QUELLO DI DISTRUGGERE LA RELIGIONE CRISTIANA
Gli ebrei dipingono il Messia e Liberatore che aspettano come un persecutore che
infliggerà grandi calamità ai non giudei. Il Talmud elenca tre grandi mali che colpiranno il
mondo quando il Messia verrà. Nello Schabbath (118a) si legge:
"Chiunque mangia tre pasti di Sabato sarà salvato dai tre mali: dalle punizioni del Messia,
dalle pene dell'inferno e dalla guerra di Magog; infatti sta scritto: Ecco, Io vi mander ò
Elia il Profeta prima che venga il 'Giorno' del Signore, ecc."
XII. NELLE LORO PREGHIERE GLI EBREI SOSPIRANO LA VENUTA DEL MESSIA
VENDICATORE, SPECIALMENTE NELLA VIGILIA DELLA PASQUA (EBRAICA):
"Scarica la tua ira sulle nazioni che non ti conoscono, e sui regni che non invocano il tuo
nome; Scarica la tua indignazione su di loro e che la tua ira di vendetta li prenda;
Perseguitali e distruggili con ira da sotto i cieli del Signore."
Essi pregano anche come segue:
"Per quanto tempo rimarrà la tua forza prigioniera e per quanto tempo giacerà la tua
bellezza sotto la mano dell'oppressore? O Dio! Mostra la tua forza e il tuo zelo contro i
nostri nemici; spezza la loro forza e confondili..."
E ancora:
"Recidi la speranza dell'ingiusto; fa che tutti gli eretici periscano immediatamente;
sradica, spezza, e distruggi il Regno Orgoglioso; affrettati a rendere tutti i popoli
soggetti nei nostri giorni."
Esattamente allo stesso tempo, il Venerdì Santo, quel "Prinicipe dell'Impero Orgoglioso"
di Roma, il Papa, prega e ordina a tutti in tutto il mondo di pregare per tutti gli "eretici" e
coloro che sono "persi" come segue:
"Preghiamo per i perfidi giudei: che il Signore nostro Dio possa togliere il velo dai loro
cuori, che possano riconoscere Gesù Cristo nostro Signore.
"Dio Onnipotente ed Eterno, che non escludi nemmeno gli ebrei dalla tua misericordia:
ascolta le nostre preghiere che offriamo per la cecità di quel popolo che, riconosciuta la
luce della tua verità, che è Cristo, possa uscire dalle sue tenebre,
Per Gesù Cristo nostro Signore..."
COME SON BELLI I TUOI PADIGLIONI, O GIACOBBE, E LE TUE TENDE, O ISRAELE!
(Num.24,5)
EPILOGO
Al gentile lettore:
In questo lavoro, ho citato passi di pochissimi fra i libri talmudici che fanno riferimento ai
cristiani. Per amore di brevità e per risparmiare il cuore sensibile del lettore, ne ho
omesso molti altri che avrebbero potuto essere inclusi. Questi testi che ho citato,
comunque, dovrebbero essere sufficienti per dimostrare quanto false siano le
affermazioni degli ebrei quando sostengono che non c'è niente nel Talmud che insegni
l'odio e l'inimicizia verso i cristiani.
Se lo studio delle orribili bestemie di questo libro dovesse risultare rivoltante per il
lettore, che egli non me ne voglia. Non ho detto, all'inizio, che avrei narrato qualcosa di
piacevole, ma solamento che avrei dimostrato ciò che veramente il Talmud insegna sui
cristiani, e non credo che avrei potuto farlo in maniera più appropriata.
Mi rendo conto, comunque, che, dato che la verità non piace a tutti, molti mi diverranno
nemici per aver in tal modo testimoniato la verità. Ciò mi è stato ricordato sia dalle leggi del
Talmud stesso che minaccia di morte i "traditori", e ancor più, dagli avvertimenti di coloro che
hanno avuto esperienza delle azioni che gli ebrei intraprendono contro coloro che rendono
note cose a loro sfavorevoli. Hanno tutti predetto che perirò per mano degli ebrei. Cercando di
dissuadermi dal continuare il mio lavoro, alcuni mi hanno pregato di ricordare la sorte del
Professor Charini, che fu ucciso all'improvviso dopo aver incominciato a tradurre il Talmud in
lingua vernacolare. Altri mi hanno ricordato la sorte del monaco Didacus di Vilna, un
convertito dal giudaismo che fu crudelmente assassinato; altri mi hanno ricordato di coloro
che erano stati perseguitati per aver rivelato segreti della religione ebraica. Altri ancora, mi
hanno messo in guardia contro i pericoli in cui sarebbero incorsi i miei cari. "Wszak ciebie
wydzi zabij"* mi si ripeteva centinaia di volte.
Il libro che tu ora tieni in mano è la miglior prova che non ho dato retta agli avvertimenti
dei miei amici. Ho considerato indegno di me stesso rimanere in silenzio solo per amore
della mia sicurezza personale, mentre il conflitto imperversa fra i due campi dei "Semiti" e
degli "Antisemiti," entrambi dei quali sostengono di combattere per la verità, mentre io so
che la verità completa non si trova in nessuno dei due campi. Ma qualsiasi cosa mi
succeda a causa di ciò che ho fatto, sarò lieto di sopportarla. Sono disposto a offrire la mia
vita
u
CHE IO POSSA TESTIMONIARE LA VERITA' (Gio. 18,37)
I.B. Pranaitis
*"Ma gli ebrei ti uccideranno" - Traduzione polacca
(Circa il contenuto dell'Epilogo, è tristemente significativo ricordare che Padre Pranaitis
trovò in effetti la morte come previsto per mano dei suoi nemici durante la rivoluzione
bolscevica (in 1917] - n.d.r.)