Annuncio OGM vita




In città il nuovo Auditorium San Gennaro


  • Jewish lobby, MOSSAD diverted: Pharisees, ECB FED IMF NWO, like, 666 Satanism international, through money, that steals: to us in the: 322, Masonic system, that is, the crime of banking seigniorage, they pay, our poor unemployed desperate for advertising, their: criminal ideology: in Internet, and, use, our children: to finish destroying: our civilization: Jewish-Christian (because, they all know, that, Israel has the hours counted!). but, the Jews diverted, are smarter, they understood that: it is not possible to have a contrast: with, Unius REI, and have did stop, every contact,of their agents, with me! and also, all the Jews know very well that I said to them, "when, I will come: to Jerusalem, there: to slam your head: against: the stones, to the point that, the stones will cry in pain!, and in fact, what, religion, or what: institution can be an ally, of the Kingdom of God? ye are all corrupt!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    3 minuti fa
    le lobby ebraiche, MOSSAD deviato: Farisei, FED ECB IMF NWO, come, il satanismo internazionale, attraverso, i soldi, che, ruba: a noi: nel sistema massonico, cioè, il crimine di signoraggio bancario, loro pagano, i nostri poveri disoccupati disperati, per fare pubblicità, alla loro ideologia criminale, e usano, i nostri figli: per finire di distruggere: la nostra civiltà: ebraico-cristiana (perché tutti loro sanno che, Israele ha le ore contate!).. ma, gli ebrei, sono più intelligenti, hanno capito, che: non è possibile, avere una contrapposizione: contro, Unius REI, ed hanno fatto interrompere, ogni contatto, dei loro agenti, con me! e inoltre, tutti gli ebrei sanno molto bene: che, io ho detto loro: "quando, io verrò a Gerusalemme, vi sbatterò di testa: contro: i sassi, al punto tale, che, le pietre piangeranno dal dolore! e infatti, di quale religione, o, di quale: istituzione può essere alleato: il Regno di Dio? voi siete tutti corrotti!
  • JewsxMessiahUniusRei
    JewsxMessiahUniusRei ha pubblicato un commento
    2 ore fa
    Venerdì di Risurezione? si, ma poi è Pasqua! @666, 322, nazi, IMF, NWO, FED, ECB, racist, criminal, Islamist, Pharisee Mason, communists, satanist, and: all my enemies, all enemies of Christian matyrs: all you, were prepared for the destruction .. it would be better for you, That you had never been born, hallelujah - YHWH has won! alleluia, YHWH is the best! all my enemies, were prepared for the destruction!.. my purity: is perfect, because: it is divine .. I do not have: to lie: or pretend, or: wish to do, evil of my enemies! I not: have feelings of revenge, which are a form of hate! This is why, I am perfect, I am the eternal metaphysical man, I'm unius REI. so, I wait a criminal, at his mistake, because, it is impossible, for a man unclean, of: not to fall: into contradiction with itself! [Babylon is fallen, and: the right: is been revealed]
  • allChristianMartyrs
    allChristianMartyrs ha pubblicato un commento
    3 ore fa
    [the"little Satan" is: SatanAllah, not Israel ]@Sharia Jihad Abu Antar: liar, fake christian ---You are a secret agent (then: you have an: institutional task: to be carried out), but, also: are segret agent, of satanism international, institutional: CIA, IMF-NWO: 1. IHateNEWLAYOUT (is American Satanist); 2. Neji Jaber: is italian satanist; 3. jjjjjjiiiijjjjjj, is German satanist. just me, i am independent, and do not have a flag to defend.. like you all.. in fact you have fallen into my trap! because this is what, I have been able to show today! the "little Satan" is not Israel! but, is islam, that, king Saudi Arabia, Iran, together with their friends Pharisees: IMF-NWO, have corrupted.. indeed, liar and hypocrite as you are? you make friend with the cannibals: 666, and not with me, because, you are not capable, of being an honest man!
  • allChristianMartyrs
    allChristianMartyrs ha pubblicato un commento
    4 ore fa
    sharia Abu jihad Antar:liar, fake christian --"argument" goes that Islamists ((all religious maniacs)) believe Muhammad: to be a perfect model for behaviour: and: therefore the fact of Muhammad's marriage: to A'isha somehow, proves Islam: to be a depraved religion, into mind of king Saudi Arabia... Marriage to a pre-pubescant: child, with, whom consummation occurs: upon reaching puberty (although Bolivia, sets the age of consent at puberty). --ANSWER --[what else: is weird? The Talmud also: says that you can have sex: with girls as young: as 3 years, if: they are the daughters: of the goyim] AND THIS DOES NOT DO, IN ANY WAY, FOR ME, an MAN anti-Semite OR Islamophobic. BUT, YOU MUSLIM, that, pretending,to be a CHRISTIAN, YOU CAN SPEAK THE ABDUCTION OF CHRISTIAN girls (9-14 years), for to FORCE them, TO MARRIAGE IN MANY ISLAMIC STATES, with the complicity of the police?
  • Abu Antar
    Abu Antar ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    Good old Unius ain't a bad guy, he's just terribly confused about some matters.
  • Neji Jaber
    Neji Jaber ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    ☭Is Time That Someone Teach Unius Rei A Lesson☭

    @ terrorist, Jihad Abu Antar sharia - fake christian - and, that's right! a Muslim criminal: like you, can, only, the friend of institutional Satanists, on this page! because, you are only one only synagogue, for lore to SatanAllah IMF NWO crazy maniac! how many poor Christian girls were stolen, kidnapped in Egypt, Pakistan. ecc.. from nine years of age, in on ... and have been forced to marry a Muslim, because, your islamic governments: are an total abomination, because, the list of your crimes, is too long! jihad Abu sharia Antar -- fake christian -- why do you believe that unius REI, is about: your level donkey? though, that picture: it is not the royal wedding, but a ritual of the family ? oh, ... I would like that, you give me a link for an explanation! I do not know, this Islamic ritual, but, the marriage with children? did your Muhammad, and still do the Taliban, and many islamists, certainly still...

    • quand vous faites le sacrifice humain sur l'autel de Satan, votre prêtre: 322 Bush vous fait boire du sang humain seul, ou il se mélange avec l'alcool. vous satanistes Allemand: institutionnel, vous avez également: la même tradition: des satanistes américains, c'est-à faire le plâtre du visage du cadavre, pour le dire, comme une collection, sur le mur quelques-uns: mur: de la pub (public house), tout d'abord le dissoudre dans de l'acide sulfurique, ou, vous en Allemagne, vous avez différentes traditions?
    •   @ jjjjjjiiiijjjjjj - Satanists American-dogs, institutional, international agency: 322, 666, talmud IMF, CIA NWO (masonic system for banking seigniorage!), you dissolve also, your, corpses in sulfuric acid, ie, your human sacrifices, for satan, That, are made ​​in Germany, your 20.000: corpses, sacrificed on the altar of Satan. each year, where they hide? dissolves corpses you also, in sulfuric acid, and then pour, all your shit, them into the sewer, of Merkel? when you finish do the human sacrifice on the altar of Satan, your priest: 322 Bush makes you drink human blood alone, or he mixes it with liquor. you Satanists German: institutional, You also have: the same tradition: of American Satanists, That Is, to make the plaster cast of the face of the corpse, to put it, as a collection, some on the wall: wall: of pub (public house), first of it dissolves in sulfuric acid, or, you in Germany, you have different traditions?
La Parrocchia di San Gennaro sorge in un quartiere di recente costruzione perché è stato realizzato negli ultimi 40 anni. Il complesso parrocchiale fu progettato negli anni ’70. I lavori cominciarono nel 1976 ma ben presto si fermarono. Nel novembre 1982 giunse come parroco don Ilario Gallucci che continuò l’opera precedentemente abbandonata. Giuridicamente la parrocchia nacque il 3 maggio 1983 con il titolo di Sant’Agostino in San Gennaro prima e più tardi, nel 1988, con quello attuale di San Gennaro. La vecchia struttura fu adibita ad auditorium e si realizzò la nuova chiesa dedicata a Dio in onore del protovescovo beneventano San Gennaro il 19 settembre 1991, anno in cui morì don Ilario.
Il 25 ottobre 1994 giunse come parroco don Mainolfi che completò la chiesa e realizzò la canonica, il santuario eucaristico-mariano, l’oasi Santa Maria della Tenerezza, il piazzale Giovanni Paolo II il grande, il campanile ed il concerto di campane. Ma nel quartiere si avvertiva da tempo la necessità di un auditorium multimediale al servizio degli studenti delle numerose scuole che insistono sul territorio e delle iniziative culturali e teatrali della città.
Dopo un intenso lavoro di ristrutturazione del vecchio auditorium e la realizzazione di: impianto fotovoltaico, impianto di condizionamento, impianto audio-video collegato ad una tribuna di regia, elettrico e di illuminazione, installazione servizi igienici idonei anche ai diversamente abili, poltrone e tendaggi in materiali ignifughi, ora tutto è pronto per l’inaugurazione di venerdì 9 settembre ore 22.30. Sarà il francescano padre Petar Ljubicic di Medjugorie ad inaugurare il nuovo “Auditorium San Gennaro” in via Calandra a Benevento.
L’inaugurazione avviene nel contesto di un intenso pomeriggio di cultura e spiritualità che vuole ricordare il 30° anniversario delle apparizioni della Regina della Pace a Medjugorie. Infatti alle ore 19.00 presso il cinema San Marco ci sarà un convegno sul tema: “La Regina della Pace rivela il futuro del mondo” con gli interventi di Padre Petar Ljubicic di Medjugorie ed il prof. Diego Manetti, scrittore e collaboratore di Radio Maria. Alle 21 l’ora di Adorazione eucaristica nella vicina chiesa del Sacro Cuore. Alle 22.00 la processione aux flambeaux con l’immagine della Regina della Pace. Alle 22.30 padre Petar benedice il nuovo Auditorium San Gennaro e presiede la Celebrazione eucaristica nella chiesa parrocchiale di San Gennaro che si concluderà con la consacrazione al Cuore Immacolato di Maria. I lavori sono stati realizzati con il contributo di 80 mila euro da parte del Ministero Economia e Finanze del governo Berlusconi dietro l’interessamento del senatore Izzo e dell’onorevole De Girolamo e 20 mila euro da parte della Regione Campania dietro l’interessamento dell’onorevole Colasanto. Poiché il costo complessivo degli interventi tecnico-strutturali è di 120 mila euro, il parroco si è impegnato a risolvere personalmente il debito residuo di 20 mila euro per non gravare in alcun modo sulle famiglie, che vivono una particolare stagione di disagio economico, o sul bilancio parrocchiale assai gramo.
La realizzazione assai audace in un tempo così difficile vuole assicurare alla comunità parrocchiale, al quartiere ed alla città, un luogo privilegiato d’incontro, di formazione e di gioia. Il 18 settembre sarà benedetta una nuova statua del primo vescovo di Benevento San Gennaro che dopo l’uso processionale sarà collocata in un angolo dell’Auditorium a lui intitolato. Dopo i festeggiamenti in onore dei celesti patroni San Gennaro e San Pio e la festa di comunità del 25 settembre si penserà ad un evento artistico-musicale al quale saranno invitati autorità e fedeli, come momento ufficiale d’inaugurazione.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.15/ del 8/9/2011)

La presenza di Padre Pio a Solopaca

Mons. Vincenzo Canelli è un solopachese doc. Sacerdote dal 25 luglio 1954. Sperimentato docente di lettere e filosofia. Storico puntuale e affermato con un ricco elenco di pubblicazioni. L’ultimo lavoro: “Padre Pio a Solopaca. Testimonianze”. Dopo le note biografiche ed i riferimenti di rilievo dello stimmatizzato sannita, l’autore passa in rassegna i nove monumenti eretti nella cittadina sannita in Valle telesina, frutto della filiale devozione verso il frate di Pietrelcina. Note particolari sono dedicate al Luogo di preghiera fondato e diretto dallo stesso autore nel terreno di sua proprietà. Un capitolo è dedicato allo statuto e spiritualità dei gruppi di preghiera fondati da San Pio che amava ripetere: “Prega, spera, non agitarti. L’agitazione non giova a nulla. Iddio è misericordioso e ascolterà la tua preghiera”.
Come Francesco d’Assisi così Franceso Forgione è uomo “fatto preghiera”. Nel tratteggiare il profilo spirituale di Padre Pio il professor Canelli sottolinea in modo tutto speciale la devozione alla Madonna del frate di Pietrelcina, invocata come mamma e stella lungo il cammino della vita. Ancora don Vincenzo si sofferma sulle sacre stimmate, sulla devozione di Padre Pio per San Michele Arcangelo e della missione di buon samaritano e lungimirante pedagogo svolta soprattutto nelle lunghe e interminabili ore al confessionale dove non risparmiava per i peccatori più incalliti e recidivi maniere forti, toni burberi e salutari sgridate. La pedagogia dell’amore che mira unicamente alla conversione e salvezza delle anime.
Nel confessionale Padre Pio è stato lui stesso per le anime un vero sollievo della sofferenza, dopo aver costruito per gli ammalati nel corpo la Casa Sollievo della Sofferenza. Per questo motivo San Pio con decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti del 21 febbraio 2004 è stato ufficialmente proclamato patrono della Protezione Civile Italiana.
Accenni rapidi ma intensi sono dedicati ai francescani solopachesi la cui memoria “in benedictione est”: Padre Antonino Franco che da giovane sacerdote partì per la Spagna come tenente cappellano; padre Beniamino Canelli insigne predicatore ricercato, venerato e amato dalle nostre popolazioni; padre Ermenegildo Frascadore, ministro provinciale dei frati minori, vice postulatore per le Cause dei Santi e collaboratore dell’Osservatore Romano, docente di Storia della Chiesa e Pastorale delle Comunicazioni Sociali dell’Antonianum di Roma e presso lo Studio Teologico Beneventano, Rettore del Santuario di Gesù Bambino di Praga di Benevento e guida illuminata di madre Raffaelina Borruto, apostola carismatica della devozione all’infanzia di Gesù; infine padre Nicola Riccardi docente presso la Pontificia Università Antonianum di Roma e padre Giampiero Maria Canelli parroco della Parrocchia Sacro Cuore di Benevento.
L’autore conclude il suo lavoro con una lauda che titola: “Laudato si’, mi Signore per averci dato Padre Pio”. Un puntuale excursus fotografico accompagna lo scritto essenziale e limpido mostrando monumenti, luoghi, immagini ed eventi che legano ormai indissolubilmente Solopaca a Padre Pio da Pietrelcina. Davvero Padre Pio come Francesco d’Assisi è stato: “rappresentante stampato delle stigmate di nostro Signore Gesù Cristo” e “ un vivo calice per la nostra sete”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.14/ del 22/7/2011)

La Madre cerca i suoi figli

Sono passati 30 anni dalla prima apparizione del 24 giugno 1981 a Medjugorje. Nessuna apparizione della Madonna nei tempi moderni è durata così a lungo. Lo scopo dell’eccezionale disegno della Santa Vergine ancora in corso nella cittadina dell’ex Jugoslavia: guidare tutti gli uomini a Cristo. Medjugorje, un grappolo di case in mezzo ai campi, da località sconosciuta è diventato il più frequentato luogo di devozione mariana. La Madonna dialoga con sei veggenti: Vicka, Jakov, Mirjana, Ivanka, Marija, Ivan.
La “Gospa”, Madonna in croato, si presenta sotto il titolo di Regina della Pace. Assicura che Dio esiste e ci ama, chiede la conversione dei cuori, racconta la sua vita, comunica messaggi che riguardano la parrocchia di San Giacomo di Medjugorje, oggi parte della repubblica federale di Bosnia-Erzegovina, la Chiesa ed il mondo, rivela 10 segreti, noti solo ai veggenti e che a suo tempo saranno svelati. La tormentata vicenda della guerra civile nei Balcani (1991-1995), l’ostilità dei vescovi locali, lo scetticismo di tanti, non hanno fermato la straordinaria vicenda che vede in azione la Divina Condottiera dei mondiali di Dio nel tempo dell’incredulità e del relativismo etico. Le apparizioni continuano. Papa Benedetto XVI nel 2010 ha nominato una commissione di studio sul fenomeno e tutti restano ora in attesa che la Chiesa si pronunci.
Nessuno riesce ad arrestare il fiume di pellegrini che da 30 anni dichiarano di aver ottenuto pace e grazie. Almeno 30 milioni in questo trentennio. Circa 2 milioni ogni anno, negli ultimi tempi, i pellegrini provenienti da tutto il mondo di cui 600mila italiani. Raggiungono la cittadella mariana perfino intere tribù di aborigeni australiani e delegazioni di capi indiani d’America. Ponte verso l’Est, Medjugorje è meta abituale di cattolici slavi, dell’estremo Oriente e soprattutto di coreani. L’appuntamento più affollato il Festival internazionale dei giovani dal 30 luglio al 6 agosto di ogni anno, con quello del 2011 si giunge alla XXII edizione.
Per il regime comunista fu un complotto. Stupore nella gente comune. Cautela da parte degli uomini di Chiesa. Aperta ostilità dell’apparato comunista allora al potere. Il 17 agosto 1981, l’allora parroco di Medjugorje padre Jozo Zovko, frate minore francescano, fu messo in carcere, dove rimase per 16 mesi. Così agli inizi ed anche nel novembre 1983 quando anch’io mi recai pellegrino in questo luogo unico al mondo per la prima volta. Ora l’ingresso è facilissimo. Le colline della fede, il Podbrdo, luogo delle prime apparizioni, e il Krizevac, dove sorge una croce di 10 metri realizzata nel 1933 a ricordo dei 1900 anni della Redenzione, sono i due luoghi del massimo raccoglimento, della preghiera e della penitenza. A chi desidera essere guidato nel cammino di conversione la Gospa a Medjugorje indica cinque mezzi necessari per crescere nella vita di fede: Comunione almeno settimanale, Confessione mensile, Meditazione della Bibbia, recita quotidiana del Rosario e digiuno come rinuncia alle attrazioni materiali che allontanano il cuore da Dio.
Le indagini accurate della scienza escludono che i veggenti siano matti o manipolati. Secondo i medici e gli psicologi il fenomeno resta scientificamente inspiegabile. Almeno 500 i casi di guarigione del corpo. Non si contano le guarigioni dell’anima. L’invito alla santità da parte del Cielo non si è fermato in Erzegovina. In tutto il mondo sono ormai più di 5000 i gruppi di preghiera che cercano di vivere i messaggi della Regina della Pace.
Nei messaggi della Vergine Maria ci sono ammonimenti e profezie. Le esortazioni non esprimono nuove verità di fede ma aiutano a viverle. Pressante si fa l’appello alla pace, alla preghiera, all’amore, alla conversione, al digiuno, al perdono e alla riconciliazione con Dio e tra di noi. Dinanzi all’indescrivibile stupore dei sei veggenti la Madonna dice: “Sono così bella perché amo”. La Regina della Pace afferma con chiarezza che “se ti allontani da Dio vai incontro alla fine”. La Madonna ha anche promesso che sulla collina delle prime apparizioni apparirà un segno stabile e meraviglioso che tutti potranno vedere per convincersi dell’autenticità delle apparizioni. Dietro il santuario ogni giorno sgorga un litro di liquido misterioso dalla statua di un Cristo Risorto che lacrima, un vero enigma per la scienza. Ripetutamente i pellegrini percepiscono segni nel sole e nella croce posta in alto sopra la montagna. Una teoria interminabile di penitenti si avvicina ai sacerdoti per le confessioni. Copiosi i frutti della carità sgorgati dal cuore di Maria: la Comunità Cenacolo di Suor Elvira per ragazzi drogati restituiti all’amore ed al lavoro attraverso la cura infallibile della preghiera, il villaggio di padre Slavko “rifugio sicuro” per ragazze madri, l’orfanotrofio di suor Kornelya e tanti altri. Una statuina proveniente da Medjugorje nel 1995 ha pianto lacrime di sangue per ben 14 volte presso la famiglia Gregori a Civitavecchia in Italia.
La Madonna di Medjugorje continua ad apparire dopo 30 anni, il Vaticano ha preso sul serio il fenomeno, la televisione ed i giornali ne parlano ripetutamente, Claudia Koll, Paolo Brosio e tanti altri testimonial raccontano che la Regina della Pace rischiara il cammino nella notte e mostra a tutti i suoi figli il sentiero nuovo della vita.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.13/ del 8/7/2011)

Nuvole di sole nell'entroterra campano del 1870

E’ passato già un anno dalla beatificazione di Teresa Manganiello, l’analfabeta sapiente di Montefusco, e le suore francescane immacolatine eredi del suo carisma francescano e mariano hanno voluto ricordare l’evento con una commedia musicale in due tempi presso il Teatro Massimo di Benevento.
Il regista Carlo Tedeschi racconta che lo spettacolo ha rappresentato uno spaccato di vita contadina del 1870 inserito negli eventi legati all’unità d’Italia. In questo contesto storico Teresa Manganiello, si propone ai suoi contemporanei in modo alternativo alle convenzioni e alle consuetudini sociali nel suo tempo, diventando donna emblematica che emerge dalla povertà col sacrificio, l’impegno spirituale, la rinuncia al matrimonio e la generosa carità verso gli ultimi, elevandosi interiormente per appagare la sete d’infinito che conquista giorno per giorno la sua anima. Le sue scelte controcorrente sono forti e coraggiose pur rimanendo pervase di silenziosa umiltà. La sua testimonianza cambia, trasforma ed eleva la vita della sua numerosa famiglia e quella dei vicini senza imposizioni e arroganze. Teresa seduce e conquista con l’esempio della sua vita progressivamente divinizzata.
L’autore del testo Francesco Miceli ha rivisitato le fonti storiche e le testimonianze orali sulla giovanissima ragazza irpina che pur non avendo scritto nulla si impone con la sua disarmante semplicità e fede. Ecco perché il popolo che l’ha conosciuta, l’ha anche amata e continua ad amarla, conquistato dal sorriso e dalla sofferenza dell’umile contadina. Una commedia popolare che abbraccia il musical con le coreografie, i costumi e le musiche squisitamente popolari di Corrado Sillitti.
Tutto il dramma di lacrime, fatiche e trasfigurazioni della giovane Teresa Manganiello si svolge in cortile di oltre cento anni fa e mette in rapporto cielo e terra in una splendida simbiosi. All’età di ventisette anni Teresa, che ha dedicato tutta la sua vita a Dio e ai poveri, è già matura per il Cielo. A distanza di tanti anni il suo messaggio rimane attuale e conquista anche i giovani distratti del nostro tempo.
Interpreti i personaggi della compagnia teatrale tutti giovani come Teresa, appartenenti alla fondazione Leo Amici di Montecolombo in provincia di Rimini. Le scene, i messaggi e soprattutto i canti e le musiche hanno conquistato il cuore dei mille spettatori presenti. Teatro Massimo pieno all’inverosimile. Le suore francescane immacolatine che continuano nel presente l’azione evangelizzatrice di Teresa possono essere davvero fiere e contente perché il cammino che compiono dietro i passi dell’analfabeta colta fa sorgere nuvole di sole anche tra le tenebre del nostro difficile tempo.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.12/ del 24/6/2011)

A Faicchio una nuova Beata: Madre Serafina Micheli

Sabato 28 maggio, nel campo sportivo di Faicchio (Bn), luogo ove riposano le spoglie mortali di Madre Serafina Micheli, fondatrice delle Suore degli Angeli, alle ore 17.00, sua Eminenza il Cardinale Angelo Amato, SDB, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha presieduto la solenne Concelebrazione Eucaristica per la Beatificazione dell’apostola dei poveri Madre Serafina.
Presenti molti vescovi, tantissimi sacerdoti e circa diecimila fedeli. Era presente anche Suor Michelina Acocella, Madre generale delle Suore degli Angeli e miracolata dalla Beata. La Madre generale dell’Istituto dimagriva a vista d’occhio. È guarita da una malattia allo stomaco nel novembre del 1999, grazie all’intercessione della fondatrice di origine trentina, vissuta come sospesa tra cielo e terra, in una tensione spirituale che la rendeva capace di guardare oltre le cime delle sue Dolomiti per donarsi costantemente agli ultimi.
La Beata Suor Maria Serafina del Sacro Cuore (al secolo Clotilde Micheli), nasce a Imèr (TN) l’11 settembre 1849. I genitori, Domenico e Anna Maria Orsingher, profondamente cristiani, la educano alla vita di fede e di carità verso i più poveri e bisognosi. A 18 anni, mentre si trova in preghiera nella Chiesa di Imèr, la Madonna le manifesta la volontà di Dio circa la fondazione di un Istituto, dedito all’adorazione della Santissima Trinità, attraverso l’Eucaristia, come gli Angeli, nel servizio del prossimo. Dopo vari pellegrinaggi alla ricerca dei mezzi per realizzare il piano di Dio e dopo aver superato, con grande coraggio, molte difficoltà e incomprensioni, Clotilde approda a Caserta, su invito di padre Francesco Fusco da Trani, conosciuto durante il pellegrinaggio ad Assisi. Il 28 giugno 1891, col permesso di Mons. Enrico dè Rossi, Vescovo di Caserta, nasce l’Istituto delle Suore degli Angeli e Clotilde prende il nome di Suor Maria Serafina del Sacro Cuore, nome che le aveva indicato la Madonna nel lontano 1867.
Durante la sua vita fonda quindici case, che chiama case di missione, tutte animate da spirito di sacrificio e dedizione totale alla Chiesa e ai fratelli. Dopo aver consumato le sue forze a servizio dei più poveri e umili e dopo aver dato un solido assetto all’Istituto, muore il 24 marzo 1911 a Faicchio (BN), in fama di santità. Le Suore degli Angeli, per carisma proprio, sono adoratrici della Santissima Trinità, attraverso l’Eucaristia, come gli Angeli, nel servizio del prossimo, secondo il dono concesso da Dio a Madre Serafina. Si ispirano agli Angeli nell’apostolato che svolgono al servizio dei fratelli nei vari ambiti in cui operano: nelle scuole, nelle parrocchie, negli ospedali, con gli anziani, con i diversamente abili. Sono presenti in Italia, nel Brasile, nelle Filippine, in Indonesia e in Africa (Benin). Attualmente l’Istituto conta circa 350 Suore.
ll progetto vocazionale di Madre Serafina può ben essere sintetizzato in una frase che ella di frequente ripeteva alle consorelle: “Come gli Angeli adorerete la Trinità e sarete sulla terra come essi sono nei cieli”. Veniva, in tal modo, tracciato un profilo spirituale intessuto di intenso amore a Dio e di generoso servizio ai fratelli più bisognosi. Ella per prima dava costante testimonianza di questi valori. II suo profilo spirituale si incentrava sull’adorazione della Santissima Trinità e dell’Eucaristia [...]. II Signore Gesù, al quale aveva donato un cuore indiviso, occupava veramente il primo posto nella sua vita. Profonda venerazione e filiale amore nutriva verso la Vergine Immacolata, la Regina degli Angeli, alla quale guardava con piena fiducia e volontà di imitazione. Ella era favorita da una grande sensibilità, dalla sapientia cordis e dall’azione della grazia, così che anche nella guida del giovane Istituto manifestò prudenza, entusiasmo, spirito di obbedienza agli orientamenti della Chiesa. Visse con grande povertà e austerità. Instancabile fu il suo impegno per la fondazione e lo sviluppo delle varie case religiose e, di fronte ai non pochi problemi che le causarono amarezze e sofferenze, il suo atteggiamento fu ispirato ad umiltà, pazienza e com-prensione: in tutte le circostanze cercò solo la gloria della Santissima Trinita.
II 1 ° luglio 2010 papa Benedetto XVI, ricevendo in udienza S.E. Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato il Dicastero a promulgare il decreto sul miracolo attribuito all’intercessione della Venerabile suor Maria Serafina del S. Cuore. In virtù di tale decreto, Madre Serafina è iscritta nell’Albo dei Beati.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.11/ del 10/6/2011)

Fatima e il segreto ancora nascosto

Lo scorso 13 maggio abbiamo ricordato il 94° anniversario delle apparizioni della Madonna a Fatima ed il 30° dell’attentato al beato Giovanni Paolo II in Piazza San Pietro.
Tutti sanno che il 13 maggio dell’Anno Giubilare del 2000 il Vaticano ha rivelato al mondo ufficialmente il terzo segreto di Fatima: “la visione di un vescovo vestito di bianco che sale in mezzo ai cadaveri verso una croce, dove viene ucciso da alcuni soldati”. Visione immediatamente collegata all’attentato del 13 maggio del 1981. L’annuncio tanto atteso deluse molti. Un messaggio tenuto nascosto per tanti anni non può riferirsi ad un evento già accaduto. Questa lunga attesa prima di comunicare il contenuto del segreto non avrebbe senso. Di fatto Suor Lucia dal 1960 è stata letteralmente isolata e ridotta al silenzio. La verità lascia immaginare che c’è un Papa martire nel futuro della Chiesa!
Il commento della Madonna alla visione, descritta da Suor Lucia e ufficialmente rivelata dalla Chiesa, non è mai stato pubblicato perché il contenuto è troppo sconvolgente, riguarda tutti gli uomini del nostro tempo e interroga soprattutto i cristiani. Il contenuto del messaggio ha come chiave di comprensione la terribile domanda di Gesù: “Quando il Figlio dell’Uomo ritornerà, troverà ancora la fede sulla terra?”
Papa Benedetto XVI durante il suo pellegrinaggio a Fatima, 13 maggio 2010, ha parlato a lungo del terzo segreto ed ha confermato che il segreto riguarda “realtà della Chiesa che man mano si sviluppano e si mostrano; che gli attacchi al Papa e alla Chiesa vengono proprio dall’interno della Chiesa; oggi questo lo vediamo in modo realmente terrificante: la grande persecuzione alla Chiesa non viene dai nemici fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa”. Davanti a 500.000 fedeli raccolti nella piazza della vecchia basilica di Fatima Papa Benedetto ha inoltre affermato: “Si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima si sia conclusa”. Durante la conferenza dei cosiddetti “Fatimiti” tenutasi nell’Hotel Ergife Palace di Roma dal 3 al 7 maggio 2010, il famoso vaticanista Giuseppe De Carli, incalzato dagli organizzatori ha dovuto ammettere l’esistenza del “plico Capovilla” e del testo in esso contenuto, custodito nell’appartamento del Papa, nella scrivania detta “Barbarigo”, mentre il testo della visione ufficializzato era custodito negli archivi del Sant’Uffizio. Il fatto che quel plico e i suoi contenuti non sono stati mai mostrati è prova inequivocabile di un tentativo di occultamento. Mons. Capovilla, segretario di Giovanni XXIII è un testimone credibile e l’unico vivente.
Alla fine del dibattito De Carli ha dovuto ammettere: “fino a questo momento sono stato ingannato”, ed ha ringraziato gli organizzatori per il grande lavoro che stanno svolgendo, salutandoli calorosamente. Anche Vittorio Messori dopo alcune incertezze, partecipando ad una puntata di “Porta a Porta” del 12 maggio 2010 ha ammesso che Papa Benedetto “non vede il compimento del terzo segreto nell’attentato del 1981 e non lo ritiene concluso nel passato, ma lo vede proiettato nel futuro, considerando anche un fatto nuovo, come lo scandalo della pedofilia, parte del segreto”. E’ chiaro che il Papa Benedetto XVI tutto questo non può esserselo inventato: lo ha ricavato dal testo completo del segreto! Sul terzo segreto di Fatima esistono dunque due testi distinti ma complementari, uno dei quali, custodito nell’appartamento del Papa, non è stato ancora rivelato. Socci e i “Fatimiti” hanno avuto ragione. Anche il giornalista Tornielli parla dell’esistenza di due manoscritti: la visione avuta da Lucia e la spiegazione offerta dalla Madonna. L’ultimo capitolo della vicenda di Fatima dev’essere ancora scritto!
Il messaggio di Fatima non può essere ritenuto completo senza che il mondo abbia prima sperimentato il trionfo del Cuore Immacolato di Maria. Ora la storia si muove inesorabilmente verso questo evento benedetto ed atteso. Prima o poi la Russia sarà consacrata al Cuore Immacolato di Maria e verrà concesso al mondo un periodo di pace. Più a lungo ritarderemo questa consacrazione e più ci avvicineremo all’“annientamento delle nazioni” predetto dalla Madonna. Il Cielo supplica Papa Benedetto XVI di ubbidire alla Madonna.
Dal 9 al 13 maggio 2011 i “Fatimiti” hanno organizzato ancora un convegno per far sapere al Santo Padre l’urgenza di consacrare la Russia e il mondo alla Madonna. Il prossimo 26 maggio tutti i vescovi italiani con Papa Benedetto, in Santa Maria Maggiore a Roma, consacreranno l’Italia alla Madonna in occasione del 150° dell’unità nazionale. Lo stesso Papa Benedetto nel maggio 2010 ha pregato a Fatima “affinché l’umanità possa assistere al promesso trionfo del Cuore Immacolato di Maria prima del 100° anniversario delle apparizioni, nel 2017”. La Madonna, Signora e Pastora, continua a peregrinare per le vie del mondo, alla ricerca dei figli dispersi, per condurli al suo cuore di Madre, la celeste Messaggera cammina per tutta la terra, non vuol perdere nemmeno uno di quanti è Regina e Patrona. In questo mese di maggio ancora una volta vogliamo consacrarci al Cuore della Madre per affrettare il suo trionfo, esaudire l’invito pressante di Gesù ed esperimentare il bene prezioso della Pace.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.10/ del 27/5/2011)

Raggi di sole

Durante la settimana santa ho avuto la gioia di visitare la mostra pittorica “raggi di sole” realizzata dalla pro-loco di Lapio con le opere dell’artista mons. Aurelio Capone, parroco del paese.
Mons. Capone è nato a Bully Les Mines in Francia nel 1953 da genitori emigrati originari di Pratola Serra. Rientrato in Italia a 10 anni frequenta il Seminario di Benevento e diventa sacerdote nel 1979. Parroco in diversi paesi dell’Arcidiocesi di Benevento, dal 1985 guida la comunità parrocchiale di Lapio. Monsignore dal 1998. È direttore dell’Ufficio Missionario Diocesano. Sin da ragazzo avverte la propensione per l’arte pittorica e negli anni ’90 frequenta lezioni sulle tecniche pittoriche come allievo del maestro Rosario Longo.
Le tele esposte dalla pro-loco raccontano un’avvincente esplosione di colori proveniente dal dinamismo delle stagioni. Nelle opere di Capone la creazione appare ancora in movimento per regalare luce, gioia, pace, bellezza, incanto. Il sole brilla sempre in ognuna delle sue opere, sulle colline, sui tulipani, sulle barche, sulle case e sui volti. L’innocenza del fanciullino nascosto nell’animo dell’artista emerge con rasserenante positività e l’arcobaleno dei colori rivela l’eterno mistero in un inno perenne alla vita e all’amore.
Ogni artista sta sempre con un piede nella sfera celeste e con l’altro in bilico sull’abisso. L’attrazione di molti pittori moderni per il male e per l’orrore è già troppo diffusa. Aurelio Capone, da abile e sperimentato “pastore dei colori” spinge la sua produzione verso quella soglia dove l’intervento umano si apre alle possibilità illuminate ed illuminanti della grazia, rivivendo con emozionante passione il rapporto tra pittura e mistica. I temi legati all’arte sacra, al bene, alla grazia, segnano la critica più serrata alla catastrofe provocata dal razionalismo e dal nichilismo, suggerendo un vivace richiamo alla teologia della storia.
Il Beato Giovanni Paolo II nella Lettera agli artisti afferma: “Nel rilevare che quanto aveva creato era cosa buona, Dio vide anche che era cosa bella… La bellezza è in un certo senso l’espressione visibile del bene, come il bene è la condizione metafisica della bellezza”. Immanuel Kant nella Critica del giudizio afferma che dinanzi alla bellezza “l’animo avverte una certa nobile elevazione al di sopra della semplice elevazione al piacere sensibile”. Non si tratta quindi di una proprietà soltanto formale ed esteriore, ma di quel momento dell’essere a cui alludono termini come la parola biblica “gloria” per descrivere la “bellezza” di Dio che si manifesta a noi come splendore e come fascino. È ciò che suscita attrazione gioiosa, sorpresa gradita, dedizione fervida, innamoramento, entusiasmo. È ciò che l’amore scopre nella persona amata, quella persona che si intuisce come degna del dono di sé, per la quale si è pronti ad uscire da noi stessi e giocarsi con scioltezza.
Con le sue opere pittoriche don Aurelio ci stimola fortemente e ci spinge a comprendere che non basta deplorare e denunciare le brutture del nostro mondo, parlare di giustizia, doveri, bene comune, esigenze evangeliche e programmi pastorali, ma bisogna parlarne con un cuore carico di amore compassionevole, facendo esperienza di quella carità che dona con gioia e suscita entusiasmo, bisogna irradiare la bellezza intorno a noi perché solo questa bellezza rapisce veramente i cuori e li rivolge a Dio. Anche San Pietro al Tabor aveva compreso cos’è la bellezza, quando contemplando il Cristo trasfigurato esclamò: “Signore, è bello per noi restare qui”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.9/ del 6/5/2011)

La statua in bronzo del Beato Giovanni Paolo II
sul sagrato della Parrocchia San Gennaro in Benevento
sarà benedetta domenica primo maggio alle 11.30

Il significato dell’opera d’arte
Nella mano sinistra il pastorale con il Crocifisso, simbolo di passione e fede; strumento sul quale spesso si appoggiava con entrambe le mani, quasi a voler testimoniare una fiducia totale e priva di incertezze nei confronti di quel sostegno che, attraverso la preghiera, è capace di infondere speranza in ogni cristiano. La mano destra, invece, protesa verso il prossimo: nell’atto di benedire le folle, di salutare le comunità di ogni parte del mondo ed arrivare quasi a sfiorare i sentimenti delle persone. Così, con gesti molto semplici ma allo stesso tempo carichi di un profondo significato, il maestro Albano Poli ha rappresentato Papa Giovanni Paolo II nella statua in bronzo commissionatagli dalla Parrocchia di San Gennaro in Benevento per accogliere i fedeli e quanti si recheranno in questo tempio.
Questo imponente monumento è destinato a diventare un punto di riferimento sempre visibile anche di notte per ricordare che nonostante le difficoltà del vivere quotidiano ogni essere umano deve avere lo sguardo rivolto verso l’alto, verso Dio. Proprio nel piazzale antistante il complesso parrocchiale, che porta il nome del Pontefice dal giorno dell’inaugurazione, 17 dicembre 2006, sarà collocata l’opera di Albano Poli: una fusione in bronzo, realizzata con la tecnica della cera persa, dell’altezza di due metri e venti frutto di un incredibile lavoro di alto artigianato. In questa fedele raffigurazione, il Papa indossa mitra, casula e pallio. Egli ha il volto sereno, leggermente sorridente, lo sguardo verso la folla che lo ha tanto amato e che fino alla fine lo ha acclamato e sostenuto, ricambiando l’aiuto e l’amore per la vita che lui stesso ha trasmesso e insegnato per molti anni. In quest’opera d’arte, nelle pieghe delle vesti, nelle mani e nel volto espressivo e vibrante, Papa Wojtyla torna alle nostri menti nei gesti, negli sguardi, nelle carezze e nei sorrisi attraverso i quali è entrato nel cuore delle persone, anche grazie ai moderni mezzi di comunicazione. Quest’opera vuole essere un ulteriore riconoscimento al Papa Giovanni Paolo II, i cui insegnamenti ancor oggi guidano i fedeli e all’uomo Karol Wojtyla, che è stato capace di condurre per molti anni la comunità cristiana verso le porte del terzo millennio: “L’uomo è chiamato a una pienezza di vita che va ben oltre le dimensioni della sua esistenza terrena, poiché consiste nella partecipazione alla vita stessa di Dio” (Evangelium Vitae, Giovanni Paolo II).
L’artista Albano Poli
Più di cinquant’anni fa in una piccola bottega d’arte nel centro di Verona, spinto ed incoraggiato dal Maestro Pino Casarini, Albano Poli inizia la sua lunga carriera. Dapprima restaura o riproduce vetrate di chiese e via via negli anni, unendo l’abilità manuale al genio creativo, disegna e progetta vetrate “sue”. Opere artistiche che, ogni volta nuove e diverse, incontrano l’approvazione di chi le ammira grazie alla loro preziosità nei materiali, alla precisione nella tecnica di esecuzione e spesso per la loro astrazione: più che le forme definite, nelle sue vetrate giocano le composizioni cromatiche ed il cenno allusivo a voler comunicare un preciso messaggio inserendosi armoniosamente nel contesto in cui vengono collocate. La creatività del Maestro Poli lo porta presto a circondarsi di professionisti e artigiani che assieme a lui crescono con la stessa sensibilità sperimentando espressioni artistiche nuove. Oggi nell’ampio laboratorio veronese si respira la stessa atmosfera della “bottega” rinascimentale dove protagonista non è solo la vetrata ma più lavorazioni, diverse tra loro, che coesistono e spesso si completano a vicenda con lo scopo di creare arte: tutto parte da un’idea che poi prende forma nella materia, sia essa vetro, pietra, legno o metallo che si plasma nelle mani dell’artista e diventa un’opera ricca di significato capace di suscitare un’emozione. Il laboratorio offre la propria esperienza in ogni fase: dalla progettazione alla cantieristica finale.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.8/ del 22/4/2011)

"Mille passi"

Angelo Fuschetto, presidente provinciale del Movimento Cristiano Lavoratori, assai noto per l’intensa attività pubblicistica e la collaborazione con molte riviste storiche, appassionato cantore della cultura e tradizione del Fortore, sua terra d’origine, ha recentemente pubblicato con le edizioni Auxiliatrix di Benevento, una monumentale opera di 440 pagine dal titolo “I mille passi di una comunità meridionale”. Il racconto si snoda simile ad una galleria di ritratti, memorie, eventi, incontri, paesaggi e soprattutto esperienze che tratteggiano le molteplici tessere di un affascinante mosaico intorno alla città di San Marco Dei Cavoti. Immagini di un viaggio straordinario tra volti, storie, amori, lieti eventi, vanità, rimpianti, tragedie, lutti, vendette, querele, emigrazioni, guerre, vicende scolastiche, matrimoni, chiese, ruderi, antichi portali, stemmi, epigrafi, panorami, vedute e mestieri ormai dimenticati che tessevano in un tempo non tanto lontano da noi la vicenda umana e sociale delle nostre popolazioni meridionali “nella mezzanotte del Mezzogiorno d’Italia”.
Angelo Fuschetto dimostra anche in occasione dei 150 anni dell’unificazione politica dell’Italia che la vera storia non s’impara a scuola. Questa è la storia scritta dai vincitori, strumentalmente orientata al proprio tornaconto, con menzogne e travisamenti dove i galantuomini passano per criminali ed i violenti per eroi nazionali. Quanto inchiostro sprecato e quanti monumenti inopportunamente edificati a uomini senza valori. Quanti cittadini seri, onesti e generosi sepolti dall’oblio e dall’ingratitudine. Quante nefandezze e quanti soprusi sulla povera gente da parte dei prepotenti di turno sui tornanti della vicenda storica. Una storia colma di falsità non può essere maestra di vita. Ma la verità anche se in ritardo emerge inesorabilmente.
Mi piace sottolineare in occasione di questa recente pubblicazione una nota dominante dell’autore Angelo Fuschetto: “il coraggio della passione”. Solo un grande coraggio ed una vivida passione possono sostenere una fatica editoriale così impegnativa e feconda. La verità storica risplende sempre nel frammento. L’autore del poderoso volume è un attento osservatore delle vicende storico-politiche, ma anche degli accadimenti umili che coinvolgono la sua gente, perciò annota di tanto in tanto su pezzettini di carta i suoi pensieri e le sue impressioni su quanto accade intorno a lui e sul tenore di vita condotto dai cittadini. Contempla il paesaggio che si snoda sotto i suoi occhi, osserva persino i tetti delle case, i giardini ordinati e puliti, i costumi variopinti della gente, sembra quasi stia attraversando un paese di fate, esaltando il verde dei boschi e delle colline, le cime innevate che svettano solenni nell’azzurro, aiutando a distrarsi e facendo dimenticare almeno per un poco la difficile realtà che sta vivendo e patendo.
Il percorso è preciso e meticoloso. Le pietre miliari sono tutte puntualmente scovate e descritte: cenni storici su San Marco Dei Cavoti, sculture del XII-XIII secolo, portali, torri e colonne, una Croce che non trova pace per i continui spostamenti, edifici che hanno resistito alle ingiurie degli uomini e all’usura del tempo, il palazzo Jelardi, i segni indelebili della presenza provenzale in questa zona del Fortore, antichi arnesi lavorati a mano dai fabbri locali, il vecchio convento dei Domenicani, il borgo antico, la parrocchia di San Marco Evangelista, la chiesa della Santissima Annunziata detta del Carmine, il vecchio e il nuovo cimitero, momenti di vita scolastica, foto e abiti di prima comunione e matrimonio, momenti di vita quotidiana in paese, i costumi locali, la sfilata dei carri nella seconda domenica di agosto organizzata dalla congrega del Carmine, i grandi eventi della comunità cittadina, i volti tristi degli emigrati in America, i personaggi illustri del paese, ricordi della prima e seconda guerra mondiale, dei fascisti e dei partigiani, paesaggi invernali e vedute recenti.
Domina nella preziosa pubblicazione la fotografia che offre quasi un contatto fisico con la storia bella e insieme tormentata del paese fortorino nelle varie tappe della sua evoluzione. Con questo libro Angelo Fuschetto innalza un mirabile monumento alla gente comune di un paese antico dove il progresso tecnologico non ha potuto cancellare le gloriose vestigia di un tempo passato. La dedica del libro ai figli e nipoti dice la forza della speranza che nonostante la nostalgia del passato e l’amarezza del presente anima per il futuro il cuore sempre giovane di Angelo Fuschetto.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.7/ del 8/4/2011)

Preghiera per l'Italia nel 150° dellò'unità nazionale

Signore Dio, crocifisso e risorto per amore nostro,
rivolgi il Tuo sguardo misericordioso sulla nostra patria,
nella quale hai mandato gli Apostoli Pietro e Paolo a edificare la Chiesa
che non crollerà nonostante lo spirare dei venti contrari,
facendo di Roma il centro del Cattolicesimo,
la Sede del Tuo Vicario e Pastore universale, il dolce Cristo in terra,
la Gerusalemme nuova, faro della civiltà cristiana,
sorgente di santità, carità e sapienza per il mondo intero.
Terra bagnata dal sangue dei martiri, che custodisce le reliquie
della vita di Gesù nella Santa Casa di Nazaret, dove il Redentore
fu concepito in un abbraccio di luminoso ardore, tra lo Spirito Santo
e la Vergine Maria, e la Sacra Sindone, che rivela la storia
della Passione scritta sul lino con inchiostro di Sangue divino.
Terra costellata di santuari mariani, cliniche dello spirito e laboratori di pace.
Terra di grandi santi, simili a Gesù per il dono delle ferite,
che hanno realizzato opere prodigiose di carità per i poveri e i sofferenti.
Terra di poeti, scienziati e artisti che hanno cantato
la bellezza di cielo, terra, mare, fiori, foreste e monti.
Signore, grazie per l’Italia unita e grande, custodiscila, difendila, proteggila,
allontana dalla nostra storia le perfide insidie e le tenebrose minacce di Satana,
risana le dolorose piaghe degli aborti e dei divorzi.
Nell’angoscia che ci opprime, rimettici in ginocchio dinanzi all’Eucaristia,
sorgente di vita e fonte di speranza, non privare mai il nostro paese
del canto e delle preghiere del suo popolo, rendilo fedele
alle sue radici e alla sua provvidenziale missione nel mondo.
Questa nostra bella patria, aiuola che ci fa tanto feroci,
diventi giardino di Dio che ci fa tanto felici.
Signore, benedici gli anziani, sempre più numerosi per l’inverno
demografico e il progressivo invecchiamento della popolazione,
ed i giovani, sempre più tristi per la mancanza di lavoro
e le incerte prospettive di futuro.
Ritorni l’Italia, eremo dell’anima che sceglie il primato di Dio
per educare alla vita buona del Vangelo, cantiere del bene comune,
fondato sui valori della vita umana, dignità della persona, ruolo della famiglia,
vocazione alla carità politica, responsabilità e accoglienza dello straniero.
Signore, aiutaci ad amare il nostro paese,
pur sapendo che la nostra vera patria è il Cielo.
Per l’intercessione di Maria e di Giuseppe di Nazaret, di tutti gli Angeli,
dei celesti patroni Francesco d’Assisi e Caterina da Siena,
ridona o Signore a tutti gli italiani, la bellezza del palpito dei cuori
intorno al Tricolore ed un profondo amore alla Croce gloriosa,
unico nostro vanto e nostra unica speranza. Amen.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.6/ del 25/3/2011)

Fortunato Di Noto e Fabio Pecchia a Benevento

Papa Benedetto XVI nella sua ultima pubblicazione “Luce del mondo”, conversando con il redattore Peter Seewald, non ha timore di parlare di crisi e di sporcizia “come se il cratere di un vulcano avesse eruttato una grossa nube di sporcizia che insudiciava e rabbuiava tutto, cosicché soprattutto il sacerdozio appariva come un luogo della vergogna ed ogni sacerdote si sentiva come sospettato”. Dice che lo shock è stato enorme a motivo delle vittime di abusi sessuali: “è un peccato molto grave se una persona che in realtà dovrebbe aiutare a gli uomini a trovare la strada verso Dio, alla quale si affida un bambino, un adolescente per trovare il Signore, invece abusa di lui e lo allontana dal Signore. Così la fede come tale diviene non più credibile, la Chiesa non può più porsi in maniera convincente con annunciatrice del Signore. Tutto questo ci ha sconvolti, mi scuote ancora oggi nell’intimo. Il Signore, però, ci ha anche detto che insieme al grano c’è anche l’erba cattiva, ma che nonostante questo la semina, la Sua semina, il grano buono che Lui ha seminato, continuerà a crescere, in questo noi confidiamo”. Lo scandalo degli abusi riempie tutto il secondo capitolo della conversazione pubblicata recentemente dall’Editrice Vaticana. Siamo dunque anche noi con il Papa, perché non abbiamo paura di affrontare il problema dilagante della pedofilia che vede coinvolti solo marginalmente alcuni sacerdoti. Il sacerdote siciliano don Di Noto è pioniere coraggioso e audace nella tutela dell’infanzia. L’ex calciatore Fabio Pecchia con la sua lunga esperienza agonistica ed anche con la ricchezza dei valori del suo vissuto personale, testimonia la straordinaria funzione educativa dello sport, all’interno delle variegate agenzie educative e di senso. Chi sono i protagonisti dell’interessante convegno culturale?
Fabio Pecchia (Formia, 24 agosto1973) è un ex calciatoreitaliano. Inizia a giocare all'età di 19 anni nell'Avellino; nonostante i numerosi impegni calcistici, Fabio Pecchia riesce ad ottenere la laurea in giurisprudenza, presso l'Università di Napoli. Di qui il suo soprannome: "l'avvocato". In data 15 settembre 2007 risulta avere superato l'esame scritto per l'accesso alla professione forense presso la Corte d'Appello di Bologna. Originario di Lenola (LT), all'età di dodici anni entra nelle giovanili dell'Avellino per esordire in prima squadra nella stagione 1991-1992 nella serie cadetta, con 4 presenze a fine campionato. Nella stagione successiva, 1992-1993, Pecchia viene riconfermato dall'Avellino, che sceso in Serie C1 decide di dare spazio a molti giovani. Diventa un titolare inamovibile ed a fine campionato ha 29 presenze e ha segnato un gol. Nella stagione successiva passa direttamente in Serie A, viene comprato inizialmente dal Parma, i loro cartellini vengono ceduti al Napoli, allenato da Marcello Lippi, il quale lo schiera come titolare. Realizza 4 gol in 33 partite, dando un consistente aiuto alla squadra per la qualificazione in Coppa UEFA. Fabio Pecchia gioca ancora nel Napoli per altre tre stagioni, diventando anche capitano e disputando una finale di Coppa Italia contro il Vicenza (segnando anche un gol all'andata). Il Napoli otterrà dei buoni piazzamenti in campionato e per la squadra vesuviana Pecchia collezionerà 125 presenze e 15 reti. In quel periodo farà parte della Nazionale Under-21, allenata da Cesare Maldini, con la quale vincerà gli Europei del 1996 e parteciperà ai Giochi Olimpici di Atlanta nello stesso anno. In quella squadra, tra gli altri, c'erano Francesco Totti, Alessandro Nesta e Fabio Cannavaro. Nella stagione 1997-1998 passa nella squadra della Juventus, dove ritrova Marcello Lippi e colleziona 21 presenze e un gol, segnato contro l'Empoli: con la squadra vince lo scudetto. Dopo alcune incomprensioni con la società, sarà ceduto prima in comproprietà, in seguito a titolo definitivo, ad altre squadre. Giocherà rispettivamente con le squadre della Sampdoria (1998-1999), del Torino (1999-2000) e, nuovamente, del Napoli, nella sfortunata annata in cui subisce la retrocessione. Nella stagione 2001-2002 gioca una delle migliori stagioni in Serie A con la squadra del Bologna, con 33 presenze e segnando 5 gol. L'anno dopo passa alla squadra del Como (2002-2003), neopromosso in Serie A; segna 6 gol ma la squadra viene retrocessa in Serie B. Nel 2003 ritorna nel Bologna, poi passa al Siena (2004-2005), dove contribuisce ad evitare la retrocessione, per poi tornare nuovamente al Bologna in Serie B (2005-2006), con 32 presenze e 3 gol segnati. Nella stagione 2006-2007 gioca nella squadra dell'Ascoli, in Serie A.
Il 31 gennaio 2007 passa al Foggia. Il 10 luglio 2007 viene acquistato dal Frosinone, in serie B. Con la maglia canarina colleziona 26 presenze e sigla una rete nella gara interna contro il Chievo Verona. Il 10 giugno2008 ritorna a vestire la maglia del Foggia firmando un contratto che lo legherà alla società fino al 2010. Nell'estate 2009 appende gli scarpini al chiodo e si propone come tecnico del Foggia, affiancando poi come vice il nuovo tecnico Antonio Porta. Con quest'ulitmo rimarrà alla guida dei "Satanelli" fino al 19 gennaio2010, giorno in cui arrivano le dimissioni di entrambi dopo la bruciante sconfitta nel derby con l'Andria. In carriera Fabio Pecchia ha collezionato 446 presenze e realizzato 50 reti: 337 presenze e 41 reti in Serie A, 62 presenze e 4 reti in Serie B, 47 presenze e 5 reti in Serie C1.
Molto importante il ruolo rivestito negli anni come membro attivo dell'Associazione Italiana Calciatori. Ora svolge l'attività di commentatore tecnico di Sky.
Don Fortunato Di Noto nasce ad Avola (Siracusa) il 18 febbraio 1963. Nel settembre del 1984 entra in Seminario, nella diocesi di Noto ed inizia gli studi filosofici e teologici presso la facoltà teologica «S. Paolo» di Catania. Prosegue, poi, la sua formazione presso l’«Università Pontificia Gregoriana», conseguendo la licenza in «Storia della chiesa». Il 3 settembre 1991 viene ordinato sacerdote. Dal 1995 è parroco della parrocchia Madonna del Carmine di Avola. Insegna in diversi istituti siciliani e, dal 1991, è professore ordinario di storia della chiesa alla Pontificia Università Teologica di Santa Croce di Roma, sede periferica di Noto. Insegna nella Scuola Superiore di Specializzazione in Bioetica e Sessuologia, presso la facoltà Teologica S. Tommaso di Messina. In ambito di tutela dei minori e di lotta alla pedofilia, fondatore dell’associazione Meter. E’ stato consulente tecnico in varie procure italiane per delicate indagini sul fronte della criminalità pedopornografica e dello sfruttamento sessuale dei bambini. A livello istituzionale ha rivestito e riveste tutt’oggi importanti incarichi presso l’Osservatorio nazionale contro la pedofilia, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e presso l’Osservatorio nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza; dal 2002, è stato consulente del ministero delle Comunicazioni per le politiche dell’infanzia ed ha elaborato il “Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori”, partecipando al Comitato di garanzia e tutela Internet@Minori che fa capo a tale ministero; è stato membro del comitato scientifico «Ciclope» della presidenza del consiglio dei ministri e dal 2004, è altresì membro del comitato scientifico della Polizia Postale e delle Comunicazioni, contro il fenomeno della pedofilia e della pedopornografia; fa parte del comitato scientifico dell’ICAA (International Crime Analysis Association) e del Copercom (Coordinamento per le comunicazioni, della Conferenza Episcopale Italiana). In 21 anni di impegno a tutela dell’infanzia è stato relatore in circa 2.400 convegni, seminari e incontri come esperto nelle problematiche dell’infanzia e sulla pedofilia. I suoi studi sono riconosciuti a livello internazionale da meritare anche servizi di approfondimento nelle riviste scientifiche e giornalistiche.
Numerosi sono i riconoscimenti nazionali ed internazionali che sono stati consegnati a don Di Noto, fra cui l’alta onorificenza di «Cavaliere della repubblica italiana» per l’impegno profuso nei confronti dell’infanzia. Al suo attivo ha numerosi articoli e saggi in riviste nazionali e internazionali sul tema dello sfruttamento sessuale dei minori, è inoltre autore di importanti testi.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.5/ del 11/3/2011)

Esponetemi e farò grazie

In un mondo lacerato dai conflitti, ai quali né le autorità politiche né le forze militari sanno porre fine, l’intervento miracoloso della Vergine Maria comunica speranza e diffonde consolazione. In una tiepida notte di marzo del 1916, nel villaggio di San Pietro in Montoro Superiore, la Madonna appare in sogno a Sofia di Stefano, figlia di umili pastori, sotto le sembianze dell’antica statua della Mater Dolorosa del XVII secolo confinata tra le suppellettili in disuso nel succorpo della Chiesa del Santissimo Nome di Dio, dimenticata da tutti. Nella visione la Madre di Dio comunica questo messaggio: “Sono la Madonna della Pace, esponetemi, farò grazie”.
Tutta la storia d’amore intessuta, dopo l’evento prodigioso, tra il popolo e la Regina del Cielo è descritta con passione sincera e vivida devozione da Vito Donniacuo, autore di queste pagine. L’Arciconfraternita del Santissimo Nome di Dio svolge, in questa esperienza di fede che unisce Cielo e Terra, un ruolo fondamentale.
Un fatto è certo: ovunque giunge Maria Santissima la pace è fatta. Le Madonne d’Italia sono più di mille. Il numero delle “case di Maria” sulla nostra penisola è superiore a millecinquecento. I numerosi santuari mariani descrivono il volto mariano del nostro popolo. Tra le tante mete di pellegrinaggio emerge anche una storia d’Italia particolare, fatta di vicende piccole e grandi, di lacrime e di miracoli. Un riferimento sicuro per tutti, in un momento in cui si avverte un bisogno struggente di pace e protezione celeste.
Con la Sua tenerezza materna Maria non ha mai cessato lungo la storia di sostenere e consolare il Suo popolo, perciò continua in tanti angoli del mondo a visitare in modo speciale i Suoi figli. Ognuno sente che con il Suo aiuto diventa più facile domandare anche l’impossibile.
Le parole con cui Gesù si rivolge dalla Croce al discepolo prediletto “Ecco tua madre” (Gv 19,27) sono dette a ciascuno di noi. Sicuri di questa nuova parentela a cui siamo stati consegnati, noi ci affidiamo e consacriamo a Lei. La Madre poi ci conduce ad imparare i misteri della vita di Gesù e a conformarci a Lui. Con Maria Vergine il popolo cammina, cresce e si rigenera. Vicino a Lei tutti avvertiamo di essere pensati, seguiti e amati intensamente. Noi, smarriti nei sentieri tortuosi di questa storia dolente, seguendo i Suoi insegnamenti materni, ritroviamo la strada di casa e pregustiamo, nel travaglio di questo mondo, la dolcezza di un altro mondo abitato dalla pace.
La “preghiera del cuore” fiorita dalla tradizione dell’Oriente cristiano trova nel Santo Rosario la sua espressione più bella e completa. La ripetizione dell’Ave Maria non rimane sterile ripetitività. L’etimo del verbo latino re-petere, cioè richiedere, esprime il bisogno tipico dell’amore: mendicare continuamente la presenza dell’Amato. Il Rosario è la più semplice forma di preghiera contemplativa perché, come ha detto Papa Benedetto XVI, “è scuola di contemplazione e di silenzio”. E’ la preghiera per eccellenza per la pace e la famiglia, due imponenti “emergenze” di questo travagliato inizio del terzo millennio. La preghiera mariana del Santo Rosario rivela infine un’inedita e preziosa “proprietà medicinale”. La nostra propensione alla tristezza che spesso sfocia in angoscia viene fasciata, carezzata e cullata dalla fiduciosa invocazione del Nome Santissimo di Maria perché non ci lasciamo trasportare alla deriva “nell’ora della tentazione”.
Maria guarisce i malati nel corpo e nello spirito, invita l’uomo a costruire chiese, intercede per ciascuno presso Dio, dispensa pietà e misericordia, svolge la missione di Regina della Pace, porta nel Suo cuore di Madre i dolori di tutti i Suoi figli. Questo è il ruolo di Maria nella storia della salvezza e nella storia della Chiesa: Dio ha delegato Maria presso gli uomini per familiarizzarli con Lui.
Ella è delegata privilegiata della Misericordia di Dio tra gli uomini. Ascoltiamola mentre ci ripete instancabilmente ciò che dimentichiamo di leggere nel Vangelo: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela” (Gv 2,5). Sotto lo sguardo amorevole della Regina della Pace guardiamo al futuro ricco di promesse e denso di minacce.
In questi anni l’umanità sembra caduta sotto il dominio di Satana e da lui condotta verso un irreparabile disastro.
Riusciranno gli uomini a cambiare direttrice di marcia, ad accordarsi seriamente per distruggere i rigurgitanti arsenali di morte, a riacquistare reciproca fiducia e a ritrovare il sospirato sentiero della pace?
Molti parlano di un serio rischio della fine del mondo e questa opinione si va diffondendo anche tra scienziati, sociologi, ecologisti e politici. Oggi sono divenuti veramente molti i profeti di sventura.
L’attuale crisi potrebbe essere invece l’alba di un’era nuova particolarmente vivificata dallo Spirito di Dio. Questo è possibile, ma ad una condizione: se saremo accompagnati per mano dalla Vergine Maria. La Chiesa e l’umanità devono compiere ancora un cammino di sincera conversione. La nuova Civiltà dell’Amore sorgerà nonostante i moltiplicati segni di morte, ma se noi lo vogliamo.
Si può andare a Gesù e attraverso di Lui al Padre, per diverse vie, ma la strada di Maria è sempre la più facile e la più sicura: Ad Jesum per Mariam.
Buon cammino a tutti.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.4/ del 24/2/2011)

Ad Assisi con il sapientissimo Benedetto XVI

San Francesco comprese che la vera pace si costruisce nel cuore e poi si diffonde nelle relazioni. Il suo saluto era una preghiera: “Il Signore vi dia pace”. La città di Assisi era divisa dal contrasto tra il vescovo e il podestà e Francesco aggiunse una strofa al Cantico delle Creature: “Beati quelli che perdonano per lo tuo amore”. La pace fu fatta. Era il frutto della preghiera e della testimonianza di Francesco. Questa è la ragione per cui il 27 ottobre 1986 Giovanni Paolo II, che tra alcuni giorni invocheremo come Beato, convocò in Assisi i leader religiosi di tutto il mondo, portando nel cuore una sola speranza: la pace. Fu un incontro interreligioso di preghiera, di pellegrinaggio e di digiuno. Un giovanile e sorridente Papa Woytjla fu circondato da cristiani, ebrei, musulmani, buddisti e animisti.
Un incontro memorabile, una data indimenticabile nel calendario religioso dell’umanità. Da quel giorno sono già passati 25 anni. Non sono mancate guerre e violenze come quella nei Balcani e il drammatico crollo delle Torri Gemelle dell’11 settembre 2001. Ancora le nazioni sono prostrate da guerre civili e dalla sconcertante crisi economica, ma le religioni avvertono oggi più che ieri le loro responsabilità perché la pace rimane ancora un bene prezioso da invocare e da costruire. I delegati delle 32 organizzazioni cristiane e delle 28 organizzazioni non cristiane convenuti in Assisi agirono come araldi della coscienza morale dell’umanità proponendo la sfida del bene a tutto il mondo. Il Papa polacco consegnò ai rappresentanti delle varie confessioni religiose un germoglio d’ulivo auspicando così la ricostruzione del positivo rapporto dell’uomo con Dio, con se stesso, con gli altri, con il creato e persino con “sorella morte”. Alla guerra fredda Giovanni Paolo II rispose con la preghiera, senza prestare il fianco alla mescolanza tra le diversi fedi. Sopportò la contrarietà di molti suoi collaboratori ma non fece un passo indietro. Un grande spettacolo di vesti, barbe, salmi e canti. Un’unica invocazione di pace formulata nelle diverse lingue.
Al termine dell’incontro il Papa disse: “Ripeto umilmente qui la mia convinzione: la pace porta il nome di Gesù Cristo. La pace è un cantiere aperto a tutti e non solamente agli specialisti, ai sapienti e agli strateghi. La pace è una responsabilità universale: essa passa attraverso i mille piccoli atti della vita quotidiana”. Da allora la comunità di Sant’Egidio promuove ogni anno un incontro per la pace nello spirito di Assisi. Nel prossimo ottobre, a 25 anni dal primo incontro di preghiera convocato da Karol Woytjla, Benedetto XVI andrà ad Assisi. Immediatamente è scesa sull’annuncio il vento gelido del sospetto e della critica fuori e dentro il mondo cattolico. Soprattutto i tradizionalisti temono che si apra così la strada all’indifferentismo e al relativismo religioso, temono che si alimenti l’idea che una religione valga l’altra e si dicono convinti che non valga la pena di dialogare con l’Islam mentre nei paesi musulmani si nega la libertà religiosa ai cristiani e addirittura si moltiplicano i violenti segnali della persecuzione.
Quanti suggerimenti a Joseph Ratzinger da parte di tanti saccenti! Forse che il sapientissimo Papa Benedetto XVI ha bisogno di consiglieri e suggeritori? Il 20 aprile 2005, il giorno dopo l’elezione, chiese “un dialogo aperto e sincero” con le altre culture e religioni. Il 20 agosto dello stesso anno a Colonia incontrò alcuni musulmani e chiese la stessa cosa: “Noi vogliamo ricercare le vie della riconciliazione e imparare a vivere rispettando ciascuno l’identità dell’altro. La difesa della libertà religiosa, in questo senso, è un imperativo costante e il rispetto delle minoranze un segno indiscutibile di vera civiltà”. Recentemente ha fatto bene Antonio Socci a scrivere: “Oggi ad Assisi Ratzinger torna a tendere la mano pur senza rinnegare la verità”. Con Papa Benedetto pregare assieme non crea confusione né annacqua le differenti identità. Certo ogni incontro tra le religioni presenta dei rischi ma tutto dipende da come viene pensato, organizzato e presentato. Noi siamo felici del prossimo incontro in Assisi perché Ratzinger sa quello che fa. E’ una garanzia per tutti. E’ stato lui a firmare la dichiarazione “Dominus Jesus” sull’unicità e universalità salvifica di Gesù Cristo e della Chiesa. Dottrina del Vaticano II e di sempre. Dottrina inequivocabile. Quando Ratzinger nel 2002 accompagnò Woytjla ad Assisi, per una riedizione del raduno del 1986, di ritorno disse ad Andrea Riccardi capo della Comunità di Sant’Egidio: “Sono molto contento. Tutto si è svolto nel modo giusto”. E sul mensile 30 Giorni rispondendo alle critiche spiegò che Assisi era “uno splendido segnale di speranza” e che i cristiani “non devono temere” raduni simili perché Assisi non era “un’autorappresentazione di religioni intercambiabili tra loro. Non si è trattato di affermare un’uguaglianza delle religioni, che non esiste. Assisi è stata piuttosto l’espressione di un cammino e di una ricerca per la pace che è tale solo se unita alla giustizia”.
L’ecumenismo non è sincretismo. Le confusioni sincretistiche con questo Papa sereno e dolce ma forte e sapiente non sono possibili. Guidati da questo Pastore, successore di Pietro, non temiamo alcun male.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.3/ del 11/2/2011)

Il Primo maggio Wojtyla sugli altari

Wadowice 18 maggio 1920 – Città del Vaticano 2 aprile 2005.
E’ la parabola esistenziale di Karol Jozef Wojtyla durata circa 85 anni. Giovanni Paolo II è entrato sin dall’inizio del suo pontificato nel cuore del mondo e della gente. Il suo ultimo viaggio dalla terra al cielo è avvenuto ai primi vespri della Festa della Divina Misericordia voluta da Gesù attraverso suor Faustina Kowalska, canonizzata dallo stesso pontefice il 30 aprile del 2000. Il 13 maggio del 2005 a poche settimane dalla morte del Papa polacco, Benedetto XVI, durante l’incontro con il clero romano nella basilica di San Giovanni Laterano, dava lettura del rescritto firmato il 9 maggio dal cardinale Josè Saraiva Martins, Prefetto per le Cause dei Santi, con il quale il Papa derogava alla norma che prevede l’avvio della causa non prima dei cinque anni dalla morte. Una decisione che rispondeva alle richieste giunte da ogni angolo del mondo e già espresse dai fedeli nel giorno dei funerali quando furono esposti molti striscioni con l’appello “Santo subito”. Il 28 giugno il cardinale Ruini come vicario di Roma apriva ufficialmente la causa di beatificazione. Avvio rapido. Procedimento senza scorciatoie e senza sconti. Il 2 aprile 2007 la chiusura dell’inchiesta diocesana. Il 19 dicembre del 2009 il decreto sull’eroicità delle virtù che lo dichiarava Venerabile. Il 21 ottobre 2010 la consulta medica della congregazione esaminava i documenti dell’inchiesta diocesana di Aix-en Provence sulla guarigione di suor Marie Simon Pierre Normand, delle Piccole Sorelle delle Maternità Cattoliche. Il 14 dicembre il sì dei teologi.
Il 14 gennaio l’annuncio ufficiale, tanto atteso è finalmente arrivato. Il prossimo 1° maggio, domenica dopo Pasqua, nella Festa della Divina Misericordia, Giovanni Paolo II sarà proclamato Beato. L’iter della causa è durato sei anni, un po’ meno di quella, pur velocissima, di Madre Teresa di Calcutta. Nella basilica di San Pietro, presso la cappella di San Sebastiano ubicata tra la pietà di Michelangelo e la cappella del Santissimo Sacramento, sarà traslata la bara del beato Giovanni Paolo II. Tutti abbiamo potuto constatare che era già santo in vita per la radicalità della sua testimonianza evangelica, quando possedeva la bellezza e la forza di un atleta ed anche quando era piegato da indicibili sofferenze. Umanità, serenità, coraggio, audacia, generosità, spirito missionario, tutto questo è stato ed è Karol Wojtyla. E adesso il sigillo ufficiale della Chiesa sulla esemplarità evangelica dell’amato pontefice lo renderà modello di ogni avventura umana e spirituale.
Wojtyla è il papa dell’Incarnazione, il profeta dello Spirito Santo, l’interprete autorevole della Paternità divina. Insomma un uomo veramente trinitario. Ha guidato e plasmato una Chiesa più spirituale, ecumenica e mariana. E’ il papa dei diritti dell’uomo e l’apostolo appassionato dei giovani. Costruttore di pace tra le mille contraddizioni del mondo. Ha abbattuto i muri dell’ideologia. Ha spalancato le porte a Cristo tra innumerevoli chiusure. Ha gridato al mondo: “Non abbiate paura!”. Questo è il momento della gioia e della preghiera. Abbiamo un grande intercessore presso Dio. Forse alcuni profitteranno anche di questo evento squisitamente spirituale per mettersi in mostra o per far quattrini. A noi piace ricordare che l’apostolato cristiano non è una gara vanitosa a chi fa di più, ma è soprattutto una vita nuova, la vita della carità, la vita di Dio in noi, nella famiglia e nella comunità. Se le opere di apostolato non nascono dalla carità vissuta, sono fatiche a vuoto, sono gesti sterili che non porteranno frutti perché sono staccati da Dio. Senza un intimo e assiduo contatto con Cristo non può esserci né santità né apostolato. La vita del novello beato lo dimostra ampiamente.
Benevento esulta per questa beatificazione per molte ragioni: la sua patria di origine fu evangelizzata e irrorata dal sangue del martire San Benedetto da Benevento, l’amato pontefice fu a Benevento il 2 luglio 1990 ai piedi della Madonna delle Grazie, in Cattedrale, nel nuovo Seminario, tra gli ammalati, al Palasannio con i giovani e allo stadio Santa Colomba per la Celebrazione eucaristica ed il commiato. Con il Seminario, docenti ed alunni, partecipammo alla Messa nella sua cappella privata, tutti trepidammo durante l’attentato del 13 maggio 1981, in tanti ci recammo pellegrini nella sua casa durante il Grande Giubileo e nell’anno dedicato all’apostolo San Bartolomeo, sostammo dopo ore e ore di attesa dinanzi alla sua salma e ad un anno dall’ingresso in cielo del Servo di Dio, l’Istituto Superiore di Scienze Religiose organizzò una Celebrazione eucaristica ed un concerto in suo onore con la esecuzione del Requiem di Mozart del Coro del Pontificio Istituto di Musica Sacra di Roma diretto dal maestro Valentino Miserachs Grau. La forza dell’amore ha reso questo uomo vero, amante della verità, operaio, attore, filosofo, poeta, sacerdote e pontefice, capace di stupire il mondo e di attirare dietro i suoi passi folle interminabili di fedeli. La sua testimonianza non tramonterà.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.2/ del 28/1/2011)

Nella terra della Bibbia

In pochissimo tempo la parrocchia di San Gennaro in Benevento ha organizzato un pellegrinaggio memorabile nella Terra dei patriarchi, dei profeti e del Messia, la Terra della Bibbia e delle contraddizioni etnico – religiose, nella santa Sion, cuore palpitante della fede di Abramo e dei miracoli di Gesù. Alle tre del mattino il 30 dicembre siamo partiti in quaranta per Roma in autobus e da Roma il volo aereo per Tel Aviv.
er otto giorni pellegrini sulle orme del Verbo fatto carne. Il Monte Carmelo con la grotta del profeta Elia ad Haifa. La casa di Giuseppe e di Maria a Nazaret con il museo e la basilica dell’Annunciazione dove Dio si è fatto Uomo. A Cafarnao nella sinagoga e poi nella casa di Pietro dove ha abitato il Signore. Il lago di Tiberiade e il Monte delle Beatitudini. La Gerusalemme dove si uccidono i profeti con il muro del pianto e le moschee, il Cedron e la valle di Giosafat, l’orto degli ulivi e il Getsemani, il Cenacolo, il Calvario, il Sepolcro vuoto del Risorto, la tomba di Maria, la grotta del Pater noster e il monte dell’Ascensione. Il campo dei pastori e la grotta della Natività a Betlem, la casa di Zaccaria ed Elisabetta ad Ain Karem. La fiaccolata a Nazaret nell’ultimo giorno del vecchio anno. L’Adorazione Eucaristica al Getsemani e la Via Crucis sulla via dolorosa che dalla Torre Antonia conduce al Calvario. Il rinnovo delle promesse battesimali al fiume Giordano e delle promesse matrimoniali a Cana. La visita alla casa di Natanaele Bartolomeo patrono di Benevento ma originario di Cana di Galilea. L’accoglienza solenne al Santo Sepolcro al canto del Te Deum e l’incontro con i francescani custodi di Terra Santa. Il viaggio di ritorno con il volo verso Roma la sera del 6 gennaio nella festa dell’Epifania e l’incontro all’aeroporto di Tel Aviv con il rabbino capo della sinagoga di Roma il prof. Riccardo Di Segni. L’arrivo a casa nel cuore della notte, con il cuore carico di emozioni, la mente satura di mille immagini, luoghi, monumenti e nell’orecchio la voce del Vangelo riascoltato in ogni angolo della vicenda divino – umana di Gesù.
Ora siamo certi che la Chiesa Cattolica non ci ha ingannati quando ci ha raccontato la storia della nostra salvezza e la Passione di dolore e di amore di Gesù di Nazaret. In questa santa terra d’Israele ogni particolare illustrato dai Vangeli trova conferma puntuale e seducente. Oggi sappiamo ancor meglio di ieri che il cristianesimo non è un’ideologia, una filosofia, una morale o una favola, ma un fatto, un avvenimento, una storia vera, una presenza, Gesù di Nazaret, Unigenito Figlio di Dio, nato da Maria Vergine e custodito con premurosa tenerezza dal Falegname di Nazaret, Giuseppe. Almeno una volta nella vita occorre andare pellegrini in Terra Santa per trovare conferma a tutto quello che Cristo ha rivelato, i Vangeli raccontano e la Chiesa ci propone a credere.
Questo pellegrinaggio è il viatico di un’esperienza cristiana che si trasforma in contagiosa testimonianza. Ora non siamo più disposti a perder tempo tra chiacchiere inutili e sterili polemiche che manifestano vuoto interiore e superbia intellettuale. I nostri occhi hanno visto. I nostri orecchi hanno ascoltato. Le nostre mani hanno toccato il Verbo eterno che in questa terra si è fatto visibile perché tutti potessimo incontrarlo. L’amicizia che ci ha tenuti per otto giorni gioiosamente insieme ci ha resi ancora più fratelli e solidali tra noi. Dalla condivisione la gioia, dalla gioia il desiderio dell’annuncio e della testimonianza. Vi garantiamo che il Sepolcro di Gerusalemme l’abbiamo trovato vuoto. L’abbiamo trovato vuoto perché Gesù è risorto e perciò è vivo, dimora tra noi, abita nei nostri cuori. Noi siamo il santuario della Sua divina presenza. Se volete conoscerlo venite da noi. Noi che l’abbiamo incontrato ve lo racconteremo e anche voi lo vedrete.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.1 del 15/1/2010)


Bpath Contatore


LA VOCE DELLA CHIESA

Rubrica a cura di Mons. Pasquale Maria Mainolfi

Putin è un ignorante, si è un bravo ragazzo, è vero, ma è un ignorante.. e questo è molto pericoloso! ] [ Non si possono mettere sullo stesso piano nazismo e comunismo perché, nonostante "le deformità e le repressioni", lo stalinismo, al contrario del nazismo, "non si è mai posto l'obiettivo di eliminare dei popoli". Lo ha detto Putin riferendosi alla recente decisione del governo di Kiev di vietare simboli e propaganda sia comunisti che nazisti. ] Putin non riuscirà mai a fondare una identità russa ad di fuori del cristianesimo laico, le vere radici della Russia, che, il suo comunismo ha tentato di uccidere totalmente [ se, poi, dobbiamo guardare i 100 milioni di morti civili, in tempo di pace, che, il comunismo ha fatto, noi dobbiamo ammettere, che il Comunismo è stato: 1000 volte peggio del Nazismo ] Ovviamente, il comunismo è così merda fallita, che si è ucciso da solo, perché, anche in Corea del Nord porta le persone a morire di fame, alla paranoia.. alla distruzione del valore intrinseco alla vita umana, esendo una schizofrenia della materia.. quindi, è una ideologia satanica, come tutte, ma, con la aggravante, che, non funzionale, efficace, come il nazismo che è la vera ideologia dei Rothschild 666, Spa, FMI, Bildenberg 322 Bush, cioè, il capitalismo occidentale! Soltanto l'umanesimo biblico ebraico cristiano, da un vero valore universale alla sacralità della vita umana!
Quindi, se volete vivere felici, questa è la mia proposta a religioni ideologie, ecc.. tutti vi dovete lasciare ispirare, umanizzare dai contenuti spirituali della Bibbia!

king Unius Rei

Egitto, si possono espellere gli stranieri gay [ il si possono, non significa che si devono espellere necessariamente! certo se uno si presenta sculettando con le calze a rete.. poi, lui non può essere giustificato! tutti in ogni angolo del Pianeta, tutti dobbiamo avere un maggiore senso del pudore.. e chi Zapatero ha portato l'Occidente nella MERDA? lui si dovrebbe vergognare! PERCHé QUESTO è UN DANNO INESCUSABILE! ] La polizia egiziana ha il diritto di impedire il loro ingresso nel Paese. Lo riferisce il sito del quotidiano egiziano Al Ahram riferendo sull'esito di un ricorso.

king Unius Rei

Rothschild, piattola zecca, verme solitario di un usuraio parassita, sanguisuga, tu preferisci fare la guerra mondiale, piuttosto che, fidarti di me? lo dirò al mio amico #Benjamin #Netanyahu,
 =================
Obama 666 IMF Masons Spa ]] [[ perché, voi non provate a mettere il dito in bocca a me? ] [ Iran marks Army Day with cries of ‘Death to Israel, US’ [[ CALIFFO IMAM OBAMA GENDER IDEOLOGIA, LUI NON SI è MAI SBAGLIATO, PERCHé LA SUA INTENZIONE è QUELLA DI UCCIDERE ISRAELE! ANCHE PERCHé BUSH 322 ROTHSCHILD HA DETTO A LUI: "NOI DOBBIAMO FARE IL NOSTRO CALIFFATO NUOVO ORDINE MONDIALE!" SHARIAH A TUTTI I GOYM.. AMEN ]] [ IRAN ] [ in nessuna parte del mondo, si fa una parata militare e, POI, si dice: "morte a Israele" o "morte a qualcuno", non lo fanno neanche in Cora del Nord che, LORO sono tutti pazzi!
#CIA 322 #Fmi, #SPA GMOS #USA #NATO 666 #NWO #SHARIAH #CALIFFATO ] io lo so [ voi vi state approfittando degli israeliani perché loro sono "troppo buoni", la carne giusta per ingrassare il cannone!
Obama 666 IMF Masons Spa ]] tanto per incominciare  [[ BISOGNA SUBITO CONDANNARE ONU PER ISTIGAZIONE AL NAZISMO GENOCIDIO SHARIAH!
Click here to watch: Iran marks Army Day with cries of ‘Death to Israel, US’
Iran on Saturday marked Army Day with a military parade featuring new weapons systems, as well as a truck carrying a massive banner reading “Death to Israel.” A televised broadcast of the parade was punctuated by repeated cries of “Death to America” and “Death to Israel.” “If Israel makes a mistake,” the announcer on Iran television said during the broadcast, as heavy trucks carrying armored personnel carriers rolled past, “those in Tel Aviv and Haifa will not sleep at night, not one person.” Broadcast on national television, military brass and political leaders, foremost President Hassan Rouhani, attended the procession south of the capital Tehran, which showcased the country’s military technologies. Among the weapons systems paraded past dignitaries was a domestically produced version of the Russian S-300 anti-aircraft missile, the Bavar 373.
Watch Here  Iran marks Army Day with a joint military parade
https://www.youtube.com/watch?v=tthwKnx8xIg
Iran on Friday accused the United States of creating the murderous Islamic State, Boko Haram and al-Nusrah terrorist groups. The commander of Iran’s ground forces, Brigadier General Ahmad Reza Pourdastan, said the US had established these terror groups to harm Islam and bolster Israel’s security. “The ISIL (another name for Islamic State), Boko Haram and al-Nusrah have been created in line with the US strategy of religion against religion, which seeks to impair the divine face of Islam,” Pourdastan said, according to the Iranian Fars news agency. “The American and European people’s high tendency towards Islam and (the necessity for) protection of the Zionist regime’s security have caused the US to create the terrorist groups,” he added, in an address at Tehran University. A senior adviser to Iran’s supreme leader issued similar accusations earlier in the week. Iranian Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei’s top adviser for international affairs, Ali Akbar Velayati, called extremist groups including Islamic State “the protégés of the Americans.” Khamenei himself routinely calls for “Death to America,” even as the US leads world powers in negotiations with Iran on its nuclear program. Talks aimed at reaching a final deal by June 30 are set to resume next week. President Barack Obama on Friday left the door open to meeting Iran’s demand for all sanctions to be lifted on the day the deal takes effect, although the US has hitherto stated that a framework agreement reached in Lausanne earlier this month provides only for phased relief of sanctions as Iran complies with elements of the deal. The Lausanne talks went ahead as a senior Iranian military commander declared that Israel’s destruction was “nonnegotiable.”
Source: Times of Israel
Michael Douglas Isn’t Taking Anti-Semitism Sitting Down..
Iran segna giorno esercito al grido di «morte a Israele, noi
Fai clic qui per guardare: Iran segna giorno esercito al grido di «morte a Israele, noi
Iran sabato contrassegnato esercito giorno con un militare parata con nuovi sistemi di armi, così come un camion che trasportano un enorme banner leggendo "Morte a Israele". Una trasmissione televisiva della sfilata è stata scandita da ripetute grida di "Morte all'America" e "Morte a Israele". "Se Israele commette un errore," il presentatore in televisione l'Iran ha detto durante la trasmissione, come i mezzi pesanti che trasportano truppe blindato rotolato passato, "quelli di Tel Aviv e Haifa non dormire di notte, non una persona." Trasmesso dalla televisione nazionale, ottone militari e leader politici, primo Presidente Hassan Rouhani, ha partecipato alla processione a sud della capitale Teheran, che in mostra tecnologie militari del paese. Tra i sistemi di armi sfilati passato dignitari era una versione fabbricata del missile antiaereo russo S-300, il 373 bavara.
Guarda qui l'Iran celebra la giornata dell'esercito con una parata militare congiunta
https://www.youtube.com/watch?v=tthwKnx8xIg
Iran venerdì ha accusato gli Stati Uniti di creare i gruppi terroristici stato islamico, Boko Haram e al-Terry omicidi. Il comandante delle forze terrestri dell'Iran, brigadiere generale Ahmad Reza Pourdastan, ha detto che gli Stati Uniti avevano stabilito questi gruppi terroristici per danneggiare l'Islam e rafforzare la sicurezza di Israele. "L'ISIL (un altro nome per stato islamico), Boko Haram al-Terry sono stati creati e in linea con la strategia americana della religione contro la religione, che cerca di mettere in pericolo il volto divino dell'Islam," ha detto Pourdastan, secondo l'agenzia di stampa iraniana Fars. "Alta tendenza del popolo americano ed europeo Islam e (la necessità) protezione di sicurezza del regime sionista hanno provocato negli Stati Uniti per creare i gruppi terroristici," ha aggiunto, in un discorso all'Università di Teheran. Un consulente senior per la guida suprema dell'Iran ha emesso accuse simili nel corso della settimana precedente. Il consigliere superiore su iraniana guida suprema Ayatollah Ali Khamenei per gli affari internazionali, Ali Akbar Velayati, chiamati gruppi estremisti, tra cui stato islamico "i pupilli degli americani". Khamenei si chiama ordinariamente per "Morte all'America," anche come gli Stati Uniti conduce potenze mondiali nei negoziati con l'Iran sul suo programma nucleare. Colloqui finalizzati al raggiungimento di un accordo finale entro il 30 giugno sono impostati per riprendere la prossima settimana. Presidente Barack Obama venerdì lasciato la porta aperta a soddisfare la richiesta dell'Iran per tutte le sanzioni da sollevare il giorno che l'accordo entra in vigore, anche se gli Stati Uniti ha dichiarato finora raggiunto un accordo quadro a Losanna all'inizio di questo mese prevede solo sollievo graduale delle sanzioni come Iran è conforme con gli elementi dell'accordo. I colloqui di Lausanne è andato avanti come un alto comandante militare iraniano ha dichiarato che la distruzione di Israele è stata "non negoziabili".
Fonte: Tempi di Israele
Michael Douglas non è prendendo antisemitismo seduta

#gender #pedofilia #poligamia #shariah, #bestialismo #Bush 322 #Angela Dorothea Kasner Merkel, #Bildenberg: "voi in quale bidone di acido solforico, voi avete sciolto la mia amica tedesca MarlaMarlen?"













rimuovi
no! I Said That the Bible is God Himself Made flesh that is, a real Person! Therefore, if you will remain IN THE cards in the middle OF dogmas: etc. .. Standards Requirements THE HOLY SPIRIT IN etc. .. damn you go IN THE HELL! Why: The purpose of your life: and HAVE to report LOVE, in Holy Spirit, ie, true Justice truth, and love, With same Person of Jesus Risen: THAT IS ONE only PERSON true that is, with God Himself, IE LIVING PERSON and not: Of DEATH Sacred Cards, OR DEATH SACRED BOOKS!

shariah LEGA ARABA ] non avete un denaro virtuale Spa come tutti, anche voi? quindi anche voi siete un video di cartone animato, nel video di youtube, che Rothschild può cancellare, in qualsiasi momento! [ IN REALTà, TUTTO IL GENERE UMANO è GIà MORTO!C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


Funkstaedter1992
Ti ha menzionato, ha commentato:  where is L G, Marla MarlaMarleen now? https://www.youtube.com/user/MarlaMarleen/discussion
 where is L G, Marla MarlaMarleen now? 

Funkstaedter1992
16 apr 2015
 I don't know. I'f no contact since one year.

UniusRei3
16 apr 2015
grazie

UniusRei3
16 apr 2015
you have the exact date, and what is the reason why it is gone MarlaMarleen?
 +UniusRei3
No, sorry i can't answer you question. The last contact ist over one year. She has written on my Youtubecannel. Not more. Sorry dude. :(
 about L G, Marla MarlaMarleen ] [friend, a person who has three names? you might know somehow, to you, whether she was murdered or not?
Please, you do a survey, and tells me some clue. Thank you
 · 

Funkstaedter1992
Ieri alle ore 23:05
+UniusRei3
i don't think that she was killed. o,O

UniusRei3
why? 666 youtube have intimidate her, block her channel, ecc..
as, you know that she alive?
she was my big frind on youtube/user/youtube/discussion 
satanist 
CIA MERKEL have killed her
 UniusRei3 01/04/13 about comment precedent: said: in http://www.youtube.com/user/theyearinreview or http://www.youtube.com/user/youtube said:
@ YOUTUBE 666 google - I demand the destruction of all that, that belongs to the Satanists! because they are criminals, because they have violated so many times this channel of MarlaMarleen, ie, my christian women perfect, then lizard CIA cannibal NATO, intimidated her to death, and to this point, this my German friend, that she does not want to talk to me! pretend that any management of youtube, is subtracted from the Satanists, today!
[ I swear, I will kill you all, ugly beasts of Satan, that you have betrayed your Creator! ] MarlaMarleen posted a comment, @KainD. I do not authorize your comment on my channel. I do not speak Irish nor Galician. But, I can guess what it is. Behave yourself and all is well. Thank you @YouTube: since few days, I can not send private notices. Many thanks, to UniusRei3. The Lord: is with us. @Kain: God loves you, too. Be: thankful for this great gift. [ I swear, I will kill you all, ugly beasts of Satan, that you have betrayed your Creator! ]

If she gave me her address, mail?
She would be alive today, because I am the political project of the King of Israel: Unius REI, the universal brotherhood!

se lei dava a me il suo indirizzo, mail?
lei oggi sarebbe ancora viva, perché io sono il progetto politico del Re di Israele: Unius REI, la fratellanza universale!
12 commenti
+UniusRei3
Why do you think she was killed? I think she have no longer interessting for youtube.
 [ ANSWER ]
TU non puoi dimostrare, la tua ipotesi, cioè, che lei è ancora viva.. mentre, io ho dimostrato, in tutto il mondo, che lei è stata violentata dai satanisti della CIA, in youtube,
infatti, 4 sacerdoti di satana, loro sono utilizzati dal Nwo, contro di me: Unius REI: il Re di Israele la fratellanza universale. quì, noi abbiamo il controllo di tutto internet: attraverso, NSA DATAGATE! quindi: 2 sacerdoti di satana americani: 187AudioHostem, e, IhatenewLayout: poi,
1 sacerdote di satana tedesco Kain..
e, 1. sacerdote di satana italiano (napoli) loro sono sempre con me anche adesso..
io non potevo dire queste cose: a L G, Marla MarlaMarleen perché, io volevo tenere lei: lontana, dal mio ministero politico universale..
ma, io non avrei mai pensato che loro potevano ucciderla..
Lei L G, Marla MarlaMarleen, era troppo brava: troppo potente il suo supporto in mio favore, e loro (CIA satanismo internazionale) loro erano troppo invidiosi
You can't prove your hypothesis, namely, that she is still alive. as, also, I have demonstrated, throughout the world, that she was raped by Satanists of the CIA, in youtube.
in fact, 4 priests of Satan, they are used by the Nwo, against me: REI Unius King of Israel the universal brotherhood. Here, we have control of the entire internet: through, DATAGATE NSA: ie, their super tecnoly! then: Satan's American priests, 2: 187AudioHostem, and IhatenewLayout: then,
German priest of Satan 1 Kain..
and, 1. priest of Satan Italian (Naples) they are always with me even now. also if they are hidden.

I could not say these things: a L G, Marla MarlaMarleen, because I wanted to keep her, away from my universal political Ministry.
but, I wouldn't have thought that, 666 NATO CIA, they could kill her. ..
She L G, Marla MarlaMarleen, was too good: too powerful, were support in my favor, and they (CIA international Satanism) they were too jealous
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]

Benjamin Netanyahu ] no! [ nessuna FINTA alleanza, nessuna garanzia, potrà salvare Israele ( e quindi ogni civiltà Occidentale), se, la shariah non verrà abolita ] QUI SI SOTTOVALUTA IL PROBLEMA! TUTTO IL GENERE UMANO è IN ESTREMO PERICOLO, ECCO PERCHé Nazioni LEGA ARABA IN ONU, rappresentano il Nazismo islamico che ONU diffonde nel mondo!  ... [[ ecco perché quegli squali di farisei usurai, hanno deciso di portare a Satana il genere umano.. quindi devono sostenere il nazismo della Shariah, ecco perché Obama GENDER fa di tutto per rovinare Israele, e fare distruggere la Europa contro la Russia!


Benjamin Netanyahu ] no! [ io verrò in Israele soltanto se, non mi verrà preclusa, anche, la possibilità ESTREMA di poter distruggere tutta la LEGA ARABA, con armi atomiche

 Benjamin Netanyahu ] i massoni USURAI MERKEL FARISEI Occidentali BILDENBERG, stanno portando la Europa alla distruzione [ nessuno di loro, quindi, potrà o AVREBBE IL DESIDERIO DI aiutare Israele, IN CASO DI DIFFICOLTà ] QUINDI ISRAELE SARà AIUTATO DALLA ARABIA SAUDITA, CHE COMBATTERà CONTRO, tutta LA LEGA ARABA PER AMORE SUO.. perché gli USA sono troppo impegnati per combattere contro la CINA!

[mystery of UNIUS REI ] any man thirsty for justice and truth, not could ever find someone like me, better of me, ie, his next best friend, which you can feel better, that, not with me, because my instinct is not to do: the avenger, but to be able to help everyone, to allow him to be reconciled with God Why, human passions (as he says Buddha), are the destructive torment of the soul

Funkstaedter1992 ] This is to protect your life:
Who are you?
I don't want to lose you too!
lorenzo_scarola@fastwebnet.it

Funkstaedter1992 ] [  +UniusRei3.. Naja sie haben aber auch keine beweise das sie umgebracht wurde. Beh, ma anche non si prova che è stata uccisa.  [[ ANSWER ]]
Of course, is as you say, ... This shows that, any democracy in the world was killed by UN shariah Bildenberg Spa IMF, usurers Merkel that our friend: L G, Marla, MarlaMarleen, lost his life for having associated with MERkel, all the 3000 human sacrifices that, are make on the altar of Satan in Germany.
But, if my friend hadn't been killed? YouTube has already offered me proofs of its existence and ...
and the NWO 322 Bush, would offer me the proofs of the existence of the G, Marla MarlaMarleen, because the damage I can do, against Spa IMF 322 NWO, of Satanists NATO of Obama, it is unimaginable!
Also, to me each request is due, and my every question must be answered, why, I represent in political modo, the Kingdom of God on Earth!
OVVIAMENTE, è come tu dici.. questo dimostra, soltanto, che la Democrazia nel mondo è stata uccisa da ONU shariah Bildenberg Spa Fmi, gli Usurai Merkel che la nostra amica: L G, Marla MarlaMarleen,, ha perso la vita, per avere associato a MERkel, tutti i 3000 sacrifici umani che si fanno sull'altare di satana in Germania.
Ma, se la mia amica non fosse stata uccisa? youtube mi avrebbe già offerto le prove della sua esistenza...
ed il NWO 322 Bush, avrebbe offerto a me le prove della esistenza di L G, Marla MarlaMarleen, perché il danno che io posso fare ai satanisti di Obama, è inimmaginabile!
Inoltre, a me ogni richiesta è dovuta, ed ogni mia domanda deve trovare una risposta, io rappresento in forma politica il Regno di Dio sulla terra!
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
 And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

ISLAMICI SHARIAH CULTO LEGA ARABA ONU .. decapitano i cristiani, mentre fanno venire, in Italia, soltanto i musulmani, i quali affogano durante la traversata i cristiani, che, ISIS shariah ha risparmiato ] [ Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni. Lo riferisce il Site. Uno gruppo di rapiti è nelle mani di affiliati dell'Isis nell'est della Libia e l'altro nel sud, ma non è chiaro di chi si tratti. Un miliziano a volto coperto fa un dichiarazione prima delle immagini che mostrano l'uccisione di un gruppo e la decapitazione dell'altro in una spiaggia. C'è il logo del media dell'Isis, al-Furqan.

And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

E COSA faceva questo agente segreto di SIRIA E IRAN ? ie: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
invece di fare l'amico con me: che, io sono il Regno di Dio in forma politica, che io ho impedito il bombrdamento di USA contro Assad, invece,  lui faceva l'amico con i satanisti cannibali di CIA ed NSA, sulla pagina di youtube/user/youtube
ecco perché la vita di tutti i cristiani è sommamente minacciata in tutto il mondo!

Funkstaedter1992 ] [ +UniusRei3 Why do you think she was killed? I think she have no longer interessting for youtube.  [ ANSWER ]
TU non puoi dimostrare, la tua ipotesi, cioè, che lei è ancora viva.. mentre, io ho dimostrato, in tutto il mondo, che lei è stata violentata dai satanisti della CIA, in youtube,
infatti, 4 sacerdoti di satana, loro sono utilizzati dal Nwo, contro di me: Unius REI: il Re di Israele la fratellanza universale. quì, noi abbiamo il controllo di tutto internet: attraverso, NSA DATAGATE! quindi: 2 sacerdoti di satana americani: 187AudioHostem, e, IhatenewLayout: poi,
1 sacerdote di satana tedesco Kain..
e, 1. sacerdote di satana italiano (napoli) loro sono sempre con me anche adesso..
io non potevo dire queste cose: a L G, Marla MarlaMarleen perché, io volevo tenere lei: lontana, dal mio ministero politico universale..
ma, io non avrei mai pensato che loro potevano ucciderla..
Lei L G, Marla MarlaMarleen, era troppo brava: troppo potente il suo supporto in mio favore, e loro (CIA satanismo internazionale) loro erano troppo invidiosi
You can't prove your hypothesis, namely, that she is still alive. as, also, I have demonstrated, throughout the world, that she was raped by Satanists of the CIA, in youtube.
in fact, 4 priests of Satan, they are used by the Nwo, against me: REI Unius King of Israel the universal brotherhood. Here, we have control of the entire internet: through, DATAGATE NSA: ie, their super tecnoly! then: Satan's American priests, 2: 187AudioHostem, and IhatenewLayout: then,
German priest of Satan 1 Kain..
and, 1. priest of Satan Italian (Naples) they are always with me even now. also if they are hidden.
I could not say these things: a L G, Marla MarlaMarleen, because I wanted to keep her, away from my universal political Ministry.
but, I wouldn't have thought that, 666 NATO CIA, they could kill her. ..
She L G, Marla MarlaMarleen, was too good: too powerful, were support in my favor, and they (CIA international Satanism) they were too jealous

    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
Funkstaedter1992 ] This is to protect your life:
Who are you?
I don't want to lose you too!
lorenzo_scarola@fastwebnet.it


Funkstaedter1992 ] [  +UniusRei3.. Naja sie haben aber auch keine beweise das sie umgebracht wurde. Beh, ma anche non si prova che è stata uccisa.  [[ ANSWER ]]
Of course, is as you say, ... This shows that, any democracy in the world was killed by UN shariah Bildenberg Spa IMF, usurers Merkel that our friend: L G, Marla, MarlaMarleen, lost his life for having associated with MERkel, all the 3000 human sacrifices that, are make on the altar of Satan in Germany.
But, if my friend hadn't been killed? YouTube has already offered me proofs of its existence and ...
and the NWO 322 Bush, would offer me the proofs of the existence of the G, Marla MarlaMarleen, because the damage I can do, against Spa IMF 322 NWO, of Satanists NATO of Obama, it is unimaginable!
Also, to me each request is due, and my every question must be answered, why, I represent in political modo, the Kingdom of God on Earth!
OVVIAMENTE, è come tu dici.. questo dimostra, soltanto, che la Democrazia nel mondo è stata uccisa da ONU shariah Bildenberg Spa Fmi, gli Usurai Merkel che la nostra amica: L G, Marla MarlaMarleen,, ha perso la vita, per avere associato a MERkel, tutti i 3000 sacrifici umani che si fanno sull'altare di satana in Germania.
Ma, se la mia amica non fosse stata uccisa? youtube mi avrebbe già offerto le prove della sua esistenza...
ed il NWO 322 Bush, avrebbe offerto a me le prove della esistenza di L G, Marla MarlaMarleen, perché il danno che io posso fare ai satanisti di Obama, è inimmaginabile!
Inoltre, a me ogni richiesta è dovuta, ed ogni mia domanda deve trovare una risposta, io rappresento in forma politica il Regno di Dio sulla terra!
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
 And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE:  
http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!


ISLAMICI SHARIAH CULTO LEGA ARABA ONU .. decapitano i cristiani, mentre fanno venire, in Italia, soltanto i musulmani, i quali affogano durante la traversata i cristiani, che, ISIS shariah ha risparmiato ] [ Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni. Lo riferisce il Site. Uno gruppo di rapiti è nelle mani di affiliati dell'Isis nell'est della Libia e l'altro nel sud, ma non è chiaro di chi si tratti. Un miliziano a volto coperto fa un dichiarazione prima delle immagini che mostrano l'uccisione di un gruppo e la decapitazione dell'altro in una spiaggia. C'è il logo del media dell'Isis, al-Furqan.

And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

E COSA faceva questo agente segreto di SIRIA E IRAN ? ie: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
invece di fare l'amico con me: che, io sono il Regno di Dio in forma politica, che io ho impedito il bombrdamento di USA contro Assad, invece,  lui faceva l'amico con i satanisti cannibali di CIA ed NSA, sulla pagina di youtube/user/youtube
ecco perché la vita di tutti i cristiani è sommamente minacciata in tutto il mondo!
Benjamin Netanyahu ] i massoni USURAI MERKEL FARISEI Occidentali BILDENBERG, stanno portando la Europa alla distruzione [ nessuno di loro, quindi, potrà o AVREBBE IL DESIDERIO DI aiutare Israele, IN CASO DI DIFFICOLTà ] QUINDI ISRAELE SARà AIUTATO DALLA ARABIA SAUDITA, CHE COMBATTERà CONTRO, tutta LA LEGA ARABA PER AMORE SUO.. perché gli USA sono troppo impegnati per combattere contro la CINA!
 =======
CIA 322 NATO DATAGATE 666 ]] i miei 6120 post, ci sono tutti, ma, la mia matrice del: "copia - incolla", è stata distrutta! NON MI PIACE CHE LE LUCERTOLE VENGaNO A DISTURBARE, ed a manipolare il mio lavoro nel mio http://uniusreixkingdom.blogspot.com/
================

 la indagine giuridica circa: L G, Marla MarlaMarleen, procede in questo modo!
1. lei ha detto che: "Dio ci ha mostrato come il nemico è la MERKEL", e poi, lei non ha messo in riferimento: i sacrifici umani, sull'altare di satana, che, secondo lei sono soltanto, i bambini che nascono in segreto alle femmine dei satanisti, lei non li ha messi, questi sacrifici umani: in relazione con la MERKEL, ha detto soltanto: "e noi sappiamo chi c'è dietro" ma, lei non ha detto chi, eppure: il suo canale è stato bloccato: per qualcosa di scorretto, che, lei avrebbe detto: e lei L G, Marla MarlaMarleen, ha protestato dicendo: "io sono la signora più tranquilla che è in youtube" (e questo è stato il primo blocco formale: che: lei ha subito in youtube) e tutti possono testimoniare, come, dalla sua bocca di perfetta cristiana: soltanto: parole di dolcezza: e di amore, lei poteva dire a chi stava commettendo degli abusi contro di lei!
2. ma, L G, Marla MarlaMarleen, era perfetta politicamente, e perfetta era la sua teologia, era molto autorevole: e molto preparata sul piano culturale.. quindi, lo Spirito Santo ha portato lei da me, ed i satanisti della MERKEL la hanno uccisa sull'altare di satana, ed hanno sciolto il suo corpo nel bidone di acido solforico! ed io dico questo, perché, lei ha continuato a subire del bullismo da youtube, senza nessuna motivazione, e si lamentava che, molte volte era per lei impossibile scrivere articoli, o commenti su youtube.
3. Poiché youtube ha fatto bullismo e violenza contro un santo, un cristiano perfetto come L G, Marla MarlaMarleen,, poi, spetta a youtube l'onere della prova, cioè, di dimostrare a me, se, lei è ancora viva.. perché, loro non possono continuare in eterno, a mettere i filtri ai miei blogger.
4. tanto premesso: la formula giuridica recita: "chi tace acconsente" e finché, la vita di questa perfetta creatura di: L G, Marla MarlaMarleen, non viene dimostrata, come donna vivente, poi, noi dobbiamo ritenere che lei sia stata uccisa dai satanisti della CIA Merkel!
P.S.: nei 200.000 sacrifici umani che la CIA commette, in tutto il mondo, e nei 3000 sacrifici umani, che, la CIA commette, in Germania, io non conteggio mai i bambini delle sataniste, ma, soltanto le persone adulte che spariscono!
the legal inquiry about: L G, Marla MarlaMarleen, proceeds in this way!
1. you said: "God has shown us how the enemy is MERKEL", and then, she did not reference: to human sacrifice on the altar of Satan, that, in your opinion are only, children who are born in secret to females of Satanists, she NOT: put them, these human sacrifices: in relation with MERKEL, he said only: "and we know who is behind" She did not say who yet: but, his channel was blocked BY YOUTUBE 666: for something wrong, that she would say, and she L G, Marla MarlaMarleen, protested saying: "I am the lady that is quieter in youtube" (and this was the first formal block: that: she suffered in youtube) and everyone can testify, as, from his mouth by Christian perfectly. only: words of sweetness: and love, she could tell ALSO, TO who was committing abuses against her!
2. but, L G, Marla MarlaMarleen, was perfect politically, and perfect was his theology, he was very authoritative, and very prepared in cultural terms.. then, the Holy Spirit has led her from me, and MERKEL's the Satanists have slain on the altar of Satan, HER, and dissolved his body in the bin of sulphuric acid! and I say this because, she continued to suffer bullying from youtube, without any justification, and complained that many times was unable to write articles, or comments on youtube.
3. Because youtube did bullying and violence against a Saint, a perfect Christian such as G, Marla MarlaMarleen, then, it's up to youtube, the burden of proof, i.e., to prove to mE, if, she is still alive. because they cannot continue forever, to put the filters to my blogger.
4. both circumstances: the legal formula reads as follows: " he who is silent? consents!!! " and as long as, the life of this perfect creature: L G, Marla MarlaMarleen, is not proven,  as a: living woman, then, we must believe that she was killed by CIA Merkel Satanists!
P.s.: in 200,000 human sacrifices that the CIA commits, worldwide, and in human sacrifices, that 3000, the CIA commits, in Germany, I don't ever count the children of Satanist FEMALE, but, only adults who disappear!

quando: IO vedevo, questo bullismo contro: L G, Marla MarlaMarleen? io ero tranquillo: io non potevo mai pensare, che, i satanisti della CIA potevano uccidere lei..
1. perché, noi nel Governo Massonico Mondiale: di youtube, noi, con lo ex-Direttore di youtube: 187AudioHostem: che, io ho fatto impazzire: ed, io ho fatto licenziare (infatti, lui incominciò a dire: che: lui beveva sangue di porco, ecc..) Noi tutti ci siamo impegnati a: non: ucciderci tra di noi, per permettere la libera circolazione delle idee: che: è: la libertà di parola. Ma questa è stata l'ultima prerogrativa della Democrazia: che: il sistema massonico dei Bildenberg Rothscild Spa Banca Mondiale, farisei: nuovi nazisti, Illuminati hanno ucciso in youtube, e nel mondo: definitivamente la democrazia è morta! perché, google 666, lui ti mette i filtri, ti fa legge dai computer: per illuderti, che le persone, ti possono leggere, ma, tu sei morto, comunque, perché nella realtà, soltanto qualche povera persona senza autorità potrebbe leggerti! TUTTO INTERNET? è PILOTATO, CONTROLLATO DALLA INTELLIGENZA ARTIFICIALE, QUESTA è TUTTA UNA TRUFFA!
2. Poi, io non sono responsabile per tutti i satanisti e gli alieni, che, i miei ministri: i Santi Angeli di Dio possono uccidere... ma, io non sapevo, fino a che punto, quei vigliacchi dei satanisti di: CIA 322 Bush, potevano prendersela, contro, una creatura perfetta E INNOCENTE: come L G, Marla MarlaMarleen.
3. inoltre, il mio ministero politico universale, gioca con Dio e con gli angeli santi SOLTANTO. io non ho bisogno di coinvolgere le persone, nel mio monistero POLITICO, ecco perché, io non ho fatto nulla per incoraggiare L G, Marla MarlaMarleen per stare vicino a me!
4. io non consideravo: come una mia collaboratrice: L G, Marla MarlaMarleen, e io non avevo bisogno di lei, del suo aiuto, ma, i satanisti di Bush 322 Kerry, loro erano invidiosi, pieni di rabbia e di odio, ugualmente, perché contro la sua: bellezza, scienza, ed intelligenza, loro si sentivano la merda di MERKEL l'anticristo di un demonio!
5. Inoltre, il suo amore per me, dalla CIA non poteva essere tollerato, perché, quei falliti patetici, pensavano che, se io fossi rimasto da solo, io mi sarei potuto scoraggiare!
ma, questo scoraggiamento? è ontologicamente, impossibile per me, perché io sono la METAFISICA vivente, la norma ed il giudizio di tutte le cose: Unius REI!
6. se L G, Marla MarlaMarleen, non c'è più, in youtube.. YOUTUBE USA CIA NWO SPA, sono i responsabili DI QUESTO CRIMINE. adesso spetta a loro l'onere della prova di dimostrare A ME, che lei è ancora viva.. perché, per me, PER LA MIA METAFISICA, lei è stata uccisa!

When I saw, this bullying against: L G, Marla MarlaMarleen? I was quiet: I couldn't ever think, that, the Satanists CIA, could kill her. ..
1. why, we in the Government World Masonic: from youtube, we, with the former Director of youtube: 187AudioHostem: that, I did go crazy HIM: and I did lay off (in fact, he began saying that: he drank the blood of pig, etc..) We all are committed to: not: kill us, among ourselves, to allow the free movement of ideas: that is freedom of speech. But this was the last prerogrativa of THE democracy: what: the Masonic system of Bildenberg Rothschild Spa World Bank, Pharisees: neo-Nazis, Illuminati killed in youtube, and in the world: the democracy is dead: FOR EVER! why, google 666, he puts the filters, makes law: TO computer, YOUR POST, to kid yourself, THAT, people, you can read, but, you are dead, anyway, because, in reality, only some poor person without authority could readTO YOU ANTI-NWO ANTI-MASONIC REGIME! THE ENTIRE INTERNET? is piloted, CONTROLLED by artificial intelligence, THIS is all a SCAM!
2. Then, I'm not responsible for all the Satanists and the aliens, who, my Ministers: the Holy Angels of God can kill ... but, I didn't know, to what extent, those cowards of Satanists to Bush: CIA 322, could take it, against a perfect and innocent creature: how L G, Marla MarlaMarleen.
3. in addition, my Ministry universal political play with God and the Holy Angels only. I didn't need to involve WITH ME, people, in my POLITICAL UNIVERSAL MINISTRY, that is why I have not done anything to encourage L G, Marla MarlaMarleen to stand next to me!
4. I'm not considered HER, as my colleague: L G, Marla MarlaMarleen, and, I didn't need her help, but the Bush Kerry 322 Satanists, they were envious, full of anger and hate, too, because against her: beauty, science, and intelligence, they felt MERKEL shit the Antichrist a demon!
5. in addition, his love for me, by the CIA? couldn't be tolerated, because, those pathetic failed LIZARD, they thought, if, I were left alone, I'd be able to discourage ME!
but, this my discouragement? is ontologically impossible for me, because I am living metaphysics, the norm and the judgement of all things: Unius REI!
6. If L G, Marla MarlaMarleen, there's more, in youtube, ... YOUTUBE, USA, CIA NWO SPA, are those responsible for this crime. now it's up to them the burden of proof to prove to ME that, she is still alive. because, for me, for MY metaphysics, she was killed!
==========================
Funkstaedter1992 ] You can prove that L G, Marla MarlaMarleen talked about a year ago with you? as you have stated?
You can prove your statement?
===========================
cazzo Bush 322 Kerry ] [ io sbatterò tutte le vostre lucertole 666, massoni, culto gufo Baal, JabullOn per terra, ad uno ad uno, e mi fermerò soltanto, quando, io vedrò uscire la loro merda del cervello, dalle orecchie!
=========
19 commenti

Funkstaedter1992 +UniusRei3 Schau in mein Kanal.
Guardate in mio canale.


Habe einige Deiner Videokommentare gelesen. Sehr gut, weiter so. Wir haben keinen Grund, nicht zu unseren Wurzeln zu stehen. Patriotische Grüße, Marla
Hanno letto alcuni dei tuoi video commenti. Ottimo, tenerlo. Non abbiamo motivo di non stare dalle nostre radici. Saluti patriottici, Marla [[ answer ]] dopo, poco tempo, quando satanisti CIA hanno ucciso lei, in Germania, hanno preso il controllo del suo canale e hanno detto a suo nome, delle cose, di ipocrisia, che lei mai avrebbe detto... ma, in questi due anni io non ho più trovato sue traccie in Internet! shortly after, when the CIA killed her Satanists, in Germany, have taken control of its channel and they said on his behalf, of things, of hypocrisy, that she never would say ... but, in these two years, I no longer found her tracks in the Internet!

==========
TERRORISMO. Colpi di pistola e decapitazioni a cristiani in Libia, nuovo video orrore dell'Isis TRIPOLI. Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni.

se, ONU non avesse tradito, i suoi diritti umani, per amore del petrolio. della LEGA ARABA shariah il nazismo? noi oggi, non saremmo in questo, che è il più pericoloso nazismo della Storia! noi non saremmo mai giunti a questo punto, di avere la galassiah jihadista, per il mondo, dei servizi segreti sauditi, per il califfato mondiale! Che anche i musulmani normali si sentono il diritto di uccidere i cristiani, ovunque li trovano, anche sulla barca di clandestini rifugiati che chiede asilo in Italia!

questa terribile tragedia, forse posta in essere per distrarre la attenzione, sta facendo passare sotto silenzio la uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia, e giustiziati, perché cristiani con colpi di pistola e decapitazioni  [ il demonio Rothschild 666 Bush, comanda, su tutti i suoi governi del mondo ] ] 19 APR - "Le bande di criminali che mettono le persone sulle barche, a volte anche sotto la minaccia delle armi, le mandano verso la morte, davvero", ha detto il premier maltese Joseph Muscat alla Cnn, aggiungendo che "e' un genocidio, niente altro che un genocidio". "I nostri militari, assieme alla Marina italiana, stanno letteralmente cercando tra i cadaveri per trovare qualcuno ancora in vita".
 i gay? loro possono vivere soltanto, in una civile evoluta, società ebraico cristiana, MA LORO SPUTANO NEL PIATTO IN CUI MANGIANO, E ci CACANO pure, CON l'intenzione di degradare le radici stesse della nostra società laica, che sono radici cristiane, attraverso il bullismo del loro IMPERIALISMO, quello DELLA IDEOLOGIA DEL GENDER, è così, che loro INDEBOLISCONO LA NOSTRA CIVILTà, ED ASPRONO LA STRADA ALLA SHARIAH NAZISMO Onu OIC LEGA ARABA .. e poi, lo sanno tutti: "i gay odiano Israele!"

[i musulmani sono i sadici. mentre, i cristiani ed israeliani, loro sono masochisti, perché l'anticristo: MERKEL Bush Bildenberg, Spa Fmi 322 Rothschild e il loro massone regime: di POLITICI attori: Obama GENDER: è questo quello che tutti loro vogliono! ] TUTTI GLI EBREI ILLUMINATI, CHE SI diCHIARANO AMICI DI ISRAELE? LORO MENTONO SPUDORaTAMENTE.. E QUESTA NON è UNA QUESTIONE DI SOLDI O DI ARMI, MA, è UNA QUESTIONE DI FARE CALPESTARE DENTRO ONU, TUTTI I DIRITTI UMANI! .. ecco perché i mondialisti NWO, in questo momento, non stanno facendo l'interesse di nessun popolo su questo pianeta! ] [ Judaism's holiest site turned in to capital of terrorism. Hamas Rallies with Impunity on the Temple Mount. Click here to watch: Hamas Rallies with Impunity on the Temple Mount.
Footage from a major Islamist rally on the Temple Mount last week reveals how Muslim extremists are still inciting and glorifying terrorism and openly supporting Hamas with impunity at Judaism's holiest site, despite pledges by authorities to crack down on the phenomena. The rally, which took place after Friday prayers last week at the Al Aqsa Mosque on the Temple Mount, featured masked Islamist extremists waving the green flag of Hamas and holding posters with the faces of terrorist "martyrs" emblazoned on them. In the video above, taken by Muslim demonstrators, protesters can be heard chanting slogans against Israel and Jews in general. Hamas flags and posters praising terrorism and lionizing slain terrorists - many of whom were killed carrying out attacks on Israeli civilians - can also be seen hung prominently around the site, including on the Al Aqsa Mosque itself. The blatant Muslim incitement is all the more astounding given the ongoing blanket ban on Jews from praying at the Temple Mount under pain of arrest, a move made to placate Muslim groups in violation of numerous court orders requiring police to ensure freedom of worship for all religions there. The Temple Movements Joint HQ - an umbrella of activist groups campaigning for Jewish rights on the Temple Mount - condemned the apparent ease with which extremists linked to Hamas are able to operate there. Echoing claims made by other leading campaigners, the group accused the Israeli government of willfully ceding control of the site for political reasons. "The state's control over the Temple Mount has continuously loosened, with instruction from the political leadership, since Operation Protective Edge and the terrorist attacks in Jerusalem, including the shooting of Rabbi Yehuda Glick," the group said in a statement, referring to Israel's 50-day counter-terrorism operation over the summer and the attempted assassination of a veteran Temple Mount campaigner just months after.
Watch Here
Violence in Jerusalem, particularly on and around the Temple Mount, flared up during the summer conflict, fanned by incitement from Hamas and the Palestinian Authority leadership, as well as the Islamic Movement - a Hamas-linked branch of the Muslim Brotherhood which astonishingly still operates legally in Israel despite repeated calls to ban it. Police and outgoing Internal Security Minister Yitzhak Aharonovich were sharply criticized for not taking a firmer hand against the unrest. In particular, organized Muslim harassment of Jewish visitors to the Temple Mount increased dramatically over that period, despite vows by Aharonovich and others to crack down on the Hamas-linked groups responsible. At the same time, however, Prime Minister Binyamin Netanyahu sought to "calm tensions" on the Mount with a flurry of statements, and even a secret meeting, with Jordan's King Abdullah, in which he guaranteed to maintain a ban on Jewish prayer on the Temple Mount. But the Temple Movement claims the government went further still, actively providing support to the Jordanian-controlled Waqf Islamic trust which administers the Mount, and has played a key role in preventing Jewish prayer and destroying priceless Jewish artifacts at the site. The group cited comments reportedly made by Israel's Ambassador to Jordan, Dani Navo, at a recent talk to students at Tel Aviv University. "It's good that the Muslims rule there," it quoted him as saying, as well as: "the announcement [made in 1967 by IDF chief Rabbi Shlomo Goren after the liberation of Jerusalem - ed.] that 'The Temple Mount is in our hands' was a mistake. The Temple Mount is not in our hands." During the talk, Navo reportedly revealed that Israel "gave more resources" to the Waqf to help them consolidate their hold on the Temple Mount, and ostensibly to counter the growing influence from Hamas and the Islamic Movement. "Despite statements by the police that (there will be) one rule for Jews and Muslims alike on the Temple Mount, and that they would not allow any kinds of demonstrations or flag-waving on the Temple Mount, it has become clear specifically on the week of Israel Independence Day, that with instruction from the political leadership the Temple Mount has turned into a hotbed of incitement and terrorism," the statement continued. "While Jews are still arrested there for praying or bowing (in prayer), the Muslims are free to incite, to demonstrate and to educate terrorism." The group added that police-enforced limits on Jewish groups visiting the site had tightened recently following a series of terrorist attacks in Jerusalem - a move it branded "a humiliating surrender to terrorism" - and had reached a point whereby only a few individual Jews are being allowed to visit at a time. Those restrictions reached their peak over the Passover festival, when no more than 40 Jews were allowed to ascend the Temple Mount each day - despite the fact that hundreds of pilgrims were flocking to the site daily. The Temple Movement called to end "the Waqf's reign of terror" by replacing it with a "special Temple Mount authority" to administer the site fairly "as the most important site for the Jewish people," and enable Jews to visit as freely as Muslims current are able to. Source: Arutz Sheva. This Week the Entire State of Israel will Come to a Stop. This is Why.
Luogo più sacro dell'ebraismo trasformata in capitale del terrorismo. Raduni di Hamas impunemente sul Monte del tempio. Clicca qui per vedere: Hamas raduni impunemente sul Monte del tempio
Riprese da un grande comizio islamista il Monte del tempio la scorsa settimana rivela come estremisti musulmani sono ancora incitamento e glorificando il terrorismo e apertamente sostenere Hamas impunemente al luogo più sacro dell'ebraismo, nonostante si impegna dalle autorità per reprimere i fenomeni. Il rally, che ha avuto luogo dopo le preghiere di venerdì la settimana scorsa al Al Aqsa Mosque sul Monte del tempio, ha caratterizzato gli estremisti islamici mascherati sventolando la bandiera verde di Hamas e tenendo i manifesti con i volti del terroristici "martiri" stampati su di esso. Nel video sopra, presi dai manifestanti musulmani, manifestanti si possono sentire scandendo slogan contro Israele e gli ebrei in generale. Bandiere di Hamas e manifesti lodando il terrorismo e lionizing terroristi uccisi - molti dei quali sono stati uccisi portando attacchi civili israeliani - può anche essere visto appeso prominente intorno al sito, compresi Al Aqsa Mosque stessa. L'incitamento palese musulmano è tanto più sorprendente dato il divieto globale in corso sugli ebrei di pregare al Monte del tempio, sotto pena di arresto, una mossa fatta per placare i gruppi musulmani in violazione delle numerose sentenze che richiedono la polizia a garantire la libertà di culto per tutte le religioni ci. Il tempio movimenti Joint HQ - ombrello di gruppi di attivisti una campagna per i diritti dell'ebraici sul Monte del tempio - condannato l'apparente facilità con cui sono in grado di operare gli estremisti legati ad Hamas. Riecheggiando affermazioni fatte da altri attivisti leader, il gruppo accusato il governo israeliano di cedere volontariamente il controllo del sito per motivi politici. "Controllo dello stato sul Monte del tempio ha continuamente allentato, con istruzione dalla leadership politica, dal bordo protettivo di funzionamento e gli attentati terroristici di Gerusalemme, tra cui le riprese di Rabbi Yehuda Glick," il gruppo ha detto in una dichiarazione, riferendosi all'operazione di 50 giorni di lotta al terrorismo di Israele nel corso dell'estate e il tentato assassinio di un veterano Monte del tempio attivista solo pochi mesi dopo.
Guarda qui
Violenza a Gerusalemme, particolarmente sul e attorno al Monte del tempio, divampata durante l'estate, conflitto, alimentata da incitamento da Hamas e la leadership dell'autorità palestinese, così come il movimento islamico - un ramo di Hamas-collegato della fratellanza musulmana che sorprendentemente ancora opera legalmente in Israele nonostante i reiterati appelli a vietarlo. Polizia e in uscita interna sicurezza ministro Yitzhak Aharonovich erano fortemente criticato per non aver preso una mano più ferma contro l'agitazione. In particolare, organizzata molestie musulmana di visitatori ebraici a monte del tempio è aumentato drammaticamente in quel periodo, nonostante i voti, Aharonovich e altri per reprimere i gruppi legati a Hamas responsabili. Allo stesso tempo, tuttavia, primo ministro Binyamin Netanyahu ha cercato di "calmare le tensioni" sul Monte con una raffica di dichiarazioni e persino un incontro segreto, con re Abdullah di Jordan, in cui ha garantito per mantenere un divieto ebraico preghiera sul Monte del tempio. Ma il movimento del tempio sostiene che il governo è andato ulteriormente ancora, attivamente fornendo supporto al Giordano-controllato Waqf Islamico fiducia che amministra il Monte e ha giocato un ruolo chiave nella prevenzione di preghiera ebraica e distruggere manufatti preziosissimi ebraiche presso il sito. Il gruppo citato commenti fatti secondo quanto riferito dall'ambasciatore di Israele a Jordan, Dani Navo, in un recente discorso agli studenti dell'Università di Tel Aviv. "È bene che i musulmani regola lì," lui è citato come dicendo, come: "l'annuncio [realizzato nel 1967 da IDF capo rabbino Shlomo Goren dopo la liberazione di Gerusalemme - ed.] che 'Monte del tempio è nelle nostre mani' è stato un errore. Il Monte del tempio non è nelle nostre mani". Durante il colloquio, Navo secondo come riferito ha rivelato che Israele "ha dato maggiori risorse" per il Waqf per aiutarli a consolidare la loro presa sul Monte del tempio e apparentemente per contrastare la crescente influenza da Hamas e il movimento islamico. "Nonostante le dichiarazioni della polizia che (ci sarà) una regola per ebrei e musulmani sul Monte del tempio, e che non permetterebbe alcun tipi di dimostrazioni o sventolano sul Monte del tempio, è diventato chiaro in particolare sulla settimana di giorno di indipendenza di Israele, che con l'istruzione dalla leadership politica il Monte del tempio ha trasformato in un covo di incitamento e terrorismo"l'istruzione continua. "Mentre gli ebrei sono ancora arrestati per pregare o incurvamento (nella preghiera), i musulmani sono gratis per incitare, per dimostrare e per educare il terrorismo." Il gruppo aggiunto che la polizia-imposto limiti di gruppi ebrei visitando il sito avevano stretto recentemente seguendo una serie di attacchi terroristici a Gerusalemme - una mossa "un'umiliante resa al terrorismo" - di marca ed aveva raggiunto un punto per cui solo pochi singoli ebrei sono permesso di visitare in un momento. Tali restrizioni ha raggiunto il loro picco sopra il festiva di Pasqua
================
Benjamin Netanyahu ] [ cosa tu puoi leggere nei libri di storia? [ gli islamici non si fermeranno, perché, nessuno di loro può farlo, l'Islam per loro è una ideologia compulsiva e satanica.. colui che si ferma viene dichiarato traditore e viene ucciso! [ TU NON DEVI DIMENTICARE DI COME LORO (TUTTA LA LEGA ARABA) loro HANNO RIMPROVERATO LO EGITTO, PER AVERE VENDICATO I CRISTIANI SGOZZATI IN LIBIA ] gli islamici si possono fermare soltanto, se loro subiscono un massacro spaventoso! ECCO PERCHé LA ALLEANZA CHE LA ARABIA SAUDITA TI STA OFRENDO è FALSA!

Benjamin Netanyahu ] [ la vita degli islamici, non può essere salvata, attraverso, la comprensione, la logica, il buon senso, perché loro sono dogmatici, maniaci religiosi, la loro cultura e la loro conoscenza? sono false! L'ISLAM CORANICO, è COSì PERVERSO, IPOCRITA, CHE SENZA TERRORE, OMICIDI, VIOLAZIONE DEI DIriTTI UMANI, ESALTAZIONE DEL MALE MALEFICO, DI PEDOFILIA POLIGAMIA, RIDUZIONE IN SCHIAVITù DEI DHIMMI, QUESTO ISLAM BLASFEMO SHARIA? CROLLEREBBE, NON POTREBBE SUSSISTERE! ] NON C'è NULLA CHE TU PUOI FARE PER IMPEDIRE IL LORO MASSACRO, il loro tempo, QUELLO della storia? si è fermato al 1400 d.C., ecco perché loro non possono più smettere di fare gli assassini, ECCO PERCHé LA LORO TEOLOGIA è QUELLa DELLA SOSTITUZIONE, quindi il genocidio è funzionale sistemico nella LEGA ARABA.. quando i farisei Illuminati, gli adoratori del dio gufo: Baal. loro i più grandi specialisti massoni, di ingegneria sociale della storia, loro hanno creato: nazisti comunisti ed islamici? loro sapevano tutto questo!

Benjamin Netanyahu ] [ fin dal principio, erano contro: Mosé, Salomone, Gesù,, i farisei hanno sempre combattuto contro, la Bibbia, contro, il cristianesimo, e quindi hanno fatto il TALmUD SATANICO, ed in chiave anticristiana, hanno creato tutte le cose, anche la teoria della evoluzione, che, dopo 150 anni, non potrebbe mai più essere qualcosa di vero! PERCHé NON ESISTE IL 90% di fossili di transizione.. quindi, non potrebbe esistere neanche, nessun vero fossile di transizione!Benjamin Netanyahu ] l'ISLAM SHARIAH è satanismo, non può avere diritti umani! il delitto, il genocidio, il nazismo dogmatico, la lussuria, la predazione è la sua sola ragione di esistere! Apostasia e blasfemia il suo solo ambito teologico!


  • Jewish lobby, MOSSAD diverted: Pharisees, ECB FED IMF NWO, like, 666 Satanism international, through money, that steals: to us in the: 322, Masonic system, that is, the crime of banking seigniorage, they pay, our poor unemployed desperate for advertising, their: criminal ideology: in Internet, and, use, our children: to finish destroying: our civilization: Jewish-Christian (because, they all know, that, Israel has the hours counted!). but, the Jews diverted, are smarter, they understood that: it is not possible to have a contrast: with, Unius REI, and have did stop, every contact,of their agents, with me! and also, all the Jews know very well that I said to them, "when, I will come: to Jerusalem, there: to slam your head: against: the stones, to the point that, the stones will cry in pain!, and in fact, what, religion, or what: institution can be an ally, of the Kingdom of God? ye are all corrupt!
  • UniusRei3
    UniusRei3 ha pubblicato un commento
    3 minuti fa
    le lobby ebraiche, MOSSAD deviato: Farisei, FED ECB IMF NWO, come, il satanismo internazionale, attraverso, i soldi, che, ruba: a noi: nel sistema massonico, cioè, il crimine di signoraggio bancario, loro pagano, i nostri poveri disoccupati disperati, per fare pubblicità, alla loro ideologia criminale, e usano, i nostri figli: per finire di distruggere: la nostra civiltà: ebraico-cristiana (perché tutti loro sanno che, Israele ha le ore contate!).. ma, gli ebrei, sono più intelligenti, hanno capito, che: non è possibile, avere una contrapposizione: contro, Unius REI, ed hanno fatto interrompere, ogni contatto, dei loro agenti, con me! e inoltre, tutti gli ebrei sanno molto bene: che, io ho detto loro: "quando, io verrò a Gerusalemme, vi sbatterò di testa: contro: i sassi, al punto tale, che, le pietre piangeranno dal dolore! e infatti, di quale religione, o, di quale: istituzione può essere alleato: il Regno di Dio? voi siete tutti corrotti!
  • JewsxMessiahUniusRei
    JewsxMessiahUniusRei ha pubblicato un commento
    2 ore fa
    Venerdì di Risurezione? si, ma poi è Pasqua! @666, 322, nazi, IMF, NWO, FED, ECB, racist, criminal, Islamist, Pharisee Mason, communists, satanist, and: all my enemies, all enemies of Christian matyrs: all you, were prepared for the destruction .. it would be better for you, That you had never been born, hallelujah - YHWH has won! alleluia, YHWH is the best! all my enemies, were prepared for the destruction!.. my purity: is perfect, because: it is divine .. I do not have: to lie: or pretend, or: wish to do, evil of my enemies! I not: have feelings of revenge, which are a form of hate! This is why, I am perfect, I am the eternal metaphysical man, I'm unius REI. so, I wait a criminal, at his mistake, because, it is impossible, for a man unclean, of: not to fall: into contradiction with itself! [Babylon is fallen, and: the right: is been revealed]
  • allChristianMartyrs
    allChristianMartyrs ha pubblicato un commento
    3 ore fa
    [the"little Satan" is: SatanAllah, not Israel ]@Sharia Jihad Abu Antar: liar, fake christian ---You are a secret agent (then: you have an: institutional task: to be carried out), but, also: are segret agent, of satanism international, institutional: CIA, IMF-NWO: 1. IHateNEWLAYOUT (is American Satanist); 2. Neji Jaber: is italian satanist; 3. jjjjjjiiiijjjjjj, is German satanist. just me, i am independent, and do not have a flag to defend.. like you all.. in fact you have fallen into my trap! because this is what, I have been able to show today! the "little Satan" is not Israel! but, is islam, that, king Saudi Arabia, Iran, together with their friends Pharisees: IMF-NWO, have corrupted.. indeed, liar and hypocrite as you are? you make friend with the cannibals: 666, and not with me, because, you are not capable, of being an honest man!
  • allChristianMartyrs
    allChristianMartyrs ha pubblicato un commento
    4 ore fa
    sharia Abu jihad Antar:liar, fake christian --"argument" goes that Islamists ((all religious maniacs)) believe Muhammad: to be a perfect model for behaviour: and: therefore the fact of Muhammad's marriage: to A'isha somehow, proves Islam: to be a depraved religion, into mind of king Saudi Arabia... Marriage to a pre-pubescant: child, with, whom consummation occurs: upon reaching puberty (although Bolivia, sets the age of consent at puberty). --ANSWER --[what else: is weird? The Talmud also: says that you can have sex: with girls as young: as 3 years, if: they are the daughters: of the goyim] AND THIS DOES NOT DO, IN ANY WAY, FOR ME, an MAN anti-Semite OR Islamophobic. BUT, YOU MUSLIM, that, pretending,to be a CHRISTIAN, YOU CAN SPEAK THE ABDUCTION OF CHRISTIAN girls (9-14 years), for to FORCE them, TO MARRIAGE IN MANY ISLAMIC STATES, with the complicity of the police?
  • Abu Antar
    Abu Antar ha pubblicato un commento
    9 ore fa
    Good old Unius ain't a bad guy, he's just terribly confused about some matters.
  • Neji Jaber
    Neji Jaber ha pubblicato un commento
    10 ore fa
    ☭Is Time That Someone Teach Unius Rei A Lesson☭
Nei giorni 18-19 e 20 giugno presso l’Auditorium Giovanni Paolo II del Seminario arcivescovile di Benevento si svolge il XXVIII convegno pastorale diocesano dal titolo: “Dalla sfida alla proposta: la parrocchia tra annuncio e vita”. Dopo il saluto dell’arcivescovo Andrea Mugione e l’introduzione del vicario per la pastorale mons. Abramo Martignetti, sarà Luciano Meddi, ordinario di catechesi missionaria presso la Pontificia Università Urbaniana, a tenere la conferenza su “Educare nella comunità cristiana e co-educare come comunità”. Seguiranno poi i laboratori di studio e le relazioni conclusive.
Il tema scelto per il convegno di questo 2012 si pone in continuità con la riflessione avviata alla luce del documento Cei “Educare alla vita buona del Vangelo”. Quest’anno l’attenzione viene puntata sul rapporto tra parrocchia e catechesi con l’obiettivo di far maturare sempre più la consapevolezza che la comunità parrocchiale è il luogo privilegiato del vivere cristiano. Nella prima ora del cristianesimo gli apostoli divennero testimoni del Risorto unicamente perché all’inizio vi fu l’esperienza di un incontro: ai pavidi fuggiaschi del venerdì santo Gesù crocifisso e risorto si mostrò vivente. Quest’incontro fu talmente decisivo per loro, che la loro esistenza ne venne totalmente trasformata: alla paura si sostituì il coraggio, all’abbandono l’invio ed i pavidi fuggitivi divennero testimoni coraggiosi e lo furono fino alla fine, in una vita donata senza riserve a Gesù che avevano tradito nell’ora della prova e delle tenebre. Fra il tramonto del venerdì santo e l’alba di Pasqua avvenne qualcosa di straordinario e importante che diede origine allo sviluppo del cristianesimo nella storia. L’incontro con il Risorto nell’esperienza pasquale cambiò letteralmente la vita degli apostoli. Fu un’esperienza di grazia. Gli apostoli divennero testimoni di quel’incontro con Cristo che segnò per sempre la loro esistenza. Il Maestro infine disse: “Andate in tutto il mondo, predicate il Vangelo ad ogni creatura” (Mc 16,15).
Dunque non si annuncia se non Colui che si è incontrato, di cui si è fatto e si fa esperienza viva e trasformante nell’ascolto della Parola, nella preghiera e nei sacramenti. Solo così l’annuncio raggiunge e trasforma la vita di chi ricevendolo crede e credendo si apre alla vita nuova offerta in Cristo Gesù, il Signore. Oggi più di ieri i discepoli del Risorto sono chiamati ad essere i testimoni del senso più grande della vita e della storia. Questa missione esige la disponibilità e prontezza ad amare la verità rivelata da Gesù al di sopra di tutto, pronti a pagare il prezzo per essa nella quotidiana fatica del vivere. Occorre ritrovare la forza della passione per la verità in cui si fonda la dimensione missionaria della vita ecclesiale. Essere pronti a pagare il prezzo della verità in ogni comportamento è la fedeltà richiesta per la credibilità del testimone della speranza che non delude. Tutto questo avviene in modo privilegiato nella comunità ecclesiale e soprattutto in quel frammento prezioso di Chiesa che è la parrocchia. La pastorale è sostanzialmente comunicazione. Nella comunità parrocchiale si realizza la comunicazione del Vangelo che è messaggio incarnato e universale di libertà, di verità e di dignità della persona umana.
La fede cristiana ha il compito di annunciare Dio, perché Dio ha voluto rivelare se stesso agli uomini, svelando il suo mistero e coinvolgendo nella luminosa avventura trinitaria ogni uomo. Dio ha comunicato se stesso nel modo più comprensibile agli uomini, facendosi uomo e utilizzando un linguaggio umano. L’uomo che ascolta viene trasformato dalla Parola, risponde al dono di Dio, si incammina nella sequela di Cristo, incontra un Dio personale e grazie a questo incontro-comunicazione diviene infine testimone di quanto ha visto, ascoltato ed esperimentato. Il dialogo diventa la casa dell’ospitalità. La comunicazione diventa vita che si dona. Occorre vivere l’accoglienza gratuita di ogni persona per incentivare la crescita della fede e dell’umanità di ciascuno, per alimentare la speranza nelle prove della vita, per migliorare la qualità delle relazioni interpersonali, per accrescere la solidarietà ai bisogni del prossimo. Tante parole del nostro linguaggio religioso sono oramai logore, inefficaci, perché svuotate del loro senso originario. Occorre recuperare la forza della parola di Dio e della liturgia per rilanciare una comunicazione esistenziale della fede. L’anno della fede indetto da Benedetto XVI, in occasione del 50° anniversario del Concilio Vaticano II e del XX anniversario del Catechismo della Chiesa Cattolica, diventa la spinta più opportuna per colmare il vuoto dottrinale scavato dall’analfabetismo religioso nel cuore dei cristiani.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.12/ del 22/6/2012)

Campane a festa per Montecalvo Irpino
Con un manifesto che riproduce la suggestiva immagine del celeberrimo quadro di Jean-Francois Millet dal titolo “l’Angelus” conservato al Musée d’Orsy di Parigi, il rettore del Santuario di Mamma Bella dell’Abbondanza e San Pompilio, don Teodoro Rapuano annunzia alla Comunità di Montecalvo l’inaugurazione del monumentale concerto di campane.
Sabato 9 giugno alle ore 19.30, vigilia della Solennità del Corpus Domini, sarà benedetto e inaugurato il solenne concerto campanario realizzato sulla facciata della chiesa di San Pompilio in Montecalvo Irpino. Il complesso campanario è costituito da sette campane, realizzate dalla millenaria Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone, donate al Santuario con offerta spontanea da tantissimi montecalvesi. Con questa iniziativa si concludono idealmente sia le celebrazioni del Terzo Centenario della nascita di San Pompilio Maria Pirrotti (1710-2010), sia la celebrazione del decimo anniversario del ritrovamento della statua della Madonna dell’Abbondanza.
Il rito della benedizione delle campane, presieduto dall’Arcivescovo Mons. Oscar Rizzato, Elemosiniere Apostolico emerito, risale all’antichità per l’uso di ricorrere a segni o a suoni particolari nel convocare il popolo cristiano alle celebrazioni liturgiche comunitarie, per informarlo sugli avvenimenti più importanti della comunità locale, per richiamare nel corso della giornata a momenti di preghiera, specialmente al triplice saluto alla Vergine Maria. Infatti il soggetto pittorico scelto come sfondo al manifesto è composto da una coppia di contadini che interrompono il lavoro al suono delle campane che annunciano l’Angelus, in atteggiamento orante. Entrambi sono concentrati nell’orazione, imponendosi con la figura sulla superficie pittorica con fragile dolcezza. La voce delle campane esprime in ogni occasione i sentimenti del popolo di Dio quando esulta e quando piange, quando rende grazie o eleva suppliche e quando, riunendosi nello stesso luogo, manifesta il mistero della sua unità in Cristo Signore.
La fusione delle sette campane è avvenuta nella fonderia Marinelli il 23 luglio 2011, alla presenza del parroco don Rapuano, di una rappresentanza di parrocchiani e delle maestranze dell’antica fonderia. Il parroco, presiedendo la suggestiva liturgia di benedizione e pronunziando ad alta voce l’invocazione Santa Maria, ha dato avvio alla colata del bronzo, che ha raggiunto le forme delle campane imprigionate nella terra.
Le decorazioni e le scritte rendono uniche le campane che possono essere considerate vere e proprie opere d’arte. Sulla prima campana di 220 kg. recante il logo del Giubileo Pompiliano, c’è la seguente iscrizione: 1710 –2010 TERZO CENTENARIO DELLA NASCITA DI SAN POMPILIO MARIA PIRROTTI dono del popolo montecalvese. La seconda campana di 170 kg. è dedicata alla Madonna dell’Abbondanza con la scritta: 2001 – 2011 DECENNALE DEL RITROVAMENTO DELLA STATUA DI MAMMA BELLA DELL’ABBONDANZA dono del popolo montecalvese. La terza campana di 115 kg. è dedicata a San Pompilio: A.D. 2011 SAN POMPILIO CONCITTADINO E SPECIALE PATRONO DI QUESTA COMUNITA’ MONTECALVESE STENDA SU TUTTI LA SUA PROTEZIONE il parroco Sac. Teodoro Rapuano e il popolo festante. Con la terza campana di 95 kg. si è voluto ricordare nel tempo la storica udienza concessa da Papa Benedetto XVI ai montecalvesi il 9 marzo 2011 per il rito dell’incoronazione della Madonna dell’Abbondanza: Città del Vaticano 9 marzo 2011 ALL’ AUGUSTO PONTEFICE PAPA BENEDETTO XVI CHE CHINO DINANZI AL SIMULATRO DI MAMMA BELLA DELL’ABBONDANZA INVITA I MONTECALVESI A “RENDERE OVUNQUE UNA GENEROSA TESTIMONIANZA CRISTIANA” dono del popolo montecalvese. La quinta campana di 70 kg. è dedicata alla Sacra Famiglia con la seguente iscrizione: A.D. 2011 ALLA SACRA FAMIGLIA GESU’ GIUSEPPE E MARIA MODELLO PER TUTTE LE FAMIGLIE CRISTIANE dono delle famiglie montecalvesi. Non poteva mancare la campana in ricordo dei defunti, vista la particolare attenzione che San Pompilio aveva per le anime del purgatorio; sulla campana di 60 kg. è scritto: A.D 2011 AI DEFUNTI FRATELLI E SORELLE IN ATTESA DELLA RISURREZIONE FINALE dono del popolo montecalvese. Infine la campana di 50 kg. dedicata a tutti i montecalvesi: A.D. 2011 AI MONTECALVESI DI IERI DI OGGI E DI DOMANI CHE MEMORI DI GRANDI ONORI SONO CHIAMATI A CRESCERE NELLA SANTITA’ IL PARROCO BENEDICENTE SAC. TEODORO RAPUANO.
Le sette campane oltre ad allietare i momenti liturgici aiuteranno i montecalvesi e ricordare il tempo che passa attraverso lo scandire delle ore della giornata secondo l’adagio latino: Tempus fugit aeternitas manet (Il tempo fugge, l’eternità rimane). Un monito che diventa preziosa esortazione: Ruit hora, particula ne te praetereat (scorre l’ora, non lasciarti sfuggire neppure un minuto). La vita dell’uomo sulla terra è un dono meraviglioso di Dio, da accogliere e far fruttificare a beneficio di tutti, con la preghiera e il lavoro: Ora et labora !

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.11/ del 8/6/2012)

Un nuovo libro di Clemente Cassese
I racconti della cantina
Orazio nei suoi Carmina, scrivendo a Taliarco tesse l’elogio del vino e del fuoco per sfuggire all’inverno delle stagioni e della vita. Ecco una traduzione dei suoi versi: “Laggiù si staglia il Soratte, vedi?, con candido manto di neve. Stremati, faticano i rami a reggere il peso. Per il gelo tagliente, fiumi e ruscelli si sono rappresi. Dissolvi il freddo nutrendo la fiamma con larga provvista di ceppi e senza risparmio, attingi, Taliarco, vino di quattr’anni, puro, dall’orcio sabino a duplice ansa. Il resto, rimettilo in mano agli dei: bastò che abbattessero i venti in lotta sul gran ribollire marino, perché d’incanto i cipressi non più s’agitassero, e gli orni vetusti. Che cosa t’attenda in futuro, rinuncia a indagare: qualunque altro giorno t’aggiunga il destino, tu devi segnarlo all’attivo. Sei giovane, non disprezzare gli amori gentili, le danze, fin tanto che il tuo verdeggiare rimane lontano da uggiosa canizie. Il campo sportivo, adesso, e le piazze, e sull’imbrunire, all’ora che s’è concordata, di nuovo uno scambio di dolci sussurri e il riso che, lieto zampillo, tradisce la giovane donna appiattata in un angolo oscuro e, pegno d’amore, il monile, sfilato da un braccio, da un dito che solo per finta rilutta”.
E’ un’ode di motivo conviviale. Le prime due strofe sono ispirate ad un testo di Alceo, ma Orazio elabora in modo originale i versi del poeta greco. L’incipit invita a spingere lo sguardo su un’immagine invernale candida per la neve che imbianca ogni cosa, subito però collegata all’idea della fatica e del dolore in quei pini che a stento ne sorreggono il peso ed ancor più, nell’irrigidimento forzato dei fiumi, dove laborantes e geluque consistant sono due metafore, rispettivamente delle angosce e dei dolori della vita e dell’immobilità della morte. La seconda strofe riprende l’invito, questa volta a preparare un bel fuoco che riscaldi ed a versare vino puro di quattro anni proveniente dalla Sabina. Segue un altro invito a lasciare tutto il resto agli dei e a non pensare al futuro. Continua la sequenza degli esortativi che invitano Talliarco a godere degli amori, delle danze e dello sport fintanto che è giovane.
L’ode si conclude con il riso della fanciulla nascosta in un angolo, alla quale il poeta sembra voler dire di non far rumore. Le motivazioni profonde dell’ultima fatica letteraria di Clemente Cassese “I racconti della cantina” non si discostano da quelle del grande poeta Orazio. Lo straordinario scrittore sannita Clemente Cassese permette un meraviglioso viaggio tra le vicende che segnarono profondamente anche i primi anni della mia infanzia. Le cantine, l’acquisto di vino in bottiglia, i vini misturati fatti con le “cartelle”, il sospetto di tradimenti, gli adulteri, gli ammiccamenti, il noto lustrascarpe Antonio detto “pulimmo” sul corso Garibaldi, conosciuto negli anni di studio nel Seminario di Piazza Papiniani, la frasca per propagandare i prodotti commerciali, le musiche e i canti capaci di addolcire la vita dura e difficile, le antiche osterie, il florilegio piccante e licenzioso che animava gli incontri intorno ai bicchieri di vino, l’uso della carbonella e l’invasione delle bombole di gas, i vini profumati e gustosi delle notissime vigne sannite, le vecchie banconote, le goliardie di don Giulio e dei suoi amici, il registro degli acquisti a credito, la scaltrezza della gente del sud capace di rimanere incantata solo per poco dinanzi agli occasionali parenti ed amici del nord, la predisposizione della gente umile ma saggia a poetare, le simpatiche millanterie di uomini forti oramai sul viale del tramonto, la difficoltà a pagare il fitto di casa, i mille scherzi tra amici e i generosi boccali per affogare nel vino ogni malinconia, costituiscono un pezzo di storia dolcissima e indimenticabile.
Sono troppo amico di Cassese e lo stimo così tanto che faccio fatica a rimanere imparziale. Le sue non sono semplici facezie che suscitano il salasso della critica ma capolavori artistici che si muovono tra la perizia degli antichi poeti latini e la coinvolgente concretezza delle novelle del Verga. Leggere quanto scrive è come assistere dal vivo le sue felicissime interpretazioni. L’autore, nel mentre muove al sorriso, indulge ad una contagiosa malinconia. Gioia e tristezza costituiscono l’ordito della vita ed anche dei racconti di Clemente Cassese prefatati dalla mano esperta e puntuale di Elio Galasso, che sottolinea la capacità di recupero di personaggi, conversazioni, luoghi e squarci di una città “terra di mezzo” che si muove tra un mondo arcaico, contadino, e la modernità balbettante del secolo scorso. Clemente Cassese racconta con gusto e con amore, talvolta sembra voler cedere al prosaico ma con arte assai raffinata eleva immediatamente il tono senza dimenticare i grandi valori dell’amicizia, dell’amore, della famiglia e della fede che ci rende capaci di gettare in Dio ogni fiducia anche nell’ora della preoccupazione e della prova. Grazie Clemente perché ami la vita e ci esorti a viverla intensamente, perché non è per nulla utile pensare troppo a quel che sarà: il passato è storia, il futuro è mistero, il presente è dono da vivere con grande passione e possibilmente con il tuo stesso sorriso sulle labbra. Intelligenza, garbo, ironia e nobiltà d’animo costituiscono il tuo prezioso patrimonio.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.10/ del 18/5/2012)

Note sul libro di Benigno Roberto Mauriello
La guerra civile spagnola
Nel 1936 scoppiò in Spagna una guerra civile che causò circa cinquecentomila morti, tra cui oltre seimila religiosi. Una storiografia superficiale e conformista ha sempre considerato questo evento come un banco di prova dello scontro tra fascismo e antifascismo, quasi un anticipo della tragedia del 1939, non tenendo conto della peculiarità della storia spagnola e di una lunga tradizione conflittuale tra Cattolicesimo e anticlericalismo, che affonda le radici all’epoca dell’invasione napoleonica.
Il libro di Mauriello, che rivaluta tutta la documentazione comprovante la responsabilità della massoneria iberica nella genesi del conflitto, costituisce un ottimo esempio di revisionismo storico, indicando anche ai più scettici un lavoro originale, con tematiche non sempre affrontate per conformismo o opportunismo.
Il testo mette in luce come sia improprio parlare di fascismo relativamente al complesso di forze che riuniva i seguaci dell’alzamiento. Gli uomini della Falange spagnola, ad esempio, rappresentavano il connubio tra la tradizione iberica, cattolica e nazionalista, con le istanze corporative provenienti da alcune zone dell’Europa, considerandosi pertanto i diretti discendenti degli hidalgo e i custodi della grandezza dell’impero. Il fascismo fu invece un movimento popolare corporativo di derivazione socialista e anticattolico almeno nella fase iniziale.
Nel primo capitolo l’autore traccia la storia del paese iberico dalla diffusione della cultura illuministica (metà del XVIII secolo) fino all’avvento della seconda repubblica, nel 1931, illustrando la contrapposizione tra le elite settarie giacobine e la tradizione nazionale cattolica, molto radicata nel popolo, e la scelta finale di usare la forza per sradicare la religione con una terapia d’urto, come nel 1789 in Francia. Già nel maggio del 1931, infatti, alla proclamazione della repubblica, iniziarono i roghi delle chiese e le prime uccisioni di religiosi. Giovanni Paolo II ha santificato tanti preti e suore martirizzati dal furore giacobino.
Il secondo capitolo continua con la descrizione dello scoppio del conflitto; l’assassinio del leader di uno dei capi dell’opposizione, il monarchico Calvo Sotelo, prelevato nella sua abitazione dalla polizia repubblicana e vigliaccamente assassinato, fornì la spinta al tentativo di colpo di stato da parte di Franco e altri quattro generali. Il fallimento del golpe e la scelta del governo di armare gli attivisti dei partiti dell’estrema sinistra portarono ad una rapida estensione dei combattimenti.
L’intervento straniero, iniziato in sordina dal governo di sinistra francese presieduto dal massone Leon Blum, che spedì materiale bellico alla repubblica, è descritto nel terzo capitolo. Successivamente intervennero, e in modo sempre più massiccio, italiani e sovietici, i primi a fianco dei nazionalisti e i secondi a favore del governo. Ridimensionato nella sua importanza risulta l’intervento tedesco; i nazisti, infatti, usarono il territorio iberico solo come poligono di prova per testare i loro armamenti, senza offrire una fattiva collaborazione ai nazionalisti. La qualità e la quantità dell’intervento italiano, soprattutto della Regia Aeronautica, misero le truppe di Franco in condizione di sconfiggere l’avversario. L’opinione pubblica italiana era molto turbata dalle notizie che giungevano dal vicino paese latino, soprattutto le stragi dei religiosi.
Il quarto e ultimo capitolo descrive le operazioni militari e i tipi di armi e ordinamenti militari messi in campo dai belligeranti, nonché la mobilitazione delle risorse. Anche qui i nazionalisti mostrarono una maggiore efficienza, mentre il governo repubblicano, una volta dilapidate le riserve auree dello stato, rimase privo di viveri ed equipaggiamento, incapace di organizzare un'economia di guerra tale da stimolare la produzione nelle zone da esso controllate
La guerra terminò il 1 aprile del 1939, dopo tanti massacri e distruzioni.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.9/ del 4/5/2012)

Le nuove virtù e l'emergenza educativa
Giunti al termine del nostro viaggio nella duplice costellazione delle 4 virtù cardinali e delle 3 virtù teologali, sembra opportuno proporre una serie di variazioni libere sul tema della virtù.
Un fatto è certo: le virtù non addormentano l’anima, ma la mettono in permanente esercizio, conferendole vivacità e vitalità. L’abbandono delle virtù abbrutisce la persona rendendola pesante e ottusa. Lo spiega incisivamente San Bernardino da Siena in una delle sue prediche tenute a Firenze nella Quaresima del 1425: “Se non ti eserciti in qualche virtù spirituale e morale, diventi come un porco in stia, che pappa, beve e dorme. Non attendi ad altro che mangiare e bere e lussuriare… Se si è senza virtù, si è come il salcio del torrente, infruttuoso.
Il torrente è la mente degli uomini viziosi, che di subito corre via, come il torrente, a ogni sensualità di carne o d’occhio o di mente. E rimangono canna vana e senza frutto: infruttuosi d’ogni bene, come il salcio del torrente e diventano un zero senza frutto”. E’ significativo che l’enorme letteratura prodotta dalla riflessione sulla virtù conduca in una vera e propria foresta bibliografica. Delle 4 virtù cardinali parlano già Platone nella sua Repubblica, Aristotele nella sua Etica Nicomachea, Cicerone, Seneca e tanti altri filosofi. Si tratta di virtù umane, naturali, razionali che appartengono all’etica di ogni persona, indipendentemente dalle sue scelte religiose.
La tradizione cristiana a queste 4 virtù, ne aggiunge altre tre chiamate teologali e soprannaturali per il loro diretto rapporto con Dio, dette anche infuse perché Dio le infonde in noi nel Battesimo come un seme da far crescere. Di questa trilogia parla esplicitamente San Paolo nel cap. XIII della Prima lettera ai Corinzi. A questo luminoso settenario si collegano come corollari o derivazioni molte altre virtù che costituiscono lo splendido florilegio della santità: onestà, lealtà, fedeltà, solidarietà, magnanimità, rispetto, gratitudine, equilibrio, semplicità, umiltà, mitezza, pazienza, perseveranza, dominio di sé, sobrietà, povertà, castità, obbedienza, rispetto della natura, tutela dell’ambiente, rispetto della dignità e della privacy personale, tolleranza, accoglienza, dialogo, rispetto dei codici deontologici della comunicazione e della pubblicità, misericordia e verità, modestia, discrezione, pacatezza, sincerità, rispetto degli altri, fervore, pudore, astinenza, amor patrio senza fanatismi, educazione, cortesia, stile…
La costellazione della virtù può allargarsi all’infinito, aggiungendo sempre nuovi astri morali. Un sapiente biblico come il Siracide osserva che “il vestito di un uomo, la bontà sorridente e la sua andatura rivelano quello che è” e che “lo stupido alza la voce mentre ride, ma il saggio sorride appena, stando in pubblico (19,27; 21,20). Un motto molto sapido della tradizione rabbinica osserva che “lo stupido dice quel che sa, mentre il sapiente sa quel che dice”. Ci sono poi deleterie malattie spirituali che possono intaccare gravemente le virtù: tra esse brilla l’ipocrisia, bollata con parole di fuoco anche da Gesù Cristo e l’orgoglio, che inquina le più belle virtù a motivo della nostra fragilità. La pratica virtuosa esige perciò esercizio, fatica e costanza. Bisogna fare con pazienza un passo alla volta, andare sempre avanti nel progresso senza tornare indietro e infine approdare alla libertà di spirito, quando si raggiunge la maturità morale. Un frutto si dice maturo quando è così dolce che si lascia volentieri mangiare. Una persona è matura quando è così dolce e amabile che si lascia mangiare dai bisogni degli altri. Una persona che progredisce nella virtù fino alla maturità può essere definita: una splendida armonia sinfoniale, un’epifania di luce capace di illuminare finanche il grigiore della quotidianità e delle umane miserie.
Per orientare le energie dell’uomo verso il bene e costruire personalità equilibrate ed armoniche è indispensabile una seria azione educativa. Educare, dal latino e-ducere, tirare fuori, significa far emergere dalla materia grezza di un individuo il capolavoro unico e irripetibile di una persona che è in grado di offrire il meglio di sé, fare scelte virtuose e affrontare la vita con responsabilità. Soprattutto oggi c’è un’emergenza educativa primaria e inderogabile. È necessario reintrodurre il concetto di virtù nella mente, nel cuore e nelle scelte della gente, nelle scelte di tutti, politici, magistrati, banchieri, finanzieri, intellettuali, giornalisti, insegnanti, imprenditori, commercianti, lavoratori e studenti, grandi e piccoli, credenti e non: “Una società democratica funziona solo se ha un solido fondamento etico” (F. Alberoni). Chiaramente chi crede ha dinanzi a sé un percorso agevolato, è cero di essere amato da Dio fino a poter dire: io sono un sogno di Dio, non posso allora deludere il mio Dio!

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.8/ del 20/4/2012)

Semi di speranza nel sole di Pasqua
Ogni Venerdì Santo ha uno sbocco nella Pasqua di Risurrezione. Chi soffre con fede assapora la Pasqua non solo alla fine della corsa quando entra nella luce svelata del Risorto nella beatitudine eterna, ma anche nel momento drammatico della carne crocifissa. Ogni sofferenza offerta è feconda e fa risuonare nel cuore le campane della Pasqua. Quando si comprende che anche nei momenti più duri si può essere superlativamente fecondi, si sperimenta la pace. Ce lo fa capire chiaramente San Paolo : “Sovrabbondo di gioia in ogni mia tribolazione” (2 Cor 7,4). Chi vacilla sotto gli ulivi del Getsemani comprende che l’alba della Pasqua è molto vicina. Il dolore che non ha il suo sbocco naturale nella Pasqua, genera angoscia e disperazione.
Tutti i perseguitati, gli ammalati e provati dalle difficoltà trovano il vero senso della vita nella certezza del Sepolcro vuoto. Solo così i dolori del mondo non restano penosa agonia, ma doglie di un parto d’amore. Gesù ci ha salvato quando è stato elevato sulla croce. La carne crocifissa, grazie a Lui viene illuminata dalla resurrezione. Solo con Lui il soffrire profuma di fecondità di vita. Anche il corpo martoriato può avere il corpo trasfigurato. La festa del volto è il sorriso. Il sorriso che fiorisce sul volto del sofferente è il più convincente annuncio pasquale.
A Pasqua auguriamo, ad ogni fratello che incontriamo, che nei suoi occhi lampeggi il sorriso del Risorto e nel suo cuore vibri il Suo Spirito. Germi di speranza pasquale spuntano nel nostro mondo, nonostante i tanti segni della crisi: una nuova umanità avanza con passo umile e deciso verso la Pasqua. Quanti semi di speranza spuntano e crescono nel campo della storia, nella stagione primaverile della Pasqua: cultura della gratuità, laboratori di pace, esercito del volontariato, impegno coraggioso di magistrati e responsabili della vita pubblica che lottano contro la criminalità e la piovra della droga, impegno di cittadini e credenti in favore degli indifesi, progetti e fatiche degli insegnanti per preparare uomini per i tempi nuovi, giovani capaci di camminare in salita, liberi dalle scorciatoie del tutto, subito e a basso costo, in mezzo agli emarginati delle metropoli per tracciare sentieri di accoglienza, servizio e convivialità, liberi dalle malsane logiche clientelari, scommettendo sulle potenzialità creative del lavoro attraverso le cooperative in mezzo al panorama della disoccupazione galoppante, laici al servizio del terzo mondo...
Sono alcuni dei tanti segni capaci di mostrare che la Pasqua non è una teoria ma un evento che cambia il nostro tenore di vita. Il Risorto ci dona ancora il suo Spirito di vita per costruire con Lui un mondo nuovo. È utopia? Come quella di Abramo, Mosè, Benedetto, Francesco, Giuseppe Moscati, Pio da Pietrelcina e Teresa di Calcutta. L’utopia è il realismo dei coraggiosi, degli innamorati, dei profeti. Pasqua è la possibilità dell’impossibile umano, realizzate dal Signore della storia e dell’eternità. Nell’umile quotidianità spuntano segnali di speranza che edificano la civiltà dell’amore, la città del sole della Pasqua, al tepore del Santo Spirito di Dio che silenziosamente, anche oggi, sta rinnovando la faccia della terra. Auguri cordialissimi a tutti. Buona Pasqua.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.7/ del 6/4/2012)

La virtù più grande: la Carità
Il filosofo Kierkegaard afferma: “Non importa sapere se Dio esiste, importa sapere se Dio è amore”. La Bibbia ce l’assicura: “Dio è amore, chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui” (1 Gv 4,16). Dante dice che in Dio esiste, come rilegato in un unico volume “ciò che per l’universo si squaderna”. Tutti gli amori umani, coniugale, paterno, materno di amicizia, sono pagine di un quaderno o scintille di un incendio, che ha in Dio la sua sorgente e la sua pienezza. La Bibbia è una meravigliosa scuola d’amore. L’amore umano serve da simbolo all’amore di Dio e l’amore di Dio serve da modello all’amore umano. Solo guardando come ama Dio apprendiamo come deve amare una madre, un papà, uno sposo, un amico. Sono stati scritti tanti trattati e poemi sull’Ars amandi ma la Sacra Scrittura è l’unica capace di insegnarci quest’arte, se per amore intendiamo qualcosa di più del solo amore erotico.
San Paolo considera la Carità la suprema virtù teologale: “queste sono le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità, ma di tutte più grande è la carità” (1 Cor 13,13). Alla radice di essa, come delle altre due virtù teologali, c’è la grazia divina che depone in noi un seme d’amore da innaffiare, coltivare e far crescere fino alla fioritura. Infatti la parola carità deriva dal greco cháris che significa grazia. Nel battesimo, oltre alla remissione dei peccati, riceviamo l’infusione della fede, della speranza e della carità: “l’amore di Dio è largamente effuso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato donato” (Rm 5,5). Questa è la dimensione “verticale” dell’amore: il nostro amore nasce da un amore che ci precede e ci è donato, è una cascata d’amore che ha in Dio la sua sorgente trascendente. Nel profeta Osea Dio si presenta come uno sposo innamorato, nel Cantico dei Cantici come un fidanzato appassionato, ancora in Osea come un padre che insegna al suo bambino a camminare, lo solleva alla sua guancia e si china per dargli da mangiare, in Isaia come una madre che si commuove per il figlio delle sue viscere e non si dimentica mai di suo figlio, fino a fremere di compassione per lui, in Geremia Dio ha viscere materne che gli impediscono di punire e distruggere chi è infedele.
Un tratto tipico dell’amore divino: “è un Dio geloso”. Negli sposi terreni la gelosia è indice di insicurezza perché una persona più forte e più bella può rubare il cuore della persona amata. Dio invece non teme per se stesso, ma per l’uomo, che a motivo della sua endemica fragilità si abbandona facilmente in braccio agli idoli e ai falsi amori che sono la sua rovina. Gesù porta a compimento la rivelazione del mistero di Dio che è Amore, aggiungendovi l’amore di amicizia: “non vi chiamo più servi ma amici, perché tutto quello che ho udito dal Padre l’ho fatto conoscere a voi” (Gv 15,15). Gli antichi dicevano che l’amicizia è come “avere un’anima sola in due corpi”. La parentela consiste nell’avere lo stesso sangue, l’amicizia nell’avere gli stessi gusti, ideali, interessi. Solo all’amico vero si confidano le esperienze più segrete della vita. Dunque, l’amore di Dio è un oceano senza riva e senza fondo, umanamente indescrivibile. Davanti a questo infinito amore occorre fare una cosa semplicissima: credere nell’amore di Dio, accoglierlo e con commozione ripetere: “noi abbiamo creduto all’amore che Dio ha per noi!” (1 Gv 4,16). Il vertice dell’amore di Dio è nel dono di suo figlio Gesù Cristo: “Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia ma abbia la vita eterna” (Gv 3,16). Questo amore smisurato, da semplici creature ci ha trasformato in figli adottivi e perciò lo Spirito del Figlio grida in noi: Abbà. Poi viene la dimensione “orizzontale”, antropologica dell’amore: amati, dobbiamo amare, ricevuto il germe della carità, dobbiamo farlo sbocciare portando fiori e frutti. Connessione inscindibile tra i due amori, quello divino e quello umano: se Dio ci ha amati, anche noi dobbiamo amarci. Noi amiamo perché Dio ci ha amati per primo. Se uno dicesse di amare Dio e odiasse il suo fratello, sarebbe un menzognero: “vi do un comandamento nuovo, che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amato” (Gv 13,34).
L’amore umano nato dalla sorgente trascendente ha una variegata ricchezza di colori: comprende l’eros, che è desiderio e tensione verso l’altro, considerato però ancora come oggetto; comprende la philia, che è amore di amicizia, amore fraterno, accoglienza per lo straniero, solidarietà, comunione fraterna, “carità politica e sociale”; (Gaudium et spes, 88), comprende infine l’agápe, che è donazione libera e gioiosa, oblazione generosa e gratuita. L’eros è determinato dalla bellezza della persona amata, l’agápe ama e crea il valore dell’amato. Tutto questo non elimina l’eros, componente tipica dell’umanità che trasfigura la semplice sessualità istintuale e animale, ma alimenta e rende fragrante l’amore: l’amore integrale riconcilia con l’eros e con la corporeità senza falsi pudori e sbavature pornografiche. Tutto questo ha splendidamente spiegato Papa Bendetto XVI nell’enciclica programmatica Deus caritas est. Lo stesso poemetto biblico del Cantico dei Cantici si apre con l’ebbrezza di un bacio e rappresenta una lezione di armonico connubio tra amore e bellezza, tenerezza e passione. Ha ragione lo scrittore francese Francois Mauriac: “L’amore coniugale, che persiste attraverso mille vicissitudini, mi sembra il più bello dei miracoli, benché sia anche il più comune”. Al tempo di Gesù i rabbini avevano catalogato ben 613 precetti da osservare, estraendoli dalla legge biblica, ma il Maestro di Nazaret disse che il più grande comandamento è l’Amore: a Dio con tutto il cuore, l’anima, la forza e la mente e al prossimo come te stesso. L’amore del prossimo non è vero amore se il prossimo non è amato per amore di Dio. È questa la garanzia che si tratta di vero amore e lo rende anche possibile. È la carità nella sua dimensione verticale e orizzontale, unica via per raggiungere “la vita eterna”, strappandoci così dalla morte. Sant’Ambrogio dichiara: nihil caritate dulcius, nulla è più dolce della carità. Il poeta Mario Luzi: “La virtù quando non giunge fino all’amore è cosa vana”. Questa virtù è il principio, il fine e l’anima di ogni altra virtù, è il vertice della vita spirituale.
Viviamo in una società percossa dalla paura, dalla violenza e dalla solitudine. Madre Teresa afferma: “La malattia peggiore dell’Occidente è l’indifferenza”. L’uomo ha fame e sete d’amore, anche quando è schiacciato dalla desolazione. Il romanziere cattolico francese Cesbron parafrasando il celebre Cogito ergo sum di Cartesio, afferma: Amo ergo sum. Ha ragione. Alla radice di tutto il nostro malessere vi è il tradimento dell’amore. Sempre Madre Teresa dice che “il mondo va in rovina per mancanza d’amore”. Agostino ammonisce: “Riunite pure tutti i beni della terra, se non avete l’amore non vi servono a nulla”. Se è necessario lasciarsi contagiare dal virus dell’amore, la premessa per raggiungere questo traguardo è accogliere la più bella notizia che costituisce il cuore e l’anima del cristianesimo: noi siamo amati da Dio, perché Dio è Amore. Per questo il teologo Bruno Forte afferma che: “Il Padre è l’eterno Amante da cui procede ogni dono d’amore, il Figlio è l’eterno Amato, che tutto riceve e tutto dona e lo Spirito Santo è l’Amore, ricevuto e donato, vincolo dell’amore eterno ed estasi dell’eterno dono”. Questo amore eterno e trinitario non rimane chiuso in se stesso, ma si espande all’esterno e si riversa senza limiti su ogni uomo fatto a immagine e somiglianza di Dio e su tutto il creato. Questa è la bella notizia che tutti ci riguarda e ci riempie di gioia. Nell’Inno all’Amore San Paolo afferma che potremmo avere tutte le virtù, ma senza l’agápe, la caritas, è come se non avessimo nulla, perché le altre virtù finirebbero per eclissarsi e spegnersi. Avere l’amore significa invece avere tutto, anche la salvezza nel giudizio finale: “Venite, benedetti dal Padre mio… avevo fame e mi avete dato da mangiare…” (Mt 25,31-46). Anche la gioia scaturisce da un cuore che ama e si dona: “C’è più gioia nel dare che nel ricevere” (At 20,35). Vi è un solo ideale per cui valga la pena di vivere ed è la carità. Perché tutto il resto è vanità, passione, lotta, ambizione ed egoismo. È sempre vero che gutta cavat lapidem, se nessuno facesse mancare la sua goccia d’amore, anche il deserto fiorirebbe.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.6/ del 23/3/2012)

Bisogno di speranza
Charles Peguy nel poema Il portico del mistero della seconda virtù afferma che la speranza appare come la sorella più piccola della tre virtù teologali, quella che sta in mezzo, la sorella bambina che tiene per mano e trascina le sorelle più grandi con la sua forza e la sua tensione: “E’ sperare la cosa difficile e la cosa facile è disperare ed è la grande tentazione”. Sempre Peguy mette sulla bocca di Dio queste bellissime parole: “La fede che mi piace di più è la speranza. Sperare è dolce, più dolce che sapere. La certezza ti appaga, la fede ti illumina, ma la speranza ti incanta”.
Anche Cicerone asserisce: dum anima est, spes est, “finché c’è vita c’è speranza”. Il pensatore tedesco Ernst Bloch, osservando che spesso c’è chi è vivo e sano eppure dispera, suggerisce di intrecciare così le prime due virtù teologali: “finché c’è fede, c’è speranza”. E’ vero! Solo la carica della fede fa sopportare i mali presenti e vivere nell’attesa della liberazione. L’uomo è un animal sperans un vivente che ha la capacità di sperare. Il bisogno di sperare è connaturale all’uomo. Tutti nutriamo delle speranze. Quali speranze? Ricchezza, benessere, vincita al totocalcio, salute, lavoro, una casa bella, una macchina più potente, delle belle vacanze esotiche, un futuro migliore, perché la situazione presente non basta a nessuno. Molti puntano su portafogli, casseforti e libretti bancari. La speranza nel Dio Trino è scivolata per molti nel dio quattrino! Tutte conquiste che comunicano briciole di felicità, insieme a tanta delusione e a quella frustrazione che è nemica mortale della speranza. Per Dante la speranza è: “Uno attender certo de la gloria futura” (Paradiso, XXV). Emblematica l’antitesi tra due visioni entrambe significative per la nostra civiltà da un lato Ulisse e dall’altro lato Abramo: per Ulisse la meta ultima del suo viaggio è il ritorno ad Itaca, per Abramo la meta ultima è un futuro ignoto, scandito dal rischio e sostenuto solo dalla promessa di Dio. In questa stagione di smarrimento assistiamo pieni di paura all’eclissi della speranza.
Chi ci ha rubato la speranza? Guerre, terrorismo, fondamentalismi, conflitti etnici, atteggiamenti razzisti rinascenti, le mille sofferenze di ogni giorno, le tante solitudini che sconfinano nella disperazione senza il soccorso di una mano amica, le tante ingiustizie subite. La lezione della parabola evangelica è netta a riguardo: la storia è come un campo dove grano ed erbacce crescono insieme, bene e male si fronteggiano e il male sembra più vigoroso del bene, mentre emergono i peggiori tra gli uomini. La tentazione di reagire con rabbia è forte: armiamoci e sradichiamo la zizzania! Violenza, impazienza e sbrigatività non si accordano con la fermezza pacata e fiduciosa della speranza. L’irruzione veemente e irosa non fa sorgere un’aurora serena, ma allarga solo le ferite e accumula le tenebre. La parabola evangelica non spinge però alla rassegnazione, ma verso l’approdo ultimo della speranza teologale, quello escatologico. Un approdo teso verso un oltre trascendente. Si comprende così che nella storia l’unico attore non è solo l’uomo, ma c’è anche Dio, che vuole condurre tutti e tutto verso una meta conclusiva, raffigurata dalla mietitura e dalla vendemmia. San Paolo afferma che anche la creazione “attende con impazienza e nutre la speranza di essere liberata dalla schiavitù della corruzione per entrare nella gloria della libertà di Dio” (1 Cor 15).
Nella mia ultima visita alla città di Perugia, su un muro dell’università che delimita un prato pieno di splendide margherite in primavera, ho letto questa frase: “Potete recidere i fiori, ma non potete fermare la primavera”. Una verità straordinaria, anzi stupenda. Quando finisce la neve spuntano i fiori. La speranza vede la spiga quando il seme marcisce. Dopo un anno fatto di 365 delusioni occorre ancora sperare. Il poeta Mario Luzi scrive: “Il bulbo della speranza,/ora occulto sotto il suolo/ingombro di macerie/non muoia,/in attesa di fiorire alla prima primavera”. Nonostante i motivi di sconforto e di frustrazione per le tante fatiche, tribolazioni, falsità e violenze che ci affliggono, non dobbiamo rimanere prigionieri di un pessimismo soffocante, ma continuare a sperare sapendo che alla notte subentra sempre l’alba. Sono bellissimi, in proposito, i versi di Rostand: “E’ di notte che è bello credere nella luce. Dobbiamo forzare l’aurora a nascere, credendoci”. Abbiamo tante speranze nel cuore: amore, amicizia, successo, progresso, conquiste… ma abbiamo bisogno di una speranza che vada oltre l’effimero. Abbiamo bisogno di qualcosa d’infinito, abbiamo bisogno di Dio. La nostra grande speranza ha un volto e un nome: Gesù Cristo. Quando la nostra vita è abitata dal dolore, quando il nostro cuore è arato dalla croce, Gesù viene accanto a noi, ci conforta, ci libera e ci salva. La culla della nostra speranza è la tomba vuota. Il giorno natalizio della speranza cristiana è la Pasqua. Il nome della speranza umana è il Crocifisso Risorto! Non si può rinunciare alla speranza. Solo coloro che hanno avuto il coraggio di sognare sono riusciti a cambiare il mondo. Chi non spera più è già morto. In un mondo cupo e sfiduciato “rendiamo ragione della speranza che è in noi” (Pt 3,15). Facciamo sorgere la stella della speranza. La Vergine Maria, Mater spei, Madre della speranza, e spes nostra, nostra speranza, ci aiuti a svegliare l’aurora.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.5/ del 9/3/2012)

Sessione di apertura del Processo di Beatificazione e Canonizzazione di Papa Benedetto XIII Orsini
Venerdì 24 febbraio 2012 alle ore 12.00 nel Palazzo del Vicariato in Roma il Cardinale Agostino Vallini presiederà la cerimonia di apertura del processo di beatificazione e canonizzazione del Servo di Dio Papa Benedetto XIII, Fra Vincenzo Maria Orsini dell’Ordine dei Predicatori. Le Diocesi di Benevento, Manfredonia-Vieste, Cesena-Sarsina, Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, la Curia Generalizia dell’Ordine dei Frati Predicatori e gli Orsini Duchi di Gravina, annunciano con gioia l’evento a lungo sospirato.
Sabato 25 febbraio alle ore 10.00 presso la Pontificia Università “Angelicum” di Roma si svolgerà il convegno di studi sul tema: “Benedetto XIII Orsini tra San Domenico e San Filippo Neri, fonti-storia-spiritualità”. Presiederà Sua Eminenza il Cardinale Walter Brandmuller e dopo il saluto di Monsignor Saverio Paternoster, presidente del Centro Studi “Benedetto XIII” di Gravina, interverranno il prof. Mario Girardi, docente di letteratura cristiana antica presso l’Università degli Studi di Bari, il prof. Fra Carlo Longo, docente presso la Pontificia Università San Tommaso d’Aquino in Urbe e Padre Edoardo Cerrato, procuratore generale della Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri.
Il 24 febbraio alle ore 6.30 da Piazza Orsini in Benevento partirà un autobus per quanti vorranno partecipare alla due giorni dell’evento con pranzo e pernottamento in albergo, visita ai luoghi di Papa Orsini in Roma e all’Abbazia di Montecassino. Il costo per autobus, albergo e pasti è di euro 165. Gli interessati possono rivolgersi a don Gerardo De Corso tel. 0825.962265 oppure cell. 368.3218597.
Il profilo di santità pastorale dell’Orsini è di altissimo livello. Molti lo definiscono “il San Carlo Borromeo del Meridione d’Italia”. Di nobile famiglia, Pierfrancesco Orsini, poi Papa Benedetto XIII, nacque a Gravina in Puglia il 2 febbraio 1650 e morì a Roma il 21 febbraio 1730. Durante un viaggio d’istruzione a Venezia nel 1668, decise di entrare nell’Ordine dei Domenicani vestendone l’abito e assumendo il nome di Vincenzo Maria. La madre e lo zio Cardinale Virginio Orsini si opposero inutilmente alla decisione del giovane diciottenne. Nel 1669 il giovane frate, non bello di aspetto e dal corpo minuto e fragile, di mente eccelsa e di carattere affabilissimo, rinunciò a tutti i diritti di primogenitura in favore del fratello Domenico e professò i voti nel convento di Santa Sabina a Roma. Raggiunse poi lo studio domenicano di Bologna per istruirsi adeguatamente in Teologia. Il 24 marzo 1671 fu ordinato sacerdote nel Quirinale dal Cardinale Paluzzo Altieri. Ottenne una cattedra di filosofia nel convento domenicano di Brescia. L’anno seguente, il 22 febbraio, Clemente X lo creò Cardinale col titolo di San Sisto.
Non desiderò la carriera umana, ma finì con l’obbedire alla volontà del generale del suo Ordine, lo spagnolo padre Juan Tomàs de Rocaberti. Divenne Protettore della Congregazione dei Canonici Regolari del Santissimo Salvatore, Abate commendatario di Santa Sofia di Benevento, Prefetto della Sacra Congregazione del Concilio, Vescovo di Siponto, oggi Manfredonia, il 28 gennaio 1675, Vescovo di Cesena il 22 gennaio 1680 ed infine Arcivescovo di Benevento il 18 marzo 1686. Orsini amò profondamente questa importante metropoli ecclesiastica e vi rimase per 38 anni, realizzandovi una missione spirituale e civile che lo fece riconoscere “alter conditor Urbis”.
Formazione del clero, visite pastorali, istituzioni cittadine per alleviare la dilagante miseria attraverso il Monte frumentario per gli agricoltori poveri, il Monte dei Pegni, il Monte per l’arte della lana a favore di mercanti ed operai, ricostruzione della città dopo il disastroso terremoto del 1688, ricostruzione di chiese ed ospedali a sue spese, l’acquedotto di cui la popolazione era priva, la gelosa custodia di archivi e biblioteche, i 37 sinodi, la difesa del prestigio della chiesa e dei suoi diritti, la difesa degli oppressi… sono soltanto alcuni elementi che descrivono la intensa e variegata attività di servizio e di amore di un pastore santo di cui il Sannio è fiero.
Il 7 marzo 1724 morì Innocenzo XIII ed al termine di un burrascoso Conclave, il 29 maggio 1724 fu eletto Papa col nome di Benedetto XIII. Anche da Papa conservò abitudini umili e povere ed il suo tenore di vita fu essenzialmente pastorale. Si adoperò molto per la riforma del clero, proibendo fra l’altro l’uso di barbe e parrucche, abolì il gioco del lotto, proclamò molti beati e santi, nel 1725 celebrò il Giubileo e nel 1727 creò l’Università di Camerino. Anche da Papa fu 2 volte a Benevento, nel 1727 quando consacrò la chiesa di San Filippo Neri e nel 1729 quando l’8 maggio portò a spalla fra un’immensa folla commossa l’urna contenente le reliquie dell’Apostolo Patrono San Bartolomeo. Morì 9 mesi dopo a Roma, la sua tomba si trova nella Cappella di San Domenico in Santa Maria sopra Minerva.
A Benevento il suo ricordo è vivissimo. Nel 1778 il Cardinale Francesco Maria Banditi, Arcivescovo di Benevento, gli eresse una statua al centro di una piazza che ancora oggi porta il suo nome. Non vi è santuario, chiesa o cappella che non ricordi la sua presenza per la dedicazione dell’altare o per una delle tante visite pastorali. Durante il glorioso tempo dell’Orsini, l’Arcidiocesi di Benevento contava 91.456 abitanti distribuiti in 143 parrocchie e 178 comunità locali; sul territorio si contavano 8 collegiate, 44 conventi, 3 monasteri, 344 confraternite, 104 Monti frumentari, 41 eremitaggi, 483 chiese, 1405 ecclesiastici tra sacerdoti secolari e religiosi e 87 monaci. Sul piano civile c’erano 130 notai, 123 avvocati, 88 maestri, 69 medici, 57 chirurghi, 99 levatrici e 24 addetti alle arti figurative. Una ricchezza umana e patrimoniale assai consistente che si era sviluppata proprio per il febbrile intervento dell’Arcivescovo Orsini nel corso del suo mandato. Fu un grande Arcivescovo e anche da Papa non lasciò mai questa chiesa tanto che l’Orsini continuò a definirsi “della Chiesa di Benevento indegno Arcivescovo”. L’amore verso la Chiesa in ogni campo e sotto ogni aspetto disegnano il profilo spirituale dell’Orsini. Persino sul letto di morte, dopo 3 giorni di febbre altissima che lo stava stroncando, si preoccupò di sottolineare la responsabilità del proprio ruolo bisbigliando agli assistenti: “Un Papa deve morire col piviale addosso”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.4/ del 24/2/2012)


Quando la Ragione si apre al Mistero
Il Catechismo della Chiesa Cattolica al n.1813 recita: “Le virtù teologali fondano, animano e caratterizzano l’agire morale del cristiano. Esse informano e vivificano tutte le virtù morali. Sono infuse da Dio nell’anima dei fedeli per renderli capaci di agire quali sui figli e meritare la vita eterna. Sono il pegno della presenza e dell’azione dello Spirito Santo nelle facoltà dell’essere umano. Tre sono le virtù teologali: la fede, la speranza e la carità”. Dante nel XXIV Canto del Paradiso scrive: “Fede è sustanzia di cose sperate, ed argomento de le non parventi: e questa pare a me sua quidditate”.
Compiamo ora un rapido viaggio nel grande mare della fede. Kierkegaard afferma che “La fede è la più alta passione di ogni uomo”. Essa corre tra due estremi dello spettro cromatico : dal violetto freddo della superficialità al rosso acceso del fanatismo, fino al relativismo o al sincretismo. Di questo argomento raramente si parla in pubblico, quasi fosse imbarazzante, ma non lo si può zittire nell’ora del silenzio, nel tempo del dolore e nel giorno della festa.
Lo scrittore inglese Chesterton fa notare che non è vero che l’uomo d’oggi, abbandonata la fede e non crede più a nulla, al contrario crede a tutto: maghi, falsi maestri, indovini e ciarlatani, pronti a unire messaggio e massaggio, yoga e yogurt, ascesi e dieta, spiritualità e magia. Gesù dice: “Se avrete fede quanto un granellino di senapa sposterete le montagne e nulla vi sarà impossibile” (Mt 17,20). Molti dichiarano di non credere, altri affermano di essere in crisi di fede. Viviamo in un mondo senza più certezze, insicuro, senza solidità, “allo stato liquido”(Z. Bauman). La fede è un dono di Dio, è grazia che irrompe nell’esistenza, viene dall’alto, nasce dall’iniziativa divina. Allora, perché non tutti credono? Perché, la fede oltre che dono gratuito, è anche risposta libera dell’uomo. Può generare adesione o rifiuto. Dio non costringe, si propone ma non s’impone. Dice il Signore: “Sto alla porta e busso” (Ap 3,20).
Il pittore Hunt, in un celebre quadro, rappresenta Gesù che bussa ad una porta. Un visitatore fece notare all’artista un particolare curioso, dicendo: “Nel suo quadro c’è un errore perché la porta è senza maniglia”. Il pittore rispose: “Non è un errore perché quella porta rappresenta il cuore umano e si apre solo dall’interno”. Dio è rispettoso della libertà umana, domanda il nostro consenso. Qual è allora il cuore della nostra fede? Risposta: “Gesù Cristo, messo a morte per i nostri peccati e resuscitato per la nostra giustificazione” (Rm 4,25).
La fede è dunque un dono. Questo è il senso del grido finale del Diario di un curato di campagna di Geoges Bernanos: “Tutto è grazia!”. Ma la fede è affidamento, abbandono fiducioso in Dio. Domanda perciò la nostra risposta. Pensiamo ad Abramo “nostro padre nella fede” in cammino verso l’ignoto, al popolo d’Israele in marcia verso la terra promessa, alla Vergine Maria “la credente” tutta affidata a Dio, a Gesù “obbediente al Padre fino alla morte di Croce”. Così il vero credente si affida sempre a Dio, nel successo e nel fallimento.
In una cantina di Colonia, durante l’ultima guerra mondiale 1939-1945, vivono nascosti alcuni ebrei, una mano anonima scrive sulla parete queste parole straordinarie: “Credo nel sole, anche quando non splende, credo nell’amore, anche quando non lo sento, credo in Dio, anche quando tace”. Gandhi diceva che “Una vita senza fede è come una barca senza timone!”. Credere è sperimentare la dolcezza dell’abbandono in Dio, è sentirsi abbracciati dal suo amore materno. In Dio troviamo stabilità, sicurezza, protezione e amore, con Lui camminiamo su un sentiero luminoso, abbiamo una bussola per navigare nel mare travagliato della storia, viviamo una vita ricca di significato e riceviamo forza, serenità e pace. Il credente sa che Dio lo ama e perciò rimane saldo anche nella prova, aprendosi con fiducia alla relazione con gli altri.
Santa Teresa d’Avila diceva: “Niente ti turbi, niente ti spaventi. Se uno ha Dio, niente gli manca. Solo Dio basta”. Il cammino di fede ha come felicissimo approdo, già in terra una profonda intimità con Dio: “ Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me” (Gal 2,20). La fede vera non deresponsabilizza, non si riduce a esperienza intimistica ma rende fedeli alla storia attraverso l’impegno fattivo. San Giacomo scrive che “ La fede senza le opere è morta” (Gc 2,14). La fede vera mai si riduce al dato anagrafico, all’esclusiva adesione intellettuale, allo sterile sentimentalismo che delega tutto a Dio, ma impegna tutta l’esistenza. La fede deve essere fiduciosa e operosa.
Un apologo indiano racconta: tre uomini nel bosco incontrano una tigre che minaccia di sbranarli. Il primo dice: “Fratelli, il nostro destino è segnato, la morte è certa, la tigre ci divorerà”. E’ un fatalista. Il secondo esclama: “Fratelli, imploriamo insieme il Signore onnipotente e misericordioso, Egli ci salverà”. E’ un pio. Il terzo osserva: “Perché importunare Dio? Arrampichiamoci velocemente sugli alberi”. E’ un uomo che ama veramente Dio. I non credenti devono far germogliare il seme deposto nel cuore di ogni uomo con l’umile apertura e adesione al dono di Dio. L’uomo odierno è disorientato, è un vagabondo senza meta, coglie solo frammenti di vita e vive senza progetti alti, perché sta smarrendo la memoria e l’eredità cristiana in una specie di “sradicamento dell’anima”.
Nel dopo Concilio il cardinale Suenens con una folgorante battuta afferma: “Abbiamo molti battezzati ma pochi credenti”. La convivenza plurale è positiva e arricchente ma reclama nei cristiani una fede radicata e matura per non mettere a rischio la propria identità. Urge un nuovo annuncio del Vangelo. Paradossale l’affermazione del teologo protestante Karl Barth: “Signore, liberami dalla religione e dammi la fede!”.
La religiosità non può ridursi a convenzione, esteriorità, ritualismo o gelida antropologia culturale. Anche oggi, come nell’ultima sera della Sua vita terrena tra le mura del Cenacolo, Cristo fa risuonare con lo stesso fremito un invito: “Abbiate fede in Dio e abbiate fede anche in me! (Gv 14,1). Secondo l’Apocalisse la fede, prima virtù teologale, ha come insegna il colore bianco della luce e del mondo divino, il verde è per la speranza e il rosso per la carità. Nel cammino verso il vero, si fa esperienza del proprio limite scaturito dal peccato originale. Su questa strada irrompe Gesù, non per ingabbiare la ragione, ma per illuminarla ed esaltarla. E così la ragione incontra la fede attraverso Gesù, Dio fatto Uomo che parla ancora oggi agli uomini attraverso la Sua Chiesa. In questo percorso sono privilegiati gli umili e i semplici e sono svantaggiati i superbi e gli orgogliosi. Ci si avvicina più facilmente a Dio con fede semplice e non complicata, proprio come dice Trilussa: “Credo in Dio Padre onnipotente. Ma … ciai qualche dubbio? Tiettilo per te. La fede è bella senza li chissà, senza li come e senza li perché”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.3/ del 10/2/2012)


La temperanza è dominio di sé
Un proverbio arabo esorta: “Vivi sobrio, e sarai ricco come un re”. Le virtù cardinali fanno parte di una costellazione che non è solo filosofica e morale ma anche spirituale, perché, guidata dallo spirito, retta dalla religiosità e sostenuta dalla Grazia divina. La temperanza è la virtù che, guidata dalla ragione e illuminata dalla fede, regola l’inclinazione verso i piaceri più connaturali all’uomo connessi con l’uso del cibo e delle bevande e con l’attività sessuale. Nella sua funzione più profonda essa è il nodo d’oro che tiene insieme sesso-eros-amore, impedendo che la trilogia faccia naufragio, lasciando spazio ad una sessualità bruta ed incontrollata o ad una spiritualità disincarnata, eterea e puritana. Per Sant’Agostino la temperanza “è il controllo sicuro e prudente della ragione sulle passioni, la virtù che tiene a freno i nostri appetiti e le nostre bramosie”, assicurando il dominio della volontà sugli istinti, orientando al bene gli impulsi sensibili e assecondando i desideri del cuore. È necessaria a tutti, per mantenere la propria libertà di scelta, conservare il dominio di sé, avere l’autocontrollo in ogni situazione ed evitare di rendersi schiavi di bisogni e desideri, dal cibo al sesso, dal potere al denaro, che spesso diventano idoli forti, aggressivi, prepotenti e tiranni. In greco essa è chiamata encráteia, cioè dominio di sé, autocontrollo. Infatti gli appetiti sensibili quanto più vengono soddisfatti tanto più diventano aggressivi e tiranni, mentre una loro equilibrata regolarizzazione produce una maggiore libertà. Temperanza, moderazione, misura, equilibrio e autocontrollo aiutano non solo a vivere con libertà, dignità e stile, ma anche ad ottenere un vero e permanente successo umano e spirituale. Socrate conduceva una vita frugalissima e si recava spesso al mercato a guardare la merce in esposizione. Un amico gli chiese un giorno perché lo facesse. Rispose: “Mi piace andarci per scoprire di quante cose posso fare benissimo a meno”. Se vivesse oggi e visitasse i nostri supermercati o ascoltasse gli spot televisivi, scoprirebbe un arsenale di prodotti inutili e superflui. Nella spiritualità antica il mondo con le sue tentazioni veniva evitato fuggendolo, attuando la celebre fuga mundi, e il corpo con i suoi istinti, appetiti e pulsioni veniva un po’ demonizzato e sottoposto ad aspre penitenze. Una riflessione più approfondita sulla bontà della creazione, sull’incarnazione e sul destino ultimo dell’uomo e del cosmo ha fatto riscoprire la dignità, il valore e la bellezza del creato e della persona umana, vista come abbraccio di corpo-cuore-intelligenza e spirito, unitotalità differenziata. E come conseguenza: un rapporto più equilibrato e positivo con la materia e con il corpo. Oggi però c’è un’esaltazione esasperata della realtà materiale, fino all’idolatria dei beni terreni, del denaro e soprattutto del fisico sano, forte e bello che deve essere soddisfatto sempre, in tutte le sue esigenze. Abitudini nefaste: leccornie, giocattoli e lunghe ore davanti al televisore per i bambini; doni, cose e premure materiali per gli adolescenti bisognosi invece di ascolto, comprensione e affetto profondo; tutto e subito ai giovani, sempre più assetati di esperienze da brivido, per i quali nulla ha più successo dell’eccesso, bruciando le tappe, fino all’uso di sostanze stupefacenti e alcool, dentro l’insipiente gusto del proibito. Neppure gli adulti sono immuni dall’intemperanza, dalla frenesia di godere, sempre in cerca del divertimento chiassoso, nonostante la moltiplicazione dello stress e dell’insoddisfazione. Torquato Tasso annota: “Istinto delle umane genti è ciò che più si vieta, più uom desìa”. Frattanto rimane nel cuore di tutti una profonda ed inevitabile inquietudine, che ha il sapore amaro del pansessualismo e dell’eccesso. Conseguenze fallimentari: droga, alcolismo, bulimia, anoressia, tabagismo, orgoglio, arroganza, ira, prevaricazione, egoismo, solitudine, depressione, pubblicità invadente, eccessi verbali, banalità, esibizione del corpo, violenza, comportamenti sguaiati, esaltazione della trasgressione nei talk show, insulti tra i politici, bombardamento di immagini e messaggi subliminali. In una società che preferisce l’eccesso e l’urlato, l’esagerazione e l’esibizione, anche in campo religioso si cade talvolta nella spettacolarizzazione di eventi celebrativi, ricerca smodata di visioni, miracoli, messaggi e manifestazioni eclatanti, mentre il vero cammino spirituale è frutto di pazienza, formazione interiore, fedeltà quotidiana. In particolare, per quanto riguarda l’eccesso nei consumi, il Talmud, grande raccolta di tradizioni giudaiche, afferma che: “La gola ha ucciso più uomini che non la fame”. Qui si agita il variegato corteo di obesità, dieta e linea, mentre gran parte del mondo è affamata. Basterebbe ricordare la parabola del povero Lazzaro e del ricco gaudente per comprendere la dimensione morale e sociale del problema. È questione di giustizia. Occorrono moderazione e sobrietà, associata alla carità. Per questa dimensione positiva, la temperanza non è masochismo, né anoressia, né ascetismo acido e cupo. La vera felicità viene dalla pace interiore, dalla quiete, dal silenzio, dall’incontro con Dio. Lo dice Sant’Agostino, forte della sua esperienza personale: “Tardi ti ho amato, bellezza tanto antica e tanto nuova, tardi ti ho amato... Mi hai abbagliato e hai finalmente guarito la mia cecità, mi hai toccato e ora ardo dal desiderio di conseguire la tua pace… È inquieto il nostro cuore, o Dio, finché non riposa in Te”. Lo scrive anche il grande poeta indiano Tagore: “O luce divina che riempi il mondo, solo tu puoi addolcire il cuore umano”. Rimane ancora valido l’antico adagio: in medio stat virtus. Gli estremismi sono sempre dannosi. San Benedetto riteneva la “giusta misura” la madre di tutte le virtù, superarla significa subirne il contraccolpo negativo, il cosiddetto effetto boomerang. Non si vive per mangiare, ma si mangia per vivere. Prendere il cibo e mangiarlo per saziarsi non è di per sé un fatto tipicamente umano: lo fa anche l’animale. Ma prendere il cibo per condividerlo e mangiarlo insieme è un gesto proprio dell’uomo, è un segno d’incontro, comunicazione, condivisione, conoscenza, dialogo, socializzazione, è un segno di festa e di cultura. Moderazione nel cibo ma anche nella parola, evitando parole vuote, inutili, false, rozze, volgari e brutali, facendo attenzione anche allo stile perché “lo stile è l’uomo”, dice Buffon. Certe battute cattive, salaci, graffianti e mordaci generano ferite e rancori. Occorre un maggiore autocontrollo, cosa difficilissima. Il filosofo Spinoza dice che gli uomini “non governano nulla con maggiore difficoltà della lingua”. Infatti la lingua più parlata del mondo è “a vanvera”. Miliardi di parole, ogni giorno c’investono, soffocano, rattristano, trafiggono. Saper parlare è uno dei più grandi doni. E perché l’uomo non dica troppi spropositi, Dio gli ha donato dieci dita per ricordare i suoi saggi consigli: “Che la tua prima parola sia buona, la seconda sia vera, la terza sia giusta, la quarta sia generosa, la quinta sia coraggiosa, la tua sesta parola sia tenera, la settima sia consolante, l’ottava sia accogliente, la nona sia rispettosa, che la tua decima parola sia saggia. Poi taci!”. Alla Vergine Maria, cattedrale del silenzio, dove la Parola si fa Carne, chiediamo di essere ammessi alla Sua scuola, per riempire il cuore di equilibrio, stupore e amore. Sant’Ignazio d’Antiochia scrive: “Si educa attraverso ciò che si dice, di più attraverso ciò che si fa, ancora di più attraverso ciò che si è”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.2/ del 27/1/2012)


A piedi nudi - Cosa ricordo di Bettina Tozzi
Ho conosciuto personalmente la carissima Bettina e conservo di lei un indelebile ricordo. Nel 1984 dal popoloso quartiere del Rione Libertà in Benevento fui inviato dai superiori a Sassinoro come parroco del paese e rettore del santuario diocesano di Santa Lucia. Più volte durante l’anno don Franco Tozzi, parroco di Reino, mi invitava a celebrare a predicare in quella comunità, soprattutto per la festa del patrono Sant’Antonio da Padova e per la Veglia Eucaristica nella sera del Giovedì Santo. Tra la numerosa folla, al primo posto, raccolta in preghiera, silenziosa, attentissima vedevo sempre puntualmente Bettina. Terminata la Celebrazione si complimentava per la predica, riempendomi di ringraziamenti ed incoraggiandomi a parlare sempre così, con fervore e franchezza. Quando poi venivo a Benevento per l’insegnamento della teologia nello Studio Teologico e nell’Istituto Superiore di Scienze Religiose, spesso la vedevo scendere lungo il Viale degli Atlantici a piedi nudi, d’inverno come d’estate, mi fermavo per salutarla e soprattutto per ascoltarla, conquistato dal suo solare e pacificante sorriso. Mi esortava a rimanere fedele all’abito talare, a vivere con gratitudine il dono del sacerdozio ed a crescere sempre più nella devozione e nell’amore alla Madonna che sapeva essere il più grande amore della mia vita e della mia missione. Apriva di sovente il suo cuore a confidenze più intime, pur conservando un temperamento schivo e riservato, raccontandomi esperienze soprannaturali che conquistavano l’anima mia, accrescendo in me stima e la venerazione verso questa creatura limpida e meravigliosa, fatta più di Cielo che di terra. Diceva che il signore ad un certo punto della vita le aveva aperto gli occhi, l’aveva attratta fortemente e soavemente a Sé, istruendola poi interiormente e guidandola per tanti anni. Aggiungeva che dopo aver ascoltato tante voci ed accolto tanti buoni consigli ora ascoltava Lui solo! Voleva essere povera come Gesù e vivere come San Francesco, Santa Chiara ed i tanti santi della nostra meravigliosa terra sannita, santi che contemplava e invocava ogni giorno peregrinando da una chiesa all’altra in città, come in provincia ed anche in paesi più lontani. Mi confidava che i familiari non avevano capito e neppure avevano gradito la sua peculiare vocazione. Anche tra le Stimmatine di Chiusi della Verna e le Clarisse di Fiesole aveva esperimentato l’amarezza della solitudine e dell’incomprensione, la vita comunitaria in convento era divenuta troppo comoda e tiepida mentre Gesù la chiamava a scegliere con fermezza la radicalità evangelica dei primi discepoli invitati a camminare per la strada annunciando il Regno di Dio, l’urgenza della conversione, l’umile pentimento dei peccati, andando come agnelli in mezzo ai lupi, non portando borsa, né sacca, né sandali, nutrendo in Dio la stessa fiducia degli uccelli del cielo e dei gigli dei campi che la Provvidenza divina nutre e veste senza preoccupazione e senza affanno alcuno. In questa scelta audace che profuma tutta di Vangelo aveva dovuto imparare l’arte della lottatrice per difendersi dall’opera persuasiva dei familiari, suore, parenti, amici, vescovi e sacerdoti che volevano ricondurla ad una vita ordinaria, senza le asprezze di una vita esageratamente sacrificata. Gesù invece l’ha chiamata ad una vita straordinaria di amore vissuto gioiosamente tra povertà e penitenza. Aveva dovuto imparare a lottare con caparbietà anche contro il demonio che non le risparmiava tentazioni di ogni genere e soprattutto lottava per strappare anime all’Inferno. Voleva espiare per i peccatori e per i sacerdoti. Aveva un quadro chiaro e drammatico della crisi interna che stava scuotendo dalle fondamenta la Chiesa, era molto preoccupata per la superficialità spirituale di molti Pastori. Diceva: “La Chiesa sta per crollare ma io non ho tanta forza per reggere le colonne”. Gli scandali emersi recentemente danno pienamente ragione a questa creatura penitente. Voleva poi porre un argine alla scandalosa piaga dell’aborto con la preghiera di riparazione e l’opera tenace di evangelizzazione, avvicinando soprattutto le giovani madri che bussavano al reparto d’interruzione della gravidanza. Amava pregare nelle famiglie riconoscendo il ruolo insostituibile di questa nell’opera educativa dei bambini e dei giovani. Non era mai sola, neppure dell’ora della lotta e del dolore, e sempre immersa nel soprannaturale, le anime del Purgatorio, da lei aiutate, venivano a consolarla. La Madonna e l’Angelo custode erano sempre accanto a lei. Si commuoveva nel mentre recitava con ardore le Ave Maria. Trovava rifugio e tanta forza nella Messa quotidiana e nell’Adorazione Eucaristica. In ginocchio, dalla porta della chiesa fino all’altare, per baciare il gelido pavimento e adorare la divina presenza dell’amato Sposo dell’anima sua. Chiedeva pubblicamente perdono in chiesa a tutti i presenti, dopo averne ottenuto il permesso dal sacerdote. Uno schiaffo alla presunzione e all’orgoglio a tutti noi. Umile, schiva, non amava parlare di sé, mai voleva essere al centro dell’attenzione. Mingherlina, fragile, abito lungo, ampio fazzoletto nel sul capo, il Crocefisso sul petto e il rosario in mano, incompresa dalla maggioranza dei Pastori e dei fedeli schiacciati dalla pervasiva mentalità edonistica e consumistica, avanzava a piedi nudi, con passo agile, quasi a muovere una danza di lode al Creatore di tutte le cose, con una forza morale immensa. Amava il grande libro della natura che del grande Dio canta la gloria e gioiva nel guardare il cielo. Viveva in modo eroico le virtù teologali della fede, della speranza e dell’amore e negli ammalati, che serviva ogni giorno gratuitamente, toccava le carni santissime di Gesù Cristo. Possedeva in misura traboccante quella che i Padri della Chiesa definiscono la “regina delle virtù”, l’umiltà e accanto a questa la semplicità. Il suo volto radioso ed il luminoso sorriso sempre sulle labbra, una splendida finestra del mistero di Dio su ogni incontro, su ogni fraterna relazione. Il tratto sempre delicato. Dolcissima nei modi. Sommessa nel linguaggio. Piccola e premurosa madre degli ammalati. Una piccola santa animata da un perenne atteggiamento oblativo, paziente, generoso. Qualcuno l’ha giustamente definita “la Madre Teresa del Sannio”. Sgorgano dal mio animo, come da una sorgente che straripa, ricordi senza fine che vorrebbero rivelare l’incandescenza di un’anima conosciuta in profondità anche nel Sacramento della Confessione. Mi si impone l’obbligo del segreto. Allora semplicemente affido ad alcuni aggettivi il mio desiderio: voce dolce, animo docile, foriera di pace e tranquillità, restia nel farsi fotografare, dolcissima ed austera, umilissima ed energica, religiosità sconfinata, fede inaudita, umile, riservata, essenziale, radiosa, luminosa, forte, mite, dedizione, discrezione, nomade, eremita, penitente, misericordiosa, contenta, discreta, pronta al perdono, sempre guidata dal Signore, a piedi nudi in terra, ora nel Cielo cammina sulle rose. silenziosa, ricamatrice eccezionale, sorriso mesto, piedi nudi, polverosi e lividi, in perenne, silente pellegrinaggio nella vita alla ricerca del Volto di Dio, assetata di perfezione per consolare il suo Crocefisso Amore. Ed un ultimo ricordo, legato ad un rammarico, per la mia incapacità a riconoscere prontamente che quanto è stoltezza per il mondo davanti a Dio è follia d’amore. Si era nel tardo pomeriggio, salivo in macchina al Santuario di Santa Lucia in Sassinoro, la incontrai lungo la strada che per cinque chilometri dal paese conduce al Monte Rotondo, mi fermai per raccogliere il dono del suo celestiale sorriso, le offrii con entusiasmo un passaggio, fiero di accoglierla nella mia auto. Con estremo garbo disse grazie ma rifiutò. La vidi giungere al tramonto del sole, volle confessarsi, poi partecipò con fervore alla Messa. Dopo la Celebrazione Eucaristica mi chiese il favore di poter rimanere per tutta quella notte in Santuario a pregare, per poi riprendere il cammino di buon mattino. Dissi che il Santuario si trova a mille metri di altezza, che il freddo di notte diventa ancora più pungente e insopportabile ma, che poteva rimanere a dormire in una cella del convento del Santuario, senza alcun problema. Non accettò la mia proposta. Io rimasi fermo nella mia proposta spinto unicamente da spirito di accoglienza e carità. Mi baciò la mano e con volto triste si accomiatò riprendendo il suo cammino a piedi nudi nel buio della notte.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.1/ del 13/1/2012)


Bpath Contatore


LA VOCE DELLA CHIESA

Rubrica a cura di Mons. Pasquale Maria Mainolfi

2013 2012 2010 2009 2008 2007 2006


Consuelo: una testimonianza carica di speranza
La pubblicazione di Claudio Santoro sulla terapia manuale del mal di schiena
La bestemmia non è più un reato
La Fortezza per compiere grandi cose
La Giustizia parola che scotta
La Prudenza per progredire
Nostalgia delle Virtù perdute
In città il nuovo Auditorium San Gennaro
La presenza di Padre Pio a Solopaca
La Madre cerca i suoi figli
Nuvole di sole nell'entroterra campano del 1870
Madre Serafina Micheli
Fatima e il segreto ancora nascosto
Raggi di sole
La statua in bronzo del Beato Giovanni Paolo II
"Mille passi"
Preghiera per l'Italia nel 150° dell'unità nazionale
Fortunato Di Noto e Fabio Pecchia a Benevento
Esponetemi e farò grazie
Ad Assisi con il sapientissimo Benedetto XVI
Il Primo maggio Wojtyla sugli altari
Nella terra della Bibbia


Consuelo: una testimonianza carica di speranza
Oltre la fitta coltre di nebbia che avvolge il mondo, un raggio di speranza illumina e consola. Questa è la testimonianza di Consuelo.
Nella vigilia dell’Immacolata, la chiesa parrocchiale di San Gennaro in Benevento è stata letteralmente invasa da giovani provenienti da vari paesi della Campania e della Puglia. Una loro amica, Consuelo Polcaro di Montefalcione ha vestito l’abito religioso entrando tra le “Figlie della Donna vestita di sole”, consacrate della Comunità Mariana del Cenacolo Gam.
Cenni biografici essenziali della giovane: Consuelo Polcaro è nata ad Avellino il 6 giugno 1987. Ha frequentato il Liceo Scientifico "P.S. Mancini" di Avellino, diplomandosi nel 2006. Studi universitari: "Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali" - Biologia generale ed applicata. Era arrivata al terzo anno. Caratteristiche: temperamento solare e gioioso, passione particolare per la musica e il canto, generosità e slancio nell'evangelizzazione, prontezza al dono e al servizio.
La sera del 7 dicembre un cenacolo di preghiera ha preparato con le confessioni la Messa solenne presieduta da Padre Giuseppe Falzarano, vicario episcopale per la vita consacrata, concelebrata da Padre Jean Pierre responsabile della comunità consacrati Gam, il parroco di San Gennaro, il parroco di Montefalcione don Paolo Luciano ed alcuni sacerdoti del movimento Gam: don Marco, don Paolo, don Salvatore e don Alessio. Un evento carico di commozione ed insieme di grande gioia. Al termine un momento di fraternità nel salone parrocchiale San Giuseppe, organizzato dai genitori della festeggiata, Sorella Consuelo Maria.
Ogni vocazione religiosa è un miracolo della grazia. Davanti a tante seduzioni, promesse, discoteche, ragazzi… se una giovane si stacca da tutto e dice: “Vado in convento”, è perché la grazia opera ancora miracoli, ed anche perché tanti consacrati vivono oggi intensamente l’Eucaristia e la Consacrazione alla Madre di Dio e dell’umanità. La storia incantevole di Maria di Nazaret ancora una volta si ripete. Nel momento in cui dice di essere la Serva del Signore, Maria è la creatura più libera che sia mai apparsa sulla faccia della terra.
Oggi si sta diffondendo un clima di schiavitù: molti sono schiavi delle mode più assurde, della pubblicità più ignobile, degli oroscopi più irrazionali, dei maghi più ingannevoli e degli idoli dello sport e dello spettacolo, che spesso vengono chiamati stars, cioè stelle, offendendo così le stelle! Perché “Dio conta il numero delle stelle e chiama ciascuna per nome”. E questo vuoto spirituale, questo vuoto di Dio, spinge gli uomini d’oggi verso l’autodistruzione della droga e verso il sesso svuotato di ogni briciola d’amore e quindi ridotto a volgare schiavitù di istinti non più umani. Questa è un’epoca di schiavitù! E’ bello allora, nel giorno dell’Immacolata, capolavoro di libertà, scegliere di essere l’ultima serva della Serva del Signore.
E’ un dono prezioso, il grido della giovane Consuelo: Io voglio Dio! Un’affermazione che riunisce il soggetto più personale, “io”, l’oggetto più grande, “Dio”, e l’atto più umano, “voglio”. C’è una sola frase al di sopra di questa, che però solo Dio può pronunciare: Io sono Dio.
Anche i tre voti religiosi di povertà – castità – obbedienza, nel loro profondo significato cristologico, ecclesiologico, escatologico e antropologico, aiutano a scegliere Cristo che è la più grande ricchezza, lo Sposo eternamente fedele che non delude mai, Colui che chiamando all’obbedienza rende veramente liberi, per testimoniare con Lui il valore profetico di annuncio e preannuncio della condizione definitiva di tutti, condizione appunto verginale che rende partecipi delle nozze eterne di Dio con l’umanità.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.22/ del 16/12/2011)

La pubblicazione di Claudio Santoro sulla terapia manuale del mal di schiena
Conosco e stimo moltissimo il Prof. Claudio Santoro, per la ricchezza di umanità e per la indiscussa professionalità che lo distinguono.
Nella sua vita al primo posto c’è Dio e poi la carissima sposa Dottoressa Michela D’Oro insieme ai due splendidi e amatissimi figli Claudia e Flavio. Ai suoi pazienti egli dedica tempo, intelligenza, energia, entusiasmo e tanto cuore.
Nell’esercizio professionale si rivela titolare di una gentilezza d’altri tempi, espressione di un animo nobile e di un grande rispetto per la dignità della persona umana, palesando un’armonica fusione tra scienza e coscienza. Per queste ragioni gli ho affidato il corso di “Antropologia della salute” presso la Facoltà di Scienze Religiose “Redemptor hominis” che dirigo, convinto del gran bene che egli può fare ai nostri giovani studenti.
E veniamo alla presentazione di questa sua ultima pubblicazione.
Il testo del Prof. Claudio Santoro rappresenta una novità importante nella tipologia delle monografie che studiano le tecniche di normalizzazione del back.ache (mal di schiena), grazie all’utilizzo di una metodologia multidisciplinare, in cui si mettono a confronto sia tecniche tradizionali antalgiche sia i nuovi orizzonti dei trattamenti osteopatici. La filosofia che regge questo studio risulta essere di tipo olistica, con l’evidente peculiarità di far comprendere al lettore che un tema così cruciale debba giovarsi dell’apporto integrato di diversi sistemi di normalizzazione osteopatica.
L’articolazione del lavoro risente della formazione “narrativa” dell’autore, capace di rendere agevole la comprensione del tema trattato, anche ai non addetti ai lavori. Tale impostazione permea il tentativo, riuscito, di porre le basi dell’attività clinica, nella conoscenza degli elementi teorici, fondati nelle acquisizioni di nozioni delle matrici dottrinali, in un’ampia sezione dedicata alle caratteristiche morfofunzionali del rachide. Tale traccia permette di considerare, in un’ottica dinamica, le nozioni fisiologiche e bio-meccaniche dei complessi movimenti della colonna vertebrale, facendo comprendere che ogni movimento sia della colonna cervicale, toracica e lombare, beneficia, o non, delle corrispondenti zone di interdipendenza funzionale. Esaminando le indicazioni che vedono tale struttura di per sé un’unità complessa poli-funzionale, l’autore avvia quel programma conoscitivo che percepisce i percorsi neuronali, sia discendenti, sia ascendenti, non separati dalle ovvie funzioni complesse cerebrali, elaborando la tesi scientifica dell’interdipendenza metamerica e organica della funzione motoria. In tale ottica è opportuno, in questa presentazione, far emergere come il dolore osteopatico coinvolga, per le connessioni neuronali, un più ampio sistema di decodifica, e una complessa linearità di percezione neuro-anatomo-psciologica. Tale concetto è ben evidenziato dal Prof. Santoro che, a ragione, inserisce il rapporto tra il dolore anatomo - funzionale del rachide, con l’elaborazione della coscienza informativa. In ciò si caratterizza la capacità bipolare di informare il lettore che ogni trattamento osteopatico, e in generale antalgico, sarà deficitario se non si analizzano tali complesse interfunzioni.
Accanto a questa prima sezione si affianca, in un continuum dialettico, la seconda parte che affronta le valutazioni cliniche e prognostiche del back pain. Una considerazione si evidenzia nell’approccio della metodologia utilizzata in questo percorso, vale a dire il prendersi cura della persona nella sua globalità, non negando la validità del sistema induttivo e deduttivo scientifico, facendo emergere come il sistema sia rivolto a riconoscere non tanto la validità di una tesi, al contrario la sua fallibilità. Affiancandosi a quanti ritengono valida la scienza per la sua indagine, e non certo per i risultati empiricamente confutabili, l’autore situa questa discussione di tipo epistemologica della scienza in un confronto prettamente pratico e clinico.
Da quanto esposto, l’intreccio tra i diversi filoni di ricerca conduce agli aspetti conclusivi e felici di questo studio: l’uomo nella sua integrità psico-fisica-relazionale richiede un’analisi più articolata, dove l’efficienza debba essere sostituita dall’efficacia, ossia la capacità sapienziale di consentire una valutazione reagente della complessità del “sistema uomo”.
Il mistero non può essere svelato da una semplice decodifica scientifica dei dati, al contrario deve aprirsi al trascendente che ci chiede di essere svelato e ascoltato, dato che rimaniamo “ particelle di Dio”, come ci ha insegnato Sant’Agostino. Un’indagine continua della bellezza del creato, un progresso che deve essere integrale, come insegna in Caritas in veritate, Papa Benedetto XVI, un’assunzione di responsabilità da parte di tutti, uno sviluppo che richiede una visione trascendente di ogni persona, e che ha bisogno di Dio: senza di Lui lo sviluppo della tecnoscienza o viene negato o viene affidato unicamente alle mani dell’uomo, che cade nella presunzione dell’auto salvezza e finisce per promuovere uno sviluppo disumanizzato.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.21/ del 2/12/2011)

Una caduta di civiltà: la bestemmia non è più un reato
Il termine bestemmia indica il discorso o l’ingiuria irriverente nei riguardi di Dio o realtà sacre. Un’offesa arrecata anche al sentimento religioso dei credenti e non solo dei cristiani. Certamente la natura divina non può essere scalfita da questa volgare abitudine che manifesta platealmente povertà spirituale e culturale, scarsissima maturità, assenza di civiltà. L’uso di rivolgersi in modo ingiurioso o triviale alla divinità rivela un’esistenza squallida e meschina.
La bestemmia è una pessima espressione di inciviltà perché insulta Dio che ci ha dato la vita. E’ un fenomeno diabolico in forte espansione che sta dilagando anche tra i bambini, i giovani, le donne e le persone con responsabilità sociali. Soprattutto in Italia è una tristissima eredità che si tramanda di generazione in generazione. Cresce la bestemmia ma cala la lotta alla bestemmia. Neppure nelle omelie domenicali se ne sente più parlare. I medici del corpo curano la malattia affrontandola, i medici dell’anima solitamente “curano” la bestemmia ignorandola. Questa è la pastorale dei pecorai e non dei pastori.
Gesù dice: “Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui quando verrà nella gloria del Padre suo” (Marco 8,38). Non difendere Dio davanti a chi lo offende è già un grave tradimento. Il nostro silenzio rattrista il Signore: “Per voi, cultori del mio Nome, sorgerà con raggi benefici il Sole di giustizia” (Malachia 3,20).
La bestemmia offende Dio e degrada l’uomo. Tra tutti i peccati è il più grave. Il primo precetto della legge naturale è l’amore a Dio e al prossimo. La positiva volontà di amare comporta l’astensione dalle opere contrarie all’amore; di qui la distinzione tra “precetti positivi” che comandano le opere dell’amore e i “precetti negativi” che vietano le opere contrarie. I precetti positivi obbligano universalmente, sono leggi universali e permanenti che però, secondo l’espressione coniata dagli antichi obbligano semper sed non pro semper, obbligano cioè a seconda delle condizioni e circostanze di ogni persona, ad esempio chi è gravemente malato è dispensato dalla Messa domenicale ed il sacerdote non può rivelare la verità appresa in confessione. Al contrario i precetti negativi contenuti nella tavola del Decalogo sono universalmente validi ed obbligano tutti e ciascuno, sempre e in ogni circostanza, vietano una determinata azione semper et pro semper, senza eccezioni. Il secondo comandamento del Decalogo afferma: “Non nominare il nome di Dio invano”.
La bestemmia è dunque l’urlo rabbioso di satana che esce dalla bocca di un uomo per sporcare la gloria di Dio, è il segno più palese dell’odio e del disprezzo verso Dio e questo aldilà delle intenzioni di chi vomita quell’espressione blasfema, è il supremo atto di superbia compiuto dall’uomo, è il più grande atto di stupidità perché fa dell’uomo un nemico di Colui che gli è amico, padre, benefattore e salvatore, è anche segno rivelatore di volgarità, grossolanità e poca intelligenza perché una persona fine e intelligente sa trovare altri modi leciti per far sbollire un momento di tensione, è il cancro dell’anima perché paralizza le facoltà dell’anima e uccide in essa il gusto di Dio, è una malattia contagiosa che infetta gli altri con il cattivo esempio dei maestri del vizio e della imbecillità. Oggi la televisione moltiplica e amplifica questa diffusa inciviltà.
Il profeta Isaia afferma: “E’ perché avete abbandonato e disprezzato il Signore che il vostro paese è devastato” (1,4). San Giovanni Crisostomo afferma che “la lingua del bestemmiatore è la carrozza del diavolo” e poi rincara la dose: “Per la bestemmia vengono sulla terra le carestie, i terremoti, le pestilenze”. L’apostolo Paolo mette in guardia con tono severo: “Non vi fate illusioni, non ci si può prendere gioco di Dio” (Gal 6,7).
Ma ora bestemmiare non è più reato. Così ha deciso in questi giorni la Corte Costituzionale con sentenza del giudice Gustavo Zagrebelsky. La sentenza abroga l’articolo 402 del Codice Penale, che puniva con l’arresto fino ad un anno il pubblico vilipendio della religione di Stato. La sentenza 508 afferma che dinanzi ad uno Stato laico tutte le religioni sono uguali e quindi non è necessario che il Codice Penale ne tuteli una piuttosto che un’altra. La pubblica manifestazione di volgarità e inciviltà si trasforma come per incanto in libera manifestazione del pensiero. Tutto questo si vorrebbe chiamare progresso ed emancipazione. Personalmente rimango convinto, invece, di quanto afferma il dottissimo oratore San Giovanni Crisostomo: “La lingua del bestemmiatore è la carrozza del diavolo”.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.20/ del 18/11/2011)


La Fortezza per compiere grandi cose
Sant’Agostino scrive: “La fortezza è necessaria agli affamati di giustizia, poiché soffrono nel desiderio di godere i veri beni e nella brama di distaccare il cuore dai beni terreni”. Nella lingua italiana la parola “fortezza” è ambivalente: può indicare la virtù cardinale ma anche un fortino militare o una città fortificata. E’ una virtù “delicata”: il rischio della degenerazione è sempre in agguato, può deformarsi in forza o decadere nella temerarietà. Questo rischio emerge a livello iconografico nella porta di bronzo del Battistero di Firenze, di Andrea Pisano, dove è raffigurata con uno scudo e una mazza. La fortezza autentica non è arroganza, prevaricazione, volontà di potenza, spavaldo disprezzo del pericolo ma fermezza interiore che genera bontà. La violenza infatti nasce dall’impotenza, dalla debolezza, dalla meschinità fragile e rancorosa. I prepotenti più sono vuoti e più amano emergere, rassomigliano ai recipienti pieni di nulla e di niente che galleggiano sulla superficie dell’acqua. Ma la fortezza non è assolutamente passività intoccabile perché i suoi opposti sono: pusillanimità, inerzia, incostanza, comodo conformismo, timidità esitante. Il suo corteo è fatto di virtù ancelle: magnanimità, pazienza, costanza, fermezza, nobiltà e grandezza d’animo, munificenza, perseveranza. L’etica greca già esalta questa virtù come forza d’animo davanti alle avversità della vita, dominio delle passioni, capacità di imporsi con autorevolezza nella conduzione della pólis, della cosa pubblica.
Per San Tommaso d’Aquino la fortezza è “la virtù che toglie gli impedimenti e le difficoltà che distolgono la volontà dal compiere ciò che è secondo ragione”. Egli vede la fortezza sia come energia protesa a vincere la paura dinanzi al male, sia come coraggio per combattere e sconfiggere il male. Essa tutela la dignità personale e difende i diritti umani e sociali. Il grande filosofo Pascal nei suoi Pensieri afferma: “La giustizia senza la fortezza è inerme, la fortezza senza giustizia è tirannica… Purtroppo, incapaci di fare ciò che è giusto, abbiamo fatto giusto ciò che è forte”. Infatti dove manca la fortezza, il diritto scompare. In ambito teologico la fortezza è dono e conquista, a motivo dell’incrociarsi nell’uomo di grazia e libertà. Cristo è l’uomo più forte che prevale su satana, piegandolo con la sua invincibile fortezza e liberando quanti sono prigionieri nel palazzo del male o nella schiavitù della colpa. Dio è la nostra fortezza e ci rende forti nel combattere l’oscura forza del male: “Mia forza e mio canto è il Signore” (Salmo 118). Lo spirito di fortezza si rivela in Maria di Nazaret che nelle litanie invochiamo Virgo potens. Maria è segno di fortezza e di bontà, per grazia quasi onnipotente e insieme tanto misericordiosa. E’ la Madre dei “sette dolori” e rimane accanto al Figlio nel mentre va incontro a prove molto dolorose: profezia di Simeone circa la spada che trafigge l’anima, fuga in Egitto, ricerca di Gesù dodicenne smarrito, viaggio al Calvario, presenza presso il Figlio crocifisso, partecipazione alla deposizione dalla Croce e alla sepoltura. La virtù della fortezza è come un prisma dai tanti volti: fermezza nella ricerca del bene, coraggio nella prova, audacia nei pericoli, vittoria sulla paura. Brilla nella vita degli eroi e dei santi. Agostino la identifica con “l’amore che tutto sopporta per ciò che si ama”. E’ necessaria una forza tutta particolare per sopportare le ingiurie, per non ricambiare il male con il male, per trattare benevolmente quelli che ci feriscono. Angela da Foligno suggerisce: “Se vuoi la fortezza, prega!”. Occorre volgere lo sguardo a Gesù Cristo che subisce le più ingiuste sofferenze ma risponde alle offese con grande benevolenza.
Il pusillanime don Abbondio dice che “il coraggio, quando uno non ce l’ha, non se lo può dare”. E’ vero, ma si può personalmente lottare per acquistarlo e pregare per ottenerlo in dono da Dio che, come afferma l’orante biblico, è “mia forza, mia roccia, mia fortezza, mio liberatore” (Salmo 18), “rupe di difesa, baluardo inaccessibile, mio rifugio e mia fortezza (Salmo 71). Dio viene in aiuto del balbuziente Mosè contro il potente e arrogante faraone d’Egitto, del giovanissimo Davide contro il fortissimo avversario Golia, di Giuditta contro Oloferne, di Sansone contro i filistei, di Daniele contro i leoni, dei tre giovani ebrei gettati nel forno crematorio di Babilonia ma resi invincibili da Dio. E al timido Geremia, Dio dà forza e sicurezza, dicendogli: “Ecco, io faccio di te una fortezza, come un muro di bronzo contro tutto il paese … Non temerli, perché io sono con te per proteggerti” (Geremia 1, 8-18). L’invito di Dio a “non temere” ricorre nella Bibbia per ben 366 volte! E’ il buon caffè del mattino che Dio dona ai suoi figli per tutta la durata dell’anno, compreso l’anno bisestile. Tutti possono ricevere in dono la virtù della fortezza per combattere il male, perseverare nel bene e trasformare il mondo secondo il progetto di Dio. Al dono di Dio deve accompagnarsi l’impegno umano a vincere la paura, a mettersi in mare e affrontare i flutti. Recita un proverbio arabo: “Il mondo è di Dio, ma lo ha lasciato in affitto ai più coraggiosi”. Anche i più sfortunati abbiamo ricevuto i talenti, non nascondiamoli! Tucidide afferma che: “I più coraggiosi sono coloro che hanno la visione chiara di ciò che li aspetta, sia della gloria che del pericolo, e tuttavia l’affrontano”. In fondo è “meglio morire in piedi che vivere prostrati”. Non possiamo trascinare stancamente la vita o accontentarci di un modesto quieto vivere, siamo stati creati per compiere grandi cose! E’ necessario il coraggio civile per non diventare complici del male nel mentre la società smarrisce se stessa e la sua identità. E’ necessario il coraggio dell’annuncio e della testimonianza per salvaguardare la fede perché, se uno non lotta per le proprie idee, o le idee non valgono nulla, o non vale nulla lui, altrimenti si riduce il cristianesimo a qualcosa d’insignificante, come rileva il filosofo Kierkegaard: “Il cristianesimo doveva essere una cura radicale, invece ne abbiamo fatto uno dei rimedi che si usano contro il raffreddore e il mal di testa”. La nostra vita è un alternarsi di cielo sereno e nubi oscure, successi e fallimenti, salute e malattia, ideali realizzati e sogni infranti, canto e lamento, gioia e dolore: “La sofferenza è il filo con cui la stoffa della gioia è intessuta” (H. de Lubac). Dice Adenauer: “Cadere non è pericoloso né disonorevole, ma non rialzarsi è tutte e due le cose”. E Tommaso Moro nella sua celebre Utopia scrive: “Non si deve abbandonare la nave in mezzo alle tempeste solo perché non si possono estinguere i venti: si deve operare, invece, nel modo più adatto per cercare di rendere se non altro minore quel male che non si è in grado di volgere in bene”. La straordinaria mistica ebrea Etty Hillesum, morta con tutta la sua famiglia nel campo di concentramento di Auschwitz, nel suo diario confessa che a tarda sera camminava lungo il filo spinato che circondava quella fabbrica di orrore e dal suo cuore sentiva salire questa voce: “Possiamo soffrire, ma non soccombere”!. L’antico motto latino recita: Per aspera ad astra, si arriva alla luce attraverso le asprezze e oscurità della fatica. Coraggio dunque e buon combattimento lungo il cammino della vita!

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.19/ del 4/11/2011)


La Giustizia parola che scotta
Oggi molti uomini sono perseguitati, la maggior parte dell’umanità vive in condizione di miseria, milioni di uomini muoiono di fame. Ci sono mostruosi squilibri economici tra classi sociali e tra le nazioni. La sensibilità sul discorso della giustizia è cresciuta intensamente. La parola giustizia oggi scotta molto. Anche la Chiesa sa che non si può parlare di religione a chi ha lo stomaco vuoto e che occorre agire in favore della giustizia, perché la denuncia profetica di tutte le ingiustizie da sola non basta. La persona umana è portatrice di un’altissima dignità, perciò occorre un discorso più puntuale sulla giustizia e la solidarietà.
Giustizia è dunque parola molto acclamata e questo è un bene perché sono tante le ingiustizie da riparare nel mondo. Diventa un male se di questa parola ci si riempie la bocca e ci si serve unicamente per far spazio a se stessi. Noi, che amiamo la giustizia aspettandocela dai dirigenti, dallo Stato e dal Comune, la pratichiamo prima di tutto noi a scuola, sul lavoro, dando tutto quanto dobbiamo dare, pagando le tasse o siamo grossi evasori e lasciamo che i più poveri portino il peso maggiore? Quante ingiustizie si commettono, quanti illeciti arricchimenti a danno delle famiglie e delle classi sociali più deboli e indifese! Sotto il manto della virtù cardinale della giustizia si nasconde un intreccio di questioni filosofiche, etiche, giuridiche e teologiche.
Giustizia è parola troppo spesso declamata, conclamata e proclamata e così spesso violata, contraffatta, umiliata. Bisognerebbe parlarne di meno e praticarla di più. San Bonaventura ammonisce: “Ex silentio nutritur iusistitia”, di silenzio si nutre la giustizia. La reprimenda di Dante alla sua Firenze vale per tutti anche ai nostri giorni: “Molti han giustizia in cuore…/ ma il popol tuo l’ha in sommo della bocca” (Purgatorio VI).
Virtù complessa e delicata, la giustizia coinvolge tanti aspetti e problemi da non potersi esaurire in un articolo. Allora offriamo solo alcune forti pennellate. E’ stata raffigurata da una bilancia in equilibrio. Il ritratto più originale è di Jan Vermeer nella celebre “Pesatrice di perle”. La bilancia in perfetto equilibrio simboleggia l’imparzialità assoluta del suo giudizio. Nelle litanie lauretane la Vergine Maria viene invocata come “specchio di giustizia”. La giustizia deve rimanere vincolata alla morale, ai valori assoluti, alla norma naturale, altrimenti anche la giustizia “è morta”. Nel romanzo “Guerra e pace” di Tolstoj, un suo personaggio raggiunge la deriva scettica affermando: “Dov’è un tribunale, è l’iniquità”. Tanti poeti manifestano sfiducia nei confronti di una giustizia amministrata dalle alti classi a loro personale tutela. E’ attribuita a lord Bowen la feroce battuta di spunto evangelico ma di esito dissacrante anche se ineccepibile: “Piove sul giusto e piove sull’ingiusto. Ma sul giusto piove di più, perché l’ingiusto gli ruba l’ombrello!”. Lo stesso Cicerone nel De officiis afferma: “Summum ius summa iniuria”.
E’ necessario essere rigorosi senza diventare rigidi nell’amministrazione della giustizia. In greco la parola giustizia è “díke”, dal verbo “deíknymi”, che significa “mostrare, indicare”. La giustizia è dunque una guida, una direttiva da seguire, una lampada che orienta i passi lungo la via corretta. Platone definisce la giustizia come il “compiere il proprio dovere” personale e sociale (Repubblica, VI). San Paolo rende specifico il concetto di giustizia come “giustizia-giustificazione”, indicando così lo stato del credente che nella fede accoglie il dono della grazia divina: “Non è una mia giustizia derivante dalla Legge, bensì quella che deriva da Dio, basata sulla fede” (Filippesi, 3). Non basta più il solo impegno umano per condurre una vita giusta, occorre il dono della grazia divina che irrompe nel credente e fa si che la giustizia sia piena e si coniughi con la carità. Lo scrittore cattolico francese François Mauriac dichiara: “Quello che v’è di più orrendo nel mondo è la giustizia separata dalla carità”.
La giustizia teologica segue due coordinate essenziali: quella verticale che risale alla giustizia divina e l’orizzontale in riferimento al vivere comunitario. In questo incrocio la seconda è motivata dalla prima e sarà la giustizia divina a pronunziare l’estremo e autentico verdetto sulla giustizia umana. Il diritto romano definisce lapidariamente così la giustizia: “Unicuique suum”. Il motto è ispirato a Cicerone che così scrive: “Attraverso la giustizia si distribuisce a ciascuno il suo”. C’è la “giustizia commutativa” di taglio interpersonale che definisce la relazione tra persona e persona nella trama dei rispettivi diritti e doveri e la “giustizia distributiva” che riguarda i rapporti sociali. A partire da Montesquieu si è strutturata la triplice distinzione tra potere legislativo, esecutivo e giudiziario.
Giustizia è dunque parola limpida e complessa e al tempo stesso sacra e violata, censurata e abusata. Riceve un colpo d’ala dalla voce di Cristo che echeggia quella dei profeti: “Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati… Beati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli… Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia” (Mt 5).

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.18/ del 21/10/2011)


La Prudenza per progredire
L’uomo che ha scelto la via diritta della virtù e si è in essa allenato acquisendo un abitus si esprime nella vita secondo quattro dimensioni morali fondamentali. Sono le virtù cardinali. I quattro punti capitali della geografia dell’anima virtuosa. Nel corteo delle virtù cardinali si individua anche una gerarchia. La prima ad avanzare è la prudenza. Virtù regolatrice generale che ci aiuta a valutare ciò che è opportuno per raggiungere la meta ultima dell’esistenza. Una meta alta e trascendente che si può appannare o svanire dinanzi ai nostri occhi per il luccichio di realtà marginali e caduche. C’è una prudenza per marcire e una prudenza per progredire. Sotto il falso nome di prudenza spesso si nasconde la paura, l’accidia e l’incapacità di osare per il trionfo del bene. La vera prudenza ci aiuta a camminare con equilibrio e ponderazione sui sentieri della verità e del bene. Libertà e grazia sono perennemente in gioco. La virtù sottolinea l’impegno personale, il sacrificio di sé e la buona volontà. La grazia è dono da accogliere e far fruttificare. Veramente bella è l’anima che segue la virtù per ispirazione immediata, per inclinazione interiore, quasi mossa dal vento favorevole dello Spirito.
A questo punto irrompe sulla scena la figura monumentale di Immanuel Kant (1724-1804) che considera la virtù come sacrificio di sé contro gli interessi personali e gli egoismi individualistici. Nella sua Critica della ragion pratica, una citazione è particolarmente presente nella memoria di tutti: “Due cose riempiono l’animo di ammirazione e di riverenza sempre nuove e crescenti, quanto più spesso e a lungo il pensiero vi si sofferma, il cielo stellato sopra di me e la legge morale in me”. Una legge interiore incisa nell’anima, un imperativo categorico a cui la volontà deve aderire anche se costa sacrificio e impegno. Il cammino della vita è complesso, ramificato e vario. Occorrono stelle di riferimento affinché il duello tra vizi capitali e virtù, che si consuma in una vera e propria battaglia dell’anima, dopo il drammatico scontro, realizzi un epilogo felice.
Lo storico greco Senofonte nella sua opera Memorabili narra l’aneddoto di “Ercole al crocevia”. Il famoso eroe giunto ad un incrocio si imbatte in due donne che gli suggeriscono di imboccare due strade antitetiche: una si chiama Areté, in greco Virtù, l’altra Kakía, la Malizia. L’antica parabola classica è l’emblema di una vicenda costante in cui tutti svolgiamo il ruolo di attori e testimoni, nel mentre siamo collocati sul crinale della libertà di scelta. Lo scrittore americano Thoureau nel suo romanzo autobiografico Walden osserva, “non v’è un istante di tregua nella lotta tra vizio e virtù”. Gesù esorta: “Siate prudenti come i serpenti e semplici come le colombe” perché viviamo nel mondo “come pecore in mezzo ai lupi” (Mt 10,16). Nell’iconografia la prudenza è rappresentata nel mentre stringe tra le dita una serpe. Il serpente infatti è disposto a perdere anche la veste pur di far salva la testa dove risiede tutta la sua forza. Così il cristiano trova in Cristo-Capo la sorgente d’ogni sicurezza, senza però cadere nella furbizia ma conservando la semplicità di una colomba.
Nella parabola delle vergini stolte, sventate e imprudenti, la prudenza di cinque vergini sapienti, accorte e assennate, squarcia il buio della notte con la luce delle lampade accese nel bel mezzo di una festa nuziale (Mt 25, 1-13). Occorre un pizzico di prudenza per non precipitare nel baratro del fallimento e della sconfitta nel mentre si elaborano progetti edilizi e piani di guerra. Così si esprime Gesù quando narra due casi esemplari: chi vuole erigere una torre si siede prima a elaborare costi e fondi a disposizione per portarla a compimento; un re programma una spedizione militare contro un altro re, vagliando innanzitutto la strategia per contrastare con diecimila uomini chi gli viene contro con ventimila (Lc 14, 28-32). La stessa prudenza occorre per costruire sulla roccia stabile e non sulla sabbia inconsistente (Mt 7, 24-25). San Tommaso d’Aquino, uno dei maggiori pensatori d’Occidente, nella sua monumentale Summa Theologiae, descrive la virtù della prudenza rielaborando una celebre immagine di Platone che nel Fedro parla di una misteriosa biga alata che solca lo spazio. La guida un auriga che regge le redini con pacatezza ma anche con fermezza. La biga è l’anima, la ragione il cocchiere, i cavalli le passioni nobili e i desideri carnali da dominare con prudenza. Per avanzare in modo armonico la prudenza regge l’insieme col suo equilibrio. Sant’Agostino con espressione lapidaria parla di recta ratio agibilium, retta ragione delle cose da farsi, intrecciando così tra loro ragione e azione, intelletto e scelta morale. Dante mette in bocca a San Tommaso le seguenti espressioni: “E questo ti sia sempre piombo a’ piedi,/ per farti mover lento com’uom lasso/ e al sì e al no che tu non vedi” (Paradiso, XIII).
Oggi la prudenza è virtù emarginata. Tutto è affidato all’impulso, all’insofferenza per le regole, ad una libertà senza limiti e confini. Ci si affida all’etica della situazione e non più ai valori permanenti. Dopo la superficiale svalutazione bisogna che gli sciocchi imparino di nuovo la prudenza perché chi ama il pericolo, in esso perisce. Bisogna imitare il re Salomone: “Per questo pregai e mi fu elargita la prudenza (Sap 7,7). Chi agisce con prudenza riscuote successo e con la prudenza si rende salda la propria casa. Così suggerisce il Libro dei Proverbi. Oggi incombe il corteo dei vizi contrari: arroganza, superficialità, sconsideratezza, negligenza, avventatezza e immediatezza istintiva. San Paolo esorta: “Non comportatevi da bambini nei giudizi; siate bambini quanto a malizia, ma uomini maturi quanto ai giudizi!” ( 1 Cor 14,20). La prudenza non ama spettacolarità e clamore ma frena e vince le tentazioni.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.17/ del 7/10/2011)

Nostalgia delle Virtù perdute

Pietro Metastasio nel suo più celebre melodramma pubblicato nel 1724 “Didone abbandonata”, afferma: “Nel mondo o virtù non si trova,/ o è sol virtù quel che diletta e giova”. Il pensiero può essere riportato ai nostri giorni e trascritto nei suoi contenuti senza alcuna rettifica. Infatti, la virtù è divenuta una realtà quasi estinta. Trionfa l’indifferentismo libertino e amorale, tiranneggia lo sfacciato utilitarismo. Però questa è una costante della storia. Otto secoli prima di Cristo il profeta Isaia gridava con sdegno: “Guai a coloro che chiamano bene il male e il male bene, che mutano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che confondono l’amaro col dolce e il dolce con l’amaro” (5,20).
Lo stesso termine “virtù” è snaturato. Molte polisportive si chiamano “virtus”. Il “virtuoso” in musica è l’interprete raffinato. E poi, “virtuale”, da nobile aggettivo filosofico destinato a definire ciò che è in potenza, in contrapposizione a “reale”, si è trasformato in uno dei termini globali dell’informatica, in cui la “virtù” è ormai ridotta a essere una simulazione del reale, di qui “realtà virtuale” e “memoria virtuale”. Lo stesso Cicerone nelle sue “Epistulae ad familiares” ha coniato un motto emblematico: “Virtute duce, comite fortuna”, è bene avere come guida la virtù ma bisogna tenersi ben stretta come compagna la fortuna.
La virtù è deformata utilitaristicamente e si è trasformata nella classica foglia di fico dell’ipocrisia: si moltiplicano ai nostri giorni “vizi privati e pubbliche virtù”. Il manto bellissimo e trapuntato delle virtù sono conclamate nasconde vergogne e corruzione. Sempre a parole si cerca di conciliare “virtù e politica”. A Montecitorio si conserva un bel dipinto settecentesco della scuola di Annibale Carracci, intitolato “Allegoria delle virtù teologali”. Tre donne incarnano con i loro simboli la Fede (calice eucaristico e croce), la Speranza (corona di fiori come prefigurazione dei frutti attesi) e la Carità (elargisce pane agli orfani mentre un pellicano nutre col suo sangue i piccoli). Non so se qualche deputato abbia mai gettato uno sguardo a quel dipinto. Nel 1337 Ambrogio Lorenzetti, affrescando la sala principale del Palazzo Pubblico di Siena, ritenne necessario convocare nella sua mirabile “Allegoria del Buon Governo”, proprio le virtù: Sapienza, Giustizia, Bene Comune ed il corteo delle virtù cardinali (Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza) associandovi anche la Magnanimità e la Pace. Sul capo del Bene Comune occhieggiano le tre virtù teologali: Fede, Speranza e Carità. L’artista era convinto della necessità di mettere almeno sul muro in visione obbligata a governanti e cittadini quell’accolta di figure spesso assenti nel “parterre” della politica e della società.
Per alcune settimane intendiamo in questa rubrica trattare delle virtù, proprio perché queste sono sempre più inaridite o emarginate. Storicamente poi è provato che quando una realtà viene a mancare, si ritorna a sentirne la nostalgia e la necessità. Papa Giovanni XXIII chiamava il settenario classico delle virtù “le sette lampade della santificazione”. Incamminandoci per i sette gradini giungeremo all’apice della carità che secondo san Paolo “di tutte è la più grande” (1 Cor 13). Interpelleremo filosofia, teologia e letteratura per evitare un discorso accademico e rigido. Per chi si recherà al Louvre suggeriamo di cercare in quelle sale il “Trionfo delle Virtù” che Andrea Mantegna dipinse tra il 1499 e il 1502. Qui contempleranno il trionfo del Bene e della Virtù nel mentre cacciano dal loro giardino fiorito i sette vizi capitali: Superbia, Avarizia, Lussuria, Ira, Gola, Invidia e Accidia. Oggi invece si accolgono i vizi e quel che è peggio si giustificano ed esaltano, considerandoli non più debolezze ma prodezze.
Le virtù invece? Dissolte come nebbia di un passato moralistico per dar sfogo al successo sfolgorante raggiunto senza complessi di colpa e senza scrupoli di alcun tipo, con sfacciata spudoratezza, nel nome d’una fasulla libertà. Se la parola virtù oggi è morta o vien ripetuta in modo ironico, noi non possiamo abdicare impunemente alla nostra missione educativa, ne va di mezzo l’identità di genitori ed educatori e soprattutto il futuro dei nostri giovani.

("Benevento — La libera voce del Sannio" n.16/ del 23/9/2011)

Putin è un ignorante, si è un bravo ragazzo, è vero, ma è un ignorante.. e questo è molto pericoloso! ] [ Non si possono mettere sullo stesso piano nazismo e comunismo perché, nonostante "le deformità e le repressioni", lo stalinismo, al contrario del nazismo, "non si è mai posto l'obiettivo di eliminare dei popoli". Lo ha detto Putin riferendosi alla recente decisione del governo di Kiev di vietare simboli e propaganda sia comunisti che nazisti. ] Putin non riuscirà mai a fondare una identità russa ad di fuori del cristianesimo laico, le vere radici della Russia, che, il suo comunismo ha tentato di uccidere totalmente [ se, poi, dobbiamo guardare i 100 milioni di morti civili, in tempo di pace, che, il comunismo ha fatto, noi dobbiamo ammettere, che il Comunismo è stato: 1000 volte peggio del Nazismo ] Ovviamente, il comunismo è così merda fallita, che si è ucciso da solo, perché, anche in Corea del Nord porta le persone a morire di fame, alla paranoia.. alla distruzione del valore intrinseco alla vita umana, esendo una schizofrenia della materia.. quindi, è una ideologia satanica, come tutte, ma, con la aggravante, che, non funzionale, efficace, come il nazismo che è la vera ideologia dei Rothschild 666, Spa, FMI, Bildenberg 322 Bush, cioè, il capitalismo occidentale! Soltanto l'umanesimo biblico ebraico cristiano, da un vero valore universale alla sacralità della vita umana!
Quindi, se volete vivere felici, questa è la mia proposta a religioni ideologie, ecc.. tutti vi dovete lasciare ispirare, umanizzare dai contenuti spirituali della Bibbia!

king Unius Rei

Egitto, si possono espellere gli stranieri gay [ il si possono, non significa che si devono espellere necessariamente! certo se uno si presenta sculettando con le calze a rete.. poi, lui non può essere giustificato! tutti in ogni angolo del Pianeta, tutti dobbiamo avere un maggiore senso del pudore.. e chi Zapatero ha portato l'Occidente nella MERDA? lui si dovrebbe vergognare! PERCHé QUESTO è UN DANNO INESCUSABILE! ] La polizia egiziana ha il diritto di impedire il loro ingresso nel Paese. Lo riferisce il sito del quotidiano egiziano Al Ahram riferendo sull'esito di un ricorso.

king Unius Rei

Rothschild, piattola zecca, verme solitario di un usuraio parassita, sanguisuga, tu preferisci fare la guerra mondiale, piuttosto che, fidarti di me? lo dirò al mio amico #Benjamin #Netanyahu,
 =================
Obama 666 IMF Masons Spa ]] [[ perché, voi non provate a mettere il dito in bocca a me? ] [ Iran marks Army Day with cries of ‘Death to Israel, US’ [[ CALIFFO IMAM OBAMA GENDER IDEOLOGIA, LUI NON SI è MAI SBAGLIATO, PERCHé LA SUA INTENZIONE è QUELLA DI UCCIDERE ISRAELE! ANCHE PERCHé BUSH 322 ROTHSCHILD HA DETTO A LUI: "NOI DOBBIAMO FARE IL NOSTRO CALIFFATO NUOVO ORDINE MONDIALE!" SHARIAH A TUTTI I GOYM.. AMEN ]] [ IRAN ] [ in nessuna parte del mondo, si fa una parata militare e, POI, si dice: "morte a Israele" o "morte a qualcuno", non lo fanno neanche in Cora del Nord che, LORO sono tutti pazzi!
#CIA 322 #Fmi, #SPA GMOS #USA #NATO 666 #NWO #SHARIAH #CALIFFATO ] io lo so [ voi vi state approfittando degli israeliani perché loro sono "troppo buoni", la carne giusta per ingrassare il cannone!
Obama 666 IMF Masons Spa ]] tanto per incominciare  [[ BISOGNA SUBITO CONDANNARE ONU PER ISTIGAZIONE AL NAZISMO GENOCIDIO SHARIAH!
Click here to watch: Iran marks Army Day with cries of ‘Death to Israel, US’
Iran on Saturday marked Army Day with a military parade featuring new weapons systems, as well as a truck carrying a massive banner reading “Death to Israel.” A televised broadcast of the parade was punctuated by repeated cries of “Death to America” and “Death to Israel.” “If Israel makes a mistake,” the announcer on Iran television said during the broadcast, as heavy trucks carrying armored personnel carriers rolled past, “those in Tel Aviv and Haifa will not sleep at night, not one person.” Broadcast on national television, military brass and political leaders, foremost President Hassan Rouhani, attended the procession south of the capital Tehran, which showcased the country’s military technologies. Among the weapons systems paraded past dignitaries was a domestically produced version of the Russian S-300 anti-aircraft missile, the Bavar 373.
Watch Here  Iran marks Army Day with a joint military parade
https://www.youtube.com/watch?v=tthwKnx8xIg
Iran on Friday accused the United States of creating the murderous Islamic State, Boko Haram and al-Nusrah terrorist groups. The commander of Iran’s ground forces, Brigadier General Ahmad Reza Pourdastan, said the US had established these terror groups to harm Islam and bolster Israel’s security. “The ISIL (another name for Islamic State), Boko Haram and al-Nusrah have been created in line with the US strategy of religion against religion, which seeks to impair the divine face of Islam,” Pourdastan said, according to the Iranian Fars news agency. “The American and European people’s high tendency towards Islam and (the necessity for) protection of the Zionist regime’s security have caused the US to create the terrorist groups,” he added, in an address at Tehran University. A senior adviser to Iran’s supreme leader issued similar accusations earlier in the week. Iranian Supreme Leader Ayatollah Ali Khamenei’s top adviser for international affairs, Ali Akbar Velayati, called extremist groups including Islamic State “the protégés of the Americans.” Khamenei himself routinely calls for “Death to America,” even as the US leads world powers in negotiations with Iran on its nuclear program. Talks aimed at reaching a final deal by June 30 are set to resume next week. President Barack Obama on Friday left the door open to meeting Iran’s demand for all sanctions to be lifted on the day the deal takes effect, although the US has hitherto stated that a framework agreement reached in Lausanne earlier this month provides only for phased relief of sanctions as Iran complies with elements of the deal. The Lausanne talks went ahead as a senior Iranian military commander declared that Israel’s destruction was “nonnegotiable.”
Source: Times of Israel
Michael Douglas Isn’t Taking Anti-Semitism Sitting Down..
Iran segna giorno esercito al grido di «morte a Israele, noi
Fai clic qui per guardare: Iran segna giorno esercito al grido di «morte a Israele, noi
Iran sabato contrassegnato esercito giorno con un militare parata con nuovi sistemi di armi, così come un camion che trasportano un enorme banner leggendo "Morte a Israele". Una trasmissione televisiva della sfilata è stata scandita da ripetute grida di "Morte all'America" e "Morte a Israele". "Se Israele commette un errore," il presentatore in televisione l'Iran ha detto durante la trasmissione, come i mezzi pesanti che trasportano truppe blindato rotolato passato, "quelli di Tel Aviv e Haifa non dormire di notte, non una persona." Trasmesso dalla televisione nazionale, ottone militari e leader politici, primo Presidente Hassan Rouhani, ha partecipato alla processione a sud della capitale Teheran, che in mostra tecnologie militari del paese. Tra i sistemi di armi sfilati passato dignitari era una versione fabbricata del missile antiaereo russo S-300, il 373 bavara.
Guarda qui l'Iran celebra la giornata dell'esercito con una parata militare congiunta
https://www.youtube.com/watch?v=tthwKnx8xIg
Iran venerdì ha accusato gli Stati Uniti di creare i gruppi terroristici stato islamico, Boko Haram e al-Terry omicidi. Il comandante delle forze terrestri dell'Iran, brigadiere generale Ahmad Reza Pourdastan, ha detto che gli Stati Uniti avevano stabilito questi gruppi terroristici per danneggiare l'Islam e rafforzare la sicurezza di Israele. "L'ISIL (un altro nome per stato islamico), Boko Haram al-Terry sono stati creati e in linea con la strategia americana della religione contro la religione, che cerca di mettere in pericolo il volto divino dell'Islam," ha detto Pourdastan, secondo l'agenzia di stampa iraniana Fars. "Alta tendenza del popolo americano ed europeo Islam e (la necessità) protezione di sicurezza del regime sionista hanno provocato negli Stati Uniti per creare i gruppi terroristici," ha aggiunto, in un discorso all'Università di Teheran. Un consulente senior per la guida suprema dell'Iran ha emesso accuse simili nel corso della settimana precedente. Il consigliere superiore su iraniana guida suprema Ayatollah Ali Khamenei per gli affari internazionali, Ali Akbar Velayati, chiamati gruppi estremisti, tra cui stato islamico "i pupilli degli americani". Khamenei si chiama ordinariamente per "Morte all'America," anche come gli Stati Uniti conduce potenze mondiali nei negoziati con l'Iran sul suo programma nucleare. Colloqui finalizzati al raggiungimento di un accordo finale entro il 30 giugno sono impostati per riprendere la prossima settimana. Presidente Barack Obama venerdì lasciato la porta aperta a soddisfare la richiesta dell'Iran per tutte le sanzioni da sollevare il giorno che l'accordo entra in vigore, anche se gli Stati Uniti ha dichiarato finora raggiunto un accordo quadro a Losanna all'inizio di questo mese prevede solo sollievo graduale delle sanzioni come Iran è conforme con gli elementi dell'accordo. I colloqui di Lausanne è andato avanti come un alto comandante militare iraniano ha dichiarato che la distruzione di Israele è stata "non negoziabili".
Fonte: Tempi di Israele
Michael Douglas non è prendendo antisemitismo seduta

#gender #pedofilia #poligamia #shariah, #bestialismo #Bush 322 #Angela Dorothea Kasner Merkel, #Bildenberg: "voi in quale bidone di acido solforico, voi avete sciolto la mia amica tedesca MarlaMarlen?"













rimuovi
no! I Said That the Bible is God Himself Made flesh that is, a real Person! Therefore, if you will remain IN THE cards in the middle OF dogmas: etc. .. Standards Requirements THE HOLY SPIRIT IN etc. .. damn you go IN THE HELL! Why: The purpose of your life: and HAVE to report LOVE, in Holy Spirit, ie, true Justice truth, and love, With same Person of Jesus Risen: THAT IS ONE only PERSON true that is, with God Himself, IE LIVING PERSON and not: Of DEATH Sacred Cards, OR DEATH SACRED BOOKS!

shariah LEGA ARABA ] non avete un denaro virtuale Spa come tutti, anche voi? quindi anche voi siete un video di cartone animato, nel video di youtube, che Rothschild può cancellare, in qualsiasi momento! [ IN REALTà, TUTTO IL GENERE UMANO è GIà MORTO!C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!

C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. ESORCISMO: + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!


Funkstaedter1992
Ti ha menzionato, ha commentato:  where is L G, Marla MarlaMarleen now? https://www.youtube.com/user/MarlaMarleen/discussion
 where is L G, Marla MarlaMarleen now? 

Funkstaedter1992
16 apr 2015
 I don't know. I'f no contact since one year.

UniusRei3
16 apr 2015
grazie

UniusRei3
16 apr 2015
you have the exact date, and what is the reason why it is gone MarlaMarleen?
 +UniusRei3
No, sorry i can't answer you question. The last contact ist over one year. She has written on my Youtubecannel. Not more. Sorry dude. :(
 about L G, Marla MarlaMarleen ] [friend, a person who has three names? you might know somehow, to you, whether she was murdered or not?
Please, you do a survey, and tells me some clue. Thank you
 · 

Funkstaedter1992
Ieri alle ore 23:05
+UniusRei3
i don't think that she was killed. o,O

UniusRei3
why? 666 youtube have intimidate her, block her channel, ecc..
as, you know that she alive?
she was my big frind on youtube/user/youtube/discussion 
satanist 
CIA MERKEL have killed her
 UniusRei3 01/04/13 about comment precedent: said: in http://www.youtube.com/user/theyearinreview or http://www.youtube.com/user/youtube said:
@ YOUTUBE 666 google - I demand the destruction of all that, that belongs to the Satanists! because they are criminals, because they have violated so many times this channel of MarlaMarleen, ie, my christian women perfect, then lizard CIA cannibal NATO, intimidated her to death, and to this point, this my German friend, that she does not want to talk to me! pretend that any management of youtube, is subtracted from the Satanists, today!
[ I swear, I will kill you all, ugly beasts of Satan, that you have betrayed your Creator! ] MarlaMarleen posted a comment, @KainD. I do not authorize your comment on my channel. I do not speak Irish nor Galician. But, I can guess what it is. Behave yourself and all is well. Thank you @YouTube: since few days, I can not send private notices. Many thanks, to UniusRei3. The Lord: is with us. @Kain: God loves you, too. Be: thankful for this great gift. [ I swear, I will kill you all, ugly beasts of Satan, that you have betrayed your Creator! ]

If she gave me her address, mail?
She would be alive today, because I am the political project of the King of Israel: Unius REI, the universal brotherhood!

se lei dava a me il suo indirizzo, mail?
lei oggi sarebbe ancora viva, perché io sono il progetto politico del Re di Israele: Unius REI, la fratellanza universale!
12 commenti
+UniusRei3
Why do you think she was killed? I think she have no longer interessting for youtube.
 [ ANSWER ]
TU non puoi dimostrare, la tua ipotesi, cioè, che lei è ancora viva.. mentre, io ho dimostrato, in tutto il mondo, che lei è stata violentata dai satanisti della CIA, in youtube,
infatti, 4 sacerdoti di satana, loro sono utilizzati dal Nwo, contro di me: Unius REI: il Re di Israele la fratellanza universale. quì, noi abbiamo il controllo di tutto internet: attraverso, NSA DATAGATE! quindi: 2 sacerdoti di satana americani: 187AudioHostem, e, IhatenewLayout: poi,
1 sacerdote di satana tedesco Kain..
e, 1. sacerdote di satana italiano (napoli) loro sono sempre con me anche adesso..
io non potevo dire queste cose: a L G, Marla MarlaMarleen perché, io volevo tenere lei: lontana, dal mio ministero politico universale..
ma, io non avrei mai pensato che loro potevano ucciderla..
Lei L G, Marla MarlaMarleen, era troppo brava: troppo potente il suo supporto in mio favore, e loro (CIA satanismo internazionale) loro erano troppo invidiosi
You can't prove your hypothesis, namely, that she is still alive. as, also, I have demonstrated, throughout the world, that she was raped by Satanists of the CIA, in youtube.
in fact, 4 priests of Satan, they are used by the Nwo, against me: REI Unius King of Israel the universal brotherhood. Here, we have control of the entire internet: through, DATAGATE NSA: ie, their super tecnoly! then: Satan's American priests, 2: 187AudioHostem, and IhatenewLayout: then,
German priest of Satan 1 Kain..
and, 1. priest of Satan Italian (Naples) they are always with me even now. also if they are hidden.

I could not say these things: a L G, Marla MarlaMarleen, because I wanted to keep her, away from my universal political Ministry.
but, I wouldn't have thought that, 666 NATO CIA, they could kill her. ..
She L G, Marla MarlaMarleen, was too good: too powerful, were support in my favor, and they (CIA international Satanism) they were too jealous
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]

Benjamin Netanyahu ] no! [ nessuna FINTA alleanza, nessuna garanzia, potrà salvare Israele ( e quindi ogni civiltà Occidentale), se, la shariah non verrà abolita ] QUI SI SOTTOVALUTA IL PROBLEMA! TUTTO IL GENERE UMANO è IN ESTREMO PERICOLO, ECCO PERCHé Nazioni LEGA ARABA IN ONU, rappresentano il Nazismo islamico che ONU diffonde nel mondo!  ... [[ ecco perché quegli squali di farisei usurai, hanno deciso di portare a Satana il genere umano.. quindi devono sostenere il nazismo della Shariah, ecco perché Obama GENDER fa di tutto per rovinare Israele, e fare distruggere la Europa contro la Russia!


Benjamin Netanyahu ] no! [ io verrò in Israele soltanto se, non mi verrà preclusa, anche, la possibilità ESTREMA di poter distruggere tutta la LEGA ARABA, con armi atomiche

 Benjamin Netanyahu ] i massoni USURAI MERKEL FARISEI Occidentali BILDENBERG, stanno portando la Europa alla distruzione [ nessuno di loro, quindi, potrà o AVREBBE IL DESIDERIO DI aiutare Israele, IN CASO DI DIFFICOLTà ] QUINDI ISRAELE SARà AIUTATO DALLA ARABIA SAUDITA, CHE COMBATTERà CONTRO, tutta LA LEGA ARABA PER AMORE SUO.. perché gli USA sono troppo impegnati per combattere contro la CINA!

[mystery of UNIUS REI ] any man thirsty for justice and truth, not could ever find someone like me, better of me, ie, his next best friend, which you can feel better, that, not with me, because my instinct is not to do: the avenger, but to be able to help everyone, to allow him to be reconciled with God Why, human passions (as he says Buddha), are the destructive torment of the soul

Funkstaedter1992 ] This is to protect your life:
Who are you?
I don't want to lose you too!
lorenzo_scarola@fastwebnet.it

Funkstaedter1992 ] [  +UniusRei3.. Naja sie haben aber auch keine beweise das sie umgebracht wurde. Beh, ma anche non si prova che è stata uccisa.  [[ ANSWER ]]
Of course, is as you say, ... This shows that, any democracy in the world was killed by UN shariah Bildenberg Spa IMF, usurers Merkel that our friend: L G, Marla, MarlaMarleen, lost his life for having associated with MERkel, all the 3000 human sacrifices that, are make on the altar of Satan in Germany.
But, if my friend hadn't been killed? YouTube has already offered me proofs of its existence and ...
and the NWO 322 Bush, would offer me the proofs of the existence of the G, Marla MarlaMarleen, because the damage I can do, against Spa IMF 322 NWO, of Satanists NATO of Obama, it is unimaginable!
Also, to me each request is due, and my every question must be answered, why, I represent in political modo, the Kingdom of God on Earth!
OVVIAMENTE, è come tu dici.. questo dimostra, soltanto, che la Democrazia nel mondo è stata uccisa da ONU shariah Bildenberg Spa Fmi, gli Usurai Merkel che la nostra amica: L G, Marla MarlaMarleen,, ha perso la vita, per avere associato a MERkel, tutti i 3000 sacrifici umani che si fanno sull'altare di satana in Germania.
Ma, se la mia amica non fosse stata uccisa? youtube mi avrebbe già offerto le prove della sua esistenza...
ed il NWO 322 Bush, avrebbe offerto a me le prove della esistenza di L G, Marla MarlaMarleen, perché il danno che io posso fare ai satanisti di Obama, è inimmaginabile!
Inoltre, a me ogni richiesta è dovuta, ed ogni mia domanda deve trovare una risposta, io rappresento in forma politica il Regno di Dio sulla terra!
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
 And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

ISLAMICI SHARIAH CULTO LEGA ARABA ONU .. decapitano i cristiani, mentre fanno venire, in Italia, soltanto i musulmani, i quali affogano durante la traversata i cristiani, che, ISIS shariah ha risparmiato ] [ Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni. Lo riferisce il Site. Uno gruppo di rapiti è nelle mani di affiliati dell'Isis nell'est della Libia e l'altro nel sud, ma non è chiaro di chi si tratti. Un miliziano a volto coperto fa un dichiarazione prima delle immagini che mostrano l'uccisione di un gruppo e la decapitazione dell'altro in una spiaggia. C'è il logo del media dell'Isis, al-Furqan.

And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

E COSA faceva questo agente segreto di SIRIA E IRAN ? ie: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
invece di fare l'amico con me: che, io sono il Regno di Dio in forma politica, che io ho impedito il bombrdamento di USA contro Assad, invece,  lui faceva l'amico con i satanisti cannibali di CIA ed NSA, sulla pagina di youtube/user/youtube
ecco perché la vita di tutti i cristiani è sommamente minacciata in tutto il mondo!

Funkstaedter1992 ] [ +UniusRei3 Why do you think she was killed? I think she have no longer interessting for youtube.  [ ANSWER ]
TU non puoi dimostrare, la tua ipotesi, cioè, che lei è ancora viva.. mentre, io ho dimostrato, in tutto il mondo, che lei è stata violentata dai satanisti della CIA, in youtube,
infatti, 4 sacerdoti di satana, loro sono utilizzati dal Nwo, contro di me: Unius REI: il Re di Israele la fratellanza universale. quì, noi abbiamo il controllo di tutto internet: attraverso, NSA DATAGATE! quindi: 2 sacerdoti di satana americani: 187AudioHostem, e, IhatenewLayout: poi,
1 sacerdote di satana tedesco Kain..
e, 1. sacerdote di satana italiano (napoli) loro sono sempre con me anche adesso..
io non potevo dire queste cose: a L G, Marla MarlaMarleen perché, io volevo tenere lei: lontana, dal mio ministero politico universale..
ma, io non avrei mai pensato che loro potevano ucciderla..
Lei L G, Marla MarlaMarleen, era troppo brava: troppo potente il suo supporto in mio favore, e loro (CIA satanismo internazionale) loro erano troppo invidiosi
You can't prove your hypothesis, namely, that she is still alive. as, also, I have demonstrated, throughout the world, that she was raped by Satanists of the CIA, in youtube.
in fact, 4 priests of Satan, they are used by the Nwo, against me: REI Unius King of Israel the universal brotherhood. Here, we have control of the entire internet: through, DATAGATE NSA: ie, their super tecnoly! then: Satan's American priests, 2: 187AudioHostem, and IhatenewLayout: then,
German priest of Satan 1 Kain..
and, 1. priest of Satan Italian (Naples) they are always with me even now. also if they are hidden.
I could not say these things: a L G, Marla MarlaMarleen, because I wanted to keep her, away from my universal political Ministry.
but, I wouldn't have thought that, 666 NATO CIA, they could kill her. ..
She L G, Marla MarlaMarleen, was too good: too powerful, were support in my favor, and they (CIA international Satanism) they were too jealous

    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
Funkstaedter1992 ] This is to protect your life:
Who are you?
I don't want to lose you too!
lorenzo_scarola@fastwebnet.it


Funkstaedter1992 ] [  +UniusRei3.. Naja sie haben aber auch keine beweise das sie umgebracht wurde. Beh, ma anche non si prova che è stata uccisa.  [[ ANSWER ]]
Of course, is as you say, ... This shows that, any democracy in the world was killed by UN shariah Bildenberg Spa IMF, usurers Merkel that our friend: L G, Marla, MarlaMarleen, lost his life for having associated with MERkel, all the 3000 human sacrifices that, are make on the altar of Satan in Germany.
But, if my friend hadn't been killed? YouTube has already offered me proofs of its existence and ...
and the NWO 322 Bush, would offer me the proofs of the existence of the G, Marla MarlaMarleen, because the damage I can do, against Spa IMF 322 NWO, of Satanists NATO of Obama, it is unimaginable!
Also, to me each request is due, and my every question must be answered, why, I represent in political modo, the Kingdom of God on Earth!
OVVIAMENTE, è come tu dici.. questo dimostra, soltanto, che la Democrazia nel mondo è stata uccisa da ONU shariah Bildenberg Spa Fmi, gli Usurai Merkel che la nostra amica: L G, Marla MarlaMarleen,, ha perso la vita, per avere associato a MERkel, tutti i 3000 sacrifici umani che si fanno sull'altare di satana in Germania.
Ma, se la mia amica non fosse stata uccisa? youtube mi avrebbe già offerto le prove della sua esistenza...
ed il NWO 322 Bush, avrebbe offerto a me le prove della esistenza di L G, Marla MarlaMarleen, perché il danno che io posso fare ai satanisti di Obama, è inimmaginabile!
Inoltre, a me ogni richiesta è dovuta, ed ogni mia domanda deve trovare una risposta, io rappresento in forma politica il Regno di Dio sulla terra!
    MyJHWH [♰ CSPBCSSMLNDSMDVRSNSMVSMQLIVB ♰ by UniusRei3]
 And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE:  
http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!


ISLAMICI SHARIAH CULTO LEGA ARABA ONU .. decapitano i cristiani, mentre fanno venire, in Italia, soltanto i musulmani, i quali affogano durante la traversata i cristiani, che, ISIS shariah ha risparmiato ] [ Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni. Lo riferisce il Site. Uno gruppo di rapiti è nelle mani di affiliati dell'Isis nell'est della Libia e l'altro nel sud, ma non è chiaro di chi si tratti. Un miliziano a volto coperto fa un dichiarazione prima delle immagini che mostrano l'uccisione di un gruppo e la decapitazione dell'altro in una spiaggia. C'è il logo del media dell'Isis, al-Furqan.

And what was this secret agent of Syria and IRAN? IE: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
instead of making friend with me: that I am God's Kingdom in political form, which I have prevented the bombrdamento of USA against Assad, on the other hand, he was the friend with the Satanists cannibals of CIA and NSA, against me, on the youtube page/user/youtube
that's why the life of all Christians is supremely threatened worldwide!

E COSA faceva questo agente segreto di SIRIA E IRAN ? ie: http://www.youtube.com/user/SupositoryRepository
invece di fare l'amico con me: che, io sono il Regno di Dio in forma politica, che io ho impedito il bombrdamento di USA contro Assad, invece,  lui faceva l'amico con i satanisti cannibali di CIA ed NSA, sulla pagina di youtube/user/youtube
ecco perché la vita di tutti i cristiani è sommamente minacciata in tutto il mondo!
Benjamin Netanyahu ] i massoni USURAI MERKEL FARISEI Occidentali BILDENBERG, stanno portando la Europa alla distruzione [ nessuno di loro, quindi, potrà o AVREBBE IL DESIDERIO DI aiutare Israele, IN CASO DI DIFFICOLTà ] QUINDI ISRAELE SARà AIUTATO DALLA ARABIA SAUDITA, CHE COMBATTERà CONTRO, tutta LA LEGA ARABA PER AMORE SUO.. perché gli USA sono troppo impegnati per combattere contro la CINA!
 =======
CIA 322 NATO DATAGATE 666 ]] i miei 6120 post, ci sono tutti, ma, la mia matrice del: "copia - incolla", è stata distrutta! NON MI PIACE CHE LE LUCERTOLE VENGaNO A DISTURBARE, ed a manipolare il mio lavoro nel mio http://uniusreixkingdom.blogspot.com/
================

 la indagine giuridica circa: L G, Marla MarlaMarleen, procede in questo modo!
1. lei ha detto che: "Dio ci ha mostrato come il nemico è la MERKEL", e poi, lei non ha messo in riferimento: i sacrifici umani, sull'altare di satana, che, secondo lei sono soltanto, i bambini che nascono in segreto alle femmine dei satanisti, lei non li ha messi, questi sacrifici umani: in relazione con la MERKEL, ha detto soltanto: "e noi sappiamo chi c'è dietro" ma, lei non ha detto chi, eppure: il suo canale è stato bloccato: per qualcosa di scorretto, che, lei avrebbe detto: e lei L G, Marla MarlaMarleen, ha protestato dicendo: "io sono la signora più tranquilla che è in youtube" (e questo è stato il primo blocco formale: che: lei ha subito in youtube) e tutti possono testimoniare, come, dalla sua bocca di perfetta cristiana: soltanto: parole di dolcezza: e di amore, lei poteva dire a chi stava commettendo degli abusi contro di lei!
2. ma, L G, Marla MarlaMarleen, era perfetta politicamente, e perfetta era la sua teologia, era molto autorevole: e molto preparata sul piano culturale.. quindi, lo Spirito Santo ha portato lei da me, ed i satanisti della MERKEL la hanno uccisa sull'altare di satana, ed hanno sciolto il suo corpo nel bidone di acido solforico! ed io dico questo, perché, lei ha continuato a subire del bullismo da youtube, senza nessuna motivazione, e si lamentava che, molte volte era per lei impossibile scrivere articoli, o commenti su youtube.
3. Poiché youtube ha fatto bullismo e violenza contro un santo, un cristiano perfetto come L G, Marla MarlaMarleen,, poi, spetta a youtube l'onere della prova, cioè, di dimostrare a me, se, lei è ancora viva.. perché, loro non possono continuare in eterno, a mettere i filtri ai miei blogger.
4. tanto premesso: la formula giuridica recita: "chi tace acconsente" e finché, la vita di questa perfetta creatura di: L G, Marla MarlaMarleen, non viene dimostrata, come donna vivente, poi, noi dobbiamo ritenere che lei sia stata uccisa dai satanisti della CIA Merkel!
P.S.: nei 200.000 sacrifici umani che la CIA commette, in tutto il mondo, e nei 3000 sacrifici umani, che, la CIA commette, in Germania, io non conteggio mai i bambini delle sataniste, ma, soltanto le persone adulte che spariscono!
the legal inquiry about: L G, Marla MarlaMarleen, proceeds in this way!
1. you said: "God has shown us how the enemy is MERKEL", and then, she did not reference: to human sacrifice on the altar of Satan, that, in your opinion are only, children who are born in secret to females of Satanists, she NOT: put them, these human sacrifices: in relation with MERKEL, he said only: "and we know who is behind" She did not say who yet: but, his channel was blocked BY YOUTUBE 666: for something wrong, that she would say, and she L G, Marla MarlaMarleen, protested saying: "I am the lady that is quieter in youtube" (and this was the first formal block: that: she suffered in youtube) and everyone can testify, as, from his mouth by Christian perfectly. only: words of sweetness: and love, she could tell ALSO, TO who was committing abuses against her!
2. but, L G, Marla MarlaMarleen, was perfect politically, and perfect was his theology, he was very authoritative, and very prepared in cultural terms.. then, the Holy Spirit has led her from me, and MERKEL's the Satanists have slain on the altar of Satan, HER, and dissolved his body in the bin of sulphuric acid! and I say this because, she continued to suffer bullying from youtube, without any justification, and complained that many times was unable to write articles, or comments on youtube.
3. Because youtube did bullying and violence against a Saint, a perfect Christian such as G, Marla MarlaMarleen, then, it's up to youtube, the burden of proof, i.e., to prove to mE, if, she is still alive. because they cannot continue forever, to put the filters to my blogger.
4. both circumstances: the legal formula reads as follows: " he who is silent? consents!!! " and as long as, the life of this perfect creature: L G, Marla MarlaMarleen, is not proven,  as a: living woman, then, we must believe that she was killed by CIA Merkel Satanists!
P.s.: in 200,000 human sacrifices that the CIA commits, worldwide, and in human sacrifices, that 3000, the CIA commits, in Germany, I don't ever count the children of Satanist FEMALE, but, only adults who disappear!

quando: IO vedevo, questo bullismo contro: L G, Marla MarlaMarleen? io ero tranquillo: io non potevo mai pensare, che, i satanisti della CIA potevano uccidere lei..
1. perché, noi nel Governo Massonico Mondiale: di youtube, noi, con lo ex-Direttore di youtube: 187AudioHostem: che, io ho fatto impazzire: ed, io ho fatto licenziare (infatti, lui incominciò a dire: che: lui beveva sangue di porco, ecc..) Noi tutti ci siamo impegnati a: non: ucciderci tra di noi, per permettere la libera circolazione delle idee: che: è: la libertà di parola. Ma questa è stata l'ultima prerogrativa della Democrazia: che: il sistema massonico dei Bildenberg Rothscild Spa Banca Mondiale, farisei: nuovi nazisti, Illuminati hanno ucciso in youtube, e nel mondo: definitivamente la democrazia è morta! perché, google 666, lui ti mette i filtri, ti fa legge dai computer: per illuderti, che le persone, ti possono leggere, ma, tu sei morto, comunque, perché nella realtà, soltanto qualche povera persona senza autorità potrebbe leggerti! TUTTO INTERNET? è PILOTATO, CONTROLLATO DALLA INTELLIGENZA ARTIFICIALE, QUESTA è TUTTA UNA TRUFFA!
2. Poi, io non sono responsabile per tutti i satanisti e gli alieni, che, i miei ministri: i Santi Angeli di Dio possono uccidere... ma, io non sapevo, fino a che punto, quei vigliacchi dei satanisti di: CIA 322 Bush, potevano prendersela, contro, una creatura perfetta E INNOCENTE: come L G, Marla MarlaMarleen.
3. inoltre, il mio ministero politico universale, gioca con Dio e con gli angeli santi SOLTANTO. io non ho bisogno di coinvolgere le persone, nel mio monistero POLITICO, ecco perché, io non ho fatto nulla per incoraggiare L G, Marla MarlaMarleen per stare vicino a me!
4. io non consideravo: come una mia collaboratrice: L G, Marla MarlaMarleen, e io non avevo bisogno di lei, del suo aiuto, ma, i satanisti di Bush 322 Kerry, loro erano invidiosi, pieni di rabbia e di odio, ugualmente, perché contro la sua: bellezza, scienza, ed intelligenza, loro si sentivano la merda di MERKEL l'anticristo di un demonio!
5. Inoltre, il suo amore per me, dalla CIA non poteva essere tollerato, perché, quei falliti patetici, pensavano che, se io fossi rimasto da solo, io mi sarei potuto scoraggiare!
ma, questo scoraggiamento? è ontologicamente, impossibile per me, perché io sono la METAFISICA vivente, la norma ed il giudizio di tutte le cose: Unius REI!
6. se L G, Marla MarlaMarleen, non c'è più, in youtube.. YOUTUBE USA CIA NWO SPA, sono i responsabili DI QUESTO CRIMINE. adesso spetta a loro l'onere della prova di dimostrare A ME, che lei è ancora viva.. perché, per me, PER LA MIA METAFISICA, lei è stata uccisa!

When I saw, this bullying against: L G, Marla MarlaMarleen? I was quiet: I couldn't ever think, that, the Satanists CIA, could kill her. ..
1. why, we in the Government World Masonic: from youtube, we, with the former Director of youtube: 187AudioHostem: that, I did go crazy HIM: and I did lay off (in fact, he began saying that: he drank the blood of pig, etc..) We all are committed to: not: kill us, among ourselves, to allow the free movement of ideas: that is freedom of speech. But this was the last prerogrativa of THE democracy: what: the Masonic system of Bildenberg Rothschild Spa World Bank, Pharisees: neo-Nazis, Illuminati killed in youtube, and in the world: the democracy is dead: FOR EVER! why, google 666, he puts the filters, makes law: TO computer, YOUR POST, to kid yourself, THAT, people, you can read, but, you are dead, anyway, because, in reality, only some poor person without authority could readTO YOU ANTI-NWO ANTI-MASONIC REGIME! THE ENTIRE INTERNET? is piloted, CONTROLLED by artificial intelligence, THIS is all a SCAM!
2. Then, I'm not responsible for all the Satanists and the aliens, who, my Ministers: the Holy Angels of God can kill ... but, I didn't know, to what extent, those cowards of Satanists to Bush: CIA 322, could take it, against a perfect and innocent creature: how L G, Marla MarlaMarleen.
3. in addition, my Ministry universal political play with God and the Holy Angels only. I didn't need to involve WITH ME, people, in my POLITICAL UNIVERSAL MINISTRY, that is why I have not done anything to encourage L G, Marla MarlaMarleen to stand next to me!
4. I'm not considered HER, as my colleague: L G, Marla MarlaMarleen, and, I didn't need her help, but the Bush Kerry 322 Satanists, they were envious, full of anger and hate, too, because against her: beauty, science, and intelligence, they felt MERKEL shit the Antichrist a demon!
5. in addition, his love for me, by the CIA? couldn't be tolerated, because, those pathetic failed LIZARD, they thought, if, I were left alone, I'd be able to discourage ME!
but, this my discouragement? is ontologically impossible for me, because I am living metaphysics, the norm and the judgement of all things: Unius REI!
6. If L G, Marla MarlaMarleen, there's more, in youtube, ... YOUTUBE, USA, CIA NWO SPA, are those responsible for this crime. now it's up to them the burden of proof to prove to ME that, she is still alive. because, for me, for MY metaphysics, she was killed!
==========================
Funkstaedter1992 ] You can prove that L G, Marla MarlaMarleen talked about a year ago with you? as you have stated?
You can prove your statement?
===========================
cazzo Bush 322 Kerry ] [ io sbatterò tutte le vostre lucertole 666, massoni, culto gufo Baal, JabullOn per terra, ad uno ad uno, e mi fermerò soltanto, quando, io vedrò uscire la loro merda del cervello, dalle orecchie!
=========
19 commenti

Funkstaedter1992 +UniusRei3 Schau in mein Kanal.
Guardate in mio canale.


Habe einige Deiner Videokommentare gelesen. Sehr gut, weiter so. Wir haben keinen Grund, nicht zu unseren Wurzeln zu stehen. Patriotische Grüße, Marla
Hanno letto alcuni dei tuoi video commenti. Ottimo, tenerlo. Non abbiamo motivo di non stare dalle nostre radici. Saluti patriottici, Marla [[ answer ]] dopo, poco tempo, quando satanisti CIA hanno ucciso lei, in Germania, hanno preso il controllo del suo canale e hanno detto a suo nome, delle cose, di ipocrisia, che lei mai avrebbe detto... ma, in questi due anni io non ho più trovato sue traccie in Internet! shortly after, when the CIA killed her Satanists, in Germany, have taken control of its channel and they said on his behalf, of things, of hypocrisy, that she never would say ... but, in these two years, I no longer found her tracks in the Internet!

==========
TERRORISMO. Colpi di pistola e decapitazioni a cristiani in Libia, nuovo video orrore dell'Isis TRIPOLI. Un nuovo video dell'Isis minaccia i cristiani e mostra l'uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia con colpi di pistola e decapitazioni.

se, ONU non avesse tradito, i suoi diritti umani, per amore del petrolio. della LEGA ARABA shariah il nazismo? noi oggi, non saremmo in questo, che è il più pericoloso nazismo della Storia! noi non saremmo mai giunti a questo punto, di avere la galassiah jihadista, per il mondo, dei servizi segreti sauditi, per il califfato mondiale! Che anche i musulmani normali si sentono il diritto di uccidere i cristiani, ovunque li trovano, anche sulla barca di clandestini rifugiati che chiede asilo in Italia!

questa terribile tragedia, forse posta in essere per distrarre la attenzione, sta facendo passare sotto silenzio la uccisione di cristiani etiopi rapiti in Libia, e giustiziati, perché cristiani con colpi di pistola e decapitazioni  [ il demonio Rothschild 666 Bush, comanda, su tutti i suoi governi del mondo ] ] 19 APR - "Le bande di criminali che mettono le persone sulle barche, a volte anche sotto la minaccia delle armi, le mandano verso la morte, davvero", ha detto il premier maltese Joseph Muscat alla Cnn, aggiungendo che "e' un genocidio, niente altro che un genocidio". "I nostri militari, assieme alla Marina italiana, stanno letteralmente cercando tra i cadaveri per trovare qualcuno ancora in vita".
 i gay? loro possono vivere soltanto, in una civile evoluta, società ebraico cristiana, MA LORO SPUTANO NEL PIATTO IN CUI MANGIANO, E ci CACANO pure, CON l'intenzione di degradare le radici stesse della nostra società laica, che sono radici cristiane, attraverso il bullismo del loro IMPERIALISMO, quello DELLA IDEOLOGIA DEL GENDER, è così, che loro INDEBOLISCONO LA NOSTRA CIVILTà, ED ASPRONO LA STRADA ALLA SHARIAH NAZISMO Onu OIC LEGA ARABA .. e poi, lo sanno tutti: "i gay odiano Israele!"

[i musulmani sono i sadici. mentre, i cristiani ed israeliani, loro sono masochisti, perché l'anticristo: MERKEL Bush Bildenberg, Spa Fmi 322 Rothschild e il loro massone regime: di POLITICI attori: Obama GENDER: è questo quello che tutti loro vogliono! ] TUTTI GLI EBREI ILLUMINATI, CHE SI diCHIARANO AMICI DI ISRAELE? LORO MENTONO SPUDORaTAMENTE.. E QUESTA NON è UNA QUESTIONE DI SOLDI O DI ARMI, MA, è UNA QUESTIONE DI FARE CALPESTARE DENTRO ONU, TUTTI I DIRITTI UMANI! .. ecco perché i mondialisti NWO, in questo momento, non stanno facendo l'interesse di nessun popolo su questo pianeta! ] [ Judaism's holiest site turned in to capital of terrorism. Hamas Rallies with Impunity on the Temple Mount. Click here to watch: Hamas Rallies with Impunity on the Temple Mount.
Footage from a major Islamist rally on the Temple Mount last week reveals how Muslim extremists are still inciting and glorifying terrorism and openly supporting Hamas with impunity at Judaism's holiest site, despite pledges by authorities to crack down on the phenomena. The rally, which took place after Friday prayers last week at the Al Aqsa Mosque on the Temple Mount, featured masked Islamist extremists waving the green flag of Hamas and holding posters with the faces of terrorist "martyrs" emblazoned on them. In the video above, taken by Muslim demonstrators, protesters can be heard chanting slogans against Israel and Jews in general. Hamas flags and posters praising terrorism and lionizing slain terrorists - many of whom were killed carrying out attacks on Israeli civilians - can also be seen hung prominently around the site, including on the Al Aqsa Mosque itself. The blatant Muslim incitement is all the more astounding given the ongoing blanket ban on Jews from praying at the Temple Mount under pain of arrest, a move made to placate Muslim groups in violation of numerous court orders requiring police to ensure freedom of worship for all religions there. The Temple Movements Joint HQ - an umbrella of activist groups campaigning for Jewish rights on the Temple Mount - condemned the apparent ease with which extremists linked to Hamas are able to operate there. Echoing claims made by other leading campaigners, the group accused the Israeli government of willfully ceding control of the site for political reasons. "The state's control over the Temple Mount has continuously loosened, with instruction from the political leadership, since Operation Protective Edge and the terrorist attacks in Jerusalem, including the shooting of Rabbi Yehuda Glick," the group said in a statement, referring to Israel's 50-day counter-terrorism operation over the summer and the attempted assassination of a veteran Temple Mount campaigner just months after.
Watch Here
Violence in Jerusalem, particularly on and around the Temple Mount, flared up during the summer conflict, fanned by incitement from Hamas and the Palestinian Authority leadership, as well as the Islamic Movement - a Hamas-linked branch of the Muslim Brotherhood which astonishingly still operates legally in Israel despite repeated calls to ban it. Police and outgoing Internal Security Minister Yitzhak Aharonovich were sharply criticized for not taking a firmer hand against the unrest. In particular, organized Muslim harassment of Jewish visitors to the Temple Mount increased dramatically over that period, despite vows by Aharonovich and others to crack down on the Hamas-linked groups responsible. At the same time, however, Prime Minister Binyamin Netanyahu sought to "calm tensions" on the Mount with a flurry of statements, and even a secret meeting, with Jordan's King Abdullah, in which he guaranteed to maintain a ban on Jewish prayer on the Temple Mount. But the Temple Movement claims the government went further still, actively providing support to the Jordanian-controlled Waqf Islamic trust which administers the Mount, and has played a key role in preventing Jewish prayer and destroying priceless Jewish artifacts at the site. The group cited comments reportedly made by Israel's Ambassador to Jordan, Dani Navo, at a recent talk to students at Tel Aviv University. "It's good that the Muslims rule there," it quoted him as saying, as well as: "the announcement [made in 1967 by IDF chief Rabbi Shlomo Goren after the liberation of Jerusalem - ed.] that 'The Temple Mount is in our hands' was a mistake. The Temple Mount is not in our hands." During the talk, Navo reportedly revealed that Israel "gave more resources" to the Waqf to help them consolidate their hold on the Temple Mount, and ostensibly to counter the growing influence from Hamas and the Islamic Movement. "Despite statements by the police that (there will be) one rule for Jews and Muslims alike on the Temple Mount, and that they would not allow any kinds of demonstrations or flag-waving on the Temple Mount, it has become clear specifically on the week of Israel Independence Day, that with instruction from the political leadership the Temple Mount has turned into a hotbed of incitement and terrorism," the statement continued. "While Jews are still arrested there for praying or bowing (in prayer), the Muslims are free to incite, to demonstrate and to educate terrorism." The group added that police-enforced limits on Jewish groups visiting the site had tightened recently following a series of terrorist attacks in Jerusalem - a move it branded "a humiliating surrender to terrorism" - and had reached a point whereby only a few individual Jews are being allowed to visit at a time. Those restrictions reached their peak over the Passover festival, when no more than 40 Jews were allowed to ascend the Temple Mount each day - despite the fact that hundreds of pilgrims were flocking to the site daily. The Temple Movement called to end "the Waqf's reign of terror" by replacing it with a "special Temple Mount authority" to administer the site fairly "as the most important site for the Jewish people," and enable Jews to visit as freely as Muslims current are able to. Source: Arutz Sheva. This Week the Entire State of Israel will Come to a Stop. This is Why.
Luogo più sacro dell'ebraismo trasformata in capitale del terrorismo. Raduni di Hamas impunemente sul Monte del tempio. Clicca qui per vedere: Hamas raduni impunemente sul Monte del tempio
Riprese da un grande comizio islamista il Monte del tempio la scorsa settimana rivela come estremisti musulmani sono ancora incitamento e glorificando il terrorismo e apertamente sostenere Hamas impunemente al luogo più sacro dell'ebraismo, nonostante si impegna dalle autorità per reprimere i fenomeni. Il rally, che ha avuto luogo dopo le preghiere di venerdì la settimana scorsa al Al Aqsa Mosque sul Monte del tempio, ha caratterizzato gli estremisti islamici mascherati sventolando la bandiera verde di Hamas e tenendo i manifesti con i volti del terroristici "martiri" stampati su di esso. Nel video sopra, presi dai manifestanti musulmani, manifestanti si possono sentire scandendo slogan contro Israele e gli ebrei in generale. Bandiere di Hamas e manifesti lodando il terrorismo e lionizing terroristi uccisi - molti dei quali sono stati uccisi portando attacchi civili israeliani - può anche essere visto appeso prominente intorno al sito, compresi Al Aqsa Mosque stessa. L'incitamento palese musulmano è tanto più sorprendente dato il divieto globale in corso sugli ebrei di pregare al Monte del tempio, sotto pena di arresto, una mossa fatta per placare i gruppi musulmani in violazione delle numerose sentenze che richiedono la polizia a garantire la libertà di culto per tutte le religioni ci. Il tempio movimenti Joint HQ - ombrello di gruppi di attivisti una campagna per i diritti dell'ebraici sul Monte del tempio - condannato l'apparente facilità con cui sono in grado di operare gli estremisti legati ad Hamas. Riecheggiando affermazioni fatte da altri attivisti leader, il gruppo accusato il governo israeliano di cedere volontariamente il controllo del sito per motivi politici. "Controllo dello stato sul Monte del tempio ha continuamente allentato, con istruzione dalla leadership politica, dal bordo protettivo di funzionamento e gli attentati terroristici di Gerusalemme, tra cui le riprese di Rabbi Yehuda Glick," il gruppo ha detto in una dichiarazione, riferendosi all'operazione di 50 giorni di lotta al terrorismo di Israele nel corso dell'estate e il tentato assassinio di un veterano Monte del tempio attivista solo pochi mesi dopo.
Guarda qui
Violenza a Gerusalemme, particolarmente sul e attorno al Monte del tempio, divampata durante l'estate, conflitto, alimentata da incitamento da Hamas e la leadership dell'autorità palestinese, così come il movimento islamico - un ramo di Hamas-collegato della fratellanza musulmana che sorprendentemente ancora opera legalmente in Israele nonostante i reiterati appelli a vietarlo. Polizia e in uscita interna sicurezza ministro Yitzhak Aharonovich erano fortemente criticato per non aver preso una mano più ferma contro l'agitazione. In particolare, organizzata molestie musulmana di visitatori ebraici a monte del tempio è aumentato drammaticamente in quel periodo, nonostante i voti, Aharonovich e altri per reprimere i gruppi legati a Hamas responsabili. Allo stesso tempo, tuttavia, primo ministro Binyamin Netanyahu ha cercato di "calmare le tensioni" sul Monte con una raffica di dichiarazioni e persino un incontro segreto, con re Abdullah di Jordan, in cui ha garantito per mantenere un divieto ebraico preghiera sul Monte del tempio. Ma il movimento del tempio sostiene che il governo è andato ulteriormente ancora, attivamente fornendo supporto al Giordano-controllato Waqf Islamico fiducia che amministra il Monte e ha giocato un ruolo chiave nella prevenzione di preghiera ebraica e distruggere manufatti preziosissimi ebraiche presso il sito. Il gruppo citato commenti fatti secondo quanto riferito dall'ambasciatore di Israele a Jordan, Dani Navo, in un recente discorso agli studenti dell'Università di Tel Aviv. "È bene che i musulmani regola lì," lui è citato come dicendo, come: "l'annuncio [realizzato nel 1967 da IDF capo rabbino Shlomo Goren dopo la liberazione di Gerusalemme - ed.] che 'Monte del tempio è nelle nostre mani' è stato un errore. Il Monte del tempio non è nelle nostre mani". Durante il colloquio, Navo secondo come riferito ha rivelato che Israele "ha dato maggiori risorse" per il Waqf per aiutarli a consolidare la loro presa sul Monte del tempio e apparentemente per contrastare la crescente influenza da Hamas e il movimento islamico. "Nonostante le dichiarazioni della polizia che (ci sarà) una regola per ebrei e musulmani sul Monte del tempio, e che non permetterebbe alcun tipi di dimostrazioni o sventolano sul Monte del tempio, è diventato chiaro in particolare sulla settimana di giorno di indipendenza di Israele, che con l'istruzione dalla leadership politica il Monte del tempio ha trasformato in un covo di incitamento e terrorismo"l'istruzione continua. "Mentre gli ebrei sono ancora arrestati per pregare o incurvamento (nella preghiera), i musulmani sono gratis per incitare, per dimostrare e per educare il terrorismo." Il gruppo aggiunto che la polizia-imposto limiti di gruppi ebrei visitando il sito avevano stretto recentemente seguendo una serie di attacchi terroristici a Gerusalemme - una mossa "un'umiliante resa al terrorismo" - di marca ed aveva raggiunto un punto per cui solo pochi singoli ebrei sono permesso di visitare in un momento. Tali restrizioni ha raggiunto il loro picco sopra il festiva di Pasqua
================
Benjamin Netanyahu ] [ cosa tu puoi leggere nei libri di storia? [ gli islamici non si fermeranno, perché, nessuno di loro può farlo, l'Islam per loro è una ideologia compulsiva e satanica.. colui che si ferma viene dichiarato traditore e viene ucciso! [ TU NON DEVI DIMENTICARE DI COME LORO (TUTTA LA LEGA ARABA) loro HANNO RIMPROVERATO LO EGITTO, PER AVERE VENDICATO I CRISTIANI SGOZZATI IN LIBIA ] gli islamici si possono fermare soltanto, se loro subiscono un massacro spaventoso! ECCO PERCHé LA ALLEANZA CHE LA ARABIA SAUDITA TI STA OFRENDO è FALSA!

Benjamin Netanyahu ] [ la vita degli islamici, non può essere salvata, attraverso, la comprensione, la logica, il buon senso, perché loro sono dogmatici, maniaci religiosi, la loro cultura e la loro conoscenza? sono false! L'ISLAM CORANICO, è COSì PERVERSO, IPOCRITA, CHE SENZA TERRORE, OMICIDI, VIOLAZIONE DEI DIriTTI UMANI, ESALTAZIONE DEL MALE MALEFICO, DI PEDOFILIA POLIGAMIA, RIDUZIONE IN SCHIAVITù DEI DHIMMI, QUESTO ISLAM BLASFEMO SHARIA? CROLLEREBBE, NON POTREBBE SUSSISTERE! ] NON C'è NULLA CHE TU PUOI FARE PER IMPEDIRE IL LORO MASSACRO, il loro tempo, QUELLO della storia? si è fermato al 1400 d.C., ecco perché loro non possono più smettere di fare gli assassini, ECCO PERCHé LA LORO TEOLOGIA è QUELLa DELLA SOSTITUZIONE, quindi il genocidio è funzionale sistemico nella LEGA ARABA.. quando i farisei Illuminati, gli adoratori del dio gufo: Baal. loro i più grandi specialisti massoni, di ingegneria sociale della storia, loro hanno creato: nazisti comunisti ed islamici? loro sapevano tutto questo!

Benjamin Netanyahu ] [ fin dal principio, erano contro: Mosé, Salomone, Gesù,, i farisei hanno sempre combattuto contro, la Bibbia, contro, il cristianesimo, e quindi hanno fatto il TALmUD SATANICO, ed in chiave anticristiana, hanno creato tutte le cose, anche la teoria della evoluzione, che, dopo 150 anni, non potrebbe mai più essere qualcosa di vero! PERCHé NON ESISTE IL 90% di fossili di transizione.. quindi, non potrebbe esistere neanche, nessun vero fossile di transizione!Benjamin Netanyahu ] l'ISLAM SHARIAH è satanismo, non può avere diritti umani! il delitto, il genocidio, il nazismo dogmatico, la lussuria, la predazione è la sua sola ragione di esistere! Apostasia e blasfemia il suo solo ambito teologico!